Jazzitalia - Articoli: Quattro chiacchiere con...Francesco Diodati
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Quattro chiacchiere con...Francesco Diodati
febbraio 2013
di Alceste Ayroldi

Francesco Diodati NekoFrancesco Diodati NekoFrancesco Diodati NekoFrancesco Diodati NekoFrancesco Diodati Neko

Francesco, lei non è un jazzista che si è fatto strada all'ombra dei "big" del jazz italiano, ad eccezione delle sue collaborazioni estemporanee con alcuni come Enrico Intra, Ada Montellanico, Bobby Previte, Enrico Rava, Jim Black. Si è imposto nel panorama jazzistico per la sua tecnica e per il suo talento compositivo. Per lei è stata una soluzione più facile o difficile? Una scelta "di vita" oppure obbligata?
Credo sia un misto di casualità e attitudine personale; mi è sempre piaciuto confrontarmi con la composizione e creare dei progetti, gruppi con cui portare avanti un discorso musicale approfondito. Non so se è più facile o difficile: è ciò che mi risulta più naturale. Certo, mi piace anche collaborare, e tutte le collaborazioni citate sono uno stimolo enorme. Inoltre faccio parte di gruppi come il trio di Marcello Allulli, i Floors di Roberto Cecchetto, i Travelers di Matteo Bortone, i POV di Alessandro Paternesi, tutti progetti dal respiro collettivo.

Chi le ha detto o consigliato di dedicarsi alla chitarra?
Il mio medico...

Il suo sound è contaminato da altre musiche. Quali sono le sue influenze musicali?

Tante. Ogni giorno scopro qualcosa di nuovo bellissimo e stimolante, e riscopro vecchie conoscenze. C'è così tanta musica e così tanti spunti, idee. Giusto poco tempo fa ho incontrato Nguyen Le presso l'Ankara Jazz Festival, dove abbiamo suonato con Neko. Nguyen prende elementi africani, indiani, asiatici e li mescola in modo veramente personale. Mi appassionano le musiche di questi continenti lontani, ma allo stesso tempo sono affascinato dalla musica contemporanea, dal rock e dal jazz in tutte le sue forme. Insomma, è difficile rispondere in modo esaustivo a questa domanda.

Leggo che possiede anche una laurea in Statistica Economica. Resterà sempre nel cassetto?
E' stata una bella esperienza, una specie di vita parallela, visto che procedeva di pari passo con la musica. Sono ancora in contatto con alcuni professori, vengono a sentirmi ai concerti! Per questo non mi piace considerarlo come qualcosa di archiviato: è un' esperienza che mi porto dentro e che sicuramente fa parte del percorso fatto fin qui.

Per caso i suoi studi universitari specifici influenzano anche il suo pensiero compositivo?
Forse in modo inconscio. D'altra parte matematica e musica non sono mondi così distanti.

Quando pensa sia avvenuto il giorno della sua svolta? In pratica, in quale momento ha capito che la sua figura professionale si era affermata (o ciò stava accadendo)?
Ad essere sincero, non mi sento "affermato"…vivo la musica e gli impegni giorno per giorno, e ho ancora tanta strada da fare. Mi concentro sul percorso e sui compagni con cui condividere questa lunga ricerca. Allo stesso tempo sono contento che la mia musica inizi a essere più conosciuta e che generi reazioni negli ascoltatori.

C'è una persona, tra tutte, a cui vorrebbe dire grazie? Perché?
Sarà banale, ma la mia famiglia sicuramente.

Francesco Diodati Neko come e perché nasce? Con quali obiettivi?
Francesco Bigoni, Francesco Ponticelli e Ermanno Baron sono musicisti e persone eccezionali, e alla prima occasione li ho messi tutti sullo stesso palco (anzi nella stessa saletta prove). All'epoca, nel 2007, avevo concluso l'esperienza con il mio quintetto e volevo restringere l'organico a quartetto. Con gli anni il gruppo è davvero cresciuto sia musicalmente che a livello di coesione umana e spero continui così, sto già scrivendo materiale per il nostro terzo disco! Il tour di presentazione del nuovo album "Need Something Strong" è andato molto bene, e recentemente al festival jazz di Ankara ci hanno accolto con grande entusiasmo. A Maggio saremo a Correggio per Crossroads e spero che ci siano ancora tante occasioni per riunire il gruppo nei prossimi mesi, l'obiettivo ora è far conoscere Neko in Italia e all'estero.

Neko=gatto. Perché si sente un gatto?
Non mi ci sento, anzi sono allergico ai gatti; però mi piacciono. Sono indipendenti, furbi, ma affettuosi. Il nome è una casualità - ai tempi leggevo molta letteratura giapponese -, ma poi, avendoci portato fortuna, l'abbiamo tenuto.

"Need Something Strong" arriva dopo "Purple Bra" (2010). Cosa ritiene ci sia di nuovo nel sound del suo gruppo? Come si è evoluto?
Mi riesce difficile parlare del disco in questi termini, ancora non riesco ad avere un atteggiamento distaccato. Sicuramente posso dire che dopo più di due anni ognuno di noi ha fatto il suo percorso, sia individualmente, sia all'interno del gruppo, e questo credo si senta. Lavoriamo molto in modo collettivo sugli arrangiamenti dei brani, e li abbiamo sviscerati prima di arrivare alla registrazione. E' un processo molto bello, soprattutto con musicisti così aperti e disponibili. Anche la tavolozza timbrica è più' ampia, con l 'aggiunta del basso elettrico e l'uso di effetti. In più' Gabriele Ballabio e Roberto Lioli dello studio Entropia già ci conoscevano dalla registrazione di "Purple Bra" e hanno contribuito a rendere il suono ancora più' reale e ricco, e sono entusiasti quanto noi del gruppo e del nuovo disco!

Lei dedica particolare attenzione all'improvvisazione. Come la descriverebbe?
Inaspettata, rischiosa. Cerco di eliminare ogni pensiero prestabilito in termini di idee. Mi spiego meglio: nel momento che precede il suonare è facile pensare di introdurre un'idea a priori, con la quale (pensare di) fare un percorso abbastanza prestabilito in modo razionale; tutto ciò però toglie spontaneità all'esecuzione, oltre al fatto che sarà difficile ottenere il risultato che ci si aspettava. Quindi cerco di togliere dalla testa questo pensiero meccanico, anche se non è facile. Lo stesso vale per l'esecuzione dei brani, che sono sempre diversi ad ogni concerto. E' un lavoro individuale ma anche molto collettivo.

Nel quartetto, il suo alter ego è Francesco Bigoni?
Siamo tutti alla pari, Neko è un gruppo con una matrice fortemente collettiva.

Ha mai pensato ad una evoluzione in quintetto o addirittura in un ensemble più ampio?
In pratica già esiste, anche se il concetto non è esattamente quello di Neko allargato: gli Auanders, il gruppo messo in piedi da Marco Valente, annovera noi quattro più Bearzatti, Partipilo, Lento, Scardino e Pierantoni. Abbiamo iniziato a lavorare su arrangiamenti di brani scritti e arrangiati da tutti noi, tratti per lo più' dagli album incisi per l'Auand, in occasione dei concerti a Bari e Pisa a settembre dello scorso anno. C'è un cd live in uscita tratto da quei concerti e presto una registrazione in studio.

Delle poche cover Monk ci sta tutto. Ma i Nirvana? Perché proprio loro? Si sente vicino alla filosofia di vita e musicale di Kurt Cobain?
Se un pezzo mi piace non faccio distinzioni. E' jazz, non è jazz, le etichette non mi interessano. Se sento che un brano "suona Neko" ci lavoro su, lo stesso è stato per "So Real" di Jeff Buckley sul primo disco.

Il suo musicista preferito…
Troppo difficile.

Il suo pittore o scultore preferito...
Paul Klee. Ma ce ne sono tanti altri.

E, già che ci siamo, il suo scrittore preferito...
Ancora più' difficile! Ho trovato molto interessante un saggio di Boulez su Paul Klee.

Oggi il suo orecchio musicale in quale direzione geografica cade?
Mi viene in mente l'immagine che appare sui siti delle compagnie aeree cliccando sulla mappa. Linee curve che vanno in tutte le direzioni.

Di lei, i più, dicono che sia un chitarrista d'ispirazione contemporanea. Lei si ritiene, anagrafica a parte, contemporaneo? Nelle corde della sua chitarra, però, mi sembra di ascoltare anche qualcos'altro…
Ascolto e studio musica che va dal 1700 in poi. Inoltre, pensandoci bene, il contemporaneo non nasce dalle ceneri dell'arte precedente. La mia opinione è che sia un continuum in cui elementi appartenenti a epoche diverse si mescolano in continuazione, dando vita a forme nuove d'arte.

Con l'estero come va? E' riuscito ad affermarsi anche altrove?
Da anni frequento assiduamente la scena parigina - sperimentando anche i lunghi e stravaganti viaggi notturni in treno! - dove ho dei progetti e collaborazioni; ho avuto l'occasione di frequentare New York tramite una borsa di studio, e tramite la Fondazione Siena Jazz ho fatto programmi di scambio con Francia, Boston e ancora New York. Inoltre collaboro con il progetto MyanmarMeetsEurope, insieme a musicisti tedeschi, francesi e Birmani. A gennaio siamo stati invitati a suonare i Birmania…un'esperienza incredibile. Con Neko abbiamo suonato negli Stati Uniti, Irlanda, Turchia e siamo sempre stati accolti con grande calore e recensioni entusiastiche; mi auguro che queste occasioni siano sempre più numerose in futuro.

E' vero che in Italia lo spazio per i jazzisti nostrani è sempre più ristretto?
Gli spazi ci sono, spesso però manca la curiosità e si preferisce investire sugli americani a discapito dei musicisti italiani e europei. E' un vero peccato e non dà giustizia a una scena fresca, originale e in continuo fermento; ci sono tante realtà' poco conosciute in Italia e non è un caso che molti di noi si creino degli spazi autogestiti; penso al collettivo Agus qui a Roma, a Franco Ferguson, e al Gallo Rojo, solo per citarne alcuni.

Una domanda tanto classica, quanto dovuta: i suoi programmi futuri?
Il terzo cd con Neko, un nuovo gruppo con cui esplorare mondi sonori differenti, il secondo album con il M.A.T. (Marcello Allulli Trio), nuove collaborazioni all'orizzonte e tanti chilometri.






Articoli correlati:
23/07/2017

Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017: "Dedicata agli artisti del Benelux la XXXV edizione del festival altoatesino che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli." (Vincenzo Fugaldi)

18/09/2016

What Is This All About? (João Lencastre's Communion)- Niccolò Lucarelli

11/09/2016

Borderlands (William Tatge + Last Call)- Enzo Fugaldi

20/08/2016

Südtirol Jazz Festival Alto Adige 2016 - "New Sounds - Fresh Perspectives": "Il festival altoatesino prosegue nel suo lodevole intento di coinvolgere l'intero territorio della Provincia, dedicando l'edizione principalmente all'incontro fra musicisti della vicina Austria e musicisti italiani." (Vincenzo Fugaldi)

08/08/2016

Chaos Magnum (Forefront)- Enzo Fugaldi

08/08/2016

Newswok (Giancarlo Tossani Synapser + Ralph Alessi)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Wild Dance (Enrico Rava Quartet)- Alceste Ayroldi

15/05/2016

Soundtrack Cinema (Mirko Signorile)- Niccolò Lucarelli

15/05/2016

Trentacinque (Simone Graziano)- Gianni Montano

03/01/2016

T-Duality (Ananda Gari)- Niccolò Lucarelli

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

23/08/2015

Ellipses (Francesco Ponticelli)- Gianni Montano

13/07/2015

Singular Curves (Swallow - Talmor - Nussbaum)- Niccolò Lucarelli

26/04/2015

Tricatiempo (Stefano Costanzo)- Gianni Montano

12/01/2015

Pleasures (poLO)- Gianni Montano

07/12/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Marco Valente, Auand: "A livello creativo lo stato di salute è eccellente. Il livello dei demo che ricevo si è alzato notevolmente negli ultimi anni..." (Alceste Ayroldi)

12/10/2014

Ipso Facto (Edge)- Nina Molica Franco

09/08/2014

Brooks (Cristiano Arcelli)- Valeria Loprieno

06/07/2014

Fried Generation (MOF)- Monica Mazzitelli

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

07/01/2014

Frontal (Simone Graziano)- Enzo Fugaldi

07/01/2014

The Framers (Phil Mer, Andrea Lombardini)- Enzo Fugaldi

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

22/09/2013

My Own Experience - The Music Of Jimi Hendrix (Antonio Jasevoli Tie Trio Feat. Antonello Salis)- Enzo Fugaldi

08/09/2013

Enter (Bad Uok)- Enzo Fugaldi

25/08/2013

From Time To Time (Emanuele Maniscalco)- Enzo Fugaldi

18/08/2013

Travelers (Matteo Bortone)- Alceste Ayroldi

09/06/2013

Dedicato (Alessandro Paternesi P.O.V. Quintet)- Roberto Biasco

10/03/2013

Israel Varela 4et: "Il quartetto, grazie alla sua energia e al suo spiccato gusto per la contaminazione, ha così aperto brillantemente la nuova stagione jazzistica al 'La Sosta'." (Francesco Favano)

14/01/2013

In Between (Eugenio Macchia)- Vincenzo Fugaldi

18/11/2012

Suono Di Donna (Ada Montellanico)- Roberto Biasco

15/10/2012

If Not - Omaggio A Mario Schiano (Angelo Olivieri, Alipio C Neto, Doppio Trio Progetto Guzman)- Gianni Montano

07/10/2012

Genesi (Giovanni Francesca) - Alceste Ayroldi

30/09/2012

Silentium (Francesco Negro Trio)- Enzo Fugaldi

06/11/2011

Living in a movie (Eugenio Macchia) - Enzo Fugaldi

22/10/2011

Le Vie Del Pane E Del Fuoco (Ettore Fioravanti) - Andrea Gaggero

22/10/2011

Ecce Combo (Alfonso Santimone Laser Pigs) - Andrea Gaggero

27/09/2011

Paroximal Postural Vertigo (Walter Beltrami) - Cinzia Guidetti

11/07/2011

Newsreel (Ohad Talmor)- Enzo Fugaldi

02/05/2011

Elegy For The Punk Movement (Orange room)- Gianni B. Montano

25/07/2010

Six Dances Under (Antonio Borghini & Malebranche)- Vincenzo Fugaldi

26/04/2010

Nesso G (Nesso G)- Gianni B. Montano

24/04/2010

...Ma io ch'in questa lingua (Chant Trio)- Elio Marracci

12/04/2010

Il progetto "Jazz in The Air" del Marilena Paradisi Quartet all'Alaexanderplatz di Roma: "L'omaggio al jazz d'autore viene rivisitato in modo originale e secondo arrangiamenti personali e di moderno sentire, un'attenta rilettura di standards..." (Fabrizio Ciccarelli)

10/04/2010

Pan Atlantic (Bobby Previte)- Paolo Incani

14/03/2010

Welcome (Piero Delle Monache) - Alceste Ayroldi

06/03/2010

Pop Gossip (Osmiza) - Luca Labrini

06/02/2010

Purple Bra (Francesco Diodati Neko)- Enzo Fugaldi

05/01/2010

Off-Site Meetings (Giulio Corini Libero Motu) - Enzo Fugaldi

12/12/2009

Coming Tomorrow (Gianluca Petrella Cosmic Band) - Alceste Ayroldi

09/11/2009

Playing in traffic (Swallow/Talmor/Nussbaum) - Laura Mancini

19/10/2009

Non solo parole confuse (Tiziana Bacchetta) - Alceste Ayroldi

11/10/2009

Blog (Antonello Sorrentino s.t. Quintet) - Giuseppe Mavilla

05/09/2009

The Age of Numbers (Emanuele Cisi) - Fabrizio Ciccarelli

03/08/2009

Eco Fato (Quilibri') - Fabrizio Ciccarelli

06/06/2009

No leader (Nelide Bandello / Leibniz)

06/04/2009

Big Guns (Previte / Petrella / Salis)

15/02/2009

I like too much (Partipilo/Okazaki/Weiss)

22/06/2008

Downtown (Roberto Cecchetto)

23/02/2008

A24 (A24)

28/01/2007

Coherent deformation (Giancarlo Tossani Synapser)

28/01/2007

Stolen Days (Francesco Bearzatti Sax Pistols)

01/10/2006

Live in Dublin (Arguelles - Guilfoyle - Black )

27/08/2006

Radio 3 Sessions (Domino Quartet)

27/08/2006

It's mostly residual (Cuong Vu Trio + Bill Frisell)

22/01/2005

Beauty Is a Rare Thing (Giancarlo Tossani Synapser)

06/12/2004

Hope (Bizart Trio)

01/08/2004

MA.RI. (Paolo Angeli - Antonello Salis)

03/11/2003

A Small Madness (Dave Binney - Jeff Hirshfield)

05/10/2003

Trinkle Trio (Paolo Sorge)

12/04/2003

Virus (Francesco Bearzatti Trio)

15/10/2001

In anteprima assoluta, X-Ray, il nuovo attesissimo CD di Gianluca Petrella. Ascoltalo e prenotalo subito!





Video:
"Search for life" / "Round trip", Ornette Coleman Ensemble. "InJazz" Summer Clinics 2009. (2/2)
Concerto finele dei seminari estivi InJazz 2009. Ornette Colemn Ensemble diretto da Marcello Allulli. Fabriano (AN). www.injazz.it - info@injazz.it - ...
inserito il 14/10/2009  da bettabu - visualizzazioni: 3584
Ornette Coleman Ensemble - Injazz Summer Clinics 2008
L'ensemble, diretto dal sassofonista Marcello Allulli, esegue durante il Concerto Finale dei Seminari Estivi Injazz svoltisi a Fabriano nel luglio 200...
inserito il 26/09/2008  da quantumjazzreloaded - visualizzazioni: 2649


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 8.752 volte
Data pubblicazione: 17/03/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti