Jazzitalia - Articoli: Intervista a Franco Cerri (2005)
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Franco Cerri
(rilasciata a Milano il 20 dicembre 2005)
di Marco Vitali

Vorrei cominciare se non le dispiace da un argomento a me molto caro. Vorrei sapere che tipo di chitarre ha usato durante la sua carriera?

Inizialmente suonavo con quello che capitava perché non vi era una grande scelta. Ho iniziato a strimpellare con una chitarra da 78 lire portatami a casa da mio padre quando avevo circa 16 anni. Ho suonato poi con due o tre chitarre artigianali fatte da liutai ma queste non mi hanno mai soddisfatto troppo. Volevo un chitarra con una tastiera comoda e un action (altezza delle corde dal manico) bassa affinché la pressione sulle corde mi risultasse agevole e non mi limitasse nella velocità dell'esecuzione. Nel 1961 il negozio Monzino ha iniziato ad importare Gibson e da questo momento in avanti ho sempre usato questo tipo di chitarre fantastiche. Ho comprato la mia prima Gibson ES-175 natural a rate nello stesso anno pagandola 200.000 lire. Ho dato poi questa chitarra a mio figlio non in regalo perché ritenevo che una Gibson come prima chitarra fosse un po' troppo. Purtroppo questa chitarra è tornata a me dopo la morte di mio figlio. Lui aveva cominciato con la chitarra ma poi è diventato un bassista. Abbiamo suonato molto anche insieme. Successivamente fu lo stesso negoziante che mi regalò le chitarre. Jim Hall, Franco Cerri, Geroge Benson - Milano, novembre 1967Facevo molta televisione e potevo fare al negozio pubblicità. Pian piano sono diventato molto amico di Monzino che oggi non ha più il negozio ma una grande ditta di strumenti musicali appena fuori Milano. Il negoziante man mano che uscivano i nuovi modelli riprendeva indietro il vecchio e mi dava il nuovo. Non sono mai stato un collezionista di chitarre al massimo ne avrò avute tre. Ne avevo infatti tre quando sono venuti a trovarmi nella mia casa di Milano Jim Hall e George Benson e grazie a queste abbiamo fatto una magnifica jam session fino alle sei del mattino. Mia moglie in quell'occasione ci ha preparato una magnifica spaghettata. Li avevo conosciuti a New York subito dopo la mia esibizione alla Philharmonic Hall. Era il 1966. Erano venuti in Europa nel 1967 per suonare insieme a Barney Kessel al festival jazz di Lecco. Suonavano tutti e tre nello stesso gruppo che aveva suscitato un enorme successo. Suonammo senza amplificatori visto la tarda ora e devo dire che ci siamo divertiti molto e abbiamo fatto dell'ottima musica. A turno uno accompagnava, uno faceva il solo e il terzo interveniva con delle brevi frasi armoniche o melodiche. Suonammo Corcovado, On Green Dolphin Street e I remember you oltre che a molti blues e standard. Alla fine della serata riaccompagnai i miei due amici all'aeroporto perché dovevano partire per la Germania. Jim ancora oggi quando ci sentiamo mi fa presente di non aver dimenticato quella serata. Doveva venire anche Berney Kessel ma aveva mangiato del pesce poco fresco a cena e non è stato bene. Ora suono nei concerti con una L5 e tengo nella scuola dove insegno la ES 175 (la prima chitarra acquistata).

Sempre rimanendo nella parte specifica alla sua strumentazione, ha avuto delle preferenze per quanto riguarda gli amplificatori?

Inizialmente non vi erano amplificatori le chitarre venivano suonate in modo acustico. Mi ricordo che una volta Kramer mi disse di fare un solo durante il brano polvere di stelle che dovevamo eseguire. Era il periodo successivo alla seconda guerra mondiale. Io ho dovuto alzarmi durante il pezzo, prendere la chitarra con una mano la sedia con l'altra ed andare al microfono del direttore. Ho messo la gamba sopra la sedia vi ho appoggiato la chitarra ed ho messo il microfono quasi dentro la cassa armonica. Il suono era da arresto ma era l'unico modo per poter farmi sentire. Gli amplificatori sono venuti dopo. I primi furono i Gibson. Si suonava comunque con quello che capitava. Mi ricordo che non vi era ancora il jack per collegare la chitarra all'amplificatore ma, il geloso. Il filo aveva una parte da avvitare all'amplificatore e vi era una pastiglia da inserire sotto le corde della chitarra. Anche Django usava la stessa cosa quando abbiamo suonato insieme. Erano comunque oggetti delicati che si rompevano spesso e i musicisti dovevano anche spesso improvvisarsi come saldatori ed elettricisti. Ricordo che una volta suonavamo con Kramer in una base Americana nel sud Italia ed uno dei militari ubriaco venne a dirmi se volevo acquistare un amplificatore. Costava nove mila lire. Era molto piccolo, aveva una presa per la corrente e una pastiglia che doveva essere collegata con un elastico alla chitarra. Io e gli altri componenti del gruppo rimanemmo a bocca aperta dopo averlo sentito e grazie a Kramer che mi prestò i soldi acquistai l'oggetto. Restai tutta la sera a fare degli assoletti con Kramer e gli altri componenti del gruppo che restarono ad ascoltarmi entusiasti. Purtroppo il giorno seguente lo stesso militare venne da me dicendomi che non si poteva acquistare nulla dall'esercito e mi sequestrò l'amplificatore senza ridarmi i soldi. Io piansi come un bambino e solo dopo venni a sapere che lo stesso gioco fu fatto in altri posti per prendere dei soldi. Fortunatamente Kramer che era un amico non mi richiese indietro il denaro che mi aveva prestato. Questo fu il primo amplificatore della mia vita. Riallacciandomi alla domanda non vi è una marca di amplificatori che preferisco. Credo comunque che Fender e Gibson hanno fatto con il tempo delle cose eccezionali.

Cambiando completamente il genere di domanda, vi era rivalità tra i vari musicisti?

No assolutamente visti i tempi davvero difficili ci si aiutava molto. Soprattutto durante la mia permanenza nella band di Kramer sono stato davvero bene e mi sono trovato in ottima sintonia con gli altri componenti. Ci si aiutava molto nei momenti difficili e si condivideva tutti insieme nelle situazioni piacevoli. Era nello stesso periodo che ho iniziato a scoprire le ragazze e mi ricordo che Kramer mi rimproverava sempre perché diceva che dovevo studiare. Ho abitato con lui nello stesso appartamento e nonostante i 13 anni che ci dividevano abbiamo instaurato un rapporto di fratellanza. E' stato davvero uno dei periodi più belli della mia vita. Oltre a divertirmi sono cresciuto molto sotto il profilo musicale e soprattutto umano. Ho imparato a comportarmi in luoghi e situazioni per me del tutto nuove. Fortunatamente sono una persona timida e riservata e questi aspetti del mio carattere hanno fatto si che rimanessi sempre sulla difensiva e non ho mai fatto delle brutte figure. Ero una che si definisce un ragazzo alla ringhiera.

Quali sono i chitarristi italiani che apprezza di più?

In Italia oggi ci sono dei chitarristi incredibili. A volte sento suonare gente che mi fa davvero impazzire. Il livello si è alzato moltissimo. Prima non vi erano metodi o scuole dai quali apprendere delle nozioni, invece oggi è molto più facile imparare. Prima era difficile reperire dischi jazz o partiture di brani. Chi studia oggi da autodidatta come ho fatto io è poco geniale. Quelli che adesso citerò sono solo alcuni nomi che mi vengono alla mente in questo momento ce ne sono molti altri. Gigi Cifarelli, Sandro Gibellini che forse è il numero uno in Italia, Augusto (Mimmo) Mancinelli che purtroppo ultimamente ha avuto un aneurisma (ndr. Mancinelli è deceduto il 21 luglio 2008), Bebo Ferra e Riccardo Bianchi anche lui bravissimo e un grande lettore. Alcuni di loro sono allievi di Felice (Filippo) Daccò un grande chitarrista che però copiava totalmente i soli di altri chitarristi per paura che i suoi non fossero altrettanto belli. Fortunatamente riusciva a fare suoi anche i soli copiati e ad eseguirli in maniera del tutto personale. Io sono stato sempre molto contro a questo modo di fare. Secondo me è bene ispirarsi ma copiare totalmente non permette di esprimere quello che ciascuno di noi in maniera diversa ha dentro.

Quali invece sono i chitarristi esteri che le piace ascoltare?

Un chitarrista che mi ha impressionato molto è Django Reinhardt. Pensi che lui era violinista e dopo essere stato vittima di un incendio mentre era nel suo camper perse l'uso dell'anulare e del mignolo della mano sinistra. Passò successivamente alla chitarra creando una sua tecnica davvero particolare e affascinante. Le due dita danneggiate nell'incendio non erano del tutto anchilosate e lui le usava insieme all'indice e al medio per suonare le ottave. Riusciva ad eseguirle ad una velocità sorprendente. Faceva anche degli accordi ma non molto frequentemente. Devo dire che ha avuto un bel coraggio a rimettersi a studiare dopo l'incidente. Comunque la storia gli ha dato ragione. Detto ciò devo anzitutto precisare che non ascolto soltanto chitarristi ma anche sassofonisti e pianisti. Devo dire che sono innamorato del pianoforte. Sono cresciuto ascoltando il be-bop e anche adesso ascolto molta musica di quel periodo. Ognuno secondo me si porta dietro la sua epoca. Sento ancora molto volentieri Tal Farlow, Lester Young che mi fa impazzire al sax tenore, Dexter Gordon (sassofono). Un altro grande è Wes Montgomery. Pensi che lo ho invitato anche ad una mia trasmissione che si chiamava "Fine serata da Franco Cerri". Si ipotizzava di essere nella mia casa e ad ogni puntata venivano chiamati jazzisti italiani e internazionali. Sfortunatamente non era in Europa e la Rai non poteva permettersi di pagargli tutta la trasferta. Per quanto riguarda i chitarristi credo che Jim Hall faccia delle cose ancora oggi uniche che forse verranno eseguite da altri tra X anni. Oltre che a quella volta insieme a Benson è venuto a casa mia diverse volte anche a dormire. Siamo in ottimi rapporti. Se non ricordo male è venuto nel 2004 a suonare a Milano al Blue Note e ha fatto sentire delle cose che credo siano futuristiche. Ogni volta che lui suona mi dedica un pezzo e dice delle cose anche troppo buone su di me. Mi dispiace perché ultimamente non sta troppo bene. Lui è del 1930. Doveva venire alla mia festa di compleanno a gennaio ma purtroppo mi ha detto che non riesce a prendere l'aereo venire a Milano e poi tornare in America nel giro di pochi giorni. Anche se George Benson si è allontanato dal jazz credo che abbia mantenuto un ottimo suono e uno splendido modo di suonare. Apprezzo anche chitarristi come Tal Farlow, ho suonato con Herb Ellis e ho conosciuto John Scofield. Una volta ho sentito suonare quest'ultimo ad un festival e ha fatto dodici chorus di assolo su un blues uno più bello dell'altro. Negli anni successivi si è messo a fare jazz elettrico e devo dire che questo periodo mi piace meno. Credo che Pat Metheny farà dell'ottimo jazz fra qualche anno con la sua piena maturazione.

Che percorso didattico potrebbe consigliare a un chitarrista che si avvicina alla musica jazz? Potrebbe indicare dei metodi in particolare?

Oggi ci sono moltissimi metodi fatti benissimo. Credo che i più completi siano quelli Americani. Trovo davvero molto completi quelli della scuola Berklee. Il Leavitt su tutti trovo che sia molto attuale e completo. Comunque non mi stancherò mai di ribadire l'importanza che ha l'ascolto e la ri-visitazione personale dei pezzi e la loro ri-armonizzazione. Comunque oltre a tutto ciò si deve cercare di mettere una parte di noi stessi nel pezzo anche sbagliando. E' importante mettersi alla prova secondo me. Oggi molti ragazzi vanno a suonare con i Real Book, non si sforzano di rivisitare i pezzi e ogni volta eseguono i brani nella stessa maniera. Io ho preso l'abitudine di cambiare gli accordi ai brani e rendere la melodia che di solito lascio invariata più interessante. Ho rivisitato oltre settanta standard famosi. Mi telefonavo spesso con mio figlio per scambiarci consigli su quali accordi usare e dove. Anche io ho scritto dei metodi per varie case editrici ma pensi che non mi credevo per niente all'altezza ed ho perfino offerto il rimborso ad alcuni che conoscevo e li avevano comprati. Invece questi metodi hanno avuto un enorme successo.

Per quanto riguarda il suo percorso didattico formativo come e quando ha cominciato a leggere?

Fantastico! E' stata una cosa geniale. Io odiavo l'idea di dovermi mettere a fare il solfeggio "do-o". Ho preso partiture di brani che conoscevo e ho visto come erano scritti. Ho scoperto la quartina, la terzina, la pausa di un ottavo, le legature. E' stata secondo me una cosa geniale. Non sono un lettore straordinario. Non riesco a leggere una parte classica a prima vista ma, tutto ciò che ora mi passa per la testa riesco a trascriverlo senza nessun problema. Kramer diceva sempre che il vero musicista scrive subito con la penna. Io invece scrivevo a matita e per giunta facevo molte correzioni perché alcuni passaggi a distanza di tempo non mi piacevano più e volevo cambiarli. Ho ribaltato tutto il metodo didattico classico se così possiamo dire.

Nel corso di tutta la sua carriera oltre alla musica si è occupato d'altro?

Si nella mia vita ho fatto un sacco di cose. Ho fatto anche molta televisione. Ho girato anche una pubblicità di cui lei avrà sicuramente sentito parlare. Era la pubblicità di un detersivo che è andata in onda per diciassette anni. Pensi che durante questo periodo avevo perso molta della mia privacy. Spesso mi capitava che la gente mi riconoscesse per strada e io che sono sempre stato una persona timida e riservata per evitare di farmi riconoscere facevo finta di grattarmi la fronte e tenevo gli occhi fissi a terra. Nonostante tutto mi riconoscevano ugualmente. Avevo anche il timore quando suonavo nei teatri o nei club. Pensavo che se qualcuno non avesse gradito i miei pezzi si fosse alzato e avesse gridato "ma vai all'ammollo". Lo spot infatti era l'uomo in ammollo. Fortunatamente tutto ciò non si è mai verificato. Mi sono occupato anche di aspetti sociali e di politica. Ho sempre votato a sinistra anche se ultimamente gli ultimi avvenimenti mi hanno un po' dato fastidio. Far finta di litigare per poi mettersi prontamente d'accordo. Questo aspetto non mi è piaciuto affatto perché ritengo che non sia di grande esempio nella situazione attuale.

Ha qualche rammarico?

Si molti ma, il più grande è quello di non aver potuto studiare musica. Purtroppo un po' a causa della mia situazione familiare prima, un po' per pigrizia poi, non ho mai avuto l'occasione di studiare approfonditamente o di ascoltare musica. Pensi che non ho mai assistito ad una lezione di musica in vita mia. Tutto ciò che so l'ho imparato da solo.

Nella piena maturità della sua carriera può farmi un bilancio personale?

Credo che nonostante tutto io sia stato molto fortunato. Sono arrivato a ottanta anni e ho avuto moltissime soddisfazioni. Sono riuscito a fare un mestiere molto bello. Ho suonato con un sacco di gente e ho collaborato con molti dei musicisti che stimavo e dai quali ho preso spunto. Durante tutta la mia carriera ho conosciuto migliaia di persone in Francia, Spagna, Svezia, Norvegia, Stati Uniti. Ho incontrato molte persone che hanno avuto per me un ruolo fondamentale non solo nel campo musicale. Avere persone come Jim Hall che mi dedicano un pezzo anche quando non sono presente ad ascoltarli penso che sia un appagamento straordinario. Credo di avere molti amici e penso anzi sono quasi sicuro di non avere nemici.






Articoli correlati:
04/10/2015

Intervista a Matteo Brancaleoni : "...ho fatto il mio primo disco con Renato Sellani di cui ho un ricordo splendido, quando penso a lui mi viene molta malinconia ma allo stesso tempo mi viene un sorriso perchè era un amante della musica e della vita." (Laura Scoteroni)

21/09/2014

Franco Cerri meets Umbria Jazz Clinics 2014: "Il racconto del chitarrista italiano ha incantato gli studenti per la semplicità di comunicazione da lui utilizzata, nonostante la sua grandezza artistica, ma soprattutto perchè ambientato in un periodo lontano da noi, pre e post seconda guerra mondiale..." (Giusy Casanova)

28/12/2013

Quattro chiacchiere con...Giuseppe Mirabella: "Con i tempi che stiamo vivendo non puoi più dare per scontato che farai il musicista per il resto della tua vita..." (Alceste Ayroldi)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

01/12/2013

Intervista con Peter Bernstein: "...se sei con le persone giuste, non m'importa se si sta suonando un blues, è importante solo che stai suonando, sei dentro la musica che si sta costruendo: è così che avverto che mi sto evolvendo." (Marco Losavio)

05/01/2013

Jim Hall Trio: "I suoi fraseggi sono minuziosamente ricercati. Ogni scelta non è lasciata al caso ma voluta..." (Pierfrancesco Falbo)

28/01/2012

LEZIONI (Articoli): Pennata alternata favorevole vs pennata sfavorevole (la pennata a-la-George Benson) (Martino Vercesi)

13/02/2011

Jim Hall Quartet e Les Paul Trio all'Iridium Jazz Club di New York: "...un concerto all'insegna della grazia, dell'eleganza, del buon gusto. Sembravano piatti preparati da un grande chef con una mise en place essenziale e i sapori equilibrati alla perfezione." (Marco Losavio)

10/05/2010

The Complete Town Hall Concert (Jim Hall & Friends) - Alceste Ayroldi

07/03/2010

La storia di Franco Cerri: "Franco Cerri inizia la sua attività didattica negli anni ottanta in concomitanza della collaborazione con il suo amico e pianista Enrico Intra. Tutto scaturisce dall'importanza di trasmettere le sue conoscenze ad altri..." (Marco Vitali)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #3: aspetti dello stile performativo e creativo (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #4: aspetti dello stile performativo e creativo. Armonizzazione di Caravan (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #5: aspetti dello stile performativo e creativo. Armonizzazione di My Funny Valentine (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #6: aspetti dello stile performativo e creativo. Brano originale, Isola (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #7: aspetti dello stile performativo e creativo. Brano originale, Deep You (Marco Vitali)

05/11/2009

Chick Corea, Roy Haynes e George Benson al Pescara Jazz Festival 2009: "Il festival pescarese compie quaranta anni tra mille affanni con un cartellone di tutto rispetto che lo rende festival "principe" dell'area centro sud, in buona compagnia con la lunga kermesse umbra, dalla quale attinge con soddisfazione. Un sodalizio empatico che vede anche dividere la presenza della band pop Simply Red, qui chiamata ad offrire una sorta di anteprima del festival abruzzese, il cui cartellone "audiotattile" si è snodato serratamente a distanza di pochi giorni."

01/11/2009

Franco Cerri, la vita, lo stile: "...sono una persona che non ha mai assistito ad una lezione di musica in vita sua. Tutto ciò che conosco lo ho imparato da solo. Sento la mancanza della parte accademico didattica che mi avrebbe senz'altro aiutato a capire bene le cose...so un sacco di cose ma non so i loro nomi specifici." (Marco Vitali)

01/11/2009

Franco Cerri, la vita, lo stile, parte #2: "...Franco Cerri nasce nella periferia di Milano il 29 gennaio del 1926 da una famiglia indigente dove non c'era molto spazio per la cultura. I libri erano considerati un bene di lusso e non vi era molto tempo da dedicare alla lettura..." (Marco Vitali)

11/10/2009

E venia da' campi che di Cerri sentia (Franco Cerri Quartet) - Giuseppe Mavilla

06/06/2009

LEZIONI (Trascrizioni): "At the Mambo Inn", solo da gran maestro eseguito da George Benson anche con scat vocale (Francesco Lesi)

04/01/2009

LEZIONI (chitarra): Storia della chitarra jazz attraverso le improvvisazioni dei grandi chitarristi. Si inizia con Charlie Christian, Wes Montgomery, Jimmy Raney e Jim Hall... (Pietro Nicosia)

12/10/2008

Goin' Solo
(Celebrating 60 years in jazz guitar)
(Sergio Coppotelli)

25/01/2008

Divino Jazz 2007, Musica, danza, vino ed altro per palati raffinati: "...il Jazz ha ricoperto il ruolo primario con una trasversalità di contenuti ed atmosfere, che hanno sempre mantenuto alta l'attenzione ed il gradimento dell'uditorio. Il programma, infatti, ha presentato un alternarsi di accezioni espressive che sono apparsi più nelle loro significative peculiarità, che negli evidenti contrasti stilistici." (Francesco Peluso)

07/01/2008

Intervista al giovane chitarrista Simone Gubbiotti: "In Italia credo ci sia scarsa disponibilità alla progettualità, specialmente di idee nuove e originali ed è davvero complesso entrare in contatto con le persone, molto spesso con gli stessi musicisti...Negli Stati Uniti la novità è sempre accettata ben volentieri, c'è scambio di idee..." (Eva Simontacchi)

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

26/02/2007

European Jazz Expò, International Talent Showcase a Cagliari: "Antonello Salis con la sua musica, la magia delle note che scorrono dalle sue mani al pianoforte, ha di nuovo incantato gli spettatori...La salita, come al solito, silenziosa sul palco e subito a sfiorare, schiacciare, percuotere, i tasti bianchi e neri..." (Enzo Saba)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

14/07/2006

Jazz in Italy in The 50s (Umberto Cesari, Nunzio Rotondo, Armando Trovajoli)

20/05/2006

Franco Cerri: In punta di dita (Vittorio Franchini)

12/03/2006

Duologues (Jim Hall - Enrico Pieranunzi)

06/02/2006

Franco Cerri: ottant'anni suonati!! Teatro Arcimboldi, Milano - 28 gennaio 2006 (Giorgio Alto)

09/09/2005

I Mostri Sacri: Oscar Peterson, Jim Hall e Roy Haynes infiammano l'edizione 2005 di Umbria Jazz...(Antonio Terzo)

27/08/2005

Tutta dedicata alle voci la giornata dell'11 luglio a Umbria Jazz '05, con un fitto carnet di orari e teatri. Da Lizz Wright a Madeleine Peyroux, da Al Jarreau a George Benson per finire con Peter Cincotti. (Antonio Terzo)

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

02/04/2005

Playing with Music (Michele Di Toro)

27/12/2004

Franco Cerri al Museo della Scienza e della Tecnica: "...Franco Cerri è generoso di idee e di affetto, e chiunque resta sedotto dalla sua delicatezza, che in alternanza ad una intensa passionalità crea dei vortici sonori in cui è molto dolce naufragare...." (Veronica Vismara)

02/11/2004

Jim Hall trio con Enrico Pieranunzi al Blue Note: "La voce della chitarra di Jim Hall è estremamente fluida e delicata, ogni singola nota è densa di significato. A volte canta quasi impercettibilmente anche lui insieme alla sua chitarra mentre improvvisa." (Eva Simontacchi)

02/11/2004

Intervista a Jim Hall: "La cosa principale che dico ai giovani chitarristi o musicisti è: divertitevi e rendetevi conto di quanto la musica vi ripaghi, di quanto vi dona a livello interiore. Anche se non riuscite a vivere di sola musica, solo l'idea…. specialmente di improvvisare la musica, è grandiosa." (Eva Simontacchi)

31/01/2004

LEZIONI (chitarra): Un omaggio a Jim Hall attraverso uno splendido solo sul brano Tangerine. (A. Ongarello)

12/01/2003

Jim Hall e Charlie Haden: "...musica allo stato puro; è suono approdato alla sua bella delicatezza dopo chissà quali complessi e tortuosi percorsi, è maestria senza presunzione alcuna." (Vito Mancino)

08/12/2002

LEZIONI (chitarra): Continua l'esplorazione dei soli di sassofonisti con una nuova trascrizione di Paul Desmond su Rude Old Man accompagnato ancora da Jim Hall....(Antonio Ongarello)

18/10/2002

LEZIONI (chitarra): Una nuova trascrizione di un fantastico solo di Paul Desmond su The Theme of Black Orpheus con un grande Jim Hall ad "accompagnare"....(Antonio Ongarello)

19/01/2002

Jim Hall & Paolo Fresu con la Milan (R)evolution Orchestra, Freddy Cole & Woody Herman Orchestra. Due concerti del ricco cartellone degli Aperitivo in Concerto 2001 al Teatro Manzoni.

21/10/2001

Jim Hall Trio con Greg Osby a Lecce. Un concerto di altissimo livello nello splendido scenario del Teatro Politeama.

08/10/2000

Jim Hall a Pomigliano d'arco. Un articolo da leggere, vedere e…sentire.





Video:
Jo Jones, a magician on drums, in Caravan
Jo Jones is one of the greatest drummer in the history of Jazz. Most inventive, he frequently improvises the most unpredictable and bold breaks with a...
inserito il 30/12/2011  da - visualizzazioni: 3693
? Gorni Kramer e la sua Orchestra ? Chicago ? Video & Audio Restaurati HD
Dalla trasmissione: Giardino D'Inverno del 1961 il grande Maestro Gorni Kramer Tele Ricordi è il canale di flaniman (Su questa TiVù li appre...
inserito il 30/10/2011  da flaniman2 - visualizzazioni: 3518
Jim Hall & Enrico Pieranunzi @ Eddie Lang Jazz Festival XX Edition 2010 - "Careful" (HD Video)
Per celebrare la XX Edizione dell'Eddie Lang Jazz Festival, i giardini del Castello Pignatelli di Monteroduni (Isernia) hanno visto esibirsi u...
inserito il 19/09/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4339
Gorni Kramer
Gorni Kramer...
inserito il 27/06/2010  da maggio1972 - visualizzazioni: 2841
Gorni Kramer
Gorni Kramer...
inserito il 27/06/2010  da maggio1972 - visualizzazioni: 2184
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3563
Intervista a Franco Cerri (concerto con Barney Kessel)
Intervista a Franco Cerri durante un intervallo di un concerto con Barney Kessel che, insieme a Diango Reinhardt, Wes Montgomery, Jim Hall, George Ben...
inserito il 05/10/2009  da francocerriFC - visualizzazioni: 2930
Barney Kessel e Franco Cerri
Barney Kessel e Franco Cerri in un bel momento musicale rilassato e istruttivo, davanti a un uditorio prevalentemente giovane....
inserito il 01/10/2009  da francocerriFC - visualizzazioni: 2519
Tal Farlow e Franco Cerri
Promo del concerto di Tal Farlow e Franco Cerri a Valenza nel 1991....
inserito il 01/10/2009  da francocerriFC - visualizzazioni: 2846
The George Benson Sessions: The Making of Songs And Stories: Nuthin But A Party
Songs And Stories In Stores Aug. 25...
inserito il 23/07/2009  da officialgeorgebenson - visualizzazioni: 1997
Aldo Farias &Franco Cerri Divino jazz festival
Bluesette...
inserito il 08/01/2009  da Rarebirds10 - visualizzazioni: 3095
Andreas Oberg - Billie's Bounce
Muriel Anderson's All Star Guitar Night NAMM 2008...
inserito il 14/10/2008  da gbfan08 - visualizzazioni: 2630
FREDDIE HUBBARD - FIRST LIGHT
FROM THE 1972 ALBUM FIRST LIGHT. CTI RECORDS. FT. RON CARTER AND GEORGE BENSON....
inserito il 07/07/2008  da beatsandjazz - visualizzazioni: 2551
George Benson - The Greatest Love of All
live...
inserito il 18/12/2007  da MECIAR1 - visualizzazioni: 2099
Jim Hall Trio - St. Thomas
Jim Hall Trio live;'BIMHUIS', Amsterdam (Holland)10-10-2007. Playing Sonny Rollins' St. Thomas....
inserito il 11/10/2007  da ReginaldJohannes - visualizzazioni: 2820
Antonio Onorato e Franco Cerri (Corcovado)
Lago di Como...
inserito il 04/09/2007  da domrnico61 - visualizzazioni: 2874
Antonio Onorato e Franco Cerri (Blues in Bb)
Lago di Como...
inserito il 04/09/2007  da domrnico61 - visualizzazioni: 2630
Antonio Onorato e Franco Cerri(Out of nowhere)
Lago di Como...
inserito il 01/09/2007  da domrnico61 - visualizzazioni: 3032
Carlos Santana & George Benson - Breezin'
Santana & George Benson vintage video of Breezin' Imagine listening to your favorite iPod tunes in your car! Check out my website www.performan...
inserito il 02/08/2007  da turbo6shooter - visualizzazioni: 2010
George Benson - Breezin'
The very best of George Benson...
inserito il 12/05/2007  da onemorecupofcoffee1 - visualizzazioni: 1950
Jazz Session [Varios Artistas]
Jazz Session [Nicola Arigliano - Franco Cerri - Gianni Basso - Bruno De Filippi Video (Sanremo 4 Marzo 2005)]...
inserito il 31/01/2007  da Recoaro - visualizzazioni: 2824
Sonny Rollins and Jim Hall (part 3)
Sonny Rollins and Jim Hall www.nuralema.splinder.com...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2534
Sonny Rollins and Jim Hall (part 1)
http://nuralema.splinder.com Sonny Rollins Tenor Jim Hall guitar Bob Cranshaw bass Ben Riley deums...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2745
George Benson blues miles davis tribute
George Benson & mIles Davis...
inserito il 09/03/2006  da Bendrobert2005 - visualizzazioni: 3184


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 10.053 volte
Data pubblicazione: 08/08/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti