Jazzitalia - Articoli: Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo
aprile 2013
di Alceste Ayroldi

Una carriera più che consistente alle spalle e una preparazione che pochi musicisti possono vantare: dallo studio del pianoforte ad una approfondita e meticolosa cura della voce come strumento. Percorsi fatti di sperimentazione e non solo: sicuramente di duro lavoro. Gianna Montecalvo parla del suo ultimo lavoro "While We're Young. Tribute To Alec Wilder", della sua attività didattica, del suo passato e del suo futuro.

Gianna, partiamo dal tuo ultimo lavoro: «While We're Young. Tribute To Alec Wilder». Cosa ti affascina di lui, della sua musica?
La sua linea melodica, la sua cantabilità, la profondità dei testi che si manifestano in un grande gioco di equilibrio.

Un disco, un progetto che si discosta dalla tua strada musicale: cosa è successo? Come è nata l'idea?

Questo progetto in realtà è nato nel 1997 e non lo sento lontano dalla mia realtà musicale che è frutto di incontri ed esperienze diverse. Avevo la necessità di ritornare ad essere una voce che canta "temi".

E' stato difficile effettuare le scelte dei brani e attingere al canzoniere di Wilder?
Wilder ha scritto veramente tanto e davvero l'unico criterio è stato quello di farmi guidare dallo stato emozionale e dall'atmosfera che ogni brano mi suggeriva.

Il tuo gruppo è in parte pugliese e in parte d'altra estrazione geografica: come sei arrivata a decidere i tuoi compagni di viaggio?
Roberto Ottaviano è stato il primo a farmi conoscere Alec Wilder negli anni in cui ero alunna al suo corso di jazz al conservatorio Piccinni di Bari. Lui è un mio grande punto di riferimento. Il "Carlo Morena trio" (Yuri Goloubev al contrabbasso e Michele Salgarello alla batteria) è stata un scoperta degli ultimi anni e cioè quando ho avuto l'incarico come docente di canto jazz presso il Conservatorio di Como.  Con Carlo Morena è nato un grande feeling e complicità musicale che credo ci porterà condividere altre avventure insieme.

Tutti i brani hanno una vita propria, sono coriacei e torniti, seppur nel rispetto dei temi di Wilder. Chi si è occupato degli arrangiamenti?
E' stato un lavoro collettivo, ogni brano è stato visto da un punto di vista di colore, di atmosfera e gli arrangiamenti sono stati costruiti su questa linea.

Da quel che ho visto e sentito, in poco tempo dall'emissione del disco, i live sono stati un gran successo. Ora, quali obiettivi e quali programmi?
Il primo obiettivo è quello di poterlo suonare in giro il più possibile. La musica prende vigore ed aria nel contatto con il pubblico e questi primi live ne sono la dimostrazione. Stiamo lavorando per poterlo portare anche all'estero.

E non solo i live stanno riscuotendo successo. Sembra che l'eco del tuo tributo sia arrivato anche più lontano…
Rob Geller, Editor (San Francisco) Friends of Alec Wilder Newsletter mi ha dedicato una pagina nel numero di marzo sottolineando"On That's My Girl (titled here That's the Girl), Montecalvo scats her way fearlessly where few would dare to tread. Judy Bell Creative Director TRO The Richmond Organization(NY) mi ha inviato come regalo 3 libri di songs di Wilder. Insomma una bella accoglienza proprio da parte della Fondazione che ne cura la memoria.

Gianna, pensi che dopo tanto andare avanti con il jazz sia giunto il momento di guardarsi un po' indietro?
Si costruisce conoscendo il passato, di questo ne sono certa. Guardare indietro significa prendere atto di un processo creativo che però deve guardare al futuro.

Hai un vissuto musicale di particolare spessore e lignaggio, con progetti sempre interessanti. Però, almeno in Puglia, non sei stata molto presente sulle scene jazzistiche. Una tua scelta?
In realtà io canto quando sento di avere qualcosa da dire…L'ultima data nella mia citta (Bari) risale a circa due anni fa. Sono stata presente in maniera massiccia per ciò che riguarda la didattica ma sul palco poco. In parte è frutto della mia antica pigrizia, la mia poca capacità di chiedere, di cercare situazioni live o, forse, la mia poca necessita di apparire. A ciò si aggiunge che ho scelto di cantare sempre repertori che richiedevano un certo tipo di location, atmosfera e aggiungiamo "pubblico". Ho iniziato a cantare nel 1988 e da subito il mio stile e la mia ricerca si sono orientate verso terreni poco frequentati dalle cantanti. I miei amori era Lauren Newton, Ursula Dudziak, Jeanne Lee. Mi hanno cercata immediatamente i musicisti che vedevano in me la cantante –musicista e mi hanno spesso inserita in progetti musicali in cui la voce veniva usata come strumento. Ho cantato per circa 20 anni con il pianista Gianni Lenoci con il quale facevamo un repertorio vastissimo, con lui sono cresciuta molto ed ho imparato ad essere me stessa in ogni situazione portando avanti con determinazione quello che volevo. A tutto questo si sono aggiunte le vicende personali come il mio impegno per anni nella causa animale che mi ha completamente assorbito energie, cuore, e….. salute mentale. Non me ne pento. Anche oggi questo impegno civile mi vede sempre in front line e non credo che potrà mai finire. Sono una "fragile lottatrice" che guarda con sorriso i suoi errori e che punta oltre l'orizzonte delle cose facili. E poi sono diventata mamma e questo è stato un cambiamento radicale nel modo di vivere e sentire la vita.

Il tuo tributo ad Alec Wilder arriva, parecchio dopo, Steve's Mirror, il tuo omaggio a Steve Lacy. Un'altra tua passione?
Si, Steve Lacy è una grande passione. Ho sempre detto che il mio suono vocale è stato influenzato dal suo sax soprano. Steve's mirror è un lavoro senza età, senza tempo, il mio modo di sentire l'improvvisazione, il jazz, la voce.

Il tuo background culturale ti vede impegnata in studi classici: canto lirico e pianoforte al conservatorio Tito Schipa di Lecce. Come sei approdata al jazz?
Io nasco come pianista classica e non ricordo un solo giorno della mia vita senza musica. Ho scoperto il jazz intorno ai sedici anni ma solo verso i ventiquattro anni ho cominciato a studiarlo. Gli studi di pianoforte mi hanno temprata e fortificata e senza dubbio la conoscenza di uno strumento armonico, la facilita di lettura, di analisi della musica sono stati di grande aiuto. Sotto certi punti di vista ha fatto la differenza in molte situazioni musicali e didattiche.

L'aver studiato canto lirico quanto ha influito nel tuo modo di cantare jazz?
La tecnica vocale è importante ma non è l'elemento "più importante" nel jazz vocale. Ci sono cantanti che con estensioni limitate hanno fatto la storia ma in alcuni contesti tipo le situazioni orchestrali-strumentali è determinante. Credo di avere una duttilità vocale ed una disciplina della voce che devono dire "grazie" agli studi classici e che poi ho riportato integralmente nel suono jazz e moderno.

Tu svolgi un'intensa attività didattica, anche accademica. Qual è, a tuo giudizio, il livello di preparazione dei giovani?
Il livello medio di conoscenza tecnica si è alzato ma la curiosità e la ricerca meno. Negli anni di studio classico e di jazz io non perdevo un concerto, ero alla continua ricerca di musica, materiale, libri. Non mi bastavano mai e, questo continua anche oggi. Ho conseguito il biennio specialistico nel 2009 e continuo i miei studi sulla vocalità frequentando tutte le masterclass che ritengo utili e interessanti. Lo studio è fonte di ricerca personale che poi va a beneficio degli alunni. Ecco, io non vedo in molti questa passione.

A tal proposito, che consiglio daresti a un giovane che vuole avvicinarsi al jazz e farne una professione?
Io vorrei che analizzassero la motivazione. Ti piace davvero il jazz? Vuoi studiarlo? La scelta professionale è una passione.

Sempre a tal proposito: in Italia il jazz può essere una professione?
Per alcuni si. Quanti possono vivere solo di concerti? La maggior parte associa l'attività di didatta.

Molti ritengono che l'attività didattica distragga il musicista dall'essere tale, soprattutto fuorvii la sua creatività: cosa ne pensi?
In parte è vero ma non credo che fuorvii la sua creatività. Negli ultimi cinque anni ho svolto un'attività didattica intensa e questo ha creato ostacoli all'essere musicista, avevo perso il controllo del tempo e le energie erano concentrate in maniera esagerata nel lavoro di docente. Un errore che non intendo ripetere. Ma ho studiato anche tanto per poter dare cose diverse e nuove agli alunni. Il "musicista" ne ha tratto beneficio e la mia creatività non si è addormentata affatto. Io amo insegnare e non vedo questa attività come un riempitivo tra un concerto e l'altro. È una passione.

Hai già idee sul tuo prossimo lavoro discografico?
Qualche idea comincia a delinearsi..… sto lavorando sulla voce e vorrei che venisse fuori tutto il mio background. Adesso voglio concentrare le energie su Alec Wilder e su questo lavoro a cui tengo in particolar modo e voglio tornare a salire sul palco in maniera più incisiva per dire: "ci sono anche io".






Articoli correlati:
01/11/2017

Doux Désirs (Michel Godard & Ihrab Radwan)- Alceste Ayroldi

23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

09/04/2017

Gravity Train (Oz Robù Trio feat. Javier Girotto)- Gianni Montano

01/11/2016

Bea (Andrea Sabatino another 5et)- Niccolò Lucarelli

18/09/2016

Radio Interference (Forthyto)- Alceste Ayroldi

24/07/2016

Bestiario Marino (Francesco Massaro)- Antonella Chionna

04/05/2016

Amori Sospesi (Balducci - Di Modugno - Mirabassi)- Alceste Ayroldi

02/05/2016

Reverie at Schloss Elmau (Simcock & Goloubev Duo Art)- Enzo Fugaldi

02/05/2016

After The Storm (Vito Liturri Trio)- Enzo Fugaldi

22/02/2016

The Well-Tempered Duo: Bach Project (Painting Jazz Duo)- Niccolò Lucarelli

22/02/2016

Play (Michele Di Toro Trio)- Niccolò Lucarelli

22/02/2016

L'astrolabio (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

03/01/2016

Sarah Jane Morris Quintet: "La cantante e i suoi sodali hanno dato prova di quanto la professionalità, la grinta e la motivazione sociale possano andare d'accordo con tutta la musica: quella senza barriere..." (Alceste Ayroldi)

03/01/2016

Um Brasil Diferente (Gabriele Mirabassi & Roberto Taufic)- Niccolò Lucarelli

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

07/09/2015

Minor Time (Roberto Zanetti Trio feat. Pietro Tonolo)- Niccolò Lucarelli

10/08/2015

Resalio (Zeitgeber Ensemble)- Nicola Barin

01/03/2015

Gigiabbo (Claudio Bianzino 4et feat. Alberto Mandarini)- Alessandra Monaco

08/12/2014

La Forma Dei Ricordi (Nicola Perfetti & Federico Gerini)- Gianni Montano

09/11/2014

My Soul (Leo Pianoforte)- Alceste Ayroldi

19/10/2014

Chutzpah (Tiraboschi - Zambelli - Prando)- Nina Molica Franco

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

28/09/2014

Almost Jazz (Jocopo Pierazzuoli & The Kings Of Fire)- Nina Molica Franco

28/09/2014

Insight (Maciek Pysz Trio)- Gianni Montano

06/07/2014

Standpoint (Just Music Trio)- Francesco Favano

06/04/2014

Quattro chiacchiere con...Antonella Chionna: "La musica è stata una sconvolgente scoperta adolescenziale, era un modo ulteriore per comunicare quello che per me è terrificante a crudo..." (Alceste Ayroldi)

25/03/2014

Stories Yet To Tell (Giorgia Barosso)- Francesco Favano

07/01/2014

Talk And Fly (Painting Jazz Duo)- Francesco Favano

25/11/2013

My Perpetual Life (Marco Contardi)- Francesco Favano

25/11/2013

Due Punti Nel Blu (Paolo P & Acoustic Group (feat. Marco Tamburini))- Valeria Loprieno

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

30/09/2013

Danza Gialla (Terre Di Mezzo)- Francesco Favano

08/09/2013

Sotto il celio azzurro (Gabriele Rampino)- Nina Molica Franco

16/06/2013

The Second Apple (Nico Catacchio)- Gianni Montano

28/04/2013

Blue From Heaven (Pierluigi Balducci)- Gianni Montano

28/04/2013

Domino (Umberto De Marchi)- Valeria Loprieno

28/04/2013

Nuevas Huellas (Alfonso Deidda & Cuban Stories)- Francesco Favano

07/04/2013

Titanic For A Bike (Yuri Goloubev)- Francesco Favano

07/04/2013

The Song Is You (Chiara Pancaldi)- Valeria Loprieno

07/04/2013

'U Popole Mije (Gianni Cellamare & Taranto Quartet)- Matteo Mosca

31/03/2013

My Waits (Serena Spedicato)- Alceste Ayroldi

17/03/2013

Venere E Marte (Raf Ferrari 4et feat. Gabriele Mirabassi)- Alceste Ayroldi

10/03/2013

Work In Progress (Gianni Insalata Quartet)- Matteo Mosca

14/01/2013

Bucket of Blood (Gianni Lenoci Hocus Pocus 3 with Steve Potts)- Gianni Montano

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

01/05/2012

Where The West Begins: Voicing Ornette Coleman (Lisa Manosperti)- Gianni Montano

08/04/2012

Balkan Bop (Markelian Kapedani Trio)- Gianni Montano

18/03/2012

Miracolo Live (Phenomenalias)- Enzo Fugaldi

17/03/2012

Block Notes (Antonio Tosques 4et Guest Mike Melillo) - Eva Simontacchi

18/12/2011

Seta (Lorelei Quartet)- Gianni Montano

18/12/2011

Clouds Digger (Emilio Marinelli Trio)- Marco Sagliano

18/12/2011

Pipelettes (Angelo Lazzeri Trio)- Gennaro Pasquariello

03/12/2011

Pas de Chat (Sabino De Bari)- Stefano Dentice

06/11/2011

Res Nova (Mattia Cigalini) - Alceste Ayroldi

22/10/2011

Time To Remember (Pino Mazzarano, Gianni Lenoci)- Roberto Biasco

11/09/2011

Prayer And Request (Sergio Armaroli Axis Quartet)- Gennaro Pasquariello

11/09/2011

Radici (Radici Ensemble)- Sergio Raffiotta

10/09/2011

IX Edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Apertura con Angiuli-Di Turi-Angiuli, Attolini J.E.P. Quartet e la Municipale Balcanica, poi Stefano Di Battista "Woman's Land", Pino Mazzarano - Gianni Lenoci, la giovane Orchestra del Saint Louis e Stefano Bollani con i suoi Visionari: "...un festival dove la qualità della musica, unita ad una oramai altissima e collaudata cura organizzativa, lo portano ad essere una delle rassegne maggiormente rappresentative della regione Puglia." (Marco Losavio)

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

08/05/2011

Reflections (Claudio Fasoli Emerald Quartet) - Alceste Ayroldi

02/04/2011

Wrecks (The Angle)- Rossella del Grande

07/02/2011

Natura Morta Con Flauto (Beppe Aliprandi Jazz Accademy New 4tet)- Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

06/02/2011

Profumo di Jazz (Elga Paoli)- Mario Melillo

06/02/2011

Pugliamerica A/R (Maurizio Petrelli & Big Band) - Mario Melillo

06/02/2011

...some Portraits (Carlo Morena Trio)- Gianni Montano

06/02/2011

Blues Vignette (Gwilym Simcock)- Gianni Montano

04/12/2010

The Dawn From My Heart (Rino De Patre)- Luca Labrini

07/11/2010

Sonata a 3+2 (Mariano Di Nunzio Trio Barracina)- Francesco Martinelli

17/10/2010

Tempus Transit (Pierluigi Villani Group)- Vincenzo Fugaldi

10/10/2010

On the way to Damascus (Luigi Campoccia) - Marco Losavio

29/08/2010

David Murray con l'Hocus Pocus 3 di Gianni Lenoci, Pasquale Gadaleta e Giacomo Mongelli: "L'esperienza di condividere palco e progettualità con un grande solista afroamericano di jazz come David Murray è al contempo una conferma ed una indicazione di percorso verso la verità più profonda di questa musica" (Pasquale Raimondo)

27/08/2010

Legatura di Valore (Rita Sannia)- Alessandro Carabelli

27/08/2010

Among the Waves of Light (Giancarlo Mazzù Trio meets Salvatore Bonafede)- Alessandro Carabelli

23/08/2010

Fluttering (Renato Pompilio Trio) - Alessandro Carabelli

19/06/2010

Say The Truth (Gabriele Boggio Ferraris Quartet)- Rossella Del Grande

06/06/2010

Lightwalls (Simone Graziano Trio) - Luca Labrini

18/05/2010

Bye Bye Lazybird (Gerardo Bartoccini) - Alceste Ayroldi

03/05/2010

Spirit Of The Mountains (Federico Casagrande)- Andrea Gaggero

02/05/2010

Painting On Wood (Pittura su Legno) (Stefano Luigi Mangia – feat. Gianni Lenoci) - Alceste Ayroldi

24/04/2010

Current Views (Roberto Magris & The Europlane Orchestra)- Alessandro Carabelli

05/04/2010

Pulsar (Nicola Andrioli Paris Quartet)- Andrea Gaggero

05/04/2010

Souldiesis (Souldiesis)- Andrea Gaggero

04/04/2010

Barrilete (Barrio de Tango Ensemble) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

06/03/2010

Darwinsuite (Ferdinando Faraò) - Giuseppe Mavilla

01/02/2010

The Spiritual Man (Open Orchestra Featuring John Tchicai) - Giuseppe Mavilla

09/01/2010

It's Time To Make A Change (Maurizio Quintavalle) - Luca Labrini

07/01/2010

Rituali (Rituali) - Marco Buttafuoco

27/12/2009

Intervista a Gianni Mimmo: "La cosa più importante è aprirsi a se stessi, avere a che fare con una parte con certe volte non vorresti avere, stare con la difficoltà. Se faccio così il mio apporto all'improvvisazione, è doppio: da una parte imprimo una direzione e dall'altra ne assumo la responsabilità." (Stefano Ferrian)

08/12/2009

Vocifero vol.2 – Composizioni (Stefano Risso) - Giuseppe Mavilla

02/12/2009

Elisabetta Antonini presenta il suo album "Un minuto dopo" all'Alexander Platz di Roma insieme a Gabriele Coen, Alessandro Gwis e Paul McCandless. (Laura Mancini)

29/11/2009

Esprit de Finesse - Hommage à F. Mendelssohn (Roberto Olzer) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

21/11/2009

L'Eclisse (Ibrido Hot Six) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

09/11/2009

Accoppiamenti Giudiziosi (Barbara Raimondi) - Luca Labrini

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2009

Fires 'n Pyres (Federica Zammarchi) - Luca Labrini

25/10/2009

Jazz For Sale (Klaus Bellavitis)- Eva Simontacchi

05/09/2009

My Foolish Harp (Angelo Adamo) - Giuseppe Mavilla

14/08/2009

About Us (Antonello Monni - Davide Scagno)- Stefano Corbetta

22/06/2009

Jouer Sans Frontieres (Matteo Negrin)

04/05/2009

Pauper (Raf Ferrari Quartet)

13/04/2009

Ethos (Quartetto Alborada)

12/04/2009

Stupor Mundi (Pierluigi Balducci)

14/03/2009

Galantuomini (Gabriele Rampino )

15/02/2009

Suite 24 (Giacomo Mongelli)

12/01/2009

Mulini a vento (Bottos/Goloubev/Colussi)

12/01/2009

Da qui passano i venti (Diego Morga)

11/12/2008

Un Dio Clandestino (Roberto Ottaviano & Pinturas )

11/12/2008

Intervista a Roberto Ottaviano: "Io aspiro a fare in modo che nel mio suono, nella musica che produco, ci siano movimento, storie, evocazioni, e quindi mi sembra naturale trovarne un ideale luogo di proliferazione laddove registi, attori, danzatori, scultori, ecc. nutrono le mie stesse ambizioni. Il sax è un veicolo ed il jazz è oggi più che mai un mezzo per contattare altre realtà e comunicare delle cose." (Alceste Ayroldi)

24/11/2008

A French Man in New York (Kekko Fornarelli)

28/09/2008

Nasciri (Francesco Saiu)

22/09/2008

Godot e altre Storie di Teatro (Ares Tavolazzi)

23/08/2008

Songs (Mastropirro Ermitage Ensemble)

15/08/2008

Pure Landscapes (Giancarlo Mazz�)

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

21/06/2008

Tango Fugato (Francesco Venerucci)

21/06/2008

Coloriade (Pasquale Mega Ensemble)

18/05/2008

Presents... (SGS Group, Inc.)

11/04/2008

Orchestra da tre soldi (Orchestra da tre soldi)

11/04/2008

Unquiet Silences (Michael Rosen)

02/04/2008

La Foule - Voyage dans les lieux d'Edith Piaf (Lisa Manosperti)

17/03/2008

Vocifero vol. 1 - Canzoni (Stefano Risso)

16/03/2008

Transitions (Mauro Campobasso, Mauro Manzoni)

16/03/2008

Double A(nima) (Paolo Russo)

16/03/2008

Way Out (Europe Connection)

27/12/2007

Private Tales (Zara - Goloubev - Zanoli)

27/12/2007

Promenade (Claudio Fasoli Emerald Quartet)

09/12/2007

Intervista al chitarrista Antonio Tosques: "Per quanto riguarda la possibilità di farsi conoscere e farsi strada i canali sono anche qui migliorati grazie ai tanti concorsi che ci sono per giovani musicisti e non. Il problema di fondo resta la possibilità di poter lavorare poi in modo più o meno costante. Questo dipende da tanti fattori. Promozionali, manageriali ecc." (Eva Simontacchi)

01/11/2007

Il passo del gatto (Michele Di Toro)

01/11/2007

Forward (Ettore Carucci Trio)

28/10/2007

Intervista al dott. Franco Fussi: "Domenica 20 maggio 2007, l'Università Popolare Apuliae di Bari, ha inaugurato la nascita del dipartimento Voce & Arte con l'organizzazione della master class di fonatria applicata alla fisiologia del canto e i generi vocali a cura del prof. Dott. Franco Fussi." (Gianna Montecalvo)

21/10/2007

Synopsis (Antonio Tosques Quartet)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

11/08/2007

Nel frattempo (Mauro De Leonardo)

01/07/2007

Intervista a Cinzia Eramo e Paolo Damiani, protagonisti del nuovo progetto della cantante pugliese dal titolo "Piccole gemme di estrazione creativa": "Personalmente ho sempre cercato di muovermi più da musicista che da cantante. Cerco di lavorare con la voce in modo strumentale, non fermandomi all'esecuzione del tema in maniera canonica. La dimensione del rischio ... ecco una cosa che mi piace! " (Adriana Augenti)

16/06/2007

Danza degli Spiriti (Gionni Di Clemente)

16/06/2007

Unquiet Serenade (Carlo Nicita / Rosario di Rosa Sextet)

16/06/2007

Après la Nuit (Rino Arbore artrio + Giovanni Amato )

21/05/2007

Canto alla Terra (Daniele Di Bonaventura)

05/05/2007

Alba (Nicola Andrioli)

24/04/2007

Still Waters (Kenny Wheeler - Brian Dickinson)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

27/01/2007

Oltretango (Paolo Russo & Band au Neon )

26/11/2006

Ergskkem (Gianni Lenoci - Giorgio Dini - Markus Stockhausen)

26/11/2006

Pure Soul (Andrea Sabatino)

16/11/2006

Jazzsett 2006, Gianni Lenoci Duo, Antonio Faraò Trio, Mirko Signorile & Gaetano Partipilo Telepathy Duo: tre concerti con tre espressioni pianistiche differenti, l'improvvisazione totale di Lenoci, l'intenso "soulfull" di Faraò, la simbiosi "telepatica" di Signorile e Partipilo... (Lorenzo Carbonara)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

31/08/2006

Changing Trane - The music of John Coltrane (Scrignoli - Martino - Laviano )

03/08/2006

Enrico Pieranunzi e Yuri Goloubev Duo: "Il concerto è stato indubbiamente piacevole e intenso, soprattutto grazie alla percepibile, perfetta integrazione sviluppata da Pieranunzi tra gli aspetti consci e inconsci del modo di improvvisare." (Bruno Gianquintieri)

31/07/2006

Legend (Raffaele Casarano & Locomotive)

15/07/2006

Intervista a Cinzia Eramo: "...improvvisare è come trovarsi costantemente sul filo del rasoio, non sai dove arriverai, che strada prenderai, se non dopo averlo fatto, sai solo da dove vieni e quello che possiedi..." (Alceste Ayroldi)

08/06/2006

Intervista a Sabino Fino: "Ho realizzato un cd con mie composizioni perché ho voluto dare un'impronta il più personale possibile al mio primo progetto...ed ho scoperto che mi riconosco molto più nelle vesti di compositore che di esecutore..." (Alceste Ayroldi)

08/05/2006

Agenda (Gianni Lenoci )

01/04/2006

Steve's Mirror (Gianna Montecalvo)

18/06/2005

Gianni Lenoci Quartet guest Emanuele Cisi: "...Dagli standard più orecchiabili alle sonorità più complesse, ma sempre gradevoli, delle composizioni di Lenoci, alternate alle boppeggianti creazioni di Emanuele Cisi..." (Alceste Ayroldi)

20/07/2003

Spontaneous Conversation (Cinzia Eramo)





Video:
Multiculturita SJF: 13 Luglio - Pino Mazzarano - Gianni Lenoci - Saint Louis Big Band
http://www.capursomap.it/new/14/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-13-luglio-......
inserito il 18/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2875


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.118 volte
Data pubblicazione: 08/06/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti