Jazzitalia - Articoli: Intervista con Jonathan Kreisberg
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Jonathan Kreisberg
giugno 2011
di Stefano Clemente

Abbiamo incontrato Jonathan Kreisberg per la prima volta nel 2007 a New York in un piccolo club chiamato "La Lanterna", di fianco ad un ristorante italiano come ce ne sono tanti nella Città. Nessuno faceva caso al superbo interplay o alla scelta dei brani in scaletta del trio che si esibiva. Quello che arrivava attraverso le vibrazioni dell'aria era una storia, una storia condivisa e tutti eravamo partecipi dello stesso evento ed accomunati dalle stesse emozioni. Nonostante adesso sia famoso e suoni in locali molto più grandi e per ingaggi molto più importanti, Jonathan Kreisberg continua ogni mercoledì a suonare a "La Lanterna" (tour permettendo) per poco più del prezzo del taxi che lo riporta a casa.

Jonathan raccontaci come tutto ha avuto inizio.

I miei genitori avevano una collezione infinita di dischi ed ascoltavano tanta musica da Coltrane a Betty Carter, da Ray Charles a John Williams, dai Beatles alla world music. Dopo aver ascoltato Eruption di Van Halen intorno ai dieci anni ho deciso di suonare la chitarra ed ho iniziato a studiare con un maestro. Non ero molto interessato alla teoria o alla lettura quanto a scrivere canzoni e ad improvvisare. Mi piaceva il Jazz ma lo ritenevo ancora troppo complicato per me. Il linguaggio classico e rock e blues era più facile. Solo al College ho trovato un insegnante di Jazz che mi ha messo nella giusta direzione e da lì ho iniziato a studiare dieci ore al giorno. Della chitarra mi piace l'idea di potersi accompagnare da solo. Con la chitarra puoi avere il controllo armonico e puoi manipolare il suono. Posso suonare gli accordi come un pianoforte e la melodia come i fiati. Inoltre sulla chitarra puoi suonare la stessa combinazione di quattro note in punti differenti per cui puoi essere molto personale.

Quali musicisti hanno avuto più impatto nella tua formazione?

Non sono stato ispirato da chitarristi jazz quanto piuttosto da musicisti jazz come Miles, Coltrane, Bill Evans. Amo il Jazz ed amo la chitarra. Considero la chitarra jazz solo un tipo di chitarra, mentre io amo la chitarra in tutte le sue forme, adoro persino la chitarra flamenco anche se non ne possiedo la tecnica, ma mi piace il suono.

Dai tuoi dischi traspare una profonda conoscenza del linguaggio e della tradizione.

Quando ero al liceo ho vinto una borsa di studio per il College ed il mio insegnante di chitarra mi aveva detto che l'esame di ammissione avrebbe richiesto la conoscenza a memoria di almeno 300 standard in tutte le tonalità e questo mi ha fatto studiare come un pazzo per tutta l'estate. Quando arrivò il momento dell'audizione mi fu chiesto quanti standard conoscessi a memoria. Risposi che purtroppo ne conoscevo solo 250 e tutti mi presero per un marziano ridendo di me. Era chiaramente uno scherzo che il mio insegnante mi aveva fatto perché sapeva che lavoravo bene quando ero sotto pressione. Grazie a questa palestra però ho sviluppato un mio sistema per imparare le "song" velocemente. Ancora oggi ringrazio il mio vecchio insegnante per quello scherzo. Il resto del lavoro l'ho fatto negli anni grazie all'ascolto dei dischi ed soprattutto avendo la fortuna di suonare con alcuni maestri della vecchia scuola.

Il tuo background comprende stili e generi apparentemente diversi con eroi di infanzia come Holdsworth, Scofield, Coltrane, quando hai deciso di dedicarti completamente al Jazz.

All'inizio suonavo anche la Strato oltre alla "175". Quando abitavo a Miami mi capitava nella stessa settimana di avere diversi ingaggi come chitarrista rock, bossa, pop, funky perché non c'era molta concorrenza, ma a NYC la situazione è diversa. Ci sono mille chitarristi che vogliono essere il miglior chitarrista Jazz, mille che vogliono essere il miglior chitarrista bossa, mille che vogliono suonare al "Tonight Show" e così via, per cui non puoi rilassarti molto. Dovevo scegliere cosa volevo fare ed io ho scelto il jazz ma nella mia maniera. Devi lavorare duro per raggiungere un certo livello.

Shadowless è il tuo settimo disco da leader ed è un disco interamente di inediti. Qual è il tuo approccio alla scrittura?

Ogni persona funziona in maniera diversa riguardo alla scrittura. Non esiste un metodo universale. Sono sempre stato creativo nello scrivere melodie. Una melodia può arrivare in maniera naturale mentre per il resto ci vuole lavoro duro. Bisogna avere il proprio istinto in allerta. Mentre si sente qualcosa nella testa bisogna fermarsi e registrarlo ed avere la pazienza di lavorarci su. A volte scrivo una melodia di getto, altre volte ho bisogno di tanto tempo per elaborarla.

Quali differenze trovi nel lavorare su brani appartenenti alla tradizione del Jazz rispetto ai brani originali?

Il disco precedente era di ballad e standard. Amo fare dischi come "Night Songs" dove entri in studio con la tua band, scegli delle song che ti ispirano, schiacci il tasto REC ed alla fine della session hai un prodotto puro e connesso con la storia del Jazz. Per l'etichetta Criss Cross volevo assumermi il rischio di fare un disco di ballad, ma dopo questo sentivo di dover tornare in studio per un progetto basato sugli originali che sarebbe uscito per la mia etichetta. Sapevo che era il momento giusto per fare da solo. Posso essere più diretto con i fans tramite il mio sito web e con i social network per cui mi piaceva l'idea di avere il controllo totale della musica e di tutto il resto. Questo disco è molto importante per me e ne vado fiero. Dopo Night Songs volevo un disco più immediato e più diretto.

Presti molta cura al suono della chitarra ed in questo album si nota l'utilizzo delle varie possibilità timbriche che lo strumento ti offre oltre al suono acustico, inoltre l'album presenta dei picchi molto forti alternati a momenti più riflessivi e morbidi.

Il momento che stiamo vivendo è molto stimolante. Dopo il jazz classico è stato il momento della fusion ma da allora le cose sono cambiate. L'idea di fusion è cambiata. All'inizio si pensava che la fusion dovesse essere aggressiva e con la dinamica sempre al massimo. Il linguaggio era differente. Adesso con i ritmi di tutto il mondo e la tradizione Swing e Bebop, c'è più bilanciamento. In questo lavoro c'è molta cura sulla dinamica e ci sono momenti più duri alternati a momenti più riflessivi. Anche con Dr. Lonny Smith succede la stessa cosa. Ci sono un paio di momenti nel disco dove si sentono i Rage Against The Machine e, contestualmente, il Bill Evans delle ballads. Adesso ci sono musicisti realmente in grado di mischiare tutto e renderlo attuale pur con le basi nella tradizione. E' importante che tutti nella band siano in grado di suonare diversi stili fondendoli insieme. Non si deve per forza di cose denigrare altri generi musicali per rimanere attaccati al proprio. Bisogna ascoltare di tutto purché sia onesto, perché la musica va al di là dei generi e delle divisioni. Bisogna rispettare tutti i gusti musicali. Io suono jazz ma sono aperto alle influenze che altri generi possono portare nella mia musica.

Oltre alla tua attività da leader tu vanti una serie notevole di collaborazioni importanti tra cui Dr Lonnie Smith, Joe Locke ed altri.

Le collaborazioni sono molto importanti per me e mi aiutano a crescere ed a maturare il mio suono. Sono molto contento perché in questi giorni ho ascoltato il mix del nuovo disco di Stefano Di Battista. E' un grande disco e sono fiero di aver collaborato con lui. Dr Lonnie Smith appartiene all'old school, lui viene dal blues, dalla tradizione orale e dalla voglia di comunicare attraverso la musica. Penso che noi due siamo molto simili e, anche se abbiamo due background molto diversi, il punto di arrivo è lo stesso.

Parlaci del tuo primo incontro con Dr Lonnie Smith.

Quando l'ho incontrato la prima volta per una gig lui mi guardava storto perché non era sicuro di me. Lui ha suonato con George Benson. Io amo George Benson ma sono molto diverso dalla sua maniera di suonare la chitarra. Mentre suonavamo mi accorgevo che oltre alla tradizione ed alla vecchia scuola lui aveva anche una "wild side". Ascoltava con molta attenzione le cose che facevo, mi guardava e sembrava apprezzare. Adesso il trio con lui è ormai consolidato ed abbiamo registrato un disco che si chiama "Spiral".

Il tuo stile sembra influenzato molto dai pianisti. Melodia e parti armoniche si susseguono spesso come se ci fossero due chitarristi.

Ho sempre amato il piano trio ed amo ascoltare Bill Evans, Hancock, Jarrett e Mehldau. Preferisco le piccole band ed il trio in particolare perchè ho il controllo armonico. Ho iniziato a suonare in trio per ragioni economiche e poi ho capito che mi divertivo particolarmente. Inoltre trovo che l'interplay ne giova. Quando suono una melodia sento la mano sinistra del pianista nella mia testa. Bisogna conoscere bene l'armonia per suonare in questo stile. La melodia può essere suonata in diverse parti della chitarra per cui bisogna imparare ad improvvisare anche delle parti cordali. Suono ormai da anni con Mark Ferber e Matt Penman. Mark è come un fratello per me. Per istinto ho sentito che la mia chitarra e la sua batteria suonavano in perfetta simbiosi. Matt ha un grande orecchio ed il suo basso a volte suona con un effetto contrappuntistico.


Jonathan Kreisberg
Shadowless








Articoli correlati:
14/07/2017

Multiculturita Summer Jazz Festival 2017: La XV Edizione della kermesse capursese di chiude con l'esplosiva esuberanza della Conturband: una street band formata da quindici elementi, tutti pugliesi che inonderà di musica e di festa l'intera Capurso.

13/07/2017

Multiculturita Summer Jazz Festival: Seconda serata della XV edizione per il Multiculturita Summer Jazz Festival con le musiche del Mediterraneo dei Radicanto con un ospite d'eccezione: Raiz degli Almamegretta.

12/07/2017

Multiculturita Summer Jazz Festival: Si apre la XV edizione del Festival di Capurso con l'incontro "Jazz History: 100 dischi per 100 anni di Jazz" ed a seguire lo swing "da ballare" del combo Swing and Dance

26/06/2017

XV edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Dallo swing "da ballare" alle note mediterranee dei Radicanto con la inconfondibile voce di Raiz, fino al giovane e vigoroso large ensemble della Conturband

18/09/2016

Quattro chiacchiere con...Fabio Prota: "...il nostro obiettivo più o meno implicito è quello di provare a comunicare chiaramente con il pubblico talora attraverso l'utilizzo di linee melodiche accessibili talaltra mediante l'uso di contrasti timbrici e ritmici." (Alceste Ayroldi)

24/07/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni '80 ad oggi (II parte): "I festival e le rassegne di jazz lievitano in numero e ogni regione se ne assicura almeno un paio...Bisogna chiedersi se ne è valsa la pena e se la musica, il jazz ne abbia guadagnato." (Alceste Ayroldi)

19/09/2015

Arioso (Andrea Rea Trio)- Niccolò Lucarelli

19/07/2015

Messina Sea Jazz 2015: "Quattro serate all'insegna del jazz, otto formazioni, una grande orchestra e un unico prezioso fil rouge: la Sicilia." (Nina Molica Franco)

06/04/2015

Intervista a Michele Laricchia - Multiculturita Summer Jazz Festival: "Purtroppo non sono tantissimi i giovani che occupano le poltrone, temono la parola «jazz», e non sanno cosa si perdono..." (Alceste Ayroldi)

26/10/2014

Quattro chiacchiere con...Joanna Miro: "...predisporsi per un ascolto degustativo e sensoriale: vedo molta similitudine tra il jazz e il vino, entrambi seguono da decenni innumerevoli innesti per diventare un capolavoro di cui, infine, possiamo apprezzare l'opera." (Alceste Ayroldi)

17/08/2014

Metti una sera con i Doctor 3: Al Multiculturita Summer Jazz Festival il noto trio suona una musica che "...prende per mano il pubblico, lo corteggia e lo trascina in percorsi musicali estemporanei dai risvolti imprevedibili..." (Alessandra V. Monaco)

05/10/2013

Multiculturita Summer Jazz Festival - XI Edizione: Il Contest con una "lotta all'ultima nota", i concerti con Nuevo Tango Ensamble, Fabularasa feat. Gabriele Mirabassi, il "BassVoice project" di Pippo Matino - Silvia Barba e il CorLeone di Roy Paci. (N. Molica Franco - M. Losavio)

01/12/2012

Nicky Nicolai e Stefano Di Battista: Io, Mina e le Altre: "...hanno tenuto perfettamente in bilico e integrato la canzone italiana e il jazz, senza che l'una ammansisse l'altro." (Alceste Ayroldi)

18/03/2012

Il jazz diventa un pretesto per improvvisare, il criterio per dialogare con gli altri strumenti è "la libertà in funzione della spontaneità". (Viviana Falcioni)

21/01/2012

In Cammino (Rosario Bonaccorso Travel Notes Quartet) - Alceste Ayroldi

25/09/2011

Roccella Jazz Festival 2011 - "Unitàlia In-Attesa": Come tante altre rassegne, jazzistiche e non, l'edizione 2011 di Rumori Mediterranei, con la direzione artistica di Paolo Damiani, ha reso omaggio ai 150 anni dell'unità d'Italia con alcuni progetti mirati e la consueta kermesse di artisti internazionali di primissimo piano provenienti da culture di ogni dove e capaci di rendere unica anche questa trentunesima edizione che, purtroppo, rischia di sparire. (Vincenzo Fugaldi)

10/09/2011

IX Edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Apertura con Angiuli-Di Turi-Angiuli, Attolini J.E.P. Quartet e la Municipale Balcanica, poi Stefano Di Battista "Woman's Land", Pino Mazzarano - Gianni Lenoci, la giovane Orchestra del Saint Louis e Stefano Bollani con i suoi Visionari: "...un festival dove la qualità della musica, unita ad una oramai altissima e collaudata cura organizzativa, lo portano ad essere una delle rassegne maggiormente rappresentative della regione Puglia." (Marco Losavio)

19/08/2011

Shadowless (Jonathan Kreisberg)- Stefano Clemente

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

07/02/2011

The Thrust (Little Wonder) - Alceste Ayroldi

06/12/2009

Stefano Di Battista Quartet a Sacile per "Il Volo del Jazz": "...una esibizione in grado di lasciare una piacevole sensazione di musica viva e vitale." (Nico Furlan)

16/08/2009

Il Multiculturita Summer Jazz Festival giunto quest'anno alla VII edizione, ha offerto ben sette eventi - di cui quattro del tutto gratuiti - affidando l'epilogo alle mani sapienti di un "guru" della musica a 360 gradi come Arturo Sandoval: "La sua unicità rimarrà nella storia di questo bel festival come pochi altri musicisti hanno saputo fare. Quando un concerto come questo termina e il silenzio torna li' dov'era un paio d'ore prima, ci si rende conto di aver assistito ad un evento che non si dimenticherà." (Marco Losavio)

10/11/2008

Intervista ad Enrico Pieranunzi: "...il jazz è una musica che si impara da soli, perché è una musica di attrazione della musicalità e questo vale anche se si insegna un walzer di Chopin, è ovvio che alla fine è il ragazzo o la ragazza che lo imparano..." (Mariagiovanna Barletta)

20/09/2008

Lifetime (Daniele Scannapieco)

18/08/2008

Stefano Di Battista - Fabrizio Bosso All Stars Jazz Band a Roma in occasione del concerto del 1° maggio 2008: "Contesto inusuale, circostanza imprevedibile, piazza insolita. Un tempo forse...perché per la prima volta nella storia del "concertone" del Primo Maggio 2008 di piazza San Giovanni, a esibirsi di fronte a centinaia di migliaia di presenti, è una All Stars Jazz Band da brivido..." (Nicola Guida per MMS)

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

18/02/2008

Trouble Shootin' (Stefano Di Battista)

23/06/2007

We Love U (The Trust)

07/12/2006

Il Festival "Itinerari Sonori", alla sua prima edizione è stata quest'anno una delle manifestazioni musicali di maggior rilievo per L'Abruzzo. (Carlo Laurenzi)

26/11/2006

ARTICOLI (intervista): Inserito nella rassegna Incroci Sonori, si è svolto il concerto di Stefano Di Battista Quartet. Ad accompagnare il musicista romano, Julian Oliver Mazzariello al piano, Dario Rosciglione al contrabbasso ed Amedeo Ariano alla batteria.

24/10/2006

Essential team (Pippo Matino)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

16/07/2005

Il trio Servillo - Girotto - Mangalavite al Multiculturita di Capurso: "...Una vera lezione di grazia, levità e stile è la rivisitazione della magica Vuelvo al Sur impreziosita dalla voce di Pablo Neruda che opportunamente ne accompagna l'esecuzione..." (Alceste Ayroldi)

23/05/2005

Stefano Di Battista Quartet all'Auditorium di Roma: "...Il leader non ha sicuramente mostrato una forma eccellente anche se la sua qualità gli permette, anche quando non è in giornata, di mantenere standard molto alti..." (Marco De Masi)





Video:
Multiculturita SJF: 12 Luglio - Intervista Stefano Di Battista
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/08/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2101
MULTICULTURITA SJF: 14 LUGLIO - INTERVISTA STEFANO BOLLANI
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/08/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2114
Luca Medici, è subito festa!
http://www.capursomap.it/new/25/07/2011/cultura/luca-medici-e-subito-festa-n3......
inserito il 25/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2375
MULTICULTURITA SJF: 14 LUGLIO - STEFANO BOLLANI E I VISIONARI
http://www.capursomap.it/new/15/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-14-luglio-......
inserito il 24/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2891
Multiculturita SJF: 12 Luglio - Stefano Di Battista quintet
http://www.capursomap.it/new/13/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-12-luglio-......
inserito il 19/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2515
Multiculturita SJF: 13 Luglio - Pino Mazzarano - Gianni Lenoci - Saint Louis Big Band
http://www.capursomap.it/new/14/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-13-luglio-......
inserito il 18/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2879
Fabrizio Bosso - Seminario di Tromba Jazz
MousikéCentro di Attività e Formazione MusicaleSeminario di Tromba Jazz con Fabrizio Bosso 27 Marzo 2010 - Martina Franca (TA)...
inserito il 03/07/2010  da ScuolaMousike - visualizzazioni: 3356
Stefano di Battista #nsj2008
Stefano di Battista (soprano sax, alto sax); Fabrizio Bosso (trumpet); Baptiste Trotignon (Hammond B3 organ); Greg Hutchinson (drums)...
inserito il 28/03/2010  da marcodalmeijer - visualizzazioni: 2762
Stefano di Battista @ North Sea Jazz 2008
Stefano di Battista (soprano sax, alto sax); Fabrizio Bosso (trumpet); Baptiste Trotignon (Hammond B3 organ); Greg Hutchinson (drums)...
inserito il 28/03/2010  da marcodalmeijer - visualizzazioni: 2969
Stefano Di Battista @ Jazz in Marciac : Vendredi 8 aout 2008
Au sein du quartette de Stefano Di Battista, un nouveau venu, le trompettiste Fabrizio Bosso qui a succédé à Flavio Boltro. Il sera la ...
inserito il 06/03/2010  da jazzinmarciactv - visualizzazioni: 3151
ELBA JAZZ 2008.flv
Rassegna Elba jazz 2008Concerto Stefano Di Battista quartet con Fabrizio Bosso (tromba), Baptiste Trotignon (hammond), Greg Hutchinson (drums) e guest...
inserito il 13/12/2008  da simoneno - visualizzazioni: 2877
I will love you
Stefano di Battista "Trouble shootin' 4tet w/ Fabrizio Bosso-Baptiste Trotignon-Greg Hutchinson at Jazz Baltica 2008...
inserito il 07/12/2008  da ghouftanza - visualizzazioni: 2869
The Serpent's Charm
Stefano Di Battista/Trouble Shootin' 4tet at Jazz Baltica 2008 - Stefano di Battista,Fabrizio Bosso,Baptiste Trotignon,Gregory Hutchinson at J...
inserito il 06/12/2008  da ghouftanza - visualizzazioni: 2778
Weather or not/Under her spell (extracts)
Stefano di Battista-Fabrizio Bosso-Baptiste Trotignon-Greg Hutchinson LIVE at Jazz Baltica 2008...
inserito il 05/12/2008  da ghouftanza - visualizzazioni: 2948
Stefano Di Battista - Work Song
Stefano Di Battista & Fabrizio Bosso suonano Work Song al concerto del 1 maggio 2008 a Roma...
inserito il 10/09/2008  da lucacolantonio - visualizzazioni: 3165
Stefano Di Battista Quartet Amsterdam July 2008
"Essaouira" Stefano Di Battista Quartet Amsterdam July 2008 w/ Fabrizio Bosso, Baptiste Trotignon & Greg Hutchinson...
inserito il 10/09/2008  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 2785
Stefano Di Battista_Rita Marcotulli - Ho Visto Nina Volare
Stefano Di Battista, Fabrizio Bosso & Rita Marcotulli - Ho Visto Nina Volare di F. De Andrè...
inserito il 01/09/2008  da lucacolantonio - visualizzazioni: 3221
Stefano Di Battista The Jody Grind
Stefano Di Battista & Fabrizio Bosso Concerto 1 Maggio.. The Jody Grind...
inserito il 28/08/2008  da lucacolantonio - visualizzazioni: 3073
Stefano Di Battista Under Her Spell
Stefano Di Battista & Fabrizio Bosso Under Her Spell 1 maggio 2008...
inserito il 28/08/2008  da lucacolantonio - visualizzazioni: 3077
Fabrizio Bosso al 23° Festival Jazz di Ramatuelle
Fabrizio Bosso al Festival Jazz di Ramatuelle il 17/08/2008 con il quintetto di Stefano di Battista in una stupenda versione di In a sentimental mood,...
inserito il 25/08/2008  da mastjazz - visualizzazioni: 3251
Umbria Jazz Festival, Perugia, Italy: sound check w/ Baptiste Trotignon, Greg Hutchinson and Fabrizio Bosso
Perugia Italy, Umbria Jazz: sound check for Stefano Di Battista w/ B. Trotignon, G. Hutchinson & F. Bosso:Perugia, Italy July 2008...
inserito il 22/07/2008  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 3185
Joe Locke Quartet "The Rosario Material" live
The Joe Locke Quartet, live at A-Trane, Berlin (Nov. 05, 2007) — "The Rosario Material", featuring Joe Locke (vibes), Jonathan Kreisbe...
inserito il 01/02/2008  da nadworks - visualizzazioni: 1534
Stefano Di Battista Quartet, Brazil Tim Festival 2007
Stefano Di Battista ft. Gregory Hutchinson on drums, Fabrizio Bosso on Trmpette, and Baptiste Trotignon on organ. Oct. 2007 Sao Paulo, Brazil...
inserito il 09/11/2007  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 3051


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.853 volte
Data pubblicazione: 19/08/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti