Jazzitalia - Articoli: Intervista a Karima
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Karima
di Laura Scoteroni
Foto di Pasquale Fabrizio Amodeo

KarimaKarimaKarimaKarima
click sulle foto per ingrandire

La vocalist Karima, tornata sulle scene con un nuovo disco "Close to You" nel quale reinterpreta alcuni dei brani più famosi di Burt Bacharach. Dopo l'esperienza negli States, è attualmente impegnata con il tour di presentazione del nuovo disco dei FunkOff dal titolo "Things Change". L'abbiamo incontrata a Roma alla Casa del Jazz, quarta tappa del tour.

Dalla dote naturale alla studio come professionista, come è andata?
Ho iniziato a cantare molto presto: a sei anni; mentre ho iniziato a studiare canto a 22 anni, per cui tutto quello che ho fatto prima ‘Domenica In', ‘Bravo Bravissimo', tre anni di coro gospel, i musical, sono tutte cose che ho fatto da autodidatta. Ho ascoltato tanta musica, ho avuto la fortuna del dono della voce concessomi dal Signore, e quindi l'ho coltivata tanto. I primissimi anni tutto quello che son arrivata a fare è da autodidatta, ho iniziato a studiare canto dopo la trasmissione ‘Amici'.

L'incontro e la collaborazione con Bacharach: quali sono stati i pro ed i contro se risono stati?

Ho fatto un po' da spugna in questa esperienza, ho cercato di imparare tutto quello che un personaggio come lui a 87 anni, può trasmettere e può dare a una cantante giovane come ero io, che ormai ho raggiunto i trent'anni. Mi ha trasmesso e insegnato tantissimo, riflettendoci aspetti negativi non ce ne sono stati, perché lui è una persona estremamente semplice, questa è la grandezza. Io dico sempre che ‘chi è davvero grande non ha bisogno di dimostrarlo ', come ‘chi ha i soldi non ha bisogno di andare in giro sfarzoso, con una supermacchina per far vedere il potere'; lui va in giro costantemente in tuta e scarpe de ginnastica, si mette il completo giacca e cravatta solo per il palco. Se dovessi dire anche solo una cosa negativa non potrei dirtela perché non c'è.

Come hai fatto con la lingua?
L'inglese lo parlo abbastanza, poi lui è un po' come i bambini, perché gli anziani parlano già diversamente: lui parlava un po' sottovoce, un po' non scandendo le parole, e per me era difficilissimo capirlo, per cui cercavo di tendere l'orecchio e captarlo, quando era impossibile, nel panico dicevo ‘aiutatemi perché questa parte della frase me la sono persa'.

L'album "Close to you" è la naturale prosecuzione dell'incontro con il maestro?
E' stata più la ciliegina sulla torta che ha coronato questa collaborazione che è nata quando avevo ventitré anni. Molti pensavano che io nono sapessi neanche di fosse Burt Bacharach, data la mia giovane età, invece a sedici anni già cantavo i suoi grandi successi, quindi per me è stato uno dei sogni che si è andato a coronare, questa collaborazione è stata meravigliosa, una cosa che mi porterò dietro tutta la vita, un onore ed un insegnamento incredibile. Il disco è stata proprio una scelta di fare un omaggio a lui, tra l'altro ‘Close to you' che dà il titolo al disco, è uno dei suoi brani più conosciuti, portato al successo dai The Carpenters, la cui traduzione letterale significa ‘vicino a te, vicino a voi'. Io vengo una lunga pausa discografica, l'ultimo disco è del 2010, mentre questo è uscito nel 2015, nel mezzo ho fatto diverse cose, tra l'altro anche una bambina! Il disco era un modo di comunicare ai miei fan, alle persone che mi seguono e anche a quelle che non mi seguono, che c'è comunque una vicinanza, perché se un artista, per un momento è fuori dalle scene, televisione, radio, non significa che sia lontano dal suo pubblico. Dietro le quinte in realtà si crea il maggior lavoro, perché andare nello studio di registrazione è veramente un attimo, il lavoro grande è nella pre-produzione, è tutto quello che succede prima, il rapporto con i musicisti, l'arrangiamento; è quasi necessario trasmettere che l'artista anche se non è visivamente presente, è comunque in empatia con il proprio pubblico. C'è sempre questo cordone ombelicale, ed è bene ricordare che noi artisti senza il pubblico non saremmo niente, per cui noi dobbiamo il nostro successo, la nostra gratificazione alle persone che ci permettono di fare questo lavoro.

Come nasce la scelta del medley di "The guy's in love with you / A house is not a home"? A parte le esigenze di compressione per far rientrare tutti i brani nel cd, se non sbaglio Bacharach il brano "A house is not a home" lo abbina ad "Alfie". L'abbinamento è frutto di scelte o di esigenze?
Per quanto riguarda ‘Alfie' è un brano che ritengo il mio cavallo di battaglia, è il brano con cui Bacharach mi ha conosciuto per la prima volta ascoltandomi; è il brano che nel disco o nel live riservo sempre a pianoforte e voce, preferendo farlo per intero, tra l'altro dura sette minuti e mezzo dal vivo e nel disco; minuti che volano, perché crea un'atmosfera che ti trasporta. Quindi non volevo ‘inquinarlo' con un altro brano. Abbiamo cercato armonicamente un brano che stava bene con ‘A house is not a home' che è una bellissima ballad con un medium come ‘The guy's in love with you' che non è né un fast né un'altra ballad, ma è qualcosa che armonicamente si riusciva ad agganciare.

Quali sono le differenze che hai riscontrato nel lavorare in Italia e negli Stati Uniti per quanto riguarda la musica?
La prima differenza è che in America è un lavoro ed è riconosciuto come tale. Noi in Italia siamo famosi per il fatto che quando una persona ti chiede ‘che lavoro fai?' e te gli dici ‘il cantante' ti risponde ‘sì per hobby, ma di lavoro?'. Qui non è concepito ancora come tale, nonostante ci siano moltissime persone che lo fanno per lavoro. Non è concepito neanche a livello governativo; per esempio ho un amico che è andato a Berlino, quando a fine mese non è riuscito a guadagnare quello che gli serviva per vivere lì ha avuto un aiuto, un sussidio, che qui non abbiamo. In America è riconosciuto come un lavoro e non c'è il pregiudizio che abbiamo qua. E' chiaro che se voglio fare una cosa che mi piace non sto a giudicare con chi lo faccio. Ad esempio quando avevo diciotto anni suonavo con quelli di cinquanta, perché mi dicevano punta sempre al top, perché se punti a 100, mal che vada fai novanta; però se punti ad accontentarti di settanta, rimarrai giusto sulla sufficienza.

Che tipo di esperienza è stata l'apertura del live ‘Nothing but love' di Whitney Huston a metà aprile del 2010?
Questa è stato il top del top del top! Perché io sono cresciuta ascoltando le canzoni di Whitney Huston, devo principalmente a lei se sono una cantante professionista. Quando l'ho ascoltata mi sono detta: ‘io voglio cantare così'. Io amo tutto di lei, come donna, come artista, come bellezza, come talento, come classe, come simpatia: per me lei aveva tutto.

Che insegnamento ti ha dato la vicenda di Whitney, sulla tua vita? Cosa ti ha fatto pensare?
Bella domanda, non me l'ha mai fatta nessuno. Io non ci volevo credere, mi hanno mandato un milione di messaggi come se mi fosse morto un parente, perché sapevano quanto ero legata a lei. Probabilmente mi ha insegnato che bisogna cercare di apprezzare quello che abbiamo, lavorare per avere il meglio, ma il rischio di cadere nell'insoddisfazione cronica c'è e nasce dal rincorrere sempre qualcosa. Per cui credo che soffermarsi e apprezzare quello che hai nel presente e non lamentarsi troppo di quello che magari non si ha, perché quello che deve arrivare, col tempo arriverà.

Questo ha influenzato l'idea di metter su famiglia?
No. Mia figlia Frida oggi ha sedici mesi, io ho sempre desiderato un figlio entro i trent'anni, questo desiderio è sempre stato dentro di me, poi s'è avverato, perché sono rimasta incinta all'improvviso. Stavo da pochissimo insieme con il mio compagno, non ci pensavo, ma Frida è arrivata e facendo un conto che in quel mese in cui ero ignara d'essere incinta, avevo fatto di tutto: giocavo a tennis, andavo a correre 10 km. al giorno, sono caduta, ho fatto il bagno nell'acqua ghiacciata al mare. Alla prima ecografia già c'era il cuore, sicché ho detto ‘questa è una forza della natura', ho fatto il conto ed ho detto ho ‘ventotto anni il mio desiderio alla fine si è esaudito'. Tu, da mamma, puoi capire che è un bel lavoro, andare a lavorare e avere una famiglia richiede tanta energia tanta dedizione.

Qual è la parte più difficile di questo mestiere?
La parte più difficile, per chi come me punta alla qualità e al valore delle cose, è che il mondo di oggi va troppo in fretta, corre troppo, e in questo correre troppo ci perdiamo le sfumature delle cose, perdiamo anche quello che succede intorno a noi, e nella nostra vita; per ciò, magari fai una cosa, questa dura un mese e poi svanisce. Esempio la radio va talmente veloce, anche il pubblico non ha la possibilità di capire cosa davvero gli piace, perché vengono bombardati di una serie di musica così velocemente, che uno si abitua ad un singolo e il mese dopo ne è già uscito un altro: e questo mi fa un po' paura. Quando si è sparsa la diceria sulla profezia dei Maya, ho sperato che portasse a una consapevolezza maggiore, vorrei che qualcuno da lassù tirasse un po' il freno a mano, ci facesse rallentare. E' una cosa in cui confido molto.

Com'è nato l'incontro con i FunkOff e Dario Cecchini ?
E' nato grazie a Dario Cecchini che mi ha cercata, per questo nuovo progetto ‘Things change' il loro disco, dove ci sono Raul Midòn ed Avery Sunshine, due musicisti bravissimi. Mi hanno detto ‘perché non vieni con noi a fare la promozione del disco?'. Io quando ho frequentato la Berkleee School di Boston ho fatto le Clinics ad UmbriaJazz ero piccolina e seguivo i Funk Off. Probabilmente è successo anche perché parliamo la stessa lingua toscana e tra di noi c'è un feeling pazzesco, anche il modo di stare insieme quando non si è sul palco è molto importante perché crea un'alchimia che si riversa anche nella musica. Credo che nascerà una collaborazione davvero interessante anche per il prossimo disco, stiamo già lavorando per dei brani nuovi insieme. Sono molto contenta anche perché Dario è una persona eccezionale.






Articoli correlati:
08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

04/07/2010

Una Banda Cosi' (Funk Off) - Fabrizio Ciccarelli

26/08/2007

Multiculturita Summer Jazz 2007, i concerti di Balducci Ensamble, Funk Off, Rava Quintet, Gino Paoli e il quartetto di Pat Metheny e Brad Mehldau, l'intervista a Pat Metheny: "Capurso capitale pugliese del jazz nell'estate 2007. Non si tratta di un messaggio promozionale volto a promuovere un evento, ma un giusto riconoscimento per chi ha consentito a questo paese, sito nell'hinterland barese, di divenire in così pochi anni uno dei punti di riferimento regionali dal punto di vista musicale..." (Alberto Francavilla - Marco Losavio)

11/06/2005

Karima Ammar in un tributo a Ray Charles: "...Uno spettacolo di grande energia che ha regalato al pubblico presente le emozioni che solo i più alti eventi artistici sanno offrire..." (Bruno Pollacci)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.173 volte
Data pubblicazione: 05/07/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti