Jazzitalia - Articoli: Intervista a Luca Pirozzi
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Intervista a Luca Pirozzi
gennaio 2014
di Alceste Ayroldi

Si chiama "Thematico "Cut"" l'ultimo lavoro discografico di Luca Pirozzi, bassista italiano di particolare pregio e versato tanto al jazz quanto al pop. Tutte composizioni originali a firma del Nostro che percorrono il suo passato e lanciano un occhio lungo verso il futuro. Armonie e melodie di marca italiana si fondono perfettamente con l'improvvisazione jazz. Una bella mano d'aiuto la danno i suoi sodali (Javier Girotto al sax soprano, Enrico Zanisi al pianoforte e Alessandro Paternesi alla batteria), che interpretano perfettamente il pensiero di Pirozzi mettendoci tutta la loro anima e ineluttabile professionalità. Di questo e altro ne parliamo con l'autore.

Luca, come è iniziato il tuo rapporto con il jazz?
E' stato un "avvicinamento" molto graduale ed è ancora in fase di innamoramento… Non sono uno di quelli "folgorati" dal jazz. Musicalmente sono nato ascoltando e suonando sui dischi dei Genesis, Led Zeppelin, Zappa e altri. Sono passato poi a Stanley Clark e Billy Cobham e ho continuato con Chick Corea e il Miles elettrico; ma il primo sconquasso emotivo, musicalmente parlando, l'ho avuto ascoltando i Weather Report! E' stata una vera ondata di energia ed era esattamente quello che stavo cercando a livello emozionale e tecnico. Da quel momento mi sono tuffato nell'ascolto dei giganti del jazz: Miles, Coltrane, Parker, Shorter, Bill Evans, ma non ho mai diviso la musica tra "è Jazz, non è Jazz"!

In ambito jazzistico hai una serie di collaborazioni prestigiose: da Maria Schneider a Bob Brookmeyer, da Kenny Wheeler a Norma Winstone, giusto per citarne qualcuna. C'è ne è una che ha lasciato, in particolare, il segno?
La fortuna di far parte dell'organico della Pmjo (Parco della Musica Jazz Orchestra fondata da Mario Corvini e Pietro Iodice con Maurizio Giammarco alla direzione) dal 2005 ad oggi, mi ha portato a collaborare con nomi importantissimi. La collaborazione con Maria Schneider è stata fantastica! Scrive della musica meravigliosa ed è stato emozionante il modo con cui ha diretto l'orchestra alle prove. Ci ha fatto sistemare in cerchio e lei, praticamente, "ha danzato" al centro, mentre dirigeva. Ci ha fatto dimenticare lo spartito che avevamo davanti ed entrare in quel transfert espressivo in cui non sono le note la cosa più importante; ci ha raccontato a cosa era legato emotivamente il brano che stavamo provando con l'intenzione farci suonare completamente immersi nella composizione e senza pensare ad altro…Wow!!! Certo che essere diretti anche da Bob Brookmeyer non è stato male! Poi Keeny Wheeler, Bill Holman, Mike Gibbs, Uri Caine, Dave Douglas, Kevin Hayes

Poi, ci sono quelle extra-jazzistiche e, anche qui, chi è che ricordi con particolare piacere?
Ho lavorato sia in tour che in studio con parecchi artisti del pop italiano: Mina, Zarrillo, Sergio Caputo, Mike Francis, Lucio Dalla, ma è Alex Baroni che mi è rimasto nel cuore: come artista e come amico.

Nel 1986 sei stato in tour con Bruno Martino. Che ricordo hai di lui?
Iniziare la mia carriera in tour con un "gigante" come Bruno Martino è stata una grande opportunità umana e lavorativa. Gentilissimo e di una simpatia coinvolgente. Una volta alle prove in casa sua mi disse: "suona solo le note necessarie… funzionerà tutto meglio".

Ritieni sia importante per un jazzista cimentarsi anche in altre musiche?
Ognuno ha il diritto di fare il proprio percorso: suonare quello che vuole e quello che sente. Il blues, il jazz, come la musica classica, hanno influenzato tutta la musica moderna. Ma bisogna essere consapevoli che ogni stile ha delle proprie difficoltà e nasconde delle insidie, anche solo in merito di groove, di timing. Riuscire ad essere curiosi, non fa altro che giovare al proprio patrimonio artistico. L'importante è avere voglia di esplorare, di giocare con la musica, e cercare di non mettere dei paletti che escludono visioni più ampie e rischiano di auto-ghettizzarsi in ambiti particolari di genere. Lo scambio che può avvenire su un palco tra musicisti, ammiccando a una ritmica diversa da quella concepita in un dato brano, non fa che giovare al gusto artisticamente universale che la musica dovrebbe trasmettere a tutti.

Qual è il tuo background culturale, quali sono gli studi che hai svolto?
Quando mi sono avvicinato alla musica non esistevano ancora le moltitudini di scuole che ci sono oggi. Ho iniziato a studiare pianoforte classico a dieci anni, ma ho smesso dopo qualche mese, forse colpa della mia giovane età o di un insegnante un po' troppo tradizionale. L'approccio al basso elettrico è stato totalmente autodidatta. Ho studiato suonando sui dischi, apprendendo tutto ciò che potevo; linee di basso, temi, soli e leggendo qualsiasi libro didattico che mi capitava. Ho sempre avuto l'istinto di saper organizzare lo studio, sia della tecnica strumentale e sia dell'armonia; questo forse mi ha permesso di iniziare a suonare avendo già un buon background didattico. Poi nei primi anni '80 Roma era piena di jazz club (si suonava quasi tutte le sere) e ho potuto quindi frequentare e confrontarmi con i più grandi musicisti italiani.

Svolgi anche una consistente attività didattica. Qual è la prima cosa che dici ai tuoi allievi?
La prima cosa che dico ad un giovane che si avvicina alla musica è che bisogna lavorare sulla qualità dello studio. E' importante "come studiare" e non solo "cosa studiare". Nel 2011 ho scritto un libro, pubblicato per la Sinfonica Jazz, "Metodo per Basso Elettrico Vol.1" e nella prefazione scrivo: non si può certo prescindere dallo studio dell'armonia, della teoria, della tecnica strumentale e dall'ascolto mirato di tutti i più grandi musicisti che hanno cambiato, con il loro genio, il corso della musica, ma la vera differenza tra due persone che studiano lo stesso argomento sta sempre nel come affrontare le varie difficoltà che inevitabilmente si incontrano e trovare una strada su come modellare lo studio rispetto alle proprie capacità di apprendimento.

Parliamo del tuo ultimo lavoro: "Thematico "Cut"". Un titolo piuttosto criptico e intrigante. Ce lo vorresti spiegare?
Da più di venticinque anni ho l'abitudine di registrare qualsiasi idea sonora mi passi per la mente. Ho quindi un archivio sonoro ampio e variegato; un paio di anni fa, riascoltando tutto il materiale, ho estrapolato solo i frammenti melodici e tematici. Sono partito da queste idee tematiche (Thematico) e con un opera di "taglia e cuci" armonica e melodica ("Cut") ho definito le sei tracce dell'album. Oltretutto ho sempre amato ammirare e perdermi nei "tagli" delle tele di Lucio Fontana quindi il "Cut" per me assume anche un significato onirico.

Hai voluto privilegiare la linea melodica. E' una scelta voluta o è semplicemente derivata dal momento in cui hai composto i brani?
Non avevo voglia di fare un disco da bassista, ma realmente è stata una scelta naturale e non pensata a tavolino. Quando si è ragazzi, le energie fuoriescono così prepotentemente che si ha l'esigenza di suonare tanto, e anche di esplorare in tutte le direzioni, sia ritmiche che di stile. Con la maturità viene la consapevolezza di quanto sia importante il peso anche di una sola nota, e quanto conti l'esposizione del tema, capace di trasportare e guidare l'emozione di chi ascolta. La musica classica ci ha donato questa forza, come l'espressione più europea del jazz.

Nel comporre e nell'arrangiare hai tenuto a mente qualche modello in particolare?
Di sicuro sapevo dove non doveva andare la mia musica, ma anche qui non c'è premeditazione. Sono un istintivo e preferisco cavalcare l'onda emozionale del momento. Non ho utilizzato clichè, né mi sono prefissato un obiettivo. Ho semplicemente lasciato fluire le melodie, e il sapore che prendevano se incalzate da un particolare accordo. In fase di arrangiamento in tre brani ho chiesto una mano a Fabrizio Cesare, un amico di vecchia data, nonché un fantastico arrangiatore/compositore.

Di influenze musicali in questo album ce ne sono parecchie, sembra racchiudere un po' il tuo vissuto artistico. E' un resoconto, frutto della maturità?
Hai colto nel segno. La musica rispecchia in qualche modo la vita, arriva un momento in cui si sente il bisogno di fare il punto e inevitabilmente tutto il background fuoriesce, filtrato, epurato e maturato. Se sono riuscito a farti percepire questo beh, sono contento. C'è molto del mio lato "europeo", probabilmente la parte più lirica.

Un combo di eccezionali musicisti: come e perché hai scelto proprio Girotto, Zanisi e Paternesi?
La scelta di Javier è stata naturale! Mentre le composizioni prendevano forma avevo sempre il sound del soprano di Javier in testa. E' un grandissimo musicista oltre che un caro amico; sono veramente pochi ad avere cosi tanta energia, intensità e lirismo! Per quanto riguarda piano e batteria avevo la necessità di suonare con musicisti con i quali non avevo ancora mai suonato prima, avevo voglia di essere sorpreso all'interno della mia stessa musica. Enrico ed Alessandro sono stati la scelta migliore che potessi fare. Hanno dato alla musica freschezza ed energia ed è stato tutto cosi naturale che il disco è stato registrato in un giorno. Ho chiuso il cerchio con l'etichetta che ha pubblicato il mio album: la nuovissima J&JJazz, costola della più longeva Joe & Joe, una label in cui convivono i progetti pop e quelli jazz, quelli prettamente cantautorali ed altri intrisi di blues, tutti però sostenuti con la stessa passione e professionalità.

Chi è il tuo contrabbassista e bassista di riferimento?
Per quanto riguarda il basso elettrico direi Jaco Pastorius. E' scontato ma realmente è così! Mi ha letteralmente folgorato quando lo sentii la prima volta sul disco "Heavy Weather". Steve Swallow è un altro grandissimo. Poi Paul Chambers, Ray Brown, Dave Holland, ma più di tutti Charlie Haden: mi entra nelle viscere. Ce ne sono tanti altri: Keith Jarrett, Bill Evans, Brad Mehldau, Wayne Shorter, Miles Davis… ma… oops… non suonano il basso!

Si diceva che hai collaborato con tantissimi grandi del jazz e non solo. C'è qualcuno con cui vorresti (o avresti voluto) collaborare?
Far arrangiare a Maria Schneider i miei brani per orchestra, sarebbe bello!

Quali sono i tuoi prossimi impegni e quali i tuoi obiettivi a medio e lungo termine?
In questo momento sono in giro con il mio Thematico 4et con date già in cartellone e ne sto pianificando altre fino alla prossima estate. A breve pubblicherò il mio secondo "Metodo per Basso Vol.2" e ho appena aperto una scuola di basso a Roma: "Bassoschool". Ma le idee nel cassetto sono tante, la peculiarità della musica è proprio quella di non avere limiti e confini: altri Paesi in cui suonare, tanti altri musicisti da conoscere, altri progetti artistici e nuovi dischi.






Articoli correlati:
07/01/2017

Javier Girotto & Fabio Giachino Duo: "Se per Giachino la musica è danza lieve, citazione colta e fulminea, gioco e diletto, talvolta quasi fanciullesco, in Girotto è fuoco e carne, è storia, cultura e politica personale e del proprio paese d'origine." (Andrea Gaggero)

05/11/2016

Special Dish (Cristina Zavalloni)- Gianni Montano

05/11/2016

Psychedelic Light (Antonio Tosques & Pietro Iodice Lithium J Quartet)- Gianni Montano

02/10/2016

Atrìo (Atrìo)- Alceste Ayroldi

15/05/2016

Give Me Five By Foot! (Tuk Music Antologico)- Alceste Ayroldi

19/07/2015

Messina Sea Jazz 2015: "Quattro serate all'insegna del jazz, otto formazioni, una grande orchestra e un unico prezioso fil rouge: la Sicilia." (Nina Molica Franco)

05/07/2015

Young Jazz Festival 15: "L'undicesima edizione del festival fulginate patrocinato da Umbria Jazz e diretto da Giovanni Guidi ha confermato l'ormai consueto taglio innovativo e la festosa partecipazione di numerosissimi giovani nel nuovo spazio dell'ex cinema Vittoria, oggi denominato Zut!" (Vincenzo Fugaldi)

24/02/2015

Live alla Casa del Jazz (Pippo Matino Joe Zawinul Project)- Nina Molica Franco

25/01/2015

Love and Groove: Live at The Place (Pippo Matino - Silvia Barba Bassvoice Project)- Nina Molica Franco

12/01/2015

Conversation With My Soul (Giovanni Tommaso Consonanti Quartet)- Alceste Ayroldi

08/12/2014

A! (Francesco Pierotti Trio)- Francesco Favano

09/11/2014

Thank You (Mario Nappi Feat. Javier Girotto)- Nina Molica Franco

08/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Stefano Mastruzzi, Camilla Records: "La discografia non è affatto defunta, semplicemente deve cambiare muta e rinnovarsi per adeguarsi ai tempi. Scoprire il talento, coltivarlo, assecondarlo, contrastarlo e portarlo alla maturità artistica è una missione." (Alceste Ayroldi)

19/10/2014

Do You Agree? (Marco Postacchini Octet feat. Fabrizio Bosso)- Antonella Chionna

12/10/2014

Thematico Quartet : "Un tema per ogni brano e il Thematico Quartet tesse le fila di una costante linea melodica che nonostante i diversi stili che caratterizzano i brani, si mantiene come tratto comune e peculiare." (Nina Molica Franco)

16/08/2014

Castroreale Jazz Festival 2014: "Antonio Onorato e Toninho Horta con il loro nuovissimo progetto From Napoli to Belo Horizonte, le melodie e i racconti intensi della Lighea di Enrico Pieranunzi, finale esplosivo con il tridente Servillo, Girotto, Mangalavite in Fùtbol" (Nina Molica Franco)

21/07/2014

Keywords (Enrico Zanisi)- Alceste Ayroldi

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

31/05/2014

Radio Trio (Enrico Zanisi, Marco Siniscalco, Emanuele Smimmo): "...appare evidente come i brani siano stati sapientemente e accuratamente arrangiati, con scelte semplici ma di grande efficacia che garantiscono varietà e freschezza ad un repertorio non sempre memorabile." (Andrea Gaggero)

06/04/2014

Cristina Zavalloni e Radar Band: "Cristina Zavalloni ha la capacità di elaborare continuamente nuove concessioni alla creatività, compone musica, scrive testi e canta in varie lingue. Sul palco si muove con grande naturalezza esplorando il movimento corporeo in una gestualità che segue l'ispirazione del testo..." (Viviana Falcioni)

25/11/2013

Yatra Vol. 2 (Enzo Pietropaoli Quartet)- Enzo Fugaldi

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

05/10/2013

Multiculturita Summer Jazz Festival - XI Edizione: Il Contest con una "lotta all'ultima nota", i concerti con Nuevo Tango Ensamble, Fabularasa feat. Gabriele Mirabassi, il "BassVoice project" di Pippo Matino - Silvia Barba e il CorLeone di Roy Paci. (N. Molica Franco - M. Losavio)

15/09/2013

Quattro chiacchiere con...Natalio Mangalavite: "Sono latino e molto. Questo esce sempre qualunque musica io suono. Non posso fare diversamente." (Alceste Ayroldi)

28/07/2013

SPL (Fulvio Sigurtà)- Alceste Ayroldi

09/06/2013

Dedicato (Alessandro Paternesi P.O.V. Quintet)- Roberto Biasco

31/03/2013

Heart And Soul (Stefano Sabatini Trio)- Gianni Montano

24/03/2013

Intervista a Enrico Zanisi: Ospite al Festival 12points di Dublino, perchè selezionato come artista italiano tra giovani di tutta Italia. "Non serve dovere fare qualcosa per innovare ma 'poter' fare qualcosa per esprimersi." (Daniela Floris)

03/03/2013

Life Variations (Enrico Zanisi Trio)- Nicola Barin

24/02/2013

Sei domande a: L.Aquino, J.Mazzariello, A.Paternesi, E.Pietropaoli, M.Rabbia, F.Sigurtà, E.Zanisi: "L'insegnamento, gli spazi e i festival, il jazz europeo e americano, i media la discografia..." (Vincenzo Fugaldi)

23/02/2013

Aram (Fabrizio Savino)- Alceste Ayroldi

17/02/2013

Il Caffè Delle Americhe (Angelo Valori & M. Edit Ensemble)- Gianni Montano

22/12/2012

Etruschin Jazz (Marco Guidolotti) - Francesco Favano

18/11/2012

Suono Di Donna (Ada Montellanico)- Roberto Biasco

29/09/2012

European Jazz Expo #2: Asì, Quartetto Pessoa, Moroni & Ionata, Mario Brai, Enrico Zanisi, Alessandro Paternesi, David Linx, Little Blue, Federico Casagrande, Billy Cobham (D. Floris, D. Crevena)

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

09/09/2012

Songs From The Top Of The World (Nina Pedersen)- Enzo Fugaldi

24/06/2012

Voices (Paolo Di Sabatino)- Giovanni Greto

19/05/2012

Precipitevolissimevolmente (Stefano Scarfone)- Gianmichele Taormina

14/05/2012

D'impulso (Nuevo Tango Ensamble) - Alceste Ayroldi

13/02/2012

Pangea (J. Girotto - Sax Four Fun)- Alessandro Carabelli

21/01/2012

Sin Lugar A Dudas (Cordoba Reunion) - Cinzia Guidetti

21/01/2012

"...tutti i musicisti si ritagliano un loro assolo lasciando ampio spazio all'improvvisazione che fa sì che ogni serata del gruppo sia sempre diversa e ricca di novità. Sotto si fondono non solo ritmi argentini, ma di tutto il Sud America, contaminati anche dall'Europa dove i quattro vivono e lavorano spesso." (Cinzia Guidetti, Francesco Truono)

21/01/2012

"l'unica cosa che rimane da fare è sensibilizzare la popolazione e spiegare loro che il jazz, come la musica popolare e come tutte le musiche che sono di ricerca, sono importanti perchè fanno parte della cultura di un popolo."

12/11/2011

Serravalle Jazz 20011: "...una kermesse ricca e gratuita. Nel numero consistente di appuntamenti organizzati non tutti sono stati all'altezza delle aspettative, ma la rassegna ha fornito un quadro abbastanza diversificato su quanto "gira" attualmente nel jazz o nei suoi dintorni." (G. Montano, A. Gaggero)

22/10/2011

Le Vie Del Pane E Del Fuoco (Ettore Fioravanti) - Andrea Gaggero

22/10/2011

Alrededores De La Ausencia (Javier Girotto) - Alceste Ayroldi

09/10/2011

XXIV Edizione Festival Internazionale Time in Jazz: "Dopo Acqua e Aria, quest'anno è la Terra protagonista, a partire dal senso stretto come terreno su cui si cammina, si vive, si suona fino a giungere al senso lato come pianeta." (Viviana Maxia)

11/09/2011

Variazioni Su Tema (Marcotulli, Girotto, Biondini) - Alceste Ayroldi

31/07/2011

Girotto-Servillo-Mangalavite: "Una cornice suggestiva, Fonti di Pescaia a Siena, un'organizzazione impeccabile, quella del festival Voci di Fonte; un' intesa ineccepibile, quella tra i grandi artisti che, questa volta, unisce il trio Girotto-Servillo-Mangalavite." (Pietro Scaramuzzo)

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

20/03/2011

Lazy Saturday (Marco Postacchini Octet (MP'S Jazzy Brunch)) - Daniele Camerlengo

06/03/2011

Luna Del Sud (Paolo Di Sabatino Trio with Horns)- Enzo Fugaldi

24/12/2010

#2 (Alessandro Gwis) - Alceste Ayroldi

24/11/2010

30th Anniversary Concerts (Zlatko Kaucic) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

18/11/2010

Like a Bob Dylan (Cinzia Tedesco) - Fabrizio Ciccarelli

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

17/10/2010

I grandi pianisti Jazz: Un mini festival per celebrare il jazz pianistico. Di sicuro si è sentita bella musica, molto varia, essendosi avvicendati sul palco due nuovi giovanissimi talenti (Vincenzo Danise ed Enrico Zanisi) e due solidi jazzisti (Dave Kikoski e Antonio Farao'). Prima della musica un'ardita introduzione del critico d'arte Vittorio Sgarbi con un parallelismo tra il jazz e una certa arte figurativa contemporanea passando dal cubismo per arrivare alla "action painting". (Daniela Floris)

28/07/2010

Megalitico (Gavino Murgia 5tet) - Alceste Ayroldi

09/05/2010

Intervista a Bebo Ferra: Io sono e resto un musicista di jazz. "Se le basi del linguaggio jazz sono comuni la nostra storia ci obbliga a differenziarci dagli improvvisatori d'oltreoceano. E non è solo un esigenza artistica. Io voglio raccontare, far sentire, qualcosa di me, delle mie origini, della la terra in cui sono nato. Non vuol dire che devo improvvisare su materiali sardi. Vuol dire che vorrei che la mia anima venisse in qualche maniera narrata dalla mia musica" (Marco Buttafuoco)

18/03/2010

Javier Girotto Jazz Quartet a Monopoli: "Ho riunito una squadra straordinaria, composta da musicisti di alto livello - ha dichiarato Francesco Angiuli - è stato molto emozionante poter ascoltare la loro 'voce interpretativa' nei brani di mia composizione, così come è stato molto stimolante suonare per la prima volta dei brani di composizione di Girotto, Gwiss e Smimmo, i quali si sono dimostrati molto professionali in tutto". (Pasquale Raimondo)

14/03/2010

Welcome (Piero Delle Monache) - Alceste Ayroldi

13/02/2010

Quasi Troppo Serio (Enrico Zanisi Trio)- Enzo Fugaldi

18/01/2010

Acariciando El Rio (Virginia Viola Rayuela Group) - Alceste Ayroldi

26/12/2009

10/15 (Javier Girotto & Aires Tango) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

21/11/2009

Testasghemba (Germano Mazzocchetti Ensemble) - Cinzia Guidetti

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

04/10/2009

Reincarnation Of a Lovebird (Pietro Ciancaglini) - Alceste Ayroldi

05/09/2009

Que la Fete Commence (Gianni Savelli Media Res)- Gianni B. Montano

28/06/2009

Bruto (Roberto Zechini Limanaquequa) - Giuseppe Mavilla

13/05/2009

Intervista a Javier Girotto: "In Italia ci sono tantissimi grandi talenti, il livello dei musicisti è, secondo me, uno dei migliori al mondo, ma vedo che si rischia poco nella ricerca di fare nuove cose, s'imita troppo rifacendosi al passato e si creano poche cose originali e sperimentali..." (Elide Di Duca)

14/02/2009

Gotha 17 (Lusi / Masciari Quartet)

11/12/2008

Chromosome (Giorgio Ferrera Quartet)

22/11/2008

Eventi in Jazz di Busto Arsizio: "Dopo il successo degli anni scorsi, anche questo autunno a Busto le calde note del jazz hanno acceso la vita culturale cittadina. Dal 18 ottobre gli "Eventi in Jazz", giunti alla VI edizione, hanno portato, come da consuetudine, artisti di grandissimo livello nei principali teatri cittadini quali il Sociale, il Manzoni, il Lux, Fratello Sole, con un cartellone davvero invidiabile." (Alessandro Carabelli)

20/08/2008

Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2008: "Nove giorni di festival itinerante in Alto Adige, curati dall'infaticabile Klaus Widmann e da un gruppo di ottimi collaboratori. Musica, spesso ottima; paesaggi e località incantevoli; buona accoglienza, grandi vini e cibi locali. Un insieme delizioso, disturbato solo da alcune fastidiose bizze atmosferiche, che hanno costretto gli organizzatori a spostare alcuni concerti in spazi all'interno." (Enzo Fugaldi)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

13/08/2008

High Tension (PJ5et Special Project )

12/08/2008

Suoni Naviganti nel sagrato del quattrocentesco Convento dell'Annunciata: "Il festival ci ha presentato artisti prestigiosi ed un repertorio molto vario, tale da soddisfare il pubblico più vasto..." (Rossella Del Grande)

21/06/2008

Coloriade (Pasquale Mega Ensemble)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

16/09/2007

Decima edizione di "Jazz in parco" a Nocera Inferiore che ha "dato al pubblico un'offerta di differenti modalità e impronte della musica jazz contemporanea, con artisti provenienti trasversalmente da nazioni ed esperienze completamente differenti." (Luigi Spera)

11/08/2007

Nahuel (Javier Girotto & Vertere String Quartet)

28/01/2007

Argentina: escenas en big band (Javier Girotto, PMJO Parco della Musica Jazz Orchestra)

11/01/2007

Oscar Del Barba Trio Special Guest Javier Girotto: "Ascoltare il trio di Oscar Del Barba con Javier Girotto era un'occasione da non perdere anche per constatare lo stato di grazia in cui versa il jazz italiano..." (Giuseppe Mavilla)

09/12/2006

America Latina…el Vije (Grupo El Poncho Orquesta Chirimia)

24/10/2006

Essential team (Pippo Matino)

09/10/2006

La gallery di Roccella Jonica 2006 (Francesco Truono)

08/10/2006

BlueLocride, l'edizione 2006 di Roccella Jonica: "Superato il ragguardevole traguardo dei cinque lustri, il festival di Roccella, giunto alla sua XXVI edizione, continua a espandersi nel tempo e nello spazio, abbracciando il capoluogo e l'intera Locride ..." (Vincenzo Fugaldi)

22/08/2006

Smile Again (Miles Griffith & Tony Pancella Trio/Quartet)

29/06/2006

Pietro Condorelli Quintet e il trio formato da Roberto Gatto, Daniele Scannapieco e Julian Oliver Mazzariello allo Ueffilo Jazz Club: "Due grandi eventi in meno di una settimana: in totale, 8 tra i migliori musicisti attualmente presenti nel circuito nazionale..." (Alberto Francavilla)

18/06/2006

Madre Tierra (J. Girotto, N. Mangalavite, D. Garcia Bruno, C. Buschini )

09/06/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un coinvolgente solo di Javier Girotto sul brano Rua Algoinhas 301 (Marcello Zappatore)

04/06/2006

Three-Dimensional (Gianluca Lucantonio Quartet)

04/06/2006

Fado Meridiano (Lillo Quaratino)

29/12/2005

Gallery fotografica del 400° concerto degli Aires Tango a La Palma di Roma (Francesco Truono)

14/12/2005

Easy (Pietro Condorelli)

16/10/2005

Dietro le quinte del Beat Onto Jazz Festival Edizione 2005: "Siamo abituati a vedere festival, rassegne musicali e concerti da una posizione comoda, tranquilla che pensiamo privilegiata. Molte volte non abbiamo giusta contezza di quello che si vive - più o meno freneticamente - per regalare delle emozioni ed anche per regalarsene..." (Alceste Ayroldi)

26/08/2005

Viaggio nelle Terre dei Lucani (Dino Plasmati)

16/07/2005

Il trio Servillo - Girotto - Mangalavite al Multiculturita di Capurso: "...Una vera lezione di grazia, levità e stile è la rivisitazione della magica Vuelvo al Sur impreziosita dalla voce di Pablo Neruda che opportunamente ne accompagna l'esecuzione..." (Alceste Ayroldi)

21/06/2005

Terra Madre (Luciano Biondini & Javier Girotto)

04/05/2005

Recordando Gardel (Javier Girotto)

02/01/2005

MAG Trio (Pensieri Circolari)

18/12/2004

Intervista a Cinzia Tedesco: "...Faccio jazz a tempo pieno da una decina d'anni, ma i primi tempi sono stati anni di studio, di confronto e di crescita con molti musicisti..." (M. Lombardi)

17/12/2004

Intervista a Pietro Iodice: "...Il mio obiettivo, il mio sogno, è quello che la gente ascoltandoti possa dire: "lo riconosco". Credo sia la meta per tutti i musicisti..." (Franco Giustino)

03/07/2004

Nuevo Tango Ensamble insieme con Javier Girotto, uno splendido concerto con intervista a Pasquale Stafano, pianista del gruppo "...Nel trascrivere la musica di Piazzolla mi rendo conto dell'immensità cultural-musicale di questo artista, che non disdegnava affatto alcuna contaminazione basando le sue composizioni sull'identità popolare del tango argentino ma sfruttando la competenza profonda che derivava dalla musica classica...." (Francesco Lombardo)

10/04/2004

Intervista a Javier Girotto, Peppe Servillo, Natalio Mangalavite. Immagini d'amore di tre trovatori del nuovo millennio. Al Teatro Verdi di Salerno l'anteprima nazionale del disco di Javier Girotto, Peppe Servillo e Natalio Mangalavite. Conversazione con i protagonisti della prima serata di Over Jazz e Contaminazioni. (Olga Chieffi)

10/03/2004

Javier Girotto, Peppe Servillo, Natalio Mangalavite aprono la rassegna Over Jazz e Contaminazioni: "...Musica, Teatro, Poesia per la presentazione del disco "L'Amico di Cordoba" in cui il sentire napoletano di Servillo sposa le sonorità sudamericane del duo argentino. Saggio di finissima versatilità e creatività di Javier Girotto in veste di polistrumentista...." (Olga Chieffi)

11/01/2004

Javier Girotto all'Auditorium di Roma: "Pubblico dell'auditorium romano incantato dal musicista argentino, che si è esibito con Daniele Di Bonaventura, Aires Tango e l'orchestra Roma Sinfonietta." (Olga Chieffi)

16/08/2003

Il pulsare del tempo, lo specchio, la voce dell'anima. Javier Girotto e Luciano Biondini stregano l'esigente uditorio di Villa Guariglia. Non subisce cedimenti il successo del saxofonista argentino, ovunque accolto calorosamente. La sua musica quale grido intriso di dolore e nostalgia per la sua terra martoriata. (Olga Chieffi)

16/08/2003

La "sumpatheia" di Rita Marcotulli e Javier Girotto. Nonostante i problemi organizzativi, il Festival di Ravello è stato impreziosito dal Progetto Truffaut della pianista romana. (Olga Chieffi)





Video:
Quisisana Jazz Events 2010 Part2.mov
Quisisana JAZZ Events 2010 - Direzione Artistica Peppe De RosaPeppe De Rosa GroupGerardo Di Lella Bigband guest star Bob Mintzer (leader degli yellow ...
inserito il 13/10/2010  da totoderosafilmmaker - visualizzazioni: 2844
Gavino Murgia Sardicity - Su gabilli ? - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Su gabilli ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruffcamera...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2548
Gavino Murgia Sardicity - Non ho tempo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Non ho tempo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2372
Gavino Murgia Sardicity - Chi ha fatto miao - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Chi ha fatto miao ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruf...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2344
Gavino Murgia - Il Dio del Buon Frate - Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Il Dio del Buon Frate - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gr...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2682
Gavino Murgia Momak Dj Gruff Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity Gavino Murgia Momak Dj Gruff Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2477
Gavino Murgia Sardicity - Senza Titolo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Senza Titolo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2443
Gavino Murgia Trio -Intrighinu- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 19/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2283
Gavino Murgia Trio -Pane Caiente- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 19/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2165
Gavino Murgia Trio -Mamuth Stones- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2217
Gavino Murgia Trio -Adarre- European Jazz Expò 2007
GAVINO MURGIA TRIO Gavino Murgia . sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers Marcello Peghin . chitarra Pietro Iodice . batteria...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2164
Gavino Murgia Trio -Part A- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2061
FUGA A TRE - LUTTE BERG ENSEMBLE
...
inserito il 29/09/2009  da Italclip - visualizzazioni: 2074


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.368 volte
Data pubblicazione: 02/02/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti