Jazzitalia - Articoli: Intervista a Luigi Campoccia
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Luigi Campoccia
luglio 2008
di Alceste Ayroldi

Pianista, cantante, arrangiatore. Il suo "orecchio musicale" è così sensibile da renderlo anche un prezioso accordatore di pianoforti. Da trentanni sulle scene internazionali a fianco dei più grandi musicisti. Quindici anni passati con Giorgio Gaber e con la musica d'autore, quella vera. L'esperienza, la professionalità, l'innato talento musicale gli hanno consentito di elaborare progetti artistici di spessore frutto dell'aggregazione misurata di musiche, suoni, immagini e parole.

Chi o cosa ti ha portato al jazz?

Come sai, la mia avventura musicale nasce durante la prima infanzia seguendo le orme di mio padre fisarmonicista, appassionato autodidatta. In seguito, la comune passione di un gruppo di amici senesi, fra i quali Franco Caroni, incanalò ogni energia nello studio del Jazz, ma anche nella scommessa tutt'altro che facile in quegli anni, di fondare un "movimento" musicale specifico che si rifacesse al Jazz…è così che abbiamo fondato il "Siena Jazz", oggi divenuto "Accademia Nazionale del Jazz".

Una consistente parte della tua vita professionale è legata al grande Giorgio Gaber. Se dovessi fare un bilancio di questa esperienza…

L'esperienza con Gaber è stata per me, prima di tutto, formativa sotto l'aspetto della "rigorosità" nell'affrontare e sviluppare ogni nuova idea. Lavorando ogni giorno per molte ore al suo fianco ho assorbito e fatto mio il concetto di "metodo" ed una certa propensione alla qualità e alla perfezione. Ma ciò che maggiormente mi è rimasto è l'esigenza di "usare" il canale privilegiato della musica come straordinario mezzo di comunicazione. Poi, esiste un fattore umano che mi legava a Giorgio che difficilmente posso spiegare ma che certamente ha permeato lunghi anni della mia vita e che, ancora oggi, è il filo conduttore di un certo mio modo di vedere e "sentire".

C'è un episodio, in particolare (dell'esperienza con Gaber), che ti ha colpito?

In effetti, a causa della sua grande ironia e del suo straordinario sense of humor, ogni evento, anche il più insignificante, si trasformava ogni giorno in una gag, in un aneddoto divertente da raccontare…No, non esiste un episodio in particolare. Esiste invece qualcosa di lui che mi ha sempre molto colpito: il suo incredibile intuito, la sua capacità tutt'altro che comune di prevedere gli eventi, di "sentire" ciò che sarebbe accaduto di lì a poco o ben più lontano negli anni…uno straordinario "visionario"!

Nella tua carriera, ricca ed intensa, ci sono anche artisti come Milva e Sergio Caputo

Con Sergio Caputo, nei primi anni '80 ho affrontato la mia prima esperienza da "band leader" di livello nazionale. Ero molto giovane e tutto mi appariva straordinario, anche perché ero riuscito a formare un gruppo con musicisti di primo ordine (vedi Fabio Morgera, Giulio Visibelli, Roberto Nannetti ecc). Inoltre, per quanto di natura abbastanza leggera, suonavamo dello Swing Italiano ed era una esperienza assolutamente unica, in quegli anni, nel panorama musicale nazionale. L'incontro con Milva è stato quasi casuale. Per merito di comuni amici, aveva avuto l'occasione di ascoltare il mio lavoro su PierPaolo Pasolini ed essendo in procinto di debuttare proprio in uno spettacolo a lui dedicato, mi chiese di poter interpretare uno dei miei brani che le era piaciuto moltissimo. Volle persino mantenere identici gli arrangiamenti. Davvero una grande interprete!

A proposito del tuo lavoro su PierPaolo Pasolini: come è nata questa idea?

L'idea di fare un lavoro su PierPaolo Pasolini nasce da molto lontano. In occasione del decennale della sua morte mi fu chiesto di musicare  uno spettacolo teatrale su "Scritti Corsari" che, per motivi di  produzione, non andò poi a buon fine. Quell'operazione mancata mi offrì, però, lo spunto per un  approfondimento sul grande scrittore che imparai ad apprezzare. A distanza di anni, ho desiderato cimentarmi nuovamente nello  sviluppo di quel progetto che divenne, diversamente, un' ispirazione  alle tematiche socio-politiche trattate negli "Scritti Corsari". Feci ascoltare l'intero lavoro a Gaber, grande conoscitore di Pasolini, per avere una sua opinione in merito. La cosa gli piacque  particolarmente e, con mia grande soddisfazione, mi offrì il suo supporto per la messa a punto della parte letteraria. Il lavoro è completamente in acustico realizzato con il mio abituale  quartetto e l'aggiunta di una chitarra. In realtà, questo spettacolo dalla connotazione prettamente teatrale  (vista la formula di alternanza fra canzoni e monologhi e la già consolidata scenografia), continua ad essere richiesto in varie rassegne musicali e teatrali.

Sei anche un grande arrangiatore. Preferisci essere musicista, arrangiatore o compositore?

In realtà, queste sono le mie "tre anime" musicali, ciascuna delle quali per me fondamentale per l'espressione della mia natura.

Hai già presentato sia a Siena che all'Isola d'Elba il tuo nuovo progetto "I sing Amore". Un progetto decisamente interessante sia per gli arrangiamenti che per l'idea stessa. Ce ne vuoi parlare?

I sing Amore è uno spettacolo quasi esclusivamente "musicale", dopo molti anni di progetti più essenzialmente teatrali dove la musica era, più concettualmente, prestata alla parola.Il mio desiderio, stavolta, era di ripercorrere, attraverso la musica, una fase storica, quella del dopoguerra, che considero fondamentale sia culturalmente che artisticamente per il nostro Paese. E' da lì, dall'incontro con la cultura d'oltre oceano, che l'Italia intraprese la sua grande svolta generazionale negli usi, nei costumi, nei gusti della gente, nelle esigenze quotidiane. I sing amore, racconta proprio dell'incontro fra gli uomini e le donne di due mondi diversi, proprio come fra lo "swing" americano e la "melodia italiana". Un incontro emotivo, musicale, culturale.

Pensi che le canzoni italiane siano fortemente intrise di jazz? Dove è lo swing della "song" italiana?

Sì, le canzoni italiane, proprio quelle del periodo appena ricordato, erano fortemente intrise di Jazz. Basti pensare ad autori come Kramer, Carosone, Arigliano. Oggi, purtroppo, la "song" italiana si rifà molto più ad influenze di generi diversi: dall'hip-hop al rock anglosassone alle varie contaminazioni etniche le più disparate. A questo, fanno ancora eccezione, ciascuno a suo modo, un paio di autori come Mario Biondi e Sergio Cammariere.

Ciò che traspare a chiare lettere è l'interplay del quartetto. Quali criteri hai seguito per scegliere i tuoi compagni di viaggio?

Pensando ai musicisti, ho tenuto ben in mente ciò che mi sarebbe servito per costruire "il suono" del gruppo che reputo sia una delle cose più difficili da ottenere, a prescindere dalla validità dei musicisti. Conoscendo bene le caratteristiche di ciascuno di loro, ho avuto la certezza che la scelta fosse adeguata per il tipo di progetto che stavo proponendo. Rossano Gasperini è il mio contrabbassista ormai da anni ed è musicista completo e di grande esperienza. Damiano Niccolini, il sassofonista, è un giovane talento del panorama jazzistico italiano con una grande cultura musicale ed una profonda conoscenza degli standards americani. Paolo Corsi, batterista, oltre ad essere uno stimato collega nell'insegnamento è persona con la quale condivido un profondo feeling musicale.

Svolgi anche un'intensa attività didattica. Come giudichi la didattica musicale in Italia?

La didattica musicale in Italia è finalmente buona, consolidata da molti anni di esempio e di spunti forniti dalle scuole americane più esperte nelle quali molti musicisti insegnanti, me compreso, si sono formati.

A quali artisti ti ispiri?

Non mi ispiro ad un artista in particolare ma alcuni di loro sono, per me e per la costruzione dei miei lavori, maggiormente stimolanti. Fra questi, Michel Camilo, Chick Corea, Michel Petrucciani.

Come si è evoluto negli anni il tuo modo di suonare?

Nel Jazz la cosa più importante è acquisire una tecnica di base che permetta di muoversi all'interno delle armonie creando un proprio suono. Questo è stato il mio primo impegno, molti anni fa, affacciandomi al mondo del Jazz. Da allora, le molteplici esperienze in svariati e diversi ambiti musicali, mi hanno portato ad acquisire una più profonda coscienza dell'importanza della "contaminazione". Partendo da questo concetto, il mio maggior impegno nella ricerca è teso all'ottenimento di un "suono", di un "modus" assolutamente personale, pur mantenendo viva la convinzione che, anche ciò che diventa assolutamente personale, nasce sempre dall'aver ascoltato e, in qualche modo, metabolizzato il "modus" di altri.

Pensi che i musicisti si copino l'un con l'altro?

Credo che sia inevitabile, perché la formazione didattica che viene fornita nelle scuole tende a uniformare i futuri musicisti verso uno standard medio-alto, quasi sempre in forma emulativa. Si creano, in tal modo, dei cloni difficilmente riconoscibili. Ciò che fa la differenza è il talento e la ricerca personale.

Sei il direttore artistico di Elba Jazz Contest. Cosa hai tratto da questa esperienza?

Elba Jazz è stato davvero una bella sfida, un lungo e faticoso lavoro di contatti, selezione, organizzazione sul campo. La sfida era vestire i panni di organizzatore a tutto tondo senza mai uscire dall'ottica dell'artista. Come puoi ben immaginare, le due cose difficilmente convivono nella stessa persona. Credo che il connubio, nonostante l'azzardo, sia davvero ben riuscito: la manifestazione, di natura per altro piuttosto articolata, ha avuto uno svolgimento pulito, lineare, funzionale e la qualità degli artisti selezionati era davvero di buon livello. Ciò che mi resta è la certezza di aver svolto un buon lavoro, il piacere di aver contribuito all'apertura di una nuova vera opportunità per i giovani emergenti e la piacevolissima sorpresa dell'incontro con straordinari professionisti del settore, musicisti e critici, con i quali ho condiviso la fatica e l'impegno, ma anche la conoscenza ed il giudizio intelligente…strumenti che considero fondamentali per la crescita a tutti i livelli.

Cosa pensi dell'attuale scenario jazzistico?

Il Jazz italiano è cresciuto tantissimo negli ultimi anni, in particolare nella qualità. Non è un caso che, finalmente, alcuni musicisti italiani sono chiamati ad esibirsi anche su palcoscenici internazionali. Ciò che rappresenta, a mio avviso, un brutto difetto ma anche un motivo di stallo è una qualità di atteggiamento e di pensiero di alcuni di loro, che mi pare tutta italiana: la convinzione della propria "unicità" e, per questa, la chiusura al confronto. La musica ed in particolare questo tipo di musica, proprio per le sue caratteristiche di "dinamismo" e di costante evoluzione, prevedrebbe un confronto costante con il "nuovo" ed il "diverso". I Jazzisti italiani, purtroppo, hanno la tendenza a non ascoltare gli altri e a creare una sorta di "casta chiusa" nella quale, difficilmente, nuovi e straordinari musicisti di cui è pieno il Paese, hanno l'opportunità di affacciarsi.

Quali sono i prossimi impegni di Luigi Campoccia?

Dopo una lunga fase organizzativa ed un faticosissimo luglio di eventi legati ad Elba Jazz, ho partecipato "di rincorsa" anche al Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber che, come ogni anno, si è tenuto alla fine di luglio alla Cittadella del Carnevale di Viareggio. Dovendo accompagnare diversi artisti, praticamente senza prove, in una "due-giorni" non-stop, lo sforzo e la concentrazione impiegati sono stati enormi. Per il momento, almeno fino all'autunno, mi concedo un po' di meritato riposo senza però perdere di vista un prossimo progetto che ho già in ponte. E' un lavoro particolare in collaborazione con un artista australiano, già parzialmente elaborato e provvisoriamente lasciato in sospeso in favore di impegni più immediati. Il mio sarà un "lungo inverno caldo", come ogni anno……!

A chi vorresti dire "grazie"?

Nella vita le motivazioni per dire "grazie" sono sempre tante....Per la mia indole di artista ringrazio mio padre, scomparso da un anno. Per la mia vita da "musicista errante" ringrazio mia moglie che da 20 anni rappresenta la mia anima "stanziale", ma anche la mia fan più accanita. Per il Jazz che mi scorre nelle vene da sempre, ringrazio i miei amici musicisti senesi, in particolare Franco Caroni (presidente di Siena Jazz) che è stato l'inizio di tutto. Per buona parte della mia carriera artistica ringrazio Giorgio Gaber che ha creduto in me al punto di condividere un percorso  importantissimo durato 15 anni. Per Elba Jazz Contest, ringrazio il Patron Paolo Boggi che, alla fine di un mio concerto, mi ha avvicinato e mi ha detto: "tu sei la  persona che fa per me"...un attestato di fiducia incondizionata nato dalla sola musica...il riconoscimento più grande a cui un artista possa aspirare. E, infine, ringrazio i critici musicali come te, quelli umanamente sensibili e musicalmente colti con i quali, in questa occasione, ho potuto instaurare un rapporto umano prezioso, finalmente lontano dalle "finzioni sceniche".

Sito ufficiale di Luigi Campoccia: http://www.luigicampoccia.it






Articoli correlati:
16/07/2011

Intervista con Luigi Campoccia sull'album "On the way to Damascus", "tentativo di ritrovare una cultura "mediterranea" che comunque ci appartiene ed inserirla in una forma jazzistica moderna." (Pietro Scaramuzzo)

01/01/2011

Diario di Viaggio: A Istanbul con "On The Way To Damascus" di Luigi Campoccia. Il musicista senese è stato ospite della cerimonia di chiusura dell'anno in cui Istanbul è stata Capitale Europea della Cultura. Un diario nel quale si raccontano i luoghi e le essenze della cultura turca, fonti ispiratrici del progetto stesso. (Francesco Martinelli)

12/12/2010

Intervista a Daniele Malvisi: Sa spremere bene il succo dei sassofoni Daniele Malvisi, quarantaduenne musicista toscano, continuo esploratore delle mille vie del jazz, della sua storia e dei suoi dialetti. Coniuga nelle sue composizioni il jazz più moderno con il lirismo italico...Un artista che crede nei progetti e si è liberato dalla standardizzazione fine a sè stessa e vive in simbiosi con la sua vera "voce": il sassofono. (Alceste Ayroldi)

10/10/2010

On the way to Damascus (Luigi Campoccia) - Marco Losavio

06/03/2010

Charlie Parker - Vita e musica (Carl Woideck)- Marco Losavio

25/08/2008

Renato Sellani e Danilo Rea ad Elba Jazz: "...una serata di musica incantevole. Da gustare per il puro piacere di ascoltare belle melodie, trasformate con sapienza ed adagiate su uno swing morbido. Intrattenimento di altissimo livello, fruibile da un pubblico vasto..." (Marco Buttafuoco)

10/08/2008

16 luglio 2008, a Portoferraio, Isola d'Elba, fa tappa la Gil Evans Orchestra, guidata dal figlio Miles, per la sua terzultima data del tour italiano. C'è Hiram Bullock alla chitarra per quella che si è rivelato il suo ultimo tour. Un video esclusivo che riporta la "folle" energia di Hiram di quella sera... (Marco Buttafuoco)

23/02/2008

Una vita in quattro quarti (Giuseppe Barazzetta)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

15/10/2005

I concerti all'Enoteca di Siena Jazz 2005: "...L'atmosfera che si respira è magica...ci si nutre di musica tutto il giorno, si instaurano rapporti di amicizia e di lavoro, si conoscono più da vicino le esperienze di grandi musicisti e didatti e tanto altro ancora può succedere in quei giorni!" (Dino Plasmati)

21/09/2005

Claudio Fasoli "Gamma Trio" e Marco Tamburini Quintet a Siena Jazz 2005: "...una rassegna ricca e densa di appuntamenti, di attività. Ma in maniera molto ordinata e corretta. Non v'è una confusione travolgente di concerti e d'incontri tanto da far scorrere oltremodo l'adrenalina in corpo per il timore di perdere qualcosa o qualcuno..." (Alceste Ayroldi)

03/09/2005

Intervista a Gianluigi Trovesi: "...Dico sempre che se non vado dall'analista è perché soffio in un tubo! Penso solo ed unicamente a soffiare nel tubo e quindi alla nota che emetto e non penso a vincere un concorso oppure ad avere un posto fisso, oppure alle realtà della vita..." (Alceste Ayroldi)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)





Video:
Musica d'insieme di Kurt Rosenwinkel 2
Kurt Rosenwinkel con il gruppo di musica d'insieme del corso In.Ja.M....
inserito il 16/01/2009  da SIENAJAZZfondazione - visualizzazioni: 3277


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.027 volte
Data pubblicazione: 12/08/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti