Jazzitalia - Articoli: Intervista a Massimo Barbiero
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Massimo Barbiero
di Marco Buttafuoco

photo by Luca D'Agostino
photo by Luca D'Agostino

L
a ricerca continua, sofferta, è il cammino su cui, da più di vent' anni, si muove il percussionista e compositore piemontese Massimo Barbiero. In meno di un anno sono usciti quattro dischi a suo nome e due libri, uno dedicato a lui l' altro al suo storico ensemble percussivo "Odwalla". Del primo dei cd (Atlantide, inciso con il ventennale quartetto di Enter Eller) e di Massimo Barbiero –Enten Eller e Odwalla a cura di G Michelone, ne avevamo già parlato nel novembre dello scorso anno. Parliamo ora dei tre lavori usciti a raffica nei primi sei mesi del 2009 ed un secondo volumetto, "Odwalla- The world of percussion and dance" edito da Tipografie Gianotti (ma la produzione è della UFIP) con foto, di pregio, di Luca D'agostino e testi di Alberto Bazzurro, Guido Michelone, Guido Festinese.

Questa intervista è cominciata la sera del 30 giugno, poche ore dopo la notizia della morte di Pina Bausch. Prima di entrare in argomento Massimo Barbiero ed io ci siamo soffermati a parlare della grande artista tedesca, del suo linguaggio innovativo, del suo portare in scena esperienze e linguaggi diversi: danze di estrazioni disparate, teatro, materiali musicali eterogenei. E' stato un ottimo anche se un po' malinconico modo di iniziare la nostra conversazione.

"Oggi sembra sempre più difficile fare qualcosa di nuovo. In qualche maniera la coperta sembra sempre troppo corta. Questi tre dischi hanno avuto numerose ed ottime recensioni. La stampa specializzata ne ha evidenziato la ricerca lirica e timbrica, la tensione innovativa e la comunicatività delle proposte. Sta di fatto che proposte di questo genere non trovano il minimo spazio nelle rassegne estive. Il mondo della nostra musica sembra rinchiuso in sé stesso, incapace di osare. Stessi nomi nei cartelloni, stesse stanche riproposte. Siamo sempre lì. Sembra che il pendolo sia rimasto ad oscillare fra mainstream e free jazz, come se nuove strade fossero impraticabili. Se sei troppo lirico tradisci lo Spirito del jazz, se sei troppo sperimentale lo tradisci ugualmente. Come se esistesse poi uno spirito, un feticcio, della musica, da adorare e celebrare. Ci stiamo appiattendo, questo è il dato su cui riflettere. Sembra si voglia rassicurare l' ascoltatore proponendogli continuamente cose già sentite, che non mostrino nuovi, insicuri orizzonti. Fenomeni come quello di Allevi nascono proprio in questo contesto. Ma a ben vedere anche nel territorio a della musica improvvisata si cammina su questi sentieri angusti. Pensa solo a chi ha vinto i referendum di Musica Jazz quest' anno. C'è pigrizia mentale, fra i musicisti come fra i critici. Mi chiedo se un personaggio come la Bausch troverebbe spazio nell' Italia di oggi."

Parliamo di questi tre dischi. Tutti e tre sono marcati a fuoco da un lirismo piuttosto acceso, da una specie di scontrosa cantabilità. Sembri meno sperimentale, però, in questi lavori, rispetto a certe tue esperienze precedenti. Mi riferisco in particolare agli album di Enten Eller con Tim Berne. Quello spirito sembra rimasto solo in alcune tracce di Marmaduke.

Siamo al solito equivoco di cui dicevo prima. Vuoi comunicare qualcosa, vuoi raccontare qualcosa e qualcuno ti viene a a dire che hai perso la grinta, la carica innovativa, che non graffi. Tutti luoghi comuni. Faccio solo un esempio il primo pezzo di Medusa è scritto in un 19-4. Un tempo assolutamente inusuale, pazzesco da tenere. Questo non toglie che il brano possa piacere e parlare alla sensibilità di tanta gente. Ho molti riscontri in proposito Non solo non trovo contraddizione fra questi due aspetti del mio modo di fare musica. Immodestamente ritengo che la scrittura di Odwalla sia riuscitissima proprio perchè riesce a far convivere ricerca e voglia, ripeto voglia, di parlare al pubblico, di condividere emozioni con gli ascoltatori. Più riascolto questo disco e più mi convinco di aver ben lavorato e di essere sulla strada giusta. A parte il fatto che non mi sembra di poter definire la ricerca di Enten Eller, nemmeno ai tempi di Tim Berne, priva di lirismo. In "Melquiades" proponemmo brani come "Mostar" o " Per Emaunuela " che sono pieni di cantabilità, di melodia.

Parliamo allora di questo lavoro. Perché Balanescu? Perché questo quartetto tanto insolito non solo dal punto di vista dell' organico strumentale?

Mi interessava lavorare con un musicista di un altra frontiera, quella fra la musica classica e la tradizione popolare europea. Sono stato a lungo incerto fra Balanescu ed Iva Bittova. Volevo in altre parole mettere insieme modi diversi di intendere l'improvvisazione. Devo dire che raramente un' incisone è stata tanto fluida e "facile ". Avevamo prenotato lo studio per due giorni, prevedendo una omogeneizzazione più problematica. Nel pomeriggio del primo giorno, riascoltando quello che avevamo suonato, ci siamo resi conto che avevamo già "detto" tutto. Che non c'era bisogno di rivedere alcunché. Che l' unico problema era scegliere fra la grande quantità di musica che avevamo prodotto in modo da dare dimensioni normali al disco. Basti pensare che la seconda traccia "Dago suite" è stata riversata sul disco così come era uscita dai nostri strumenti, non abbiamo toccato niente. E non avevamo nemmeno una nota scritta quando l'abbiamo cominciata. Anche qui ci sono sequenze molto libere, ma anche brani molto, molto lirici. Vorrei si potesse dire che c' è molto lirismo nell' improvvisazione più radicale e molta libertà nelle melodie più leggibili. Era quello lo spirito che ci animava in sala. Ti racconto un piccolo episodio. Solo alla fine, riascoltando i nastri, ci siamo accorti che nella penultima traccia Claudio aveva inserito un frammento di "Luci della ribalta di Chaplin". Era tanto naturale in quel momento che è sfuggito a tutti. Era funzionale all' atmosfera che stavamo creando in sala di incisione. Non era accordato, ma funzionava perfettamente

photo by Luca D'Agostino

Anche Odwalla ha aggiunto nuovi colori, Kora, tabla, gamelan, Steel drums, al suo già vasto set percussivo. Colori d' Africa e morbidezze d' Oriente. Che ruolo ha ancora il jazz nella tua musica? Ti consideri un jazzman ?

Se il jazz è passione di libertà e di improvvisazione, ne troviamo quanto se ne vuole in queste mie proposte. Se il jazz è stare sulla scia dei grandi americani del passato allora non sono un jazzman.Nè voglio esserlo. A dire la verità sono anche un po' annoiato dalla figura dell' artista bohemien, dalla parodia del suonatore di jazz degli anni 50 che molti musicisti di casa nostra tengono viva in maniera un po' pittoresca. Non sono disponibile ad andare in giro per club a suonare standard. La mia cultura non è quella dell' artista disordinato e stralunato. Io vengo dalla fabbrica, sono stato anche nel consiglio sindacale dell' Olivetti. Parto dalla base concreta che è la mia scuola di musica di Ivrea e su quella base cerco di costruire la mia vita di tutti i giorni. Essere artista non è vivere alla giornata. Caso mai è essere soli. E' molto diverso. Io ho ascoltato i Genesis quanto il be –bop e amo tutte e due quelle esperienze artistiche. Amo anche Edgard Varese, la musica per percussioni di Xenakis, e Stravinsky e la musica africana e il free jazz. L' Art Ensemble in particolare. Ti puoi mettere ad ascoltare i miei dischi e poi scrivere di tutte queste influenze., e trovarne chissà quante altre. Citerei anche i Double Image. Ma il problema è altrove. E' capire se uno riesce non dico a trovare, ma perlomeno a cercare, una sua strada. Io non sono cresciuto in un ghetto nero degli Usa, ma in una piccola città del Piemonte. Sono un qurantaseienne europeo che ha incontrato la musica afro americana e la ama. Ma non è la musica delle mie radici profonde. Ma torniamo alla domanda. La kora in realtà, in " Veleno" non diffonde solo profumi d' oriente. Canta, racconta, una semplice ballad.

Il primo ad uscire di questi tre dischi è stato Nausicaa, un insolito solo di batteria, anche questo, a suo modo, molto lirico e "cantabile"

Era da tanto che meditavo sulla possibilità di un esperienza di questo genere. Pensavo ad un progetto dedicato alla danza.. E' un rapporto quello fra musica e danza improvvisate che mi affascina. Avevamo già fatto degli esperimenti con Odwalla, incontrando reazioni contrastanti da parte del pubblico. Per varie circostanze biografiche questo disco si è risolto invece in un colloquio con me stesso, inciso l' antivigilia dello scorso Natale e mixato nei giorni immediatamente successivi. Un' esperienza di grande concentrazione e solitudine in un periodo dell' anno molto particolare come quello delle feste In poche parole: è stato una sfida ed una necessità interiore. Cercavo il rapporto fra il suono primordiale dei legni, delle pelli e dei metalli con quello altrettanto basilare del silenzio. La prima musica fu percussiva. I primi strumenti riconosciuti sono degli xilofoni di pietra. Non è una ricerca nuova, ovviamente, Odwalla stesso è un progetto in tal senso. Ma in solitudine il silenzio si ascolta meglio, Non c'è stata composizione. Mi sono messo davanti ai mie strumenti con qualche idea in mente e ho seguito una strada che quando sono entrato in studio non conoscevo ancora.

Cosa farò adesso. Ti rispondo con una frase, una massima Yoruba, che ho voluto mettere sul penultimo disco di Odwalla ("Live at Musica sulle bocche" ndr). Dice: "Non lasciamo che il mondo giri troppo in fretta: quel che può essere discusso con maturo senno lo decidiamo in un impeto d'ira". Devo, in altre parole elaborare tutto il grande lavoro di questi mesi che sono stati intensi e importanti anche da un punto di vista personale, oltre che artistico. E,come dice Jarret, ogni improvvisazione è sofferenza. So solo che non ho espresso per intero le potenzialità della mia musica e dei gruppi che la suonano e che ho ancora molto da cercare e da scoprire.






Articoli correlati:
12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

21/05/2016

Tim Berne Snakeoil: "Un jazz per appassionati, ma che come pochi altri coglie le contaminazione fra la "musica del diavolo" e le altre esperienze artistiche." (Niccolò Lucarelli)

03/01/2016

T-Duality (Ananda Gari)- Niccolò Lucarelli

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

28/09/2014

Ankara Live (Odwalla)- Alessandra Monaco

18/05/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Gianni Barone, NAU Records: "Per noi il jazz è più vivo che mai, il nostro impegno è rivolto a documentare, proporre e valorizzare le nuove generazioni, questa è la mission della Nau Records." (Alceste Ayroldi)

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - Ia Parte: "Tim Berne' Snakeoil Quartet, Jim Black Trio, Slanting Dots, Ricardo Costa, Ruvido Insieme, Artijoke, Luca Savazzi Trio e Alessia Galeotti, Emanuele Parrini" (M. Buttafuoco, N. Molica Franco)

23/12/2013

Danza Pagana (Massimo Barbiero - Claudio Cojaniz)- Marco Buttafuoco

15/12/2013

Open World Jazz Festival 2013: "...giunto alla trentaquattresima edizione propone tre serate coerenti con la linea portata avanti dal Music Studio e dal direttore artistico Massimo Barbiero." (Gianni Montano)

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

02/06/2013

Open Jazz Festival d'Ivrea e Canavese 2013 : "...un festival che ha una lunga storia e vuol proseguire e crescere con opzioni ogni volta coraggiose e intriganti." (Gianni Montano)

20/01/2013

Kandinsky (Massimo Barbiero, Marcella Carboni e Maurizio Brunod)- Andrea Gaggero

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

24/12/2011

Isis (Odwalla)- Gianni Montano

27/11/2011

Code Talkers (Massimo Barbiero & Giovanni Maier)- Gianni Montano

13/11/2011

Open World Jazz Festival, 10a Edizione: "Grande successo per l'Open world festival di Ivrea. Il merito principale è di un'organizzazione rigorosa e puntuale, capace di allestire una rassegna di indubbio interesse, correlata da eventi collaterali, stages, presentazione di libri, performance artistiche in grado di calamitare l'attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico intellettualmente curioso. un festival che certifica come si possa realizzare una rassegna impegnativa, senza concessioni al "gusto dominante", a musiche foriere di potenziali e possibili consensi generalizzati e ottenere risposte addirittura sorprendenti da parte del pubblico." (Gianni B. Montano)

29/08/2011

Intollerant (Mr. Rencore + Tim Berne)- Vincenzo Fugaldi

28/05/2011

Appuntamento di rilievo internazionale al Count Basie di Genova con il quartetto di Michael Formanek, una delle più interessanti formazioni attive ascoltate nel pur variegato, da anni inflazionato, panorama concertistico nazionale. (Andrea Gaggero)

23/02/2011

The Rub And Spare Change (Michael Formanek)- Enzo Fugaldi

06/02/2011

La musica e il jazz nella Città dell'Uomo. Come la cultura Olivetti ha saputo alimentare un territorio durante e dopo l'utopia della società di Adriano. Dall'Euro Jazz festival all'Open World Jazz Festival: Un Blues per Olivetti. (Franco Bergoglio)

27/08/2010

Marmaduke (Massimo Barbiero - Maurizio Brunod, Alexander Balanescu, Claudio Cojaniz)- Franco Bergoglio

12/06/2010

Denique Caelum (Massimo Barbiero With Rossella Cangini) - Marco Buttafuoco

13/08/2008

The Big Gundown (John Zorn)

10/08/2008

Jazz Fuori Tema 5 con la direzione artistica di Alberto Bazzurro: "L'ambizione dell'organizzazione è quella di creare dei progetti originali, degli incontri inediti fra personaggi lontani come ambito o che, per le più svariate ragioni, non hanno trovato l'occasione per collaborare prima di questo appuntamento..." (G.B. Montano)

01/06/2006

Panta Rei...ad Alex Rolle (Odwalla)





Video:
One Lip 4tet - Odwalla (Roscoe Mitchell)
Guido Mazzon - Tromba, Nicola Cattaneo - Chitarra, Franco Cortellessa - Chitarra Baritona, Peppe Leone - Percussioni. Settembre 2012...
inserito il 12/11/2012  da - visualizzazioni: 2618


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 12/1/2010 alle 20.19.26 da "gianfranco.piluso"
Commento:
Grande Massimo, conosciuto subito dopo aver organizzato il I° Bidi Jazz Festival.
 


Questa pagina è stata visitata 2.644 volte
Data pubblicazione: 24/10/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti