Jazzitalia - Articoli: Intervista a Max De Aloe
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Max De Aloe
di Franco Donaggio
2010

Max De Aloe è uno degli esponenti di spicco della musica jazz contemporanea, con una produzione discografica che, anche di recente, ha riscosso consensi positivi tra gli esperti di settore. Parlare di armonica cromatica richiama ai più il nome di Thielemans; De Aloe invece ha una personalità che lo contraddistingue e molte idee; cercheremo in questa intervista di conoscere in maniera più approfondita questo musicista. Ha aperto in duo con Roberto Olzer, la ventitreesima edizione del festival 'Time in Jazz' di Berchidda e partendo da questa esperienza, iniziamo la nostra chiacchierata.

La rassegna di Berchidda è senza dubbio uno dei festival più rinomati in Italia, che ogni anno annovera un gran numero di spettatori; puoi riassumere le tue sensazioni dopo l'esibizione e quale messaggio o caratteristica ti ha colpito del festival?

Suonare a "Time in Jazz" è un'esperienza certamente non comune. Prima di tutto è un festival ormai di grande prestigio internazionale ma, ancora di più, colpisce l'amore con cui è organizzato e voluto anno dopo anno. Non parlo solo di Paolo Fresu che ne è l'ideatore e il direttore artistico, ma di tutti i volontari che ne fanno parte. C'è un'energia non comune e soprattutto è vincente la scelta di luoghi magici nell'entroterra sardo dove vengono tenuti i concerti. Per fortuna "Time in Jazz" regala ai suo spettatori musica con progetti scelti accuratamente in una cornice di una Sardegna autentica che non ha nulla a che fare con i panfili attraccati nei porti esclusivi. Poi, il fatto che un grande musicista come Fresu, che stimo da molti anni, ci abbia voluto per il suo festival non può che farmi un immenso piacere.

Max De Aloe oggi, dopo avere sperimentato formazioni tradizionali e collaborazioni originali, come quella con Gianni Coscia alla fisarmonica che nel 2000 lo ha fatto notare come giovane talento del jazz italiano, in Apnea si propone in duo, immerge la sua armonica in una sfera musicale intimistica e senza confini, attingendo da modelli classici, proponendo un cd fortemente originale soprattutto per un armonicista. Nell'ultimo lavoro, dal titolo APNEA sei affiancato del pianista Bill Carrothers. Da dove nasce l'idea e come è nata la collaborazione con Bill Carrothers ?

Bill Carrothers è un musicista che stimo da molti anni. Ho i suoi CD tra i miei preferiti. E già da tempo volevo realizzare un progetto con musiche che nascessero dall'ispirazione dei romanzi dello scrittore giapponese Murakami Haruki. Bill si è rivelato essere il partner ideale per questo progetto.

De Aloe hai qualche progetto nel cassetto o prevedi ulteriori pubblicazioni nel 2010?

E' uscito da pochi giorni il nuovo cd del quartetto dal titolo Bradipo. E' un CD concepito come una lunga suite. Un'ipotetica colonna sonora di un film. L'ascoltatore attento ritroverà storie scritte in note come L'aria in mezzo, brano ispirato al film "Mare Dentro" di Alejandro Amenàbar o Pianosequenza che omaggia il celebre "Nodo alla gola" di Hitchcock. Lee & Jackson è invece è il racconto in musica dell'amore disperato e affascinante tra Lee Krasner e Jackson Pollock, ridisegnato in maniera sorprendente nel film di Ed Harris del 2000. Bradipo si chiude con la citazione onirica de La strada di Nino Rota. E' stata inserita anche una suite nella suite dedicata ai Pink Floyd, gruppo che ha fatto dell'unione delle immagini alla musica la sua forza.

'Rovistando nella tua produzione discografica ('La danza di Matisse', 'L'anima delle cose', 'Apnea') si nota passione per la pittura, la poesia, i romanzi. Si possono definire questi i tuoi elementi di ispirazione? Cosa fa scaturire le tue composizioni?

La letteratura, il cinema, l'arte sanno sorprendermi ed emozionarmi. Sono facili fonti di ispirazioni. La musica è poi il mio modo di tradurre queste emozioni in qualcosa di più concreto. Ma anche la vita quotidiana, il mondo che mi circonda, i musicisti con cui collaboro sono elementi che mi fanno essere quello che sono e come tale tradurre tutto poi nel mio modo di scrivere musica e di interpretarla. Io mi relaziono a un mio nuovo CD e progetto live proprio come un regista davanti al suo nuovo film. Ogni CD ha una sua storia, un suo svolgimento, dei suoi attori. Tendo a considerare i brani di un CD come molto correlati tra loro. Hai in mente il concetto che sta alla base di una compilation? Ecco, tutto l'opposto. Non apprezzo l'ascolto random. Brano dopo brano, un disco ci racconta qualcosa. Non è solo un contenitore di canzoni. Ha una sua anima, una sua storia che va dalla prima all'ultima nota suonata, brano dopo brano.

Sei appena tornato da un tour in Africa, che cosa porti a casa da quest'esperienza?

Sono stato due settimana in continuo movimento e suonando praticamente tutte le sere tra il Mozambico, il Sud Africa e lo Zimbabwe. Un'esperienza meravigliosa da tutti i punti di vista. L'Africa è tantissime cose insieme: ma, al di là dei luoghi comuni, ha anche una grande Cultura. Da scrivere con la C maiuscola. Ho trovato attenzione per la musica, rispetto, grande comunicativa, voglia di conoscere, di ascoltare, di capire, di confrontarsi. Ho suonato anche con tanti musicisti locali e probabilmente inizierò una collaborazione con un gruppo dello Zimbabwe. Hanno una curiosità e una voglia di ‘appassionarsi' che non sempre si trova più nel nostro Occidente. Spero di tornarci presto anche per tenere dei corsi di musica. E' meraviglioso cercare d'insegnare a chi ha così sete di apprendere. E non è la solita retorica, ma tu non hai idea di quanto abbiamo noi da imparare. Anche musicalmente.

Affianchi alla professione di musicista, quella di didatta. Il CEM (Centro Espressione Musicale) è ormai un punto di riferimento per aspiranti musicisti, se ne è parlato di recente anche in televisione; una realtà nella provincia di Varese, una scuola che tra gli insegnanti propone alcuni nomi molto noti della musica Jazz. Il Cem è anche coinvolto nell'organizzazione del festival Jazz di Gallarate, di cui sei il direttore. Cosa consigli ai giovani che vogliono affrontare l'attività di musicista jazz, e come vedi la situazione del Jazz in Italia?

E' una domanda difficile. Il jazz è diventato qualcosa che si deve vendere. Ci sono spazi importanti, ma sono destinati ai grossi nomi. In questi anni si è verificata una ‘spettacolarizzazione del jazz'. Ci sono star in Italia con cachet da 10/20 mila euro a serata. Il pubblico va dove ci sono grossi nomi e grande pubblicità, ma è meno affascinato dal piccolo club. I piccoli club mancano e sono quelli che servono da palestra ai musicisti emergenti. Sono nati i corsi di jazz quasi in ogni conservatorio italiano ma ironia della sorte non esistono molte possibilità per far esibire questi studenti. Sembrerà strano ma non vedo molti giovani veramente affascinati, appassionati e soprattutto curiosi. Speriamo che tutti questi corsi nei Conservatori non appiattisca la fantasia. Il jazz di oggi ha bisogno di musicisti certamente preparati ma soprattutto visionari, innovativi, personali.

Credi che l'armonica riuscirà a collocarsi al pari di altri strumenti musicali e trovare il suo spazio tra gli strumenti studiati nei conservatori e nelle jazz clinics, o che sia purtroppo ancora considerata poco più di un giocattolo?

Per l'armonica è molto dura. Io nel mio piccolo, come anche altri armonicisti del resto, cerco di far vedere che questo strumento ha sorprendenti versatilità. Lavoro anche molto sulla didattica. Spero che il futuro sia migliore. Una cattedra di armonica in un conservatorio italiano, come succede in molti paesi stranieri, potrebbe aiutare. L'armonica ha bisogno di essere considerata come un vero strumento musicale, quale in effetti essa è.

Olzer, Stranieri e Mistrangelo sono i tuoi ultimi compagni di viaggio con cui hai pubblicato lirico incanto e road movie e il nuovo Bradipo. Un gruppo che convince per qualità ed affiatamento.
Si può parlare di alchimia e complicità da cui si possa ottenere creatività musicale e nuove idee?


Assolutamente sì. Sono musicisti che stimo per la loro curiosità musicale e umana. Con loro è un vero laboratorio di idee e stimoli. L'energia nasce da lì. Inoltre ognuno di noi ha una grande stima musicale dell'altro.

L'intervista si conclude con un pensiero per Bruno de Filippi, scomparso pochi mesi fa e con cui hai stretto un rapporto professionale e di amicizia. Ci parli di Bruno e qual è il tuo ricordo?

I ricordi che ho di Bruno sono moltissimi e bellissimi. Jazzitalia ha già pubblicato un appassionato articolo di Bruno con un'intervista della brava Eva Simontacchi alla figlia di Bruno, Franca, e molti interventi di noi amici. Lui non è mai stato un insegnante di musica. Non era un didatta, ma mi ha sempre spinto a suonare e a studiare. Tra le mille immagini che ricordo me ne viene in mente una di lui che mi accompagna con la chitarra mentre tento di improvvisare con l'armonica su The Days Of Wine And Roses. Io avrò avuto vent'anni ed eravamo nella sua casa in collina a Magreglio, sopra al Lago di Como. Poi ricordo quando mi ha presentato Toots Thielemans ai Giardini Reali di Torino prima del concerto di Toots con Cedar Walton. Poi a Genova con Ron Carter e le tante sere al Capolinea. Ma anche una volta che siamo stati ospiti di una trasmissione notturna di una tv locale e annoiati dal presentatore ce ne siamo andati di soppiatto durante la pausa pubblicitaria. Bruno raccontava storie meravigliose e ne aveva talmente tante che ogni volta riusciva a raccontarne di nuove. Ero affascinato da un mondo dove i protagonisti potevano essere a seconda della storia, Mina piuttosto che Louis Armstrong oppure Gerry Mulligan, Astor Piazzolla, Luigi Tenco, Lucio Battisti, George Benson, Jim Hall e mille altri. Per Natale uscirà un dvd di un mio spettacolo in solo. Il dvd contiene anche un'intervista a Bruno de Filippi e l'intero lavoro è dedicato alla sua memoria.








Articoli correlati:
30/05/2017

Dune (Sharg Uldusù 4et)- Enzo Fugaldi

12/04/2015

Borderline (Max De Aloe 4tet)- Alceste Ayroldi

28/04/2014

Pop Harp (Max De Aloe - Marcella Carboni)- Francesco Favano

28/04/2013

Pingopingando (Antonella Montrasio - Max De Aloe Quartet)- Gianni Montano

10/03/2013

Björk On The Moon (Max De Aloe Quartet)- Alceste Ayroldi

05/12/2010

Lirico Incanto (Max De Aloe Quartet)- Elide Di Duca

01/11/2010

Bradipo (Max De Aloe Quartet)- Paolo Incani

19/06/2010

Nu-Drop (Nu-Drop) - Alceste Ayroldi

11/04/2010

Parliamo di Bruno. Intervista a Franca De Filippi. Eva Simontacchi incontra Franca De Filippi con la quale ripercorre alcuni degli aspetti che hanno reso Bruno De Filippi un uomo amato, rispettato e spesso considerato un riferimento come rimarcano le testimonianze dei tanti colleghi e amici qui riportate. Quest'anno Bruno De Filippi avrebbe compiuto 80 anni che sarebbe stato solo un altro dei suoi ambiti traguardi e, purtroppo, l'unico non raggiunto...(Eva Simontacchi)

25/01/2010

Apnea (Max De Aloe e Bill Carrothers)- Gianni B. Montano

11/03/2007

Crocevia (Max De Aloe)

03/01/2004

Gallarate Jazz Festival 2003: "Grande successo per la prima edizione del festival Jazz che ha trasformato Gallarate nella cittadella della musica. Interamente dedicata al Jazz italiano, ha proposto 5 concerti ed alcuni nomi famosi, una tavola rotonda ed una mostra fotografica.". (Franco Donaggio)

13/11/2003

Jazz Harmonica Summit, straordinario evento musicale dedicato agli appassionati di questo affascinante strumento, che ha proposto agli spettatori, per la prima volta in Italia, i tre grandi artisti dell'armonica cromatica Bruno de Filippi - Max De Aloe - Alberto Gottardelli. (Franco Donaggio)

27/09/2003

L'anima delle cose (Max De Aloe Quartet)

13/08/2003

Carla Marciano Quartet e Renato Sellani & Max De Aloe Quintet, chiudono il Beat Onto Jazz festival. Due bei concerti con momenti di alta classe (Ernesto Losavio)

08/06/2003

LEZIONI (armonica cromatica): Scale maggiori, esercizi e letture sulle tonalità di Fa maggiore e Sib maggiore con basi MIDI (Max De Aloe)

28/08/2002

LEZIONI (armonica cromatica): Le scale maggiori di DO e SOL, 10 utili esercizi e due letture con basi MIDI (Max De Aloe)

14/06/2001

Racconti Controvento (Max De Aloe Quartet & Gianni Coscia)

10/03/2001

Il Poeta di Renato Sellani con M. De Aloe, M. Moriconi e S. Bagnoli.

02/02/2001

Nuova sezione dedicata all'armonica cromatica a cura di Max De Aloe





Video:
MAX DE ALOE BRUNO DE FILIPPI QUINTET - Ma l'amore no
MAX DE ALOE BRUNO DE FILIPPI QUINTET - Ma l'amore no, PINETO ACCORDION JAZZ FESTIVAL - July 2008 , Bruno De Filippi/Max De Aloe - chromatic harmonica,...
inserito il 28/07/2009  da TheJazzHarmonica - visualizzazioni: 6824


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.097 volte
Data pubblicazione: 26/02/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti