Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Max Ionata
Roma, 11 Luglio 2004
di Franco Giustino

La prima volta che ho sentito Max Ionata è stato ad Ostia, nell'ambito della manifestazione "Jazz Istruzioni per l'Uso", organizzata dal bravissimo Massimo Nunzi. Devo riconoscere, che questo ragazzone con il suo sax color argento, mi aveva incuriosito. Il suo talento era evidente. Mi ero riproposto, alla prima occasione, di andarlo ad ascoltare. L'occasione si è presentata al "Meeting del Jazz" di Terni, in cui ha suonato con il suo quartetto, in una angusta Chiesa, dall'acustica mortificante. Nonostante l'handicap sonoro, Max Ionata è riuscito comunque ad esprimere tutte le sue enormi potenzialità. Un plauso va doverosamente fatto anche al suo gruppo: Luca Mannutza al piano, Marco Loddo (che per l'occasione sostituiva Gianluca Renzi) al contrabbasso e Marco Valeri alla batteria. A Terni ci siamo conosciuti dandoci appuntamento a Roma per passare alcune ore tra chiacchiere e musica.

F.G.: La tua passione per la musica nasce molto presto, quella per il Jazz?
M.I.: Ho iniziato ad 11 anni, come tutti coloro che soffiano negli strumenti, nella Banda del Paese (e se qualcuno lo nega, non gli credere!). Molti se ne vergognano, rinnegando i loro trascorsi come suonatori nelle Processioni o nelle feste di Paese. In Provincia, spesso è l'unica possibilità che si ha per suonare. La passione per il Jazz è venuta in seguito, tra molte difficoltà nel trovare incisioni ed informazioni. Pensa che il primo disco in cui ho ascoltato il sax tenore è stato "Sciò" di Pino Daniele dove vi suonavano mostri come: Bob Berg, Gato Barbieri e Larry Nocella. In seguito qualcuno mi ha prestato alcuni dischi di jazz, tra cui quelli di Parker e Coltrane, e da li è iniziato tutto.

F.G.: Devo confessarti che la prima cosa che mi ha colpito – prima che tu iniziassi a suonare – è stato il tuo sax tenore, molto particolare. Me ne vuoi parlare?
M.I.: Certo! E' un sax Borgani, Italiano come me. Viene costruito a Macerata. Devi sapere che tutti i sassofonisti vorrebbero suonare i sassofoni che si costruivano prima degli anni '60. In quell'epoca gli strumenti si realizzavano a mano e avevano, sia per la qualità dei materiali che per la costruzione artigianale, caratteristiche che per tristi motivi di consumismo non trovi in nessuna azienda moderna. La Borgani ha deciso di adottare quella antica politica, riuscendo a costruire degli strumenti davvero eccezionali. Oltre a me lo suonano i più grandi sassofonisti al mondo come: Joe Lovano, David Sanchez e il compianto Bob Berg, oltre a molti altri. Poi è fantastico avere rapporti diretti con il costruttore dei tuoi strumenti. L'Azienda si avvale, tra l'altro, della collaborazione di uno dei migliori riparatori al mondo: Marco Collazioni. Ringrazio pubblicamente entrambi, è anche grazie a loro se oggi riesco ad esprimermi al meglio.

F.G.: Dei vecchi Jazzisti di un tempo con chi avresti voluto suonare?
M.I.: Più che con dei musicisti in particolare, avrei voluto vivere un particolare periodo. Magari vagando per la New York degli anni '
50/'60, andando nei clubs, avere la possibilità di ascoltare dal vivo quelli che oggi sono per me i musicisti di riferimento. Mi capita a volte di sognare di vivere quell'epoca. L'anno scorso ero negli Stati Uniti per una serie di concerti con il trombettista Andy Gravish. A New York sono stato al Village Vanguard, al solo ricordo mi viene ancora la pelle d'oca. Avrei voluto essere lì ad ascoltare Coltrane, negli interminabili solo, che regalava ad ogni occasione.

F.G.: Chi ritieni essere il tuo ispiratore.
M.I.: Sicuramente Coltrane e Rollins, come la maggior parte dei tenoristi. Mentre dei contemporanei il mio preferito è Jerry Bergonzi, al quale - nel mio ultimo disco - è dedicato il brano
Mr J.B. di Luca Mannutza. Ritengo che la maggior parte delle ispirazioni venga ascoltando qualsiasi cosa riesca a darci sensazioni. Per questo oggi non mi preoccupo più di suonare in un certo modo piuttosto che in un altro. Cerco di essere me stesso nella maniera più onesta possibile, credo che questo pensiero poi si riflette nella musica che viene fuori, e il pubblico se ne accorge. Spesso capita che qualcuno alla fine di un concerto mi dica: "Io non capisco nulla di musica, ma tu mi sei piaciuto molto". Per me questo è il miglior complimento, vuol dire che sono riuscito a trasmettere emozioni, senza che costui abbia contato quante note ho fatto o quale stile di jazz ho suonato. Oggi, per qualcuno, sembra essere l'unica cosa che conta. Sonny Rollins disse: "A volte il mio sax diventa il prolungamento della mia anima". E' quello che sto cercando da un po' di collegare, spero di riuscirci un giorno.

F.G.: Mi descrivi come è la vita del musicista. Come si concilia con la famiglia. Sei spesso in giro?
M.I.:
Sai la vita del musicista non è sempre splendida. Spesso si è in giro per concerti. Viaggio molto, a volte ci sottoponiamo sia io che Stefania, mia moglie, a veri "tour de force", pur di riuscire a stare insieme. Poi si vive di notte. Mi sono reso conto che Luca Mannutza aveva gli occhi chiari dopo un paio di anni che ci suonavo insieme! Abituato a vederlo sempre di notte, con la strana luce dei clubs. Per fortuna gli sforzi sono ripagati con abbondanti soddisfazioni, che possono essere delle buone recensioni, o dei semplici complimenti ricevuti a fine concerto - di importanza vitale per un musicista -, o il fatto stesso che tu abbia deciso di intervistarmi.

F.G.: Come hai conosciuto i musicisti del tuo quartetto?
M.I.:
 Li ho conosciuti alle jam sessions del Gregory's a Roma. Dove ho anche avuto la fortuna di suonare al fianco di Carlo Atti e Steve Grossman, imparando tantissime cose. Con tutti ho un ottimo rapporto, in particolare con Luca Mannutza che, oltre ad essere il mio pianista, è stato il mio maestro. Devo dire che da lui ho imparato davvero molto, non a caso gli ho dedicato il brano "
Little Hand", che da il titolo all'album.

F.G.: A questo proposito, come nasce "Little Hand"?
M.I.:
E' il risultato di innumerevoli ore di musica passate insieme, suonando, ascoltando e viaggiando, su e giù per lo stivale e qualche volta anche oltre confine. Come, ad esempio, il concorso "Tramplin Jazz D'Avignon", l'ultimo "contest" internazionale vinto insieme.

F.G.: Nel tuo disco i brani proposti sono quasi tutti tuoi. Come articoli le composizioni. Lavori in maniera "organizzata", o dai libero sfogo alla tua improvvisazione creativa. O entrambe le cose.
M.I.:
A volte l'una, a volte l'altra cosa. Talvolta viene fuori una sola frase, sulla quale cerchi di montare un intero pezzo, cercando altre idee se vengono, altrimenti rimangono trascritte nel mio blocco di fogli pentagrammati sul pianoforte, contenente numerosi pezzi iniziati e mai finiti. Speriamo di avere altre ispirazioni cosi da non dover gettare via quegli appunti. A volte invece, come nel caso di "Little Hand", il brano gira tutto intorno ad una sola frase, che è la prima del tema. Questo pezzo è nato durante una prova con l'aiuto di tutti. Ho proposto la frase e gli altri ci hanno suonato, ed è così che è nato il brano.

F.G.:
Dei tuoi lavori come solista o in collaborazione, quale è quello di cui vai più fiero.
M.I.:
Del disco con Ada Montellanico "Suoni Modulanti". Principalmente perché Ada è una splendida cantante, oltre ad essere una seria professionista. Devo a lei inoltre la fortuna di avermi fatto conoscere un musicista eccezionale, di immensa cultura: Massimo Nunzi. Molto devo anche a Gianluca Renzi, ad i fratelli Iodice ed a Fabrizio Bosso, che approfitto per salutare e fargli gli auguri di una pronta guarigione.

F.G.: Dei musicisti italiani con i quali non hai mai lavorato, con chi vorresti suonare?
M.I.:
Sicuramente Roberto Gatto, per me è sempre stato un punto di riferimento come batterista e "band leader". Poi con Enrico Pieranunzi, un musicista di gran classe. Ho avuto l'opportunità di suonare i suoi splendidi arrangiamenti con il gruppo di Ada Montellanico.

F.G.: Quali sono i tuoi progetti futuri.
M.I.:
Di progetti ne ho molti, moltissime idee che spero di realizzare. E' da un po' di tempo che sto portando avanti un lavoro in trio, suonando un tributo a Sonny Rollins, con Lorenzo Tucci e Pietro Ciancaglini. Vorrei iniziare a scrivere per questo progetto, rendendolo originale, per poi portarlo in studio. Vorrei incidere anche un nuovo disco, con il quartetto, che oggi è composto da: Luca Mannutza al Piano, Gianluca Renzi al Contrabbasso e Marco Valeri alla Batteria. Questa idea, come è ovvio, mi spaventa un po', ti spiego anche il perché. Giovanni Serrazanetti - il gestore della Cantina Bentivoglio di Bologna -, mi disse: "Caro Max ora sei in guai grossi, hai fatto un disco (Little Hand - n.d.r.) bellissimo, il grande problema ora è realizzarne un altro che sia migliore o almeno come questo!". Ho in mente anche un tributo al grande Joe Henderson, da realizzare in duo con il pianoforte, sto cercando chi abbia voglia di produrlo. Insomma le idee non mi mancano, ciò che manca è qualcuno che creda in questi progetti. Vorrei ci fosse più attenzione verso i giovani musicisti Jazz, senza timore di sacrificare risorse, incentivando progetti apparentemente poco appetibili. Devo riconoscere di avere avuto, in soli quattro anni di attività, grandi soddisfazioni ma non mi sento certamente appagato.

F.G.: Grazie di tutto Max.
M.I.:
Grazie a te.





Articoli correlati:
27/09/2017

Jammin' 2017 XV Edizione: "40 artisti, jazzisti, cantautori, produttori, compositori, autori, una Giovine Italia che guarda all'Europa senza ammiccamenti né timori reverenziali, fiera delle proprie mediterranee origini, i sogni possibili e le legittime ambizioni."

12/03/2017

D Birth (Daniela Spalletta feat. Urban Fabula)- Enzo Fugaldi

13/12/2015

Crossthing (Fabrizio D'Alisera Quartet)- Gianni Montano

11/04/2015

Intervista a Max Ionata: "Improvvisare non vuol dire arrangiarsi. Improvvisare è una cosa molto seria, molto ben organizzata per poter uscire e scavalcare anche i problemi musicali in maniera agile." (Laura Scoteroni)

16/09/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Fabrizio Salvatore, Alfa Music: "Libertà, creatività, passione per la musica, il piacere di fare un lavoro che ti piace." (Alceste Ayroldi)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

29/09/2013

Quattro chiacchiere con...Mauro De Federicis: "...mi piace la musica n cui ci sono stimoli, laddove trovo un brano, un musicista oppure una situazione che mi da emozioni." (Aceste Ayroldi)

29/09/2012

European Jazz Expo #2: Asì, Quartetto Pessoa, Moroni & Ionata, Mario Brai, Enrico Zanisi, Alessandro Paternesi, David Linx, Little Blue, Federico Casagrande, Billy Cobham (D. Floris, D. Crevena)

07/07/2012

Red Inside (Antonella Catanese)- Francesco Martinelli

24/06/2012

Cisi, Ionata, Angiuli e Angelucci all'Alexander Platz di Roma: una formazione nata come trait d'union tra il Northbound 4tet e il Max Ionata 4tet per un grande "progetto" a due tenori. (Pasquale Raimondo)

17/09/2011

In Sicilia una Suite (Giovanni Mazzarino Quartet)- Francesco Martinelli

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

29/05/2011

Dieci (Max Ionata Quartetto)- Alessandro Carabelli

02/04/2011

Anyway (Berardi Jazz Connection) - Luca Labrini

06/03/2011

Inspiration (Max Ionata Quartet Feat. Fabrizio Bosso) - Alceste Ayroldi

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

21/11/2010

Vie di Jazz 2010 - VI Edizione: " Quando non c'è un testo che faccia riferimento alla realtà o un contenuto che costringa l'ascoltatore alle emozioni del compositore oppure ad un significato che è stato attribuito, allora la musica rende liberi..." (Lorella Marino)

18/05/2010

Bye Bye Lazybird (Gerardo Bartoccini) - Alceste Ayroldi

04/10/2009

Reincarnation Of a Lovebird (Pietro Ciancaglini) - Alceste Ayroldi

22/11/2008

Standard Suite in Bb Major (Pietro Lomuscio Trio)

30/10/2008

Panta Rei (Roberto Spadoni Nine )

15/08/2008

Jass & Jazz & More (Marcello Rosa)

03/02/2008

Sound Advice (Andy Gravish, Luca Mannutza and Sound Advice)

10/03/2007

Lode 4 Joe (Max Ionata - Luca Mannutza)

22/08/2006

Smile Again (Miles Griffith & Tony Pancella Trio/Quartet)

15/01/2005

Intervista a Nicola Angelucci: "...Mi sono avvicinato al jazz in modo un po' insolito, soprattutto da un punto di vista cronologico. Ho incominciato, infatti, con i dischi dei Weather Report e, successivamente, ho ascoltato i grandi musicisti del passato..." (Massimiliano Cerreto)

02/06/2003

Little Hand (Max Ionata Quartet)







Invia un commento

© 2002 - 2004 Jazzitalia.net - Franco Giustino - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.265 volte
Data pubblicazione: 28/08/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti