Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

The art of drums...
Intervista ad Adam Nussbaum

di Ernesto D'Angelo
photo by Gianmichele Taormina

Adam Nussbaum è un tipo davvero "a posto". Serafico, con una faccia allo stesso tempo rilassata, curiosa e involontariamente irridente. Il suo eloquio è ponderato, pacato, incessantemente accompagnato dal perenne masticare chewing gum. Sembra perdersi, salvo poi riprendere il filo con "illuminazioni" inaspettate. Abbiamo incontrato il grandissimo batterista americano dopo il concerto tenutosi lo scorso 6 Aprile ad Alcamo, organizzato dal Brass Group locale, nel quale ha sbalordito per doti espressive e tecniche in veste di sideman nel trio della bravissima Rita Marcotulli, insieme all'altrettanto "siderale" Palle Danielsson al contrabbasso.

E.D.: Per iniziare parlaci del ruolo del batterista. Non sempre è considerato un musicista come gli altri. Tempo fa circolava una battuta: "il batterista è il migliore amico dei musicisti!". Cosa ne pensi?
A.N.: Il batterista è un musicista. È colui che crea le "condizioni ambientali". Trae stimolo da ogni membro della band e decide con chi interagire. Ogni genere musicale ci dice che è proprio lui il musicista, per antonomasia, che dà la chiave di lettura su ciò che si sta suonando. Inoltre è il musicista del gruppo che è quasi obbligato ad essere il maggiore ascoltatore; quello che deve sapere, capire, intuire in quale direzione va la musica che si sta suonando.

photo by Antonino Siragusa E.D.: Sbaglio o tra i tuoi concetti preferiti vi è quello per cui asserisci che: "tecnica non è mani svelte, bensì orecchie svelte"...?
A.N.: Già! Penso che un buon batterista debba innanzitutto essere capace di "sentire" come si sviluppa il "feel" e rispondere, con perizia e rapidità, cercando di comprendere cosa sta succedendo sul palco e suonare quello che può rendere migliore una determinata situazione musicale.

E.D.: Tempo fa in una rivista americana ho letto che ti sei presentato ad un contest di batteristi con un "armamentario" abbastanza inusuale: un paio di spazzole e un giornale come superficie da percuotere. Dato che uno dei tuoi motti è "non essere mai un clone; nessuno suona come te meglio di te", cos'è per te l'originalità e dicci se esiste un lessico dell'unicità in musica ?
A.N.: Ogni essere umano è unico e per sua natura impara da ogni persona che lo può ispirare. Io per esempio, sono stato e sono influenzato da ogni musicista che ascolto. Da sempre apro le mie orecchie alla musica africana, afro-cubana, brasiliana (adoro Elis Regina e Joao Gilberto), a Frank Sinatra, al rock, al Motown sound, a James Brown, Marvin Gaye, Jimi Hendrix, a tanta musica classica (Stravinskij, Mahler, Chopin)... musica di ogni parte del mondo. E cerco di incorporare tutti questi miei ascolti in ciò che faccio. È un po' come quando sei ancora un bambino di pochi mesi: guardi tua madre, tuo padre e cercando di copiarli impari a camminare. Ma il tuo modo di camminare, anche se deriva da loro, non è il loro.

E.D.: Tuttavia il tuo modo di incorporare tutti questi stili rimane assai diverso da quello sintetizzato da alcuni odierni superman dei tamburi...
A.N.:
Sì, in effetti loro hanno un approccio differente dal mio. La cosa buffa è che io ho iniziato suonando rock. Ed i miei modelli erano i batteristi di quell'epoca: Mitch Mitchell su tutti! Poi adoravo la selvaggia ed eccentrica creatività di Keith Moon, oltre agl'indimenticabili Ginger Baker e John Bonham. Gente che ha sempre colto l'occasione per mettersi in discussione e che non vedeva l'ora di "correre dei rischi".

E.D.: Stasera tu hai suonato, splendidamente, con Rita Marcotulli. Una grande musicista italiana ma europea in particolare... Cosa pensi della scena jazzistica nel vecchio continente?
A.N.:
Penso che i grandi musicisti possano venire da ogni parte del globo. Ed in Europa c'è una notevole cultura musicale. Ovviamente anche l'italia ha i suoi grandi. In più penso che i musicisti europei influenzino i musicisti americani… e viceversa...

E.D.: ...Sì, ma nel jazz ammetterai che esiste una "positiva" differenza tra lo swing americano e quello europeo. Non credi sia difficile mettere nella medesima categoria un Jeff ‘Tain' Watts ed un Jon Christensen?
A.N.: No, credo piuttosto che ci siano solo musicisti che hanno il giusto "sentire" e il giusto "sound" per fare jazz. La musica, adesso, ispira chiunque da dovunque esso provenga. In Europa ci sono meravigliosi musicisti. Per quanto riguarda il mio strumento Jon Christensen è fantastico. Han Bennink ha un'incredibile fantasia ed immaginazione e poi apprezzo molto Daniel Humair, Tony Oxley, Aldo Romano, Roberto Gatto...

E.D.: ...Stasera mi hai tanto ricordato Han Bennink, per il tuo approccio molto fresco, sebbene legato alle radici...
A.N.:
...Questo perché ho una profonda conoscenza delle radici, molta fantasia e mi piace azzardare ogni volta che suono. Mi piace Bennink proprio perché conosce la tradizione ma non si culla sugli allori. Cerca sempre nuove sfide!

Discografia Selezionata
(in ordine cronologico decrescente)

Con John Abercrombie
- Open Land (1999, ECM);
- Tactics (1996, ECM);
- Farewell (1993, Musidisc);
- Speak of the Devil (1993, ECM);
- While We're Young (1992, ECM)

Con John Scofield
- Rough House (1978, Enja);
- Out Like a Light (1978, Enja);
- Who's who? (1979, One Way Records);
- Shinola (1981, Enja)

Con Paul Bley
- If We May (1993, Steeplechase)

Con Michael Brecker
- Now you see it...Now you don't (1990, GRP)
- Don't try this at Home (1988, MCA)


Con George Gruntz
- Sins'n'Wins'n'Fans (1996, TCB);
- Monk-Lo-Motion (1995, TCB);
- Blues'n'Duets Et Cetera (1991, Enja);
- First Prize (1989, Enja)


Con Hal Galper
- Ivory Forest (1988, Enja)

Con Jerry Bergonzi
- On Again (1998, RAM);
- Lost Within' the Shuffle (1998, Double Time);
- Just Within' (1996, Double Time);
- Lineage (1989, Red Records)

Con Dave Liebman
- Monk's World (1999, Double Time);
- Homage to John Coltrane (1987, OWL);
- If They Only Knew (1980, Timeless);
- Don't It Again (1979, Timeless)

Con Lee Konitz
- Round and Round (1989, Music Master);
- New York Album (1987, Soul Note)

Con Gil Evans
- Live at The Sweet Basil (1984-85, Evidence o Gramavision)

Con Tom Harrell
- Visions (1990, Contemporary);
- Sail Away (1989, Contemporary)

Con Jaco Pastorius
- Live in New York City – Vol. 5 (1985, Big World)

Con Bobby Watson
- Advance (1984, Enja)

Con Steve Swallow
- Always Right On Pack (2000, Watt);
- Deconstructed (1996, Watt)

Con Dan Wall
- Off the Wall (1997, Enja)

Con Salvatore Bonafede
- Actor-Actress (1990, Ken/Bellaphon)

Con Jim McNeely
- East Coast Blow Out (1989, Lipstick)

Con Nuccio Intrieri
- Jazz My Dear (1994, Splasch)

Con Marc Ducret
- Le Kodo (1988, Label Bleu)

Con Mike Richmond
- On The Edge (1988, Steeplechase)

Con Ron McClure
- Me Jolt (1989, Steeplechase)

E.D.:
A proposito di tradizione: so che hai studiato con Freddie Gruber, mitico maestro di arte percussionistica che annovera tra i suoi "vecchi" allievi gente come Peter Erskine e Bill Goodwin. Cosa ti ha insegnato, dato che tu stesso lo hai "consultato" malgrado già fossi ad un più che notevole livello tecnico-espressivo?
A.N.: Ho preso due lezioni da Freddy. E mi hanno aperto gli occhi. Ha un senso molto acuto per quello di cui un batterista ha bisogno per esprimersi pienamente. Ascolta dapprima con molta attenzione ciò che fai e dopo cerca di ottimizzare le tue abilità. Ogni sua lezione non è standard, ma individuale. E lui è uno che ti fa capire se certi tuoi movimenti impediscono una maggiore naturalezza del "tuo" modo di suonare. Io l'ho contattato perché non sapevo come sviluppare certe mie cose (si fa misterioso il tipo; non specifica! – n.d.r.). Non intendo "non essere all'altezza di...", ma aprire gli occhi dando corpo a certe idee. E Freddy me li ha aperti!

E.D.: In un seminario tenutosi a Palermo due anni fa, il grande Peter Erskine ha detto che "i più grandi specialisti delle spazzole dei nostri giorni sono Steve Berrios ed Adam Nussbaum". Dicci qualcosa su questo "lato oscuro" dell'espressività batteristica.
A.N.: Innanzitutto ringrazio Peter, sempre molto buono nei miei confronti! A proposito delle spazzole dico che sono una parte importante della tradizione di questo strumento e permettono di creare molti suoni e tessiture ritmiche policrome. Offrono al batterista la possibilità di stendere un tappeto su cui si possono adagiare tutti i musicisti del gruppo con cui si suona. Puoi suonarle a dinamiche diverse con risultati ogni volta nuovi e ti danno modo di far fluire la musica con cose che le normali bacchette non consentono. Oltretutto faccio molta pratica con loro, ascoltando per esempio, musica brasiliana e cubana, piuttosto che ripetere pattern legati ad uno swing più consueto. Inoltre cerco di mischiare allo swing, stimoli diversi che "mi arrivano" da gente come Milford Graves e Rashied Ali (batteristi-percussionisti del ‘free' storico, rispettivamente con Ayler e Coltrane – n.d.r.), oppure dallo stesso fantastico Vernell Fournier (grande maestro delle spazzole, recentemente scomparso, famoso per essere stato il drummer del "mitico" trio di Ahmad Jamal, con Israel Crosby al contrabbasso – n.d.r.). Insomma ho imparato e continuo ad imparare da musicisti tra loro dissimili.

E.D.: Provieni da una famiglia di origine ebraica. C'è un legame, secondo te, tra il jazz e la cultura semitica?
A.N.: C'è una parte della cultura ebraica legata all'oppressione che è similare ad una parte della storia degli afro-americani. Ma per la mia personale esperienza, cultura ebraica significa soprattutto le mie proprie origini umane ed artistiche, insomma… la mia famiglia! Mia madre era ed è molto coinvolta nella recitazione e nell'arte; mio padre è un meraviglioso artista nel campo delle arti grafiche e della scultura. Una persona molto prolifica ed apprezzata. Sono stato, come dire, "esposto" all'arte, ad ogni tipo di studio, mezzo e mentalità espressiva sin da subito e devo ad una stupenda insegnante di piano, quando ero giovanissimo, l'avere imparato il piacere e la gioia di comprendere la musica. Cosa che tuttora mi appartiene. Sei quello che sei e suoni quello che sei. Il background personale è sempre importante nell'arte!

E.D.: Tu sei un grande sideman. Quando pensi di mettere su un gruppo tutto tuo?
A.N.: Forse lo farò abbastanza presto. Entro i prossimi due anni. Ma lasciami dire che mi sento molto fortunato ad aver collaborato ed aver preso parte a esperienze e band differenti che mi hanno molto arricchito.

E.D.: Quali ad esempio?
A.N.:
È difficile rispondere. Innanzitutto per le differenti qualità dei musicisti con i quali ho lavorato e poi perché ogni contesto musicale nel quale mi sono trovato ha comportato l'essere coinvolto in diversi aspetti, sviluppati, ogni volta, in altrettanti modi. Penso proprio che ogni band con cui ho suonato sia stata una buona band. E tutti i musicisti con cui ho collaborato suonavano al loro meglio. Per esempio ho vissuto una fantastica avventura musicale con John Scofield e Steve Swallow. Shinola è un gran bel disco! Con Swallow continuo a collaborare col suo quartetto e come membro del trio del "vostro" Giovanni Mazzarino. Torneremo in Sicilia, probabilmente il prossimo agosto. Poi ho fatto dei dischi ottimi con musica altrettanto bella con Dan Wall e John Abercrombie. Così come nell'esperienza avuta con Jerry Bergonzi e lo stesso Wall. Inoltre penso proprio di essere fortunato ad aver collaborato con gente del calibro di Stan Getz, Dave Liebman e soprattutto con quel gigante di Gil Evans. Anche se quella "versione" della Big Band di Gil non credo sia stata giustamente documentata discograficamente. Abbiamo avuto delle serate nelle quali la qualità musicale è stata assai migliore di quanto testimoniano dischi come quello! (Si riferisce al "Live at The Sweet Basil" edito da Gramavision, che proprio in quel momento penzola dalle mie mani. – n.d.r.).

E.D.: Vorremmo sapere di più sulla tua esperienza con Gil...
A.N.: ...Per certi versi unica! Era un uomo molto saggio. Ti spingeva sempre a fare fluire la tua creatività. Ed è curioso che la sua visione assai aperta nell'affrontare ogni tipo di musica ed ogni aspetto di essa si sia ampliata e migliorata con l'andare degli anni. È strano ma molte persone pensano che "giovane" significa "aperto al nuovo" e "vecchio" invece no. A me è accaduto di constatare il contrario: ho incontrato giovani che si sono rivelati meno aperti e creativi di quel grande musicista che risponde al nome di Kenny Wheeler, che non è più un giovanotto, oppure di quel sorprendente settantaseienne che è James Moody. Collaborazioni, queste ultime, che mi sono piaciute tantissimo.

E.D.: Un pensiero, per concludere?
A.N.:
Ogni situazione musicale in cui mi sono trovato mi ha migliorato e ha fatto venire fuori tutti quegli aspetti che compongono la mia personalità. Perché il cercare di fare la cosa giusta per musicisti ogni volta differenti, contribuisce ad allargare il tuo vocabolario e a non ripeterti.

Ernesto D'Angelo






Articoli correlati:
18/07/2017

Steppingstone (Terje Gewelt)- Gianni Montano

13/07/2015

Singular Curves (Swallow - Talmor - Nussbaum)- Niccolò Lucarelli

02/06/2015

The Collective Personnel (Project Them)- Gianni Montano

26/04/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Giovanni Mazzarino e Valentina Gramazio, Jazzy Records: "Bisogna lottare per non scendere a compromessi e fare capire che la qualità e la professionalità hanno delle regole e che infrangerle fa male a tutti." (Alceste Ayroldi)

21/12/2013

Quattro chiacchiere con...Lara Iacovini: "Ci vuole coraggio per osare, ma se nessuno lo facesse...beh, sappiamo bene cosa accadrebbe." (Alceste Ayroldi)

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

22/10/2011

Castroreale Jazz Festival: "La suggestiva cornice della piazza Pertini di Castroreale in provincia di Messina, una piccola perla dei Peloritani, accoglie da oltre un decennio un festival diretto con passione da Piero Salvo insieme a un ristretto numero di validissimi collaboratori. Quest'anno, dopo la serata iniziale dedicata al violoncellista Ernest Reijseger in trio con Harmen Fraanje e Mola Sylla, si sono esibiti Rita Marcotulli con Francesco Bearzatti, lo ZZ Quartet di Simone Zanchini e il grande contrabbassista francese Renaud Garcia-Fons." (Vincenzo Fugaldi)

06/03/2011

As You Like (BANN (Blake, Anderson, Noy, Nussbaum)) - Alceste Ayroldi

06/03/2011

The Way We Talk (Simone Zanchini - Ratko Zjaca) - Alceste Ayroldi

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

02/05/2010

Laurent Cugny Quartet plays Joe Zawinul + Forum "Miles Davis"; Adam Nussbaum meets Riccardo Del Fra, Hervé Sellin, Pierrick Pedron; Jerry Bergonzi Trio. Tre concerti al Sunset/Sunside Club di Parigi (Luca Civelli)

09/11/2009

Playing in traffic (Swallow/Talmor/Nussbaum) - Laura Mancini

06/09/2009

Ispani Jazz 2009, "Una coraggiosa svolta internazionale" con Bob Mintzer, John Abercrombie, Flavio Boltro: "La macchina organizzativa dell'Ispani Jazz Festival ha rivelato, in questa settima edizione 2009, una concreta ed encomiabile evoluzione che, tanto nella coraggiosa, quanto interessante svolta internazionale, ha riscosso un palpabile gradimento dei numerosi appassionati accorsi." (Francesco Peluso)

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

20/06/2009

Light (The Giovanni Mazzarino New Quintet)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

15/04/2007

William Parker, Manu Dibango, Leena Conquest, Adam Nussbaum e molti altri a Chiasso per la decima edizione del Festival di Cultura e Musica Jazz dal titolo "Colour is Jazz", ricca di infinite proposte musicali, di stili, ritmi e improvvisazioni, come infiniti sono i colori a disposizione nel mondo dell'arte figurativa...(Bruno Gianquintieri)







Inserisci un commento

© 2000 - 2003 Jazzitalia.net - Ernesto D'Angelo - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.099 volte
Data pubblicazione: 31/03/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti