Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Beat Onto Jazz Festival 2003
Intervista a Renato SELLANI

Bitonto, 6 agosto 2003
di Marco Losavio

Incontriamo Renato Sellani in un bar della Villa Comunale attiguo al palco in cui ci sarà il concerto del Renato Sellani - Max De Aloe Quartet nell'ambito del BeatOnto Jazz festival 2003. Sellani è un musicista che si rivelerà un'inesauribile fonte di esperienze, saggezza, molto attento alla qualità e al quale, in fondo, non ci sono vere e proprie domande da porre, piuttosto bisogna ascoltarlo nei suoi racconti di una vita vissuta al fianco di grandi protagonisti, come lui stesso è.


Trasmissione radiofonica del 1950
RAI via Asiago, con:
Jula de Palma alla voce
Renato Sellani al piano
Franco Chiari al vibrafono
Sergio Coppotelli alla chitarra
Carletto Loffredo al basso

JI:
Le riporto una frase di Salvatore Bonafede: "Sellani è il papà del jazz italiano". Allora mi viene da chiederle, chi sono i figli?
RS: Bè, innanzitutto io mi auguro di non essere il papà, semmai lo zio. Il papà è troppo importante. Uno zio che ha un po' influenzato qualche giovane che voleva suonare questo tipo di musica, anche se pochissimo perchè io innanzitutto non ho mai seguito certe mode musicali. Mi sono costruito da solo ascoltando ma mai copiando. Ho avuto una grande lezione da Lee Konitz che la prima volta che venne in Italia scelse me come pianista e mi disse: "è preferibile che ti dicano che tu suoni male piuttosto che suoni come un altro", perchè ciò vorrebbe dire che non si ha personalità. Così io ho cercato di suonare male!!

JI: Bè, è riuscito molto bene a suonare male...! Facciamo qualche passo indietro nel tempo: la Taverna Messicana. Ci racconti qualcosa...
RS: Nel '58 sono venuto a Milano per la prima volta, invitato da Franco Cerri in questo posto "terribile", pieno di topi, però era uno dei rari locali in cui si potesse suonare jazz. Lì venivano tutti gli americani di passaggio tanto che riuscii ad accompagnare Billie Holiday! Dopo Franco Cerri, la stagione successiva, il famoso sestetto Basso-Valdambrini, mi scelsero al posto di Enrico Intra e lì sono stato con loro alcuni anni, siamo andati in America insieme, abbiamo fatto un sacco di belle cose. E lì ho incominciato ad essere un semi-professionista perchè prima ero praticamente un dilettante. Poi siamo arrivati negli anni '60, arrivò Chet Baker, anche lui scelse me come pianista con cui abbiamo fatto un disco, una tournèe. Poi i vari Gerry Mulligan, Buddy Colette, clarinettista bravissimo, Lars Gullin (Gunnar Victor Gullin: Visby, Sweden, 4 mag 1928 - Vissefjarda, Sweden 17 mag 1976), uno dei baritonisti più importanti per quell'epoca tanto che su Downbeat lo inserivano sempre prima di Mulligan nei referendum. Lars è morto giovane, poverino. Ho a casa un suo brano che scrisse dedicandomelo. Infatti c'è scritto "per Renato" e l'ho inciso ultimamente in un disco che ho fatto con Gianni Basso per le musiche di Lars Gullin e dovremmo andare a Stoccolma per una sua commemorazione. Dopo venne quella bravissima cantante, tra le più brave cantanti bianche, che si chiamava Hellen Merril. Poi, tra le altre cantanti, pesa che sono riuscito ad insegnare Volare ad Ella Fitzgerald. Quando sentì questo brano, le piacque molto e volle che le scrivessi la melodia e gli accordi e il testo italiano, che si fece tradurre in inglese, e non credo che sia riuscita ad inciderla. Poi ho esperienza con Sarah Vaughan...tante altre. Ne ho fatte di tutti i colori perchè poi ho fatto anche una vita teatrale. Ho scritto tantissime musiche per commedie ed ho fatto anche l'attore! Perchè quel grande attore che si chiamava Tino Buazzelli, fu il primo attore e regista che volle che io suonassi in palcoscenico e traducessi musicalmente tutto. Nella famosa opera di Brecht, "Puntila e il suo servo Matti", regia di Aldo Trionfo, su tre ore e mezza di spettacolo suonavo tre ore in palcoscenico però...mi pagavano! Erano i primi soldi della mia vita. Questo negli anni settanta. Avevo composto musica per tutto lo spettacolo tranne un brano, per rispetto all'autore, che era Paul Dessau. La vedova di Brecht ci chiese di rispettare almeno un brano di Dessau, per il resto feci tutto io e suonare tre ore era dura. Abbiamo fatto tre stagioni, c'era anche Corrado Pani, bravi. Buazzelli era però straordinario pensa che Vittorio Gassman, ai suoi funerali mi disse: "è morto il più grande attore italiano" e lui che si considerava ed era considerato il numero uno, ha riconosciuto che Buazzelli era il più bravo di tutti perchè sapeva fare tutto quello che gli dicevano di fare. Sapeva fare il vecchio, il bambino, il drammatico, il comico, tutto alla perfezione. Grande esperienza. Poi ho fatto anche l'attore: secondo protagonista in un giallo in televisione con Paolo Ferrari. Era un giallo a Montecarlo. Lì suonavo anche dal vivo perchè il regista voleva un pianista che facesse anche l'attore e mi disse: "tu non devi recitare, parla come parli". Ero considerato il presunto assassino, tanto che dopo la prima puntata, mia madre disse a mio padre: "ma l'abbiamo educato così bene, ora andrà in prigione...". Tre quarti della mia vita l'ho anche passata seguendo tutti gli sport tranne qualcuno più noioso come il golf o l'hockey su prato. La Domenica Sportiva fu ideata da me e dal povero Barenson che era un giornalista sportivo. Ero a Roma e gli suggerii di fare una trasmissione sportiva che poi divenne "La domenica sportiva". Sandro Ciotti, mio grande amico, mi diceva: "io ti voglio in cabina perchè tu capisci più di tutti questi colleghi che non capiscono nulla!". L'allenatore del vecchio Milan, Nereo Rocco, mi voleva sempre vicino. Io seguivo sempre il Milan in tutte le coppe internazionali. Mi manca di magiare il fuoco poi ho fatto tutto!
Però la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca. Siccome cerco di farla in un modo piuttosto precisa secondo il mio carattere che è troppo sensibile. Io ho una sensibilità molto elevata, sento a distanza l'umore della platea. A parte che ho l'orecchio assoluto per cui un minimo di vibrazione inesatta non mi fa suonar bene. Basta che ci siano quattro persone che abbiano in testa delle cose negative nei miei confronti che già mi fan suonare male e allora la musica mi produce anche una certa tristezza. Poi c'è la mia più grande virtù: la pigrizia! Mi ricordo che quando non c'era la possibilità di viaggiare in aereo mi facevo, ad esempio, Milano - Brindisi in macchina o in treno...quando si è giovani andava anche bene ma ora...Poi, sinceramente...preferivo andare a vedere una partita a San Siro che fare un concerto...Ho avuto anche esperienze negative che poi porto sul pianoforte, diventa un frutto di tanti colori. Io non ho mai studiato piano, penso che sia un dono di natura il mio. Mi hanno fatto studiare la teoria ma sullo strumento non ho mai avuto neanche cinque minuti di lezione. Io vado nei conservatori a fare un concerto e loro non ci credono che non abbia studiato tra l'altro non ho mai avuto un pianoforte in vita mia. Poi, l'idea di passare 7/8 ore al giorno a studiare, come fanno i veri musicisti, e sottolineo veri, non mi ha mai allettato. Se mi viene in mente di comporre una cosa al momento, come mi è capitato oggi, allora la scrivo ma l'idea di studiare un pezzo...dopo averlo visto un po', basta, chiudo e vado via. Non ho il pianoforte ma ho una tastiera regalatami dalla Yamaha, che però non amo molto perchè non mi piacciono le cose elettroniche. Pensa, se un giorno dovesse venire un black out non si suonerebbe più! Una volta con Mina, con cui siamo amici fraterni, alla Bussola, mentre si suonava venne giù un temporale e saltò via la corrente.
photo by JazzitaliaCome salviamo la serata? Il proprietario fece fare un megafono col cartone e Mina disse: "Renato, tu suona il pianoforte e salviamo la serata!". E così fu.

JI: Mi viene in mente un altro pianista italiano che ha avuto un'indole molto forte, un istinto musicale talmente accentuato al punto da arrivare ad isolarsi...sto parlando di Umberto Cesàri
RS: Ah, io da lui ho appreso, non dico tutto, ma tante cose perchè fui ospite suo per un periodo quando facevo finta di fare l'università a Roma. Umberto s'è però rovinato con le sue mani...amava le macchine...Aveva un suo stile preciso, ma non una sua spiccata personalità. Suonava molto ascoltando Teddy Wilson e Art Tatum. Aveva una facilità di suonare stupenda, un tocco bellissimo, una fluidità! Avendoci vissuto molto al suo fianco ho potuto osservare attentamente quest'uomo. Ho dormito nella sua stanza ed ogni tanto aveva di queste sue allucinazioni...alcune volte se doveva suonare in un locale e non ne aveva voglia, il che capitava abbastanza frequentemente, mi diceva: "Vai tu Renato.". Diventai un po' il suo vice...lui si nascondeva. Non partecipava a nessuna situazione musicale romana dove magari c'erano altri personaggi come Trovajoli...

JI: Il jazz in Italia, secondo lei ha avuto una mutazione a partire dagli anni '50 poi i '60 e i '70.
RS: C'e' stata una specie di "fermo pesca" negli anni '70 e poi ci si è risbloccati. Adesso ci sono centinaia di bravissimi giovani che suonano benissimo. Ma dove suonano? Mancano gli spazi. Con l'avvento del consumismo esasperato, che peggiorerà sempre, o fanno un jazz di grande rumore del tipo "chi fa più note è bravo" o non vanno avanti. E' difficile essere semplici! Hanno paura di non stupire e i critici cadono in questo tranello. Chi ascolta dovrebbe avere una conoscenza di quanto si è fatto. Il jazz è una lingua che va parlata e ascoltata, non si può dire d'impatto "no, questa cosa non mi piace".

JI: Parliamo un po' di Gorni Kramer...
RS: E' stato uno dei miei maestri. A lui piaceva molto come suonavo però non leggevo a prima vista pertanto quando sbagliavo qualcosa urlava! Però mi voleva molto bene e nei viaggi mi voleva al suo fianco, voleva che dormissi nella sua stanza perchè aveva paura di dormire da solo. Devo però ringraziare, oltre a Kramer, anche un altro musicista: Oscar Valdambrini. Anche lui si arrabbiava molto perchè non studiavo!

photo by JazzitaliaJI: Ho notato la sua frequenza nel suonare in duo, una predilezione particolare. Si notano collaborazioni con Irio De Paula, Enrico Rava, Lee Konitz, Phil Woods...
RS: Adesso con Konitz dovrebbe uscire un terzo disco, poi con Irio un altro e ad ottobre usciranno sei dischi miei. Poi a novembre ne farò altri tre. Ho fatto più dischi in vita mia che giocare a biliardo. Ah, a proposito, dimenticavo il biliardo. Ho fatto anche quello. In tante ore della mia vita ho giocato a biliardo, un mio grande hobby. Ritengo il gioco del biliardo come la musica perchè bisogna cercare di evitare le difficoltà, aggirarle, smussare gli angoli...Ne ho fatte veramente tante. Una volta ho ricevuto un premio in Val Gardena consegnatomi dal presidente Pertini che era un uomo simpaticissimo. Era il premio "I discreti" e per la musica scelsero me. Mi guardava sempre e andammo al pranzo, con gli alpini, un pranzo luculliano e mi volle vicino. A Maccanico che avrebbe dovuto sedersi con lui disse: "mi lasci stare perchè io voglio stare con questo signore chè mi desta curiosità!". E mi disse: "Lei mi deve spiegare così pallido, magro, in agosto, che musica fa!". Dico: "faccio purtroppo una musica non troppo commerciale...", e lui, "lo si capisce, però cerchi di magiare per favore!". Chiamò il comandante degli alpini e disse: "Dia da mangiare a questo sparuto artista!". E alla fine disse: "non dica niente a nessuno però io le do' il mio indirizzo di casa a Roma chè mia moglie cucina benissimo.". Ed una volta ero a Roma per la televisione, ho telefonato, mi ha risposto la moglie che disse: "so già tutto, mio marito è a casa all'una e mezzo. L'aspettiamo.". Sono andato a casa sua, su Fontana di Trevi ed ho passato una bellissima giornata. Grande presidente, il migliore che abbiamo avuto, lui andava in mezzo alla gente, dava la mano...

JI: Lei ha fatto anche un tributo a Bruno Martino...
RS: Bruno Martino l'ho conosciuto a Roma. Suonava jazz benissimo, aveva capito tutto del jazz. Infatti tutti i suoi pezzi sembrano facili ma hanno una matrice jazzisitica. Ci siamo frequentati come due fratelli tanto che la settimana prima che morisse gli dissi: "ti dispiace se faccio un disco col mio trio sui tuoi brani?". E lui, "A Renà ma vaff...., so' canzonette le mie...", e gli dissi, "vabbè, io cerco di vestirtele in modo particolare e poi mi dirai". Dopo tre o quattro giorni mi telefona la moglie e mi dice: "Renato è morto!". E mi gelò. Stasera suonerò Estate da solo ma lo faccio con una tristezza addosso che nessuno potrà capire. Per me è quasi come se fosse una marcia funebre. Per me Bruno era veramente un fratello. Sento ancora la sua voce: "A Renà...". Suonavamo spesso nello stesso locale, lui faceva musica da ballo e io poi facevo jazz. Ogni tanto mi si avvicinava e diceva: "A Renà, stasera sì che ne ho voglia..." e si suonava insieme. Che musicalità!
Però devo dire che nonostante la sua notorietà non viveva molto bene, se non avesse fatto Estate, ha continuamente avuto difficoltà per guadagnarsi da vivere.
Adesso non è che sia migliorata la situazione, la radio e la televisione non danno una mano a questa musica. Io, una volta, sette/otto anni fa, facevo parte di una trasmissione e dopo un paio di stagioni l'hanno eliminata perchè non faceva ascolto. Allora siamo nella situazione in cui tutto ciò che porta soldi va bene, se è una trasmissione culturale che interessa a pochi non va bene. Sono stato a Londra, nella BBC, e mi hanno spiegato come la televisione di stato deve rispettare anche l'uno per mille degli abbonati trasmettendo anche solo per quella nicchia di ascoltatori. Purtroppo nelle trasmissioni con grande ascolto non c'è spazio, non pensano che potrebbero invitare qualcuno a cui dare un breve spazio in modo da far arrivare questa musica. Poi ogni due minuti c'è la pubblicità anche nella televisione di stato. Se ripassiamo allo sport mi viene da pensare che fanno vedere le cose più importanti ma non fanno vedere ad esempio Wimbledon, il torneo di tennis più importante al mondo. La Formula 1 però la fanno perchè c'è business, invece l'atletica leggera? Niente. Quindi la musica che non porta soldi non interessa nessuno. Centinaia e centinaia di giovani bravissimi che escono dal Conservatorio dove vanno a suonare?

JI: e sulla didattica? Un giovane che voglia fare jazz in Italia...
RS: Io non insegno perchè la mia coscienza mi proibisce di truffare qualcuno. Il jazz non si insegna, ripeto, è una lingua che va parlata con gli stessi che parlano la tua stessa lingua. Tutto il resto che è teoria, lettura, armonia, composizione ecc...lo fanno in qualsiasi Conservatorio. Non c'è motivo di aprire una scuola di jazz per dire che su Fa maggiore la dominante è Do 7. Questo la sanno tutti. Dizzy Gillespie mi diceva che per suonare jazz ci vogliono tre cose: lo studio, chiaramente, swing e cuore. Se mancano queste cose, non suonare jazz, suona musica contemporanea qualsiasi...il jazz il piedino un po' te lo deve far muovere...

JI: Quindi come vede quei tentativi di fusione tra jazz e musica folkloristica del luogo, come si può vedere nel Nord Europa, nei Balcani ma anche a volte qui da noi in Italia...secondo lei è una plausibile evoluzione del jazz stesso?
RS: No, sono...esperimenti, fatti bene, per carità. Stravinsky diceva, e mi disse anche personalmente quando l'ho conosciuto, che c'erano due tipi di musica, quella buona e quella brutta. Ma non si possono etichettare certe cose. Come quando i critici indicarono certo jazz come "cool jazz". Era un'uscita giornalistica. Tristano aveva un grande cuore, Konitz sembra freddo ma io ci ho fatto tanti dischi e fa delle ballad incredibili.

JI: Allora dove sta andando il jazz?
RS: Per me spero che torni un po' indietro...

JI: e si fermi a....?
RS: Senza limiti perchè si possono anche rifare i temi degli anni '30 con un certo spirito ed una ricerca armonica che diventa anche ricerca moderna. Tutti mi dicono "che bello questo pezzo, hai ritirato fuori questo vecchio pezzo ma lo hai armonizzato molto modernamente...". Quello è un fatto di gusto molto personale. Che poi nel mondo dell'arte, la pittura, la scultura, è la stessa cosa. Ci interessa l'avanguardia ma facciamo la fila per andare a vedere Leonardo o Raffaello. O nella musica classica andiamo a sentire Bach, che poi è un avanguardista. Quindi, ripeto, la mia esperienza mi detta queste considerazioni...Spero che sia aprano delle porte in più in modo che questi giovani, che suonano bene, abbiano un'entrata un po' più consistente senza dover aspettare poi chissà che cosa.

JI: Ci faccia qualche nome di questi giovani...
RS: A parte il fatto che gli sono molto amico, direi Stefano Bollani, tra l'altro ci premiano entrambi in Versilia, io come papà e lui come mio figlio. Poi c'è un altro pianista molto bravo che mi stima molto, dice che sono il suo idolo...ed è Danilo Rea il quale sostiene che ascoltarmi lo emoziona. Anche se però non è più giovane così come Dado Moroni che è molto bravo. Poi c'è Andrea Pozza, bravo, e all'ultima edizione del premio Massimo Urbani ho conosciuto un certo Claudio Filippini, molto bravo.

JI: Ma allora devo pensare che gli italiani non hanno molto cuore e swing! Cosa hanno di meno gli italiani rispetto agli americani...
RS: No, non direi...purtroppo però è una questione di radici. Noi abbiamo un handicap ad esempio nel canto: la lingua. L'inglese è molto più swingoso. Prendi Frank Sinatra che non veniva neanche considerato un cantante jazz eppure si faceva fare degli arrangiamenti incredibili da delle orchestre di grandissimo valore. Io ho conosciuto Al Viola ed era bellissimo il modo in cui divideva il tempo, creava swing. Oggi ci sono molti cantanti jazz in Italia ma sono tutti troppo ansiosi di fare lo scat ma..."esponi una melodia bella come si deve e già io ti capisco che sei brava...". C'è una cantante molto brava, che è venuta a Perugia, ha fatto My Funny Valentine e dopo due misure non c'era più niente di My Funny Valentine. Io mi arrabbio quando una bella melodia non viene rispettata. Quando sono in trio eseguo spesso una delle più belle ballad mai composte, My Foolish Heart...

JI: c'è una grandissima versione di Chet Baker...
RS:...e proprio lui mi diceva: "perchè voi italiani non amate le ballad? Solo tu le fai bene...". Lì oltre al cuore ci vuole capacità di trattamento della melodia. Uno dei pianisti che esponeva bene la melodia è Oscar Peterson, poi improvvisava come un matto, ma la melodia la esponeva sempre, con un gran gusto.

E di gran gusto è stato il concerto a cui abbiamo assistito. Renato Sellani, insieme a Max De Aloe e ai fedeli Riccardo Fioravanti e Stefano Bagnoli, ho offerto due ore di musica intensa, molto piacevole, di gran gusto, appunto.





Articoli correlati:
04/10/2015

Intervista a Matteo Brancaleoni : "...ho fatto il mio primo disco con Renato Sellani di cui ho un ricordo splendido, quando penso a lui mi viene molta malinconia ma allo stesso tempo mi viene un sorriso perchè era un amante della musica e della vita." (Laura Scoteroni)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

25/08/2008

Renato Sellani e Danilo Rea ad Elba Jazz: "...una serata di musica incantevole. Da gustare per il puro piacere di ascoltare belle melodie, trasformate con sapienza ed adagiate su uno swing morbido. Intrattenimento di altissimo livello, fruibile da un pubblico vasto..." (Marco Buttafuoco)

04/02/2008

Pensiero – Omaggio a Gino Paoli (Marilena Paradisi) - include un intervista a Marilena Paradisi.

27/01/2008

Matteo Brancaleoni al Blue Note: "Una delle cose più importanti per me è "sentirsi nel brano" rispecchiarsi, trovare una propria chiave di lettura nell'interpretazione essendo onesti con sé stessi e con il pubblico." (Eva Simontacchi)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

04/08/2006

Rosa Emilia e Renato Sellani: "...due anime divise da tutto e unite dal sacro fuoco dell'arte musicale. Generazioni diverse, radici diverse, percorsi diversi..." (Antonio Forni)

09/06/2006

Renato Sellani e Matteo Brancaleoni omaggiano The Voice: "Un concerto incantevole e coinvolgente, dove si è respirata un'atmosfera veramente speciale, di quelle che si creano solo in poche occasioni." (Franco Valentini)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

06/02/2006

Franco Cerri: ottant'anni suonati!! Teatro Arcimboldi, Milano - 28 gennaio 2006 (Giorgio Alto)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

27/12/2004

Galleria del Corso (Renato Sellani - Gianni Coscia)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

17/07/2004

Renato Sellani e Danilo Rea a Cattolica per in duo inedito: "Da quella straordinaria coppia apparentemente seduta a un unico, lunghissimo pianoforte con due tastiere, trasudava qualcosa di grande e il pubblico partecipava sempre più." (Enrico Mariani)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

13/08/2003

Carla Marciano Quartet e Renato Sellani & Max De Aloe Quintet, chiudono il Beat Onto Jazz festival. Due bei concerti con momenti di alta classe (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

23/12/2002

Straight To The Heart (D'Ettole, Sellani, Ricci)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

10/03/2001

Il Poeta di Renato Sellani con M. De Aloe, M. Moriconi e S. Bagnoli.

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.





Video:
Renato Sellani,Tiziani Ghiglioni,Lucio Turco,Renato Gattone
Renato Sellani - Tiziana Ghiglioni Ispani Jazz Festival 2008Renato Sellani,pianoforteTiziana Ghiglioni,voceLucio Turco,batteriaRenato Gattone,contrabb...
inserito il 17/10/2009  da ciabbott - visualizzazioni: 2829
Renato Sellani ft. Tiziana Ghiglioni a Ispani Jazz 2008
Renato Sellani ft. Tiziana Ghiglioni a Ispani Jazz 2008Renato Sellani, piano Tiziana Ghiglioni, voceRenato Gavoni, contrabbassoLucio Turco, batteriaww...
inserito il 13/09/2008  da soundcontest - visualizzazioni: 2507
Bruno De Filippi STARDUST
Bruno De Filippi Guitar, Renato Sellani Piano, Paolino Dalla Porta Basso, Pietro Sala Batteria, , LIVE IN MILANO 1985...
inserito il 16/01/2008  da mariopela - visualizzazioni: 2755


Invia un commento

© 2000 - 2003 Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 20.007 volte
Data pubblicazione: 21/10/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti