Jazzitalia - Articoli: Intervista con Roberta Gambarini
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Roberta Gambarini
Umbria Jazz 2014
di Laura Scoteroni
foto di Pasquale Fabrizio Amodeo
foto home page Vincenzo Rizzo

Roberta Gambarini la singer italiana che dal 1998 si è trasferita negli States e che vanta numerose collaborazioni con i maggiori nomi del jazz internazionale. Al suo attivo numerosi dischi, ed altri di prossima uscita come quello tratto dal notebook di Jimmy Heat non considerando quelli in gestazione grazie alla prolifica collaborazione con musicisti e band di successo. L'abbiamo incontrata nel backstage di Umbria Jazz 2014 e le abbiamo posto alcune domande.

Lei è andata negli Stati Uniti per raggiungere i massimi livelli. E' stata una scelta obbligata?
Sì obbligata, ma non per via dell'attenzione del pubblico che mancasse o per i musicisti che sono bravissimi, più che altro la decisione è stata di natura pratica, perché qui non ho trovato un canale per le cose che facevo io. Sono autodidatta, ho studiato per conto mio, ed anche se il jazz non si studia a scuola la mia scuola è stata andare in America e conoscere questi grandi musicisti e suonare con loro. Pertanto, mi sono trasferita più per questo motivo che per altro, proprio per avere esperienze dirette, di contatto, e lavorare con quelli che erano i miei idoli per poter imparare. Ho studiato privatamente, però non c'è un corso di studi che ti prepara a fare questo mestiere, c'è solo la pratica

La sua professionalità nel gestire lo spettacolo subisce molto dell'influenza americana, lei pensa che il modo di porsi come spettacolo sia una caratteristica naturale innata o si acquisisce con l'esperienza?

Ho sempre fatto le cose così, non a livello di attitudine e anche come scelta di scalette, adesso ho chiaramente quella che si chiama sicurezza di sé perché quella viene con il mestiere. La gente mi dice che sembro molto americana e non so perché, dov'è che non sono italiana?

Sicuramente come presentazione e come rapporto con gli artisti che l'accompagnano.
Ah ecco!! C'è meno contatto con il pubblico. Io spiego, ogni volta, perchè mi rendo conto che questa musica non tutti sanno cosa sia. Non tutti sanno chi è l'artista dal quale prendo il brano che propongo, a volte neanche in America, quindi introduco un po' di nozioni poiché a me interessa il pubblico, altrimenti resterei a casa, mi interessa portare questa musica agli altri perché se la musica non la porti agli altri muore lì.

Lei che è bilingue trova, dato che l'inglese è la lingua naturale del jazz, che l'italiano nel linguaggio del jazz sia una forzatura?
No, non trovo che sia una forzatura però chiaramente ha degli accenti diversi, per cui bisogna trovare la musica giusta perché non puoi prendere un pezzo di Charlie Parker e farlo in italiano.

E' più difficile inserire la lingua italiana?
No, secondo me no, è solo diverso, quindi la musica che si fa è diversa. Ha un diverso andamento ritmico per me. Siccome nel jazz il ritmo è tutto certe cose funzionano meglio, specie quelle veloci e di improvvisazione, per me funziona meglio con una lingua che ha tante consonanti, per esempio potrebbe essere anche il cinese. Quando sono stata in Cina ho fatto una masterclass facendo cantare una ragazza in cinese, si può fare tutto se la lingua lo consente. La lingua italiana è molto legata e si porta molto alla bossa nova.

Da quando ha cominciato fino ad oggi è cambiato il suo approccio alla musica? C'è qualcosa che avrebbe voluto fare e non ha fatto?
Sì un miliardo di cose, non ho fatto niente di quello che veramente vorrei fare. Adesso che ho un po' di calma, dopo questi anni che sono stati dedicati a farmi conoscere - c'è voluto tanto: dieci anni - e anche per farmi accettare, comunque c'è ancora una discrepanza: "I don't look the part"; sono straniera per cui bisogna farsi conoscere (negli Stati Uniti). Adesso ho un modo di fare che mi da maggiore sicurezza e sento che sono accettata anche in tutto il mondo

Una particolarità tecnica della sua interpretazione con tanti vocalizzi mi ha fatto ricordare che in Italia c'è Tiziana Ghiglioni, ha mai avuto modo di interagire con lei?
Di interagire no, ma la conosco da tanti anni perché lei tra l'altro è di vicino Torino. Tiziana Ghiglioni mi conosce da quando ero piccola perché ho cominciato prestissimo nella mia città, lì dove abitava anche lei.

Un duetto immaginario con chi?
Con Stevie Wonder e anche con Tony Bennet, questo è proprio immaginario però non si sa mai.

Quanto le è costato in termini personali questo successo?
Costa tanto però… lo aspetto ancora. Adesso per me sarebbe il momento giusto, è questione di tempistica, ma adesso sarebbe il momento giusto prima o poi arriverà.

Prossimi progetti?
In lavorazione ne ho tanti, perché quest'anno mi sento abbastanza tranquilla: c'è il progetto di Jimmy Heat, poi ho registrato al Blue Note un live con la Dizzy Gillespie Orchestra Stars Big Band, una band enorme. Il Disco di Jimmy Heat lo abbiamo finito di registrare, uscirà a breve. Fra i tanti progetti c'è anche un disco di Bolero, di musica sud-americana, in spagnolo, con il grande Chucho Valdés : è un progetto dove ci sono composizioni mie arrangiate da un ensemble più ampio, poi sto anche conducendo l'orchestra con un tour in Europa dove dirigo e canto.

Come strumento musicale non c'era un clarinetto?
Si ho studiato clarinetto quando ero piccola, poi ho studiato anche composizione. La mia passione veramente era il pianoforte ma non mi è stato possibile studiarlo.

La migliore collaborazione che ha fatto?
Quella che ricorderò per sempre è quella con James Moody che è stato il mio mentore una specie di padre, il grande sassofonista che è anche un maestro di scat: ho imparato da lui tanto, è mancato quattro anni fa e lo porto sempre nel cuore; Benny Carter che mi ha avviato, addirittura mi ha organizzato dei concerti sulla West Coast per farmi conoscere nel 2000; il grande Hank Jones che è stato l'accompagnatore di Ella Fitzgerald per molti anni, con il quale ho avuto una lunga collaborazione, abbiamo registrato ed abbiamo fatto tournée in giro per il mondo. Anche lui purtroppo è mancato.

Da quanto tempo collabora con il gruppo con il quale si è esibita ad Umbria Jazz 2014?
Con questa formazione da un po', dall'ultimo anno e mezzo. Comunque ho altre edizioni di questo gruppo con altri musicisti. Siccome ho lavorato tanto in diversi contesti, completamente diversi ma più o meno quasi sempre con alcuni punti fermi, diciamo che ho un pool di collaboratori, un gruppo di musicisti che a seconda del progetto e di come procedo, o più semplicemente di dove mi trovo, li coinvolgo. Per fortuna sono tutti grandi musicisti.






Articoli correlati:
08/09/2014

BAM, Il Jazz oggi a New York City (Nicola Gaeta)- Marco Losavio

07/10/2012

Intervista a Roberta Gambarini: "Quello che facciamo è un mezzo, mentre il fine è l'espressione di una verità che è dentro la musica, di più grande dell'individuo. È qualcosa di universale." (Michela Lombardi)

02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

25/09/2011

Roccella Jazz Festival 2011 - "Unitàlia In-Attesa": Come tante altre rassegne, jazzistiche e non, l'edizione 2011 di Rumori Mediterranei, con la direzione artistica di Paolo Damiani, ha reso omaggio ai 150 anni dell'unità d'Italia con alcuni progetti mirati e la consueta kermesse di artisti internazionali di primissimo piano provenienti da culture di ogni dove e capaci di rendere unica anche questa trentunesima edizione che, purtroppo, rischia di sparire. (Vincenzo Fugaldi)

01/11/2010

Roberta Gambarini - Dado Moroni - Rosario Bonaccorso - Nicola Angelucci: "Serata all'insegna dell'amicizia e dello star bene quella che ha visto il caldo timbro vocale di Roberta Gambarini sublimare un debordante uditorio avido di emozioni, in una magica Villa Carpegna, in occasione della rassegna 'Odio l'estate'" (Daniele Camerlengo)

27/08/2010

The New Continent (Dizzy Gillespie) - Alceste Ayroldi

25/07/2010

Due week end ad Umbria Jazz: viaggio per parole ed immagini. Daniela Crevena e Daniela Floris, "l'una fotografando l'altra prendendo spasmodicamente appunti durante ore e ore di musica dal vivo", raccontano due week end ad Umbria Jazz: "Sono stati due week end in cui abbiamo viaggiato tra grandi nomi all'Arena Santa Giuliana, incredibili batteristi, pianisti, sassofonisti, trombettisti, straordinarie voci femminili e personaggi leggendari come Sonny Rollins e Ron Carter, che sono il jazz e che hanno talmente emozionato con la loro musica da farci uscire anche qualche lacrima..." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

02/11/2008

Appunti di Viaggio (Roberta Gambarini)

18/05/2008

Bergamo Jazz 2008, Arve Henriksen Trio e Roy Hargrove Quintet: "Giunto alla sua trentesima edizione, il longevo e felice Bergamo Jazz vede esibirsi sul palco, per la serata conclusiva, due fra i più eloquenti trombettisti attualmente in circolazione, in un concerto che sembra voler sondare le potenzialità espressive di questo strumento nei più diversi contesti, tradizionali o sperimentali." (Achille Zoni)

02/11/2007

Jazz a' Juan 2007: "Il programma interessante e variegato di proposte musicali interpretate da alcuni dei gruppi più degni di nota nel panorama mondiale ha suscitato apprezzamento e consenso tanto da garantire il "tutto esaurito" ogni serata..." (Bruno Gianquintieri)

11/06/2007

Intervista a Roberta Gambarini: "...quello che io ricerco e che ho imparato dai grandi musicisti con cui ho lavorato è la comunicazione. Lo stile e il tipo di brani che tu utilizzi, magari partendo anche da un genere pop o classico, sono un mezzo, ma la cosa più importante è lo spirito, lo stato d'animo che tu comunichi, le storie che tu racconti." (Mario Livraghi)

11/05/2007

Nuova gallery per le foto di Elena Venier

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

16/12/2006

Easy To Love (Roberta Gambarini)

15/07/2006

Hank Jones & Roberta Gambarini Quartet a Jazz In Parco 2006 (Francesco Truono)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

11/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Giorgio Alto.

11/03/2006

Hank Jones e Joe Lovano in "Joyous Encounter" per Aperitivo in Concerto: "Da una parte 60 anni di storia ‘vissuta' - dall'altra la conoscenza e capacità di esprimere quei 60 anni non vissuti con estrema duttilità e naturalezza in quanto facenti parte della propria cultura..." (Patrizio Gianquintieri)





Video:
Sonny Rollins Digs Groucho Marx
A conversation with Theodore Walter Rollins, aka Sonny, from December 23, 2010. http://www.sonnyrollins.com...
inserito il 26/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3718
James Moody : Moody's Mood for Love
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 01/05/2010  da visionaryproject - visualizzazioni: 2345
2010 Grammy Jazz Band with James Moody - "Sax Alley" at Spaghettini's
The 2010 Grammy Jazz Band performs "Sax Alley" with special guest James Moody at Spaghettini's Jazz Club. Featuring James Moody on t...
inserito il 21/02/2010  da sajuster - visualizzazioni: 2691
James Moody '' Cherokee '' ( 1968 Copenhagen )
James Moody '' Cherokee '' ( 1968 Copenhagen )...
inserito il 20/02/2010  da RareJazzVideos - visualizzazioni: 2122
Roy Hargrove
Acclaimed trumpeter, composer, and bandleader Roy Hargrove realizes a lifelong dream with the August 25th release of Emergence (Groovin' High/Emarcy),...
inserito il 18/08/2009  da decca - visualizzazioni: 4707
Bird, Bean, and Prez, et al (1950) - 2 of 2
Personnel:1. Ad Lib: Hank Jones (p), Ray Brown (b), Buddy Rich (d)2. Pennies From Heaven (unrecognizable): Bill Harris (tb), Lester Young (ts), Jones ...
inserito il 14/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 3609
Dizzy Gillespie - Mmm Hmm
Dizzy Gillespie and quintet recorded in 1965 to coincide with the release of the album Dizzy on The French Riviera, with Kenny Barron replacing Lalo S...
inserito il 21/11/2008  da hostroute - visualizzazioni: 2525
Roberta Gambarini Roy Hargrove "Everytime We Say Goodbye" @ North Sea Jazz 2008
Hank Jones 90th Birthday Concert., note: Hank Jones got sick just before his concert and flew back to New York., , The most beautifull solo on flugelh...
inserito il 13/08/2008  da harryhaarlemjazzfan - visualizzazioni: 3089
Jazz returns to Newark
Hundreds gathered in Lincoln Park on Friday to listen to some good ole' jazz at the 3rd Annual Lincoln Park Music Festival. The weekend long e...
inserito il 26/07/2008  da tvjersey - visualizzazioni: 2441
Willy Ketzer Quartet feat. Roberta Gambarini
Roberta Gambarini live in the german TV Show "Kölner Treff" - "on the sunny side of the street", Roberta Gambarini - voc, Wil...
inserito il 11/06/2008  da beleza175 - visualizzazioni: 3118
James Moody using the AMT Wi5 microphone system
AMT's new Wi5 wireless microphone system being used by James Moody... Thanks James for many years of great playing!!!!...
inserito il 29/02/2008  da AMTMicrophone - visualizzazioni: 2513
Ow! - Dizzy Gillespie/James Moody/Gene Harris/Ray Brown/Grady Tate
Jazzfestival Bern, Switzerland 1985, Dizzy Gillespie (tp), James Moody (ts), Gene Harris (p), Ray Brown (b), Grady Tate (d)Ow!first 20 seconds look a...
inserito il 26/01/2008  da lininho - visualizzazioni: 2810
Giant Steps
James Moody with the RIAS Big Band playing John Coltrane's 'Giant Steps.'...
inserito il 09/01/2008  da ncodrington - visualizzazioni: 3123
Wave
James Moody with the RIAS Big Band playing Wave....
inserito il 09/01/2008  da ncodrington - visualizzazioni: 3006
Toots Thielemans and Stevie Wonder, Polar Music Award
Toots Thielemans and Stevie Wonder, Stockholm (Sweden), Polar Prize Music Award., Gösta Rundqvist Piano, Markus Wickström Bass and Johan L&#...
inserito il 14/08/2007  da stefanomuscovi - visualizzazioni: 2456
James Moody sings
James Moody sings in Louisville, Kentucky....
inserito il 19/07/2007  da Ichiro1968 - visualizzazioni: 2445
UNF 1:30 Band with Jack Petersen and James Moody
UNF 1:30 Big Band from around 1989 with Jack Petersen and James Moody...
inserito il 20/06/2007  da masonmuzik - visualizzazioni: 2300


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 666 volte
Data pubblicazione: 12/10/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti