Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Intervista di Ira Gitler a Sonny Rollins

Giovedi' 12 Gennaio 2006 / New York IAJE convention
di Patrizia Scascitelli
photo by Jos L. Knaepen

Il 12 gennaio 2006, presso la sala dello Sheraton Hotels & Towers, nell'ambito della 33ma conferenza annuale della IAJE (International Association for Jazz Education), Ira Gitler, per conto di Downbeat, ha intervistato dal vivo Sonny "Colossus" Rollins. Patrizia Scascitelli, presente per conto di Jazzitalia, ne riporta un estratto corredato dalle bellissime fotografie di Jos L. Knaepen.

I.G.: Sonny, sappiamo che sei un sostenitore e sei impegnato per la difesa dell'ambiente (il titolo di un suo recente CD è "Global Warming", ndr)
S.R.: Si, mi sta molto a cuore

I.G.: Parlaci del luogo dove sei nato e cresciuto.
S.R.: Harlem, alla 137 Strada, tra Lenox Avenue e la Settima Avenue, in un quartiere molto vivo, ricco di clubs, teatri, sale cinematografiche, dove si potevano ascoltare i grandi artisti, perfetto per un musicista.

I.G.: La radio e il cinema erano i mezzi che divulgavano la musica.
S.R.: Si, mi ricordo Fats Waller alla radio, non c'era la televisione, io qualche volta andavo a vedere i Musicals, dove appariva anche Louis Amstrong.

I.G.: Tuo fratello era violinista e tua sorella suonava il piano.
S.R.: Si, mio fratello è stato un'eccellente violinista di musica classica e mia sorella suonava il piano in Chiesa. Per quanto mi riguarda, mia madre ha lasciato che io imparassi la musica dalla strada, e di questo ho rimpianto, avrei preferito ricevere un'educazione musicale come l'hanno avuta i miei fratelli. Però devo ammettere che anche l'insegnamento della strada è stato buono.

I.G.: A 9 anni hai cominciato a studiare il piano.
S.R.: Non molto....

I.G.: Parlaci delle tue origini, di St. Thomas e del calypso che tua madre ti faceva ascoltare.
S.R.: Mia madre lo suonava in casa, ma io ascoltavo anche tanta altra musica nei locali di Harlem, specialmente al celebre Apollo Theather, dove al week-end c'era musica per tutto il giorno.

I.G.: Quando ti sei trasferito a Sugar Hill?
S.R.: Nel 1937, ed era gran cosa trasferirsi in questo quartiere, bastava dire "Mooving on the hill" (trasferirsi sulla collina) perchè era un quartiere di alta classe e vi abitavano molti noti artisti. In quel periodo io già suonavo jazz, il mio idolo era Louis Jordan che suonava R&B e Country Style Blues. Ero affascinato oltre che dalla musica anche dall'eleganza dei musicisti, per come si vestivano, specialmente quando indossavano il "Tuxedo". Mia madre acquistò per me un sax alto, ma io lo usavo con le ance del tenore pensando di poterne ottenere il suono, ammiravo molto Coleman Hawkins e cercavo di imitarlo. Poi a 16 anni mia madre mi comprò finalmente un sax tenore. Nel quartiere abitavano grandi sassofonisti tra i quali: Jackie McLean e Andy Kirk Jr. Quest'ultimo purtroppo morì per uso della droga. Molti di noi hanno avuto esperienza con la droga, erano tempi diversi, pensavamo "...se lo fa lui, lo posso fare anch'io". In questa intervista non avrei voluto parlare di ciò, ma mia moglie mi ha detto "...non ti vergognare perchè è stata una fase che hai superato". Ma purtroppo non tutti ci sono riusciti.

I.G.: Tu sei stato un band leader.
S.R.: Sì con la mia Band facevo diversi lavori tra cui: musica da ballo, feste ed altro. A quel tempo mi piaceva andare ad ascoltare musica nei locali della 52esima Strada dove ve ne erano molti, ma per entrarci dovevi avere 18 anni. Allora io per sembrare più grande mi truccavo con una matita marcando i baffi e le basette. E siccome ai proprietari interessava vendere il biglietto, mi facevano entrare. Lì si potevano ascoltare: Billie Holiday, Coleman Hawkins, Art Tatum, Charlie Parker, Dizzy Gillespie...così come si potevano ascoltare all'Apollo Theather. Inoltre vorrei aggiungere che vi sono stati musicisti maestri che oggigiorno non sono ricordati e ciò mi dispiace. Purtroppo questo accade anche in altri campi, forse è un fatto normale, sono coloro che hanno passato la "torcia" contribuendo all'evoluzione del jazz.

I.G.: "Sippin' At Bells" Charlie Parker al sax tenore insieme a Miles Davis....
S.R.: Per me esistevano due Parker uno che suonava l'alto sax e l'altro il tenore....

I.G.: La prima volta che ti sentii suonare in studio fu nel 1949, registravi per l'etichetta Prestige, e la prima volta che ti sentii suonare dal vivo fu in un concerto in un locale nel Bronx alla 845 Prospect Avenue ed eri con Miles Davis.
S.R.: La mia Band apriva la serata, Miles Davis era già un nome famoso, accadde che lui dopo avermi sentito suonare mi invitò ad unirmi alla sua Band.

I.G.: Dopo di che ci sono state tante registrazioni con grandi artisti...
S.R.: Sì grazie alla mia abilità naturale, è questa che mi ha permesso di suonare con i grandi. Un dono che ho saputo usare, è vero che ho anche studiato, ma sopratutto penso sia stato il dono che possedevo. Inoltre il jazz non è una musica che da gioia e basta, è una musica che fa usare l'intelletto e noi tutti abbiamo bisogno di ciò. Per questo è importante prendere lezioni di musica, per attivare quella parte del cervello.

I.G.: In "Confirmation", registrazione per l'etichetta 'Prestige', Miles Davis suona il piano.
S.R.: E' accaduto che quella era la giornata di registrazione di Miles e che sul tardi mi lasciò usare la sala. Però siccome John Lewis doveva andarsene per altri impegni, il piano lo suonò Miles...

I.G.: E il fatto che suoni spesso con gli occhi chiusi?
S.R.: La gente mi chiede "...che pensi quando suoni cosi?". Rispondo "mi accade quando mi trovo al punto massimo" (che non accade spesso)...

I.G.: Parlaci dell'incontro con Charlie Parker.
S.R.: In quel periodo molti artisti usavano stimolanti e droghe, Charlie Parker era il mio idolo, così gli dissi che non facevo uso di droghe, lui mi guardò e vide che gli avevo mentito e si arrabbiò moltissimo. Vorrei dire agli artisti di non prendere nulla, di condurre il processo creativo senza stimolanti e droghe, è solo questa la maniera giusta.

I.G.: Molti critici analizzano il tuo modo di suonare e, specialmente ascoltando il brano St. Thomas, notano che esponi il tema, lo sviluppi e poi ci torni su con più vigore, puoi parlare di ciò?
S.R.: No perchè è un processo naturale, i musicologi interpretano, ma io non so spiegarlo, è un dono naturale,
ognuno di noi ha un dono che dovrebbe scoprire e manifestare.

I.G.: So che ti sei dedicato anche allo studio e alla pratica di varie religioni.
S.R.: Sin da giovane ho creduto ad una forza naturale che ci guida, ho uno spirito religioso, faccio yoga, ciò mi ha aiutato a vivere e a non farmi sopraffare dal materialismo. Però con ciò non voglio convincere nessuno, ognuno possiede le proprie credenze, a me aiuta.

I.G.: Grazie per essere Sonny Rollins.






Articoli correlati:
26/12/2016

Tracce sfumate - Non imito Django Reinhardt (Roberto G. Colombo)- Marco Losavio

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

14/07/2013

Il jazzista suona la sua vita: "...una bella storia è irresistibile e, con un po' di fortuna, sempre più persone vorranno ascoltarla." (Filippo Bianchi)

02/12/2012

Intervista a Pete LaRoca Sims: Per ricordarlo a pochi giorni dalla sua scomparsa, e mostrare quanto siano attuali le riflessioni di questo grandioso batterista, che ha segnato la storia del jazz. (Antonio Terzo)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

26/12/2011

Una speciale guida di New York City seguendo la carriera di Sonny Rollins: da un articolo del New York Post, Sonny "Colossus" Rollins delinea un percorso di mete nella Grande Mela che rappresentano punti salienti della sua carriera e, di conseguenza, della Storia del Jazz.

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

26/04/2010

Live At Music City 1955 & More (Clifford Brown) - Alceste Ayroldi

14/11/2009

Sonny Rollins all'Auditorium di Roma: "...annuncia i propri ingressi con un senso della struttura formalmente perfetto, vigoroso, smarrito nel calore e nell'immediatezza dell'istante, in un pathos che non conosce né fraseggi declamatori né saccenti passi virtuosistici, ma solo passione e senso del divertissement." (Fabrizio Ciccarelli)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

13/04/2008

Candido Camero: Hands on Fire" riceve il 2008 NEA Jazz Master Award all'IAJE Annual Convention 2008. "Il suo sound e il suo tocco hanno galvanizzato i presenti rendendo chiaro perchè egli sia un Jazz Master" (Jamie Baum)

13/04/2008

Jazzitalia all'IAJE Annual Convention 2008: "E' un vantaggio ed uno svantaggio al tempo stesso il fatto che all'Annual Convention dell'IAJE vi sono così tanti concerti, clinics, masterclasses a cui partecipare, persone da incontrare, strumenti da provare, stand da vedere e chiacchiere da fare..." (Jamie Baum)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

03/03/2007

A New York, si è svolta la 34a Annual Conference della IAJE. Come sempre, decine e decine di appuntamenti di ogni genere compresi i momenti più importanti come il NEA Jazz Masters. Quest'anno, inoltre, c'è stata una incredibile intervista di Greg Osby a Ornette Coleman per Downbeat...(Jamie Baum, Patrizia Scascitelli)

18/06/2006

Sonny Rollins all'Auditorium Parco della Musica: "Sonny Rollins è forse uno di quei pochi che non hanno più rimpianti né speranze e per questo può ancora cantare la gioia." (Daniele Mastrangelo)

04/03/2006

Musica e politica, oggi?! A colloquio con l'etnomusicologo e sassofonista Jerome Camal, assistente alla Washington University di Saint Louis (Franco Bergoglio)

09/10/2005

Due grandi per Jazz a Juan 2005, Keith Jarrett: "...fluidità, miriadi di delicatissimi accenti ricercati nel più profondo della propria anima, fraseggi vertiginosi che accompagnano e si incanalano verso armonie vibranti..." e Sonny Rollins: "...Magiche sonorità, piene, potenti, tutte di un fiato...esecuzioni magnifiche all'altezza del personaggio, protagonista indiscusso del jazz moderno..." (P. & B. Gianquintieri)

14/02/2004

Jazzitalia intervista in esclusiva i Take 6 a New York: "...Amiamo tutta la musica, e abbiamo cantato praticamente tutti i generi musicali, inclusi jazz, gospel, doo-wop, latin, R&B, hip-hop, opera, pop, e persino country western." (Sandra Kimbrough)

19/05/2002

Intervista a Ray Brown: trarre il meglio da ogni chorus. Antonio Garcìa affronta con il grande contrabbassista gli inizi, la didattica e il senso del business.

17/01/2002

Intervista a Terence BLANCHARD: Gli Entusiasmanti Viaggi nel Jazz. Dalla vita, alla didattica, ai suoi lavori per il cinema fino al suo ultimo CD Let's Get Lost.

10/12/2001

Nuovo numero del magazine Jazz Educators Journal con un'esclusiva intervista a Dave Brubeck

23/10/2001

Jazzitalia avvia una collaborazione con l'IAJE la più importante associazione di insegnanti jazz al mondo.





Video:
Sonny Rollins Digs Groucho Marx
A conversation with Theodore Walter Rollins, aka Sonny, from December 23, 2010. http://www.sonnyrollins.com...
inserito il 26/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3739
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2898
Lester Young Centennial Celebration
This collection celebrates the mature Lester Young of the 1950s, a reminder of a time when he would blow into town for a week performing with a local ...
inserito il 03/10/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3051
Sonny Rollins in Vienne
http://www.jazzvideoguy.tv presents a preview of the first DVD by the saxophone colossus, Sonny Rollins., , To buy this DVD:, http://www.amazon.com/gp...
inserito il 23/10/2008  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2880
What Makes Sonny Rollins Happy?
Playing the tenor saxophone. For all things Sonny, www.sonnyrollins.com...
inserito il 14/09/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2080
Sonny Rollins and Jim Hall (part 3)
Sonny Rollins and Jim Hall www.nuralema.splinder.com...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2563
Sonny Rollins and Jim Hall (part 1)
http://nuralema.splinder.com Sonny Rollins Tenor Jim Hall guitar Bob Cranshaw bass Ben Riley deums...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2773
Michael Brecker 1996 Interview - Practicing
Michael Brecker was interviewed by Bret Primack in 1996 about his then new release, Tales from the Hudson....
inserito il 27/01/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2804
Sonny Rollins - Tenor Madness
Solo transcription for Tenor Madness and other great Rollins solos: http://www.sonnyrollins.com , , This performance from the Antibes Jazz Festival, 2...
inserito il 30/12/2006  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2549
Mark Murphy Discusses Jazz Singing
Mark Murphy speaks at 2006 IAJE Conference regarding Jazz Singing. Clinicians also present are from R to L; Jay Clayton, Madeline Eastman, Mark Murph...
inserito il 23/07/2006  da Mischeaux61 - visualizzazioni: 3612


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 10.937 volte
Data pubblicazione: 28/01/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti