Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
TAKE 6 – God's Love We Deliver
New York Hilton, 21 gennaio 2004
di Sandra Kimborough
trad. di Eva Simontacchi
Click here to read the english version

Take 6 - photo from Official Web Site

Qui a New York City "God's Love We Deliver" è il nome di una organizzazione umanitaria che si occupa di migliorare le condizioni di vita e di benessere delle persone gravemente malate sparse per tutta la città, consegnando presso il loro domicilio pasti freschi e nutrienti ogni giorno. Questa settimana il gruppo jazzy gospel a cappella, vincitore di award, Take 6 si è presentato alla conferenza IAJE con la sua personale missione di servizio umanitario: porgere, per il benessere di tutti gli ascoltatori, un equilibrato e nutriente messaggio dell'Amore di Dio, tratto dal loro menù musicale di gospel, jazz, pop, R&B, doo-wop, e oltre. La loro esibizione a cappella con accompagnamento strumentale presso la Sala da ballo Dell'Hilton in occasione della Conferenza IAJE a NYC, la notte del 21 gennaio ha lasciato il pubblico in delirio, e ha fruttato loro una standing ovation. Senza dubbio, il pubblico era ancora affamato delle calde e deliziose armonie dei Take 6, e dei suoi gustosi vocals: il gruppo si è dovuto ripresentare sul palco per un secondo inchino…

Alvin Chea - photo from Official Web SiteHo incontrato nel backstage due dei membri dei Take 6, Joey Kibble e Alvin Chea, subito dopo quel concerto esplosivo. Desideravo esplorare l'evoluzione musicale del gruppo e la loro costante missione di porgere al pubblico il messaggio dell'amore di Dio. Desideravo anche saperne di più circa la loro passione per l'Italia ed il loro imminente tour (10 concerti) in Italia nella Primavera del 2004.

Sandra Kimbrough (SK): Siete stati grandi stanotte. Il pubblico vi ha gratificati con una standing ovation! Cosa ve ne pare?
Joey Kibble (JK) / Alvin Chea (AC): Siamo stati benedetti. Ci siamo veramente divertiti!

S.K.: Raccontatemi: come ha avuto inizio l'avventura dei Take 6?
J.K.: Il nostro gruppo si è formato nel 1980. Eravamo un gruppo vocale del campus del college, in effetti. La nostra scuola, l'Oakwood College a Huntsville in Alabama, aveva una tradizione musicale veramente forte e noi eravamo solo uno dei numerosi cori e quartetti che cantavano al campus. Joey Kibble - photo from Official Web SiteAlvin ed io facciamo in realtà parte della seconda generazione dei membri Take 6. Io sono entrato nel 1991 quando Mervyn Warren lasciò il gruppo.
A.C.: Si, e io sono entrato nel 1985, con Cedric e David, quando alcuni degli altri membri terminarono gli studi e lasciarono la scuola. Claude e Mark sono i membri più anziani e originali. Sono nel loro ventiquattresimo anno con il gruppo!

S.K.: Dunque i membri del vostro gruppo sono rimasti sempre gli stessi per quasi 20 anni, è straordinario. E' rimasto altrettanto costante anche il sound dei Take 6? E come descrivereste voi la vostra musica?
A.C.: Noi siamo stati descritti come jazz doo-wop Cristiano contemporaneo, e anche come jazzy gospel contemporaneo. Personalmente descriverei il nostro gruppo come "musica a cappella e oltre".

S.K.: Musica a cappella e oltre?
J.K.: Sì. Le nostre radici affondano nel gospel, ma siamo fortemente influenzati dal doo-wop degli anni '50 e '60, come anche dal sound delle big band, del gospel vecchio stile e anche dal barbershop e altra musica.
A.C.: E diciamo "oltre" perché non si tratta di un solo genere. Amiamo tutta la musica, e abbiamo cantato praticamente tutti i generi musicali, inclusi jazz, gospel, doo-wop, latin, R&B, hip-hop, opera, pop, e persino country western. Per esempio il mio brano preferito è probabilmente quello che abbiamo eseguito con gli Yellowjackets per un progetto natalizio, e anche uno che abbiamo fatto con Johnny Mathis anni fa. Molto diversi.
J.K.: Ma stiamo ancora evolvendo e crescendo, e ci stiamo aprendo a cose nuove e a stili musicali nuovi.

Tale 6 - photo from Official Web SiteS.K.: Come vengono creati i vari stili musicali dei Take 6 e chi se ne occupa?
J.K.: Tutti noi scriviamo e ci occupiamo degli arrangiamenti, e tutti noi suoniamo uno o più strumenti. Alcuni di noi hanno ricevuto una formazione formale, come Cedric, che è diplomato in teoria musicale. Lui e Mark sono gli arrangiatori principali, ma contribuiamo tutti. Le parti vocali vengono generalmente arrangiate come per big band, e impariamo le nostre parti attorno a un piano piuttosto che usare un sacco di musica scritta; poi le registriamo. Ricorda però, che noi siamo tutti strumentisti, e anche le nostre parti strumentali vengono incorporate nei concerti.

S.K.: E ora torniamo al vostro "messaggio"… dalla risposta del pubblico al vostro concerto di stanotte si direbbe che il pubblico si colleghi molto ai Take 6 e alla musica, sia che riconoscano o meno l'elemento divino in ciò che fate.
A.C.: Ogni artista ha il proprio messaggio. Il nostro è: "Dio è Amore, e desidera entrare in contatto con te." Questa è, e sempre sarà la nostra missione, qualsiasi sia lo stile musicale che cantiamo. Non stiamo cercando di predicare. Ma abbiamo problemi come tutti quanti, e trovo che le persone tendano a capire e a collegarsi con le stesse cose che hai passato tu. Questo è ciò che ci aiuta a farcela, e ci fa stare bene. Desideriamo condividere queste cose con gli altri, incoraggiandoli e sostenendoli.

S.K.: Cosa c'è in vista per i Take 6?
J.K.: Torniamo in studio il mese prossimo per preparare il nostro prossimo CD, che dovrebbe uscire nella Primavera del 2004. Poi torneremo in Italia in primavera per 10 concerti, e per il debutto internazionale del nostro CD. Abbiamo fatto concerti in Italia anche lo scorso anno, ma quest'anno abbiamo in programma di fare le cose più in grande, di fare più date. Ne siamo entusiasti. Amiamo già talmente tanto l'Italia, che tutti noi ci siamo tornati un paio di settimane fa solo per trascorrervi un week end! Tenete d'occhio il nostro sito www.Take6.com per conoscere le date e i luoghi del nostro Tour in Italia in Primavera.

Sandra Kimbrough, President of The Kimbrough Company, LLC, a public relations/marketing/events management firm in New York & New Jersey conducted this interview January 21, 2004 for Jazzitalia.






Articoli correlati:
08/08/2009

I Take 6 al Blue Note: "Il sound dei Take 6 è superlativo. Il loro lavoro negli anni è maturato e gli arrangiamenti sono sempre più raffinati e sofisticati. Sono degli ottimi intrattenitori, e coinvolgono anche il pubblico con spiritose gag e studiate coreografie." (Eva Simontacchi)

01/05/2008

Un ricordo di Gene Puerling, uno dei più grandi arrangiatori vcali: "Gene Puerling, leader degli Hi-Lo's e dei Singers Unlimited, grande arrangiatore vocale e innovatore del moderno canto pop e jazz a cappella, è deceduto a 78 anni lo scorso 25 marzo in California. A lui si deve la famosa versione di "A Nightingale Sang In Berkeley Square" incisa dai Manhattan Transfer nell'LP Mecca For Moderns, premiata con il Grammy nel 1982 quale migliore arrangiamento per voci." (Giuppi Paone)

13/04/2008

Candido Camero: Hands on Fire" riceve il 2008 NEA Jazz Master Award all'IAJE Annual Convention 2008. "Il suo sound e il suo tocco hanno galvanizzato i presenti rendendo chiaro perchè egli sia un Jazz Master" (Jamie Baum)

13/04/2008

Jazzitalia all'IAJE Annual Convention 2008: "E' un vantaggio ed uno svantaggio al tempo stesso il fatto che all'Annual Convention dell'IAJE vi sono così tanti concerti, clinics, masterclasses a cui partecipare, persone da incontrare, strumenti da provare, stand da vedere e chiacchiere da fare..." (Jamie Baum)

03/03/2007

A New York, si è svolta la 34a Annual Conference della IAJE. Come sempre, decine e decine di appuntamenti di ogni genere compresi i momenti più importanti come il NEA Jazz Masters. Quest'anno, inoltre, c'è stata una incredibile intervista di Greg Osby a Ornette Coleman per Downbeat...(Jamie Baum, Patrizia Scascitelli)

28/01/2006

Ira Gitler intervista Sonny Rollins durante l'Annual Conference della IAJE: "Sin da giovane ho creduto ad una forza naturale che ci guida, ho uno spirito religioso, faccio yoga, ciò mi ha aiutato a vivere e a non farmi sopraffare dal materialismo..." (Patrizia Scascitelli)

20/11/2005

Intervista a David Thomas dei Take 6: "...quando ci capita di ascoltare qualsiasi tipo di musica, se riesci a percepire l'emozione di chi canta, e senti che sono veramente presi dalla musica che fanno, diventa ancora più interessante..." (Eva Simontacchi)

06/01/2005

I Take 6 a Napoli: "Con sapienza riescono a trattare testi e musiche già codificati dalla tradizione per poi restituirli al pubblico in una dimensione nuova..." (Luigia Bencivenga)

19/05/2002

Intervista a Ray Brown: trarre il meglio da ogni chorus. Antonio Garcìa affronta con il grande contrabbassista gli inizi, la didattica e il senso del business.

17/01/2002

Intervista a Terence BLANCHARD: Gli Entusiasmanti Viaggi nel Jazz. Dalla vita, alla didattica, ai suoi lavori per il cinema fino al suo ultimo CD Let's Get Lost.

10/12/2001

Nuovo numero del magazine Jazz Educators Journal con un'esclusiva intervista a Dave Brubeck

23/10/2001

Jazzitalia avvia una collaborazione con l'IAJE la più importante associazione di insegnanti jazz al mondo.





Video:
Mark Murphy Discusses Jazz Singing
Mark Murphy speaks at 2006 IAJE Conference regarding Jazz Singing. Clinicians also present are from R to L; Jay Clayton, Madeline Eastman, Mark Murph...
inserito il 23/07/2006  da Mischeaux61 - visualizzazioni: 3602



Comunicati:
26/01/2004Si conclude l'IAJE Annual Conference con grandi concerti: Kenny Barron, Phil Woods, Mulgrew Miller, Nicholas Payton, la Vanguard Jazz Orchestra e...il nostro Francesco Cafiso.
24/01/2004Premiati grandi artisti del jazz nella terza serata dell'Annual IAJE Conference.

Invia un commento

© 2000 - 2004 Sandra Kimbrough - Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 10.471 volte
Data pubblicazione: 14/02/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti