Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Toots Thielemans
Milano, Blue Note, 6 giugno 2004
di Claudia Federica Bernath

foto di Alberto Gottardelli

Sono davvero emozionata all'idea di poter rivolgere qualche domanda a questo straordinario musicista. Ma lui è così immediato nel creare quella semplice intimità che te lo fa sentire un amico di sempre, da cancellare all'istante anche la minima titubanza.

C.B.: Toots, ti piace suonare a Milano, qui al Blue Note?
T.T.: Amo Milano, ed amo suonare in questo fantastico locale. Beh, in effetti adoro suonare dappertutto: l'armonica è uno strumento di dimensioni così ridotte da poterlo suonare anche a letto. Chiedi al tuo amico che mi sta fotografando (si riferisce ad Alberto Gottardelli, noto armonicista del panorama jazz milanese): sono certo che anche lui suoni stando comodamente sdraiato nel suo letto!
V
edi, a casa mia tengo un'armonica in ogni stanza, persino in bagno!" (Ride divertito. Si capisce che ha voglia di raccontarsi e prosegue).

D
evo però dire che quello del jazz è un mercato davvero difficile da conquistare: per le pop stars è tutto molto più semplice. Prendi Britney Spears: giovane com'è, già 5 anni fa era conosciuta in tutto il mondo!
I
o sono però ugualmente contento: ora in Belgio possiedo una bella casa con piscina, una Rolls Royce e a 82 anni potrei ritirarmi, ma continuo a lavorare, perché amo ciò che faccio. E continuo ad esercitarmi e ad ascoltare i grandi del jazz.

J
azz! Credo che possa essere paragonato alla grammatica di un idioma; l'improvvisazione rappresenta i sostantivi, gli aggettivi che ogni interprete può utilizzare per colorare a suo piacere le frasi, ma le regole grammaticali sono le stesse.

H
o iniziato a suonare la chitarra nel
'45 nella sala da the di una pasticceria di Bruxelles. E naturalmente studiavo ascoltando dischi...(Più volte, mentre parla, mi punta con forza un dito nel braccio, quasi per sottolineare l'intensità delle emozioni dei propri ricordi...)
Nel
'47 realizzai la mia prima registrazione, in un garage…(sorride nostalgico)...ed iniziai a farla girare. Capitò nelle mani di Bill Evans che mi volle a New York. All'epoca, purtroppo, non ebbi la possibilità di andarci. Fui successivamente invitato da Charlie Parker e… stentavo a crederci, gli americani mi accettarono, capisci, potevo suonare con loro! Ed ho suonato con i miti del jazz, da Charlie Parker a Jaco Pastorius, da Ella Fitzgerald a Benny Goodman, poi Bill Evans...

C.B.: C'è qualcosa che cambieresti della tua vita?
T.T.: Mi considero un uomo fortunato perché ho sempre fatto ciò che mi piaceva. Certo, quello del jazz è un ambiente a senso unico: vorrebbe che tu suonassi sempre e solo jazz. A me è capitato di suonare per i matrimoni ebraici, per pagarmi l'affitto, o per la realizzazione di lavori pubblicitari. Ho anche suonato per colonne sonore di films, collaborando, tra gli altri, con Quincy Jones: l'armonica è uno strumento che ben si addice a questo genere di cose. Ma certamente non chiamerei tutto ciò prostituzione!…Quindi, non ho alcun rimpianto.

Si blocca un istante, pensieroso, e riprende:

A proposito di colonne sonore per il grande schermo: una volta fui chiamato dal regista di un film interpretato da Marcello Mastroianni che in quella precisa scena era davvero disperato. Il regista mi chiese se potessi suonare tutta la tristezza, la disperazione di Marcello. Ed io gli chiesi se fosse davvero sua intenzione portare il pubblico ad un suicidio di massa!!!

C.B.: Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
T.T.:
Mantenermi in salute, con vitalità ed energia, ed assorbire musica il più possibile. Un amico mi ha di recente regalato un lettore iPod e gliene sono molto grato; trovo che sia un'invenzione geniale: ti offre la possibilità di ascoltare centinaia di brani senza fare troppa fatica e occupare troppo spazio, ed io continuo così ad ascoltare tutti i miei miti! E naturalmente continuo a suonare, cercando sempre di creare e donare emozioni. Sai qual è il mio motto?: tra il sorriso e la lacrima: lì sta il vero feeling!!!

 





Articoli correlati:
11/04/2010

Parliamo di Bruno. Intervista a Franca De Filippi. Eva Simontacchi incontra Franca De Filippi con la quale ripercorre alcuni degli aspetti che hanno reso Bruno De Filippi un uomo amato, rispettato e spesso considerato un riferimento come rimarcano le testimonianze dei tanti colleghi e amici qui riportate. Quest'anno Bruno De Filippi avrebbe compiuto 80 anni che sarebbe stato solo un altro dei suoi ambiti traguardi e, purtroppo, l'unico non raggiunto...(Eva Simontacchi)

04/09/2006

Un grande concerto alla Carnegie Hall in onore di Toots Thielemans con Herbie Hancock, Oscar Castro-Neves, Eliane Elias, Ivan Lins, Joe Lovano, Paquito D'Rivera...(Roberta E. Zlokower)

11/08/2006

Il Blue Note Records Festival a Gand in Belgio, crocevia di artisti, suoni, ritmi per amanti della musica jazz e non solo. Un pubblico accorso da ogni parte del Belgio, dalla limitrofa Francia e dall'Olanda, un menù musicale di ampia scelta e qualità. (N. Guida & T. Van der Aa)

23/06/2006

Undicesima edizione della Brussels Jazz Marathon: una maratona musicale di tre giorni che offre a tutti gli appassionati di musica la possibilità di ascoltare diversi stili musicali. (Francesco Albanese)

21/07/2004

Toots Thielemans al Blue Note: "...Bruno De Filippi e Toots Thielemans iniziano a duettare in uno struggente 'In a sentimental mood' le cui note arrivano direttamente al cuore del pubblico che ascolta in religioso silenzio..." (Claudia Bernath)





Video:
Martial Solal & Toots Thielemans - Body And Soul
Body And Soul par Martial Solal et Toots Thielemans en 1990...
inserito il 02/01/2008  da savelonp - visualizzazioni: 1878
Toots Thielemans -Bluesette Brasil 2007
show no Teatro Cultura artistica em São paulo dia 02/10/2007...
inserito il 03/10/2007  da andrecarlini - visualizzazioni: 1894
Toots Thielemans and Stevie Wonder, Polar Music Award
Toots Thielemans and Stevie Wonder, Stockholm (Sweden), Polar Prize Music Award., Gösta Rundqvist Piano, Markus Wickström Bass and Johan L&#...
inserito il 14/08/2007  da stefanomuscovi - visualizzazioni: 2452


Invia un commento

© 2002 - 2004 Jazzitalia.net - Claudia Bernath - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 21/10/2012 alle 8.17.38 da "carmelo.buttazzo"
Commento:
Quanto sarebbe bello avere la possibilità di sentire un concerto di Toots in Italia. Magari all'interno di una big band con musicisti del suo calibro (M. Camilo, G. Hidalgo, C. Roditi, P. D'Rivera ecc, ecc). Toots emoziona, trasmette a chi lo sente l'essenza della musica, quella musica che stimolando i propri sensi genera un'armonia interna di piacere immenso. Grazie Toots.
 

Questa pagina è stata visitata 9.091 volte
Data pubblicazione: 21/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti