Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tullio De Piscopo, la voce, le percussioni e le scale
Alla vigilia del concerto il drummer napoletano ci ha illustrato i suoi nuovi progetti.
di Olga Chieffi

Sabato 24 gennaio l'antica cantina settecentesca di Gianni Penna, risuonerà della voce e delle percussioni di Tullio De Piscopo, il quale presenterà in esclusiva per il Roundmidnight Jazz Club il suo nuovo progetto musicale i Mediterranean Jazz Six, che schiera tre fiati, Carlo Maria Micheli al sax contralto e soprano, Davide Grottelli al tenore e baritono, Max Guerra alla tromba e due salernitani che da tempo sono al fianco del drummer napoletano, Guglielmo "Gughi" Guglielmi al pianoforte e tastiere e Paul Pelella al basso. Abbiamo raggiunto il Maestro via cavo, un numero che ha dentro il 7, per ben tre volte, un altro simpatico segno del suo "sonoro" destino.

O.C.: Maestro, come nasce questo nuovo progetto, dopo il successo riscosso con la sua Rhythm Machine, ultimamente ospite anche del prestigioso club Le Scimmie?
T.D.P.: I Mediterranean Jazz Six schierano tre fiati, quindi ho dato più spazio al canto e all'improvvisazione melodica, se si vuol fare un confronto con la formazione precedente. I sassofonisti Carlo Maria Micheli e Davide Grottelli unitamente alla tromba di Max Guerra saranno i rappresentanti della nostra scala melodica, un bagaglio antico che non è solo nostro, ma dell'intero mondo mediterraneo, culla della musica e della civiltà, speziato di profumi e armonie diversissimi e pur comuni, con il sentire, le sonorità e i ritmi, gli accenti del linguaggio jazzistico d'oltreoceano più puro, espressioni di popoli composti di numerose minoranze i quali, attraverso la musica hanno raccontato la loro storia, la loro condizione, la loro fame, che con il linguaggio verbale, non avrebbero, forse, mai potuto esprimere.

O.C.: Due musicisti salernitani suoneranno insieme a lei Guglielmo Guglielmi e Paolo Pelella.
T.D.P.:
Si Gughi al pianoforte e Paul Pelella al basso, sono da diverso tempo con me, un supporto insostituibile per la sezione ritmica e creatività e invenzione che lasciano pensare, sempre più ad una pulsante Salerno città della Musica. Ma il duo di tuoi concittadini è diventato, ormai, un trio, poiché è con me, con noi, anche la giovane Gabriella Stotuti, interessante vocalist, la quale non disdegna di impugnare anche il soprano, una sferzata di energia e vitalità per tutto il gruppo.

O.C.: I Mediterranean Jazz Six possono essere considerati traguardo e punto d'origine del suo percorso musicale?
T.D.P.:
Certamente. Traguardo poiché questo gruppo è la summa di ciò che ho sempre cercato, il connubio tra le mie due anime, quella napoletana e quella nera. Ma preferisco sia un punto d'origine poiché sto approfondendo la ricerca armonica sulla scala melodica napoletana e perché un viaggio musicale non può fermarsi per più di un istante, deve ripartire subito per tentare e trovare nuove idee, nuove nascite.

O.C.: Il 15 aprile sarà in distribuzione il suo nuovo disco, Pummarola Blues, che segue Memorie storiche, di cosa si tratta?
T.D.P.:
Pummarola Blues è un disco live, la registrazione del concerto tenuto lo scorso 14 febbraio al Moods di Zurigo, inciso per la Rai Trade, in cui si sente molto la partecipazione del pubblico, coinvolto dall'abbraccio della nostra musica. In quello storico locale erano con me oltre i musicisti con cui suonerò al RoundMidnight, anche Gabriella Stotuti, Domingo Dobasel, al secolo Domenico Basile, alla chitarra e mio nipote, Peter De Piscopo, naturalmente alle percussioni, il quale ha impugnato le bacchette nelle mie parti cantate.

O.C.: E la sua attività di insegnante come procede?
T.D.P.:
Benissimo. Devo ascoltare e studiare per oltre cinquanta allievi alla settimana. Sai bene che l'insegnamento è un continuo e proficuo scambio, in tutte le cose non si finisce mai d'imparare.

O.C.: Ma le possibilità d'inserimento per tutti questi musicisti in erba?
T.D.P.:
Calma piatta sul mercato discografico e musicale, come credo, un po' in tutti i settori culturali di questi tempi.

O.C.: L'arte è un gioco con finalità molto serie, poiché ci fa sperimentare altri mondi possibili, ci aiuta a capire la vita, a viverla meglio. Anche per lei è così?
T.D.P.:
Per me la vita e, quindi, la musica nasce dagli incontri che si fanno durante il trascorrere degli anni: se le persone che si conoscono sono "buone", la musica sarà solare, comunicativa, se sono "cattive", malviventi, si avrà musica mediocre.

O.C.: Allora se conviene con me che la musica è specchio della vita, Lei avrà fatto solo incontri "buoni"?
T.D.P.:
Pare proprio di sì.







Articoli correlati:
12/02/2012

Il trio formato da Mike Melillo, Massimo Moriconi e Tullio De Piscopo ha richiamato un folto pubblico decretando il tutto esaurito nel bellissimo Teatro Lauro Rossi di Macerata. (Viviana Falcioni)

con video intervista...

15/05/2010

Arriving Soon (Soul 4 & Mattia Cigalini) - Marco Buttafuoco

12/09/2008

Intervista a Minnie Minoprio: "Per me il Jazz è la liberazione di sensazioni e sentimenti personali attraverso la creatività momentanea. Tutto ciò che è pre-ordinato, già scritto, eseguito ad unisono con altri non è jazz. Per questo motivo prediligo e ritengo esaltanti i musicisti tradizionali, che pur senza tecnica sopraffina offrono all'ascolto molto di più delle semplici note, qualcosa di fisico e prezioso, gli altri sono bravi esecutori ma si limitano a distinguersi per una interpretazione più o meno riuscita..." (Alceste Ayroldi)

05/05/2008

Open Day 9, Jazz e non solo: "Se l'emozione è il nucleo essenziale della musica, a prescindere dal genere, occorre che ci siano persone che sappiano dare vita e voce a questa emozione. I musicisti, innanzitutto. Ma anche il pubblico e il variegato mondo degli "addetti ai lavori". Migliaia di queste persone (appartenenti a tali categorie), nel corso degli ultimi anni, s'incontrano per quella che è stata definita la più grande fiera di strumenti musicali del Centro e Sud Italia." (Massimiliano Cerreto)

26/01/2007

Bravo Jazz 2006, Dedicato ad Alberto Alberti: "Quella di Alberto Alberti è stata una delle presenze più significative per la musica afroamericana in Italia; egli ha saputo promuovere e diffondere l'amore per il Jazz in tutto il paese, creando momenti di incontro per gli artisti e ideando manifestazioni un po' ovunque e Umbria Jazz ne è uno splendido esempio..." (Pierluigi Vicini)

27/08/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il film 'Round Midnight di Bernard Tavernier ... (Cinzia Villari)

06/02/2006

Franco Cerri: ottant'anni suonati!! Teatro Arcimboldi, Milano - 28 gennaio 2006 (Giorgio Alto)





Video:
Thelonius Monk and the Giants of Jazz 1971 Round Midnight
Thelonius Monk and the Giants off Jazz 1971 .The Giants off jazz during there worldtour in Holland . This clip is a Big IM for the bandmember Special ...
inserito il 14/05/2010  da thejazzsingers - visualizzazioni: 3228
'Round Midnight - FINISDUO
...
inserito il 29/03/2010  da giannibardaro - visualizzazioni: 2853
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti pt. 2
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 27/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 3064
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 24/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 2991
Antonio Onorato live trio " 3/4 e un pò "
Ripresa dal vivo nel famoso locale napoletano Around Midnight.Un tributo al grande chitarrista. Al basso Angelo Farias eccezzionale....
inserito il 19/01/2008  da maxjordan70 - visualizzazioni: 2464
Ella Fitzgerald - Round Midnight
Ella Fitzgerald sings "Round Midnight"., , Piano: Oscar Peterson, Bass: Ray Brown, Drums: Ed Thigpen , Composer: Thelonious Monk, (UK, 1961)...
inserito il 16/12/2007  da guachifluchi - visualizzazioni: 2889


Invia un commento

© 2000 - 2004 Jazzitalia.net - Olga Chieffi - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 20.016 volte
Data pubblicazione: 22/01/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti