Jazzitalia - Articoli: Intervista a Viviana Maxia: ricordo di Roberto Aymerich
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Viviana Maxia: ricordo di Roberto Aymerich
novembre 2011
di Daniela Floris e Daniela Crevena

Daniela Floris e Daniela Crevena incontrano Viviana Maxia per ricordare il fotografo Roberto Aymerich: un pomeriggio di racconti, parole ed immagini. Jazzitalia da ora in avanti dovrà rinunciare al prezioso aiuto di Roberto Aymerich, che da Cagliari ogni anno mandava le sue foto che parlavano degli eventi dell'European Jazz Festival e di tutto il jazz che va in scena in Sardegna. Roberto combatteva con una malattia insidiosa degli occhi, il glaucoma, che ha preso via via il sopravvento, togliendogli non solo gradualmente la vista ma purtroppo anche la forza di lottare e la speranza di guarire: per un fotografo perdere la vista è naturalmente l' evento più angosciante e definitivo che possa capitare. Viviana Maxia, che è tra le poche donne in Italia a scrivere di Jazz, è stata la sua compagna amatissima negli ultimi due anni di vita, e con lei ricostruiamo il lavoro, le passioni, la figura così particolare di questo fotografo appassionato di musica, e che ha dato agli articoli di Viviana (lei stessa collaboratrice di Jazzitalia) colori ed immagini.

Viviana, come vi siete conosciuti tu e Roberto?

Nel modo più tradizionale possibile: ad una festa di compleanno. Ad aprile ci siamo conosciuti, a giugno eravamo insieme e insieme abbiamo trascorso l'edizione di "Time in Jazz" di quell'anno (2008)

come nasce la passione di Roberto per la fotografia, in particolare per la fotografia Jazz?

Roberto si occupava di fotografia da quando aveva diciotto anni, ma si è avvicinato al Jazz folgorato da un concerto di Paolo Fresu. E' dopo quel concerto che non ha più lasciato la musica, ed è questa passione comune che ci ha uniti anche professionalmente: io scrivevo e lui dava colore e vista alle mie parole.... la nostra collaborazione cominciava già durante i concerti: lui mi mostrava le sue foto e da subito mi chiedeva un parere su quali potessero andare e quali no, su quali mi colpissero o meno. Aveva una particolarità legata proprio alla sua malattia, che negli stadi iniziali gli aveva dato il dono di avere una specie di "mirino naturale" che gli permetteva di "centrare" perfettamente l' immagine. Purtroppo questa caratteristica è stata quella che gli ha fatto trascurare il progredire del glaucoma, che poi ha preso il sopravvento facendogli perdere la vista in modo significativo.

Viviana, io e Daniela Crevena sappiamo bene cosa significhi lavorare in tandem con parole ed immagini, è una collaborazione che si basa su emozioni comuni vissute durante i concerti a cui si cerca di dare una forma in un certo senso "decrittando" ciò che si percepisce per renderlo comprensibile a chi legge e guarda. Ci vuole feeling però tra fotografo e giornalista. Era così anche per voi?

E' stato così fin dal primo momento in effetti, dalla prima collaborazione, a Berchidda 2008. Articolo di Viviana Maxia, foto di Roberto Aymerich. Al Jazz Expo del 2008 invece organizzammo una mostra "Scatti di jazz" con le sue foto, della quale il progetto era cominciato nel 2006. Vivevamo la musica, ne sentivamo con entusiasmo ogni particolare momento, ci lavoravamo con passione, eravamo empatici.

Fotografare la musica. E' il connubio di due sensi, la vista e l' udito. I fotografi che decidono di dedicarsi alla musica hanno certamente una sensibilità particolare, se sono davvero intenzionati a tradurre i suoni in immagini... in più il jazz è una musica in cui l' aspetto estemporaneo dell'improvvisazione fa la differenza. Bisogna cogliere l' attimo, a meno che non si decida di fare solo dei "ritratti" come mille altri. Come era Roberto in questo senso? Che tipo di sensibilità e di carattere aveva? Che tipo di foto amava fare?

Roberto, che inizialmente era fotografo di moda, aveva la particolarità di riuscire a legare il soggetto al paesaggio circostante. Aveva una passione per gli sfondi, che amava utilizzare in modo creativo perchè colpissero emotivamente chi guardava, era il suo modo di tradurre la musica in colore, secondo la sensazione che lui ne aveva avuto. Non amava infatti le foto in bianco e nero. Trasformava il musicista in colore. Era un uomo di poche parole e non aveva contatti, se non raramente, con gli artisti, ma allo stesso tempo era molto gentile ed affabile con tutti. Io di carattere sono molto estroversa ed è per questo che lui mandava me in avanscoperta, mi faceva tenere i contatti con i personaggi che fotografava. Era esattamente il contrario del "fotografo d'assalto" anche perchè aveva amore e cura dei soggetti che voleva ritrarre. E con i colleghi fotografi amava lo scambio, chiedeva continuamente pareri. Non era in competizione con gli altri, gli era difficile accettare lavori su commissione perchè aveva bisogno di fotografare solo ciò che veramente lo potesse davvero ispirare. Era certamente schivo, ma non chiuso in se stesso: amava molto stare in compagnia ed era sempre circondato di amici. Purtroppo è stata la malattia nello stadio più avanzato, dopo cinque interventi non riusciti, che lo ha fatto progressivamente chiudere al mondo esterno, ed interiorizzare sempre di più il suo problema, tanto che neanche io il giorno della sua scomparsa avrei mai immaginato che avesse voluto andarsene.

Quindi chi lo conosceva lo ricorda come un tipo certamente inusuale ma gentile, sorridente e ben disposto anche se di poche parole....

Certamente si, e ti dirò che lui di per sé era in realtà un "leader", gli piaceva molto organizzare eventi, feste tra amici, magari, e poi starsene lì un po' in disparte a godersene il risultato. Amava la perfezione, l'armonia. Solo negli ultimi 4 o 5 mesi ha cominciato a tirarsi fuori dal mondo, quando la paura di rimanere privo della vista lo aveva sopraffatto. E' entrato in una specie di notte, hai presente quando nella notte tutto ti sembra più orribile, ed ha avuto una specie di black out, che lo ha portato via. Non ha avuto la pazienza e la forza di aspettare i risultati dell' ultimo intervento, si è sentito catapultato in un mondo senza luci e colori che non era il suo, ed in fondo lui che parlava poco per una forma quasi di pudore di se stesso, ha estremizzato un lato del suo carattere.

Cosa ha lasciato in te questo sodalizio durato quasi tre anni con quest'uomo così profondo e particolare?

Sono stati tre anni serratissimi, in cui davvero abbiamo vissuto in simbiosi, li percepisco come una fetta di vita molto più ampia che di soli tre anni. Ci univa un affetto profondo di uno verso l'altra e la passione profondissima per la musica. Comincio solo ora ad uscire dall'angoscia (Roberto se ne è voluto andare a luglio) e mi piace ricordarlo come era prima di entrare nella depressione che lo ha vinto. E credo che tutti gli amici lo ricordino così, anche attraverso le sue foto, colorate ed intense.

In effetti durante questa chiacchierata Viviana ci ha sorriso molto e ci è parsa nonostante il dolore immenso con il quale è costretta a fare i conti ogni giorno, serena nell'atto di raccontare, ed ogni volta che ha nominato Roberto gli occhi le si sono illuminati e le si è aperto il sorriso. Ci è sembrato un modo bellissimo di ricordarlo. E per chi, come noi, non ha avuto la fortuna di conoscere Aymerich di persona, speriamo che queste parole, e le immagini scelte da Viviana e Daniela Crevena possano parlare di lui e della sua passione per il Jazz.


Roberto Aymerich

Vorrei ringraziare personalmente Viviana Maxia, per aver accettato di ricordare Roberto. Il suo contributo a Jazzitalia è stato significativo e le molte email che ci siamo scambiati rimangono a testimonianza di quel garbo e di quella disponibilità che lo hanno sempre contraddistinto. Con profondo rispetto per il dolore che ha colpito tutti coloro che lo hanno amato, abbiamo voluto dedicargli questa pagina nella speranza di un conforto difficile ma possibile. Ciao Roberto, che tu possa riposare in pace.
- Marco Losavio







Articoli correlati:
19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

04/05/2016

Opabinia (Dominic Lash Quartet)- Gianni Montano

17/03/2013

Infundibuliforme (Sebastien Bonniau Trio)- Francesco Favano

29/12/2012

Push (Traeben) - Alceste Ayroldi

29/09/2012

European Jazz Expo #2: Asì, Quartetto Pessoa, Moroni & Ionata, Mario Brai, Enrico Zanisi, Alessandro Paternesi, David Linx, Little Blue, Federico Casagrande, Billy Cobham (D. Floris, D. Crevena)

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

08/04/2012

Roy-Alty (Roy Haynes) - Alceste Ayroldi

18/10/2011

Oriental Night Fever (Hector Zazou)- Giovanni Greto

09/10/2011

XXIV Edizione Festival Internazionale Time in Jazz: "Dopo Acqua e Aria, quest'anno è la Terra protagonista, a partire dal senso stretto come terreno su cui si cammina, si vive, si suona fino a giungere al senso lato come pianeta." (Viviana Maxia)

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

23/04/2011

Piccole interviste visionarie: Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino. Cinquant'anni in due, e a vederli sembra anche meno..."A 16 anni suonavo in un'orchestra ed ero il "piccolo" del gruppo; quando improvvisamente arriva questo bambino di otto anni con un sassofono più grande di lui e mi ruba il primato. Da allora siamo diventati profondamente amici ed abbiamo diviso moltissime delle nostre esperienze musicali in varie formazioni, ma è senz'altro il duo la formula in cui uno dialoga e risponde musicalmente all'altro nel modo più intimo." (di Viviana Maxia)

26/12/2010

European Jazz Expo 2010: "...si possono delineare suggestioni comuni "trasversali" tra artisti diversi. Una moderna valenza "ipnotico rituale" ad esempio in Francesco Bearzatti e Marc Ayza; una forte componente "Etnico - tradizionale" ad esempio in Salis - Murgia - Angeli e Paco De Lucia; i legami con il pop e/o il R&B o la fusion in Sanborn e Ritenour ma anche in Pino Daniele. E' apparsa isolata dal contesto la cifra stilistica di Chiara Civello, che come legame con il jazz ha avuto forse quello di avvalersi della collaborazione di validi jazzisti che comunque non hanno suonato jazz, ma musica pop di buona fattura." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

26/09/2010

Aria sublime al XXIII° Time in Jazz, Ornette Coleman Quartet inaugura le notti stellari in Piazza del Popolo: "Tappa nell'isola nella road map italiana dell'Ornette Coleman Quartet. L'ottuagenario padre del free jazz mondiale ha illuminato con la sua band, la ventitreesima edizione del Time in Jazz di Berchidda, quest'anno dedicato al tema dell'Aria." (Luigi Coppola)

27/07/2010

McCoy Tyner Quartet, Gonzalo Rubalcaba e Roy Haynes "Fountain of Youth Band" a Vicenza Jazz 2010, Allonsanfan. il Jazz di Là delle Alpi (Giovanni Greto)

26/12/2009

Musica Dentro (Paolo Fresu)- Marco Buttafuoco

19/09/2009

XXII Edizione del Festival Internazionale Time in Jazz dedicata all'Acqua: "Forse, mai come stavolta, si è percepito tra i cultori del jazz e delle sue variabili una simbiosi tra musica e luoghi intesi come mondo in cui vivere. Nei giorni del festival, ogni artista, ogni singola nota, ogni messaggio ha ribadito che anche attraverso la musica si può - anzi, si deve - offrire il proprio contributo per tenere in vita nel miglior modo possibile per noi e per coloro che arriveranno, un mondo che oggi appare offeso e trascurato nelle sue risorse essenziali: tra queste l'acqua, nelle sue forme e mutazioni in parallelo con le infinite combinazioni musicali." (Viviana Maxia)

09/11/2008

The Swingin' Bassoon (Daniel Smith )

08/10/2006

Stefano Bollani a Berchidda in un concerto per Quintetto e Caterina: "Bollani pone la qualità narrativa dei suoi brani al servizio del racconto, ma non sfugge mai alla tentazione di improvvisare qualcosa di astruso ... " (Roberto Botta)

20/11/2005

Danilo Rea e Gianluca Petrella: gli Italiani di Berchidda: "...l'interpretazione jazz dei capolavori di De Andrè mette in rilievo la sensibilità musicale di Rea..." - "Senza nulla togliere al collega jazzista e ad altri artisti pure di riguardo, quale gladiatore di quest'estate jazz-festivaliera possiamo additare Gianluca Petrella..." (Antonio Terzo)

29/10/2005

A riconferma della peculiarità del Time in jazz di Berchidda, esclusiva è stata l'iniziativa realizzata sotto il nome di TEE - TrancEuropExpress con la collaborazione delle Ferrovie della Sardegna e Paolo Fresu nelle vesti di capotreno...(Antonio Terzo)

23/10/2005

Time in Jazz a Berchidda: "All'insegna dell'ampio ombrellone tematico di quest'anno, il binomio "digit@ltrance", la rassegna ha espresso tutta la trasversalità delle esperienze musicali che lo stesso Fresu ha maturato nel corso dei suoi ultimi incontri..." (Antonio Terzo)

11/12/2004

XVII Festival Internazionale "Time in Jazz" a Berchidda: "...La Follia, questo era il titolo di quest'anno, follia intesa come imprevedibilità del processo creativo che sta alla base di qualsiasi arte, non solo quella musicale." (Fabio Pibiri)





Video:
Rosenberg Trio, Biréli Double Jeu
...
inserito il 28/06/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2538
Al Di Meola,Stanley Clarke, Jean-luc Ponty - Rite of Strings, -Montreux Jazz- part II
...
inserito il 19/04/2010  da nuovestagioni - visualizzazioni: 2192
Rosenberg Trio plays Double Jeu in Hungary
...
inserito il 29/09/2009  da Djangodr0m - visualizzazioni: 2536
Angelique Kidjo (1) - Time in jazz 2009
Chiesa di San Michele (Berchidda), 15 agosto 2009: esibizione di Angelique Kidjo, cantante del Benin....
inserito il 15/08/2009  da Irenemail - visualizzazioni: 3097
Angelique Kidjo (3) - Time in jazz 2009
Chiesa di San Michele (Berchidda), 15 agosto 2009: esibizione di Angelique Kidjo, cantante del Benin....
inserito il 15/08/2009  da Irenemail - visualizzazioni: 2883
Enrico Rava, 50 anni di jazz (parte prima)
Il 31 gennaio all'Auditorium Rai di Torino, Enrico Rava festeggia 50 anni di carriera. Il tour del disco "New York Days" prende il via con S...
inserito il 03/02/2009  da jacosi71 - visualizzazioni: 2826
Enrico Rava, 50 anni di jazz (parte seconda)
Il 31 gennaio all'Auditorium Rai di Torino, Enrico Rava festeggia 50 anni di carriera. Il tour del disco "New York Days" prende il via con S...
inserito il 03/02/2009  da jacosi71 - visualizzazioni: 2661
KIRK LIGHTSEY trio - Mal Waldron / Archie Shepp jazz club
Associative jazz club created and run by Richard Bréchet. The greatest jazzmen meet there since 25 years: Mal Waldron Oliver Johnson Glenn Ferris...
inserito il 13/03/2008  da chindetbrechet - visualizzazioni: 2806
Fabrizio Bosso - The Italian trumpet summit 2007
Fabrizio Bosso " There is no greater love", Time in Jazz Festival.Berchidda, Sardegna.12-08-2007...
inserito il 23/10/2007  da cicciolele1980 - visualizzazioni: 2926


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.764 volte
Data pubblicazione: 26/12/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti