Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Il Jazz a Torino
di Gian Carlo Roncaglia

I grandi concerti allo "Swing"

Gli anni Settanta furono in ogni senso anni ruggenti per Torino, e lo Swing Club divenne un richiamo irresistibile in quella autentica età dell'oro per i torinesi amanti del jazz. I Settanta furono in ogni senso anni ruggenti per Torino. Lo Swing Club, con la sua piccola lanterna rossa sull'uscio al 18 di Via Botero, a due passi dalla centralissima Piazza Solferino, era ogni sera un richiamo al quale era difficile resistere per chi amava il jazz in anni in cui le canzonette terzinate dilaganti nei programmi televisivi d'intrattenimento obnubilavano sempre più i cervelli. Il jazz, comunque, aveva trovato nelle cantine di Via Botero una stabile dimora, offrendo persino il suo particolare premio – lo "Swing d'Argento" – a un violinista francese allora poco noto, e che non aveva ancora le fluenti chiome con le quali lo si sarebbe visto di lì innanzi perché era reduce da pochi giorni dal servizio militare che, anche nella patria di Marianna, agiva senza pietà sui capelli dei suoi soldati. Don ByasAveva pochi riccioli, Jean-Luc Ponty (già, proprio lui), ma idee da vendere, e l'inconsueto strumento scelto non gli creò alcuna difficoltà, tanto da essere soprannominato "il Coltrane del violino". Era simpatico e di compagnia e non ebbe difficoltà, una sera, a seguire la compagnia ed approdare in una piola (c'erano ancora, allora…) di Corso Casale, e gustare avidamente la polenta che in quella occasione era l'unico piatto passato dal convento (cioè dalla cuoca della piola medesima).

Poi ci furono momenti indimenticabili. Arrivò da Amsterdam Don Byas con il suo cappottone di pelo e una bottiglia di vodka comprata al Duty Free di Caselle, e già pressoché vuota. All'arrivo, da tombeur des femmes incallito, prese subito a corteggiare un soggetto per lui interessante; poi, resosi conto che qualcosa non funzionava, appellò chi era andato a riceverlo all'aeroporto con "Jean, c'est ta femme?", e alla risposta affermativa la sua reazione fu assolutamente uguale a quella del generale Cambronne quando gli intimarono la resa. Quindi, si concentrò nuovamente sulla bottiglia. Il concerto, comunque, fu superbo ed ebbe una coda alla Rai di Via Montebello con Adriano Mazzoletti a presentare. Dove gli spettatori rimasero non poco frastornati quando il presentatore, alla fine del primo set, disse: "Ringraziamo Don Byas che ci lascia, ma che riascolteremo la prossima settimana" – cioè, nel secondo set del concerto. Uno dei trucchi di Mamma Rai venne così svelato, ma così andavano le cose, allora come oggi. Ci fu persino, all'Auditorium Rai di Via Rossini, un maxiconcerto organizzato da Toni Lama, figlio dell'allora Provveditore agli Studi di Torino, che con il "Memorial Lama" commemorava il fratello, prestigioso pianista tragicamente scomparso da due anni. La prima, improvvisata edizione venne seguita, nella primavera del 1970, da un concerto a conclusione di un ciclo di "Lezioni sul Jazz" tenute alla Galleria d'Arte Moderna da critici e studiosi Dizzy Gillespie e Jean-Luc Pontyaffermati. Protagonisti Dizzy Gillespie, con Red Mitchell, Jean-Luc Ponty (ancora con le chiome relativamente corte), Franco Cerri e Nicola Arigliano e l'orchestra milanese dello "Studio 7" diretta dal suo manager Tito Fontana i protagonisti dell'avventura. Dizzy, particolarmente di buon umore, con uno scarponcino da alpino donatogli a Bergamo da dove proveniva, diceva a Ponty che le loro musiche avevano ogni diritto di convivere: "Il Jazz ha sempre attinto a piene mani nei patrimoni musicali, popolari e no. L'importante è che nella musica non manchi mai il feeling. Poi… tutto è buono".

"… Torino, da alcuni anni, sembra essere diventata la New York italiana: mangiare polenta dando di gomito a Ponty e farsi versare Barbera da Aldo Romano è normalissimo, come non dà quasi più alcuna emozione brindare con Don Byas o disquisire di diete yoga con Lou Bennett (che grazie allo yoga era uscito dal giro della droga) o ancora, gustare con "Slide" Hampton quella particolare salsiccia che naturalmente doveva essere accompagnata da quel certo Dolcetto che guarda caso Gianni Basso aveva tirato fuori dal baule della sua auto, non soddisfatto dal vino trovato nel locale dove doveva suonare…" venne scritto a quell'epoca. Non era un gratuito millantare: allo Swing erano arrivati i musicisti già ricordati, ma non pochi altri li avevano preceduti e seguiti. Fra essi vanno ricordati Mal Waldron, già compagno di Billie Holiday, Lou Bennett con il suo mastodontico organo Hammond, "Slide" Hampton sempre elegantissimo nel suo Principe di Galles, e poi ancora la Dixieland band di Barry "Kid" Martin, e il grande trombettista giamaicano Dizzy Reece. Ma non basta: sul palco (si fa per dire: era poco più di una piccola pedana) erano approdati anche il flautista francese Michel Roque, che "Jazz Hot" aveva proclamato miglior solista del 1970, il pianista Charlie Beal, per anni compagno di Louis Armstrong; Phil Wood con il suo sassofono e la sua European Rhythm Machine formata da George Gruntz, Henry Texier e Daniel Humair; e Art Farmer, con la sua tromba seducente.

Nini QuestaErano di casa anche gli italiani, allo Swing. Gianni Basso e Oscar Valdambrini con Renato Sellani il quale, dopo aver constatato come il vecchio pianoforte fosse irrimediabilmente scordato, si era rivolto al pubblico e, con la sua espressione alla Mac Roney (un fantasista televisivo allora assai in voga), aveva chiesto: "Non ci sarebbe una fisarmonica?", provocando clamorose risate, cui fece seguito la sua performance strumentale letteralmente da manuale. Più il genovese Lucio Capobianco con la sua swingante band, Glauco Masetti al clarinetto e al sax e, naturalmente, la coppia Dick Mazzanti-Emilio Siccardi a riproporre il loro jazz marca Kansas City.

Ma l'elenco diventerebbe troppo lungo, mentre non si può non rammentare la particolarissima cucina dello Swing, alla quale l'onnipresente Nini dedicava non poca attenzione. Per due motivi: prima dei concerti, nella sala arrivavano i frequentatori con maggiori possibilità economiche, che cenavano con gli amici prefissando il posto nella saletta del concerto, agli inizi addirittura arredata con vecchi banchi di scuola, quelli col foro per il calamaio. Ma soprattutto per la frequentazione post-concerto (dalle due o giù di lì e sino all'alba) da parte della "Turin la nuit", con le sue "cantoniere" e relativi protettori. Non facevano questione di prezzo, questi personaggi, tanto, sapevano che la sera successiva l'incasso sarebbe nuovamente arrivato. Nini non era entusiasta della situazione, ma gli incassi notturni le consentivano di far quadrare i conti, visto che il reddito jazzistico quasi mai dava un bilancio non deficitario: infatti, molti non solo non pagavano l'ingresso, ma neppure consumavano al bar. Comunque, questa attività notturna – peraltro pressoché sconosciuta ai comuni mortali – non degradò la fama del locale dal livello di cave parigina a quello di un qualsiasi Chat qui pêche; anzi, alla città della Mole lo "Swing" era sempre più invidiato dagli altri appassionati italiani.

Kenny ClarkeRobin KenyattaSi potevano anche fare le ore piccole dividendo l'ultimo sandwich disponibile con Kenny Clarke, che al pomeriggio era stato protagonista, al teatro Stabile di Via Rossini, di un concerto per studenti organizzato dall'Assessorato Provinciale alla Cultura, un clamoroso successo. "Conferenze, dibattiti, audizioni discografiche, cicli di lezioni hanno creato solide basi per la diffusione del jazz, e l'attenzione dei giovani ne è la dimostrazione", venne scritto in quell'occasione. Ma è il dopo-concerto la parte più succosa di quella presenza del grande drummer a Torino, che ebbe comunque varie repliche nelle quali Kenny divenne un amico indimenticabile. Dopo il concerto per gli studenti, il batterista era stato protagonista di due set serali alla Rai. Chi lo accompagnava, preoccupato della sua evidente stanchezza, gli domandò se voleva andare in albergo. La risposta fu: "Sai, potremmo andare allo Swing, dove sta suonando Robin…", perché Robin Kenyatta era stato scritturato per una settimana intera. Il suo vero nome era (ed è) Prince Roland Nayes, era nato nel South Carolina ventinove anni prima ed aveva cambiato il proprio nome, mutuando "Robin" da Robin Hood e "Kenyatta" dal leader keniano, "Perché loro sono per me simboli della libertà", aveva spiegato, indicando la pallottola da mitragliere appesa al collo con una striscia di cuoio e datagli dal fratello, combattente con l'OLP in Palestina. Kenny, forte della sua ultra-decennale appartenenza all'Europa parigina, abitante in una graziosa villetta a Montreuil Sur Bois, si esprimeva in un francese caldo, familiare. Robin, timidamente, riconobbe di non conoscere tale lingua, chiedendo alla martinicana Chris, amorevole, dolce compagna, di fargli da interprete "Non solo delle mie parole, ma anche del mio pensiero, che conosci bene…", come indicava chiaramente il disco che aveva appena inciso, "The Girl from Martinica". Raccontare della conversazione a più voci non è scopo di queste note, ma il rammentare assieme Kenny Clarke, borghese afro-francese, e Robin Kenyatta, militante dei Black Muslims americani, è cosa da collocare fra i ricordi più coinvolgenti di quella ricca, appassionante, emozionante stagione d'oro del jazz a Torino.
 

6. Il Circolo Torinese del Jazz e la nascita dello Swing Club

8. Il 1971 fra aneddoti e concerti indimenticabili







Articoli correlati:
12/12/2018

Addio a Carlo Loffredo, tra i padri del Jazz in Italia: "Ho suonato con Louis Armstrong, Dizzy Gillespie, Django Reinhardt, Stephan Grappelli, Teddy Wilson, Oscar Peterson, Bobby Hachett, Jack Teagarden, Earl "father" Hines, Albert Nicholas, Chet Baker, i Four Fresmen, i Mills Brother, e basta qui."

19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

29/01/2011

Carla Bley - Carla's Christmas Carols featuring Steve Swallow & The Partyka Brass Quintet, a Linguaggi Jazz: "Uscire da un concerto sentendosi più buoni! Questa si prova dopo essere stati esposti per una ora e mezza alle carole natalizie che Carla Bley ha ripescato dalla tradizione e contaminato a materiale laico, come il celebre Astro del ciel che incontra Cole Porter e diventa Silent Night And Day." (Franco Bergoglio)

22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

26/12/2008

Il Jazz e il suo mondo (Gian Carlo Roncaglia)

24/02/2008

Intervista a Fulvio Albano, sassofonista, arrangiatore e direttore del Festival di Avigliana: "Sono un musicista prima di tutto, vivo di e per la musica. il jazz è la mia musica, la amo profondamente. per me ha un significato che va al di là di possibili spiegazioni razionali...Secondo me il jazz incarna perfettamente la sintesi tra istinto e razionalità; è una musica che ti lascia ampia libertà creativa pur soggiacendo a un insieme di regole che la rende fruibile e comprensibile." (Franco Bergoglio)

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.







Invia un commento

© 2000 - 2004 Jazzitalia.net - Gian Carlo Roncaglia - Piemonte Magazine - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2020 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 5.880 volte
Data ultima modifica: 05/01/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti