Jazzitalia - Articoli: Intervista a John Pietaro dei Red Microphone
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a John Pietaro dei Red Microphone
settembre 2013
di Marco Buttafuoco

Nel 1969, Charlie Haden pubblicò, con la Liberation Music Orchestra un disco che sarebbe entrato nella leggenda del free jazz. Era basato su materiale strettamente "politico" (canti della guerra civile spagnola, musiche del compositore comunista tedesco Hans Eisler, canzoni dedicate a Che Guevara). Erano tempi tumultuosi, quelli. Tempi di vera o sognata rivoluzione culturale. Haden fu probabilmente il primo ed il solo musicista jazz, ad utilizzare così direttamente l'innografia rivoluzionaria. Certo altri jazzman (Archie Shepp, Charlie Mingus, Max Roach) dettero voce alla loro indignazione e al loro " impegno", ma Liberation Music rimase un unicum. Haden riprese l'idea in altri dischi: con risultati artistici decisamente inferiori. Il disco di cui ci accingiamo a parlare è quindi particolarmente interessante, sia perché si rifà, con scelta no certo usuale ai nostri tempi, all'esempio del contrabbassista dell'Iowa, ma anche per altri elementi: l'uso della voce recitante in primis.

"The Red Microphone Speaks", contiene oltre a due versioni de L'internazionale, quel Song of United front (Scritto da Hans Eisler) che era la sesta traccia dell'album di Haden, versi di Langston Hugues (Poeta legato ai movimenti neri per i diritti civili), omaggi a Paul Robeson e allo stesso Eisler, un'improvvisazione che fa da sfondo sonoro al discorso dello scrittore Howard Lawson davanti alla Commissione per le Attività Antiamericane, in piena era maccartista.

Abbiamo parlato di questo progetto con John Pietaro, vibrafonista e percussionista dei Red Microphone (gli altri elementi sono i sassofonisti Ras Moshe e Rocco John Jacovone e il contrabbassista Nicolas Letman- Burtinovic). Pietaro è anche uno studioso della musica d'impegno sociale, nonché organizzatore del Dissident Art Festival che ha luogo a Brooklin da oramai otto anni.

"Ci sono radici diverse nella mia musica. Ho cominciato col rock e mi sono interessato presto al folk americano ed al suo valore politico. In questo ambito ho avuto anche il privilegio di lavorare con un maestro come Pete Seeger. Poi ho scoperto il jazz (Ornette ed Eric Dolphy in particolare) che ho sempre sentito come l'espressione di un popolo schiavo, sradicato ed emarginato. Mi sono anche però interessato all'opera di Bertolt Brecht ed alla musica di Kurt Weill e di Hans Eissler. Artisti innovatori e raffinatissimi, immersi nel clima rovente della politica dei loro tempi. Veri maestri. Tornando agli Usa non possiamo dimenticare come negli anni ‘30, durante la grande depressione, gli artisti della sinistra (per tutti ricordo Woody Guthrie e gli Almanac Singers) erano veri e propri giornalisti, autentici oratori di strada che commentavano l'attualità ed intervenivano nei conflitti con le loro ballate, i loro talking blues. Charlie Haden, con quel meraviglioso disco da te citato, ha ripreso quella grande tradizione dell'impegno diretto dell'artista. Alla fine degli anni ‘60 si lottava contro la guerra del Vietnam, si solidarizzava con le lotte di liberazione del terzo mondo. Ho sempre trovato queste esperienze artistiche ricche di passione, innovazione e rivoluzione. Perché non dovrebbero ispirarci ancora in questi tempi di capitalismo selvaggio, di crescente crisi sociale?"

Come affrontate temi tanto conosciuti come l'inno di Eisler o addirittura universali come l'Internazionale?
Abbiamo trasformato il Canto del Fronte Unito in una struttura ABA nella quale B è una lunga sezione di improvvisazione free che manca nella versione della LMO. Ci tenevamo a sottolineare il carattere "eversivo" di questo inno Ci tengo a rilevare che la sequenza B è totalmente improvvisata e che non abbiamo utilizzato sovraincisioni. Nella prima versione dell'Internazionale abbiamo suonato come un immaginario quartetto jazz degli anni Quaranta, dilatando solo un po' le armonie. Ma nella settima traccia abbiamo trasformato il vecchio inno, tentando di farlo diventare un grande contenitore sonoro della memoria dei movimenti rivoluzionari. Per questo ho inserito le voci di Lenin, Malcom X, Angela Davis e un brano dell'autodifesa di Dalton Trumbo davanti alla commissione per le attività antiamericane. Ho affidato la lettura del testo originale francese a Nora Mc Carthy, inserendo sequenze quasi minimaliste, dei sax. Volevamo dare al pezzo un senso di grido di battaglia, di urlo della memoria, e al tempo stesso far sentire la fatica di tutte le lotte che ha rappresentato. Da qui il titolo del brano; l'Internazionale ricostruito.

Una domanda provocatoria. Non credi che il free jazz sia una proposta inadatta a una comunicazione sociale di massa come quella che vi proponete?
C'è stata una grande discussione su questo argomento ma la mia risposta è no. In questa musica, come hanno riconosciuto studiosi del calibro di Amiri Baraka, c'è lo spirito del ghetto. Non caso ha avuto legami profondi con i movimenti radicali neri degli anni sessanta. Il grido del free jazz ha le sue radici musicali nelle improvvisazioni collettive della New Orleans degli inizi del '900. I suoi primi interpreti, agli inizi degli anni Sessanta furono emarginati dalla comunità artistica e trattati come paria, fecero fatica a sbarcare il lunario. Io credo che l'arte, oggi più che mai, abbia bisogno di radicalità, di esprimersi anche aspramente e senza mediazioni. Deve essere rivoluzionaria.

Al di là dell'esempio di Charlie Haden o dell'impegno individuale di grandi jazzmen come Max Roach, Billie Holiday, Leo Smith il jazz non sembra tuttavia essere stato la colonna sonora delle lotte sociali negli USA.
E‘ vero, per molti decenni l'arte di protesta è stata rappresentata più da Woody Guthrie o Pete Seeger che non dai musicisti afro-americani. Bisogna risalire agli anni Trenta, quando la cultura della sinistra americana era fortemente influenzata dal Partito Comunista. Intorno al PCUSA gravitava allora un folto gruppo di musicisti molto influenzati dall'esperienza dell'avanguardia tedesca. Fra essi ricorderò Aaron Copland e Charles Seeger, padre di Pete. Il partito valutò che la loro proposta era troppo elitaria e puntò sui folk singers che riprendevano la tradizione bianca delle canzoni popolari e dell'innografia ecclesiastica (ma anche un grande musicista di colore come Leadbelly gravitò in quell'area). Il jazz era certo riconosciuto come arte di una minoranza oppressa, ma era anche guardato con sospetto. Le grandi orchestre che suonavano nei vari Cotton Club non davano certo garanzie di purezza rivoluzionaria. Il jazz era valutato soprattutto come musica d'intrattenimento, commerciale. Questo non vuol dire che sia rimasto ai margini della vita politica degli USA. Count Basie e Lester Young, ad esempio, parteciparono molto attivamente alle campagne elettorali di F.D.Roosevelt. Fra i musicisti più recenti si può dire che quello più direttamente impegnato sia stato McCoy Tyner, che è intervenuto in varie manifestazioni per la causa di Angela Davis. Ma questo impegno viene forse dall'influenza esercitata su di lui da suo fratello Jarvis, dirigente di spicco del PCUSA. Al là dei singoli casi è comunque vero che la musica impegnata americana s'identifica quasi in toto con la grande tradizione del folk bianco.

Come vedi gli Usa di oggi, anche dal punto di vista musicale?
Il mio paese è sempre contraddittorio. E ‘ancora largamente dominante una certa idea di capitalismo selvaggio e senza regole. Il reaganismo è tuttora in auge, ma qualcosa sta cambiando. Occupy Wall Street è un movimento di grande interesse e ricco di potenziali sviluppi. Dal mio punto di osservazione posso dire che ci sono buoni segnali di riscossa. Il nostro festival sta ottenendo sempre più consensi fra varie generazioni di newyorkesi. A Brooklyn si sta sviluppando un movimento di new jazz che attira sempre più giovani. Viviamo tempi terribilmente interessanti.






Articoli correlati:
28/06/2017

E' morta Geri Allen: La nota pianista, compositrice, didatta Geri Allen, è scomparsa. Era stata in tour a maggio in Italia in duo con Enrico Rava

15/06/2015

Addio Ornette!: "...la sua impronta rimarrà eternamente nella storia di questa musica avendo avuto il merito più di ogni altro, di aver liberato il jazz da qualsiasi elemento che potesse 'imbrigliarlo' nella convenzionalità." (Gianni Montano)

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

21/07/2013

Marcel & Solange Trio e Giovanni Falzone Quintet "Around Ornette": Nell'ambito del festival "Una Striscia di Terra Feconda", il Marcel & Solange trio con le loro "atmosfere minimaliste e rarefatte" e il personale omaggio a Ornette Coleman di Giovanni Falzone con suo Quintet. (Valeria Loprieno)

30/01/2012

LEZIONI (Flauto): Herbie Mann, Buddy Colette, Eric Dolphy, Yusef Lateef fino a Dave Valentine: breve storia del flauto jazz (Michele Gori)

15/05/2011

Giovanni Falzone in "Around Ornette": "Non vi è in tutta la serata, un momento di calo di attenzione o di quella tensione musicale che tiene sulla corda. Un crescendo di suoni ed emozioni, orchestrati da Falzone, direttore, musicista e compositore fenomenale, a tratti talmente rapito dalla musica da diventare lui stesso musica, danza, grido, suono, movimento. Inutile dire che l'interplay tra i musicisti è spettacolare, coinvolti come sono dalla follia e dal genio espressivo e musicale del loro direttore." (Eva Simontacchi)

06/03/2011

The shape of jazz to come (Ornette Coleman)- Giovanni Greto

26/09/2010

Aria sublime al XXIII° Time in Jazz, Ornette Coleman Quartet inaugura le notti stellari in Piazza del Popolo: "Tappa nell'isola nella road map italiana dell'Ornette Coleman Quartet. L'ottuagenario padre del free jazz mondiale ha illuminato con la sua band, la ventitreesima edizione del Time in Jazz di Berchidda, quest'anno dedicato al tema dell'Aria." (Luigi Coppola)

22/08/2010

Gezmataz 2010: Al "concerto sovente imbarazzante e per omaggiare un pezzo vivente di storia del jazz" dell'Ornette Coleman Quartet in cui "problemi di emissione e di articolazione del fraseggio rendono diversi assoli degli abbozzi incompiuti", si contrappongono "abilità tecnica, personalità spiccata, doti compositive non comuni, musicalità assoluta, rispetto e stima reciproca, voglia di divertirsi e divertire..." della Brass Bang! di Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Steven Bernstein e Marcus Rojas. (Andrea Gaggero)

31/07/2010

The Salle Wagram Concert – Complete Edition (Charles Mingus – Eric Dolphy Quintet/Sextet) - Alceste Ayroldi

13/03/2010

Morituri Te Salutant (Colosseum)- Roberto Biasco

12/09/2009

Il Trans Europe Trio e l'Ornette Coleman 2bass Quartet per il festival friulano Udin&jazz "Re_evolution Cuba 59_09"

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

08/08/2009

Doppio concerto inaugurale per "Luglio suona bene 2009" con l'Ornette Coleman Quartet seguito dall'Enrico Rava Quintet. (Roberto Biasco)

09/06/2009

Uri Caine Trio e Don Byron al Teatro Verdi di Pordenone nella loro dedica allo scrittore Paul Auster. Dopo un inizio in duo con Caine e Byron il trio lascia emergere una amalgama di grande livello attraverso originals e standard accuratamente selezionati... (Giovanni Greto)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

02/05/2007

Intervista a Rosario Giuliani: "Non riesco a vivere la musica jazz se non come una passione e vorrei che questo la gente sentisse...Per me la musica è un'espressione necessaria ed insostituibile, è dire qualcosa che non può passare attraverso le parole, qualcosa che viene dallo stomaco." (Daniele Mastrangelo)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

11/03/2007

Il marziano del jazz - Vita e musica di Eric Dolphy (Claudio Sessa )

03/03/2007

A New York, si è svolta la 34a Annual Conference della IAJE. Come sempre, decine e decine di appuntamenti di ogni genere compresi i momenti più importanti come il NEA Jazz Masters. Quest'anno, inoltre, c'è stata una incredibile intervista di Greg Osby a Ornette Coleman per Downbeat...(Jamie Baum, Patrizia Scascitelli)

18/02/2007

Ornette Coleman al Padova Porsche Jazz Festival: "...Per me è importante aiutare qualcuno a credere nei propri desideri e a rischiare di diventare ciò in cui crede. Occorre rischiare e questo significa cercare di perfezionarsi continuamente secondo l'ideale che si è scelto ed essere pronti ad aiutare chi ti chiede aiuto oppresso dal bisogno..." (Daniele Mastrangelo)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

27/12/2006

Ornette Coleman allo Skopje Jazz Festival 2006 in Macedonia (Ziga Koritnik)

18/07/2005

Ornette Coleman a Roma e Napoli: "Un po' come nella sua musica, Ornette, sembra voler fare a meno del superfluo, di quella patina inconsistente di formalità...Sembra quasi che con il passare degli anni la musica di Ornette sia diventata meno complessa e più 'democraticamente' fruibile." (M. De Masi, F. Ughi)





Video:
"Search for life" / "Round trip", Ornette Coleman Ensemble. "InJazz" Summer Clinics 2009. (2/2)
Concerto finele dei seminari estivi InJazz 2009. Ornette Colemn Ensemble diretto da Marcello Allulli. Fabriano (AN). www.injazz.it - info@injazz.it - ...
inserito il 14/10/2009  da bettabu - visualizzazioni: 3588
Eric Dolphy - 245
Live in Berlin, 30.8.1961, , Eric Dolphy - as, Benny Bailey - trumpet, Pepsy Auer - piano, George Joyner - bass, Buster Smith - drums...
inserito il 24/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 2006
Eric Dolphy - Geewee
Live in Berlin, 30.8.1961, , Eric Dolphy - as, Benny Bailey - trumpet, Pepsy Auer - piano, George Joyner - bass, Buster Smith - drums...
inserito il 24/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 1982
Udin&Jazz 2009 - ORNETTE COLEMAN 2 BASS QUARTET
Udine, Palamostre 27 Giugno 2009 riprese e montaggio Davide Morandi...
inserito il 21/07/2009  da euritmicavideo - visualizzazioni: 2380
Ornette Coleman Sextet - Free Jazz (1of 3)
1978 Germany. Ornette Coleman - sax, violin; Ben Nix - guitar; Charlie Ellerbee - guitar; Albert Arnold - bass; Shannon Jackson - drums; Denardo Colem...
inserito il 01/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 2838
Ornette Coleman Ensemble - Injazz Summer Clinics 2008
L'ensemble, diretto dal sassofonista Marcello Allulli, esegue durante il Concerto Finale dei Seminari Estivi Injazz svoltisi a Fabriano nel luglio 200...
inserito il 26/09/2008  da quantumjazzreloaded - visualizzazioni: 2657
Ornette Coleman - Germany 1978
Ornette Coleman: alto saxophone, trumpetJames Blood Ulmer: guitarBern Nix: guitarFred Williams: bass guitarDenardo Coleman: drumsRonald Shannon Jackso...
inserito il 07/03/2008  da nonwave1 - visualizzazioni: 2779
Interview with Ornette Coleman
Interview with Ornette Coleman...
inserito il 04/02/2008  da BonnarooMusicFest - visualizzazioni: 2115
Ornette Coleman - Dancing In Your Head (live)
The Ornette Coleman PrimeTime Band Is:, , Ornette Coleman - Alto Sax, Violin, & Trumpet, Burn Nix - Guitar, Charles Ellerbee - Guitar , Larry McRa...
inserito il 25/01/2008  da LightningTrident - visualizzazioni: 2763
Ornette Coleman and Prime Time 1988
"Latin Genetics" Live 1988 Montreal Jazz Festival...
inserito il 06/01/2008  da szymbl - visualizzazioni: 2213
ornette coleman 4 tet 1987
in spain...
inserito il 19/11/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2789
Ornette Coleman Bass Quartet
Ornette Coleman Bass Quartet Jazz Middelheim 2007...
inserito il 27/09/2007  da proes13 - visualizzazioni: 2619
Charles Mingus Sextet featuring Eric Dolphy Take The A Train
Take The A Train, tune of Billy Strayhorn interpreted by Mingus Sextet in Oslo., Charles Mingus Double Bass, Eric Dolphy Bass Clarinet, Dannie Richmon...
inserito il 01/09/2007  da 27max - visualizzazioni: 2456
Ornette Coleman - Lonely Woman, at Umbria Jazz 07
Ornette Coleman performing Lonely Woman at the Umbria Jazz Festival in Perugia 2007...
inserito il 18/07/2007  da Rachelmillar0610 - visualizzazioni: 2767
John Coltrane - My Favorite Things - 1961
1961 in Baden-Baden Germany, , John Coltrane - soprano sax, tenor sax, Eric Dolphy - flute, alto sax, McCoy Tyner - piano, Reggie Workman - bass, Elvi...
inserito il 26/05/2007  da Astrotype - visualizzazioni: 2547
Architecture In Motion - Ornette Coleman
Architecture in Motion - Ornette Coleman work Copyright Phrasetext Inc....
inserito il 02/03/2007  da phrasetext - visualizzazioni: 2151
George Russell Ornette Coleman Conversation
George Russell talks about intuition with Ornette Coleman and Robert Palmer...
inserito il 17/09/2006  da bebopple - visualizzazioni: 2243
Ornette Coleman Quartet :: Roma 1974 #1
Grabación de la televisión italiana (Schegge, Rai 3) del cuarteto de Ornette Coleman en 1974. El tema que interpretan es "School Work&q...
inserito il 05/06/2006  da interplanetarymusic - visualizzazioni: 2890
Eric Dolphy- GW
1961 30 August: Dolphy Quintet Berlin broadcast....
inserito il 11/04/2006  da elmosaico - visualizzazioni: 1924


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 687 volte
Data pubblicazione: 17/11/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti