Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Laura Villa, da Sondrio a Parigi, con il grande Sivuca
di Paco Garro jr.

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca.

Nell'Europa abituata ai valzer di Strauss e ai "Và pensiero" di verdiana memoria, i musicisti che proponevano quella "cosa nuova" (Bossanova) che arrivava dal Brasile (affine al cool jazz di Lennie Tristano e Chet Baker) erano considerati degli "stonati". Loro non si accontentavano del solito Do-Fa-Sol, di maggiori, minori e settime. No: gli piacevano le quinte diminuite, le settime aumentate, le none (proto: una sola enne per carità!!). Non si accontentavano di suonare il loro jazz latinoamericano con il sax, il piano o la chitarra, volevano anche cantarlo. Il poeta-ambasciatore di questa "cosa nuova", che aveva scritto "Desafinado" (Lo stonato) si chiamava Vinicius De Moraes e l'Italia imparò a conoscerlo solo negli anni '70 a fianco della Vanoni, di Toquinho e di Endrigo. Ma Vinicius, il "bianco più nero del Brasile" era un letterato che faceva l'ambasciatore di un grande paese con una nuova capitale (Brasilia) dove, assieme ai calciatori Pelé e Altafini, vivevano milioni di emigranti italiani, arrivati a far fortuna alla fine dell'800. De Moraes è stato la voce di quel Brasile che oggi definiremmo "in via di sviluppo". Fu il poeta della lontananza, della malinconia, ma anche della gioia di vivere, tipicamente brasiliana, di chi oggi guarda già al domani e sa che "la vita è l'arte dell'incontro".

Alla fine degli anni '50 (dieci anni prima del fenomeno Vanoni-Endrigo), Vinicius De Moraes, Luiz Bonfa e Tom Jobim scrivevano la colonna sonora di "Orfeu Negro", il film su sceneggiatura di Camùs, che riproponeva il mito di Orfeo e Euridice sullo sfondo del Carnevale di Rio de Janeiro. Il film ebbe un buon successo, ma la musica superò ogni confine: temi come Orfeu Negro (Black Orpheus) e A Felicidade, sono successi che ancor oggi rivestono nella musica il ruolo del mito imperituro. Frank Sinatra, Ella Fitzgerald e molti altri grandissimi interpreti li inseriranno tra le loro migliori incisioni. Ma stiamo già parlando di un'epoca più vicina a noi, dagli anni '70 in poi.

L'incontro con Sivuca
L
a storia che vi voglio raccontare, invece, è strettamente legata a queste vicende, ma risale all'inizio degli anni '60, e riguarda una cantante nata in Italia, a Sondrio. Si svolge tra Lisbona e Parigi dove è appena arrivata dalla Francia Emilia Laura Facetti che non ha ancora compiuto 30 anni. In arte si fa chiamare Laura Villa e si trova lì col marito pianista, Alex Biancheri (in arte Alex Williams o Paco Garro). Forse nemmeno lei sapeva di essere nel posto giusto e al momento giusto. Per Lisbona e Cascais passavano infatti tutte le novità che arrivavano dal Brasile, anche perché è il primo scalo per gli aerei diretti in Europa. Tra questi brasiliani c'era un "sanfonero", un fisarmonicista bianco (anzi albino) che arrivava dal Nordest, Severino De Oliveira detto "Sivuca". Lui faceva parte della ristretta cerchia dei grandissime del "forrò" e del "baiao", assieme a Dominguinos e al "professor" Luiz Gonzaga. Non sappiamo se Laura Villa, il marito Alex (anch'egli fisarmonicista) e Sivuca si siano incontrati proprio lì. Sappiamo però che nei club della capitale portoghese, già nel '59 si suonavano Fado e Bossanova.

Sta di fatto che, quando la cantante di origine sondriese ritorna a Parigi, lei e il marito che è arrangiatore e direttore d'orchestra, vengono ingaggiati dalla Polydor per realizzare alcuni dischi di Bossanova, con alcuni celebri temi di Jobim nella versione francese. Allora non bastavano tre o quattro musicisti tra cui un tastierista per riprodurre sax e trombe. Ci voleva una grande orchestra. Alex si mette in cerca nei quartieri degli artisti e trova un trentenne Sivuca, il batterista e percussionista Ney De Castro e il trombonista Dimas Sedicias. Con la collaborazione di altri musicisti "turnisti" europei, nasce nel 1962 il long playng (uno dei primi 33 giri) intitolato "Laura Villa – Bossanova". Vi figurano i temi più famosi di Tom Jobim come "Desafinado", "Samba de uma nota", "Corcovado" e "Chega de saudade", ma anche il bellissimo "Barquinho" di Roberto Menescal, "Rosinha" una canzone di Sivuca e due temi originali "O Bossa nova" e "O vento", che portano la firma di Alex Biancheri-Paco Garro. Il disco ottiene il plauso entusiastico della critica e Laura Villa diventa così una vedette del mitico Olympia di Parigi. Nonostante lo stile raffinato e l'approccio jazzistico ad una musica di indubbia qualità, la cantante nel settembre 1963 raggiunge il 7° posto tra i dischi più venduti in Canada con "Je m'ennuie/Pas de larmes" due hit, in francese (Apex 13305, 45 giri). Sempre nel 1963, con il singolo su 45 giri "Rosinha" di Sivuca (Polydor) scala le classifiche di Radio Monte Ceneri (Svizzera) e resta al comando per parecchie settimane.

Dal jazz-samba a Sanremo
D
opo l'esperienza "bossanovista", la cantante ripropone un repertorio sempre più francese e perde così i contatti con l'ambiente parigino dei brasiliani. Sivuca lascia la Francia ed emigra a New York dove entra in contatto con il jazz e, in particolare, con la cantante Miriam Makeba di cui diventa l'arrangiatore e uno dei principali solisti. A Sivuca si deve praticamente il grande successo mondiale di
Pata Pata con quel famoso attacco di pianoforte. Poi il barbuto albino brasiliano approderà alla corte di Harry Belafonte, Airto Moreira, Stanley Turrentine e Toots Thielemans.

Per Laura Villa, invece, il 1964 è l'anno di Sanremo. Al Festival, come ospite… "straniera" presenta la canzone "Sole Sole Sole" (Zanin, Casadei) in coppia con Los Hermanos Rigual. Dirige l'orchestra il M° Gigi Cichellero. Non ottiene però il successo sperato e non entra in finale, ma tra le canzoni escluse c'è anche la bellissima "E se domani" di C.A. Rossi che diventerà un successo di Mina. "Sole Sole Sole" era un prodotto più commerciale, "sanremese", scritto sull'onda di "Cuando calienta el sol" degli Hermanos Rigual che era stato il successo dell'estate. Comunque il brano della Villa venne poi inciso nella versione in inglese nientemeno che da Sarah Vaughan. Dopo Sanremo, Laura Villa si ritirò praticamente a vita privata, convinta che quella sua musica non avrebbe mai avuto successo. Si ritirò in un paese dell'entroterra sanremese, dando lezioni di pianoforte e canto alle giovani promesse. Aveva appena 34 anni. Oggi è una signora attempata che mantiene però quel suo "charme" per metà francese, metà italiano e tanta nostalgia per un passato luminoso e irripetibile, di regina della bossanova, lei che è per metà italiana e per l'atra metà, francese, con un piede a Parigi e l'altro sulla Riviera. Una "saudade" forse più portoghese che brasiliana, all'altezza del miglior "Fado". Nel nostro ultimo incontro per una breve intervista, Laura Villa ha ammesso di "essere stata forse troppo avanti per quei tempi". Beata lei. Dimenticavo: Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, è mia zia.











Invia un commento

© 2002 - 2004 Jazzitalia.net - Paco Garro jr. - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 23/1/2008 alle 16.12.48 da "a.h.deboer"
Commento:
Ho visto questa cantatrice negli anni '60 in Assen, Paesi Bassi e mi ha piacciuta moltissimo. Peccato che no canta piú.
Distinti saluti, Dineke de Boer.
 

Questa pagina è stata visitata 10.226 volte
Data pubblicazione: 16/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti