Jazzitalia - Articoli: Intervista a Michele Laricchia - Multiculturita Summer Jazz Festival
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Intervista a Michele Laricchia

marzo 2015
di Alceste Ayroldi

Michele LaricchiaMichele LaricchiaMichele Laricchia
click sulle foto per ingrandire

Michele Laricchia è il direttore artistico del Multiculturita Summer Jazz Festival, che da tredici edizioni si tiene a Capurso, grazie all'eccellente macchina organizzativa dell'associazione Multiculturita, presieduta da Giacomo Santorsola. Nel corso degli anni, il festival capursese ha ospitato nomi celebri quali: Arturo Sandoval, Manhattan Transfer, Pat Metheny, Brad Mehldau, Mina Agossi, Enrico Rava, Roy Paci, Stefano Bollani, Billy Cobham, Robben Ford, Bill Evans, Marcus Miller, giusto per citarne alcuni. Ma ha anche sempre riservato un'ampia vetrina alle novità italiane e, in particolare, a quelle proposte dai musicisti pugliesi

Come nasce l'idea del vostro festival e chi sono stati i promotori?

Multiculturita nasce da una mia "folle" idea. Quella di portare la musica che non trova spazio in radio e televisioni, nel mio paese, posto dove, ascoltare musica, fino a tredici anni fa era già di per se difficile. Ho avuto la fortuna di trovare sulla mia strada, un gruppo di persone altrettanto "folli" da seguirmi in questo ambizioso progetto. Ce l'abbiamo fatta. Con tanti sacrifici ricambiati da tante grandi soddisfazioni.

Come effettuate le scelte artistiche?
Siamo molto attenti alle novità del mercato discografico, ma non solo. Rivolgiamo particolare attenzione alla musica "made in Puglia", ai giovani, vedi il contest under 35, al jazz italiano. Le scelte sono caratterizzate da molto ascolto e non dai nomi da top ten che spesso le agenzie ci propinano.

Si è formato, nel tempo, uno staff e anche la collaborazione con altre realtà associative locali. Sono state sinergie produttive?
Assolutamente si. Multiculturita può contare sul lavoro costante dei soci dell'omonima associazione (ex Porta del Lago), e di diverse associazioni locali disponibili a lavorare in sinergia. Abbiamo costruito tanto e tanto ancora abbiamo desiderio di mettere in campo.

Affiancate l'attività festivaliera con quella divulgativa con seminari, workshop e guide all'ascolto. Potete fare un bilancio di tali attività?
Certo, l'abbiamo fatto spesso. È nata in questi primi mesi del 2015, una rassegna nella rassegna, Play Disc. Presentiamo, con le sassociazioni Young Art Lab e Note di Notte, nuove uscite discografiche della nostra regione. Il risultato dei primi appuntamenti è molto soddisfacente. C'è curiosità, e la curiosità, nel mondo dell'arte e della musica, è cosa molto positiva.

Quali sono le tendenze del pubblico? Quali concerti sono più affollati?
Spingiamo molto sulle novità, su nomi poco conosciuti, ma ovviamente i concerti più affollati sono quelli che vedono sul palco le grandi star internazionali e nazionali.

E' possibile fare un identikit del pubblico? Notate differenze con altre realtà?
I concerti di Multiculturita, sono in gran parte a pagamento. Chi frequenta i concerti è innanzitutto interessato alla musica, altrimenti non pagherebbe. E il prezzo del biglietto serve proprio a filtrare le presenze. Purtroppo non sono tantissimi i giovani che occupano le poltrone, temono la parola «jazz», e non sanno cosa si perdono. L'età media del pubblico è di 40/50 anni. Il jazz a differenza di altri generi musicali trova poco spazio sui media e questo è il risultato. Una diffusa ignoranza che spaventa e di conseguenza allontana dall'arte.

Avete notato che il pubblico ha modificato i suoi gusti nel corso del tempo? Se la risposta è sì, come sono cambiati?
Noto un'attenzione più importante nella fase dell'ascolto. Il silenzio nella piazza nel pieno di un solo di contrabbasso è una grande emozione per chi si danna la vita per organizzare un festival. Non sono cambiati i gusti della gente, bensì l'approccio all'ascolto.

Riuscite a creare partneship di tipo culturale con altre forme d'arte? Ne avete tratto giovamento da questa sinergia?
Certo lo abbiamo fatto spesso. Mostre fotografiche, di pittura, momenti di lettura, hanno sempre viaggiato a braccetto con il festival. A giovarne è sempre l'arte, la cultura.

Il prodotto culturale necessita di un "refreshment" dopo un arco di tempo stimato in cinque anni ma, oramai, anche ben prima. Tu e la tua organizzazione avete applicato questa regola di marketing? Se sì, in quale modo e misura?
Certo che si. Il festival si rinnova anno per anno. Aspettare 5 anni per cambiare in un mondo che viaggia alla velocità della luce sarebbe la fine. Cambia negli stili musicali proposti, nei colori, nelle location, nella pubblicizzazione. Non nell'obiettivo. Divulgare la cultura musicale di matrice afro-americana resta l'obiettivo imprescindibile.

Riuscite a creare sinergie con enti territoriali e/o enti pubblici?
È una missione quasi impossibile. Patrocini e piccoli contributi non mancano. In questi 13 anni abbiamo collaborato in tal senso con Comune di Capurso, Provincia di Bari e Regione Puglia.

E con enti privati? Vi è interesse da parte di istituzioni private verso il jazz?
Andiamo avanti principalmente grazie all'aiuto e alle sponsorizzazioni di privati. Senza di loro non staremmo qui a parlare.

Come giudicate l'attuale scena jazzistica italiana?
Il jazz italiano è, a mio modesto parere, poco in linea con la scena musicale europea e americana. Si inventa poco. E chi ha il coraggio di inventare, è poco gratificato dalle organizzazioni festivaliere.

E quella del "resto del mondo"?
Il resto del mondo è leggermente avanti, ma anche a livello globale leggo le stesse problematiche.

La programmazione delle vostre rassegne quanto spazio dedica ai musicisti italiani?
La quasi totalità.

Nella comunicazione degli eventi, quanto affidate al tam-tam e quanto al battage pubblicitario e/o alla comunicazione?
Non investiamo grosse risorse in pubblicità. Nel nostro caso il passaparola fa molto. In questi anni ci siamo guadagnati la stima di tanta gente che ci raggiunge da ogni parte della Puglia per il festival.

A vostro avviso, cosa dovrebbe-potrebbe fare lo Stato per migliorare la situazione delle attività festivaliere, rassegne jazz italiane?
Basterebbe una programmazione della concessione dei contributi più equilibrata. E sinceramente, anche i contributi ai jazz festival, andrebbero un tantino equilibrati. Sia a livello statale che regionale.

C'è un particolare fermento "istituzionale" che ha mosso diversi animi, tanto da crearsi alcune associazioni. Pensate che sia questa la strada giusta?
Le associazioni sono cosa assolutamente positiva. Sono frutto di passione, e la passione più di ogni altra cosa è garanzia di continuità. La politica va e viene. Ma non basta solo questo. Il fermento "istituzionale" dovrebbe colpire anche radio, carta stampata e televisione. La cultura va divulgata in maniera equa più che commerciale.

Quali sono le linee programmatiche che vorreste discutere con le istituzioni? Quali sono i nodi principali da discutere?
Da assessore alla Cultura del Comune di Capurso, ho aperto le porte ad ogni forma d'arte. I contributi alle associazioni, grazie ad una buona programmazione, hanno perso la loro caratteristica ricaduta "a pioggia", ma hanno rispettato una scala di merito. Chi è bravo viene aiutato, chi bluffa no. Le istituzioni sovra comunale dovrebbero ripartire proprio da questo, dalla meritocrazia. Ma la vedo dura.

Avete già presentato il cartellone della prossima edizione? Quali sono le linee artistiche che andrete a seguire?
Difficile di questi tempi programmare molto in anticipo. Di certo una delle serate del festival sarà dedicata al Contest per giovani band, ed un'altra alla brava pianista napoletana Armanda Desidery. Il resto verrà.







Articoli correlati:
14/07/2017

Multiculturita Summer Jazz Festival 2017: La XV Edizione della kermesse capursese di chiude con l'esplosiva esuberanza della Conturband: una street band formata da quindici elementi, tutti pugliesi che inonderà di musica e di festa l'intera Capurso.

13/07/2017

Multiculturita Summer Jazz Festival: Seconda serata della XV edizione per il Multiculturita Summer Jazz Festival con le musiche del Mediterraneo dei Radicanto con un ospite d'eccezione: Raiz degli Almamegretta.

12/07/2017

Multiculturita Summer Jazz Festival: Si apre la XV edizione del Festival di Capurso con l'incontro "Jazz History: 100 dischi per 100 anni di Jazz" ed a seguire lo swing "da ballare" del combo Swing and Dance

26/06/2017

XV edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Dallo swing "da ballare" alle note mediterranee dei Radicanto con la inconfondibile voce di Raiz, fino al giovane e vigoroso large ensemble della Conturband

18/09/2016

Quattro chiacchiere con...Fabio Prota: "...il nostro obiettivo più o meno implicito è quello di provare a comunicare chiaramente con il pubblico talora attraverso l'utilizzo di linee melodiche accessibili talaltra mediante l'uso di contrasti timbrici e ritmici." (Alceste Ayroldi)

24/07/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni '80 ad oggi (II parte): "I festival e le rassegne di jazz lievitano in numero e ogni regione se ne assicura almeno un paio...Bisogna chiedersi se ne è valsa la pena e se la musica, il jazz ne abbia guadagnato." (Alceste Ayroldi)

17/08/2014

Metti una sera con i Doctor 3: Al Multiculturita Summer Jazz Festival il noto trio suona una musica che "...prende per mano il pubblico, lo corteggia e lo trascina in percorsi musicali estemporanei dai risvolti imprevedibili..." (Alessandra V. Monaco)

05/10/2013

Multiculturita Summer Jazz Festival - XI Edizione: Il Contest con una "lotta all'ultima nota", i concerti con Nuevo Tango Ensamble, Fabularasa feat. Gabriele Mirabassi, il "BassVoice project" di Pippo Matino - Silvia Barba e il CorLeone di Roy Paci. (N. Molica Franco - M. Losavio)

10/09/2011

IX Edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Apertura con Angiuli-Di Turi-Angiuli, Attolini J.E.P. Quartet e la Municipale Balcanica, poi Stefano Di Battista "Woman's Land", Pino Mazzarano - Gianni Lenoci, la giovane Orchestra del Saint Louis e Stefano Bollani con i suoi Visionari: "...un festival dove la qualità della musica, unita ad una oramai altissima e collaudata cura organizzativa, lo portano ad essere una delle rassegne maggiormente rappresentative della regione Puglia." (Marco Losavio)

19/08/2011

Intervista con Jonathan Kreisberg: "Il momento che stiamo vivendo è molto stimolante. Dopo il jazz classico è stato il momento della fusion ma da allora le cose sono cambiate. L'idea di fusion è cambiata. All'inizio si pensava che la fusion dovesse essere aggressiva e con la dinamica sempre al massimo. Il linguaggio era differente. Adesso con i ritmi di tutto il mondo e la tradizione Swing e Bebop, c'è più bilanciamento." (Stefano Clemente)

16/08/2009

Il Multiculturita Summer Jazz Festival giunto quest'anno alla VII edizione, ha offerto ben sette eventi - di cui quattro del tutto gratuiti - affidando l'epilogo alle mani sapienti di un "guru" della musica a 360 gradi come Arturo Sandoval: "La sua unicità rimarrà nella storia di questo bel festival come pochi altri musicisti hanno saputo fare. Quando un concerto come questo termina e il silenzio torna li' dov'era un paio d'ore prima, ci si rende conto di aver assistito ad un evento che non si dimenticherà." (Marco Losavio)

10/11/2008

Intervista ad Enrico Pieranunzi: "...il jazz è una musica che si impara da soli, perché è una musica di attrazione della musicalità e questo vale anche se si insegna un walzer di Chopin, è ovvio che alla fine è il ragazzo o la ragazza che lo imparano..." (Mariagiovanna Barletta)

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

16/07/2005

Il trio Servillo - Girotto - Mangalavite al Multiculturita di Capurso: "...Una vera lezione di grazia, levità e stile è la rivisitazione della magica Vuelvo al Sur impreziosita dalla voce di Pablo Neruda che opportunamente ne accompagna l'esecuzione..." (Alceste Ayroldi)





Video:
Multiculturita SJF: 12 Luglio - Intervista Stefano Di Battista
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/08/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2101
MULTICULTURITA SJF: 14 LUGLIO - INTERVISTA STEFANO BOLLANI
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/08/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2114
Luca Medici, è subito festa!
http://www.capursomap.it/new/25/07/2011/cultura/luca-medici-e-subito-festa-n3......
inserito il 25/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2376
MULTICULTURITA SJF: 14 LUGLIO - STEFANO BOLLANI E I VISIONARI
http://www.capursomap.it/new/15/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-14-luglio-......
inserito il 24/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2891
Multiculturita SJF: 12 Luglio - Stefano Di Battista quintet
http://www.capursomap.it/new/13/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-12-luglio-......
inserito il 19/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2518
Multiculturita SJF: 13 Luglio - Pino Mazzarano - Gianni Lenoci - Saint Louis Big Band
http://www.capursomap.it/new/14/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-13-luglio-......
inserito il 18/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2880


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 693 volte
Data pubblicazione: 06/04/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti