Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Nick La Rocca
di Claudio Lo Cascio


New Orleans, è una città dove vive da sempre una delle più alte concentrazioni di siciliani di tutti gli Stati Uniti, provenienti in prevalenza dalle province di Palermo, Trapani ed Agrigento.
La storia e la cronaca di questa città é costellata infatti da un'infinità di cognomi siciliani, come Miceli, Bondì, Montalbano, Lentini, Barone, Cristina, Cacioppo, Tortorici, Russo, Maggiore, Giardina, Di Maggio, Bonura, Cammarata, Cangemi, Provenzano, Costa, Pizzuto, Pisciotta, Pecoraro, Matranga, Zito, Gennaro, Monteleone, Giammalva, Liberto, Palmisano, Margiotta, Schirò, Guarino, Lo Jacono,.....e si potrebbe continuare copiando di peso i cognomi contenuti negli elenchi telefonici di mezza Sicilia.

La spiegazione di questo fenomeno si trova leggendo un raro libro, "Viaggio da Palermo a New Orleans" un vero e proprio diario scritto nel
1897 da Alfonso Lo Monaco, medico di bordo del piroscafo "Montebello", che già verso la fine del secolo scorso collegava direttamente Palermo con New Orleans, assicurando con regolarità il trasporto promiscuo di passeggeri e merci, soprattutto agrumi, sull'esempio della "Royal Mail Line" dei fratelli Giuseppe e Pietro Torre, figli del comandante del porto di Palermo, i quali, avendo a suo tempo scoperto che New Orleans era un ottimo porto di ingresso per distribuire queste merci in tutta la vallata del Mississippi, ne erano diventati i principali importatori.

Il "Montebello" era una nave mercantile a vapore di dimensioni notevoli per quel tempo (misurava 96 metri di lunghezza mentre al centro era larga 14 metri e nelle sue stive di prua e di poppa poteva ospitare fino ad oltre mille emigranti adoperando un sistema di cuccette montabili secondo necessità); in 25 giorni di navigazione portava gli agrumi e gli emigranti siciliani a New Orleans e lì caricava balle di cotone per il viaggio di ritorno in Sicilia.
Molto di questo cotone arrivato a Palermo veniva poi trasferito via mare o via ferrovia a Genova dove veniva tessuta una certa stoffa....
La parola "Jeans" con cui si indica la caratteristica stoffa dei pantaloni americani, significa "di" Genova, (cioè "Gena" oppure "Zena" in dialetto genovese): cambiando la "G" in "J", facendo la metàtesi "na" "an" e aggiungendo la "s" del genitivo sàssone, ecco che viene fuori la parola "Jeans".

Questa stoffa, così chiamata, venne in una prima fase reimportata da Genova in USA per poi essere imitata e prodotta in grande scala dall'industria tessile americana.
Dalla illustrazione del viaggio del "Montebello", minuziosamente descritto dal Lo Monaco, viaggio che avvenne a cavallo fra il dicembre
1895 ed il gennaio 1896, apprendiamo che in quel tempo gli italiani emigrati a New Orleans erano già circa 12.000, quasi esclusivamente siciliani, e che i nuclei più numerosi di essi provenivano da Ustica, Termini Imerese, Cefalù, Trabia, Campofelice di Fitalia, Ventimiglia Sicula, Bivona, Agrigento, Sciacca, Corleone, Contessa Entellina, Piana dei Greci, Monreale, Trapani e Poggioreale.
Essi erano in gran parte aggregati in vari Circoli o Associazioni di Mutuo Soccorso, come i Circoli di Contessa Entellina, Piana dei Greci, Termini e Cefalù, la Società "Cristoforo Colombo", le Federazioni Italiane "Giuseppe Garibaldi" , " Francesco Crispi" e "Giovani Bersaglieri", la Fratellanza Italiana di S. Bartolomeo Apostolo e la Società Italiana di Mutua Beneficenza.

In questo pezzo di Sicilia trapiantato in Louisiana era arrivato nel
1876 Girolamo La Rocca (nato a Salaparuta il 17 Gennaio 1854) con la moglie Vittoria Di Nino, entrambi emigrati da Salaparuta (Trapani-Sicilia) che a New Orleans si stabilirono in un edificio di Magazine Street al n° 2022 occupando il piano terra ed il primo piano.
Qui Girolamo La Rocca - che a Salaparuta era stato calzolaio e suonatore di cornetta nella banda del paese, e che aveva fatto il servizio militare come caporale-trombettiere nei Bersaglieri del Generale La Marmora - aprì al pianoterra (dove si vede un laboratorio per la riparazione di poltrone) la sua bottega di calzolaio, mentre con la famiglia abitava al piano di sopra cui si accede dal portoncino a sinistra.
In questa casa nacquero quattro figli: Rosario, Nick (Dominick James), Antonia e Maria.

Questa foto del
1891 ritrae Girolamo con i figli (da sinistra: Antonia, Nick (sulle ginocchia del padre), Maria (seduta) e Rosario):Antonia suonava il mandolino e la chitarra, Maria il saltério, Rosario il violino e papà Girolamo oltre alla cornetta anche la chitarra.
Nonostante ciò Papà La Rocca contrastò fortemente per tutta la vita la passione del figlio Nick per la cornetta e la musica poiché voleva che da grande facesse il medico: così Nick fu obbligato a studiare dapprima alla St. Alphonsas Parochial School e poi per tre anni alla Scuola Media di New Orleans.
Qui, come a Salaparuta, Girolamo La Rocca all'attività principale di ciabattino, affiancava, non solo per diletto ma anche per integrare il bilancio familiare, quella di "musicante", sempre tallonato dal giovane figlio Nick, che, sordo alle esortazioni paterne di lasciar perdere la musica e studiare, stava ore ed ore ad ascoltarlo, rapito, in particolare la domenica mattina, quando gli italiani di New Orleans che in patria erano stati Bersaglieri amavano riunirsi sotto lo Spanish Fort per far musica.

A quindici anni e mezzo, dopo la morte del padre (Ottobre
1904), Nick poté dare libero sfogo alla sua passione per la cornetta e per la musica in generale: il suo primo lavoro fu quello di elettricista alla French Opera House che gli diede un contatto con il mondo della musica ed i soldi per comprare una nuova cornetta in sostituzione di quelle che gli aveva sistematicamente distrutto suo padre.
Nick amava molto la musica bandistica da parata come quella di John Philip Sousa
(Washington, 6 nov 1854 - 1932) che ascoltava giornalmente su un grammofono e che ripeteva con la cornetta a orecchio.
Le sue prime composizioni, infatti, le suonava, per averle trascritte sul pentagramma, alla cassiera del teatro sito di fronte la sua casa natale e poi trasformato in un negozio di mobili.

Nel
1905 Nick La Rocca cominciò a suonare in vari gruppi e orchestre; formò la sua prima orchestra nel 1908 avendo già con lui il clarinettista Larry Shields (13 sett 1893 - 21 nov 1953), futuro membro della Original Dixieland Jazz Band (At The Jass Band Ball - Tiger Rag ): essi suonavano per pochi soldi o anche solo per dei drinks (anche se La Rocca era astemio).
Nick lavorava di giorno come negoziante, ma era anche abilissimo carpentiere, idraulico ed elettricista.
In quel periodo conobbe il trombonista Eddie Edwards
(Edwin B. "Daddy" Edwards: 22 mag 1891 - 9 apr 1963), altro futuro membro della Original Dixieland Jazz Band, che incontrò ai vaudeville shows e che poi suonò con lui nella Braun's Military Band.
Dal 1914 Nick ed Eddie suonarono con una delle formazioni della famosa Reliance Band di Jack "Papa" Laine
(1873 - 1966), un batterista dietro il cui nome anglosassone si nascondeva l'oriundo siciliano George Vitale.

Laine era il musicista bianco più popolare a New Orleans e, assieme al figlio Alfred, dirigeva personalmente o gestiva impresarialmente varie formazioni della "Reliance", per le quali si assicurava le prestazioni di quasi tutti i migliori suonatori bianchi della città.

Una di queste formazioni (la foto é del
1906) mostra, seduti, Manuel Belasco e Giuseppe Alessandra (nato a Palermo nel 1865) e, in piedi, Dave Perkins, Vincent Barocco, Sidney Moore, Pete Pellegrini, Freddie Neuroth e il leader George Vitale alias Jack Papa Laine.

Fra la fine dell'800 ed i primi del '900 la musica prodotta da innumerevoli complessi bandistici accompagnava tutti i momenti di qualche rilievo della vita cittadina di New Orleans; anche se le bande costituite da musicisti negri erano le più numerose (perché più numerosi erano i negri rispetto ai nostri emigrati), non c'é dubbio che la propria tradizione bandistica, vivissima ancora oggi in tutto il Meridione d'Italia, rendeva ai nostri musicisti più facile che ai negri l'ingresso in banda.
Nel Dicembre del
1915 mentre Nick suonava con una delle bande di Papa Laine all'angolo fra Canal Street e Royal Street per pubblicizzare un incontro di boxe fra Eddie Coulon e Pete Herman, Harry H. James, proprietario di un night-club di Chicago, ascoltò Nick suonare e, dopo il combattimento, venne allo Haymarket Café, dove La Rocca suonava con la band del batterista Johnny Stein.

James
rimase impressionato da questa musica, senza nome ma differente dal ragtime che aveva ascoltato per tutto il giorno in città, cosicché nel febbraio dell'anno dopo telegrafò da Chicago proponendo una scrittura per il suo Booster's Club che gestiva all'interno del Morriston Hotel.

La Rocca e Stein riorganizzarono la band e andarono a Nord; ma appena arrivati nella "città ventosa" James dovette subito provvedere ad acquistare dei cappotti di seconda mano per gli intirizziti musicisti provenienti dal caldo sud.
In questo primo incontro con l'amaro inverno di Chicago essi trovarono inoltre che il Booster's Club era stato appena chiuso dalla polizia.
Harry James procurò subito al gruppo, allora denominato "John Stein's Dixie Band", che comprendeva oltre a La Rocca e Stein, Alcide Nunez
(clarinetto, 17 mar 1884 - 2 sett 1934), Eddie Edwards (trombone, Edwin Branford Edwards: New Orleans, 22 mag 1891 - 9 apr 1963) ed Henry Ragas (pianoforte, 1819 - 18 feb 1919), un'audizione allo Schiller's Café, nel South Side, il ghetto nero di Chicago, che si concluse con un contratto di tre mesi a $ 25 alla settimana per persona, una paga da fame di cui la non smaliziata band non si rese conto.

Poiché l'enorme successo subito riscosso non produsse il minimo aumento di paga, La Rocca persuase dapprima i suoi compagni, (tranne il batterista Johnny Stein subito sostituito con Tony "Spargo" Sbarbaro
(1890 - Long Island 30 ott 1968), un'oriundo siciliano fatto venire da New Orleans), poi un giudice affinché sciogliesse il contratto; così la band, assunta la denominazione di "Original Dixieland Jass Band", sotto la direzione di La Rocca (che sostituì il clarinettista Nunez con Larry Shields), passò ai primi di giugno del 1916 al Del'Abe Café dell'Hotel Normandy, situato fra la Clarke e la Randolph Street, e poi da luglio, per cinque mesi, al Casinò Garden, con un crescente successo decretato da fans come Will Rogers, Fanny Brice, Al Jolson ecc.
Quest'ultimo, arrivato a Chicago per recitare nel "Robinson Crusoe" al Garrick Theatre, riuscì a far venire da New York l'impresario Max Hart che, ascoltato il gruppo, lo scritturò subito per tre settimane a $ 750 alla settimana per suonare al Paradise Ballroom nel Reisenwember Building, un ristorante di Columbus Circle, a New York.
Qui la band debuttò il
15 gennaio 1917, e due settimane dopo, il 27 gennaio, alla sala "400" del night club del Reisenweber, con un incredibile successo, dimostrato anche dall'aumento del cachet da $ 750 a $ 1000 alla settimana.

C
ome definitiva dimostrazione della sua dilagante popolarità (la band suonava la domenica notte anche negli spettacoli del Winter Garden in cui si esibivano Fred Astaire ed Ed Winn, ed era chiamata spesso da Al Jolson per suonare in parties privati nelle più lussuose ville di Long Island), durante la permanenza al Reisenwerber, incise i primi dischi dell'intera storia del jazz.

A
quel tempo due aziende, entrambi costruttrici dei primi grammofoni meccanici a manovella, si contendevano il nascente mercato della musica riprodotta: la "Columbia Gramophone Company" e la "Victor Talking Machine Company" (in seguito "RCA Victor"); entrambi per spingere le vendite delle proprie macchine registravano dischi di grandi star del mondo dello spettacolo, (la Columbia addirittura aveva cominciato fin dal 1903); ma la più giovane Victor, grazie alle vendite dei dischi di Caruso e di Sousa divenne nel
1917 l'industria leader.

La Columbia, non volendo essere da meno della concorrente pensò di assicurarsi in quell'anno l'ultima esplosione di Broadway, e cioé l'Original Dixieland Jass Band di La Rocca che accolse nei suoi studi il
31 gennaio 1917, verosimilmente per un'audizione o per un test di registrazione, che si tenne in uno studio dove abitualmente la Columbia registrava dei quartetti d'archi, non attrezzato quindi per i fragorosi suoni della band di La Rocca.
Poiché vari musicisti della band ricordarono concordi il fracasso fatto in uno studio attiguo da alcuni operai in quella circostanza, e qualcuno un compenso di 250 dollari (cioé 50 a testa) prima che la band fosse congedata, é possibile che il test di registrazione fu materialmente fatto e quindi distrutto perché tecnicamente impubblicabile.

L
a Victor, dimostrò la sua superiorità tecnica pur in questa fase primitiva dell'industria discografica, in un'epoca in cui non esistevano né microfoni né amplificatori: il tecnico del suono della Victor, Charles Souey, capì che per ottenere un bilanciamento appropriato si dovevano piazzare i musicisti a distanze diverse rispetto al grande cono del pick-up del diametro di 4 piedi, a seconda della forza sonora dei rispettivi strumenti: così cornetta e batteria furono posti a una distanza di 25 piedi, il trombone a 15, il clarinetto e il pianoforte più vicini per via del loro suono più debole.

"E quando la luce rossa si accese - ricordò La Rocca - avemmo il tempo di contare "uno-due" e fu un miracolo come cominciassimo insieme: non so, forse il buon Dio era con noi".

La data era il
26 Febbraio 1917, i brani, Dixieland Jass One Step () e Livery Stable Blues (); questo disco pubblicato dalla Victor ebbe un successo strepitoso che sorpassò quelli di Caruso e di John Philip Sousa: un milione e mezzo di copie vendute a 75 cents ciascuna!

Tutto ciò accadeva nel 1917, e cioé 8 anni prima che Louis Armstrong incidesse da leader il suo primo disco; a quell'epoca ovviamente non esisteva la TV e la stessa radio era agli albori (appena l'anno prima, nel 1916, Marconi aveva iniziato i primi esperimenti di radiotelegrafia sulle onde corte); per questo il fatto che di quel disco si vendettero ben 1 milione e mezzo di copie merita di essere analizzato per l'effetto che ebbe non solo sui semplici ascoltatori ma anche sui musicisti di quel tempo.

Le concordanti testimonianze rese molti anni dopo (e quindi in un'atmosfera non influenzata da interessi contingenti) da musicisti di quell'epoca come John Wiggs o Dink Johnson
(Biloxi, 28 ott 1892 - Portland, 29 nov 1954), consentono di affermare che l'influenza dei primi dischi dell'Original Dixieland Jazz Band ci fu e che fu rilevante; si verificò addirittura una conseguenza di carattere tecnico: l'allineamento al tipo di formazione della band di La Rocca (cornetta, clarinetto, trombone a coulisse, pianoforte e batteria) di gruppi anche affermati come ad esempio quello di Kid Ory, in cui venne abolita la presenza - allora frequente - del violino, come testimoniò personalmente il violinista Manuel Manetta, che fu licenziato nonostante fosse allora con Joe Oliver uno dei due unici musicisti dell'orchestra di Ory capace di leggere la musica.

L'euforìa derivante dal boom delle vendite del disco della Victor fu però turbata da una vertenza legale che certamente dissuase la casa discografica dall'impegnare ulteriormente la band per quell'anno: il motivo fu l'inclusione da parte di La Rocca nel brano "
Dixieland Jass One-Step" del ritornello di "That Teasin' Rag", una composizione di Joe Jordan del 1909.
La violazione del copyright fu sanata - per la parte formale - aggiungendo nelle ristampe sull'etichetta del disco "
Introducing That Teasin' Rag (J.Jordan)".
Ma é da ritenere che qualcosa dovette accadere anche per "Livery Stable Blues", in quanto il "Barnyard Blues", inciso successivamente, é un pezzo praticamente identico.

I
n questa complessa situazione va inquadrata l'iniziativa della Columbia di riprendere i contatti con la band, e si spiega anche la scelta dei suoi managers di fare incidere
Darktown Strutter's Ball () e Indiana (), in quanto due pezzi composti da autori estranei al gruppo, e che fra l'altro erano richiesti dai negozianti di dischi.
Negli archivi della CBS sono stati trovati gli originali delle schede di registrazione della Columbia in cui il
31 Maggio 1917 é indicato come data di registrazione del gruppo di sei matrici dal quale provengono le due con cui venne stampato il disco Columbia A2297 (e cioé "Darktown Strutter's Ball" di Shelton Brooks e "Indiana" di James Hanley); si può ragionevolmente concludere quindi che il famoso disco Victor 18255 comprendente "Dixieland Jass Band One-Step" sulla facciata A e "Livery Stable Blues" sulla facciata B, non é soltanto il primo disco di jazz "pubblicato", ma anche il primo "registrato".

Sull'onda del boom delle vendite di questo disco oltre alla Columbia anche un'altra casa discografica, la Aeolian, invitò La Rocca e la sua band a registrare fra il luglio e il novembre 1917 sette pezzi: "Barnyard Blues" (), "Ostrick Walk" (), "Tiger Rag" (), "At The Jazz Band Ball" (), "Look At Me Doin' It Now" (), "Oriental Rag" () e "Reisenwerber Rag" (). Ma il suo particolare sistema di incisione del solco del disco (ad escursione verticale anziché orizzontale) non ebbe seguito.

Nel
1918 la band tornò a registrare per la Victor: in quattro diverse sedute (18 e 25 Marzo, 25 Giugno e 17 Luglio), l'Original Dixieland Jazz Band registrò ben 10 pezzi, "At The Jazz Band Ball" (), "Ostrick Walk" (), "Skeleton Jangle" (), "Tiger Rag" (), "Bluin' The Blues" (), "Fidgety Feet" (), "Mournin' Blues" (), "Sensation Rag" (), "Lazy Daddy" () e "Clarinet Marmalade" ().

Il salto successivo dell'Original Dixieland Jazz Band da New York a Londra é dell'aprile
1919: non é che altri gruppi di jazz non fossero arrivati prima di allora in Europa dagli Stati Uniti, ma non era mai accaduto in precedenza che una tournée di 10 settimane (fra l'altro a 1056$ alla settimana!) si trasformasse in un soggiorno di 17 mesi filati!
La band, che alla vigilia della partenza per l'Europa aveva dovuto sostituire il pianista Henry Ragas, deceduto per febbre spagnola, con J. Russell Robinson, e il trombonista Eddie Edwards, impegnato col servizio militare, con Emile "Joseph" Christian
(New Orleans, 20 apr 1895 - 31 dic 1973), arrivò da New York a Liverpool l'1 Aprile 1919.

La prima scrittura fu allo "Hippodrome" di Londra come numero di attrazione della rivista "Joy Bells", ma il debutto vero e proprio avvenne il
14 Aprile al Palladium.

D
a qui la band si spostò a Glasgow, in Scozia, poi ancora a Londra al "Marten Club" (un locale di Old Bond Street che per l'occasione cambiò il proprio nome in Dixie Club) e poi ancora al "Rector's", al "400 Club", ed infine al "Palais de dance" ad Hammersmith (5.800 persone paganti!).

L
'evento più eclatante di quella lunga permanenza a Londra é del
giugno 1919, allorché l'Original Dixieland Jazz Band fu prescelta come orchestra ufficiale del "Victory Ball" con cui si festeggiò al Savoy Hotel la firma del trattato di Versailles che pose fine alla Prima Guerra Mondiale: La Rocca e la sua band suonarono alla presenza di Giorgio V, della famiglia reale, del maresciallo Foch e dei generali Petain e Pershing, attorniati dall'intero corpo diplomatico e dall'alta società londinese.
Il successo é ulteriormente dimostrato da una Command Performance organizzata successivamente per iniziativa di Lord Donegall (un nobile appassionato di musica amico del Principe di Galles), un'esibizione, cioé, riservata esclusivamente ai membri della famiglia reale inglese.

Durante il soggiorno inglese Nick La Rocca, incise dall'aprile
1919 al maggio 1920, diciassette pezzi per la Columbia britannica, i primi otto con Robinson al piano e gli altri nove con l'inglese Billy Jones che a partire dal mese di gennaio ne prese il posto fino alla partenza della band per gli USA.

N
el
1920 ritorno trionfale a New York, dove continuò vivissimo il successo, e quindi una tournée in Pennsylvania con un cachet di $ 2.400 a sera!
Nel
1921 Larry Shields lascia l'orchestra che continua a suonare a Broadway, ma, pur sfruttando l'avvento del "charleston", con compensi inferiori (in conseguenza anche della concorrenza di gruppi come i Memphis Five), mentre l'era del "jazz sinfonico" di Paul Whiteman si avvicinava pericolosamente.

Nel
1922 cominciò inoltre un forte movimento d'opinione contro il jazz: la legge Cotillo bandì il ballo dopo la mezzanotte a Broadway, con conseguente riduzione del lavoro e delle paghe per le orchestre; fu bandito in particolare un ballo, lo "shimmy", e, più in generale, il jazz da tutti i locali di intrattenimento rispettabili, mentre la Victor cessava le registrazioni di dischi jazz. Stranamente in controtendenza la radio, che nel 1923 trasmise per la prima volta in assoluto del jazz, chiamando a suonare il gruppo di La Rocca.

Per un periodo di tempo La Rocca suonò ad Harlem, dove la legge anti-jazz ancora non era attuata, finché nel gennaio del 1925, affranto, sciolse la band per fare ritorno a New Orleans, guidando personalmente la sua Buick; il motivo: un forte esaurimento nervoso, ma anche il perpetuarsi in seno all'orchestra di aspri litigi peraltro da sempre intercorsi fra i componenti e causati principalmente dall'attribuzione di paternità delle varie composizioni originali suonate dal gruppo e, quindi, dal conseguente incasso delle royalties dei diritti d'autore.

Per dieci anni, sospendendo, anche su preciso ordine del medico, ogni attività musicale, La Rocca si dedicò al lavoro di appaltatore edile e rifiutò varie offerte di contratti ed ingaggi; ma nel
1936, avendo ascoltato alla radio le swing bands suonare alcune sue composizioni, decise di dimostrare alle nuove generazioni che la musica swing era il vecchio jazz in abiti moderni.

T
rovò Larry Shields, inattivo come lui a New Orleans da dieci anni, e insieme ritornarono a New York per riunirsi con Edwards, Robinson e Sbarbaro. Dopo tre settimane di prove l'agenzìa William Morris firmò loro un contratto per partecipare alla trasmissione radiofonica settimanale di Ed Wynn messa in onda dalla NBC Red Network.
Con il "Tiger Rag" di La Rocca la band attrasse più ascoltatori di tutti gli ospiti delle precedenti trasmissioni, percependo $ 750 per dieci minuti di lavoro, mentre arrivavano offerte di scritture da ogni dove.
Fra queste, due distinti gruppi di incisioni per la Victor, il primo addirittura con una formazione allargata a 14 elementi, che in due sedute del
2 e 9 settembre 1936 registrò "Bluin' The Blues", "Tiger Rag", "Ostrick Walk", "Original Dixieland One Step", "Satanic Blues", "Toddlin' Blues", "Who Love You?" e "Fidgety Feet"; il secondo gruppo invece fu realizzato il 10 novembre 1936 con la formazione solita, che registrò gli ultimi sei brani della storia della band: "Barnyard Blues", "Original Dixieland One Step", "Clarinet Marmalade", "Bluin' The Blues", "Tiger Rag" e "Skeleton Jangle".

L
a band fu inoltre invitata a varie trasmissioni radio come quella di Benny Goodman (il quale riconobbe l'influenza avuta su di lui giovane dall'Original Dixieland Jazz Band), al "Tommy Dorsey's Radio Show", alla "Cavalcade of America",ecc.; nel
1937 la Band prese parte alla tournée di un vaudeville di Ken Murray e al film "March of Time".

T
ornati a New Orleans La Rocca ed i suoi furono oggetto di grandi accoglienze e tennero anche un concerto al St. Charles Teatre seguito da un grande banchetto organizzato dal Presidente del Teatro.
Fino al
1938 le tournées continuarono con successo finché, riacutizzatisi i soliti contrasti, La Rocca, dopo un'ultima esibizione al "Casa Manana" di Fort Worth nel Texas, sciolse definitivamente il gruppo e ritornò a New Orleans, dove, abbandonata per sempre qualsiasi attività musicale, riprese il lavoro di appaltatore edile.
Poco tempo dopo, Nick incontrò Ruth Dorothy Pitre, una fantastica ragazza Cajun di Thibodaux; fu una domenica pomeriggio nella sala da ballo del "Capitol", uno dei battelli da crociera che solcano il Mississippi.

Lui non ancora 50enne, dai capelli ondulati, elegante e ballerino perfetto; lei, più giovane di lui di 30 anni (ma già divorziata e madre di una figlia,Virginia, di 3 anni e mezzo) lavorava come cameriera al "Meal-A-Minit", un ristorante di Carondelet Street.

Ruth era bella come una stella del cinema:
"Nick mi chiese un ballo - lei ricorda - e dopo un'altro"; io gli dissi: "tu puoi chiedermeli tutti".

I suoi occhi blu scintillano quando dice di essere stata conquistata da un uomo conosciuto per il suo modo di ballare, non certo per quello di suonare la tromba. "Io non ho conosciuto mio marito come musicista - afferma Ruth - ma come carpentiere ed elettricista".

Si sposarono il 15 marzo del 1938 e, nell'arco di tredici anni, ebbero ben sei figli: James Carl (1939), Ruth Dorothy (1941), Dominic James (1943), Jerome Leonard (1944), Carolyn Louise (1946) e Carl (1952). Di essi soltanto James, provetto solista di cornetta, continua oggi brillantemente l'attività paterna e dirige una rinnovata formazione della mitica "Original Dixieland Jazz Band".

Per la sua numerosa famiglia Nick costruì personalmente al numero 2218 di Constance Street la casa dove Ruth vive tutt'ora; sul portoncino d'ingresso - ultima civetteria - incastonò la riproduzione in ferro battuto del riff di "Tiger Rag", forse la più celebre delle sue composizioni.

Qui Nick La Rocca esercitò per molti anni l'attività di imprenditore edile fino al limite minimo pensionabile (65 anni), essendo sofferente di cuore fin dal 1958, anno in cui aveva dovuto ricoverarsi d'urgenza in ospedale per un attacco di angina pectoris.

G
li ultimi anni della sua vita li dedicò a comporre musica, in genere canzoni, fra cui una in particolare, "
Give Me That Love", composta per sua moglie che lui amava chiamare semplicemente "Ruthie", e a tentare di ripristinare la verità storica sul suo contributo alla nascita del jazz, "la verità di Dio" usava dire, rendendo chiaro che non desiderava meriti non suoi, ma che la sua opera avesse il giusto riconoscimento.

Nick La Rocca é morto alle 3,40 del
22 febbraio 1961 all'età di 72 anni e riposa in questa cappella molto probabilmente costruita da lui stesso.

Tranne che alla Tulane University, (precisamente al William Hoogan Jazz Archive di cui é curatore Bruce Rayburn, figlio del direttore d'orchestra Boyd Rayburn) che ha ricevuto in donazione nel 1959 l'intero archivio di Nick La Rocca (2844 pezzi fra fotografie, lettere, appunti, contratti, manifesti, dischi, films, ecc.) dove quindi il musicista é più che degnamente ricordato, non si vede traccia in tutta New Orleans del suo passaggio su questa terra e meno ancora di ciò che lui ha fatto per il jazz.

In un'intervista dell'aprile
1989 al settimanale di New Orleans "Gambit", Ruth La Rocca così espresse il suo rammarico per questo oblìo: "Qui c'é una grande statua di Armstrong ed un parco a lui intitolato. Pensate che una statua o qualcosa che ricordi Nick nella sua città natale sia chiedere troppo?"

E' stata questa frase, appresa nel
1990 a New Orleans che mi ha spinto ad iniziare un'azione di rivalorizzazione storica di La Rocca. Una prima concreta attuazione in Sicilia si é fatta nel luglio 1992 a Salaparuta, città d'origine della famiglia La Rocca, con un "Nick La Rocca Memorial Day" per festeggiare, con un convegno di studi ed un concerto della "Sicilia Jazz Big Band" da me diretta, il 75° anniversario dell'incisione da parte di La Rocca del primo disco di jazz.
 
Nel dicembre
1992 sempre a Salaparuta con la scopertura di un busto in bronzo di Nick La Rocca, realizzato dallo scultore siciliano Disma Tumminello nel vestibolo dell'"Auditorium Nick La Rocca" che ho inaugurato con un concerto dei miei "Sicilia Jazz Dixielanders".

Nell'ottobre 1998 si costituisce a Palermo il "Committee In Memory Of Nick La Rocca" di cui vengo nominato Segretario Generale nonché componente del "board" assieme a Carlo Fernandez, Presidente del Rotary Club Palermo-Est, al critico Luigi Martini ed a Marcello Piras; fra i membri del comitato Giuseppe La Rocca, Sindaco di Salaparuta e Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo.
Primo obiettivo del Comitato é stato quello di portare in dono al "Louisiana State Museum" di New Orleans il secondo dei tre originali del bronzo di La Rocca.

Il
6 maggio 1999 assieme a Carlo Fernandez, Steve Teeter, jazz curator del Museo, Ruth La Rocca, con i figli James, Dominic, Ruth e Carl, e una delegazione di 26 personalità siciliane arrivate appositamente a New Orleans con il "Rotary Jazz Tour", ho reso onore a Nick La Rocca scoprendo il busto che come dice la scheda di presentazione del Museo - é per gli USA l'unico esistente nell'emisfero occidentale.

Una delle foto della cerimonia mostra la famiglia La Rocca riunita (da sinistra, Ruth, James, Dominic, Mrs. La Rocca, Carl e Claudio Lo Cascio).

L'iniziativa del "Committee In Memory Of Nick La Rocca" é stata assai apprezzata con una lettera personale ricevuta dalla Direzione del Museo.

Il terzo – e ultimo – bronzo di La Rocca è stato scoperto il 17 Giugno 2002 al Conservatorio di Musica "Vincenzo Bellini" di Palermo durante un "Nick La Rocca Memorial Day" conclusosi con l'esecuzione, nella Sala Scarlatti del Conservatorio da parte della mia "Sicilia Jazz Big Band", degli otto pezzi per orchestra incisi da La Rocca nel Settembre del 1936.

Per completare le onoranze dovute a Nick La Rocca rimane soltanto: a) in Sicilia, intitolare a La Rocca una via o una piazza, sia a Palermo che a Salaparuta; b) a New Orleans, sostituire all'aeroporto la foto, in cui Nick La Rocca è raffigurato come gregario dell'orchestra del batterista Johnny Stein, con quella della "Original Dixieland Jazz Band" con cui nel 1917 incise il 1° disco della storia del jazz.






Articoli correlati:
28/12/2013

Evviva l'Italia del Jazz (o Jass che dir si voglia): "Il jazz in televisione e, particolarmente alla RAI, ha subìto una flessione drammatica per anni e anni, sopraffatto da talent e porcherie simili, fino a quando, nel 2011, siamo stati improvvisamente svegliati dal nostro torpore culturale da un barlume..." (Marco Losavio)

16/06/2009

La mia vita per il Jazz - Siciliani a New Orleans (Claudio Lo Cascio)

02/02/2008

Il Folk-Jazz "Un ponte fra le regioni d'Europa" (Claudio Lo Cascio and his New Jazz Society)

17/12/2006

Forever (We Remember You) (Claudio Lo Cascio And His Modern Art Quartet)

05/08/2006

Il Nick La Rocca Jazz Festival 2005 in uno scenario con un'atmosfera semplicemente incantevole, una perfetta organizzazione, una manifestazione che ha offerto sicuramente più luci che ombre. (Francesco Peluso)

24/05/2006

Frank Sinatra Story (Claudio Lo Cascio & his Sicilia Jazz Big Band)

12/08/2005

Il biografo di Nick La Rocca - Come entrare nella storia del jazz (Salvatore Mugno)

02/04/2005

Una storia nel Jazz - Nick La Rocca (Claudio Lo Cascio)

04/12/2004

Glenn Miller tradito a Palermo...E' l'amara conclusione dopo il concerto tenutosi a Palermo dalla Glenn Miller Orchestra diretta dall'olandese Wil Salden... (Claudio Lo Cascio)

19/10/2003

Louis Prima: "...è stata per me un'insperata occasione di arricchimento culturale scoprire che dietro i riflettori dello show business che illuminavano di luce abbagliante il famoso cantante showman Louis Prima, c'era anche un grande musicista, un formidabile solista di tromba dallo stile armstronghiano, un band leader di grosso spessore......." (Claudio Lo Cascio)







Invia un commento

© 2002 Jazzitalia.net - Claudio Lo Cascio - Red Hot Jazz - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 25/10/2011 alle 19.59.00 da "genry.sax"
Commento:
Bellissime pagine.
Prima di parlare di Jazz bisognerebbe leggerle !
Grazie
 

Questa pagina è stata visitata 36.005 volte
Data pubblicazione: 12/04/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti