Jazzitalia - Artisti: Alessandro Carabelli
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Alessandro Carabelli
pianoforte, arrangiamento, composizione

Click here to read the english version

Nasce a Varese il 22 dicembre 1964 e si laurea in Economia e Commercio nel 1995 (Università Cattolica di Milano);

Inizia molto giovane gli studi di pianoforte classico, storia della musica, armonia e composizione presso il Conservatorio O. Respighi di Imperia.

Nel 1990 ottiene il diploma di pianoforte, armonia e composizione jazz presso i Civici Corsi di Jazz di Milano con Sante Palumbo, Enrico Intra, Franco Cerri e Fabio Jager.

Partecipa a seminari di armonia e composizione tenuti da Barney Kessel - Milano 1988, Lee Konitz - Milano 1989, Chick Corea - Arona 1998, Ennio Morricone - Milano 1999.

Approfondisce la tecnica pianistica e l'armonia jazz con Marco Detto.

Partecipa a numerosi concorsi internazionali di pianoforte con ottimi risultati tra cui:
- Concorso internazionale "città di Stresa", categoria improvvisazione pianistica - 3° classificato nel 1988 e 1989; 1° classificato nel 1992 e 2° classificato nel 1993;
- Concorso internazionale "città di Ispra", categoria F - 1° classificato nel 1987 e 1989;

Dal 1995 partecipa attivamente a numerose manifestazioni indette all'Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, tra cui "Jazz in Metro" e "Fiera Expo Internazionale Città di Milano".

Si è esibito in importanti rassegne e festival jazz italiani ed esteri tra cui: Lago Maggiore Jazz Festival - San Remo in Jazz - Mentone Jazz Festival - Jazz à Monaco.

Incline alla sperimentazione musicale, alla collaborazione e al continuo perfezionamento tecnico, dal 1989 collabora con molti illustri musicisti, italiani e non, fra i quali Bob Mover, John Arnold, Gary Windo, Franco Ambrosetti, Franco Cerri, Enzo Scoppa, Dodo Goja, Giulio Visibelli, Paolo Pelegatti, Marcello Rosa, Gianni Basso, Marco Ratti, Marco Castiglioni, Tito Mangialajo, Carlo Battisti, Mauro Battisti, Fabio Jeger, Tony Arco, Massimo Moriconi, Alfredo Ponissi, Max De Aloe, Marco Zanoli, Marco Conti, Diego Mascherpa, Luciano Zadro, Stefano Bagnoli;

Nel 2004 realizza il suo primo CD, "Over and Out" per l'italiana Splasc(h) Records con l'Alessandro Carabelli Group (Alessandro Carabelli, Marco Conti, Stefano Bagnoli; Luciano Zadro, Diego Mascherpa) e la partecipazione dell'armonicista Max De Aloe.

Nel settembre 2006 viene pubblicato il secondo CD, di respiro internazionale, "Aphrodite" – per la casa discografica tedesca Nagel Heyer Records- ancora una volta con l'Alessandro Carabelli Group e con l'illustre presenza del trombettista Franco Ambrosetti.

Vive in provincia di Varese, dove affianca all'attività di musicista e compositore quella di docente.


Alessandro Carabelli Group
Over and Out



Alessandro Carabelli Group (featuring Franco Ambrosetti)
Aphrodite



Estratto rassegne stampa
"… Alessandro Carabelli è un pianista e compositore raffinato che sa dosare con grande maestria tecnica e lirismo…La musica di Carabelli ha uno straordinario equilibrio tra ritmo e atmosfera, tra grinta e naturalezza…i temi scorrono fluidi, naturali ed è una musicalità straordinaria…Alessandro Carabelli rappresenta sicuramente una delle più belle realtà del jazz contemporaneo…"
Olivier Bosia - RTSI - Svizzera - Dicembre 2006

"Si conferma un eccellente gruppo di jazz moderno quello diretto dal pianista Alessandro Carabelli, di cui avevamo già potuto appezzare il precedente Over and Out e rispetto al quale spicca qui la presenza in alcune tracce del trombettista svizzero Franco Ambrosetti, ad aumentare la già considerevole qualità dell'organico. Il gruppo mantiene la cifra semplice, ma fresca e genuina della musica espressa, che passa attraverso composizioni originali, per gran parte a firma dello stesso Carabelli, dall'elevato dinamismo, eclettiche ma mai banali, nelle quali un pizzico si atmosfera a là Jarrett ravviva ispirazioni melodiche nostrane, e all'interno delle quali ogni membro della formazione ha ampi spazi per esprimere le proprie qualità di solista. E in fondo proprio queste costituiscono il pregio decisivo di un lavoro che si mantiene convenzionale, ma si apre costantemente alla narrazione personale. Il pianista vi disegna eccellenti linee con tocco elegante e sofisticato nelle improvvisazioni, sia quando il suono è più sospeso - come nell'avvio della bella "Prayer" - sia quando, come più frequente, i temi sono più sostenuti…"
Neri Pollastri - All About Jazz – Novembre 2006

"… i sei musicisti italiani, innovativi ed accattivanti, creano a un tempo un'atmosfera eterea e libera e un prodotto – interamente originale - leggero e pieno di slancio. Gli undici brani sono tutti rilassanti, gentili e intrisi di piacevole energia. Aspettatevi musica uniformemente deliziosa, eseguita con maestria".
Fusion3 Distribution – Montréal - (Canada) - Ottobre 2006

Grinta e dolcezza. Sono i primi due sostantivi che vengono in mente ascoltando "Aphrodite", l'ultimo disco del jazzista Alessandro Carabelli: frutto di un lavoro lungo e complesso, che ha portato il musicista confrontarsi con diverse sonorità, diversi stili, diverse esigenze artistiche. (...) Il risultato è un'opera che alterna sapientemente brani rilassanti e d'atmosfera, da ascoltare durante un viaggio notturno, a pezzi travolgenti, che talvolta si lasciano contaminare da influenze esterne, altre volte restano incollati al mito del jazz puro, storico, quasi volessero tramandare una tradizione che non teme evoluzioni, a patto che le radici restino ben salde. (…) Carabelli, in questo suo ultimo lavoro, si inoltra in un'esplorazione lunga undici brani, fatta di sensazioni che non danno il tempo di abituarsi a sound, perché subito ti prendono per mano e ti accompagnano altrove. Senza strappi, senza cadute, senza aggressività. Ma con la forza decisa e gentile di un'onda, che talvolta accarezza, talvolta trascina, talvolta spinge, talvolta ti convince a guardare dritto davanti a te e vedere i veri colori del jazz: il blu e il nero, spruzzati qua e là dal rosso della sensualità.
Matteo Inzaghi –
Rete 55 - Settembre 2006

"…Alessandro Carabelli sfugge a qualsiasi etichetta o genere. La sua è musica complessa nella sua concezione ed esecuzione ma riesce ad essere facile e immediata anche per orecchie poco abituate a queste sonorità."
Andrea Franceschi De Marchi
- Varesenews - Settembre 2006

"…. Il punto forte del jazz italiano, pur nella sua varietà, risiede nell'amore per la melodia e la musica di Alessandro Carabelli ne è un buon esempio. Alessandro Carabelli è un pianista acuto ed intelligente, con una grande inclinazione alla lirica…"
Philip McNally
- Cadence - NY (Usa)Marzo 2005

"… il panismo di Alessandro Carabelli si dispiega con voce briosa ma piena di garbo, commovente e poetica, solare e trascinante. A conti fatti la scrittura di Carabelli sembra orientata verso un mainstream jazz di chiara impronta europea e mediterranea, un sound dal temperamento melodico equilibrato e pertanto scevro di stucchevoli ricami…."
Olindo Fortino –
Musica JazzMaggio 2004

"… Carabelli giostra su una vivida e chiara tavolozza timbrica in cui si intrecciano e si sviluppano il denso scorrere del fraseggio pianistico…Il coronare comunicativo dei brani di Carabelli si effonde avvincente e solare, ricco di sentimento e dal gioioso dipanarsi, come pure sa talora delineare pregiate riflessioni. Dinamica e briosa, la musica di Alessandro Carabelli scorre con aggraziata naturalezza e con brillante freschezza…"
Giordano Selini – Italian Sound CompanyOttobre 2004

Per contatti e informazioni:
Alessandro Carabelli
email: info@alessandrocarabelli.com
web: http://www.alessandrocarabelli.com



Per conoscere i prossimi appuntamenti Live di Alessandro Carabelli

Questa pagina è stata visitata 6.727 volte
Data ultima modifica: 20/01/2007





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti