Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Fulvio Ferrari
piano, arrangiamento

Fulvio Ferrari è nato a Reggio Emilia nel Novembre 1971.

Ha inziato gli studi musicali con il violino e pianoforte all'età di 5 anni, focalizzando successivamente gli stessi studi solo sul pianoforte fino all'età di 12.

Ha iniziato gli studi jazz piu' tardi, prima presso il Centro Musicale Augusto D'Aolio con il pianista e arrangiatore Lucio Boiardi Serri, poi presso il C.E.P.A.M. di Reggio Emilia con Ivano Borgazzi, pianista della Jazz Art Orchestra nonché pianista e co-produttore del gruppo Funky Company. Successivamente, al C.P.M. di Milano per un anno sotto la guida del pianista Luigi Ranghino e del Franco D'Andrea.

Fulvio e' stato sempre particolarmente attivo come musicista nel panorama musicale italiano. E' stato pianista e tastierista per diversi gruppi, diversi dei quali a carattere strettamente jazz, come i Works in Progress and "A" Trio, con il quale ha ottenuto il primo premio nella National Jazz Competition 1997 tenutasi a Roveleto di Cadeo (PC). Ha inoltre partecipato a diverse situazioni musicali in "small ensemble" come Reef Trio, Double Deck, per sei mesi con la compagnia teatrale di Parma, e per tre anni consecutivi a fianco del gruppo jive "Dritti di Chicago", ospiti all' International Buskers Festival di Ferrara.

con Gary BurtonFulvio ha frequentato anche diversi seminari fra i quali We Love Jazz 97, Genova, sotto la guida del leggendario pianista Horace Parlan, e dell'organista Shirley Scott, e la Master Class di arrangiamento tenuta a Boston MA dal produttore arrangiatore per la GRP e pianista Michael Abene.

Nel Gennaio 2000 decide di trasferirsi in America, a Boston, per frequentare il Berklee College of Music, dal quale riceve per due anni consecutivi una Borsa di Studio, conseguendo così il Bachelor of Music in Composizione Jazz.

con Mr. John Ellis, arrangiatore, band-leader e fondatore della Doncaster Jazz OrchestraE' in questo periodo di tre anni in cui Fulvio ha avuto la possibilità di studiare e di collaborare all'interno del Berklee College in diversi ruoli, che lo hanno visto impegnato come arrangiatore, direttore musicale, conduttore d'orchestra, e come assistente/tutor del corpo insegnante del Berklee per tutto l'anno 2002.

Nel Febbraio 2001, una commissione preposta del Berklee College of Music decide di inserire il suo contemporary arrangement del brano "Naima" (J.Coltrane) in una compilation CD volta a promuovere il prodotto Berklee alla manifestazione internazionale, Music Career EXPO, la quale si tiene ogni anno presso l'Hynes Convention Center di Boston.

Dal Gennaio 2002 fino al Dicembre dello stesso anno, Fulvio occupa la posizione di music tutor promosso dal Professional Writing Division & Learning Centre del Berklee College of Music.

Nel Marzo 2002 il Professional Writing Division del Berklee College of Music riconosce a Fulvio Ferrari l'Alex Ulanowski Award per il suo contributo artistico al Dipartimento di Armonia del Berklee, in particolare grazie alle sue composizioni originali, fra le quali "The Journey", "Inner Voices" e "Daisy Walk" (quest'ultima ispirata al sound del gruppo Yellowjackets), hanno destato maggiore interesse.

con Dianne Reeves dopo il Commencement Concert 2003 al Berklee Performance Centre di BostonHa studiato e collaborato come direttore d'orchestra e arrangiatore per prof. Richard Evans, membro dello staff del Berklee, nonché noto produttore e arrangiatore del periodo Motown (Tower of Power, Curtis Mayfield, Oleta Adams, ma anche Coleman Hawkins e altri). Ha proseguito gli studi del pianoforte per due anni con i pianisti Ray Santisi, e Lazlo Gardony. Ha studiato composizione jazz sotto la guida di insegnanti come Greg Hopkins, Richard Lowell, Ted Pease, Ken Pullig, Wayne Naus, Dave Johnson, per citarne alcuni. Ha collaborato come arrangiatore, per i piu' importanti shows prodotti dal Berklee College, come il Singers Showcase (periodo 2001-2003) ed i Commencement Concert Series (2001-2003).

E' grazie a quest'ultima serie di shows, che Fulvio ha visto la presenza e diretta collaborazione di artisti in visita al College come Donald Fagen & Walter Becker (Steely Dan) di cui ha riarrangiato il brano "Peg" per contemporary orchestra, produttore e pianista David Foster (Celine Dion, Witney Houston, Earth Wind & Fire, Barbara Streisand, Diana Ross, Natalie Cole, Chicago ed altri) di cui ha riarrangiato il brano "You're The Inspiration" sempre per contemporary orchestra, e la cantante Dianne Reeves di cui Fulvio ha riarrangiato il brano "Better Days".

Insieme al vibrafonista Marco Pacassoni, è membro di un progetto recentissimo, appunto denominato Fulvio Ferrari Marco Pacassoni Duo.

Fulvio è attualmente docente di pianoforte moderno e Ear Training presso il Centro Educazione Musica Moderna (CEMM) di Reggio Emilia ed è pianista nel progetto POP-UP a fianco di Francesco Montisano (Sassofoni), Paolo Gialdi (Basso) e Alessandro Lugli (Batteria).

Inoltre, dal Febbraio 2004, Fulvio è entrato a far parte integrante del Jazz Up 4et, un progetto musicale che mira ad esplorare le sonorità derivanti dal periodo modale del Davis 5et, che vede come promotore del progetto stesso il chitarrista Walter Donatiello, insieme a Michelangelo Flammia al basso elettrico e a Francesco Di Lenge alla batteria.


Jazz Up 4et

La formazione del Jazz Up 4et si compone di musicisti di estrazione poliedrica accomunati, in questa fase del loro nuovo progetto, da una ricerca collettiva orientata alle forme moderne del periodo modale del Davis 5et.

Walter Donatiello (Guitars)
Fulvio Ferrari (Electric Piano)
Michelangelo Flammia (El. bass)
Francesco Di Lenge (Drums)
 


Altri file Audio (MP3):
 Big Ben Blues: una simpatica manipolazione del famoso motivetto della Torre/Orologio londinese...La forma impiegata è ciò che viene solitamente denominato "Blues NO Blues Form"

 Roundin' Out: 6/4 even 8ths feel...la Melodia della A section è nata dal movimento armonico costituito su una successione di toniche predeterminate in maniera "casuale" (Random Technique)

 The Magic Hat: Questo brano è strutturato su un movimento ritmico alternato (5/4 + 6/4), nonchè su un pattern armonico ben definito che richiama un po' l'approccio compositivo usato spesso dagli Yellowjackets.

 Daisy Walk: Questo brano è sicuramente in pieno stile Yellowjackets, forse la più forte e importante influenza sul mio approccio compositivo e strumentale.

 The Journey: questo brano è stato concepito con l'idea di modulazione continua...pur mantenendo come base un unico centro tonale (Implied Keys technique o anche Pivot/Direct Modulation). Anche questa tecnica è spesso utilizzata da Russell Ferrante (Yellowjackets) così' come Charlie Haden, nel suo approccio alle ballads, e Kenny Wheeler.

 Sweet Lil' Devil (big band excerpt)

 Inner Voices (live excerpt)

Per contatti e informazioni:

Fulvio Ferrari
email fulvioferrari@hotmail.com




Per conoscere i prossimi appuntamenti Live di Fulvio Ferrari

Questa pagina è stata visitata 10.268 volte
Data pubblicazione: 06/06/2003





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti