Jazzitalia - Artisti: Luigi Liani
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Luigi Liani
piano

Click here to read the english version

Luigi Liani, pianista, cantante, arrangiatore, compositore, didatta nato a Londra, vive a Venezia dove si è laureato con pieni voti e lode in letteratura Anglo-americana all'Università di Ca' Foscari Ha studiato pianoforte, armonia e storia della musica al Conservatorio Benedetto Marcello. Ha studiato piano jazz con Franco D'Andrea al Centro Studi Musicali a Milano.

Dal 1980 al 1986 ha lavorato come interprete e traduttore per la Scuola interculturale di musica comparata a S. Giorgio e presso la Fondazione Levi. E stato scelto per tradurre le parole del grande sitarista Ravi Shankar al Teatro La Fenice in occasione del concerto che il musicista indiano ha tenuto a Venezia in quel periodo.

Co-fondatore e presidente di Musikarte, un'associazione culturale che organizza eventi musicali e multimediali.
Luigi Liani è autore di vari progetti legati al background e alla storia della musica afro americana e del jazz tra cui:
La lezione concerto "Ritmo e blues" (una piccola storia del jazz) con cui ha partecipato al convegno "Il jazz e gli scrittori" organizzato dalla Biblioteca Centrale di Mestre (Venezia) per gli studenti delle scuole superiori presso il jazz club Al Vapore.

"Jazz e linguaggi" (storia, musica, letteratura, poesia) un pacchetto multimediale sponsorizzato dall'Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Venezia e delle Politiche sociali di Padova che comprende lo spettacolo musicale "From New Orleans to Harlem" (la radici della musica afroamericana) eseguito dal Luigi Liani sextet e dalla cantante americana Cheryl Porter ai festival di Jazz Euromeet e Jazz & Image, "Jazz jive and jam" un reading di poesie di Langston Hughes accompagnato da un quartetto jazz e una mostra di fotografie di Diego Landi e Andrea d'Alessio.

Di recente le sue ricerche si sono concretizzate nei seguenti progetti:
"Natività Gospel" uno spettacolo gospel natalizio tratto da due diverse versioni di "Black Nativity" di Langston Hughes. Il testo è stato tradotto in italiano. La parte musicale comprende due pezzi originali e arrangiamenti di composizioni originali tratte dalla versione originale prodotta agli inizi degli anni sessanta
Lo spettacolo è stato prodotto in tre concerti cui hanno partecipato le classi quarte e quinte di alcune scuole veneziane. La registrazione live di uno dei concerti è stato pubblicato in un CD prodotto dall'Associazione Musikarte.

Route 66"Ask you mama quintet", dalla raccolta di poesie di Hughes "Ask Your mama, 12 moods for jazz". Seguendo le annotazioni che il poeta a posto a fianco del testo Luigi Liani ha creato una sequenza di pezzi originali, standards di jazz tradizionale, bebop, jazz progressivo, spaziando tra generi diversi quali il lieder, il calypso, la musica ebraica, la musica araba, con Hesitation bues come leitmotiv.

"Jazzafrica" musicisti di jazz locali assieme a musicisti senegalesi locali. David Boato alla tromba e flicorno, Stefano Gajon al clarinetto e sax tenore, Alice Liani voce e i senegalesi Moulaye Niang alla batteria e Samba N'Diaye al djembè.

"Seven songs from the seven seas". Sette composizioni originali in italiano, inglese e spagnolo in cui esperienze personali in viaggio e qui in Italia pongono riflessioni sull'attuale globalizzazione e ciò che porta con sè: i problemi legati all'immigrazione e all'integrazione e in genere lo stile di vita che molte persone conducono quando vengono in occidente..

"Uhuru kwanza", in swahili la libertà proprio adesso. Una pièce musico-teatrale con tre personaggi che suonano insieme in una sala prove e discutono sul significato della parola libertà.

"Shantaram" Un viaggio attraverso la controcultura musicale californiana degli anni sessanta e primi anni settanta. Canzoni dei Byrds, David Crosby e Joni Mitchell che appartengono a un genere chiamato Raga rock. Proprio per questo due canzoni di David Crosby, "Music is love e Guinnevere" sono state rilette insieme al percussionista e batterista Fabio Lazzarin gran conoscitore della musica classica Hindustani usando i tabla e il santoor. "Traction in the rain" segue piuttosto la vena jazzistica di Crosby con Luca Bonvini alla tromba slide.

La sua traduzione della poesia "A Jazz Band in a Parisian Cabaret" di Langston Hughes è stata pubblicata nel libro Swinginversi - La poesia jazz in Italia a cura di Guido Michelone e Francesca Tini Brunozzi (Ed. Lampi di stampa)

Attualmente sta arrangiando e registrando altre nuove composizioni parte di un futuro progetto intitolato Canciones de viaje in seguito al suo viaggio in Senegal, Spagna e Marocco in cui ha ampliato le sue esperienze sull' identità di questo mondo post moderno: "La finca abandonada", "Plaza al tripy", "Reliving the sixties as a sixty year old", "L'erba di Gordana" e "When you think".

Musicista professionista dal 1985 ha suonato nei seguenti locali: Hotel Excelsior Palace - Lido di Venezia, Hotel Des Bains - Lido di Venezia, Hotel Danieli - Venezia, Hotel Cipriani - Venezia, Hotel Cipriani - Asolo, Hotel Bauer - Venezia, Hotel Europa Regina - Venezia, Venice - Simplon Orient Express, Hotel Marriott - Muenchen, Hotel Kempinsky - Dresden, Marylebone Hotel - Londra, Hotel Norge - Bergen, Hotel Rica - Oslo, Gran Hyatt Muskat - Muskat, Oman.

Al Vapore (Marghera), Osteria da Codroma (Venezia), Round Midnight (Venezia), Nono Risorto (Venezia), Vecia Carbonera (Venezia), Paradiso Perduto (Venezia) Al Caffè (Venezia), Bistrot de Venise (Venezia), Hotel Hungaria Palace (Lido di Venezia), Villa Mabapa (Lido di Venezia), Mostra del Cinema (Lido di Venezia), Circolo Italo-Britannico (Venezia), Parco Savorgnan (Venezia), Estate del Popoli (Mestre), Bagni Alberoni (Lido di Venezia), Pachuka (Lido di Venezia), Auditorium Santa Margherita (Venezia) Guernica caffè (S. Donà di Piave) Centrale Lounge Restaurant (Venezia)

Ha suonato con il suo sestetto e Cheryl Porter al festival di Jazz Euromeet (Veneto jazz) e al Festival Jazz & Image a Villa Celimontana e Roma per l'inaugurazione della mostra di dipinti di musicisti jazz del pittore di New Orleans Tony Green
Luigi Liani svolge attività concertistica come pianista solista, con il suo duo, trio e quintetto. Ha un vasto repertorio frutto di anni di professione che comprende il ragtime, lo stride piano, il mainstream jazz, il boogie woogie, il blues, la bossa nova, il tango, la musica latino americana, il pop internazionale, le canzoni francesi e quelle italiane.Canta in italiano, inglese, francese, spagnolo e portoghese.

Per contatti e informazioni:
Luigi Liani
Lungomare Marconi 85, 30126
Lido Venezia
email: luigiliani30@gmail.com
cell +39 - 349 - 2678898














Per conoscere i prossimi appuntamenti Live di Luigi Liani

Questa pagina è stata visitata 4.840 volte
Data pubblicazione: 27/12/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti