Jazzitalia - Live: Bennie Maupin Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Bennie Maupin Quartet
Ferrara - Torrione Jazz Club - 21 novembre 2015
di Niccolò Lucarelli



Bennie Maupin - clarinetto basso, sax alto e sax soprano, flauto
Michal Tokaj - pianoforte
Michal Baransky - contrabbasso
Lukas Zyta - batteria

Il jazz di Maupin è un libro aperto su una varietà di culture e suggestioni, oscillando dalle radici afroamericane al free, dal bebop all'hard bop, e avvolge con naturalezza l'affascinante sala d'architettura quattrocentesca del Torrione Jazz Club, da quasi vent'anni un punto fermo della scena jazzistica italiana.
 
Maupin e soci regalano un concerto diviso in due sessioni, entrambe ricche di virtuosismi e divagazioni, che riassumono la vocazione eclettica del sassofonista di Detroit. Con lui, tre sidemen di valore, non troppo conosciuti in Europa, ma che comunque il Vecchio Continente lo portano nel sangue. In particolare, l'origine est-europea di Tokaj emerge anche dal suo stile pianistico, dove evidenti sono le influenze di Chopin e della scuola ungherese, con cui accompagna i momenti introspettivi dei vari brani.

Aprono la serata, due composizioni originali di Maupin, Neophelia e Walter Bishop JR. In particolare, Neophelia vede Tokaj al pianoforte spendersi in lunghi passaggi dal romantico sapore Chopiniano, che sublimano il sax tribale di Maupin, suonato con un semplice soffio, così da evocare il fruscio del mare maiorchino, mentre un cadenzato contrabbasso su due note suggerisce il ritmo dei tamburi africani, irrobustito dai tom tom della batteria. Un'apertura che può essere letta come un omaggio alla cultura nera, e a Lee Morgan, talentuosa, commovente, tragica figura del jazz afroamericano fra gli anni Cinquanta e Settanta. In un certo senso, si tratta della continuazione dell'opera di Morgan. Sotto queste note, si scorge la dignità della Marcia di Selma, di Carlos e Smith nel '68, e di Nelson Mandela. Non c'è retorica nel jazz di Maupin, soltanto l'urgenza di rivendicare una cultura con i suoi diritti, di raccontarla nella sua solarità, nella sua quotidianità in un'America che riesce a essere migliore della sua occasionale cattiva fama. E la dolcezza, la sottile ironia con cui lo racconta, avvicinano la sua narrativa sonora alle pagine di Mark Twain, cantore colloquiale dell'America popolare, e osservatore delle relazioni sociali fra bianchi e neri.

Non mancano, tuttavia, in queste coinvolgenti sessioni free, le atmosfere calde e insieme cupe, da cui sono nati il blues di Robert Johnson, il jazz di Chicago e quello colto di New York. Le composizioni e gli arrangiamenti di Maupin danno vita a collage di estemporanea bellezza, alternando passaggi di hard bop (per chiarire che in fatto di jazz si fa sul serio), a divagazioni dixie delle quali s'incarica Tokaj al pianoforte, epigono, per l'occasione, di Jelly Roll Morton, mentre Maupin al sax, è ora pensoso, e ora volteggia come un calabrone disturbato, quasi sempre mantenendosi sul registro acuto.

L'esperienza maturata con Davis ai tempi di Bitches Brew si è radicata in Maupin con una certa profondità, e anche la serata ferrarese regala esaltanti momenti di jazz elettrico, con intensi ritmi progressive. Uno su tutti, quella Butterfly scritta con Herbie Hancock, aperta da un sax tremolante, che evoca il battito di una farfalla, appunto, che poi si fa sincopato, a richiamarne il volo. Tokaj e Baransky, che qui passano agli strumenti elettrici, sorreggono il brano con un vivace 3/4, con il pianoforte che dialoga con il sax a "chiamata e risposta", oppure sottolineandone alcuni passaggi. Suggestiva See the Positive, aperta da un lungo a solo di sax, cui segue un'energica batteria che scandisce un vorticoso hard bop in 4/4 di matrice coltrainiana.

Atmosfere non convenzionali, idealmente accostabili alle tele di Jean-Michel Basquiat; sia lui sia Maupin spingono al limite, in senso rispettivamente cromatico e sonoro, gli intervalli fra i colori e le note, realizzando composizioni che colpiscono come un pugno chi osserva o ascolta. Il jazz di Maupin, con le sue contaminazioni, è la metafora del meltin' pot americano, e ne racconta grandezze e miserie, con quella leggerezza che è propria solo dei grandi artisti.






Articoli correlati:
08/12/2016

Barry Harris Trio - Bologna Jazz Festival: "Un concerto emotivamente intenso, specchio di un periodo storico importante, e che il numeroso pubblico ferrarese non ha mancato di apprezzare." (Niccolò Lucarelli)

23/11/2016

Buster Williams Quartet "Something More": "Torrione sold out per una serata di jazz d'autore, profondamente americano ma portavoce di un pensiero liberale moderno." (Niccolò Lucarelli)

16/04/2016

Donny McCaslin "Fast Future" Quartet : "...un concerto fortemente coinvolgente, all'insegna di un jazz innovativo, specchio di un'epoca e di una Nazione, intriso di rabbia e di poesia, di commovente bellezza e di nostalgia." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

James Farm Quartet (J. Redman, A. Parks, M. Penman, E. Harland): "...un collettivo che esprime una forma di hard bop contemporaneo, che alla raffinatezza formale unisce interessanti considerazioni di stampo sociologico." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

Johnny O'Neal Trio: "Un concerto intimo, come si addice a un club, che ha il carattere di una serata fra amici, e che dopo il bis scatena un'ovazione d'applausi." (Niccolò Lucarelli)

08/11/2015

Kenny Garrett Quintet: "Il jazzista di Detroit, dopo una carriera trentennale, è ormai un riconosciuto maestro del sax, e non tradisce la sua fama regalando al pubblico un'indimenticabile serata che è la summa del suo credo musicale..." (Niccolò Lucarelli)

04/06/2012

"Un suono caldo ed espressivo, oltre che una tecnica improvvisativa imprevedibile e articolata, segno di un pensiero musicale agile e estremamente maturo." (Gabriele Prevato)

18/03/2012

Fahir Atakoglu, simbolo di integrazione: Per un musicista è bello poter condividere la musica con quante più persone possibili, è importante per il nostro spirito. E' ciò per cui viviamo." (Eugenio Sibona)

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

18/12/2011

Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 761 volte
Data pubblicazione: 13/12/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti