Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Giuseppe Continenza e Gene Bertoncini
27 ottobre 2005 - Teatro Comunale – Città S.Angelo (Pe)
di Claudio Ranghelli
Foto di Vincenzo D'Aquino

Il jazz nasce come forma libera di espressione e fin qui può sembrare pura retorica; ci sono musicisti che riescono, con la propria creatività e con la loro preparazione, a trasmettere emozioni uniche e sublimi. Ed è quello che è successo la sera del 27 ottobre a Città S.Angelo, un bellissimo paese situato a pochi chilometri da Pescara, che nel suo meraviglioso Teatro ha ospitato due chitarristi jazz: Giuseppe Continenza e Gene Bertoncini.

Ho avuto la fortuna di assistere all'intero concerto e di scambiare anche quattro chiacchiere con loro che si sono dimostrate persone disponibili, gentili e sempre con il sorriso sul viso.

Gene Bertoncini è stato definito da Barney Kessel come il "Segovia" del jazz in quanto predilige quasi esclusivamente l'uso della chitarra classica nelle sue performance. Ha registrato e suonato con musicisti del calibro di Wayne Shorter, Paul Desmond, Dave Brubeck, Chet Baker, solo per citarne alcuni ed è un docente stimatissimo dell'University of New York; si è inoltre esibito nelle più grandi Hall del mondo fra cui il Carniege Hall in New York, il Sidney Opera House in Australia, Hollywood Bowl in California e tanti altri. Ha inoltre registrato innumerevoli album come solista.

Giuseppe Continenza è un chitarrista italiano dal curriculum denso di importanti collaborazioni come Joe Diorio, Bireli Lagrene, Vic Juris, Bobby Watson, Jimmy Bruno, Jack Wilkins e tantissimi altri. Scambiando qualche parola con il grande John Pisano (chitarrista storico che ha suonato con Joe Pass per oltre un ventennio) l'anno scorso mi disse: "in Italia c'è un grande chitarrista Giuseppe Continenza prima o poi lo voglio con me a Los Angeles…è davvero fantastico…" dopo quelle parole mi sentii orgoglioso che finalmente dall'Italia, terrà di grande cultura, uscisse un chitarrista ed un talento riconosciuto a livello internazionale. Perdonate questa breve ma dovuta premessa.

Il concerto comincia puntualmente alle ore 21 con un intro solo chitarra classica ad opera di Gene Bertoncini nel quale esegue brani quali Lush Life, The Shadow of Your Smile, Cinema Paradiso, arrangiati in modo unico con contrappunti ed armonie raffinate, per poi eseguire The More I See You ed in fine Nessun Dorma di Puccini, brano tra l'altro contenuto nel suo ultimo album Quiet Now. Riesce a fondere in modo originalissimo la musica classica con il jazz. Davvero un grande della chitarra jazz e non solo.

Entra sul palco Giuseppe Continenza e c'è subito una grande ovazione da parte del pubblico. Dopo un'introduzione con armonici artificiali ed accordi spettacolari inizia Fooprints e credetemi è stato davvero bello vedere come l'archtop di Continenza e la classica di Bertoncini si fondessero così bene.

Il senso del tempo dei due e l'intesa è stata bellissima fin dalle prime note. Interplay e contrappunti nei quali i due musicisti creavano melodie ricche e sofisticate.

Segue il bellissimo standard It Had to Be You con soli che spaziano dal jazz classico al moderno. E' la volta poi di Libertango eseguito in solo da Continenza arrangiato in modo molto originale, sembrava quasi di sentire un chitarrista jazz ed uno flamenco insieme, arpeggi velocissimi ed accordi raffinatissimi ed un gran senso del tempo.

La serata prosegue con altri brani quali Corcovado, Embraceable You, All the things you are, Moonglow, Spain, Estate ed altri ancora. I soli dei due chitarristi sono suonati con classe e maestrìa su tutti i brani, due musicisti fantastici che sanno davvero regalare grandi emozioni.

Scambio due chiacchiere con loro e chiedo a Gene Bertoncini come mai questa sua preziosa apparizione in Italia: "Anche se sono nato e cresciuto a New York le mie origini sono italiane ed amo tantissimo questo paese. Ho avuto l'opportunità di suonare con Giuseppe Continenza in Italia ed è stata una bellissima ed indimenticabile esperienza…che chitarrista formidabile … spero di poter suonare spesso con lui, stiamo vedendo di pianificare un tour in Europa ed eventualmente alcune date negli States…mi piace fondere il jazz con la musica classica, ho sempre adorato musicisti quali Bach, Villa Lobos, Debussy ed altri ancora…amo chitarristi classici quali Julian Bream e Segovia…", poi chiedo ancora a Gene di parlarci di alcune sue collaborazioni musicali: "Ho da poco registrato un album solo chitarra dal titolo Quiet Now e ce ne sarà a breve uno nuovo in arrivo, è un progetto per chitarra e quartetto d'archi a mio avviso davvero molto interessante ed originale… ho avuto la grande fortuna di collaborare con tantissimi grandi musicisti fra cui ricordo con molto piacere l'esperienza con Wayne Shorter, suonai nel suo cd "Supernova" del 1969, stava fondando i Weather Report e mi chiese se volevo entrare nel gruppo ma in quel periodo ero molto impegnato nei miei progetti e declinai l'invito…ho collaborato con Paul Desmond, Luis Bonfà, Joao Gilberto e tantissimi altri…"

Chiedo invece a Giuseppe Continenza che progetti ha per il suo futuro e come fa a conciliare la sua attività artistica con quella di didatta: "…ho in progetto un nuovo disco per l'anno nuovo ed alcuni interessanti tour fra cui il duo con Gene ed il progetto in trio con Jimmy Bruno e Vic Juris con il quale faremo presto un tour Europa/Stati Uniti…per quanto riguarda la didattica quando fondai l'European Musicians Institute in Pescara, vidi realizzarsi per me uno dei miei sogni più grandi, quello di creare una struttura a misura d'uomo in grado di creare musicisti professionali e con il tempo ho avuto tante soddisfazioni…amo insegnare come amo collaborare in rubriche didattiche su diverse riviste nazionali ed internazionali…".

Chiedo anche di spendere qualche parola sulle loro chitarre e la strumentazione in genere: " (Gene Bertoncini)- io uso una chitarra classica fatta a mano da Buscarini e ne sono molto soddisfatto, è una chitarra classica a spalla mancante fatta appositamente per me…per le corde uso le La Bella… quando posso cerco di amplificare la chitarra classica con un microfono ma quando l'ambiente non lo consente uso il piezo…", "(Giuseppe Continenza) – io invece uso una Benedetto "Cremona Custom" che è stata fatta per me dal grande Bob Benedetto ed è un vero capolavoro di strumento ha un suono unico… uso anche chitarre classiche Buscarini ed amplificatori Fender, adoro il Twin in quanto è anche splittabile da 100w a 25w ed una gran comodità… come corde uso esclusivamente le La Bella…"

Grazie Gene e grazie Giuseppe per la cortesia e la disponibilità ed un grazie all'Associazione Nicola Polidoro (che ha organizzato l'evento) per avermi concesso di intervistare i musicisti.






Articoli correlati:
14/04/2013

LEZIONI (chitarra): Uso creativo della scala diminuita (Giuseppe Continenza)

29/05/2010

LEZIONI (chitarra): Intervalli nella chitarra jazz moderna. (Giuseppe Continenza)

10/02/2008

LEZIONI (chitarra): Chord Melody Concept: Minor chord scale with diminished passing tones (Giuseppe Continenza)

26/04/2007

LEZIONI (chitarra): IIa parte dell'arrangiamento di "C Minor Prelude II" di Bach (Giuseppe Continenza)

16/02/2007

LEZIONI (chitarra): "C Minor Prelude II" di J.S. Bach arrangiato per chitarra - Ia Parte (Giuseppe Continenza)

04/09/2006

Al JVC Jazz Festival di New York City, si è celebrato l'80° compleanno di Bucky Pizzarelli in una serata con amici, parenti e...molto swing! (John Coltelli)

22/08/2006

LEZIONI (chitarra): Il Minor Blues nel jazz (Giuseppe Continenza)

26/02/2006

LEZIONI (chitarra): Virtuoso Techniques: come sviluppare la tecnica strumentale, IIa parte (Giuseppe Continenza)

23/11/2005

LEZIONI (chitarra): Virtuoso Techniques, come sviluppare la tecnica strumentale. Parte Prima: 1a Posizione (Giuseppe Continenza)

22/04/2005

LEZIONI (chitarra): Intervalli di 4a - In and Out (Giuseppe Continenza)

18/03/2005

Seven Steps to Heaven (Giuseppe Continenza - Vic Juris)

25/04/2004

LEZIONI (chitarra): Chord Melody: improvvisare con i chord scale, IIa parte. (Giuseppe Continenza)

08/02/2004

Jimmy Bruno e Giuseppe Continenza in duo: "...un concerto di quasi 2 ore che ha regalato grandi emozioni a tutti noi con 2 bis e grandi ovazioni nel finale, difatti sembrava che il pubblico non volesse mandarli via..." (Alex Smith)

26/10/2003

LEZIONI (chitarra): Chord melody: improvvisare usando i chord scale - 1a parte. (Giuseppe Continenza)

01/05/2003

LEZIONI (chitarra): Blue bossa arrangiamento in modalità chord melody. (Giuseppe Continenza)

31/03/2002

LEZIONI (chitarra): Superimposizione di cicli di dominante 7, un modo per rendere i propri soli armonicamente moderni ed imprevedibili (Giuseppe Continenza)

15/11/2001

LEZIONI (chitarra): Bebop playing & chromatic approach II: i chromatic passing tones...cosa sono, come si applicano.

19/08/2001

Bebop playing & Chromatic approach. La scala bebop e i cromatismi con esempi di utilizzo - Ia parte. (chitarra)





Video:
Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza - "Sunny" (Eddie Lang Jazz Festival 2013)
"Sunny" performed by Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza during a jam session at Eddie Lang Jazz Festival, XXIII edition 2013...
inserito il 02/11/2013  da HandEye Family - visualizzazioni: 4391


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 7.681 volte
Data pubblicazione: 12/03/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti