Jazzitalia - Live: Cormons, Jazz & Wine Of Peace 2022
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Cormons, Jazz & Wine Of Peace 2022

19-23 ottobre 2022
di Vincenzo Fugaldi

Cormons - James Brandon LewisCormons - James Brandon LewisCormons - James Brandon Lewis TrioCormons - Jason NazaryCormons - Javier GirottoCormons - Johan Berthling
Cormons - John EdwardsCormons - Julian LageCormons - Lester St . LouisCormons - Manuel Magrini - TotemCormons - Mark SandersCormons - Mary HalvorsonCormons - Mats Aleklint
Cormons - Mats GustafssonCormons - Max JaffeCormons - Michael FormanekCormons - Michel PortalCormons - Michel PortalCormons - Michel Portal
Cormons - Michel PortalCormons - Mirra - DrakeCormons - Mitelli - D % AgaroCormons - Mitelli - Edwards - SandersCormons - Nils WogramCormons - Pasquale Mirra
Cormons - PericopesCormons - PericopesCormons - Romano TodescoCormons - Rosa BrunelloCormons - Rosa BrunelloCormons - Ruben Bellavia - Pericopes
Cormons - Sanders - Mitelli - D % Agaro - EdwardsCormons - SexmobCormons - Steve BernsteinCormons - Tomas FujiwaraCormons - Tommaso Iacoviello - Totem
Cormons - Tony ScherrCormons - ViceversaCormons - Vince AbbraccianteCormons - Wesseltoft - SchwarzCormons - Alessandro Sgobbio - PericopesCormons - Alessandro Turchet
Cormons - Alfredo ColonCormons - Amirtha KidambiCormons - Bearzatti - TodescoCormons - Briggan KraussCormons - Bruno Chevillon
Cormons - Bugge WesseltoftCormons - Camilla BattagliaCormons - Christopher HoffmanCormons - D % Agaro - TurchetCormons - Daniele D % AgaroCormons - Daniele D % Agaro
Cormons - Emiliano Vernizzi - PericopesCormons - Fabrizio PuglisiCormons - Fabrizio PuglisiCormons - Fabrizio Puglisi GuantanamoCormons - Ferdinando Romano - TotemCormons - Ferdinando Romano - Totem
Cormons - Fire ! Italian DefeatCormons - Francesco BearzattiCormons - Gabriele MitelliCormons - Gianluca Zanello - TotemCormons - Giovanni MaierCormons - Giovanni MaierCormons - Giovanni Paolo Liguori - Totem
Cormons - Goran KajfesCormons - Hamid DrakeCormons - Hamid DrakeCormons - Henrik SchwarzCormons - James Brandon LewisCormons - James Brandon Lewis
click sulle foto per ingrandire

Il festival friulano compie un quarto di secolo. Vanta dunque ormai una storia importante, e quest'anno l'edizione, dedicata a tre componenti dell'Associazione Controtempo che sono scomparsi (Claudio Corrà e Fulvio Coceani, fondatori del Circolo Controtempo, e Paolo Burato, a lungo collaboratore del medesimo), ha offerto un programma di altissima qualità, premiato dalla costante presenza di un pubblico folto e competente, non solo italiano.

Questa edizione si è avviata con una Mingus Night, ricordando il centenario dalla nascita di Charles Mingus con due gruppi di musicisti friulani. Ha aperto la serata il duo composto da Daniele D'Agaro (sassofoni e clarinetti) e Alessandro Turchet (contrabbasso). «Mingus Fingers» è il titolo del disco recentemente inciso dai due presso il prestigioso studio di Stefano Amerio. In concerto ne hanno riproposto le musiche, con un D'Agaro - reduce da una fortunata tournee giapponese - al suo meglio, alternantesi tra tanti diversi strumenti e piccole percussioni, e un Turchet che si rivela sempre più convincente, qui sostenendo il non semplice ruolo del contrabbasso nelle musiche mingusiane. Arrangiamenti estremamente curati, uso dell'archetto, profonda conoscenza delle composizioni, suono pulitissimo, grande varietà timbrica garantita dall'alternarsi degli strumenti a fiato. Subito dopo, il quintetto Viceversa del contrabbassista Giovanni Maier, con tre allievi del Conservatorio di Trieste (batteria, chitarra e trombone) e il collega docente Flavio D'Avanzo alla tromba. Bella amalgama e buona tensione fra la ritmica e i due ottoni, con la chitarra a fare da mediatore, arrangiamenti che lasciavano spazio alle improvvisazioni, medley che univano alcune composizioni, con una versione di Duke Ellington Sound of Love (suonata benissimo anche dal duo precedente) particolarmente curata.
 
Una fra le tante doti del festival è quella di tenere concerti negli incantevoli spazi che offre il territorio intorno a Cormons. Così la seconda giornata, prima del ritorno in serata al Teatro Comunale, si è mossa fra la Cantina Jermann, il Castello di Spessa e Villa Attems. Ferdinando Romano, miglior nuovo talento italiano 2020 nel referendum indetto dalla rivista Musica Jazz, è tornato con il suo quintetto a proporre le musiche del cd «Totem», concerto che l'anno passato era stato cancellato per la morte improvvisa di Paolo Burato. Il gruppo, oltre al contrabbassista leader, comprendeva Tommaso Iacovello alla tromba e flicorno, Gianluca Zanello alto e soprano, Manuel Magrini pianoforte e Giovanni Paolo Liguori batteria. I cinque propongono un jazz avanzato, contemporaneo, con atmosfere differenziate, ottimo interplay, alto livello qualitativo delle composizioni, con gli studi classici evidenti anche nel modo di utilizzare l'archetto da parte del leader. Un plauso per ciascuno, ma una menzione speciale per il pianista Magrini, del quale credo sentiremo parlare sempre più spesso.



Pericopes + 1
: il collaudatissimo duo fra il pianista Alessandro Sgobbio e il sax tenore Emiliano Vernizzi si è aperto al vigoroso drumming del batterista Ruben Bellavia, per un concerto senza pianoforte acustico, sostituito da una tastiera sapientemente utilizzata. La proposta si conferma come una delle più belle e convincenti realtà del jazz italiano, vitale e dinamica, con la sempre magica intesa fra i due, il sax carico di energia e una temperie elettrica che non nuoceva affatto. Brani dall'ultimo disco «Up», tra i quali la bella cover di Sultans of Swing dei Dire Straits, con sfumature di elettronica e un taglio progressive, dove il batterista ha fornito davvero una gran prova.

Amirtha Kidambi è una vocalist statunitense di origini indiane, che accompagna la sua voce con un armonium e un piccolo synth, e a Cormons ha portato il suo "Elder Ones" con Alfredo Colon al soprano, Lester St Louis al contrabbasso e Jason Nazary alla batteria. Si tratta di musicisti che fanno parte dell'area creativa newyorkese (lei stessa collabora ad esempio con i Thumbscrew, il batterista era nel duo Anteloper con la compianta Jamie Branch). Forte impegno politico per la pace, contro la violenza, per le lotte civili di lavoratori, contro il razzismo e il fascismo. La proposta non è priva di una sua originalità, grazie alla vocalità della leader, intrisa di cultura della sua terra d'origine, ed è un lavoro sulla forma canzone, con improvvisazioni vocali su una struttura ritmica acustica ma solida e trascinante, e un uso moderato dell'elettronica.

"MP 85" è il titolo dello splendido disco inciso un paio di anni fa da Michel Portal con i suoi fantastici collaboratori Bojan Z (pianoforte, piano elettrico e synth), cascarNils Wogram (trombone), Bruno Chevillon (contrabbasso) e Lander Gyselinck (batteria). Ogni concerto di questa formazione, creata per celebrare l'ottantacinquesimo compleanno del maestro, che oggi sta per compierne 87, è una occasione di grande musica e splendore esecutivo. Portal ha portato a Cormons il clarinetto basso, il clarinetto e il sax soprano, strumenti che ha suonato senza risparmiarsi con la consueta generosità e donando insieme ai suoi fantastici partner ancora un concerto memorabile, che non ha trascurato una bellissima versione del suo Armenia, in trio con pianoforte e trombone.

Nella perfetta cornice dell'Abbazia di Rosazzo ricolma di pubblico, il collaudatissimo duo Javier Girotto (sax soprano, flauto) e Vince Abbracciante (fisarmonica), in procinto di partire per un lungo tour in Sudamerica, ha riproposto – dedicando il concerto al ricordo di Fulvio Coceani - le belle composizioni dell'ultimo disco «Santuario», insieme a un brano di Luis Bacalov (L'ultima chance, dal film omonimo), riscuotendo meritatissimi applausi, e un'ovazione finale come spesso accade nei concerti di questo duo, che evidentemente riesce a muovere delle corde particolari in tutto l'uditorio.

Reduci da un'incisione discografica per la benemerita We Insist Records («Three Tsuru Origami»), Gabriele Mitelli (tromba, trombino, soprano ricurvo), ha fatto volare il suo solismo free e cherryano sulla energica e creativa carica ritmico-armonica creata da John Edwards (contrabbasso) e Mark Sanders (batteria), alternando momenti travolgenti ad altri meditativi con la tromba sordinata, ospitando nell'ultima improvvisazione Daniele D'agaro sul suo (di Mitelli) soprano ricurvo, fornendo come sempre una prova magistrale.
I Thumbscrew (Tomas Fujiwara, batteria; Michael Formanek, contrabbasso; Mary Halvorson, chitarra), hanno ancora una volta convinto, dopo una grande prova di qualche giorno prima al festival di Skopje. Halvorson ha sempre il suo suono semiacustico chiaro, veloce e pulito, fa un uso parco ma miratissimo di effetti, con risultati personalissimi, mai scontati. Con questa ritmica l'intesa è perfetta, grazie alla presenza fondamentale del contrabbasso e allo stile ricercato e creativo del batterista. Nel programma anche standard, i tre hanno finemente cesellato idee musicali con un suono che ormai ha assunto una propria classicità.

In sostituzione dei previsti Binker & Moses, bloccati da uno sciopero dei voli, Pasquale Mirra e Hamid Drake, al Teatro Comunale, hanno suonato come meglio non si potrebbe, con il loro repertorio che omaggia Don Cherry e Alice Coltrane, in un set che ha davvero lasciato il segno, durante il quale Drake ha avuto per Mirra, come musicista e come essere umano e amico, parole di elogio tali da commuoverlo. I due insieme sono semplicemente perfetti, mai una nota o un ritmo fuori posto, in una reciproca, quasi simbiotica interazione.

Guantanamo è il nome di un gruppo formato dal pianista Fabrizio Puglisi da circa un decennio, che nella Kulturni Dom di Nova Gorica era accompagnato da Pasquale Mirra al vibrafono, Luca Valenza alla marimba, Davide Lanzarini al contrabbasso, Gaetano Alfonsi alla batteria e Danilo Mineo alle percussioni, congas e cajon. Un viaggio nei colori e nei ritmi afrocubani fra brani originali del leader e pregevolissime composizioni appartenenti alla migliore storia del jazz (Ezz-thetics di George Russell e Directions di Joe Zawinul con una bella intro di piano solo, Un poco loco di Bud Powell), con ampi spazi per il vibrafono e le percussioni, per un progetto di grande finezza, coinvolgente e trascinante, e che è solo uno dei tanti diversi aspetti che compongono la variegata e apprezzatissima figura artistica del musicista siciliano.

Ci sono nel jazz delle storie che sono come dei capitoli a parte, talmente peculiari da rappresentare qualcosa di unico. È il caso dei Sex Mob di Steven Bernstein, un quartetto (con il leader alla slide trumpet, Brigan Kraus all'alto, Tony Scherr al contrabbasso e Kenny Wollesen alla batteria) attivo da ben venticinque anni, come rimarcato con autoironia da Bernstein durante il concerto a Villa Attems. E le storie di questo gruppo sono storie di successi meritatissimi, di tanti dischi realizzati, di concerti coinvolgenti, dinamici, divertenti ma ricolmi di alti contenuti musicali, di assolo brucianti, tra brani originali e notissime cover, omaggi a Nino Rota, tutti arrangiati come meglio non si potrebbe. Nel concerto grandi prestazioni da parte di tutti, ma con menzioni particolari per Wollesen, un musicista che spicca in ognuno degli innumerevoli gruppi cui collabora, e per Krauss, protagonista di un assolo bruciante.

Il Teatro comunale di Gradisca d'Isonzo ha ospitato il gruppo Fire! Italian Defeat, che affiancava al leader Mats Gustafsson e ad alcuni componenti storici della formazione dei musicisti italiani, fra cui Fabrizio Puglisi e Sebi Tramontana. I brani presentavano quasi tutti una struttura comune, basandosi su semplici riff sui quali poggia una costruzione collettiva che lasciava spazio a momenti solistici, come per il flauto di Gustafsson nel brano iniziale. Poco valorizzate nell'insieme le doti di Tramontana, che ha trovato spazio solo nel bis per un bel duo con l'altro trombonista Mats Äleklint.

Il duo composto da Bugge Wesseltoft (pianoforte, piano elettrico e synth) e Henrik Schwarz (tastiere, elettronica), attivo da oltre un decennio, al Teatro comunale di Cormons ha suonato un set non particolarmente convincente. Se da un lato emergevano con evidenza le doti pianistiche di Wesseltoft, la sua padronanza della musica classica, del minimalismo, i suoni vintage del synth, l'influenza di Schwarz tendeva a trascinare la musica verso una deriva dance che alla lunga si rivelava troppo insistita e piuttosto vuota. Un'occasione parzialmente mancata, dunque.

Nella Tenuta Villanova, il concerto mattutino di Camilla Battaglia e Rosa Brunello (contrabbasso, basso elettrico e voce) ha centrato l'obiettivo: un lavoro su canzoni debitamente reinventate (Waits, ma anche Zero e Bersani), che presto sarà su disco, nel quale Battaglia è stata particolarmente convincente, con una voce particolarmente adatta, e Brunello ha suonato il contrabbasso con tecnica adamantina, per poi passare a un uso del basso elettrico funzionale al progetto, creando grazie alla pedaliera e all'elettronica dei tappeti sonori di sostegno al canto e alle cangianti variazioni timbriche messe in campo da Battaglia, rivelandosi anche ottima vocalist in un brano.

Il festival offre anche una importante serie parallela di eventi musicali, denominata Jazz & Taste e coordinata da Eduardo Contizanetti. A Borgo Gradis'ciutta chi scrive ha assistito a uno splendido concerto in duo fra il contrabbassista Romano Todesco e Francesco Bearzatti, con brani originali del sassofonista e clarinettista e classici del jazz, in un'atmosfera magica, intima e colloquiale, arricchita da una degustazione di vini di grande qualità.

A Vipolže, in Slovenia, l'atteso trio di James Brandon Lewis, la nuova formazione con un disco in uscita per il prossimo febbraio, con Cristopher Hoffman al violoncello elettrico e Max Jaffe alla batteria. Un trio di rara efficacia, una ritmica validissima – a tratti quasi punk - che ha fatto volare il sax tenore di JB Lewis come meglio non si potrebbe, fra rimembranze rollinsiane e ornettiane, con il suo suono travolgente, senza preamboli, che va diritto al sodo, sino ad arrivare all'urlo del free storico, per poi tornare alla tradizione del pianoless trio, in una sintesi creativa degli stili tenoristici africano americani, con assolo tutti diversi, momenti infarciti di citazioni di standard, altri lirici, per un set semplicemente sublime, da antologia, che resterà negli annali del festival.

Chiusura come di rito nel teatro di Cormons, con un concerto cameristico e raccolto (anche per l'assenza del batterista causata da motivi di salute) del chitarrista Julian Lage e del contrabbassista Jorge Roeder. Lage è uno dei nomi del momento della chitarra: fa parte del New Masada di John Zorn, ha registrato più volte in trio con Bill Frisell e Gyan Riley, e con il suo trio. Grazie anche alla sorprendente tecnica di Roeder, il concerto è stato estremamente gradevole, toccando il vertice nell'esecuzione di Emily, lo standard reso noto da Bill Evans.

In conclusione, un'edizione per i venticinque anni di Jazz & Wine of Peace davvero riuscita, che lo conferma come uno tra i migliori festival jazz italiani per ricchezza e varietà delle proposte.







Articoli correlati:
13/08/2022

Musiche Corsare: a Pier Paolo Pasolini nel centenario della nascita: "...una iniziativa che esce dalle logiche imperanti di omologazione e consumo, lasciando spazio alle musiche che ancora oggi tentano di preservare la bellezza..." (Vincenzo Fugaldi)

21/05/2022

Edizione Speciale (Enrico Rava)- Gianni Montano

30/11/2021

Bergamo Jazz Festival 2021: "Emozione. È questa la parola che ha fatto da filo conduttore a uno dei più longevi jazz festival italiani. Diretto per la prima volta da una donna, Maria Pia De Vito..." (Vincenzo Fugaldi)

30/09/2020

Una Striscia di Terra Feconda 2020: "Con encomiabile coraggio e determinazione Paolo Damiani e il suo sodale francese Armand Meignan non hanno voluto interrompere in questo anno difficile il loro festival, giunto alla ventitreesima edizione." (Vincenzo Fugaldi)

06/10/2019

AtinaJazz Festival 2019: "Un bel festival che da trentaquattro anni si tiene in un paesino incantevole della Valcomino, così nei cinque giorni di fine luglio si sono potute ascoltare delle interessanti realtà artistiche locali, e alcuni protagonisti della storia del jazz di oggi." (Vincenzo Fugaldi)

27/07/2019

Correggio Jazz 2019: "Inserito nel circuito Crossroads, Correggio Jazz, come sempre, chiude la lunga itinerante manifestazione musicale emiliano-romagnola." (Aldo Gianolio)

25/05/2019

Torino Jazz Festival: "Il nuovo corso del Festival Jazz di Torino ha incrementato nell'edizione 2019 il grande successo dell'anno precedente, con il dodici per cento in più di presenze che sono arrivate a 25 mila in nove giorni, e diversi concerti sold out..." (Aldo Gianolio)

26/01/2019

Boogie Jazz Season: Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB.

15/09/2018

Intervals I (Franco D'Andrea Octet)- Gianni Montano

15/08/2018

Fano Jazz By The Sea - XXVI Edizione: "Articolato in nove intense giornate, diamo il resoconto della settima, con i tre concerti di Francesco Bearzatti in solitaria; Bill Frisell col quartetto e Giovanni Guidi col trio Drive!" (Aldo Gianolio)

19/05/2018

Piacenza Jazz Fest 2018 - XV Edizione: "Il Piacenza Jazz Fest, fiore all'occhiello per la città, ha compiuto quindici anni festeggiati nei migliori dei modi, con una edizione ricca, varia e di qualità." (Aldo Gianolio)

18/03/2018

Thinking Beats Where Mind Dies (Danilo Gallo Dark Dry Tears)- Enzo Fugaldi

27/01/2018

Piacenza Jazz Fest 2018: XV Edizione: Più di 50 eventi in 40 giorni nei più bei teatri e location di Piacenza e provincia. Grande attesa per Toquinho Dave Douglas, Uri Caine, Lee Konitz, Michel Portal, Mauro Ottolini e Vjay Iyer

14/01/2018

I primi due giorni di Umbria Jazz Winter 2017/2018: "Per i suoi venticinque anni Umbria Jazz Winter si è voluta trattare bene: a Orvieto: un sacco di musicisti, molti dei quali "resident artist" che grazie a questo si sono esibiti in più concerti." (Aldo Gianolio)

23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

21/09/2017

Rumori Mediterranei XXXVII Edizione: "Lo storico festival del meridione italiano è arrivato alla XXXVII edizione, dopo alcuni anni di incertezze e di svolte, inaugurando un nuovo corso organizzativo." (Vincenzo Fugaldi)

08/01/2017

Il mondo che verrà (Raffaello Pareti "The Roar at the Door")- Gianni Montano

04/06/2016

Solo (Carmine Ioanna)- Gianni Montano

26/10/2015

Sixth Sense (Roberto Gatto Quartet: A. Cohen, F. Bearzatti, D. Weiss))- Gianni Montano

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

05/07/2015

Live In France (Francesco Bearzatti & The Bears feat. Eric Surmenian and Manu Roche)- Enzo Fugaldi

05/01/2015

Elements (Seven Steps Quintet)- Gianni Montano

26/10/2014

The Beat Goes On (Elisabetta Antonini)- Alceste Ayroldi

06/07/2014

Walter Beltrami Kernel Panic: "...un concerto energico e travolgente. Un quintetto di forte personalità individuali e con un collettivo animo rock, sperimentale e audace." (Valeria Loprieno)

25/05/2014

Imagine (Martux_m Crew)- Alessandra Monaco

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

16/03/2014

Roberto Gatto Special Quartet: "Gatto, Cohen, Bearzatti, Weiss: una performance che è stata costellata da preziose perle musicali, da fraseggi intensi e improvvisazioni originali." (Valeria Loprieno)

02/02/2014

Intervista a Franco D'Andrea: "Il bop ci ha dato l'apertura mentale per andare avanti. Non è superato, ma acquisito. Non è un punto di arrivo. E' lo spirito che ci fa cercare il nuovo." (Marco Buttafuoco)

22/09/2013

Varandas Do Chiado (Massimo Cavalli)- Francesco Favano

21/07/2013

Marcel & Solange Trio e Giovanni Falzone Quintet "Around Ornette": Nell'ambito del festival "Una Striscia di Terra Feconda", il Marcel & Solange trio con le loro "atmosfere minimaliste e rarefatte" e il personale omaggio a Ornette Coleman di Giovanni Falzone con suo Quintet. (Valeria Loprieno)

09/06/2013

Monk'n'nroll (Francesco Bearzatti Tinissima 4et)- Marco Losavio

29/12/2012

I Separatisti Bassi (Mauro Ottolini)- Roberto Biasco

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

07/10/2012

Postural Vertigo Quintet: "Bravura, tecnica, rapidità di pensiero e un ardimentoso senso improvvisativo per una musica che sgorga sincera, genuina e che trova uno sviluppo armoniosamente perfetto." (Giovanni Greto)

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

15/07/2012

Cromosoma Alfa (Otello Savoia Dispair 5et)- Vincenzo Fugaldi

24/06/2012

Mo' Avast Band (Mauro Gargano)- Gianni Montano

01/05/2012

The Sky Above Braddock (Mauro Ottolini Sousaphonix)- Enzo Fugaldi

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

16/01/2012

The Roar At The Door (Raffaello Pareti)- Alessandro Carabelli

13/01/2012

Around Ornette (Giovanni Falzone Quintet) - Alceste Ayroldi

18/12/2011

Intervista con Giovanni Falzone: "Oggigiorno mi capita spesso di sentire molte cose che mi fanno pensare che ci sia la tendenza a far diventare il jazz un po' musica di maniera, e c'è poca autenticità sia nei gesti, sia nel preparare un progetto, sia nel suono delle cose che si sentono in giro." (Eva Simontacchi)

22/10/2011

Castroreale Jazz Festival: "La suggestiva cornice della piazza Pertini di Castroreale in provincia di Messina, una piccola perla dei Peloritani, accoglie da oltre un decennio un festival diretto con passione da Piero Salvo insieme a un ristretto numero di validissimi collaboratori. Quest'anno, dopo la serata iniziale dedicata al violoncellista Ernest Reijseger in trio con Harmen Fraanje e Mola Sylla, si sono esibiti Rita Marcotulli con Francesco Bearzatti, lo ZZ Quartet di Simone Zanchini e il grande contrabbassista francese Renaud Garcia-Fons." (Vincenzo Fugaldi)

27/09/2011

Paroximal Postural Vertigo (Walter Beltrami) - Cinzia Guidetti

25/09/2011

Roccella Jazz Festival 2011 - "Unitàlia In-Attesa": Come tante altre rassegne, jazzistiche e non, l'edizione 2011 di Rumori Mediterranei, con la direzione artistica di Paolo Damiani, ha reso omaggio ai 150 anni dell'unità d'Italia con alcuni progetti mirati e la consueta kermesse di artisti internazionali di primissimo piano provenienti da culture di ogni dove e capaci di rendere unica anche questa trentunesima edizione che, purtroppo, rischia di sparire. (Vincenzo Fugaldi)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

04/07/2011

Young Jazz 2011: "Young Jazz si conferma una delle realtà più interessanti del panorama dei festival jazz italiani, grazie non solo alle felici scelte della direzione artistica affidata anche quest'anno a Gianluca Petrella, ma anche al profondo radicamento nel territorio, che coinvolge oltre alla città di Foligno altre vicine incantevoli località offrendo visite guidate a musei e monumenti di eccezionale bellezza, e da quest'anno una sezione speciale denominata Jazz Community, dedicata ai bambini, agli anziani e ai disabili." (di Vincenzo Fugaldi)

15/05/2011

Giovanni Falzone in "Around Ornette": "Non vi è in tutta la serata, un momento di calo di attenzione o di quella tensione musicale che tiene sulla corda. Un crescendo di suoni ed emozioni, orchestrati da Falzone, direttore, musicista e compositore fenomenale, a tratti talmente rapito dalla musica da diventare lui stesso musica, danza, grido, suono, movimento. Inutile dire che l'interplay tra i musicisti è spettacolare, coinvolti come sono dalla follia e dal genio espressivo e musicale del loro direttore." (Eva Simontacchi)

23/01/2011

Francesco Bearzatti Tinissima Quartet. All'Auditorium Parco della Musica, un'esperienza dal vivo con "X (Suite for Malcolm)". "Una performance caratterizzata da grande libertà espressiva, come è nello stile del quartetto di Berzatti e dalla notevole varietà delle composizioni e delle atmosfere, legate da un filo conduttore ma non strettamente interdipendenti. Emerge in maniera efficace il messaggio di libertà e dignità portato avanti dal leader afroamericano." (Laura Mancini)

26/12/2010

European Jazz Expo 2010: "...si possono delineare suggestioni comuni "trasversali" tra artisti diversi. Una moderna valenza "ipnotico rituale" ad esempio in Francesco Bearzatti e Marc Ayza; una forte componente "Etnico - tradizionale" ad esempio in Salis - Murgia - Angeli e Paco De Lucia; i legami con il pop e/o il R&B o la fusion in Sanborn e Ritenour ma anche in Pino Daniele. E' apparsa isolata dal contesto la cifra stilistica di Chiara Civello, che come legame con il jazz ha avuto forse quello di avvalersi della collaborazione di validi jazzisti che comunque non hanno suonato jazz, ma musica pop di buona fattura." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

23/10/2010

X (Suite for Malcolm) (Francesco Bearzatti Tinissima 4et feat. Napoleon Maddox)- Gianni B. Montano

16/08/2010

Igloo (Remo Anzovino)- Antonio Terzo

25/07/2010

Beat Spirit (Claudio Cojaniz – Francesco Bearzatti)- Vincenzo Fugaldi

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

18/04/2010

Han Bennink & Daniele D'Agaro per Risonanze 2010 a Venezia: "Non poteva aprirsi in maniera più felice la stagione 2010 di Risonanze...i musicisti hanno dato vita ad un unico set che ha tenuto desta l'attenzione di un pubblico eterogeneo, ipnotizzato dal virtuosismo di entrambi...Improvvisazione pensata e tradotta in suono sull'istante." (Giovanni Greto)

02/01/2010

Exotica Domestica (Daniele D'Agaro Adriatics Orchestra) - Giuseppe Mavilla

29/11/2009

Depart e Tomasz Stanko Quintet per la XII^ edizione del festival "Jazz & Wine of Peace" a Cormòns: "Una serata ricca di pathos, che ci ha fatto sognare e che - e questo è un gran pregio - non ha mai indotto il cervello a produrre quel fastidioso pensiero di guardare l'orologio." (Giovanni Greto)

25/10/2009

Remembering Weather Report (Miroslav Vitous Group w/Michel Portal) - Dario Gentili

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

05/09/2009

Timoka (Walter Beltrami) - Marco Losavio

18/01/2009

The Birth (Sandro Fazio), Incipit (Giuseppe Finocchiaro), Geometrie Semplici (Fabrizio Mandolini)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

13/08/2008

Clusone Jazz Festival: "La ventottesima edizione del festival ha avuto come sempre la sua conclusione con una tre giorni finale ambientata a Clusone e dintorni. Un festival che presta attenzione nei confronti delle nuove tendenze e dei giovani musicisti." (Roberto dell'Ava)

22/07/2008

Suite For Tina Modotti (Francesco Bearzatti Tinissima Quartet)

06/07/2008

Comeglians (Daniele D'agaro Adriatic Orchestra)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

28/06/2007

Nuova gallery con le foto di Marco D'Amico.

23/04/2007

Kind Of Illusion (Luca Cacucciolo)

28/01/2007

Stolen Days (Francesco Bearzatti Sax Pistols)

28/01/2007

Circle (Michelangelo Decorato Trio)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

20/11/2006

Ecologic Island (Mauro Ottolini)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...

01/09/2006

Il Bizart Trio a Bari in Jazz: "Elevati livelli di fluidità e coesione, impianti ritmici che vanno oltre la tradizione, sapientemente disegnati da Aldo Romano che ha mantenuto costantemente il drumming su quote di alta raffinatezza e poesia." (Alceste Ayroldi)

09/08/2006

Chante (Aldo Romano)

13/05/2006

Indigo4 (Gianluca Petrella)

21/04/2006

Michel Portal e Bojan-Z duo per Musicus Concentus: "...un duo che coniuga mirabilmente avanguardia e tradizione, impegno e grande comunicatività, palpabile gioia di suonare insieme e grande amore e rispetto per chi ascolta." (Enzo Fugaldi)

26/03/2006

Michel Portal Quartet feat. Louis Sclavis allo IUC di Roma: "...da un lato l'ascoltatore viene catturato dall'estasi di una poliritmia che rimanda all'Africa e dall'altro è invitato a seguire il corso di melodie suadenti cullanti..." (Daniele Mastrangelo)

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

10/12/2005

Night Funk (Tommaso Genovesi Quartet)

20/11/2005

Danilo Rea e Gianluca Petrella: gli Italiani di Berchidda: "...l'interpretazione jazz dei capolavori di De Andrè mette in rilievo la sensibilità musicale di Rea..." - "Senza nulla togliere al collega jazzista e ad altri artisti pure di riguardo, quale gladiatore di quest'estate jazz-festivaliera possiamo additare Gianluca Petrella..." (Antonio Terzo)

30/09/2005

Intervista a Francesco Bearzatti: "...io sono rockettaro d'animo. Ho trascorso la mia infanzia nella provincia friulana, dove con i coetanei ascoltavamo Led Zeppelin, i Deep Purple, poi è arrivato il punk, Ramone, Sex Pistols, eccetera..." (Antonio Terzo)

02/09/2005

Circular Thought (Kekko Fornarelli)

13/08/2005

Concerts (Michel Portal – Richard Galliano)

10/07/2005

Dialogs, mostra di grandi tele di Arturo Carmassi - featuring Francesco Bearzatti, Marco Tamburini e Achille Succi: "...Un viaggio - anzi tre - attraverso le "grandi tele" che il maestro toscano ha realizzato dagli anni '90 ad oggi, nella sua ricerca incessante verso le possibilità espressive del segno e della creazione..." (A. Terzo, F. Albanese)

01/07/2005

Innovazione e tradizione a Terniinjazz 2005 con i "Sax Pistols" di Francesco Bearzatti "...Un progetto che riesce ad applicare la migliore improvvisazione di matrice jazz ad un repertorio rock moderno..." e il piano di Abdullah Ibrahim: "...Superba, nondimeno, la performance, il cui finale a note sospese merita il sentito applauso dei presenti." (Antonio Terzo)

07/05/2005

Francesco Bearzatti e il suo Bizart Trio insieme a Enrico Rava: "...La musica del quartetto è una musica larga, che respira, fatta anche di pause, di spazi aperti…ma soprattutto è una musica dove trovano posto senza sopraffarsi a vicenda, anzi, arricchendosi reciprocamente in un'autentica contaminazione..." (Vito Mancino)

06/12/2004

Hope (Bizart Trio)

13/04/2004

Michel Portal Trio per Jazz all'Ambra: "Dalla musica classica al jazz più ortodosso all'avanguardia più radicale: la capacità live più sorprendente di Portal è di mescolare tali stili e generi anche in uno stesso brano..." (Dario Gentili)

21/09/2003

A Gezziamoci 2003 di scena il Bizart Trio con la sua 'musica non convenzionale': "Francesco Bearzatti, Emmanuel Bex ed Aldo Romano intraprendono il "loro" viaggio all'interno della "loro" musica, definita da essi stessi poco convenzionale, proprio come il nome dato al trio..." (Dino Plasmati)

12/04/2003

Virus (Francesco Bearzatti Trio)





Video:
Promo Tina Modotti Video Project
Francesco Bearzatti Tinissima QuartetTerni, Anfiteatro Romano, 29 giugno 2008...
inserito il 26/02/2010  da grecamp - visualizzazioni: 3612
Tina Modotti Video Project
Francesco Bearzatti Tinissima QuartetTerni, Anfiteatro Romano, 29 giugno 2008...
inserito il 17/02/2010  da grecamp - visualizzazioni: 3879
Tinissima Quartet - Malcolm X Suite - X (the End)
Tinissima Quartet - Malcolm X Suite - X (the End)...
inserito il 21/12/2009  da emaserr - visualizzazioni: 3481
TINISSIMA_JAM | Terni in Jazz Season 19 Dicembre 2009
Francesco Bearzatti, Giovanni Falzone, Zeno De Rossi, accompagnati al piano eccezionalmente da Alessandro Bravo...
inserito il 20/12/2009  da emaserr - visualizzazioni: 3725
Francesco Bearzatti - Tinissima quartet - 15 0ct 2009 008 -
jazz sur son 31 Toulouse - le quartet de francesco Bearzatti , un super bout d'Italie !...
inserito il 15/11/2009  da crolland9 - visualizzazioni: 3279
16 0ct 2009 006 - Francesco Bearzatti "Tinissima quartet"
festival " jazz sur son 31 " à Toulouse - automne club jeudi 15 oct : Francesco Bearzatti " Tinissima quartet " avec Giovan...
inserito il 14/11/2009  da crolland9 - visualizzazioni: 3705
Anfiteatro Fausto (Terni)
Sabato 28 - Kenny Werner QuartetDegustazione di Vini: AmaroneDomenica 29 - Francesco Bearzatti Tinissima QuartetDegustazione di Vini: Barolo e Barbare...
inserito il 02/12/2008  da ACUbure - visualizzazioni: 4382
RDV de l'Erdre 2008
Francesco Bearzatti Tinissima Quartet au festival de jazz les Rendez-vous de l'Erdre 2008 à Nantes....
inserito il 27/09/2008  da Lowest0ne - visualizzazioni: 3831


Inserisci un commento


© 2000 - 2023 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 484 volte
Data pubblicazione: 18/12/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti