Jazzitalia - Live: Mediterraneo Jazz - Curva Minore Contemporary Sounds 2022
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Mediterraneo Jazz

Curva Minore Contemporary Sounds 2022
Parco archeologico di Selinunte, Baglio Florio, 15-24 luglio 2022
di Vincenzo Fugaldi

Curva Minore - Giancarlo Nino LocatelliCurva Minore - Gramms - GuarrellaCurva Minore - Hayden ChisholmCurva Minore - Inedito SeptetCurva Minore - Luca TilliCurva Minore - Miranda - ChisholmCurva Minore - Mitelli - CalcagnileCurva Minore - Philip Zoubek
Curva Minore - Mitelli - CalcagnileCurva Minore - Monk Jazz OrchestraCurva Minore - PipelineCurva Minore - Sebastian GrammsCurva Minore - Sebi TramontanaCurva Minore - Sebi TramontanaCurva Minore - Slow Fox TrioCurva Minore - Francesco Guerri
Curva Minore - Slow Fox TrioCurva Minore - SoundpaintingCurva Minore - Stefano CalderanoCurva Minore - TellkujiraCurva Minore - Tilli - TramontanaCurva Minore - Alberto BraidaCurva Minore - Francesco Diodati
Curva Minore - Alessandro PrestiCurva Minore - Ambra Chiara MichelangeliCurva Minore - Calcagnile - SabellaCurva Minore - Cristiano CalcagnileCurva Minore - Dino RubinoCurva Minore - Gabriele MitelliCurva Minore - Giancarlo Nino Locatelli
click sulle foto per ingrandire

Per il secondo anno consecutivo sono tornate a Selinunte le coraggiose e avvincenti proposte di Curva Minore, associazione che ha il merito di aver fatto transitare dalla Sicilia occidentale quanto di meglio esprime la scena contemporanea mondiale della musica improvvisata. L'appuntamento estivo, nella suggestiva cornice del parco, sembra meritoriamente destinato a conquistarsi continuità, data la interessante varietà delle proposte dell'associazione, sempre attenta a intercettare i nuovi fermenti della scena creativa.

La prima serata del primo fine settimana ha visto l'esordio in Sicilia di una formazione italiana insolita e innovativa, i TellKujira. Violoncello e viola, fin qui sembra l'inizio della formazione di un quartetto d'archi ma, al posto dei violini, due chitarre elettriche. Francesco Guerri, Ambra Chiara Michelangeli, Francesco Diodati e Stefano Calderano hanno creato questa formazione meno di due anni addietro. Provenienti da esperienze artistiche molto diverse (Diodati uno dei più quotati e creativi chitarristi jazz, prediletto da Enrico Rava e ideatore di svariati validissimi progetti a suo nome; Calderano attivo nel jazz romano più avanzato, con un'incisione per l'etichetta Auand; Guerri violoncellista a cavallo fra musica contemporanea e libera improvvisazione, protagonista di una infinità di collaborazioni eccellenti e di pregevoli dischi; Michelangeli provetta improvvisatrice con una incisione per la portoghese Clean Feed in una formazione denominata Dròlo Ensemble), i quattro sul palco agiscono senza leader, con una concezione totalmente democratica, e svolgono un lavoro finissimo sui timbri e sul suono, preparando a tratti gli strumenti con delle mollettine, utilizzando frequentemente gli armonici, creando un flusso sonoro oscillante tra pianissimo e medio, che tenta di superare ogni steccato, ogni confine fra i generi, evocando a tratti immaginari film distopici.

Il duo Sebi Tramontana (trombone) e Luca Tilli (violoncello) ha confermato le aspettative: nel loro breve set hanno incrociato coulisse e corde in un gioco raffinato e dinamico, dove il trombonista, oltre a prodigarsi come sempre nella pratica improvvisativa della quale è uno dei maestri assoluti della scena europea, utilizzava melodicamente il fischio e la voce, adeguatamente spalleggiato dal violoncellista, seguace di Tom Cora e Tristan Honsinger. Affascinante il brano finale, una canzone dal bel testo in inglese, This is my morning song. Il Soundpainting è un linguaggio multi-disciplinare e una tecnica di direzione-composizione in tempo reale, ideata negli anni Settanta del secolo scorso dallo statunitense Walter Thompson, basata su un sistema codificato di segni in analogia a quanto fatto da Lawrence "Butch" Morris con la sua conduction.

A Selinunte il ruolo di soundpainter è andato a Giancarlo Nino Locatelli, che in un laboratorio di due giorni ha guidato un ampio gruppo di musicisti di diverse provenienze stilistiche insegnando loro il significato dei principali gesti, il cui frutto si è ascoltato nel secondo set di sabato 16 luglio. Nonostante (o forse grazie a) l'ampiezza e l'eterogeneità dell'organico (tre batterie, arpa, fiati, ecc.) il risultato musicale ha mostrato una struttura (data dalla ferrea direzione del soundpainter) e una fruibilità non scontata, sfruttando le grandi possibilità offerte dall'ensemble, creando anche ritmi suadenti, in un set fulgido e generoso, concedendo anche un bis con l'apporto di Tramontana alla voce e di Tilli.



Il duo estemporaneo fra Gabriele Mitelli (tromba e sopranino) e Cristiano Calcagnile, all'interno del Tempio di Hera, è stato dedicato da entrambi al ricordo di Lelio Giannetto. Un iniziale modulo melodico della tromba, supportato dalla fantasia ritmica di Calcagnile, per poi passare a una improvvisazione radicale al sopranino, alla tromba modificata con un bocchino da clarinetto, sempre con riferimento al modulo iniziale. Di ritorno al Baglio Florio, uno dei concerti più interessanti della rassegna, il gruppo Pipeline 8, composto da Mitelli (tromba, elettronica), Tramontana (trombone), Locatelli (clarinetti), Alberto Braida (pianoforte), Tilli (violoncello), Andrea Grossi (contrabbasso), Calcagnile (batteria) e Paolo Gaiba Riva (elettronica). Protagonisti di un progetto pubblicato dalla benemerita etichetta We Insist!, presente al festival selinuntino con un suo stand, il cui interessantissimo catalogo è visibile a https://weinsistrecords.com/catalogue/, registrato a Pisa Jazz nel 2016 e interamente dedicato a Steve Lacy, i Pipeline 8 hanno presentato a Selinunte il loro nuovo lavoro, composizioni originali di Locatelli ispirate alla poesia dell'artista inglese-irlandese Tom Raworth (1938-2017), la cui voce registrata, dalla peculiare ritmicità, ha fatto da guida durante il set. Set che, nonostante le poco frequenti possibilità di riunire il gruppo per delle prove, ha entusiasmato per la pregnanza delle bellissime e ardue composizioni, che mescolavano jazz delle origini, momenti mingusiani, swing e walking della migliore qualità, improvvisazioni feconde, dando spazio alle grandi potenzialità dei componenti, con Tramontana e Mitelli in buona evidenza, ma anche il violoncello di Tilli, i clarinetti di Locatelli, e l'ottimo sostegno ritmico di Grossi e Calcagnile.

La ripresa del festival venerdì 22 luglio è iniziata all'insegna del miglior jazz europeo: lo Slow Fox Trio del contrabbassista tedesco Sebastian Gramss, con Hayden Chisholm, neozelandese di nascita ma stabilitosi a Colonia al sax alto e Philip Zoubek, austriaco, al pianoforte. Una grande occasione quella di poter ascoltare Gramms - già esibitosi più volte per Curva Minore con i suoi progetti Bassmasse e in contesti impro - nelle sue vesti di esecutore e compositore, alla guida di un trio di rara qualità, che ha suonato un set di altissimo livello, una felice sintesi tra un jazz contemporaneo di matrice neocool, delicato e melodico, ricco di swing e i tocchi geniali dei tre che inserivano qua e là, nelle brevi composizioni, degli elementi derivanti dalla loro frequente pratica nel campo dell'improvvisazione radicale: così l'uso della voce in sorprendenti diplofonie da parte di Chisholm, le danze delle dita di Gramms sulle corde del contrabbasso (strumento che padroneggia come pochi), il lavoro all'interno della tastiera da parte di Zoubek, in un insieme coeso e coerente.

"Tre per duo" era la denominazione del primo set della serata del 24 luglio, interamente dedicata all'improvvisazione radicale. Un duo di contrabbassi (Sebastian Gramms, Giuseppe Guarrella), uno di sassofoni (Hayden Chisholm, Tommaso Miranda) e uno di batterie (Cristiano Calcagnile, Domenico Sabella). Tre momenti estremamente interessanti, senza nulla di preordinato, una sorta di rito di celebrazione della prassi improvvisativa. Senza voler fare classifiche, il maggiore impatto è stato quello del duo di batterie, forse per la natura stessa degli strumenti, o per la magica intesa creatasi. Per il secondo set, tutti sul palco per un "Inedito Septet" con l'aggiunta di Philip Zoubek al pianoforte. Un avvio ferino, con uso di alcune voci, di fatto dominato dalla forte personalità di Gramms, ma con ampio spazio per tutti, con in buona evidenza il suadente sax alto di Chisholm e i due trascinanti batteristi, per giungere attraverso differenti ottimi quadretti improvvisativi a un trascinante brano introdotto da Gramms intonato collettivamente (Mopti di Don Cherry), e chiudere con un estemporaneo tiratissimo blues avviato da Chisholm con un'armonica a bocca.

L'ultima serata del festival ha ospitato il primo concerto di una nuovissima formazione, la Monk Jazz Orchestra, nata in seno al Monk Jazz Club di Catania. Dodici elementi sul palco, fra strumenti tipici del jazz e altri di matrice etnica (mandola, oud, darbouka, tablas), per un progetto di sintesi fra jazz e world music, con una netta prevalenza del lato jazzistico. Belle composizioni di Dino Rubino, presente al pianoforte, che ha impreziosito la serata con assolo di altissima qualità, di Nello Toscano, di Toni Cattano, questi presenti solo in veste di compositori, insieme a un brano storico del jazz, Jitterbug Waltz di Fats Waller, in un arrangiamento molto curato in forma di canone, che ha ospitato un formidabile assolo di tromba di Alessandro Presti, altra colonna portante dell'orchestra. Una nuova realtà del jazz siciliano, testimonianza di una vivacità che Curva Minore si è fatta merito di valorizzare.







Articoli correlati:
13/08/2022

Südtirol Jazz Festival 'Europa': "Anno di svolta per il festival altoatesino, che ha doppiato la boa dei quarant'anni. Una edizione dedicata all'intera Europa, sempre con la consueta attenzione e curiosità per le proposte innovative." (Vincenzo Fugaldi)

21/05/2022

Edizione Speciale (Enrico Rava)- Gianni Montano

15/10/2021

Curva Minore Mediterraneo Jazz: "Nel prosieguo del sogno del compianto Lelio Giannetto, le quattro serate a Selinunte con tema principale il progetto 'BassMasse Sizilien' del contrabbassista tedesco Sebastan Gramss" (Vincenzo Fugaldi)

25/08/2021

Torino Jazz Festival 2021: "...dal jazz più ortodosso alla musica elettronica, passando in mezzo a contaminazioni rock, folk e classica, come a testimonianza dello stato multiforme odierno del jazz." (Aldo Gianolio)

06/10/2019

AtinaJazz Festival 2019: "Un bel festival che da trentaquattro anni si tiene in un paesino incantevole della Valcomino, così nei cinque giorni di fine luglio si sono potute ascoltare delle interessanti realtà artistiche locali, e alcuni protagonisti della storia del jazz di oggi." (Vincenzo Fugaldi)

16/08/2019

Südtirol Jazz Festival Alto Adige - Exploring Iberia: "...un numero impressionante di artisti provenienti dalla penisola iberica ma anche da altri paesi europei e dagli Stati Uniti, per il consueto appuntamento di inizio estate che si svolge presso un gran numero di spazi dell'Alto Adige" (Vincenzo Fugaldi)

27/04/2019

Flatus, Crocus, Prayer (Pipeline 3-5-8)- Gianni Montano

23/09/2017

A Beautifull Story (Rosario Bonaccorso)- Alceste Ayroldi

27/11/2016

Multikulti Cherry On (Cristiano Calcagnile)- Enzo Fugaldi

11/09/2016

Curva Minore - Jazz / Not Jazz : "Questa prima edizione del festival era dedicata a una delle figure di riferimento del contrabbasso del jazz più avanzato, lo statunitense Mark Dresser." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2016

Südtirol Jazz Festival Alto Adige 2016 - "New Sounds - Fresh Perspectives": "Il festival altoatesino prosegue nel suo lodevole intento di coinvolgere l'intero territorio della Provincia, dedicando l'edizione principalmente all'incontro fra musicisti della vicina Austria e musicisti italiani." (Vincenzo Fugaldi)

08/08/2016

Newswok (Giancarlo Tossani Synapser + Ralph Alessi)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Wild Dance (Enrico Rava Quartet)- Alceste Ayroldi

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

12/10/2014

(In)Obediens (Fabio Sartori, Marco Colonna, Cristiano Calcagnile)- Nina Molica Franco

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

28/12/2013

Quattro chiacchiere con...Giuseppe Mirabella: "Con i tempi che stiamo vivendo non puoi più dare per scontato che farai il musicista per il resto della tua vita..." (Alceste Ayroldi)

20/11/2013

Sleepless (Loredana Melodia)- Francesco Favano

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

18/08/2013

Travelers (Matteo Bortone)- Alceste Ayroldi

09/06/2013

Dedicato (Alessandro Paternesi P.O.V. Quintet)- Roberto Biasco

17/03/2013

Quattro chiacchiere con...Francesco Diodati: "Ogni giorno scopro qualcosa di nuovo bellissimo e stimolante, e riscopro vecchie conoscenze." (Alceste Ayroldi)

12/01/2013

Braintrain (Salvatore Pennisi - Giuseppe Mirabella) - Alceste Ayroldi

22/12/2012

Quattro chiacchiere con...Dino Rubino: "...ascoltare musica di cui alla fine non ricordo nemmeno un tema mi annoia. Ecco perchè non mi piace tutta o gran parte della nuova musica che va di moda in questo momento a New York." (Alceste Ayroldi)

18/11/2012

Suono Di Donna (Ada Montellanico)- Roberto Biasco

02/11/2012

Coltrane Project (Riccardo Fioravanti Trio)- Alceste Ayroldi

16/09/2012

Moon Is Here (Claudio Giambruno 5tet feat. Dino Rubino) - Alceste Ayroldi

07/07/2012

Red Inside (Antonella Catanese)- Francesco Martinelli

24/06/2012

Buona musica e prodotti d'eccellenza del territorio: una formula premiata dall'afflusso del pubblico che ha riempito ogni sera la bella piazza Enriquez. (Vincenzo Fugaldi)

24/12/2011

Cieli Di Sicilia (Maurizio Giammarco & Orchestra Jazz del Mediterraneo) - Alceste Ayroldi

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

20/11/2011

Moody'n (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

02/05/2011

Slaves (Gianluca Petrella Tubolibre)- Enzo Fugaldi

23/04/2011

Piccole interviste visionarie: Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino. Cinquant'anni in due, e a vederli sembra anche meno..."A 16 anni suonavo in un'orchestra ed ero il "piccolo" del gruppo; quando improvvisamente arriva questo bambino di otto anni con un sassofono più grande di lui e mi ruba il primato. Da allora siamo diventati profondamente amici ed abbiamo diviso moltissime delle nostre esperienze musicali in varie formazioni, ma è senz'altro il duo la formula in cui uno dialoga e risponde musicalmente all'altro nel modo più intimo." (di Viviana Maxia)

20/03/2011

Intervista a Claudio Quartarone: "La musica per me è un bisogno primario, dopo il respirare...non è solo bellezza, è il sublime." (di Liliana Rosano)

19/12/2010

Travel Dialogues (Francesco Cafiso - Dino Rubino)- Alessandro Carabelli

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

25/07/2010

Six Dances Under (Antonio Borghini & Malebranche)- Vincenzo Fugaldi

24/04/2010

...Ma io ch'in questa lingua (Chant Trio)- Elio Marracci

14/03/2010

Welcome (Piero Delle Monache) - Alceste Ayroldi

06/02/2010

Purple Bra (Francesco Diodati Neko)- Enzo Fugaldi

05/01/2010

Solidago (Cristina Zavalloni)- Enzo Fugaldi

22/11/2009

Il buio acceso (Domenico Caliri Violongerìa) - Laura Mancini

08/11/2009

Effetto Ludico (Alessandro Sacha Caiani) - Alceste Ayroldi

11/10/2009

Blog (Antonello Sorrentino s.t. Quintet) - Giuseppe Mavilla

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

20/06/2009

Light (The Giovanni Mazzarino New Quintet)

26/05/2009

Intervista a Francesco Cafiso: "...Senza tecnica non vai da nessuna parte, bisogna conoscere lo strumento e avere capacità strumentali notevoli. Se non hai la tecnica neanche la personalità dell'artista e la sua sensibilità possono emergere totalmente. Bisogna però farne un uso intelligente per far prevalere la musica, le emozioni e non la voglia di far vedere quanto si è bravi a muovere le dita." (Viola Martinini)

13/04/2009

Francesco Cafiso e Dino Rubino aprono la stagione 2009 di The entertainer: "Non sono mancati i momenti intensi e lirici che hanno una volta di più confermato quanto sia grande il talento di questo ragazzo. Un musicista che ha il jazz dentro la sua anima di artista, che vive emotivamente la musica che suona..." (Giuseppe Mavilla)

09/02/2009

Portrait In Black And White (Francesco Cafiso Sicilian Quartet)

08/02/2009

Jazz & Wine, Live Music Buffet presso il Palermo Jolly Hotel con la direzione artistica di Giovanni Mazzarino: "Chissà perché le iniziative o gli esperimenti più interessanti durano poco e finiscono per sparire. Grandi hotel internazionali hanno un proprio jazz club di riferimento, spesso anche accorpato nelle proprie pertinenze, dove vengono chiamati a suonare dei jazzisti di rilievo, sia locali che stranieri, per il diletto di ospiti ed esterni." (Antonio Terzo)

04/05/2008

Intervista con Dino Rubino: "Ho iniziato ad amare la musica sin da piccolo, essendo cresciuto in un ambiente dove essa era compagna di tutti i giorni. Ad 11 anni ho iniziato a studiare pianoforte al Conservatorio di Catania ed a 14, dopo aver assistito ad un concerto di Tom Harrell, ho deciso di iniziare lo studio della tromba e del jazz. A 20 anni ho avuto una crisi musicale, decisi di mollare la tromba per ricominciare lo studio del pianoforte." (Giovanna Scibona)

25/02/2008

Le secolari pietre che formano l'ipogeo della masseria "Il Trappeto" di Monopoli, hanno accolto Irio De Paula, uno dei più grandi chitarristi della cultura brasiliana e il Tubolibre Quartet di Gianluca Petrella. (Mariagiovanna Barletta)

23/02/2008

A24 (A24)

28/01/2007

Coherent deformation (Giancarlo Tossani Synapser)





Video:
FRANCESCO CAFISO 4 OUT @ BLUE NOTE 11/1/2011
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 16/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 4086
Francescco Cafiso For Out - I hear a rapsody
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Sefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 14/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 3652
Francesco Cafiso 4 out @ Blue Note 11 gennaio 2011 (BIS)
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 11/01/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 3891
OJFESTIVAL2010-VASANELLO-CAFISO/RUBINO
ORTACCIO JAZZ FESTIVALVASANELLO 15/18 LUGLIO 2010...
inserito il 26/07/2010  da maracao - visualizzazioni: 3515
Cafiso - Rubino ...
ProveCheck Sound...
inserito il 06/04/2010  da MacertoVideo - visualizzazioni: 3440
Pablo (Dino Rubino, Francesco Cafiso and the Island Blue Quartet)
catania jazz, a new trip tour...
inserito il 20/01/2010  da fab2yeux - visualizzazioni: 3497
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 3492
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 3651
ALBERTA BRAVO CAFE E FRANCESCO 092FRANCESCO CAFISO THE GENIOUS!!!|!BOLOGNA OTTOBRE 2009
20 e 21 ottobre Bologna al Bravo Caffè Francesco Cafiso THE GENIUS !!!! grazie di darci una emozione che dai tempi di Coltraine o dei grandissimi...
inserito il 22/10/2009  da albertantonia - visualizzazioni: 3922
Gallarate Jazz Festival 2009 - Francesco Cafiso parte 1
Prima parte dell'intervento di Francesco Cafiso al Gallarate Jazz Festival 2009Leggi articolo:http://www.portaleassesempione.it/cultura/4580-g...
inserito il 12/10/2009  da Assesempione - visualizzazioni: 3807
Cafiso & Rubino in Concerto a Sant'Agata M.
Sant'Agata Militello (Me) - Nell'incantevole scenario del "Castello Gallego", Francesco Cafiso, il talento più recente ...
inserito il 25/07/2009  da cirosca3 - visualizzazioni: 3386
il moro cava de' tirreni-FRANCESCO CAFISO,DINO RUBINO,ALDO VIGORITO E AMEDEO ARIANO
Francesco Cafiso, Dario Rubino, Amedeo Ariano, Aldo VigoritoConcerto solo su prenotazione onlinePrenotazioni online chiuse. Telefonare al moro per inf...
inserito il 28/06/2009  da elchimico - visualizzazioni: 3397
Enrico Rava conferenza stampa
Enrico Rava...
inserito il 27/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 4673


Inserisci un commento


© 2000 - 2022 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 638 volte
Data pubblicazione: 20/08/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti