Jazzitalia - Live: Bill Frisell Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Gezmataz Festival XV Edizione

Bill Frisell Quartet
Genova - 19 luglio 2018
di Andrea Gaggero



Bill Frisell - chitarra elettrica)
Petra Haden - voce)
Thomas Morgan - contrabbasso)
Rudy Royston - batteria)

La chitarra stregonesca di Bill Frisell, la voce di Petra Haden e un meraviglioso team ritmico (Thomas Morgan - Rudy Royston) sono i protagonisti del concerto d'apertura della quindicesima  edizione del festival Gezmataz. Il festival genovese è oggi il maggior festival del capoluogo ligure e l'unico con un cartellone di respiro internazionale. L'Arena del Mare quasi gremita, gli applausi sonori e i due bis richiesti hanno testimoniato la correttezza della scelta.



Formazione e repertorio simili a quelli dell'incisione When I Wish Upon A Star in cui Frisell si confronta, non per la prima volta, con la canzone d'autore, la voce umana e la musica per film. Frisell non è nuovo a suggestioni filmico vocali, e ci ha abituati alla sua bulimia musicale: da Copland a Zorn, da Morricone a Lennon, dal Nashville sound ai Naked City. Apre il concerto la manciniana Moon River che stabilisce da subito le coordinate musicali e stilistiche della serata: una manciata di canzoni, perlopiù celebri leit motiv tratti da film, cantati da Petra Haden in maniera semplice e diretta, quasi didascalica verrebbe da dire. Il tema de Il padrino è inframmezzato da un lungo, energetico e originale interludio di Royston lasciato solo con i mallett, mentre l'esecuzione del meraviglioso tema di C'era una volta il west nulla aggiunge all'originale. Il dialogo con la voce è talvolta serrato e in delicato equilibrio, troppo sovente appare invece sbilanciato a favore di quest'ultima; l'assenza, incomprensibile, del bravissimo e affiatatissimo Eyvind Kang, compagno di viaggio da metà anni Novanta, altera poi ulteriormente l'equilibrio del concerto a favore della Haden. Quando Frisell si concede alcuni brevi spazi in solitaria o in trio, più e meno liberi, la musica improvvisamente acquista profondità, energia, maggior originalità e diversa concentrazione.

Difficilmente sostituibile la presenza di Thomas Morgan altro motore della musica e solista di rara musicalità; ma da metà concerto in poi tutti i brani sono canzoni inesorabilmente rese in maniera diretta da una cantante con buone doti vocali e notevole emissione quanto carente originalità. L'immenso Frisell sceglie così di autoconfinarsi ad un ruolo defilato, di supporto, quasi di gregariato, rinunciando totalmente al contributo compositivo e riducendo drasticamente quello improvvisativo. Qui la sua mano si avverte nella scelta del repertorio, nell'abilità del suo controcanto di costante, irraggiungibile inventiva e varietà. Si rimane però grandemente insoddisfatti per l'eccessivo spazio lasciato alla Haden che si prende quasi tutta la scena cantando due temi da C'era un volta il west, con un tentativo poco riuscito di coinvolgere il pubblico in un coro, il Bowie di Space Oddity e ancora John Barry con i temi di Goldfinger e You Only Live Twice, e When You Wish, dal Pinocchio disneyano, Bacharach con What The World Needs Now e il tradizionale Shenandah bis di chiusa di un concerto che lascia un senso di insoddisfazione per quello che sarebbe potuto essere.







Articoli correlati:
15/08/2018

Fano Jazz By The Sea - XXVI Edizione: "Articolato in nove intense giornate, diamo il resoconto della settima, con i tre concerti di Francesco Bearzatti in solitaria; Bill Frisell col quartetto e Giovanni Guidi col trio Drive!" (Aldo Gianolio)

01/11/2016

Gefion (Jakob Bro)- Alceste Ayroldi

18/09/2016

What Is This All About? (João Lencastre's Communion)- Niccolò Lucarelli

15/08/2016

This Is The Day (Giovanni Guidi Trio)- Enzo Fugaldi

19/10/2014

Union Square (Ben Allison, Michael Blake, Rudy Royston)- Valeria Loprieno

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

29/09/2013

Steve Swallow Quintet : Gruppo rodato e swingante, merito dell'accoppiata Rossy-Swallow, da Carla Bley provengono gli stimoli e gli spunti originali e d'interesse, Swallow si conferma meraviglioso bassista. (Andrea Gaggero)

21/07/2013

Gezmataz: Jim Black Alasnoaxis: "Gli Alasnoaxis, con tredici anni di vita e sei dischi all'attivo sono oggi una delle più longeve, solide e intelligenti formazioni in circolazione. Sopra tutti e tutto "domina" il magistero batteristico e compositivo di Jim Black." (Andrea Gaggero)

12/05/2013

Jazz Groove Ia Parte : Lo "stile contrassegnato dal ritmo" di Omar Sosa, il "dissacrante" Marc Ribot Ceramic Dog, il "pianismo percussivo, a tratti free" del New Quintet di Giovanni Guidi. (Giovanni Greto)

22/12/2012

Time (Jakob Bro) - Alceste Ayroldi

11/11/2012

Gezmataz Festival 2012: L'alto tasso elettrico degli Interstatic e dei Planet Microjam contrapposto alla sublime dinamica del Brad Mehldau trio e allo spettacolo musicale di John Scofield con la sua Hollowbody Band. (G. Montano, A. Gaggero)

01/08/2011

We Don't Live Here Anymore (Giovanni Guidi Quintet feat. Gianluca Petrella) - Dario Gentili

22/04/2011

Insidein (Simona Premazzi and The Intruders)- Paolo Incani

07/02/2011

Lagrimas Mexicanas (Vinicius Cantuaria & Bill Frisell)- Enzo Fugaldi

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

22/08/2010

Gezmataz 2010: Al "concerto sovente imbarazzante e per omaggiare un pezzo vivente di storia del jazz" dell'Ornette Coleman Quartet in cui "problemi di emissione e di articolazione del fraseggio rendono diversi assoli degli abbozzi incompiuti", si contrappongono "abilità tecnica, personalità spiccata, doti compositive non comuni, musicalità assoluta, rispetto e stima reciproca, voglia di divertirsi e divertire..." della Brass Bang! di Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Steven Bernstein e Marcus Rojas. (Andrea Gaggero)

07/08/2010

Brad Mehldau, Bill Frisell, Joe Henry in Song Conversation: Festival Schlossfestspiele di Ludwigsburger: "Giusto con qualche indicazione di massima, data la coscienza della straordinaria duttilità dei primattori che si erano già sfiorati vicendevolmente in carriera, il magnifico triumvirato si è trovato appena il giorno prima per riordinare le idee in un soundcheck lungo e appassionante. Sebbene le aspettative createsi fossero ben alte, il risultato finale è stato assolutamente clamoroso lungo la triplice serie di duetti che ne ha animato la serie." (Vittorio Pio)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

14/11/2009

Wait Till You See Her (John Abercrombie Quartet) - Giuseppe Mavilla

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

13/08/2008

The Big Gundown (John Zorn)

14/03/2007

I Bass Desires a Etnafest: "Grande musica grazie alla statura musicale dei componenti del gruppo ... ma rimane qualche piccola perplessità in chi credeva nella possibilità di ascoltare qualcosa di più della somma di quattro grandi protagonisti del jazz che si incontrano per il gusto di suonare insieme." (Enzo Fugaldi)

19/10/2006

Il Festival Jazz di Stoccolma 2006: "La potenza dell'organizzazione ha la possibilità e la pretesa di far arrivare sull'isola nomi enormi della musica contemporanea che se vengono letti ad elenco potrebbero rappresentare la storia di un festival, non il cartellone di una sua edizione..." (Alessandro Armando)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...

27/08/2006

It's mostly residual (Cuong Vu Trio + Bill Frisell)

10/08/2005

I Have The Room Above Her (Paul Motian Trio)





Video:
Paul Motian Quintet with Lee Konitz / Joe Lovano = North Sea Jazz Festival
Paul Motian Quintet North Sea Jazz festival === Lee Konitz, Joe Lovano, Bill Frisell, Marc Johnson...
inserito il 03/03/2010  da freeavantgardevideos - visualizzazioni: 3201
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3950
Paul Motian Quintet ~ How Deep Is The Ocean
July 8, 1995 Umbria Jazz Festival, Italy, Paul Motian-Drums, Marc Johnson-Bass,, Lee Konitz-Alto Sax, Joe Lovano-Tenor Sax, Bill Frisell-Guitar...
inserito il 26/05/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 2993
Bill Frisell ~ Ron Carter
Available @ www.Bill Frisell.com ~ July 1, 2002 Montreal, Quebec, with Greg Liesz, Billy Drewes,, Curtis Fowlkes, Ron Miles,, David Piltch, Matt Cham...
inserito il 29/04/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 2821
Broadway Music - How Deep Is the Ocean
Paul Motian's Broadway Music Band performing "How Deep Is the Ocean" in Pori, Finland in 1995. The band members are Lee Konitz (alto sax), J...
inserito il 26/11/2006  da migmarfin - visualizzazioni: 2663


Inserisci un commento


© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 314 volte
Data pubblicazione: 11/08/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti