Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Charlie Haden, Carla Bley & The Liberation Music Orchestra
25 Luglio 2004 – Experimenta04 – Alberobello
di Alceste Ayroldi

Secondo importante appuntamento ad Alberobello per la manifestazione EXPERIMENTA04. Dopo il trio di Uri Caine, sul palco salgono due elementi di spicco nella musica afroamericana, Carla Bley e Charlie Haden con la Liberation Music Orchestra.

L'evento è senza pari, ma la stampa locale se ne occupa ben poco, anzi quasi per niente, ad eccezione dei comunicati informativi, privilegiando altre manifestazioni pseudo-jazz ed attribuendo loro eccessiva importanza rispetto a tale evento.

Della Bley si sa oramai tutto: è l'improvvisazione per eccellenza, genio e sregolatezza della musica contemporanea. Alcuni suoi lavori come Birds of Paradise (label Watt) sono diventati delle icone indimenticabili della musica (non solo jazz) del'900. Con ogni probabilità è il maggiore talento del jazz contemporaneo per composizione e arrangiamento.

Charlie Haden, che ho avuto il piacere di conoscere personalmente, è una persona di eccezionali doti morali che riesce – adamantinamente – a trasfondere al pubblico attraverso il suo contrabbasso. Riesce a toccare le corde dello strumento con tale leggiadria ed al contempo incisività, da renderlo quasi fuori dal novero della ritmica. Ha collaborato con tutti i "mostri sacri" del jazz: Coltrane, Henderson, Jarret, Metheny, Hancock, Motian, Hall etc…

The Liberation Music Orchestra è, per così dire, una sua creatura. Nasce negli anni '60, figlia della contestazione politica, civile e sociale di quegli anni, fino alle prese di posizione antigovernative contro la guerra in Vietnam. L'indirizzo politico dell'Orchestra era (ed è) chiaro: "Song for Che" ne costituisce una sorta di proclama politico.

I musicisti che ne hanno fatto parte sono artisti di valenza "storica" quali: Gato Barbieri, Don Cherry, Paul Motian, la stessa Carla Bley e molti altri ancora.

Alle 22,00 nello spazio limitrofo la Piazza Indipendenza giunge il pullman che trasporta i musicisti ed ai quali il numerosissimo pubblico intervenuto da ogni dove, tributa un lungo applauso. Nel frattempo, i tecnici completano l'allestimento del palco il cui ritardo è dovuto alle pessime condizioni atmosferiche che hanno messo in forse, fino al pomeriggio, l'esecuzione del concerto all'aperto.

Alle 22,20 l'Orchestra sale sul palco accompagnata da una vera e propria ovazione del pubblico, sempre attento e rispettoso, nonché molto competente.

Charlie Haden prende posto su di un palchetto sopraelevato allineato con il chitarrista ed il batterista. Carla Bley siede al pianoforte in linea con gli ottoni. Haden, dopo aver scherzato sulle condizioni del tempo, presenta l'Orchestra: Carla Bley al piano, Chris Cheek al sax tenore, Tony Malaby al sax tenore, Miguel Zenon al sax alto, Michael Rodriguez prima tromba, Seneca Black seconda tromba, Curtis Fowlkes trombone, Sharon Freeman corno francese, Joey Daley tuba, Steve Cardenas chitarra, Matt Wilson batteria. Dal punto di vista scenico, ed anche strutturale, l'Orchestra appare piuttosto sacrificata sul palco. Il sound check viene fatto lì per lì poiché le torrenziali piogge del pomeriggio non hanno consentito di effettuarlo prima.

Il primo brano, Not in our name, è composto da Haden e Zenon (sax alto) ed esalta la tecnica del sassofonista e già lascia trasparire, a coloro i quali non la conoscevano, il diafano carisma di Carla Bley. Il secondo brano, in linea con la "politica" dell'Orchestra, è l'Inno americano, stravolto e biascicato. Tant'è che, il brano successivo è il personalissimo arrangiamento della splendida "This is not America" di Pat Metheny che, proprio per forzare l'aspetto critico nei confronti di alcune scelte USA (come peraltro accennato nel prologo di Haden) è rielaborata in una meravigliosa versione reggae-jazz. Carla Bley, che ha arrangiato tutti i brani eseguiti durante la performance, si esalta come direttrice. E' splendida nell'intonare l'Orchestra, nell'attribuire compiti e tempi. Appare una vichinga nel Walallah ed i musicisti rispondono ad ogni suo tocco. L'esecuzione è travolgente, viene voglia di ballare. L'assolo di Fowkles al trombone strappa gli applausi durante la performance.

Tutta la passione e la preparazione dei musicisti si vede subito. Carla Bley suona attribuendo i tempi e le tonalità: dirige attraverso i tasti del piano, si alza al termine di ogni brano per condurlo al termine.

Il concerto è caratterizzato dall'eleganza incisiva e dalla creatività della band. Haden è semplicemente magistrale nei suoi assoli così come nella ritmica supportato validamente dalla batteria dell'ottimo Wilson. Di particolare rilevanza gli assoli della prima tromba Michael Rodriguez, sempre eccellenti, affascinanti e personali; così come affascinante è stato l'assolo di Joe Dailey alla tuba che dà la magica impressione di ascoltare una sfumata voce emessa da una radio degli anni '40.

I cambi di ritmo sono incredibili e tutti dettati dalla Bley. Haden segue i tempi, dandone ritmo, impostati dalla dolce, schiva, oscura Signora della musica contemporanea.

Validissimi tutti gli assoli, ulteriore e particolare menzione merita Tony Malaby che con il suo sax ha donato particolare calore ad una serata, solo metereologicamente, umida e fresca.

L'Orchestra suona per circa due ore, bis compreso e richiesto a furor di popolo dal pubblico che le tributa la meritata e giusta standing ovation.

Un'ulteriore considerazione: l'organizzazione del concerto è stata ineccepibile, puntuale e precisa. Così come occorre dire che, le scelte degli artisti coinvolti in Experimenta04, sono state ottime e, caso raro nel panorama "festivaliero" attuale, secondo una logica tematica. Di Esperimenti ce ne vorrebbero di più, molti di più.





Articoli correlati:
04/11/2017

Al via la terza edizione di Giordano in Jazz: Chick Corea Inaugura lunedì 6 novembre poi Carla Bley, Dave Douglas, Steve Swallow, Matthew Withaker e molti altri

23/04/2016

Gato Barbieri (1932-2016): Gato Barbieri (1932-2016): "...ci lascia una delle voci strumentali tra le più originali e passionali, infuocate vien da dire, degli anni d'oro del free post coltraniano." (Andrea Gaggero)

14/12/2014

The Swallow Quintet: "Il groove vintage e swingante del quintetto di Steve Swallow ha deliziato la platea patavina con un concerto che riprende in buona parte l'ultimo disco registrato per la ECM..." (Gabriele Prevato)

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

29/09/2013

Steve Swallow Quintet : Gruppo rodato e swingante, merito dell'accoppiata Rossy-Swallow, da Carla Bley provengono gli stimoli e gli spunti originali e d'interesse, Swallow si conferma meraviglioso bassista. (Andrea Gaggero)

02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

26/06/2011

Live At Birdland (Konitz, Mehldau, Haden, Motian)- Giammichele Taormina

29/05/2011

Pursuit of radical rhapsody (Al Di Meola) - Alessandro Carabelli

06/03/2011

The shape of jazz to come (Ornette Coleman)- Giovanni Greto

05/12/2010

Il Charlie Haden Quartet West apre la prestigionsa 26ma edizione di "Aperitivo in concerto" al Teatro Manzoni di Milano: "Charlie Haden mancava da otto anni da Milano, vi è tornato nel migliore dei modi e la platea gli ha tributato la giusta accoglienza....Haden disegna linee di basso come suo solito, un walkin' bass sempre molto pulito e cantabile, strepitoso nella sua capacità evocativa..." (Massimiliano Farinetti)

22/08/2010

Jasmine (Keith Jarrett – Charlie Haden) - Alceste Ayroldi

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

16/07/2007

Carla Bley "The Lost Chords" incontra Paolo Fresu: "...speriamo che l'insistenza con cui il pubblico ha richiesto inutilmente un ennesimo bis sia servita almeno a convincere la Bley e Fresu a non fare di questa collaborazione soltanto un episodio, seppur straordinario." (Dario Gentili)

30/06/2007

Guinga - Mirabassi Duo e Carla Bley & The Lost Chords find Paolo Fresu aprono la XII^ edizione di delle "New Conversations" di Vicenza Jazz 2007. (Giovanni Greto)

26/04/2007

LEZIONI (Trascrizioni): "Our Spanish Love Song" solo di Charlie Haden (Marcello Zappatore)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

11/11/2006

Carla Bley Big Band a La Palma per il Roma Jazz Festival: "Esiste un isomorfismo fra la sua natura fisica e la musica che si ascoltava, fra il suo aspetto surreale e le composizioni dominate da una cifra parodistica verso la tradizione del jazz." (Daniele Mastrangelo)

17/04/2006

Nuova gallery con le foto di Barbara Rigon

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)

27/06/2005

Charlie Haden apre Terniinjazz 2005 supportato dallo splendido scenario delle Cascate delle Marmore: "...Chi abbia mai ascoltato qualcosa di Charlie Haden saprà benissimo che nelle profondità curvilinee del suo ligneo contrabbasso, batte un cuore sensibile e appassionato..." (Antonio Terzo)

20/02/2005

Carla Bley, al teatro Curci di Barletta. Un viaggio breve ma intenso, attraverso l'anima musicale americana, arricchito da tinteggiature storiche ed interpretazioni atipiche. (Alceste Ayroldi)

11/09/2004

The Lost Chords (Carla Bley)

09/11/2003

Carla Bley: "Un concerto di gran classe, insomma, che ci ha presentato un'artista che, nonostante una carriera sempre inquieta, dimostra di non conoscere crisi d'ispirazione." (Dario Gentili)

12/01/2003

Jim Hall e Charlie Haden: "...musica allo stato puro; è suono approdato alla sua bella delicatezza dopo chissà quali complessi e tortuosi percorsi, è maestria senza presunzione alcuna." (Vito Mancino)

27/06/2002

Charlie Haden a Roma. "Siamo usciti dal teatro per raggiungere chi la sua moto chi l'auto blu con autista ma tutti con il desiderio di dire: «Grazie Charlie!».





Video:
Joe Henderson - Serenity
Joe Henderson - Serenity. An Evening with Joe Henderson, 1987. Henderson (ts); Charlie Haden (b); Al Foster (d)....
inserito il 29/12/2009  da Praguedive - visualizzazioni: 2583
Keith Jarrett, Charlie Haden & Paul Motian - Germany 1972
Keith Jarrett performing with his trio in the Hamburg Funkhaus, Germany, on June 14, 1972., , Keith Jarrett - p, Charlie Haden - b, Paul Motian - dr...
inserito il 13/12/2009  da OhNoxius - visualizzazioni: 2577
Carla Bley and Steve Swallow - Lawns
... beyond beauty ... such love between those two ... you can hear it ......
inserito il 29/12/2008  da thereisnoproblem - visualizzazioni: 2948
ornette coleman 4 tet 1987
in spain...
inserito il 19/11/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2811


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.518 volte
Data pubblicazione: 04/09/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti