Jazzitalia - Live: Isola Jazz 2012
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�



Isola Jazz 2012

Isola del cantone (GE) - 28 e 29 giugno 2012
di Gianni Montano

foto di Marta Casella

28 giugno 2012
Orrin Evans Trio
Orrin Evans - pianoforte
Carmelo Leotta - Contrabbasso
Byron Landham - batteria

29 giugno 2012
Dusko Gojkovich e Fulvio Albano All Stars Quintet
feat. Sandy Patton
I parte

Sandy Patton - voce
Massimo Faraò - pianoforte
Carmelo Leotta - Contrabbasso
Byron Landham - batteria

II parte
Dusko Gojkovich - tromba e flicorno
Fulvio Albano - sax tenore
Massimo Faraò - pianoforte
Aldo Zunino - Contrabbasso
Adam Pache - batteria

Isola Jazz 2012 Isola Jazz 2012 Isola Jazz 2012 Isola Jazz 2012 Isola Jazz 2012 Isola Jazz 2012

Il jazz celebra la sua festa annuale a Isola del Cantone nella settimana di fine giugno. Il seminario, diretto da Massimo Faraò, porta nel comune della Valle Scrivia un buon numero di valenti insegnanti seguiti da corsisti provenienti da diverse regioni italiane. Alla sera, in un palco allestito vicino alla stazione ferroviaria, si esibiscono i maestri di strumento o ospiti nazionali e internazionali per un'ulteriore lezione sul campo davanti ad un pubblico eterogeneo, fra addetti ai lavori, appassionati o semplici curiosi di provare l'esperienza di ascoltare questa strana miscela di suoni, lontana da quanto solitamente viene proposto dalla Tv o dalla maggior parte delle radio. E la risposta è, di fondo, lusinghiera. E' incoraggiante, infatti, osservare il tutto esaurito in qualche sera, a fronte di una programmazione coerente che non si piega alle mode del momento. Il titolo della rassegna è esplicito e non si presta a possibili equivoci o accomodamenti e le contaminazioni o le concessioni a nomi di confine e di potenziale cassetta vengono evitate accuratamente.

Il giorno 28 giugno, quasi in contemporanea con la semifinale di calcio Italia-Germania per i campionati europei, sale sul palco un trio condotto da Orrin Evans, pianista e band leader, collaboratore fra gli altri di Bobby Watson. Orrin Evans affronta un repertorio per la quasi totalità costituito da standards. Il suo pianismo può definirsi percussivo e iterativo, nel senso che il musicista afroamericano batte sul pianoforte con una certa pesantezza e quando individua una frase, un accordo o un blocco di accordi tende a rimanerci sopra, salvo, poi, involarsi in scorribande di molteplici note piuttosto libere nella successione, nello sviluppo. Ha una tecnica ragguardevole, ma preferisce puntare sul timbro e sulla variazione di intensità. Lo assecondano un corretto e generoso Carmelo Leotta, che predilige il ruolo di spalla ai suoi colleghi più noti. Quando esce in assolo pare che lo faccia per assecondare la "spinta" dei due partners. Di per sé opterebbe per rimanere un passo indietro, assumendo un ruolo funzionale, ma non protagonistico nell'economia del trio.
Alla batteria Byron Landham ribadisce che il lungo sodalizio con Joey De Francesco non è maturato per caso. Usa i piatti con notevole equilibrio, sa star dietro al discorso della tastiera con un approccio diversificato, molto ritmico o prodursi in assoli simultanei con basso e pianoforte, senza risaltare in modo eccessivo e invadente.

La perla del set è costituita da una versione ricca ritmicamente, con ostinati di piano e proiezioni in un'atmosfera di funky acustico con i tre strumenti impegnati a disegnare percorsi differenziati, ma omogenei a gioco lungo, di uno dei brani più conosciuti di Herbie Hancock, "Mayden voyage". Gli spettatori, pur poco numerosi, applaudono entusiasti alla fine dell'esibizione.
Il giorno dopo, accanto ad una ritmica con Faraò-Zunino e Landham, si presenta la cantante Sandy Patton, già collaboratrice, fra gli altri, di Dizzy Gillespie e Paquito D'Rivera. La vocalist non è più giovanissima, ma è dotata di una notevole vitalità e di un amore viscerale per il jazz della tradizione. Attacca con una "The Song Is You" giocata sull'anticipo, dove mette in mostra una voce profonda e duttile e la capacità di pronunciare le parole drammatizzandole, rispettandone cioè il senso all'interno del testo. Il concerto prosegue con una serie di standards eseguiti rifuggendo dalla routine, perché l'artista aggiunge sempre qualcosa di personale nell'interpretazione.

Il clou del set è rappresentato da una versione in duo con Byron Landham, che per l'occasione usa le spazzole, di "In the beginning" estremamente suggestiva per l'attenzione quasi meticolosa alle dinamiche del pezzo dedicato a Bobby Durham, maestro indiscusso della batteria, sepolto nel cimitero di Isola del Cantone.

Alla Patton, a questo punto, si sostituiscono Dusko Gojkovich (tromba e flicorno) e Fulvio Albano al sax tenore. Il trombettista bosniaco, malgrado gli ottantuno anni, rivela ancora un controllo adeguato dello strumento, una "cavata" sicura e la capacità di salire verso gli acuti. Competente, ma poco fantasioso Fulvio Albano. Il punto debole della ritmica, però, si dimostra subito il batterista Adam Pache, lontano dalla personalità, dalla verve, dalla capacità di trainare il gruppo in maniera raffinata ed energica. Il musicista australiano suona, infatti, in modo piuttosto piatto e incolore, costringendo anche i compagni della ritmica a operare secondo dei cliché consolidati, in un'atmosfera che sa molto di jam session.

Il pubblico che finalmente occupa tutti i posti a disposizione riserva, alla fine e comunque, grandi applausi.

La manifestazione ha, indubbiamente, tantissimi meriti. In un periodo di crisi riuscire ad organizzare un seminario ed una serie di concerti in una sede così decentrata è un atto di coraggio e di vera passione per il jazz. Si ha l'impressione che Massimo Faraò e i suoi assistenti, inoltre, siano riusciti a far mettere le radici ad una iniziativa che la gente della Valle Scrivia sente ormai come una tradizione che va custodita e conservata ogni anno con maggiore sforzo, ma con la medesima tenacia e determinazione. I risultati positivi ripagano sicuramente le fatiche di un comune intero, che per una settimana diventa una "piccola capitale del jazz".






Articoli correlati:
04/05/2016

Ctrl Z (Fabio Morgera & NYCats)- Enzo Fugaldi

10/05/2015

An evening with Diane Schuur: "Tutti contenti sì, ma con la lacrimuccia del rimpianto sulle gote e l'augurio che questa sia solo una parentesi della grande musicista che tutti conosciamo." (Alceste Ayroldi)

18/03/2015

Intervista con Fabio Morgera: "...quando uno come Frank Lacy ti dice 'You're Black' mentre stai suonando con lui, beh, allora puoi dire di esserci veramente dentro." (Achille Brunazzi)

12/10/2014

Ipso Facto (Edge)- Nina Molica Franco

13/07/2014

Vittoria Jazz Festival 2014: "Settima edizione per il festival diretto da Francesco Cafiso che, con valide proposte artisiche unite a innumerevoli iniziative collaterali, riempie la splendida piazza Enriques in ogni serata..." (Vincenzo Fugaldi)

12/08/2013

Isola Jazz 2013: Alle soglie del decimo anno, il piccolo festival dell'entroterra ligure dedicato alla figura del grande Bobby Durham, si mostra oggi come una realtà solida e positiva capace di attirare gente sia ai concerti che ai camp. (A. Gaggero, G. Montano)

26/05/2012

"Concerto che riesce a tenere desto l'interesse e l'attenzione per il valore dei singoli, per l'equilibrio timbrico-dinamico e per la varietà che aggiunge all'abusato schema tema/assolo/tema con cadenze, chorus stop-time, parti in duo e altro." (Andrea Gaggero)

31/07/2011

George Cables e Massimo Faraò "Two pianos" plus guest ad Isola Jazz 2011: "E' un vero piacere in luglio constatare come il jazz riesca a movimentare un piccolo comune come Isola del Cantone, ai margini della provincia di Genova e ai confini con Alessandria, che per una settimana si trasforma in un "village" per studenti, operatori e docenti..." (Gianni Montano)

07/02/2011

I Love New Orleans (Lino Patruno) - Alceste Ayroldi

24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

12/04/2010

Il progetto "Jazz in The Air" del Marilena Paradisi Quartet all'Alaexanderplatz di Roma: "L'omaggio al jazz d'autore viene rivisitato in modo originale e secondo arrangiamenti personali e di moderno sentire, un'attenta rilettura di standards..." (Fabrizio Ciccarelli)

06/12/2009

Eventi in Jazz 2009: la perla d'autunno. "Una manifestazione che è cresciuta nel tempo soprattutto dal punto di vista qualitativo e che è riuscita ad uscire dai confini del territorio, diventando una tradizione da non perdere e una rassegna che per costanza, qualità e importanza dei musicisti invitati, si piazza tra i più interessanti festival europei." (Alessandro Carabelli)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

17/12/2008

Dream (William Koppen De Oliveira)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

24/02/2008

Intervista a Fulvio Albano, sassofonista, arrangiatore e direttore del Festival di Avigliana: "Sono un musicista prima di tutto, vivo di e per la musica. il jazz è la mia musica, la amo profondamente. per me ha un significato che va al di là di possibili spiegazioni razionali...Secondo me il jazz incarna perfettamente la sintesi tra istinto e razionalità; è una musica che ti lascia ampia libertà creativa pur soggiacendo a un insieme di regole che la rende fruibile e comprensibile." (Franco Bergoglio)

11/01/2008

Benny Golson Quartet a Sansepolcro: "...un artista dallo stile personalissimo e inalterato, che ha saputo attraversare le variegate stagioni del jazz del dopoguerra da protagonista..." (Alessandro Tempi)

15/09/2007

Duo (William Koppen De Oliveira )

03/03/2007

Stringology (Roberto G. Colombo)

22/08/2006

Il Benny Golson quartet al Ronciglione Jazz Festival: "Per una sera Ronciglione ha fatto rivivere le gloriose stagioni di un tempo mettendo in scena la classicità del jazz: una eleganza senza tempo, un grande sfoggio di classe e virtuosismo..." (Franco Giustino)





Video:
Scott Hamilton Quartet "A Beautiful Friendship" - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in "A Beautiful Friendship" by Donald Kahn (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilt...
inserito il 01/04/2011  da - visualizzazioni: 3413
Scott Hamilton Quartet in Concert (Blues Improvisation) - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in Concert "Blues Improvisation" (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilton sax,Pao...
inserito il 01/04/2011  da - visualizzazioni: 3419
Martino,Scofield & DeFrancesco - SUNNY [High Quality]
Pat Martino Trio In Umbria Jazz 2002 (Italy) with Joey De Francesco and guest John ScofieldPat Martino - GuitarJoey Defrancesco - Hammond B-3 OrganByr...
inserito il 21/02/2011  da palanzana - visualizzazioni: 3384
Enrico Rava - Live Genova Jazz per Haiti 1/2/2010
il Jazz Genovese per Haiti - Teatro della Corte Lunedì 1 febbraio 2010 - Enrico Rava, Aldo Zunino,Andrea Pozza e Alfred Kramer...
inserito il 11/02/2010  da Mazzipunk - visualizzazioni: 3370


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.069 volte
Data pubblicazione: 14/08/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti