Jazzitalia - Io C'ero: Ispani Jazz 2009
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Ispani Jazz 2009

VII Edizione
"Una coraggiosa svolta internazionale"

28, 30 luglio 3 agosto
Testo di Francesco Peluso

La macchina organizzativa dell'Ispani Jazz Festival ha rivelato, in questa settima edizione 2009, una concreta ed encomiabile evoluzione che, tanto nella coraggiosa, quanto interessante svolta internazionale, ha riscosso un palpabile gradimento dei numerosi appassionati accorsi.

La direzione artistica, affidata per il terzo anno al maestro Gerardo Di Lella, ha visto alternarsi sul palco della rassegna cilentana un cast di fuoriclasse di indubbio valore mondiale, che hanno dato vita a tre serate di coinvolgente "Musica Jazz".

Anche la consolidata ripartizione degli eventi sul territorio della piccola, ma suggestiva località campana, non ha determinato una caduta d'interesse da parte del pubblico, bensì ha permesso il perpetuarsi di una consolidata formula, in cui il carattere itinerante dona un valore aggiunto ad una manifestazione, già di per sé accattivante.

Bob Mintzer Quartet

Bob Mintzer (foto di Carmen Fornaro)

La serata di martedì 28 luglio ha visto sul palco di Capitello, caratteristico paesino che si affaccia sul Mar Tirreno, un Quartet di chiara matrice statunitense, capitanato dal tenor sassofonista Bob Mintzer. Il famosissimo bandleader, dalla raffinata e poderosa voce strumentale e co-leader degli inossidabili Yellowjackets, ha confermato tutte quelle doti di virtuoso, che lo hanno reso celebre nel panorama jazzistico planetario. Il quartetto, composto da altrettanti musicisti di pari spessore, ha assecondato Mintzer in un garbato fluire di ambientazioni dalla connotazione variegata: da un composto mainstream ad un più corposo e dinamico impressionismo, da alcune rugosità hard-bop alla suadenza delle ballads, la formazione si è mossa con una misurata coerenza estetica.

La sezione ritmica, sostenuta dallo scolpito groove di Joe Anderson ed il riservato ed elegante drummin' di John Riley, ha sorretto la frontline tenor sax-pianoforte con giustezza timbrica, senza mai debordare, eccedere, occupare la scena. Tuttavia, ha offerto, quando chiamata in causa, una sequenza di performances solistiche di notevole efficacia. La coppia Bob MintzerPhil Markowitz ha, dal suo canto, ravvivato la calda serata estiva con un dualismo tanto affiatato, quanto denso di contrappunti solistici: ad un'inconsueta sobrietà stilistica del sassofonista, si è contrapposta una ricercata astrattezza espressiva ed una forte dinamica tecnico-timbrica del pianista.

Partendo da una linearità armonica di base, Markowitz è apparso più incline alle digressioni estetiche del leader che, a sua volta, è sembrato un tantino più ancorato alla melodia di fondo. Ne è scaturito un confronto serrato che ha prodotto momenti di indubbia classe, sottolineati da scroscianti applausi. Certo, chi sperava di ascoltare le robuste escursioni dinamiche appartenenti alla storica fusion-band del sassofonista è restato disorientato, in quanto Bob Mintzer ha modellato la propria voce strumentale ed il relativo lessico ad una formazione tipicamente acustica. Tutto ciò, però, non gli ha impedito di inserire nelle sette scritture proposte, due perle appartenenti alla trentennale esperienza con gli Yellowjackets. Senza dubbio queste e la vaporosa magia di Body And Soul (rivisitata in versione slow) hanno infiammato più delle altre l'attento parterre intervenuto. Dunque, una scelta acustica del tenorista che, seppur non pienamente coinvolgente, ha rivelato un nascosto lato lirico, senza snaturare la sua maestria tecnico-strumentale, il suo ampio e possente eloquio, il proprio saper stare al centro della scena. Tali peculiarità Bob Mintzer le ha sfoggiate calamitando l'attenzione del pubblico su di sé e - al contempo, conducendo per mano un eccellente quartetto che lo ha assecondato tanto nell'effettuare una garbata sintesi formale d'assieme, quanto nel porsi in risalto con la sensibilità espressiva dei singoli.

John Abercrombie Trio

Abercrombie, Berlin, Nusbaum (foto di Mario Camele)

La seconda serata dell'Ispani Jazz 2009 si è tenuta giovedì 30 luglio nella suggestiva terrazza di San Cristoforo. Al cambiamento di altitudine (siamo passati dal mare alla collina), si è assistito ad una totale diversità estetico-formale, rispetto al gruppo ascoltato nel concerto d'apertura. Questa volta, infatti, il sagace compositore e direttore Gerardo Di Lella ha coinvolto un Trio dalla connotazione decisamente più effervescente: John Abercrombie alla chitarra, Jeff Berlin al basso elettrico ed Adam Nussbaum alla batteria.

I
l palco, situato per l'occasione in una location fascinosamente adatta alla celebrazione di un evento di tale portata, ha favorito l'immediata empatia fra i tre ispirati protagonisti della serata e l'attento pubblico intervenuto.

Il competente parterre ha ascoltato in religioso silenzio circa ottanta minuti di musica che ha offerto, senza soluzione di continuità, momenti intensi, struggenti, cangianti, interrotti solo da numerosi entusiastici applausi al termine dei molti spunti individuali.

John Abercrombie, indiscusso maestro della modern jazz guitar al pari di altri fenomeni internazionali (vedi P. Metheny e J. Scofield), ha mostrato a chiare lettere tanto la personale sontuosità tecnica, quanto la spiccata sensibilità compositiva. A tal proposito, la maggior parte delle composizioni ottimamente rivisitate dal Trio, hanno esaltato alcune peculiarità della scrittura dell'esperto leader. Il maturo chitarrista d'oltreoceano ha sfoggiato una tale padronanza della scena, irretendo letteralmente la platea sia con la delicatezza delle esposizioni tematiche, sia con i lunghi set dedicati alle parti solistiche. Anche nelle sezioni di accompagnamento, seduto, concentrato e partecipe all'espressività dei suoi talentuosi partners, ha regalato a piene mani la sua arte. Dal loro canto, Jeff Berlin e Adam Nussbaum hanno costruito un'architettura di supporto, intrisa di una pregevolissima trama ritmica, frutto di un consolidato affiatamento nel tempo ed un evidente equilibrio dinamico-linguistico.

Il simpatico ed estroverso bassista elettrico, dotato di una strabiliante tecnica strumentale ed un timbro dalle mille coloriture, ha illuminato l'andamento delle composizioni ripercorse sia con varietà espressiva, sia con una moltitudine di sfumature formali. Nussbaum, invece, ha imbastito un drummin' al limite della frammentazione ritmica: sicuro, sorridente, divertito, si è mosso con una discontinuità di flusso, quasi in controtendenza, creando una forzata sottolineatura del tempo.  Tutti questi non trascurabili aspetti hanno fatto sì che il concerto sia risultato, come era prevedibile, di alto livello… dalle composizioni di Abercrombie alla grintosa Footprints di Wayne Shorter, dalle sfumate accezioni di alcune atmosfere ad altre più marcatamente distorte, dai perfezionismi delle fasi d'assieme ai rilevanti impeti in solo, si è assistito ad un evento che ha convinto nella sua globalità.

Flavio Boltro Quartet

A. Vigorito, F. Boltro (foto di Vincenzo De Filippo)

A chiusura della manifestazione, lunedì 3 agosto, il Flavio Boltro Quartet. La piccola formazione acustica ha evidenziato il divertito ritrovarsi insieme di quattro amici di lunga data: Stefano Sabatini al pianoforte, Aldo Vigorito al contrabbasso, John Arnold alla batteria e Flavio Boltro alla tromba. L'evento, programmato per le 22 ad Ispani, ha segnato un lieve ritardo iniziale, causato da vari imprevisti. Ciò non ha creato malcontento nel pubblico, malgrado un fastidioso clima atmosferico caldo-umido, caratterizzante i primi giorni di questo agosto 2009.

Flavio Boltro ha indossato subito i panni del leader, presentando simpaticamente i compagni d'avventura, lasciando già dalle prime note la sua impronta timbrica, tracciando il percorso esecutivo battuto nell'intero concerto. Tale consapevolezza dei propri mezzi e padronanza della scena non ha trovato una pari intensità espressiva in alcuni dei partners coinvolti. In particolare, alle prese con uno strumento grondante umidità, John Arnold non è sembrato in vena: piuttosto scontato e prevedibile nel supporto ritmico di sfondo, eccessivamente esuberante nelle dinamiche e talvolta drammatico negli assoli, ha fatto rimpiangere sia l'elegante J. Riley, sia il creativo A. Nussbaum. Inoltre, alla maestria dell'artista torinese, non sempre ha fatto eco il lessico pianistico di Sabatini che, solo a partire dalla quarta performance in poi (interminabile blues denso di esposizioni individuali), ha messo a fuoco un più convinto interplay con Boltro. Per il talentuoso Aldo Vigorito il discorso cambia: il contrabbassista salernitano (autentico globetrotter della scena jazzistica italiana) ha mostrato la sua ineguagliabile affidabilità e spiccata sensibilità interpretativa. Concreto nel sostegno ritmico, misurato nel dialogo con il solista di turno, raffinato in taluni passaggi in solo, ha rappresentato il sicuro perno di riferimento per gli altri componenti del quartetto.

La scelta delle composizioni, che via via si sono materializzate nell'ora e mezzo di concerto, ha attinto la sua linfa vitale nel mai invecchiato humus degli storici standards. Dal sentito omaggio di Little Sunflower a Freddie Hubbard alla luminescenza solitaria della tromba di Flavio Boltro in Round Midnight, dal fugace accenno dell'intramontabile Summertime al giocoso Thema for Flingstone, si è assistito più ad una divertita jam, che alla presentazione di un vero progetto.
Pertanto, fra luci ed ombre hanno prevalso le seconde, determinando un'opacità di fondo nelle performances live di questo Flavio Boltro Quartet, a cui lo scintillio timbrico del leader e la consumata esperienza di Vigorito non sono bastati a colmare la mancanza di un corretto equilibrio dei ruoli, una comune condivisione d'intenti e quant'altro si possa riscontrare in un consolidato fare jazz d'assieme.

In conclusione, come sopra enunciato nell'occhiello virgolettato, si deve effettuare un sincero plauso allo staff organizzativo dell'Ispani Jazz (D. a. Gerardo Di Lella, Assessore t. s. Michele Morabito, sponsor vari), per la coraggiosa svolta internazionale. Questa, non solo ha ampliato gli orizzonti della manifestazione, portando artisti di grosso calibro nel bellissimo basso Cilento, altresì ha permesso a molti neofiti di estendere i propri confini jazzistici.
Dunque, visto il nuovo corso intrapreso da questo Jazz Festival campano, non ci resta che augurargli una lunga vita, continuando nel tempo il suo brillante cammino e confermando la bontà del programma 2009, in cui si è raggiunta l'apoteosi estetico-formale dell'incantevole serata di San Cristoforo.






Articoli correlati:
03/09/2017

Monteverdi in the Spirit of Jazz (AA.VV.)- Alceste Ayroldi

24/08/2017

E' morto John Abercrombie: Un momento di incertezza del cuore e finisce tutto, all'improvviso. E' così che il chitarrista John Abercrombie scompare lasciando un ulteriore vuoto nella musica. Aveva 72 anni.

18/07/2017

Steppingstone (Terje Gewelt)- Gianni Montano

18/07/2017

Verdi's Mood (Cinzia Tedesco)- Gianni Montano

26/12/2016

Lost In The Jungle (Principles Sound)- Gianni Montano

15/08/2016

Rag Trio (Giovanni Scasciamacchia)- Niccolò Lucarelli

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

13/07/2015

Singular Curves (Swallow - Talmor - Nussbaum)- Niccolò Lucarelli

02/06/2015

The Collective Personnel (Project Them)- Gianni Montano

26/04/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Giovanni Mazzarino e Valentina Gramazio, Jazzy Records: "Bisogna lottare per non scendere a compromessi e fare capire che la qualità e la professionalità hanno delle regole e che infrangerle fa male a tutti." (Alceste Ayroldi)

29/03/2015

Intervista ad Antonio Tarantino - San Severo Jazz Winter: "Il palco viene inteso come un luogo di incontro, scambio, crescita e sviluppo. Una percezione che mira alla riscoperta della curiosità e della bellezza." (Alceste Ayroldi)

01/03/2015

Terra Di Confine (Guido Gressani Quintet (w. Flavio Boltro))- Nina Molica Franco

05/01/2015

Hope (Giovanni Scasciamacchia Trio with Fabrizio Bosso)- Alessandra Monaco

08/06/2014

Duo Art Creating Magic (AA. VV.)- Alceste Ayroldi

21/12/2013

Quattro chiacchiere con...Lara Iacovini: "Ci vuole coraggio per osare, ma se nessuno lo facesse...beh, sappiamo bene cosa accadrebbe." (Alceste Ayroldi)

22/09/2013

Dummy And Human (Jazzcom Feat. Flavio Boltro)- Matteo Mosca

14/07/2013

Henry Threadgill & Zooid: "...una musica liquida e coinvolgente, un concerto emozionante." (Nicola Barin)

12/05/2013

Carla Marciano e il suo Quartetto : "Carla Marciano è una delle più notevoli artiste del jazz contemporaneo nostrano, orgoglio femminile al sax in Italia e all'estero dotata di fraseggi articolati, passionali e che danno vita a notevoli immagini sonore variegate." (Francesco Favano)

07/04/2013

Il Viaggio di Sindbad (Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet)- Gianni Montano

31/03/2013

Heart And Soul (Stefano Sabatini Trio)- Gianni Montano

03/03/2013

Joyful (Flavio Boltro 5tet)- Alceste Ayroldi

17/11/2012

Biancoscuro (Gianluca Esposito) - Francesco Favano

08/12/2011

LEZIONI (Trascrizioni): "Up from New Orleans", solo di Bob Mintzer. Dall'album "Club Nocturne" degli Yellowjackets (Gaetano Cristofaro)

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

22/10/2011

Castroreale Jazz Festival: "La suggestiva cornice della piazza Pertini di Castroreale in provincia di Messina, una piccola perla dei Peloritani, accoglie da oltre un decennio un festival diretto con passione da Piero Salvo insieme a un ristretto numero di validissimi collaboratori. Quest'anno, dopo la serata iniziale dedicata al violoncellista Ernest Reijseger in trio con Harmen Fraanje e Mola Sylla, si sono esibiti Rita Marcotulli con Francesco Bearzatti, lo ZZ Quartet di Simone Zanchini e il grande contrabbassista francese Renaud Garcia-Fons." (Vincenzo Fugaldi)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

18/08/2011

Challange (Eugenia Munari)- Alessandro Carabelli

05/08/2011

Opera (Danilo Rea & Flavio Boltro) - Alceste Ayroldi

01/08/2011

Un incontro di jazz (Paoli, Boltro, Rea, Bonaccorso, Gatto)- Alessandro Carabelli

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

06/03/2011

As You Like (BANN (Blake, Anderson, Noy, Nussbaum)) - Alceste Ayroldi

06/03/2011

The Way We Talk (Simone Zanchini - Ratko Zjaca) - Alceste Ayroldi

21/11/2010

Vie di Jazz 2010 - VI Edizione: " Quando non c'è un testo che faccia riferimento alla realtà o un contenuto che costringa l'ascoltatore alle emozioni del compositore oppure ad un significato che è stato attribuito, allora la musica rende liberi..." (Lorella Marino)

18/11/2010

Like a Bob Dylan (Cinzia Tedesco) - Fabrizio Ciccarelli

07/11/2010

The Hour of Separation (Joseph Tawadros) - Alceste Ayroldi

23/10/2010

La vita è bella (Mintzer / Moroni / Fioravanti /La Barbera)- Alessandro Carabelli

11/09/2010

Frank Gambale Force "G" feat. Boca a Ispani Jazz: "Serata tranquilla, pubblico numeroso ma non quanto ci si aspetterebbe per un nome di tale rilievo." (Patrizio Perrella)

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

10/05/2010

The Complete Town Hall Concert (Jim Hall & Friends) - Alceste Ayroldi

02/05/2010

Laurent Cugny Quartet plays Joe Zawinul + Forum "Miles Davis"; Adam Nussbaum meets Riccardo Del Fra, Hervé Sellin, Pierrick Pedron; Jerry Bergonzi Trio. Tre concerti al Sunset/Sunside Club di Parigi (Luca Civelli)

12/04/2010

Maurizio Giammarco, Flavio Boltro e la Parco della Musica Jazz Orchestra presentano "Expanding Miles '65-'68" all'Auditorium Parco della Musica: "Una serata dai toni intensi, una personale rilettura delle assolute esplorazioni musicali originate dall'ultimo insuperabile quintetto di Miles Davis..." (Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante)

01/01/2010

The Modern Sound of Nicola Conte (Nicola Conte)- Alessandro Carabelli

22/11/2009

Melodies (Stefano Sabatini)- Stefano Corbetta

14/11/2009

Wait Till You See Her (John Abercrombie Quartet) - Giuseppe Mavilla

09/11/2009

Playing in traffic (Swallow/Talmor/Nussbaum) - Laura Mancini

24/09/2009

Brewster's Rooster (John Surman)- Dario Gentili

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

03/07/2009

Why Stop Now! - Great Songs From The 20° Century (Minnie Minoprio)- Alceste Ayroldi

20/06/2009

Light (The Giovanni Mazzarino New Quintet)

06/06/2009

Orfeu Negro (Effetto Musica Ensemble Incontra Claudia Marss)

15/03/2009

Tuscia in Jazz Live (AA.VV.)

08/03/2009

Appunti di viaggio (Marco Brioschi)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

27/09/2008

Cantabile (Trio di Salerno)

20/09/2008

Lifetime (Daniele Scannapieco)

16/08/2008

Third (Pippo Matino Band)

15/08/2008

Jass & Jazz & More (Marcello Rosa)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

15/06/2008

A New Conversations - Vicenza Jazz 2008 si distingue, tra gli altri, Ariel, un pianista di soli dieci anni: "Se si ascolta e si guarda allo stesso tempo, puo' prevalere a volte la tenerezza e lo stupore per le capacita' tecniche di un bambino. Ma se si chiudono gli occhi si capisce che non c'e' alcuna differenza con un pianista maturo. Padronanza ritmica, gradevolezza melodica, capacita' improvvisativa e soprattutto di scrittura..." (Giovanni Greto)

10/04/2008

Tribute To Duke Ellington - In The Time Forever (The Sax Four Fires Special guest Bob Mintzer)

16/03/2008

Airbop (Ada Rovatti)

23/02/2008

Change of Mood (Carla Marciano Quartet)

19/02/2008

Sud a Levante (Luigi Ruberti)

23/12/2007

Palavras de Amor (Effetto Musica Ensemble e Claudia Marss)

18/11/2007

Lo Swing moderno di Gerardo Di Lella ad Ispani Jazz 2007: "Bilancio positivo per la V edizione di Ispani Jazz, assurta tra gli undici eventi immagine della Provincia di Salerno. Tra gli ospiti Gennaro Mucciolo, vicepresidente della regione Campania" (Olga Chieffi)

02/11/2007

Jazz a' Juan 2007: "Il programma interessante e variegato di proposte musicali interpretate da alcuni dei gruppi più degni di nota nel panorama mondiale ha suscitato apprezzamento e consenso tanto da garantire il "tutto esaurito" ogni serata..." (Bruno Gianquintieri)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

11/08/2007

Nella Tana del Coniglio (Giuseppe Onofrietti Trio)

07/08/2007

Invenzioni a più voci (Claudio Angeleri)

16/06/2007

Anything Else (Rosario Giuliani Quintet)

27/05/2007

Nuova gallery di grandi artisti curata da Dario Villa

02/05/2007

Intervista a Rosario Giuliani: "Non riesco a vivere la musica jazz se non come una passione e vorrei che questo la gente sentisse...Per me la musica è un'espressione necessaria ed insostituibile, è dire qualcosa che non può passare attraverso le parole, qualcosa che viene dallo stomaco." (Daniele Mastrangelo)

15/04/2007

William Parker, Manu Dibango, Leena Conquest, Adam Nussbaum e molti altri a Chiasso per la decima edizione del Festival di Cultura e Musica Jazz dal titolo "Colour is Jazz", ricca di infinite proposte musicali, di stili, ritmi e improvvisazioni, come infiniti sono i colori a disposizione nel mondo dell'arte figurativa...(Bruno Gianquintieri)

26/02/2007

European Jazz Expò, International Talent Showcase a Cagliari: "Antonello Salis con la sua musica, la magia delle note che scorrono dalle sue mani al pianoforte, ha di nuovo incantato gli spettatori...La salita, come al solito, silenziosa sul palco e subito a sfiorare, schiacciare, percuotere, i tasti bianchi e neri..." (Enzo Saba)

04/02/2007

Catanzaro Jazz fest 2006: "Si inizia con Adam Kolker accanto al celebre John Abercrombie, Dick Oatts assieme al nostrano Pietro Condorelli. L'ultima serata è invece dedicata proprio al pianoforte, ed è proprio una bella dedica: ad esibirsi è il trio di Jean Michel Pilc..." (Andrea Caliò)

01/02/2007

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

27/12/2006

Gino Paoli Quintet (R.Bonaccorso, D.Rea, R.Gatto, F.Boltro) al Teatro Augusteo di Salerno (Francesco Truono)

17/12/2006

Dum 'n' voice 2 (Billy Cobham)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

12/09/2006

Soulscape (Five for Jazz)

22/08/2006

Smile Again (Miles Griffith & Tony Pancella Trio/Quartet)

09/08/2006

Chante (Aldo Romano)

04/08/2006

Caravaggio (Massimo Colombo)

18/06/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Bob's Blues": un solo di Bob Mintzer dall'Open Music Jazz Club (Orazio Maugeri)

02/06/2006

L'ultima gioventù (Alvise Bortolini)

01/05/2006

Italian Trumpet Summit a Chiasso: "L'evento ha indubbiamente rappresentato una evidente dimostrazione dell'ottimo livello raggiunto dai jazzisti italiani che meritatamente si sono imposti in ambiti internazionali, riscuotendo i meritati riconoscimenti e consensi." (Bruno Gianquintieri)

09/04/2006

Un Jazz d'alto livello al Metropolitan di Palermo: Enrico Pieranunzi & Ada Montellanico Quintet nel tributo a Luigi Tenco "Danza di una Ninfa" e Roberto Gatto Special Quintet nel tributo al Miles Davis degli anni '64/'68. (Antonio Terzo)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

16/10/2005

Dietro le quinte del Beat Onto Jazz Festival Edizione 2005: "Siamo abituati a vedere festival, rassegne musicali e concerti da una posizione comoda, tranquilla che pensiamo privilegiata. Molte volte non abbiamo giusta contezza di quello che si vive - più o meno freneticamente - per regalare delle emozioni ed anche per regalarsene..." (Alceste Ayroldi)

27/09/2005

I concerti dei Chitarristi dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005: Biréli Lagrène, John Abercrombie e Eivind Aarset

09/07/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Duo, un fenomenale dialogo tra il corroborante sax di Bob Mintzer e la fluida batteria di Peter Herskine. (Orazio Maugeri)

01/05/2004

Into the blue (Boltro Bozza Bassini Fioravanti Prina)

04/01/2004

Intervista a Aldo Vigorito: "Sono uno con le orecchie molto aperte; un musicista che desidera ancora imparare da ciò che mi circonda...In me convivono molte anime; non amo la staticità. ". (Massimiliano Cerreto)

28/12/2003

Napolitanìa (Aldo Vigorito)





Video:
Erskine, Oles and Colombo Ft. Bob Mintzer - We All Love Burt Bacharach
"We All Love Burt Bacharach", performed by the band Erskine, Oles & Colombo, which contains No.13 hits of the american composer among th...
inserito il 17/10/2016  da PLAY Record Company - visualizzazioni: 1002
JEFF BERLIN, SCOTT HENDERSON y DENNIS CHAMBERS: THE SUPER TRIO(5-c)
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 18/11/2010  da PLAY Record Company - visualizzazioni: 2058
Quisisana Jazz Events 2010 Part2.mov
Quisisana JAZZ Events 2010 - Direzione Artistica Peppe De RosaPeppe De Rosa GroupGerardo Di Lella Bigband guest star Bob Mintzer (leader degli yellow ...
inserito il 13/10/2010  da totoderosafilmmaker - visualizzazioni: 3219
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti pt. 2
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 27/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 3065
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 24/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 2995
JEFF BERLIN PAT MARTINO DENNIS CHAMBERS
Jeff Berlon PRINCIPLES OF BASS VIDEOOLEO - DANNYJU...
inserito il 15/01/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 2277
"Road Song" Tony Monaco,Eddy Palermo, Flavio Boltro,Ray Mantilla and friends
Tuscia in Jazz 2008Tony Monaco,Eddy Palermo,Flavio Boltro,Paolo Recchia,Francisco Mela, Geggè Munari, Ray Mantilla,Carl PotterEddy PalermoArenown...
inserito il 20/11/2008  da lermici - visualizzazioni: 3762
John Abercrombie/Kenny Wheeler Band
Kenny Wheeler Quintet_Kenny Wheeler,Trumpet/John Abercrombie,Guitar/Peter Erskine,Drums/John Taylor,Piano/Palle Danielsson,Bass, Baltica Festival...
inserito il 28/10/2008  da ohmproduct - visualizzazioni: 2600
Jeff Berlin
TrueFire - http://bit.ly/TrueFireFollow us on Twitter - http://www.twitter.com/truefiretvBecome a fan on Facebook - http://www.facebook.com/pages/Tru...
inserito il 04/01/2007  da ohmproduct - visualizzazioni: 2828
jeff berlin, frank gambale, vinnie colaiuta
from jeff berlin's bass instructional video...
inserito il 24/06/2006  da ohmproduct - visualizzazioni: 1981


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.410 volte
Data pubblicazione: 06/09/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti