Jazzitalia - Live: Suoni Ritmi, Parole dal Mondo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�



"Suoni, parole e ritmi dal mondo"
III Edizione

Villa Bombrini di Genova Cornigliano marzo aprile 2012

Riccardo Arrighini piano solo e Filarmonica Sestrese
Teatro "Verdi" di Sestri Ponente - 19 marzo 2012

di Gianni Montano e Andrea Gaggero
foto di Carmelo Calabria

Una menzione speciale e grande plauso all'Associazione genovese "Lighthouse Jazz", che da 12 anni svolge una preziosa attività di promozione della cultura musicale (jazz in particolare) nel capoluogo ligure. In tutti questi anni l'associazione è riuscita ad organizzare rassegne di elevata qualità ed originalità, ad ingresso gratuito, a fronte di risorse economiche modeste e di una grande determinazione e smisurati passione ed impegno.

Il festival primaverile 2012 si articola in cinque date a cadenza settimanale; elemento unificante è la scelta della formazione "cameristica" del duo. Straordinario il sito scelto per i concerti, quella Villa Durazzo-Bombrini, a Cornigliano, che rimane uno dei più begli esempi di architettura residenziale settecentesca in tutta la Liguria. La scelta di concerti "in acustico" resa possibile dalle dimensioni e conformazione spaziale della sala contribuisce al carattere cameristico della proposta. Non possiamo qui, purtroppo, render conto del primo appuntamento, tenutosi in febbraio, che vedeva ospiti Javier Girotto e Luciano Biondini.

Il secondo duo a Villa Bombrini è lo "Stravagario" formato da Stefano Battaglia (pianoforte, pianoforte preparato) e Michele Rabbia (percussioni). I due realizzano un'improvvisazione assoluta della durata di circa novanta minuti in cui succede praticamente di tutto. Michele Rabbia percuote ogni tipo di superficie, ricavando suoni primitivi, ritmi ancestrali, andando all'origine della musica per fabbricare un qualcosa che è già nel futuro. Proviene da un passato molto lontano, infatti e si proietta in avanti. Fra l'altro il batterista usa una specie di sedile di gomma come cassa di risonanza. Suona i bongos con le bacchette. Si avvale di una sega e di un archetto. Scompone e ricompone ritmi con campanacci e campanelli. Opera con le mani su un piatto sospeso. Usa le spazzole su un timpano. La sua ricerca timbrica non è, però, mai fine a sé stessa. E' straordinariamente musicale al 100% in ogni passaggio.
Stefano Battaglia dovrebbe rappresentare la cultura occidentale, rispetto al patrimonio africano e tribale di competenza del partner. In verità pare che la sua intenzione sia del tutto opposta. Il pianoforte suona, infatti, una musica semplice e percussiva. Spesso i motivi inventati sul momento, sono composti da Michele Rabbia e il pianista ne segue le intenzioni in maniera extra-colta e dichiaratamente antimelodica, fornendo un accompagnamento del tutto svincolato dal lirismo o da eventuali retaggi tardoromantici. Siamo lontani dalle atmosfere care a Jarrett e De Johnette, per intenderci. Qui è tutto più selvaggio e selvatico, ma c'è da rimanere conquistati da questo viaggio alle origini della musica fatto da chi vuole dimenticare (consapevolmente) certi fardelli di conoscenza e determinati cliché. Per distanziarsi ancora di più dal ruolo di pianista-pianista, Battaglia utilizza una serie di piccoli piatti, una sorta di vibrafono giocattolo, un glockenspiel, ottenendo risultati stupefacenti. Grandi e doverose ovazioni alla fine per un duo di questo valore.

Il terzo concerto della rassegna vede in scena Dimitri Grechi Espinoza e Tito Mangialajo Rantzer , in tour dopo aver pubblicato il cd "When we forgot the melody", uscito da pochi mesi. Il concerto ricalca lo spirito del disco, la volontà dichiarata di "rivitalizzare" un repertorio "classico" o di proporre brani originali ispirati alla tradizione, in particolare al jazz bianco dei primi anni cinquanta. I due musicisti ridanno vita ad atmosfere tendenti verso il cool, infatti, con il suono rilassato e discorsivo del sax alto, accompagnato da un contrabbasso che non incalza, non spinge verso climi caldi o agitati, ma completa il quadro con toni delicati e raccolti, mai sopra le righe. Fra gli standards eseguiti si apprezzano una versione piuttosto secca, non lirica di "When I Fall In Love", una pregevole "My favourite Things" e una "Hello Dolly" tutt'altro che festosa, sempre soffice e meditativa.
Sorprende questa pausa di riflessione nel percorso di due musicisti orientati abitualmente verso la ricerca. Ascoltandoli dal vivo si comprende che il loro "ritorno alla tradizione" è sincero e convinto. Il pubblico riserva una buona accoglienza a questa serata prettamente jazzistica di una rassegna per il resto dai molti volti e suggestioni. (GM))

Il quarto appuntamento ha per protagonisti Daniele D'agaro (clarinetto, sassofono tenore) e Paolo Botti (chitarra resofonica, dobro, viola).
Suoni radi della chitarra tenore che viene intonata, a cui si succedono accordi ripetuti sui quali D'Agaro intona lo splendido, elingtoniano Azure,. Il suono limpidissimo, la grande cura del dettaglio, la memoria di Bigard e Hamilton, l'intelligenza e levità nel mischiare storia e contemporaneità rivelano la vicinanza del musicista alla scuola olandese con la quale ha intrattenuto fruttuosi rapporti.
A seguire arrivano i monkiani "Locomotive"/"Friday The Thirtheenth" per clarinetto e dobro, dove i ruoli si invertono e il clarinetto fornisce la base ritmico-armonica sulla quale il dobro espone il tema.
L'uso del bottleneck conferisce alla musica un colore di blues rurale inconfondibile e così diversi brani sono giocati sul contrasto timbrico con il suono cristallino del clarinetto, strumento della tradizione euro colta e insieme, per tramite bandistico, strumento jazzistico per eccellenza. Torna così alla mente Duke Ellington quando fu costretto all'impiego di due clarinettisti per provare a sostituire l'assenza di Barney Bigard. Il programma prevede, poi, un altro meraviglioso tema, "Pannonica", reso con infinita eleganza e dolcezza; qui la chitarra tenore mostra i suoi limiti, di volume, dinamica ed attacco non riuscendo a rendere appieno le angolosità e la densità ritmica della musica monkiana. Nel brano seguente, per viola e clarinetto, forse interamente scritto dopo le raffiche di note dello strumento ad ancia che stabiliscono un nuovo e diverso ambito sonoro, si prosegue, spigolosi e torrenziali, su coordinate di tradizione dichiaratamente eurocolta.
Il bel concerto si articola ed è tutto giocato sulle possibili combinazioni degli strumenti: il clarinetto e il tenore di d'Agaro, la chitarra tenore, il dobro e la viola di Botti. Con il bottleneck le componenti e il substrato blues della musica vengono portate in luce e trasformate con toni quasi epici, come nella bellissima esecuzione dell'ayleriano "Ghosts" da parte del solo Botti al dobro.
Le qualità di Botti nel solo rifulgono e ci aiutano a capire come il duo abbia forse bisogno di qualche momento di rodaggio e aggiustamento ancora, poiché la qualità della musica è elevata e i singoli sovente valgono più dell'insieme.

Roberto Cecchetto (chitarra elettrica) e Giovanni Maier (contrabbasso) suonano insieme da circa quindici anni. Hanno militato, fra l'altro negli "Electric Five" di Enrico Rava. Si capisce che si intendono ad occhi chiusi da come organizzano lo sviluppo dei vari brani e l'improvvisazione si nasconde, in un certo senso, fra un modo di procedere apparentemente pianificato a monte. In realtà i due eseguono pezzi tratti dagli ultimi dischi del chitarrista "Soft wind" e "Down town", ma li arricchiscono di spunti e variazioni ideati in corso d'opera con un interplay palpabile. Gli interessi di Cecchetto abbracciano molti generi musicali, dal country allo swing, da motivi su tempo medio lento in maggioranza, ad altri un po' più vivaci ritmicamente. Si avverte, nel suo solismo, la cura con cui elabora un fraseggio "arrotondato", privo di spigoli e "meditato", dove si percepisce, cioè, il carattere razionale di ogni passaggio. Maier risponde con la sua bella cavata profonda, facendo letteralmente cantare il suo strumento. Anche quando frega con le unghie sulla cassa armonica del basso produce musica vera, adatta a rimbalzare sulle sottigliezze introdotte dallo strumento elettrico.
Il pubblico gradisce questa performance piuttosto singolare rispetto al titolo "Blues connotation", in cui la musica afroamericana viene evocata e scavata dall'interno con un approccio introspettivo, rifuggendo dal suono ammiccante, volutamente popolare o popolaresco.

Serata di gala a Sestri Ponente, al teatro "Verdi" sempre sotto l'egida di "Jazz lighthouse", a conclusione dei festeggiamenti per i centocinquantanni dell'unità d'Italia. Sale sul palcoscenico per cominciare Riccardo Arrighini e si occupa di offrire una veste jazz a celebri brani tratti dalle opere di Giuseppe Verdi. Si passa dal "Trovatore", al "Nabucco", all'"Aida" con leggerezza, ma non con superficialità. L'obiettivo è chiaro ed espresso anche annunciando il programma davanti agli spettatori: "Non c'è una distanza abissale fra il mondo delle opere e la musica afroamericana. Con un po' di inventiva, di gusto, di attenzione si possono trovare punti di contatto fra i due generi e dar vita ad un cocktail piacevole e intrigante". Il pianista suona con passione, brio e competenza, rivelandosi anche buon intrattenitore. Si segnale particolarmente l'intromissione della gillespiana "Night in Tunisia" nella lirica "Le tre orfanelle", tanto per far quadrare l'ipotetico cerchio e dimostrare una volta di più la possibilità di travaso fra due stili solitamente considerati impenetrabili, come compartimenti stagni. Dopo un'ora e dieci minuti di piano solo entra in gioco la filarmonica sestrese. I pezzi scelti sono classici del jazz, da "All the things we are" a "Blue train", da "Perdido", a "Fly Me To The Moon". Le sezioni sono compatte, intonate, swinganti e i solisti Matteo Bazzano al sax alto e soprattutto il talentuoso trombettista Giampiero Lobello si ritagliano spazi di rilievo. In alcuni momenti viene chiamato in causa anche Riccardo Arrighini che aggiunge il suo contributo alla banda con una certa umiltà, senza strafare. Si chiude ancora con "Verdi in jazz"e si ribadisce il concetto che la musica, quando è ben suonata, può mescolare generi diversi senza tradirli, ma fornendo altre chiavi di lettura di sicuro effetto.






Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

09/04/2017

Cinema Italia (Giuliani - Biondini - Pietropaoli - Rabbia)- Alceste Ayroldi

12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

12/03/2017

Seven Sketches In Music (Paolo Damiani Double Trio)- Enzo Fugaldi

18/09/2016

Sounds From The Harbor (Tindiglia, Sheppard, Kamaguchi, Rabbia)- Gianni Montano

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

22/11/2015

Quattro chiacchiere con...Stefano Battaglia: "...la parola jazz oramai è talmente piena di cose assai diverse tra loro, da sembrare un po' vuota, paradossalmente." (Alceste Ayroldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

25/05/2015

December Soul (Zlatko Kaucic Trio)- Enzo Fugaldi

11/05/2015

In Memoriam (S. Battaglia - M. Rabbia - E. Aarset)- Enzo Fugaldi

08/12/2014

Three Open Rooms (Roberto Caon, Marco Carlesso, Stefano Battaglia)- Gianni Montano

28/09/2014

Hypermodern (Massimo De Mattia Quartet)- Gianni Montano

24/08/2014

Anything your little heart says (Triosonic (Rabbia, Maier, Battaglia))- Alceste Ayroldi

21/07/2014

Vinodentro (Paolo Fresu)- Alceste Ayroldi

18/05/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Gianni Barone, NAU Records: "Per noi il jazz è più vivo che mai, il nostro impegno è rivolto a documentare, proporre e valorizzare le nuove generazioni, questa è la mission della Nau Records." (Alceste Ayroldi)

15/04/2014

Two For Joyce (Keith Tippett - Giovanni Maier)- Gianni Montano

23/02/2014

Stefano Battaglia Trio - Songways, i suoni e i silenzi della musica: "...la presenza di tali musicisti alimenta quella ormai flebile speranza che si possa ancora parlare, diffusamente, di cultura musicale." (Andrea Gaggero)

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - IIa Parte: "Michele Rabbia ed Eivind Aarset, Franco d'Andrea Trio, Factor-Y Trio, Evelina Petrova Duo" (Nina Molica Franco)

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

18/08/2013

Drops (Bonnot, Tracanna, Cecchetto)- Gianni Montano

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

28/07/2013

SPL (Fulvio Sigurtà)- Alceste Ayroldi

21/07/2013

Songways (Stefano Battaglia)- Gianni Montano

16/06/2013

Dokumenta Sonum (Michele Rabbia)- Enzo Fugaldi

25/05/2013

Intervista a Stefano Battaglia: "La creatività ha a che fare con il desiderio, se non vi è desiderio del suono, desiderio di fare musica, semplicemente non c'è musica." (Vincenzo Fugaldi)

28/04/2013

Blue From Heaven (Pierluigi Balducci)- Gianni Montano

31/03/2013

Zarja-tay (Saadet Turkoz - Giovanni Maier - Zlatko Kaucic)- Gianni Montano

24/02/2013

Sei domande a: L.Aquino, J.Mazzariello, A.Paternesi, E.Pietropaoli, M.Rabbia, F.Sigurtà, E.Zanisi: "L'insegnamento, gli spazi e i festival, il jazz europeo e americano, i media la discografia..." (Vincenzo Fugaldi)

17/02/2013

Il Caffè Delle Americhe (Angelo Valori & M. Edit Ensemble)- Gianni Montano

17/02/2013

Acrobats (Tino Tracanna)- Alceste Ayroldi

09/02/2013

Atina Jazz Winter 2013: "...in collaborazione con CamJazz e Jando Music, tre giornate interamente dedicate ad alcune interessanti realtà del jazz italiano." (Vincenzo Fugaldi)

29/12/2012

I Separatisti Bassi (Mauro Ottolini)- Roberto Biasco

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

01/05/2012

Where The West Begins: Voicing Ornette Coleman (Lisa Manosperti)- Gianni Montano

04/02/2012

The River Of Anyder (Stefano Battaglia Trio) - Alceste Ayroldi

27/11/2011

Code Talkers (Massimo Barbiero & Giovanni Maier)- Gianni Montano

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

08/05/2011

Organum (Giorgio Li Calzi) - Alceste Ayroldi

24/04/2011

Harmonitaly (Federico Bertelli - Riccardo Arrighini trio)- Gianni B. Montano

29/01/2011

Giovanni Guidi & The Unknown Rebel Band feat. Gianluca Petrella: "Un'interessante progetto proposto da una band che si impone a giusto merito come una delle realtà più gradite ed originali del panorama jazzistico italiano. Eccellente il lavoro del giovane leader nella guida dell'ensemble e nella costruzione delle strutture armoniche, dimostrando di avere tutte le carte in regola per poter diventare, in un futuro potenzialmente prossimo, un jazzista di livello internazionale." (Andrea Valiante e Francesco Tromba)

24/11/2010

30th Anniversary Concerts (Zlatko Kaucic) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

25/01/2010

Chopin in jazz (Riccardo Arrighini)- Elio Marracci

07/01/2010

Rituali (Rituali) - Marco Buttafuoco

26/12/2009

10/15 (Javier Girotto & Aires Tango) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

08/12/2009

Vocifero vol.2 – Composizioni (Stefano Risso) - Giuseppe Mavilla

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

05/09/2009

The Age of Numbers (Emanuele Cisi) - Fabrizio Ciccarelli

10/08/2009

Stefano Battaglia Re: Pasolini al Pomigliano Jazz Festival: "Una bella e convincente prova di maturità per Battaglia, un artista che scientemente rinuncia al puro sfoggio del suo cospicuo bagaglio di strumentista, per concentrarsi sull'espressione più emotiva e profonda del fare/essere musica." (Alfonso Tregua)

21/06/2009

Bologna, Ravenna, Imola, Correggio, Piacenza, Russi: questi ed altri ancora sono i luoghi che negli ultimi tre mesi hanno ospitato Croassroads, festival itinerante di musica jazz, che ha attraversato in lungo e in largo l'Emilia Romagna. Giunto alla decima edizione, Crossroads ha ospitato nomi della scena musicale italiana ed internazionale, giovani musicisti e leggende viventi, jazzisti ortodossi e impenitenti sperimentatori... (Giuseppe Rubinetti)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

15/02/2009

Suite 24 (Giacomo Mongelli)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

30/10/2008

Panta Rei (Roberto Spadoni Nine )

28/09/2008

Nasciri (Francesco Saiu)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

13/07/2008

VIa Maestra (Giulio Visibelli)

22/06/2008

Downtown (Roberto Cecchetto)

21/06/2008

Tango Fugato (Francesco Venerucci)

22/05/2008

Starry Eyed Again (Chet On Our Minds) (Michela Lombardi – Riccardo Arrighini Trio)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

17/03/2008

Vocifero vol. 1 - Canzoni (Stefano Risso)

27/05/2007

Sguardo d'insieme ad alcune produzioni del catalogo di El Gallo Rojo Records

26/05/2007

Intervista e recensione del concerto dei "Quadrivision", ovvero Marco Ricci, Massimo Manzi, Alberto Mandarini e Roberto Cecchetto. Un nuovo progetto nato principalmente attraverso un rapporto di amicizia e stima reciproca e che mira alla ricerca di un suono amalgamanto ma costituito da elementi individuali chiaramenti distinguibili. (Eva SImontacchi)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

01/02/2007

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

01/08/2006

Live (Biba Band)

15/12/2005

Stravagario 2 (Stefano Battaglia e Michele Rabbia )

03/07/2005

Intervista a Riccardo Arrighini: "...Sto approfondendo molto lo stile tradizionale, sto tornando al blues e alle improvvisazioni ricche di block chords e di blue notes, di stride piano. Secondo me è importante tornare indietro su cose che pensavi di aver già studiato a sufficienza..." (Michela Lombardi)

03/12/2004

Where Do We Go From Here? (Atrio)

24/10/2004

Visioni Sonore (Visioni Sonore Quartet)

31/08/2004

Antonello Salis e Michele Rabbia a Villa Guariglia: "...Musica della variazione, dove l'imprevedibile diventa la norma e i molteplici cambi di direzione mettono in campo una serie di "figure musicali" che sottintendono una logica quasi teatrale nella realizzazione delle frasi, negli sviluppi improvvisativi..." (Olga Chieffi)

24/04/2003

Stravagario (Michele Rabbia e Stefano Battaglia)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.665 volte
Data pubblicazione: 26/05/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti