Jazzitalia - Live: Curva Minore - Jazz / Not Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Curva Minore

Jazz / Not Jazz
I Edizione
Palermo 24-26 agosto 2016
di Vincenzo Fugaldi

Alberto Popolla Jazz Not JazzAlberto Popolla Jazz Not JazzPortera -Sciarratta -Marotta -Spera Jazz Not JazzRoots Magic Jazz Not JazzSicilian Improvisers Orchestra Jazz Not JazzMark Dresser Jazz Not Jazz
Gianfranco Tedeschi Jazz Not JazzMark Dresser Jazz Not JazzDavide Barbarino -Mark Dresser Jazz Not JazzJaques Demierre Jazz Not JazzJaques Demierre -Anouck Genthon Jazz Not JazzJaques Demierre -Mark Dresser Jazz Not JazzX-Bass Jazz Not Jazz
click sulle foto per ingrandire

Questa prima edizione del festival organizzato dalla coraggiosa e attivissima associazione guidata da Lelio Giannetto era dedicata a una delle figure di riferimento del contrabbasso del jazz più avanzato, lo statunitense Mark Dresser. Dresser suona uno strumento costruito appositamente per lui con delle caratteristiche tecniche all'avanguardia, ed esegue frequentemente concerti in solitudine, nei quali si esprime con tecniche nuove e personali. Tra le numerosissime collaborazioni, la più importante è quella decennale nel quartetto di Anthony Braxton, mentre fra i suoi gruppi il più recente è il settetto che ha inciso il cd «Sedimental You» (Clean Feed). Tra le sue tante attività, anche l'uso artistico degli strumenti messi a disposizione dalla telematica, con la possibilità di suonare insieme da luoghi differenti via Internet.

Il festival palermitano, che giocava sulla contrapposizione fra jazz e "non jazz", è iniziato con un solo di contrabbasso di Dresser, che valorizzava il peculiare suono del suo contrabbasso che reca una serie di microfoni nel manico, e sotto il ponticello degli elementi metallici che vengono suonati con l'archetto e pizzicati. Il suono che risulta è estremamente ricco di insoliti armonici, di suoni passivi, è potente, mentre l'utilizzo della tastiera gioca sui glissando, sulla regolazione dei volumi mediante una pedaliera e su una sorta di tapping. Le peculiarità tecniche sono funzionali a una precisa ricerca espressiva che esplora forme ritmiche e cellule melodiche in una miscela di grande efficacia. Nel secondo brano, più formalmente strutturato, Dresser ha mostrato uno swing senza pari, leggibile e travolgente.

Alle corde del suo contrabbasso si sono poi unite quelle del pianoforte di Jacques Demierre, svizzero, che sostituiva il previsto Giorgio Occhipinti, assente per una improvvisa indisposizione. Un incontro ad alta tensione, decisamente informale, con Demierre che agiva all'interno della tastiera e giocava sulla produzione di rumori, con cluster stridenti, per poi ricercare piccoli nuclei melodici e ritornare sui cluster, in un continuo rimando di interplay fra i due strumenti.

La Sicilian Improvisers Orchestra (Eva Geraci e Benedetto Basile-flauti; Marcello Cinà-sassofoni; Dario Compagna-clarinetti; Beppe Viola-clarinetto, soprano, tarogato; Giuseppe Greco-chitarra; Lelio Giannetto-contrabbasso; Domenico Sabella-batteria), con l'aggiunta di Marco Marotta-sassofoni e Giacomo Tantillo-tromba ha proposto un programma di musiche di Ornette Coleman (The Blessing, Invisible)e Don Cherry (Mopti, Desireless, Pettiford Bridge, Awake Nu). L'orchestra si è cimentata col non semplice repertorio con particolare cura, con arrangiamenti efficaci, spaziando dalle strutture ornettiane che risalivano alla fine degli anni '50 del secolo scorso a quelle più avanzate di Cherry, e dando grande spazio agli assolo dei due giovani ospiti, entrambi a proprio agio nelle parti solistiche loro affidate.

Il quartetto Roots Magic (Alberto Popolla-clarinetti; Errico De Fabritiis-sassofoni; Gianfranco Tedeschi-contrabbasso; Fabrizio Spera-batteria) fra i migliori gruppi italiani nel referendum Top Jazz 2015 della rivista Musica Jazz, ha pubblicato il proprio primo cd «Hoodoo Blues» per l'etichetta Clean Feed. A Palermo ha riproposto queste musiche, aspre e sanguigne, con un impatto emotivo significativo, ricco di un profondo blues feeling reso con robusta determinazione. Il drumming a tratti free di Spera, la forza di Tedeschi, la grinta di entrambi i fiati con assolo torrenziali ed espressivi, erano al servizio di un repertorio di grande forza e qualità, Down The Dirt Road Blues e Oh Death di Charley Patton, The Joint Is Jumping di Tedeschi, The Hard Blues di Julius Hemphill, Dark Was The Night, Cold Was The Ground di Blind Willie Johnson, I Can't Wait Till I Get Home di Olu Dara, A Call For All Demons di Sun Ra, Unity di Phil Cohran, e la conclusione dedicata al clarinetto, con Pee Wee's Blues di Pee Wee Russell e The Sunday Afternoon Jazz Blues Society di John Carter.

Dopo un duo informale fuori programma fra Dresser e il sassofonista siciliano Davide Barbarino, un quartetto inedito con gli agrigentini Filippo Portera-sassofoni e flauto, Sandro Sciarratta-contrabbasso, Marco Marotta-sassofoni e Spera alla batteria. Portera e Sciarratta sono due veterani del free siciliano, che coadiuvati dal giovane concittadino e dalla batteria qui tenacemente free di Spera hanno proposto tra l'altro atmosfere ayleriane, un omaggio a Steve Lacy e uno a Rosa Balistreri, sempre in un contesto estetico strettamente legato al free jazz statunitense.
Dresser nell'ultima serata del festival a lui dedicato ha eseguito un altro concerto per solo contrabbasso, nel corso del quale ha eseguito improvvisazioni e composizioni denominate Modicane, in omaggio alla cucina di Palazzolo Acreide, paese che lo ha ospitato recentemente per una residenza creativa di venti giorni denominata "Arte digeribile" che univa arte, cibo, letteratura e musica contemporanea. Ancora una conferma della sua particolarissima tecnica ed espressività, con un suono peculiare e una varietà di atmosfere che hanno reso la performance estremamente godibile, specie nel mambo dedicato al grande contrabbassista cubano Israel "Cachao" López e in un intenso brano all'archetto dedicato alla violoncellista Frances-Marie Uitti.

Prima del finale, Jacques Demierre ha eseguito, con l'accompagnamento della violinista Anouck Genthon, una riduzione di una sua poesia sonora scritta per due voci, Voicing through Saussure. Il testo, metalinguistico, pur se scritto, era puro suono, e consisteva in fonemi e brandelli di una lingua inesistente, ritmo verbale, una sottrazione della parola alla sua funzione primaria per ricondurla alle emissioni vocali primordiali.

Il concerto finale era affidato a un quartetto di contrabbassi denominato X-BASS con Dresser, Giannetto, Tedeschi e Giuseppe Guarrella. Una lunga e suggestiva composizione di Dresser sul tema della pace, SLM, e due di Tedeschi ispirate a Pasolini, La terra vista dalla luna e Alì, con la declamazione del testo della pasoliniana Profezia.






Articoli correlati:
10/08/2008

Jazz Fuori Tema 5 con la direzione artistica di Alberto Bazzurro: "L'ambizione dell'organizzazione è quella di creare dei progetti originali, degli incontri inediti fra personaggi lontani come ambito o che, per le più svariate ragioni, non hanno trovato l'occasione per collaborare prima di questo appuntamento..." (G.B. Montano)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.198 volte
Data pubblicazione: 11/09/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti