Jazzitalia - Live: Musiche Corsare: a Pier Paolo Pasolini nel centenario della nascita
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Musiche Corsare

A Pier Paolo Pasolini nel centenario della nascita
Bari, 20-29 maggio 2022
Direttore artistico Roberto Ottaviano
di Vincenzo Fugaldi

Musiche Corsare - John SurmanMusiche Corsare - John Surman - Vikleig StoraasMusiche Corsare - Lander GyselinckMusiche Corsare - Marco ColonnaMusiche Corsare - Marco FrattiniMusiche Corsare - Matteo BortoneMusiche Corsare - Max Kochetov QuartetMusiche Corsare - Michel PortalMusiche Corsare - Michel Portal
Musiche Corsare - Michel PortalMusiche Corsare - Michel PortalMusiche Corsare - Michel Portal QuintetMusiche Corsare - Nils WogramMusiche Corsare - Pasquale MirraMusiche Corsare - Rosa BrunelloMusiche Corsare - Silvia BolognesiMusiche Corsare - Sound GlanceMusiche Corsare - Vikleig Storaas
Musiche Corsare - Sound GlanceMusiche Corsare - Stefano BattagliaMusiche Corsare - Bruno ChevillonMusiche Corsare - Enrico MorelloMusiche Corsare - Daniele TittarelliMusiche Corsare - Enrico Morello Cyclic SignsMusiche Corsare - Enrico Morello Cyclic Signs
Musiche Corsare - Max KochetovMusiche Corsare - Enzo FavataMusiche Corsare - Enzo Favata The CrossingMusiche Corsare - Ernst ReijsegerMusiche Corsare - Ernst ReijsegerMusiche Corsare - Fabrizio PuglisiMusiche Corsare - Francesco LentoMusiche Corsare - Gunter Baby Sommer
click sulle foto per ingrandire

L'Associazione Culturale Musicale "Nel Gioco del Jazz" si è ispirata al pensiero di Pasolini, parafrasando nel titolo i suoi Scritti corsari, per proporre una iniziativa – articolata su due fine settimana consecutivi - che uscisse dalle logiche imperanti di omologazione e consumo, lasciando spazio alle musiche che ancora oggi tentano di preservare la bellezza, superando la devastante e appiattente logica dell'intrattenimento a tutti costi mascherato da finta leggerezza. Una scelta che si è allargata coraggiosamente al jazz europeo, senza trascurare alcune interessanti proposte italiane.

Proprio un quartetto italiano, quello del batterista Enrico Morello, con Francesco Lento alla tromba, Daniele Tittarelli al sax alto e Matteo Bortone al contrabbasso, nella cornice del Teatro Forma, spazio adeguato e dall'acustica perfetta, ha dato il via ai concerti. L'incisione di «Cyclic Signs», pubblicato nel 2021 dall'etichetta Auand, ha segnato l'esordio di Morello come leader, dopo una serie di esperienze formative di grande livello. Questo quartetto pianoless poggia il suo accadere musicale sulla avanzata concezione del timing di Morello, creativo e mai invadente, pronto a lasciare spazio agli altri componenti, al pulsare del contrabbasso, agli intrecci tra i fiati che enunciano mirabilmente i temi, articolati e complessi.

La seconda serata ha visto il ritorno a Bari di John Surman in duo con il pianista norvegese Vigleik Storaas. La loro collaborazione risale al disco «Nordic Quartet» pubblicato dall'Ecm nel 1994, sul quale suonavano anche Karin Krog e Terje Rypdal. Alternandosi fra sax soprano, clarinetto basso e flauto dolce, il musicista britannico ha come sempre convinto per la sua cristallina classe poetica, che ha tratto vantaggio dall'apporto del pianista, presente anche come autore di alcune delle composizioni. La ben nota concezione melodica di Surman, così tipica, si sposava alla perfezione con il partner, che ne sosteneva i voli solistici con gusto e tecnica, ritagliandosi anche spazi per ottimi assolo.
 
La terza serata della prima parte si è conclusa con il quartetto di Enzo Favata, denominato "The Crossing", nel quale oltre al leader al sax soprano, clarinetto e tastiere suonano Rosa Brunello al basso, Pasquale Mirra al vibrafono e Marco Frattini alla batteria. Una formazione che ha inciso un album omonimo pubblicato nel 2021, e che propone un incrocio di esperienze musicali diverse, con riferimenti ai suoni degli anni Settanta del secolo scorso, una fusion d'antan caratterizzata dal suono del moog, passando da brani d'atmosfera a solide basi garantite dalla agguerrita ritmica Brunello-Frattini, che sostiene le mirabili volate di Mirra e gli assolo del leader, con le varietà di ritmi e di metriche tipiche di certo jazz-rock.



Il primo concerto della serata era invece affidato al genio e al talento di Ernst Reijseger. Il violoncellista olandese appartiene alla generazione che ha sempre coniugato competenza strumentale, creatività e una teatralità che impreziosisce i suoi concerti. Anche questa volta al Teatro Forma Reijseger ha pienamente convinto, eseguendo delle sue composizioni (alcune note per far da colonna sonora al più recente cinema di Werner Herzog), con il suo caratteristico uso dell'archetto, degli armonici, della voce, e il supporto di due harmonium indiani che aziona con dei pedali e fanno da bordone al suono del violoncello. Una cosa che incanta delle performance di Reijseger, oltre alla insuperabile competenza tecnica, è la folgorante bellezza dei suoi brani, che presentano un afflato melodico personalissimo, segno di una concezione altamente poetica.

La seconda parte di Musiche corsare si è inaugurata con un concerto di solo pianoforte di Stefano Battaglia. Un flusso di coscienza mediato da una tecnica adamantina, la celebrazione dell'improvvisazione totale come rito, lo scaturire della melodia che emerge dall'incessante monologare per tornare nell'ombra e poi riaffiorare. Un approccio meditato e meditativo, che rimanda agli interessi del pianista milanese per la spiritualità e fa affiorare la sua formazione classica. Trascorsi ormai cinque anni dalla pubblicazione del suo ultimo cd per l'etichetta Ecm («Pelagos»), sarebbe il momento di ascoltare nuove testimonianze discografiche di questo artista, che rimane una delle risorse più preziose della scena musicale italiana.
 
Ancora su un magistrale concetto di improvvisazione, il quartetto Sound Glance, composto da Fabrizio Puglisi (pianoforte), Günter "Baby" Sommer (batteria), Silvia Bolognesi (contrabbasso) e Marco Colonna (clarinetto, clarinetto basso e sax tenore), ha dato una lezione di complicità improvvisativa, basata sulla solida storica intesa tra Sommer e Puglisi, ai quali gli altri due componenti si sono festosamente uniti in una performance ricca di swing, di rimandi a Monk e all'Africa, di ritmi, di figure armoniche che scaturivano senza preordinazione, con un coinvolgente gusto teatrale.

Significativa anche la presenza al festival dell'ucraino, ma residente in Serbia, Max Kochetov. Il sassofonista (alto e soprano) era accompagnato da un trio serbo, composto da Andreja Hristic al pianoforte, Miloš Colovic al contrabbasso e Milos Grbatinic alla batteria. Kochetov ha una bella sonorità specialmente al soprano, strumento sul quale omaggia Coltrane, mentre sull'alto si mostra più vicino alle dinamiche dell'hardbop, nel segno di una classicità mainstream gradevole e ben supportata dal trio, per un jazz di matrice tipicamente statunitense, tutto di composizioni originali del leader.

Finale esaltante quello offerto dal quintetto di Michel Portal, con Nils Wogram al trombone, Bojan Z al pianoforte, piano elettrico e tastiere, Bruno Chevillon al contrabbasso e Lander Gyselinck alla batteria. Il gruppo, che su etichetta Label Bleu ha pubblicato poco più di un anno addietro l'ottimo «MP 85», ha presentato a Bari alcune delle composizioni presenti sul disco, avvincenti, articolate, che catturano al primo ascolto, tra le quali citerei almeno Armenia, in trio senza ritmica. Ottantasei primavere non pesano affatto sul leader, che ha sfoggiato il fraseggio e il suono di sempre, soffermandosi maggiormente sul clarinetto basso, ma utilizzando anche il clarinetto e il sax soprano. E del gruppo non si potrebbe dire di meglio, sia per la perfetta accoppiata con il trombonista, sia per l'essenziale apporto creativo del pianista che riempie di colore i brani con le sue fantasiose tastiere, sia della ritmica, decisamente azzeccata, con una bella intesa tra il contrabbassista e il più giovane batterista. Una bella sintesi del jazz europeo, da parte di un quintetto franco-tedesco-serbo-italiano (Chevillon lo è per parte di madre)-belga, che ne testimonia l'ottimo stato di salute.

Il festival ha voluto anche rendere omaggio alla fotografia di soggetto jazzistico, ospitando, tra l'altro, la mostra di uno dei più noti e capaci fotografi italiani, Luciano Rossetti, con una ricca selezione di immagini che hanno colto alcuni protagonisti del jazz all'insegna di un guizzo creativo e spesso insolito, e il critico e autore Flavio Massarutto, che ha presentato, intervistato da Ottaviano, il suo recentissimo volume a fumetti dedicato a Charles Mingus, con i disegni di Squaz, per un incontro denso di riferimenti al grande contrabbassista ma anche di utilissime nozioni sulla storia e l'estetica di questo genere letterario.







Articoli correlati:
10/07/2022

Correggio Jazz 2022 - XXa Edizione: "...vent'anni di programmazione jazz, senza tanto sconfinare in altre musiche...un unicum in Italia..." (Aldo Gianolio)

22/01/2022

Ai Confini tra Sardegna e Jazz 2021 - XXXVI Edizione: "Il festival come lo ha voluto Basilio Sulis appare come una bella utopia realizzata, assieme al forte idealismo culturale, sociale, politico e civile che lo ha sempre sostenuto. Basilio lives!" (Aldo Gianolio)

30/11/2021

Bergamo Jazz Festival 2021: "Emozione. È questa la parola che ha fatto da filo conduttore a uno dei più longevi jazz festival italiani. Diretto per la prima volta da una donna, Maria Pia De Vito..." (Vincenzo Fugaldi)

06/11/2021

Tremiti Music Festival: "Tre serate, due concerti per sera premiati dalla presenza di un pubblico folto e attento, un bilancio decisamente positivo per una delle località turistiche più belle d'Italia." (Vincenzo Fugaldi)

12/09/2021

Talos Festival, Edizione Straordinaria 2020-2021: "Sempre sotto la grande direzione di Pino Minafra, formidabile agitatore culturale che di lì a poco ha superato il traguardo dei settant'anni, sempre nel segno dell'impegno, della creatività, del calore umano, dell'arte popolare nel senso più alto e nobile." (Vincenzo Fugaldi)

06/09/2021

Südtirol Jazz Festival 2021: "Dopo una forzata interruzione nel 2020, lo storico festival altoatesino ha ripreso le proprie attività con un'edizione intitolata "Going Upstream". Andare controcorrente..." (Vincenzo Fugaldi)

30/01/2021

alive Shouts - An homage to Bessie Jones (Silvia Bolognesi Young Shouts)- Alceste Ayroldi

26/01/2020

Prospettive Sonore: Nuova rassegna a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette.

25/05/2019

Torino Jazz Festival: "Il nuovo corso del Festival Jazz di Torino ha incrementato nell'edizione 2019 il grande successo dell'anno precedente, con il dodici per cento in più di presenze che sono arrivate a 25 mila in nove giorni, e diversi concerti sold out..." (Aldo Gianolio)

18/11/2018

Jazz&Wine of Peace 2018: "XXI Edizione del festival friulano in cui il ricco cartellone dei concerti è affiancato da un altrettanto ricco calendario di eventi collaterali, musicali e gastronomici" (Aldo Gianolio)

03/08/2018

Beat Onto Jazz Festival 2018: Terzo appuntamento con il quartetto italo-asiatico-americano Fratello Joseph Family Affair e la prima assoluta de "Il Duca e il Bardo" con Orchestra del conservatorio Niccolò Piccinni diretta da Vito Andrea Morra e il gruppo teatrale VoxMedia

27/05/2018

Sideralis (Roberto Ottaviano QuarkTet)- Enzo Fugaldi

19/05/2018

Piacenza Jazz Fest 2018 - XV Edizione: "Il Piacenza Jazz Fest, fiore all'occhiello per la città, ha compiuto quindici anni festeggiati nei migliori dei modi, con una edizione ricca, varia e di qualità." (Aldo Gianolio)

27/01/2018

Piacenza Jazz Fest 2018: XV Edizione: Più di 50 eventi in 40 giorni nei più bei teatri e location di Piacenza e provincia. Grande attesa per Toquinho Dave Douglas, Uri Caine, Lee Konitz, Michel Portal, Mauro Ottolini e Vjay Iyer

23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

02/05/2016

Jdid (Karim Ziad)- Enzo Fugaldi

22/02/2016

L'astrolabio (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

03/01/2016

Sarah Jane Morris Quintet: "La cantante e i suoi sodali hanno dato prova di quanto la professionalità, la grinta e la motivazione sociale possano andare d'accordo con tutta la musica: quella senza barriere..." (Alceste Ayroldi)

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

26/01/2015

Dialogo (Silvia Bolognesi - Angelo Olivieri)- Nicola Barin

05/01/2015

A World Apart (Stefano Maltese Open Sound Ensemble)- Francesco Favano

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

28/09/2014

Almost Jazz (Jocopo Pierazzuoli & The Kings Of Fire)- Nina Molica Franco

02/06/2014

Suoni dal carcere (Maria Pia De Vito, Silvia Bolognesi)- Alceste Ayroldi

19/05/2014

Il Mandorlo (Silvia Bolognesi Almond Tree)- Monica Mazzitelli

23/12/2013

Saltash Bell (John Surman)- Alceste Ayroldi

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

08/06/2013

Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo: "...voglio tornare a salire sul palco in maniera più incisiva per dire: "ci sono anche io"." (Alceste Ayroldi)

23/12/2012

Saragolla (Test Quintet)- Gianni Montano

15/10/2012

If Not - Omaggio A Mario Schiano (Angelo Olivieri, Alipio C Neto, Doppio Trio Progetto Guzman)- Gianni Montano

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

16/08/2012

Hear In Now (Mazz Swift, Tomeka Reid, Silvia Bolognesi)- Gianni Montano

01/05/2012

Where The West Begins: Voicing Ornette Coleman (Lisa Manosperti)- Gianni Montano

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

10/12/2011

Svartisen - Band Epoque (Maurizio Brunod)- Gianni Montano

06/11/2011

Holidays In Siena (Sabei Mateen - Silvia Bolognesi)- Enzo Fugaldi

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

04/07/2011

Young Jazz 2011: "Young Jazz si conferma una delle realtà più interessanti del panorama dei festival jazz italiani, grazie non solo alle felici scelte della direzione artistica affidata anche quest'anno a Gianluca Petrella, ma anche al profondo radicamento nel territorio, che coinvolge oltre alla città di Foligno altre vicine incantevoli località offrendo visite guidate a musei e monumenti di eccezionale bellezza, e da quest'anno una sezione speciale denominata Jazz Community, dedicata ai bambini, agli anziani e ai disabili." (di Vincenzo Fugaldi)

05/12/2010

Paolo Fresu e Bojan Z: "La loro tavolozza di colori è essenziale...sono ben addentro all'arte del duo, una pratica che in campo jazzistico ha dato frutti innumerevoli e preziosi." (Vincenzo Fugaldi)

27/11/2010

Large (Silvia Bolognesi Open Combo)- Vincenzo Fugaldi

17/10/2010

Tempus Transit (Pierluigi Villani Group)- Vincenzo Fugaldi

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

13/05/2010

Supuesto Blue (Marcello Benetti)- Rossella Del Grande

24/04/2010

Current Views (Roberto Magris & The Europlane Orchestra)- Alessandro Carabelli

17/04/2010

Bergamo Jazz 2010: "Tocca sempre a Bergamo il compito di inaugurare la nuova stagione del jazz in Italia, dall'alto di una tradizione di scintillante fattura, impreziosita dalla seconda conduzione artistica di Paolo Fresu, il cui obiettivo quest'anno è stato quello di concentrarsi su alcune delle correnti che attribuiscono al genere nuova linfa." (Vittorio Pio)

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

09/01/2010

It's Time To Make A Change (Maurizio Quintavalle) - Luca Labrini

27/12/2009

Jack DeJohnette & The Ripple Effect all'Auditorium di Roma: "Di una cosa si può esser certi: è praticamente impossibile assistere per due volte allo stesso concerto se questo ha per protagonista Jack DeJohnette, tale è la varietà e la diversità di progetti musicali di cui è l'ispiratore e il leader." (Dario Gentili)

08/11/2009

Effetto Ludico (Alessandro Sacha Caiani) - Alceste Ayroldi

25/10/2009

Remembering Weather Report (Miroslav Vitous Group w/Michel Portal) - Dario Gentili

24/09/2009

Brewster's Rooster (John Surman)- Dario Gentili

05/09/2009

My Foolish Harp (Angelo Adamo) - Giuseppe Mavilla

22/08/2009

La Musica, le Parole, il Pensiero: nove domande a Enzo Favata, direttore artistico di "Musica sulle Bocche". Dall'alba a notte inoltrata: quest'anno, l'idea di Enzo Favata per il suo Festival è quella "di affrontare un viaggio verso il continente sudamericano riletto in chiave jazz. Non solo la musica, ma anche il cinema e la fotografia racconteranno al pubblico il grande continente al di là dell'oceano Atlantico". (Viviana Maxia)

28/06/2009

Guitto Gargle (Guitto Gargle) - Enzo Fugaldi

12/01/2009

Da qui passano i venti (Diego Morga)

27/12/2008

VARIi (Silvia Bolognesi Living Quartet)

11/12/2008

Un Dio Clandestino (Roberto Ottaviano & Pinturas )

11/12/2008

Intervista a Roberto Ottaviano: "Io aspiro a fare in modo che nel mio suono, nella musica che produco, ci siano movimento, storie, evocazioni, e quindi mi sembra naturale trovarne un ideale luogo di proliferazione laddove registi, attori, danzatori, scultori, ecc. nutrono le mie stesse ambizioni. Il sax è un veicolo ed il jazz è oggi più che mai un mezzo per contattare altre realtà e comunicare delle cose." (Alceste Ayroldi)

22/11/2008

Eventi in Jazz di Busto Arsizio: "Dopo il successo degli anni scorsi, anche questo autunno a Busto le calde note del jazz hanno acceso la vita culturale cittadina. Dal 18 ottobre gli "Eventi in Jazz", giunti alla VI edizione, hanno portato, come da consuetudine, artisti di grandissimo livello nei principali teatri cittadini quali il Sociale, il Manzoni, il Lux, Fratello Sole, con un cartellone davvero invidiabile." (Alessandro Carabelli)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

23/08/2008

Songs (Mastropirro Ermitage Ensemble)

02/04/2008

La Foule - Voyage dans les lieux d'Edith Piaf (Lisa Manosperti)

25/03/2008

Anouar Brahem, John Surman, Dave Holland in "Thimar" all'Auditorium di Roma: "...una politica musicale assolutamente apprezzabile quella dell'Auditorium di Roma di non rincorrere soltanto le nuove uscite discografiche per strappare una data del tour che ne segue, ma di costruire il proprio calendario cercando di riproporre e rilanciare formazioni e progetti, i cui lavori non intercettano propriamente la più stretta attualità e che probabilmente non torneranno in sala di registrazione." (Dario Gentili)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

26/01/2008

Jack DeJohnette & The Ripple Effect with John Surman per Aperitivo in Concerto: "In due ore di musica non si conta un solo minuto di carenza di tensione o di feeling. I suoni e le idee coinvolgenti, assieme all'indiscutibile e riconfermato talento di questi grandi musicisti, hanno offerto al pubblico un evento difficilmente dimenticabile." (Achille Zoni)

15/11/2007

Hoarded Dreams (Graham Collier)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

22/04/2007

Xenophonia (Bojan Zulfikarpasic)

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

11/10/2006

Reportage fotografico dalla rassegna Musica sulle Bocche 2006 di Santa Teresa di Gallura (Ziga Koritnik)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

21/04/2006

Michel Portal e Bojan-Z duo per Musicus Concentus: "...un duo che coniuga mirabilmente avanguardia e tradizione, impegno e grande comunicatività, palpabile gioia di suonare insieme e grande amore e rispetto per chi ascolta." (Enzo Fugaldi)

01/04/2006

Steve's Mirror (Gianna Montecalvo)

26/03/2006

Michel Portal Quartet feat. Louis Sclavis allo IUC di Roma: "...da un lato l'ascoltatore viene catturato dall'estasi di una poliritmia che rimanda all'Africa e dall'altro è invitato a seguire il corso di melodie suadenti cullanti..." (Daniele Mastrangelo)

13/08/2005

Concerts (Michel Portal – Richard Galliano)

13/04/2004

Michel Portal Trio per Jazz all'Ambra: "Dalla musica classica al jazz più ortodosso all'avanguardia più radicale: la capacità live più sorprendente di Portal è di mescolare tali stili e generi anche in uno stesso brano..." (Dario Gentili)







Inserisci un commento


© 2000 - 2022 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 212 volte
Data pubblicazione: 13/08/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti