Jazzitalia - Live: Nomos Jazz IX stagione Concertistica 2019/2020
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Nomos Jazz IX stagione Concertistica 2019/2020

Palermo, Teatro Jolly e Teatro Golden.
Prima parte
di Vincenzo Fugaldi

Nomos Jazz - Antonio MarangoloNomos Jazz - Camilla BattagliaNomos Jazz - Charlie HunterNomos Jazz - Eivind AarsetNomos Jazz - Eivind Aarset QuartetNomos Jazz - E M I T
Nomos Jazz - Giacomo TantilloNomos Jazz - Giacomo Tantillo QuartetNomos Jazz - Gregory HutchinsonNomos Jazz - Hunter - WoodwardNomos Jazz - Hunter - Woodward
Nomos Jazz - John ScofieldNomos Jazz - Kevin HarrisNomos Jazz - Kevin Harris TrioNomos Jazz - Marangolo Brothers Groove AgencyNomos Jazz - Rita PayesNomos Jazz - Rita Payes Quartet
click sulle foto per ingrandire

La nona stagione di Nomos Jazz è iniziata all'insegna del groove, con un duo chitarra-voce di grande presa: Charlie Hunter e Lucy Woodward. Cinquantaduenne, statunitense, Hunter è uno specialista della chitarra a sette corde, che suona da virtuoso producendo pressoché simultaneamente linee di basso, accordi e melodie, costituendo una base solida per la partner artistica Lucy Woodward, inglese di nascita ma naturalizzata statunitense, che mostra una voce soul, una carica ragguardevole e una bella presenza scenica. Reduci dalla recente incisione dell'album «Music! Music! Music!», i due ne hanno riproposto i brani. Spalleggiati efficacemente dal batterista nero Derrek Phillips, hanno esordito all'insegna del blues più schietto con Soul of a Man di Blind Willie Johnson. La tecnica sopraffina di Hunter (la cui chitarra presenta i tasti non verticali ma obliqui) si basa su un'accordatura a terze minori, che gli consente un suono pieno, perfettamente adatto ad accompagnare i cantanti. Dal suo canto, la Woodward ha affrontato il repertorio con estrema sicurezza e disinvoltura, convincendo in ogni brano, mostrando il giusto feeling e un ottimo affiatamento, a volte spalleggiata dalla voce di Hunter che cantava i suoi assolo all'unisono con la chitarra. Non solo blues, ma anche omaggi a Nina Simone (Don't Let Me Be Misunderstood, Be My Husband), impreziositi dal suono orchestrale di Hunter. Il modello cui Hunter e Wodward si rifanno è quello vincente del notissimo duo Tuck & Patty, che vanta una grande attività concertistica e numerose testimonianze discografiche.

È seguito il gruppo "Emit" di Camilla Battaglia, con Michele Tino al sax alto, Andrea Lombardini al basso elettrico e Bernardo Guerra alla batteria. La giovane musicista, figlia d'arte, ha all'attivo due incisioni abbastanza recenti per l'etichetta salentina Dodicilune, «Tomorrow-2more Rows of Tomorrows», e «EMIT: RotatoR TeneT». Le musiche eseguite nel concerto palermitano appartenevano a quest'ultimo album. La Battaglia, che fa uso di una loop station per duplicare la voce e suona anche le tastiere, propone un mondo musicale onirico di composizioni originali, nel quale i suoi vocalizzi e i recitativi si mescolano al sax alto in intrecci sofisticati e meditativi, lontani dalla tradizione del jazz, e piuttosto legati ad astrattismi di matrice nord europea. Le atmosfere si vivacizzavano quando tutto il gruppo entrava in azione, sia a supporto della voce che in sua assenza, producendosi in scansioni ritmiche di buon impatto che davano efficace sostegno all'incisivo fraseggio del sassofonista. Un concerto di non agevole ascolto, nel quale è prevalsa la ricerca musicale, a tratti a discapito dei risultati in termini di fruibilità. A chiusura, la Battaglia ha chiamato sul palco il trombettista siciliano Alessandro Presti, per l'ultimo brano in scaletta.



Ha chiuso il 2019 il trio del pianista statunitense Kevin Harris, con Ameen Saleem e Greg Hutchinson. Attivo tra Boston e New York, non notissimo in Italia pur avendo suonato a Milano e a Umbria Jazz, Harris è un musicista di grande qualità, anche ottimo docente, che spazia dalla tradizione, specie quella monkiana, che omaggia esplicitamente, a propri brani di ottimo spessore compositivo, mostrando una freschezza esecutiva che trovava nel contrabbasso di Saleem e nella batteria di Hutchinson due validissimi sostegni che davano al trio quel tanto in più che ha reso il concerto davvero entusiasmante. Il batterista è uno tra i più richiesti al mondo, per il suo stile elastico e ricco di swing che si adatta a svariati contesti, e Saleem, noto anche per aver a lungo fatto parte del quintetto del compianto Roy Hargrove, ha molte frecce al suo arco e durante il concerto palermitano ne ha dato ampia prova, sia in accompagnamento che in assolo. Un trio dunque in cui la musica respirava, cogliendo le vibrazioni positive provenienti dalla sala stracolma, e restituendole in termini di un evidente piacere di suonare, che trovava nei brani di Monk e in alcuni classici del bebop come la parkeriana Ko-Ko i luoghi ideali per esplicarsi, ma anche nelle composizioni di Harris, tra cui quella dedicata alla moglie Lullaby for Yellowbird, tutta affidata al suono pieno del contrabbasso, e la lirica The Potential To Be. Bis sulle intramontabili note di ‘Round Midnight, per solo pianoforte.

Il quartetto dei Marangolo Brothers Groove Agency (Antonio e Agostino Marangolo, con Luca Begonia e Aldo Mella) ha presentato il recente disco «Live! In Jaci&Jazz Acireale Jazz Festival», registrato durante l'omonimo festival siciliano di cui Antonio è il direttore artistico. Notissimi per le prestigiose collaborazioni in ambito cantautoriale (Antonio con Guccini e Conte, Agostino con Pino Daniele, solo per citarne alcune), i Marangolo sono jazzisti di grande valore, e lo hanno ampiamente dimostrato nella serata palermitana. Sin dalle prime note del concerto, introdotte dal corposissimo swing della batteria, ci si è resi conto di stare ascoltando uno dei più significativi e dinamici quartetti del jazz italiano, che ha eseguito un repertorio tutto di composizioni originali (spesso dai titoli divertentissimi e strampalati) di notevole qualità, fresche e coinvolgenti, in cui la vivace ritmica, in seno alla quale il bassista Mella (autore di un recente interessante doppio cd, "Udito") ha confermato le sue eccelse qualità, ha sostenuto, con l'apporto del pianoforte suonato da Antonio Marangolo oltre al sax tenore, i temi e gli assolo di composizioni in cui l'improvvisazione era sostenuta da una scrittura densa e sapida, consentendo al trombone dal timbro pulitissimo di Begonia e al navigato sax di poter raccontare al meglio le loro storie. Ma notevoli sono stati anche gli assolo che Mella si è ritagliato al basso a sei corde, anche con l'utilizzo del distorsore, che lo assimilava a una chitarra. Una caratteristica dei concerti dei Marangolo è la consuetudine, molto gradevole e apprezzata dal pubblico, di comunicare tra un brano e l'altro, riportando divertentissimi aneddoti della loro lunga e vasta esperienza artistica. Tra i brani eseguiti, particolarmente suggestivo Notturno Peloritano, dai toni nostalgici e rievocativi.

La giovanissima cantante e trombonista spagnola Rita Payes, in quartetto con la madre Elisabeth Roma alla chitarra classica, Magalí Datzira al contrabbasso e Juan Berbin alla batteria, si è esibita in un repertorio costituito principalmente da canzoni brasiliane, da Chico Buarque, a Villa Lobos, Joao Gilberto, ma anche da canti sefarditi e brani originali. Sostenuta da una chitarra particolarmente efficace, l'esile voce della Payes, ancora artisticamente in crescita, trovava momenti più definiti negli spazi dedicati al trombone, mentre la ritmica contribuiva efficacemente all'esito del concerto.

In una insolita veste solitaria, John Scofield, uno dei maestri indiscussi della chitarra jazz sin dagli anni Settanta del Novecento, ha posizionato la sua sedia, un microfono e l'amplificatore al centro dell'ampio palco del Teatro Golden per un evento, nonostante le dimensioni della scena, raccolto e colloquiale, una sorta di omaggio ai tanti appassionati accorsi ad ascoltarlo. Senza trascurare il repertorio jazzistico, il recital era comunque filtrato attraverso la sensibilità e il fraseggio del musicista, che ha anche fatto un sobrio uso di una loop station per creare delle basi ritmiche o delle atmosfere su cui condurre le improvvisazioni, sempre colme di blues feeling e del suo peculiare groove. Un repertorio che spaziava da I Will a The Creator Has a Master Plan, da The Day of Wine and Roses, a Bartender Blues di James Taylor, a Roll Over Beethoven, a Ida Lupino di Carla Bley, ad alcuni brani di Thelonious Monk, con Scofield che volte anticipava i testi recitandoli, e presentandoli con evidente compiacimento.

Un concerto giocato in casa per il giovane trombettista di Bagheria Giacomo Tantillo, accompagnato da Andrea Rea al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso e Paolo Vicari alla batteria. Astro nascente del jazz italiano, classificatosi tra i nuovi talenti del Top Jazz del 2019, e recente vincitore del Bando "Nuova Generazione Jazz" sostenuto dal MIBAC, da I-Jazz e dalla SIAE che gli ha permesso di esibirsi nei più importanti festival in Italia e all'estero, Tantillo ha ripercorso le musiche del suo ottimo cd «Water Trumpet». Un hardbop chiaro, diretto, traboccante di swing, e un concerto che ha giustamente entusiasmato il pubblico palermitano, che ha potuto apprezzare il fraseggio del trombettista che si ispira al mai dimenticato Woody Shaw, padroneggiando con disinvoltura sia i brani mossi che le ballad. Oltre a sue gradevoli composizioni, Tantillo ha anche esplicitamente omaggiato Shaw con un paio di composizioni di questi, dall'inconfondibile drive. Buoni anche gli accompagnatori, in particolare il pianista, che ha ritagliato per sé anche efficaci spazi solistici. Bis sulle note dell'ellingtoniana Caravan.

La prima parte della rassegna si è chiusa con uno splendido concerto del quartetto norvegese capitanato dal chitarrista Eivind Aarset, noto per le sue collaborazioni con i conterranei Jan Bang, Arve Henriksen e Nils Petter Molvaer, protagonista di una recente ottima incisione Ecm insieme ai nostri Michele Rabbia e Gianluca Petrella («Lost River»). Discograficamente prolifico, sia a proprio nome che in collaborazione con altri, a Palermo Aarset era insieme ai componenti del suo quartetto, il bassista Audun Erlien, il multistrumentista Wetle Holte e il batterista-percussionista Erland Dahlen. Una musica dai riferimenti principalmente extrajazzistici, che attingeva dal rock psichedelico, con forti richiami al progressive e ai Pink Floyd più sperimentali, trascorrendo da atmosfere tipicamente nordiche a momenti spiccatamente ritmici. Brani costruiti con cura certosina da una formazione insolita ed estremamente creativa, coesa, perfettamente amalgamata. Mirabile l'intesa tra gli agguerriti Holte, che si divideva tra batteria, percussioni, tastiere, persino una pedal steel guitar, e Dahlen, concentrato sul suo variegato set di batteria e percussioni. Composizioni originali complesse e articolate, eseguite con naturalezza e tecnica adamantina. Di Aarset come chitarrista non si può che dire bene, attento alle dinamiche, tecnicamente ferratissimo, semplicemente perfetto. Un concerto memorabile.







Articoli correlati:
09/02/2020

Intervals II (Franco D'Andrea Octet)- Gianni Montano

02/02/2020

Two Ships In The Night (Dino Betti Van Der Noot)- Gianni Montano

19/01/2020

Umbria Jazz Winter #27: "Molta musica, come al solito, a Orvieto, con parecchi concerti sempre con il "tutto esaurito". L'edizione #27 è anche dedicata alla meomria del manager umbro Mario Guidi." (Aldo Gianolio)

19/01/2020

Mandolitaly (Carlo Aonzo)- Gianni Montano

25/05/2019

Torino Jazz Festival: "Il nuovo corso del Festival Jazz di Torino ha incrementato nell'edizione 2019 il grande successo dell'anno precedente, con il dodici per cento in più di presenze che sono arrivate a 25 mila in nove giorni, e diversi concerti sold out..." (Aldo Gianolio)

21/12/2018

Mimmo Langella presenta "A kind of Sound": "...un musicista lavora tutta la vita per riuscire a esprimersi al meglio con il proprio strumento, per tenere a bada l'ego; è un lavoro costante che non hai mai fine, per cui il traguardo raggiunto oggi non può che essere il mio nuovo punto di partenza!" (Marco Losavio)

15/09/2018

Intervals I (Franco D'Andrea Octet)- Gianni Montano

25/04/2018

Notti di Stelle a Bari: Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese

18/12/2017

Où sont les notes d’antan? (Dino Betti van der Noot)- Alceste Ayroldi

13/02/2017

John Scofield si aggiudica 2 Grammy Jazz: Miglior solo e Miglior album strumentale

18/09/2016

Notes are but wind (Dino Betti van der Noot)- Gianni Montano

07/08/2016

Antonio Marangolo - Afa: "Marangolo dimostra qui, indubitabilmente, la propria caratura elevata di compositore e autore di musiche originali, quanto siano importanti i musicisti di cui ci si circonda..." (Andrea Gaggero)

19/09/2015

Arioso (Andrea Rea Trio)- Niccolò Lucarelli

11/05/2015

In Memoriam (S. Battaglia - M. Rabbia - E. Aarset)- Enzo Fugaldi

05/01/2015

Monk and the Time Machine (Franco D'Andrea Sextet)- Nina Molica Franco

24/08/2014

Roy Hargrove Quintet: "Un grande concerto che conferma ancora una volta questa formazione ai massimi livelli internazionali." (Roberto Biasco)

25/05/2014

Suoni, Parole, Ritmi del mondo - V Edizione: "...quattro appuntamenti dignitosissimi, malgrado l'attuale periodo di crisi generalizzata, collegati dall'idea dell'omaggio a personaggi che hanno fatto la storia della musica afroamericana." (G. Montano - A. Gaggero)

25/05/2014

Imagine (Martux_m Crew)- Alessandra Monaco

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - IIa Parte: "Michele Rabbia ed Eivind Aarset, Franco d'Andrea Trio, Factor-Y Trio, Evelina Petrova Duo" (Nina Molica Franco)

18/03/2013

More Music (Massimiliano Rolff Unit Five)- Francesco Favano

01/12/2012

Nicky Nicolai e Stefano Di Battista: Io, Mina e le Altre: "...hanno tenuto perfettamente in bilico e integrato la canzone italiana e il jazz, senza che l'una ammansisse l'altro." (Alceste Ayroldi)

11/11/2012

Gezmataz Festival 2012: L'alto tasso elettrico degli Interstatic e dei Planet Microjam contrapposto alla sublime dinamica del Brad Mehldau trio e allo spettacolo musicale di John Scofield con la sua Hollowbody Band. (G. Montano, A. Gaggero)

07/10/2012

Kurt Elling & Charlie Hunter Trio : "scat" e "vocalese" come solo lui può fare, fraseggi e dinamiche virtuosistiche si alternano a piccole danze che apportano maggior stimolo alla performance. (Viviana Falcioni)

02/09/2012

Volar Por Las Ventanas (Sebastian Coleman Gallery (Antonio Marangolo)) - Andrea Gaggero

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

18/08/2011

The Paris Concert (dvd) (John Scofield)- Giovanni Greto

31/07/2011

George Cables e Massimo Faraò "Two pianos" plus guest ad Isola Jazz 2011: "E' un vero piacere in luglio constatare come il jazz riesca a movimentare un piccolo comune come Isola del Cantone, ai margini della provincia di Genova e ai confini con Alessandria, che per una settimana si trasforma in un "village" per studenti, operatori e docenti..." (Gianni Montano)

06/03/2011

White Room (Andrea Rea)- Gianni Montano

06/02/2011

Fabiana Martone con i Soundflowers e l'"Organ...izzato" di Jerry Popolo al Teano Jazz Winter 2010 - VI Edizione: "Nella magia riverberante della location di San Pietro in Acquariis, una Chiesa sconsacrata si è svolta la VI Edizione del Teano Jazz Winter, una kermesse divenuta fiore all'occhiello nel panorama festivaliero italiano." (Daniele Camerlengo)

27/11/2010

Joachim Kuhn "Out of the Desert" e John Scofield trio a Jazz&Wine of Peace 2010 di Cormons: bravura, voglia di suonare, carisma sono gli ingredienti adatti per inserirli nel ricordo dei concerti belli del 2010... (Giovanni Greto)

27/08/2010

For A Walk Inside (Sergio Di Natale) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

01/08/2010

Unit five in "Genoa Original Jazz Night" a Sestri Jazz 2010: "Non ci sono intenzioni particolari di ricerca, di contaminazione di stili, di agganci con qualche eco folk o etnico. Il quintetto conosce bene la materia, cioè la tradizione, e la propone in maniera appassionata e convinta." (Gianni B. Montano)

30/05/2010

Come sto bene qui (Marangolo Quartetto Orizzontale)- Enzo Fugaldi

10/05/2010

The Complete Town Hall Concert (Jim Hall & Friends) - Alceste Ayroldi

16/02/2010

Half The Fun (Franco D'Andrea Quartet) - Gianmichele Taormina

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

17/08/2009

The Siena Concert (Franco D'Andrea Quartet) - Alceste Ayroldi

26/07/2009

Nostos (Marangolo, Tavolazzi, Bandini)- Andrea Gaggero

21/06/2009

Antonio Marangolo e Umberto Petrin all'interno della rassegna "L'arte del duo": "Si possono far convivere Debussy e Schoenberg con il pianismo percussivo e febbrile di Cecil Taylor e poi il tutto con il "rumorismo" di Cage? E Wayne Shorter con Sidney Bechet, quest'ultimo con il "belcanto" italiano?" (Andrea Gaggero)

06/06/2009

Movements in colour (Andy Sheppard)

06/06/2009

Between (Jazz Fantasy)

14/04/2009

Last Night The Moon Came Dropping Its Clothes In The Street (Jon Hassell)

13/04/2009

Franco D'Andrea Quartet a Marghera: "D'Andrea suona al solito in maniera elegante, rifuggendo la minima ridondanza e, soprattutto, stimolando i suoi attenti e concentrati partners. Si dimostra per di più un maestro nell'allineare frasi significative, nel farsi da parte per far emergere il solista di turno e nell'usare con sapienza le pause..." (Giovanni Greto)

16/03/2008

Intervista a Mimmo Langella: "Secondo me le cose più interessanti sono quelle che vanno oltre il jazz. I personaggi più interessanti sono quelli che tendono ad usare l'elettronica nel jazz, i computer e gli altri aggeggi elettronici. Ovviamente fanno cose interessanti i creativi, quelli che hanno delle idee ed usano le macchine non per maschere delle lacune o una mancanza d'idee, ma per trovare nuove strade. " (Emanuele Capasso)

01/07/2007

Perfect World (Felice Clemente Quartet)

07/04/2007

Out Louder (Medeski Scofield Martin and Wood)

14/03/2007

I Bass Desires a Etnafest: "Grande musica grazie alla statura musicale dei componenti del gruppo ... ma rimane qualche piccola perplessità in chi credeva nella possibilità di ascoltare qualcosa di più della somma di quattro grandi protagonisti del jazz che si incontrano per il gusto di suonare insieme." (Enzo Fugaldi)

10/12/2006

Trio Beyond al Roma Jazz Festival: "La scaletta del concerto ha riproposto, anche se in un diverso ordine, i brani contenuti nel cd, tuttavia non sono mancate sorprese nell'esecuzione e quel surplus che si attende sempre dalla dimensione live..." (Dario Gentili)

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

26/10/2005

That's What I say – John Scofield plays the Music of Ray Charles (John Scofield)

27/09/2005

I concerti dei Chitarristi dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005: Biréli Lagrène, John Abercrombie e Eivind Aarset

19/08/2005

John Scofield Quartet nell'ambito del Barletta Jazz festival: "...Scofield conferma tutto il suo valore, la sua attenzione ai contenuti ed alla ricerca. La voglia di rischiare in avventure armonico-melodiche dal sapore hard..." (Alceste Ayroldi)

16/04/2005

Jack De Johnette, John Scofield e Larry Goldings in "A Celebration of Tony Williams": "...Poteva essere un semplice tributo, e in vece non lo è stato..." (Dimitri Berti)

29/11/2003

John Scofield Trio al Blue Note: "...trovo che Scofield sia un musicista in continua evoluzione, assorbe di continuo gli stimoli esterni e li mette in musica con intelligenza, si mette ancora in gioco, rischia." (Andrea Lombardini)





Video:
QUISISANA JAZZ EVENTS 2012 - John Scofield's Hollobody Band
QUISISANA JAZZ EVENTS 2012 - 8 luglio, John Scofield and Hollobody Band, , John Scofield, Guitar, , Kurt Rosenwinkel, Guitar, , Ben Street, Bass, , Bi...
inserito il 13/10/2012  da QUISISANAJAZZ - visualizzazioni: 4119
Il mio Studio
Seduta di registrazione del Trio formato da Andrea Rea (Piano), Daniele Sorrentino (Contrabbasso), Gino Del Prete (batteria) Franco Cleopatra: Registr...
inserito il 23/03/2011  da QUISISANAJAZZ - visualizzazioni: 4764
Martino,Scofield & DeFrancesco - SUNNY [High Quality]
Pat Martino Trio In Umbria Jazz 2002 (Italy) with Joey De Francesco and guest John ScofieldPat Martino - GuitarJoey Defrancesco - Hammond B-3 OrganByr...
inserito il 21/02/2011  da palanzana - visualizzazioni: 4408
The Sinner - Marcello Rosa, Dino Piana e Luca Begonia.MPG
...
inserito il 30/05/2010  da MAVICH81 - visualizzazioni: 4064
Patitucci - Bach
Cello suite n.1 in G on the six-string bass...
inserito il 28/11/2009  da ekkeccakkio - visualizzazioni: 2952
I will love you
Stefano di Battista "Trouble shootin' 4tet w/ Fabrizio Bosso-Baptiste Trotignon-Greg Hutchinson at Jazz Baltica 2008...
inserito il 07/12/2008  da ghouftanza - visualizzazioni: 3772
Weather or not/Under her spell (extracts)
Stefano di Battista-Fabrizio Bosso-Baptiste Trotignon-Greg Hutchinson LIVE at Jazz Baltica 2008...
inserito il 05/12/2008  da ghouftanza - visualizzazioni: 3939
Bill Stewart with John Scofield - 11/2005
Fantastic drummer with an excellent trio...
inserito il 04/10/2008  da krstnyotec - visualizzazioni: 3537
Joe Henderson & John Scofield - Summertime (1 of 2) 1998
Bern 1998 Switzerland. Joe Henderson - tenor; John Scofield - guitar; Conrad Herwig - trombone; Tommy Flanagan - piano; Georg Mraz - bass; Bill Stewar...
inserito il 12/09/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 3262
Joe Henderson & John Scofield - Summertime (2 of 2) 1998
Bern 1998 Switzerland. Joe Henderson - tenor; John Scofield - guitar; Conrad Herwig - trombone; Tommy Flanagan - piano; Georg Mraz - bass; Bill Stewar...
inserito il 12/09/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 3544
Stefano Di Battista Quartet Amsterdam July 2008
"Essaouira" Stefano Di Battista Quartet Amsterdam July 2008 w/ Fabrizio Bosso, Baptiste Trotignon & Greg Hutchinson...
inserito il 10/09/2008  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 3713
Umbria Jazz Festival, Perugia, Italy: sound check w/ Baptiste Trotignon, Greg Hutchinson and Fabrizio Bosso
Perugia Italy, Umbria Jazz: sound check for Stefano Di Battista w/ B. Trotignon, G. Hutchinson & F. Bosso:Perugia, Italy July 2008...
inserito il 22/07/2008  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 4197
Stefano Di Battista Quartet, Brazil Tim Festival 2007
Stefano Di Battista ft. Gregory Hutchinson on drums, Fabrizio Bosso on Trmpette, and Baptiste Trotignon on organ. Oct. 2007 Sao Paulo, Brazil...
inserito il 09/11/2007  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 3957
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 4261


Inserisci un commento


© 2000 - 2020 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 499 volte
Data pubblicazione: 15/03/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti