Jazzitalia - Live: Oltremente Ibla Jazz 2021
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Oltremente Jazz 2021

Ragusa Ibla 10-12 settembre
Direzione artistica di Alessandro Nobile
di Vincenzo Fugaldi

Oltremente Jazz - Livio MinafraOltremente Jazz - Francesco CusaOltremente Jazz - Fragile TrioOltremente Jazz - Alessandro NobileOltremente Jazz - Pannonica Jazz Workshop
click sulle foto per ingrandire

Ben distante dalla devastante logica dei cosiddetti "grandi eventi", il piccolo festival ibleo resiste anche in tempi duri come questi, proponendo tre serate all'insegna della qualità e della ricerca. Il tema conduttore quest'anno era il pianoforte, e prevedeva quattro distinte formazioni: un solo, un duo, un trio e un ensemble. Una pioggia inopportuna ha fatto cancellare il concerto previsto per sabato 11, quello del duo fra Mirko Signorile e Marco Messina, "Banaba".



I concerti per pianoforte solo di Livio Minafra fanno riferimento ai suoi dischi «La fiamma e il cristallo» e «La dolcezza del grido», rispettivamente del 2003 e del 2008, ma soprattutto al suo disco doppio del 2016, «Sole Luna». In questo ultimo Minafra (famiglia di noti musicisti, formazione classica, nutrita discografia a suo nome, collaborazioni prestigiose, docenze in diversi conservatori) ha concentrato alcuni dei suoi mondi musicali, a tratti drammatici ma spesso anche gioiosi e giocosi, come testimoniato dai pupazzetti che sparge sul pianoforte e sul palco. Nel suo concerto utilizza anche un piccolo xilofono giocattolo, una melodica, e soprattutto una loop station, con la quale duplica, replica e rinforza il suo messaggio artistico, arricchito a tratti dall'utilizzo del fischio e della voce, di oggetti comuni come sacchetti di plastica utilizzati a fini percussivi. Così si sono ascoltati, tra gli altri, Passi, la drammatica Sarajevo, la delicatissima e "liquida" "Cum grano Salis" dedicata al grande musicista sardo, in una performance vivissima, diversificata, che ha lasciato il segno perché coniugava felicemente tecnica di grande livello, messaggio e creatività.

Il "Fragile Trio", guidato da Alessandro Nobile al contrabbasso, lo vedeva al fianco di Luciano Troja al pianoforte e Francesco Cusa alla batteria. Insieme hanno eseguito, in un breve set, alcune composizioni di Nobile, anticipate e seguite da due brani di Thelonious Monk e Charles Mingus. Le composizioni originali consistevano solo in alcune linee melodiche e linee di basso, che il pianista ha creativamente armonizzato durante questa prima esecuzione, mentre Cusa ha fornito un'ossatura ritmica di notevole qualità. Un trio che meriterebbe spazio discografico e concertistico, per la grande dimestichezza con un'idea di improvvisazione creativa di particolare gradevolezza, fruibile e ricca di contenuti. Un esempio di quanto il panorama jazzistico siciliano sia ricco di talenti anche fuori dall'area mainstream.

"Oltroceano" era il titolo del set affidato al Pannonica Jazz Workshop. Realtà messinese esistente da un ventennio, curata da Luciano Troja e Filippo Bonaccorso, il laboratorio ha la caratteristica di affiancare musicisti dall'esperienza jazzistica a musicisti di estrazione classica, in una feconda abolizione di inutili barriere. Da anni impegnato a studiare l'opera di musicisti statunitensi a cavallo tra musica classica e jazz, a Ibla il corposo ensemble, che ospitava il chitarrista calabrese Giancarlo Mazzù, ha eseguito, dopo l'omaggio a Monk con Pannonica, musiche di Billy Strayhorn (Isfahan, Day Dream, Lush Life), Earl Zindars (Lullaby for Helene e How My Heart Sings) e Leonard Bernstein (Maria, Tonight, America). Organico inusuale, diretto da Troja, che al fianco di strumenti tipici del jazz (pianoforte, basso, chitarre, batterie, sassofoni e clarinetti) vedeva anche arpa e fagotto. Gli arrangiamenti dovuti a Troja erano preceduti da brevi improvvisazioni collettive; felice la scelta dei brani e interessante l'ensemble dal quale traspariva un percepibile entusiasmo e passione, che ha ampiamente soddisfatto il vasto uditorio. Una menzione particolare per gli assolo di Mazzù, sorprendenti per tecnica e ispirazione. Da ricordare anche che alcuni anni addietro Troja ha dedicato alle composizioni di Zindars, un artista molto amato da Bill Evans, un album davvero speciale in piano solo, «At Home With Zindars».

In sostituzione del concerto cancellato, Oltremente ha proposto, presso la Sala Falcone e Borsellino, un concerto del FCDuo, duo inedito composto da Francesco Cusa (batteria) e Tonino Miano (pianoforte e tastiere). Cusa ha presentato alcune composizioni del suo disco doppio "The Uncle (Giano bifronte)", dedicato a Gianni Lenoci, sul quale suonava lo stesso pianista prematuramente scomparso. Se ben note sono le qualità di Cusa, giova ricordare che il sorprendente pianista e tastierista Miano, siciliano per un trentennio vissuto a New York ma oggi di base a Catania, vanta un curriculum musicale e di studi non comune, come si è potuto riscontrare nella superlativa prestazione iblea, nella quale ha eseguito le non semplici partiture di Cusa con estrema perizia, sfruttando le potenzialità del synth, spesso usato insieme al pianoforte, creando timbri particolari e coinvolgenti. Swing potente, titoli dei brani fortemente ironici (o autoironici, che è ancora meglio), per un duo che ci auguriamo di riascoltare presto.







Articoli correlati:
12/09/2021

Talos Festival, Edizione Straordinaria 2020-2021: "Sempre sotto la grande direzione di Pino Minafra, formidabile agitatore culturale che di lì a poco ha superato il traguardo dei settant'anni, sempre nel segno dell'impegno, della creatività, del calore umano, dell'arte popolare nel senso più alto e nobile." (Vincenzo Fugaldi)

02/05/2021

Lost tapes: "...una serie discografica dedicata a jazzisti della cittadina pugliese Ruvo..." (Vincenzo Fugaldi)

28/11/2020

Oltremente Ibla Jazz 020: "Tre serate di grande qualità, che hanno dato ampia misura dell'ottimo livello qualitativo del jazz siciliano, non secondo a nessuno nel panorama nazionale." (Vincenzo Fugaldi)

01/10/2020

The Uncle (giano Bifronte) (Francesco Cusa & The Assassins)- Gianni Montano

10/05/2020

Intervista con Livio Minafra: "In occasione del docufilm "IazzBann 'Storie dimenticate di jazzisti che girarono il mondo', incontriamo Livio Minafra, pianista, compositore, eclettico e poliedrico musicita." (Vincenzo Fugaldi)

27/10/2019

Black Power (Francesco Cusa & The Assassins meets Duccio Bertini)- Gianni Montano

13/10/2019

Talos Festival Internazionale 2019: "...lo storico festival pugliese ha ancora una volta centrato il segno con scelte valide premiate da un pubblico attento e caloroso, che è stato presente in massa a ciascuno dei concerti e delle performance di danza durante le dense quattro giornate." (Vincenzo Fugaldi)

05/10/2019

Oltremente - Ibla Jazz 019: "...un festival che si distingue per l'elevata qualità delle scelte artistiche e l'incomparabile bellezza anche gli spazi utilizzati..." (Vincenzo Fugaldi)

23/09/2018

Talos Festival 2018: "Il festival pugliese muta, evolve, si trasforma, e assume negli anni recenti la connotazione di uno straordinario esempio di politica culturale." (Vincenzo Fugaldi)

23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

12/03/2017

Born Free (Livio Minafra & Louis Moholo - Moholo)- Enzo Fugaldi

27/11/2016

Sole Luna (Livio Minafra)- Enzo Fugaldi

18/09/2016

Oltremente Festival. Itinerari di Jazz Contemporaneo: "La terza edizione del festival si è svolta in tre serate al Molo di Levante, affiancata da un laboratorio musicale sull'improvvisazione e la musica d'insieme condotto da Giancarlo Schiaffini." (Vincenzo Fugaldi)

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2016

Southeast of my dream (Alessandro Nobile)- Niccolò Lucarelli

13/12/2015

Sphere (Try Trio)- Niccolò Lucarelli

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

11/10/2015

Love (Francesco Cusa & The Assassins)- Antonella Chionna

26/09/2015

Oltremente Festival 2015 : "...un festival che abbiamo così scoperto, nota dopo nota e che ci fa ben sperare in una nuova edizione altrettanto suggestiva e interessante." (Nina Molica Franco)

29/11/2014

Oltremente Festival 2014 : "Jazz d'avanguardia e rivisitazione del passato, improvvisazione istantanea e composizione contemporanea (ma molto altro ancora)..." (Gianmichele Taormina)

16/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Francesco Cusa, Improvvisatore Involontario: "Il jazz è musica di sincretismi, senza una dialettica costante finisce per cristallizzarsi in schematismi e idiomi surreali..." (Alceste Ayroldi)

19/10/2014

Meets Mahler (Sonata Islands (Giovanni Falzone))- Valeria Loprieno

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

24/08/2014

The Fourth Door (Tan T'ien)- Gianni Montano

06/04/2014

Flowers In The Garbage (Francesco Cusa 'Vocal Naked Musicians')- Gianni Montano

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

07/04/2013

The American Dream (Marco Cappelli’s Italian Surf Academy)- Gianni Montano

23/12/2012

Altai (Skinshout & Xabier Iriondo)- Gianni Montano

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

25/03/2012

Intervista con Pino Minafra: "...generosità nel suonare, duttilità, saper leggere, saper sporcare, saper pulire la musica, ma soprattutto avere un sacro fuoco..." (Vincenzo Fugaldi)

22/02/2012

D'onde (Aurora Curcio)- Gianni Montano

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

05/02/2012

Mansarda (Mansarda)- Gianni Montano

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

03/01/2010

Francesco Cusa, Gianni Gebbia, Alessandro Salerno a Roma presso Il Baffo della Gioconda: "Questi tre giovani musicisti dimostrano di saper rimanere sempre "dentro" alla performance, sfruttando in modo innovativo le potenzialità dei loro strumenti, dandosi ciascuno il turno nel "trascinare" gli altri, senza perdere mai concentrazione e l'interplay è davvero grandioso." (Laura Mancini)

18/10/2009

L'arte della Guerra (Francesco Cusa "Skrunch") - Giuseppe Mavilla

13/09/2009

Una proposta interessante e innovativa dall'inedito duo Cusa-Matteuzzi: "Un canto che si fa strazio, grido, sofferenza, gioia, tenerezza assumendo un'infinità di sembianze e di plastiche evanescenze..." (Giuseppe Mavilla)

12/09/2009

Due serate dedicate alla musica jazz al Cortile Pandolfi Art Pub di Pozzallo anche se in ambiti antitetici dal punto di vista del linguaggio espressivo. La prima serata ha visto esibirsi l'inedito quartetto del chitarrista Paolo Sorge, la seconda un altro quartetto con l'armonicista Angelo Adamo.

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

16/11/2008

La Fiamma e il Cristallo (Livio Minafra)

16/11/2008

Intervista a Livio Minafra: "Non c'è niente di più bello che la fantasia. In particolare se non è la fantasia dei sogni nel cassetto ma è quella dei lenti ma profondi cambiamenti. Credo che oggi non esista più la musica, e né le musiche e neppure i generi o gli stili. Oggi esistono le persone e per distinguersi la gente ha bisogno che la musica sia autobiografica. La gente ha bisogna che l'artista sia totale con la sua personalità artistica ed umana." (Fabrizio Ciccarelli)

30/03/2007

Fòua (Municipale Balcanica)

17/03/2007

Improvised music for imaginary films (Nursery Four)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

13/01/2007

La dolcezza del grido (Livio Minafra)







Inserisci un commento


© 2000 - 2021 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 249 volte
Data pubblicazione: 20/11/2021

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti