Jazzitalia - Live: Parmajazz Frontiere Festival 2022 - XXVII Edizione
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Parmajazz Frontiere Festival 2022
XXVII Edizione

Parma, Teatro Farnese, 23 ottobre 2022

"Si erano vestiti dalla festa. Centenario Barricate Parma 1922-2022".
Parma Frontiere Orchestra, direzione di Roberto Bonati

di Aldo Gianolio
Foto di Elisa Magnoni

Parma Jazz Frontiere - Andrea GrossiParma Jazz Frontiere - Elisa ZitoParma Jazz Frontiere - Gabriele FavaParma Jazz Frontiere - Giulia ZaniboniParma Jazz Frontiere - Ingrid Berg MehusParma Jazz Frontiere - Le Barricate
Parma Jazz Frontiere - Luca PerciballiParma Jazz Frontiere - Luppi - Perciballi Daniele D % 27 AlessandroParma Jazz Frontiere - Michael Gassmann - GrossiParma Jazz Frontiere - Nicolàs Ernesto Cortes CastilloParma Jazz Frontiere - Parma Frontiere OrchestraParma Jazz Frontiere - Parma Frontiere OrchestraParma Jazz Frontiere - Platea Teatro Farnese
Parma Jazz Frontiere - Riccardo LuppiParma Jazz Frontiere - Roberto BonatiParma Jazz Frontiere - Roberto BonatiParma Jazz Frontiere - Roberto BonatiParma Jazz Frontiere - Roberto Bonati - Berg Mehus - Giulia ZaniboniParma Jazz Frontiere - Roberto DaniParma Jazz Frontiere - Tommaso Salvadorial
click sulle foto per ingrandire

Il contrabbassista e compositore Roberto Bonati ha scritto una complessa suite in quattro movimenti in occasione del centenario delle Barricate, come sono semplicemente conosciute e chiamate le azioni e i movimenti di ribellione e resistenza alla violenza fascista avvenuti a Parma nell'agosto 1922, protagonista la popolazione dell'Oltretorrente (cioè la parte ad ovest del torrente Parma, che attraversa la città), anticipando quella che sarebbe stata la Resistenza partigiana.

Bonati ha affidato l'esecuzione alla ParmaFrontiere Orchestra dirigendola lui stesso nello splendido teatro Farnese in cartellone del festival omonimo, giunto alla ventisettesima edizione.

Già il tipo di formazione, misto fra musicisti di jazz, rock e musica classica, ha fatto presagire l'impostazione data all'opera, un altrettanto misto di musica dotta, folklorica, rock e jazz, con inserti di parti parlate e recitate. L'orchestra di dodici elementi, diretta magistralmente da Bonati con tecnica eterodossa da lui chiamata "Improvised Chironomy" (vi usa molto i gesti delle mani, alla maniera in parte di Butch Morris e in parte di Walter Thompson, dandosi così margini per decidere sul momento inedite soluzioni) è formata da eccellenti strumentisti e solisti: Giulia Zaniboni alla voce, Riccardo Luppi ai sax e ai flauti, Gabriele Fava al sax soprano, Daniele D'alessandro ai clarinetti, Michael Gassmann alla tromba e flicorno, Nicolàs Ernesto Cortes Castillo alla tuba, Luca Perciballi alla chitarra elettrica, Elisa Zito alla viola, Ingrid Berg Mehus al violino, Tommaso Salvadorial al vibrafono, Andrea Grossi al contrabbasso e Roberto Dani alla batteria e percussioni.

Una musica quindi a programma, quella di "Si erano vestiti dalla festa", di carattere fortemente socio politico, che da quello storico eroico movimento di popolo ha trovato coerente ispirazione e potente forza espressiva.



La complessità dell'opera consiste nella sua poliedrica e cangiante struttura (quattro lunghi movimenti, s'è detto, differenti fra loro e ognuno di per sé sempre mutevole nel suo svolgimento interno); nella ricchezza delle soluzioni armoniche, melodiche e ritmiche; nell'articolata organizzazione di parti sinfoniche e jazzistiche, sia avvicendate che mescolate in perfetta simbiosi; nell'alternanza di atmosfere e di dinamiche nel tentativo riuscito di esprimere i vari stati d'animo e i profondi sentimenti veicolati dalle persone coinvolte nelle Barricate; nel sapiente inserimento delle parti vocali, che esse siano cantate (su impianto trovadorico e/o darmstadtiano), o recitate, o inserite attraverso spezzoni preregistrati (come la testimonianza parlata in dialetto di un uomo che partecipò da bambino ai moti), su testi di Attilio Bertolucci, Charles Baudelaire e dell'eroe di quelle giornate, il parmigiano Guido Picelli.

La scrittura di Bonati, basata su una visione sincretica della musica e sempre ricca e fascinosa sul piano melodico, passa con disinvoltura da fitte armonizzazioni e sonorità cameristico-sinfoniche (strascichi da Stravinsky, Berg, Shostakovich), a bordate etniche e fragori avant-jazz, a richiami a Duke Ellington, Charles Mingus e Anthony Braxton, a istanze rockeggianti (soprattutto per l'apporto del chitarrista Luca Perciballi). Inoltre sembra essere in piena sintonia con gli interpreti, che si esprimono spesso anche in lunghi assolo, impreziositi dal mondo in cui è organizzato il sostegno orchestrale, trovando ognuno il proprio personale spazio che sempre viene occupato con sapiente e coinvolgente dovizia (due nomi che valgono per tutti: Riccardo Luppi che al sax ha saputo incarnare le figure ellingtoniane di Paul Gonsalves e Ben Webster, e la violinista Ingrid Berg Mehus, arrivata a punti alti di tensione e di suono e che ha fatto sembrare le sue parti improvvisate come fossero state accuratamente composte).

Bonati usa a suo modo e piacimento le diverse derivazioni stilistiche, rese omogenee e perfettamente coerenti in un costrutto prezioso ed emozionante, dai vaghi aspetti tribali nonostante la modernità degli assunti. In una formulazione intemerata per lucidità e intensità congiunte, fa sì che il fine rappresentativo trovi i suoi perfetti sbocchi nella realizzazione collettiva.

Il pubblico entusiasta ha decretato un successo strepitoso a Roberto Bonati e all'intero ensemble, che dopo grandi applausi hanno concesso il bis di uno stralcio della terza parte della suite, un'opera di grande pregio e qualità che ha onorato degnamente il luogo in cui è stata rappresentata, uno dei più bei teatri del mondo.







Articoli correlati:
16/01/2022

Some Red Some Yellow (Tor Yttredal-Roberto Bonati)- Gianni Montano

30/01/2016

Il Jazz incontra il mondo dei cartoni: "...una proposta raffinata e accattivante insieme, un modo intelligente per avvicinare i bambini alla musica, un invito di grande valore per la qualità con cui è stato formulato." (Barbara Bianchi)

17/01/2016

Django Bates presenta Belovèd, personalissimo omaggio a Charlie Parker: "...un profondo lavoro musicale fatto di introspezione e consapevolezza." (Barbara Bianchi)

03/01/2016

Oregon: il fascino intramontabile della ricerca: "Complessi, raffinati, intensi, questo dopo tanti anni sono ancora oggi gli Oregon per la XX edizione di ParmaJazz Frontiere" (Barbara Bianchi)

27/12/2015

Mark Turner Quartet: "...un progetto che, pur navigando i mari della più classica tradizione d'oltreoceano, sa lasciarsi contaminare da colori e profumi del tutto anticonvenzionali." (Barbara Bianchi)

01/11/2015

Intervista con Roberto Bonati - ParmaJazz Frontiere: "Il jazz rischia di diventare un sistema di scale e accordi e una specie di gioco di abilità, chi suona più note nel percorso più difficile...L'esecutore diventa più importante della musica e non dovrebbe essere così... " (Nina Molica Franco)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

07/09/2013

Bianco il vestito nel buio (Roberto Bonati)- Alceste Ayroldi

10/03/2013

Jon Balke piano solo: "Balke, oltre a mostrare la sua immensa bravura ha dato prova di quella grande umiltà che solo i veri artisti possiedono." (Nina Molica Franco)

27/01/2013

Parma Jazz Frontiere 2012: Intitolata "Non tacciono i canti" la XVII Edizione del festival diretto da Roberto Bonati sui "canti" di Molvaer, Sclavis, Trovesi (Nina Molica Franco)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

11/07/2011

Songs (Tiziana Ghiglioni)- Gianni Montano

13/03/2010

14ma edizione di Parma Jazz Frontiere 2009, "A viva voce": "E' una rassegna piena di coraggio. L' artista oggi si trova davanti tante porte. Magari dietro molte di queste porte non ci sono percorsi da seguire. Ma bisogna aprirle ugualmente e rischiare, perchè senza ricerca e senza rischio c' è la cristallizzazione, che è nemica dell'arte. Un festival non deve far solo ascoltare il noto ed il già sentito. Non deve invitare solo i musicisti più che conosciuti, o invitarli solo perchè americani e-o afro-americani." (Marco Buttafuoco)

25/04/2009

Un sospeso silenzio (Roberto Bonati)

21/12/2008

Parma Jazz Frontiere: The Book is on the Table (Pietro Bandini)

29/02/2008

Roberto Bonati e i Sacred Concerts di Ellington a Parmafrontiere: "...il vasto ensemble, nel suo complesso, ha fatto sentire quel mix indicibile di spiritualità e sensualità, quel superamento della scissione fra arte e vita, fra danza e preghiera, fra religione e quotidianità proprio dell' arte africana prima e afro americana poi." (Marco Buttafuoco)

16/06/2007

A Silvery Silence - Fragments from Moby Dick (Roberto Bonati - Parma Frontiere Orchestra )

11/04/2005

The Blanket of the Dark (Roberto Bonati – ParmaFrontiere Orchestra)







Inserisci un commento


© 2000 - 2022 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 80 volte
Data pubblicazione: 20/11/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti