Jazzitalia - Io C'ero: Gonzalo Rubalcaba Quintet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Gonzalo Rubalcaba Quintet

Tokyo – Blue Note – 21/23 Novembre 2007
di Giovanni Greto

Gonzalo Rubalcaba, piano
Yosvany Terry, alto e soprano sax, percussioni
Michael Rodriguez, tromba e flicorno
Matt Brewer, contrabbasso
Marcus Gilmore, batteria

In un cartellone non particolarmente attraente nei mesi di novembre e dicembre – da segnalare il trio di McCoy Tyner, ospite il sassofonista Gary Bartz – spicca l'invito al musicista cubano, che continua a preservare un aspetto ancora molto giovanile. Sei set in totale nei tre giorni, oltre ad un concerto di piano solo organizzato il 24 novembre in un'altra sede.

Assistiamo al secondo set del 21 novembre 2007, che dura un'ora e venti minuti (dalle 21:30 alle 22:50). Subito una cosa ci fa molto piacere: Gonzalo e il gruppo suonano e basta. Non c'è nessun ammiccamento all'educato pubblico giapponese, come avevamo visto fare da altri big americani e brasiliani. Stavolta si suona come se si fosse in Europa o, supponiamo, negli Usa. L'acustica è abbastanza soddisfacente – siamo due piani al di sotto del livello stradale – e il gruppo è bene affiatato, nonostante i 5 suonino assieme solo da aprile. Dei sei pezzi ascoltati, compreso il bis, 2 sono del leader, 3 del sassofonista, mentre l'unica ballad, "Peace" è di Horace Silver. E proprio tranne "Peace", che dura 7 minuti, gli altri pezzi variano dai 10 ai 16. La musica si sviluppa su una base ritmica di latin – funk, a volte più latin, altre più funk. Rubalcaba rivela sempre una tecnica invidiabile ma, col trascorrere degli anni, è riuscito a staccarsi dalla tastiera, a selezionare meno note, il che giova all'equilibrio di ogni brano. Tranne che in "Preludio", un morbido 3/4 almeno nel tema, Rubalcaba non eccede nei virtuosismi, ne' in un melodismo strappalacrime, mentre è sempre puntuale nel dettare gli stop o i mutamenti di tempo. C'è una scrittura che non privilegia il facile ascolto e questo può essere positivo, almeno per chi apprezza che la musica riservi sempre delle sorprese melodiche, armoniche e ritmiche. In questo lo assecondano il trombettista e flicornista Michael Rodriguez, nato in America, ma da padre cubano, il sassofonista contralto e soprano Yosvany Terry, cubano, autore come detto di tre brani, dotato di un buon fraseggio e apprezzato come percussionista alla cabasa – la zucca seccata, ricoperta in superficie di perle o simili – nel romantico "Preludio": davvero un gustoso incontro quello tra la cabasa e la batteria. Attento a mantenere il tempo, mentre i colleghi si rincorrono nei solo, il contrabbassista Matt Brewer, nativo del New Mexico. Un lavoro non facile il suo, anche per le frequenti variazioni ritmiche. Delicato ed energico il giovane batterista Marcus Gilmore, americano al 100%, nonchè nipote di Roy Haynes. Un'impugnatura quasi sempre da timpanista, molto elegante, da segnalare infine che si è tolto le scarpe per azionare i pedali sia della cassa che dello hi – hat. Forse il brano più coinvolgente è il bis, "Hipsice", di Terry, più latino che funky e molto veloce. Belli, ad un certo punto i breaks tra i fiati, ora 8 e 8, ora 4 e 4, ora 2 e 2, come se si stesse assistendo ad una jam session di ottima qualità.






Articoli correlati:
26/11/2017

EFG London Jazz Festival: "Grandi atmosfere per i venticinque anni del prestigioso festival britannico, con ben 350 eventi sviluppati su oltre 60 location..."(Vittorio Pio)

23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

15/08/2016

Castroreale-Milazzo Jazz 2016: "...un feeling contagioso e intenso per il duo Sarah Jane Morris & Tony Remy e una ricchezza ritmico-melodica per il Volcan Trio di Gonzalo Rubalcaba in due siti di grande bellezza..." (Vincenzo Fugaldi)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

26/04/2015

Lathe Of Heaven (Mark Turner Quartet)- Gianni Montano

26/04/2015

Break Stuff (Vijay Iyer)- Enzo Fugaldi

29/12/2013

Vijay Iyer Trio, Iaia Forte: "Non è sempre facile trovare un equilibrio tra la ricerca stilistica personale e la comunicatività live: questa sera il Vijay Iyer Trio ne ha offerto una prova perfettamente riuscita." (Dario Gentili)

20/05/2013

Steve Lehman Trio: "A Jam-Jazz a Mira, il trio sfoggia stile e rara potenza musicale, si potrebbe parlare 'volgarmente' di free jazz ma non è così." (Nicola Barin)

14/04/2013

Accelerando (Vijay Iyer Trio)- Alceste Ayroldi

16/03/2013

New Life (Antonio Sanchez)- Vincenzo Fugaldi

23/12/2012

Moments (Michel Campagna)- Matteo Mosca

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

29/05/2011

Pursuit of radical rhapsody (Al Di Meola) - Alessandro Carabelli

12/03/2011

Gonzalo Rubalcaba piano solo: "Rubalcaba ha lasciato poco spazio ad una emotività scoperta o smaccata, non ha concesso un rilassante viaggio nel latin-jazz, o nel jazz, ma ha portato il pubblico a fare un passo ulteriore verso una sonorità evoluta eppure davvero molto, molto emozionante." (Daniela Floris)

06/02/2011

Sempre tutto esaurito al Blue Note di Tokyo per i trii di Vincent Gallo e del settantenne Chick Corea (Giovanni Greto)

08/08/2010

Vijay Iyer, Stephan Crump e Marcus Gilmore portano per la prima volta a Roma il loro trio presso la Casa del Jazz, presentandosi senza legarsi a un progetto specifico. (Laura Mancini)

27/07/2010

McCoy Tyner Quartet, Gonzalo Rubalcaba e Roy Haynes "Fountain of Youth Band" a Vicenza Jazz 2010, Allonsanfan. il Jazz di Là delle Alpi (Giovanni Greto)

19/02/2010

In this day (E.J.Strickland)- Gianni B. Montano

14/11/2009

Richard Galliano Quartet con Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona e Clarence Penn al Barletta Jazz Festival. "...una certa stanchezza espositiva ed un marcato accademismo, seppur dall'alto di una classe indiscutibile." (Alceste Ayroldi)

31/10/2009

Historicity (Vijay Iyer Trio) - Alceste Ayroldi

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

04/07/2009

Muse (Yaron Herman Trio) - Fabrizio Ciccarelli

22/02/2009

"Tony Williams Lifetime Tribute" featuring Jack Bruce, Vernon Reid, John Medeski & Cindy Blackman al Blue Note di Tokyo: "L'idea di rendere omaggio ad un ensemble originalmente formato dal talentuoso batterista jazz nel 1969, dopo aver lasciato il quintetto di Miles Davis, da John Mclaughlin e da Larry Young, cui in seguito si sarebbe aggiunto Jack Bruce, parte da Vernon Reid, chitarrista inglese trasferito a Brooklyn, che nel 1984 creò i Living Colours." (Giovanni Greto)

01/01/2009

L'High Five Quintet al Blue Note di Tokyo: "Otto set in quattro giorni. Mai un minuto per il tempo libero. Però un successo crescente, che sfocerà in un DVD e in un CD che conterrà parte dei brani eseguiti nel prestigioso locale giapponese." (Giovanni Greto)

25/02/2008

Luciana Souza & Romero Lubambo "Brazilian Duo" al Blue Note di Tokyo: "Lo scat fluisce morbidamente, senza inciampi, anche a metronomi velocissimi. La voce è delicata, leggera, esile, ma non nasale. L'espressione del viso è spesso sognante. Sembra una bella persona, seria, professionale, che rifugge dal cantare solo per onorare gli impegni presi e che cerca di trasmettere quello che sente dentro a chi la ascolta..." (Giovanni Greto)





Video:
Al Di Meola and Gonzalo Rubalcaba jam
Al Di Meola and Gonzalo Rubalcaba having fun in the studio in Miami in 2002...thanks to Marty Cintron who captured the impromptu jam !!...
inserito il 12/03/2007  da gumbiOrtiz - visualizzazioni: 2315


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.143 volte
Data pubblicazione: 27/01/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti