Jazzitalia - Io C'ero: Sarno Jazz River 2006
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Sarno Jazz River 2006
Martedì 5 e Venerdì 8 Settembre 2006 - Sarno (Salerno)
di Francesco Peluso per MMS
Foto di Lello De Gregorio per MMS

La consolidata e significativa rassegna jazzistica della città di Sarno è giunta, in questo afoso settembre, alla quarta edizione, la seconda ufficiale con la denominazione di Sarno Jazz River. La scelta del luogo di svolgimento dei concerti, stabilito nella Piazza IV Novembre, se da un lato ha allontanato il pubblico dallo scorrere dell'omonimo fiume, tanto amato quanto discusso, dall'altro ha garantito una vivibilità ed una godibilità degli eventi, di gran lunga superiore alla manifestazione dello scorso anno.

La notevole bellezza della località campana, è apparsa nel suo fulgore nell'ergersi del palazzo del Comune, nel vasto lastricato e nel monumento dedicato a Mariano Abignente, tutti circondati da imponenti edifici, rappresentando un ambiente ovattato per il buon numero di appassionati accorsi ad ascoltare i due interessanti concerti.

La direzione artistica, in perfetta coerenza e meticolosa continuità con le precedenti manifestazioni, ha volutamente portato al proscenio della simpatica cittadina in provincia di Salerno un cast di virtuosi provenienti da ambienti artistici lontani sia per collocazione geografica, sia per connotazione stilistica. Questa impostazione è da elogiare, perché permette di far apprezzare solisti, formazioni ed idee progettuali molto visibili in altre realtà, ma poco conosciute dall'appassionato pubblico della nostra Regione.

Pertanto, nelle due calde serate settembrine si è riproposto, un valido incontro fra culture, stili ed interpreti del fascinoso linguaggio afroamericano, misto a quella creatività ed innovatività espressiva del Vecchio Continente, presentato in un cartellone di tutto rispetto.


Martedì 5 Settembre
Lorenzo Petrocca Trio
Lorenzo Petrocca, chitarra
Jens Loh, contrabbasso
Gregor Beck, batteria

La prima serata del Jazzfestival campano ha confermato appieno la scelta artistica sopra indicata. Lorenzo Petrocca Trio, infatti, è un esempio lampante di quanta buona musica venga portata al di là dei nostri confini da musicisti italiani. Il chitarrista, originario di Crotone, è da molti anni in Germania e propone, in giro per l'Europa, un tipo di Jazz vicino allo Swing degli anni ‘40 e ‘50, ricercando nella Classic american song, la massima esaltazione. Inoltre, la smisurata ammirazione di Petrocca per Wes Montgomery e George Benson satura la sua musica di atmosfere che, se da un lato non possono associarsi alle ambientazioni modern, dall'altro non sono assolutamente riconducibili e unicamente alla tradizione. Per realizzare la propria concezione jazzistica, Lorenzo è giunto in Italia con un Trio, nel quale hanno preso parte Jens Loh al contrabbasso e Gregor Beck alla batteria. I due poderosi sidemen hanno mostrato, nella torrida serata sarnese, una straordinaria abilità di assecondare il leader e di saper illuminare la scena, sia nel puro supporto ritmico, sia nelle individuali esposizioni solistiche: l'incedere elegante di Loh ed il prorompere swingante di Beck hanno formato una base solida su cui il chitarrista ha imbastito morbide trame, attraverso un fraseggio a tratti lirico, in altre fasi più dinamico. L'apertura è toccata a due standard ad effetto: Milan In Minor e Waltz New. Subito dopo, altrettanti performance dall'andamento medium-fast, abbellite da una chiara impronta stilistica del leader. A seguire una fase con alcune ballad, in cui Petrocca si abbandona al repertorio più congeniale alla propria sensibilità interpretativa, fra le quali spicca una sognante composizione dedicata al figlio Maurizio, per tornare rapidamente ad una struttura aritmicamente più sostenuta, quale Four on Six di Wes Montgomery. L'alternarsi degli assoli, la delicatezza delle armonie, il misurato equilibrio fra chitarra e batteria, in cui si colloca un poetico contrabbasso, formano l'essenza di un Trio dalla connotazione mainstream. Per chiudere l'abbondante ora di concerto la struggenza di Smile a suggellare una sequenza di temi graditi dal pubblico con scroscianti applausi. Il jazz proposto dal chitarrista di Stoccarda è da incastonare in un segmento stilistico erroneamente trascurato dai nostri musicisti: lo swing, ascoltato dal Petrocca Trio, proposto con coerenza estetica e gusto nelle forme, perde quella connotazione di maniera ed offre immagini non sbiadite dal tempo. A tal proposito, ho scambiato alcune brevi riflessioni con Lorenzo, Jens e Gregor nel dopo concerto:

F.P.: Lorenzo, nella tua musica si coglie una maggiore propensione allo sviluppo melodico più che dinamico, come mai?
L.P: Mi piace la canzone jazz americana, ovvero la ballad: sono un grande estimatore dello swing di Frank Sinatra, ed ho cercato, nel tempo, di fondere questo modello interpretativo con altre ambientazioni. Come hai potuto notare, nella scaletta sono presenti un buon numero di ballad ed io sarei disposto a proporne ancor più, ma in Italia mi hanno suggerito di offrire un ampio ventaglio di atmosfere ritmiche, cosa assolutamente possibile perché fanno parte del mio repertorio discografico e concertistico.

F.P.: Una convincente caratterizzazione di questo Trio si esplica nell'incontro fra il raffinato incedere di Jens e l'esuberante prorompere di Gregor, come sei giunto a questo tipo di soluzione ritmica?
L.P: Questo Trio è di formazione piuttosto recente, anche se con Gregor ci conosciamo da molto tempo. Questa frequentazione nasce da diverse compartecipazioni in Germania, mentre ho conosciuto Jens, sempre durante cooperazioni professionali, solo da qualche anno. Da questi incontri incrociati ho pensato che l'accostamento fra un batterista dalla dinamica orchestrale ed un contrabbassista dal tocco poetico potesse venir fuori una sezione ritmica adatta alla mia musica. La cosa ha funzionato benissimo e, come hai potuto ascoltare questa sera, siamo uniti da una visione jazzistica comune.

F.P.: Ho letto nel tuo sito che hai al tuo attivo un Quartetto con i tuoi fratelli, una famiglia dedita al Jazz?
L.P: Sì, è vero. Siamo quattro fratelli: un chitarrista, due bassisti ed un batterista. Ognuno di noi, però, ha altre strade da percorrere, altri impegni, ma di tanto, in tanto, ci ritroviamo insieme per qualche concerto. Davide, uno dei due contrabbassisti, ha suonato più spesso nel mio Trio, poi, per ragioni professionali abbiamo diversificato il nostro cammino.

F.P.: Lorenzo, perché nella tua carriera c'è molta Germania e poca Italia?
L.P:
Io vivo in Germania da ventinove anni e musicalmente sono nato in quel Paese. Lì ho conosciuto il Jazz ed il mio lavoro ha un buon riscontro più nel Nord-Europa che in Italia. Tuttavia, da qualche anno ho contatti di lavoro con il pianista Giacomo Aula, l'armonicista Giuseppe Milici, i sassofonisti Gaetano Sulci e Orazio Maugeri, oltre alle più consolidate collaborazioni con Bruno de Filippi, Gianni Basso e Lino Patruno, a dimostrazione che quando posso sono felice di collaborare con musicisti italiani e suonare in Italia.

F.P.: Nel tuo approccio stilistico si legge tanto Montgomery, ma anche tanto Benson prima maniera, cosa c'è di tutto questo?
L.P:
In verità i modelli e gli stili che hanno formato il mio approccio chitarristico sono stati più di uno, ma quelli a cui faccio, ancora oggi volentieri riferimento, sono George Benson e Wes Montgomery; anche il virtuosismo di Joe Pass e la straordinaria tecnica di Pat Martino mi hanno sempre interessato.

F.P.: Gregor, quali motivazioni sono alla base della collaborazione con Lorenzo?
G.B: Amo il suo modo di suonare e trovo le giuste motivazioni nell'interagire in un trio con la chitarra, cosa che mi capita poco in quartetti o formazioni allargate, suonando un jazz della Tradizione. Lorenzo rappresenta, per me, l'opportunità di cimentarmi in un segmento musicale più Modern. Con lui suono ciò che in altri gruppi non mi capita, perché lavoro soprattutto con pianisti e perché nella sua musica ci sono accenti sia swing che mainstream.

F.P.: Jens, dove trae origine la tua sintesi estetico-formale fra la vena armonico-melodica di Lorenzo e la briosa effervescenza di Gregor?
J.L.: Questa sintesi viene fuori in modo spontaneo: la chimica di questa combinazione è frutto dell'incontro che Lorenzo ha combinato fra Gregor e me. Il risultato finale è quasi inatteso e si materializza in virtù del fatto che questa diversità fra noi fa emergere una quantità di spazi in cui ciascuno può far valere il suo modo di essere.


Venerdì 8 Settembre
Rosen • Aula
Michael Rosen, sax soprano e tenore
Giacomo Aula, pianoforte

Il secondo appuntamento di Sarno Jazz River si è consumato in un doppio concerto in totale difformità con la prima serata. In effetti, con il susseguirsi degli artisti, si è passati da un approccio stilistico ad un altro senza drammatici scossoni, pur in presenza di scelte estetico-formali tanto distanti fra loro. Questa magia, possibile grazie alla bravura dei solisti intervenuti, ha vissuto una graduale progressione fino al manifestarsi dell'ultima formazione, con la sua straordinaria originalità. Il duo Rosen / Aula ha brillato per voce e tecnica, aggiungendo, se mai ne avesse avuto bisogno, alla sensibilità espressiva del sassofonista americano ed al rilevante virtuosismo del pianista lucano, una spiccata propensione al dialogo in una formazione minimale. In particolare, Aula si esalta in duo con le ance e, con il soprano di Rosen, ha scolpito plastiche forme sia con significative strutture a propria firma (Further Search for Peace, Tiergarten Bossa, Blues for L.V.), che in stupende composizioni di altri (I Love You di Cole Porter, Tomato Kiss di Larry Schneider), con il consueto rigoroso pianismo, intriso di lirismo e dinamica. Il duo ha espresso momenti vibranti contrapposti a fasi rilassate, pieni strumentali ad astrazioni individuali, il tutto con una facilità disarmante. Michael Rosen ha imbracciato solo in due performance il tenore, lasciando alla bellissima voce del soprano il principale compito di emozionare l'attento parterre. Da Cole Porter a Claude Debussy, da Bill Evans a Larry Schneider, dalle partiture più originali a quelle conosciutissime, Michael e Giacomo non hanno mai perso il filo del discorso: un discorso fondato su fluidi intrecci, ammiccanti scambi, rincorse ritmico-melodiche e quant'altro... Il sassofonista, perfettamente a suo agio con il partner, si è più volte inerpicato verso vette solistiche inesplorate con un'intonazione di rara coerenza, anzi in qualche passaggio, ha controbilanciato alcuni impeti linguistici, che non conoscevamo nel pianismo di Giacomo. Dunque, una sequenza di performance a conferma del fatto che, quando gli eventi vengono ben programmati, lo stesso accomunare estemporanei incontri fra talentuosi professionisti, possono offrire occasione per la realizzazione di progetti di qualità. Tale asserzione, la si può leggere anche nelle poche battute scambiate con Michael e Giacomo:

F.P.: La fluidità del fraseggio e la splendida voce del soprano, considerando che hai imbracciato solo in due occasioni il tenore, ti fanno propendere verso il primo?
M.R.:
E' vero, negli ultimi anni, il soprano è quello che sento mio: la voce di uno strumento è il riflesso della persona e, con il soprano, riesco ad esprimermi appieno. Sono arrivato tardi a questo sassofono ed ho preferito, più che per il tenore, costruirmi una voce senza alcuna influenza esterna. Con il tenor sax avevo dei modelli, con il soprano ho inteso seguire il mio istinto, anche se la dinamica di Wayne Shorter ed il fraseggio di Dave Liebman sono dei riferimenti in senso assoluto.

F.P.: Michael, vivendo da molti anni in Italia, dove hai trovato maggiore spazio per la tua musica?
M.R.: Sono da diciannove anni in Italia ed ho vissuto principalmente a Milano, poi, ho scelto Roma, come nuova dimora. Questo trasferimento è dovuto più ad una migliore qualità della vita, che ad altre ragioni: mi piace il clima, la gente, il verde della vostra capitale e quando vi sono arrivato, tre anni fa, ho incontrato subito persone congeniali al mio lavoro. Oggi, purtroppo, è difficile trovare il giusto spazio: anche a Roma si risente lo scarseggiare dei fondi destinati al Jazz e, pertanto, vivere stabilmente in una sola Città sarà sempre più raro.

F.P.: Preferisci considerarti un raffinato sideman o ricoprire il ruolo di leader?
M.R.: Ho realizzato alcuni Cd da solista, in quanto mi piace scrivere, ma trovo molto gratificante il suonare composizioni altrui, soprattutto quando rispecchiano il mio modo di comporre: un esempio è nel piacere che provo nell'interpretare le scritture di Giacomo. E' anche vero che amo più comporre che organizzare il mio management e per questo preferisco essere coinvolto in progetti, eventi di altri validi solisti per evitare di restare imbrigliato per ore a telefono.

F.P.: Avevi già suonato o collaborato a progetti con Aula?
M.R.: Con Giacomo ho suonato tanti anni fa, ma ho sempre mantenuto con lui uno stretto contatto, fino a realizzare alcuni concerti in trio a Berlino, e duo come questa sera.

F.P.: Sei contento del concerto di questa sera?
M.R.: Sì, suonare con Giacomo è sempre una cosa assai stimolante. E' dotato di una tecnica formidabile e le sue composizioni mi coinvolgono. Questa sera eravamo particolarmente ispirati ed io ho cercato di bilanciare il duo con un lirismo che facesse da contrappeso alla sua esuberanza. Sai, i pianisti in duo tirano fuori ogni sfumatura della propria espressività, ed è fantastico essere lì sempre in primo piano.

F.P.: Giacomo, ho notato un maggiore vigore nel tuo pianismo, siamo alla presenza di un nuovo corso?
M.R.: Diciamo che stasera ho dato maggiore spazio ad una parte di me un poco più aggressiva, che normalmente cerco di lasciare in secondo piano. Io credo che l'energia disponibile debba sempre essere massima; ma bisogna tuttavia amministrarla con saggezza. E solo quando i partner sul palcoscenico ti danno totale agio nell'espressione, allora puoi usarla tutta, senza limitazioni. Michael, e questo pubblico così sensibile, stasera me lo hanno permesso.


Alboran Trio
Paolo Paliaga, pianoforte
Dino Contenti, contrabbasso
Gigi Biolcati, batteria

Una vera rivelazione, quasi un fulmine a ciel sereno, la si è avuta con il materializzarsi sul palco di Sarno del nordico Alboran Trio. Nordico, perché i tre bravissimi compagni d'avventura sono tutti originari del Piemonte o giù di lì, eppure la loro musica è così trasversale che non conosce localizzazione se non nel colto concetto della stessa. Paolo Paliaga al pianoforte, Dino Contenti al contrabbasso e Gigi Biolcati alla batteria hanno dato vita ad un concerto coeso nel suono e splendidamente vivace nelle scritture. Queste, in gran parte a firma del pianista, provengono dal bel lavoro Meltemi, pubblicato dall'etichetta tedesca ACT, che ha saputo leggere nella qualità delle composizioni e nel comune procedere dei tre protagonisti un sicuro futuro. Ci risiamo: perché alcune belle realtà del nostro Jazz sono più apprezzate oltre confine? La domanda meriterebbe una lunga dissertazione, ma preferisco restare con i piedi per terra e limitarmi a descrivere il concerto. La musica si è materializzata con un'imprevedibilità di ambientazioni inaspettate. Le armonie, talvolta scosse dall'incalzare di una ritmica accentuatamente percussiva, altre volte ariose e distese, hanno coinvolto emotivamente i presenti, quasi ipnotizzati dal travolgente Meltemi. I brani si sono rincorsi, come il serrato soffiare del vento greco, esaltandosi in alcuni preziosismi estetici: nel suggestivo Balkan Air, il pianista ha adottato una particolare tecnica, bloccando con una mano le corde del pianoforte e suonando per accordi. Il virtuoso artificio, di non facile attuazione, ha ottenuto come risultato sonico un suono nasale, che sostenuto dal groove archettato di Contenti ed il drummin' africano di Biolcati, ha sorpreso ed incantato il pubblico. Questo ha sottolineato, con sinceri applausi il fluire delle performance, cogliendo appieno i cambi direzionali delle atmosfere, le sovrapposizioni dei piani sonori, la descrittività degli assoli, nell'esternarsi di un linguaggio capace di produrre una musica densa di riferimenti etnico-culturali di notevole contenuto. Poi, facendomi largo a fatica nelle vicinanze del palco, fra un nuvolo di festosi appassionati, ho rivolto al gentilissimo Paliaga una prima domanda, forse un po' scontata, ma concreta per la diretta conoscenza dell'intrigante progetto:

F.P.: Dove nasce il progetto Alboran Trio?
P.P.: Il progetto nasce dalla mia originaria collaborazione con Dino ed il successivo sopravvenire di Gigi. Questo particolare incontro è, più che un semplice ritrovarsi fra un pianista ed un'affiatata sezione ritmica, un vero trio. Si è sprigionata, fra noi da subito, una forte energia ed una sincera empatia, permettendoci di intraprendere un cammino insieme. Ho estratto dal cassetto alcune mie composizioni, che con altri musicisti non avevano acquisito la forma estetica da me desiderata, con loro tutto ha funzionato coerentemente. Abbiamo, poi, registrato il disco e lo abbiamo proposto ad alcune case discografiche e, con nostra grande soddisfazione, l'etichetta tedesca ACT ha trovato interessante il nostro progetto, pubblicandoci il lavoro Meltemi.

F.P.: Quale connotazione dai alla musica che proponete?
P.P.: La prima idea è quella di lasciare, abbandonare il beat nordamericano per sondare nuove forme che vadano dalla tradizione melodica mediterranea ai colori ritmici del Continente africano. Una miscela di contenuti melodico ritmici, che non abbia una pretesa di ricerca, bensì rivolga il suo manifestarsi all'emozionare e coinvolgere il pubblico.

F.P.: Gigi e Dino, nel breve ed intenso scambio di opinioni con Paolo, ho colto una profonda stima nei vostri confronti sia professionale, che umana. Da ciò, parte la voglia di stare insieme?
G.B.: Il pensiero di Paolo conferma ciò che penso di Alboran Trio, perché siamo prima di tutto amici. Tre amici che condividono un progetto, in cui si materializzano le esperienze pregresse di ciascuno di noi.
D.C.:
Sicuramente il lato umano ha una grossa componente sulla riuscita dell'intesa globale. La stima reciproca sprigiona, anche nei passaggi più tortuosi, la giusta energia per rendere facile e spontaneo ogni cosa.

F.P.: L'accantonamento del beat classico, sostituito da un pulsare euroafricano risponde esattamente alla vostra idea di musica?
D.C.: Le affinità d'intenti che intercorrono fra noi, ci permettono di sperimentare, in corso d'opera, la nostra idea di musica. Il Jazz che proponiamo è lontano dalla Tradizione ed il Modern: ciò, però, non impedisce di esprimerci liberamente durante le composizioni sia nelle fasi d'assieme, che in solo, attraverso un'improvvisazione molto personale ed, al tempo stesso, convergente.
G.B.: In effetti, ci viene da proporre una musica in cui il suonare non scaturisce dai singoli strumenti, ma dalla successione delle note che ciascuno realizza in accordo con gli altri. Questo spiega anche ciò che tu hai notato, cioè che il mio drumming percussivo non contrasta con l'archettato di Dino, piuttosto confluisce in un tutt'uno nelle sofisticate composizioni di Paolo.

Dunque, Sarno Jazz River ha offerto, anche nell'edizione 2006, un'occasione d'incontro fra culture, stili ed artisti lontani fra loro, in un contesto ambientale accogliente, attraverso un programma ben articolato: arrivederci al prossimo anno…

© MMS Mailing Music Services 2006
info@mamus.it






Articoli correlati:
12/10/2014

Thematico Quartet : "Un tema per ogni brano e il Thematico Quartet tesse le fila di una costante linea melodica che nonostante i diversi stili che caratterizzano i brani, si mantiene come tratto comune e peculiare." (Nina Molica Franco)

12/10/2014

Ipso Facto (Edge)- Nina Molica Franco

13/07/2014

E sei arrivata tu (Emanuele Belloni)- Francesco Favano

18/05/2014

Unesco in Jazz Festival ad Alberobello (Ia Edizione): "Chiara Civello, Sarah Jane Morris e Paolo Fresu, per un festival capace di racchiudere in un'intensa tre giorni le diverse sfumature ed espressioni che declinano il nobile genere." (Alessandra V. Monaco)

17/02/2013

Complice (Silvia Anglani)- Alceste Ayroldi

01/01/2009

Minnie Minoprio – Jason Marsalis (Minnie Minoprio – Jason Marsalis)

28/12/2008

Drums And Jao (Jazz Art Orchestra)

14/12/2008

Nick The Nightfly e la Montecarlo Nights Orchestra con special guests Sarah Jane Morris, Michael Rosen, Mario Biondi al Blue note di Milano per presentare il cd "The Devil": "Nick the Nightfly ha presentato ogni brano, dialogando con il pubblico e raccontando anche divertenti aneddoti. Una serata molto piacevole e di effetto." (Eva Simontacchi)

30/06/2007

Asi Son Mis Sentimientos (Gendrickson Mena & The New Cuban Experience )

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

29/08/2004

Ballads (Lorenzo Petrocca)

15/08/2003

On a Clear Day (Lorenzo Petrocca)

12/03/2002

Italy il CD dei fratelli Franco e Lorenzo Petrocca

25/01/2002

Milan In Minor il CD del Lorenzo Petrocca Organo trio







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 10.153 volte
Data pubblicazione: 12/12/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti