Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Brass Group di Palermo "Musiche del nostro tempo"
Stefano Di Battista Quartet: Round about Roma
Orchestra Filarmonica "Franco Ferrara", Carmelo Caruso direttore
Palermo, 13 giugno 2003 - Chiesa di Santa Maria dello Spasimo
di Antonio Terzo
photo by Antonio Terzo

 

Non è facile poter assistere ad un concerto in cui siano coinvolti insieme uno dei giovani talenti italiani attualmente tra i più quotati in Europa, il suo gruppo di supporto, costituito da jazzisti di consumata esperienza, ed un intero organico orchestrale di circa trenta elementi: questi gli ingredienti che hanno reso particolare l'appuntamento con Stefano Di Battista, volto a proporre dal vivo la sua ultima fatica discografica in ordine di tempo, Round about Roma. Disco dedicato alla sua città natale, la scaletta ne riprende molti brani, alcuni omaggio alle emblematiche figure artistiche che hanno segnato la carriera del sassofonista, altri di sua composizione, dettati da grande sensibilità, altri, infine, personalmente significativi per il jazzista e perciò inserti nel suo ispirato cd.

E' la bacchetta del maestro Carmelo Caruso a dare dunque avvio a questa serata di musica tout-court, tracciando nell'aria il tempo ternario di Tartaruga, brano ispiratore dell'intero album e filo conduttore del concerto: cavalcando questa fantastica testuggine volante, Di Battista immagina di sorvolare i cieli della città capitolina, tracciandone le emozioni che i vari luoghi suscitano onde trasmetterle in musica agli ascoltatori… Duttile sotto la direzione del conduttore l'affiatata Filarmonica "Franco Ferrara", a dipingere i giusti colori che il giovane protagonista incornicia all'interno di un esile disegno melodico al sax soprano. Suggestiva la combinazione tra l'arpa di Caterina La Barbera ed il piano del belga Eric Legnini, per una conclusione delicatamente soft. Quindi il saxplayer toglie la giacca per l'eccessivo caldo ed imbracciato il contralto dà il via al solitario violino del brano Amoroso, a supporto del quale l'orchestra immette un impalpabile tappeto d'archi. Impeccabile il piano di Legnini, mentre il soffio felpato del sax contralto ribadisce ciclicamente la frase principale nelle varie modulazioni su cui la romantica armonia è costruita, per poi dispiegare – tornato sui 3/4 – scale dai corposi sovracuti, con un timbro che, licenziate orchestra e band, diviene suadente, assorto in un assolo assoluto prelusivo all'epilogo orchestrale.

Dopo la presentazione del gruppo, del direttore Caruso e del suo organico, tutto in piedi a ricevere il sincero applauso, primo di una serie, si passa alla prima "dedica", Elvin Song, tributo al grande drummer americano con cui Di Battista ha avuto occasione di esibirsi pure a Palermo, introdotto da Rosario Bonaccorso con uso percussivo del proprio strumento cui fanno eco gli schiocchi di spazzole sul rullante di André "Dedé" Ceccarelli e su questi, il soprano free style del protagonista stride tanto sui growls che nelle note acute. Garbato il recitato di Legnini - che il sassofonista romano segue a distanza - convincente, anche lui conquista l'applauso, mentre spiritoso e sincopato risulta il solo di contrabbasso che Bonaccorso, con sillabazione vocale, riproduce simultaneamente nota per nota. Quindi ancora il leader a ripetere l'inciso con un intervento prolungato su finissimi sovracuti che sfocia in una reprise del tema con tutti i compagni, per un finale svisato in cui spicca il gioco di anticipi con Ceccarelli.

Dedicata ad un'amica scomparsa segue Anastasia, struggente composizione originale dove ai sommessi archi iniziali si sovrappongono aggraziati accordi d'arpa ad introdurre una commossa viola seguita da un energico stacco di batteria che conduce per mano la cadenza del brano e la frase melodica del sax soprano. Il silenzio in platea sottolinea il momento di grande pathos che in questo frangente il concerto raggiunge. Solo del piano, forse troppo compunto, poi sul finale il carezzevole repeat all'unisono tra sax e viola.

Altro momento particolarmente raccolto quello di Romeo and Juliet, celebre theme dalla colonna sonora della pellicola zeffirelliana, con prologo affidato al lirico solo del flauto di Salvo Luna, mentre sul riverbero degli archi il sax alto irrompe con un attacco da pelle d'oca, per poi vibrare una progressione discendente a scaldare le emozioni degli astanti con i suoi toni caldi, tali anche nelle fasi più drammatiche del tema di Rota.

Quindi Blues for Michel, scritta in parte insieme a Petrucciani dentro uno dei tanti pullman da tournée, ed a lui dedicata dopo la sua scomparsa. Elegante la batteria di Dedè, ma anche delicata nella timbrica, con un rullante a tratti volutamente impercettibile. Sul tema blues il nostro altoista assume pose anche funky, rette da un sottile riff ritmico del contrabbasso e qualche nota di dialogo in duetto con il piano. Poi un immancabile walking bass su cui il piano si sbizzarrisce perfino con citazioni parkeriane. Notevole l'intesa dei quattro, divertente il duello tra Di Battista e Bonaccorso, l'uno di fronte all'altro a riprendere vicendevolmente le rispettive frasi; indiscutibilmente solida l'impalcatura ritmica del batteur che dà l'ennesima prova di come possano bastare solo un rullante ed un crash per piegare il tempo al proprio volere: uno spettacolo guardarlo, seguirne le coordinate movenze, la composta postura. Il programma procede con altri brani, tra cui Other side (L'altro lato della strada), ancora un mood melodico, per poi concludere con un ulteriore passaggio di forte empatia tra il jazz-quartet, che mette ancora in risalto la destrezza dei suoi singoli componenti, ciascuno attraverso il proprio turno di estemporaneità, e l'ensemble filarmonico, il quale, su un assolo bop-funky di sax, si fa carico di una chiusura maestosa, quasi sinfonica, accolta dall'esplosione del pubblico.

E dopo i ringraziamenti di rito, emozionato il sassofonista dichiara: "Il momento in cui impazzisco è quando mi chiedono il bis". Ma confessando di non aver preparato alcuna rentrée, la richiesta viene soddisfatta con Tartaruga in versione slow, per infondere delle sensazioni differenti: parte così più lento il valzer iniziale, con una rilassatezza maggiore che induce persino a citazioni dal Bolero di Ravel… E così si potrebbe ripartire dall'inizio…





Articoli correlati:
24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)

04/06/2005

Gianni Coscia & Gianluigi Trovesi per il Brass di Palermo: "...Due favolosi affabulatori di fiabe, suoni, fiati, tasti ed atmosfere… Ed anche di spettatori, attentissimi nel seguire le spiegazioni che di volta in volta introducono ogni brano prima dell'esecuzione..." (Antonio Terzo)

16/04/2005

Eumir Deodato dirige la Orchestra Jazz Siciliana: "...Bell'esperienza vedere all'opera quello che a ragione può essere considerato un pezzo di storia della musica che ha certamente caratterizzato la nostra epoca, ammirare come sia in grado di adattare a qualsiasi organico i brani che lo hanno reso famoso..." (Antonio Terzo)

23/01/2005

Charles Mingus 2002 80th Anniversary: Il ricordo del contrabbassista al Brass Group di Palermo (Antonio Terzo)

09/01/2005

Proseguono gli appuntamenti del Blue Brass con il francese Jean-Loup Longnon e il chitarrista Gigi Cifarelli: "...confronto Francia-Italia al Blue Brass che vede vincitrice l'Italia per mano non soltanto del "Cifa" nazionale, ma anche della sezione ritmica, tutta locale..." (Antonio Terzo)

08/12/2004

Intervista a Jaques Morelenbaum: "...amo la musica, che è una necessità nella mia vita, e ritengo di essere molto fortunato di poter lavorare con qualcosa che amo davvero. La musica per me non ha senso se non si è davvero sinceri, davvero profondi..." (Antonio Terzo)

04/12/2004

Steve Kuhn Trio e Lynne Arriale Trio: "...parte sotto i migliori auspici "Blue Brass", la stagione invernale del Brass Group di Palermo...vero e proprio jazz club che per l'associazione palermitana costituisce quasi un ritorno alle origini..." (Antonio Terzo)

22/10/2004

Sempre attento pure alle tendenze più originali che lo spirito coevo esprime, anche quest'anno il Brass Group di Palermo - Associazione Siciliana per la Musica del Novecento ha proposto la propria stagione Musiche del nostro tempo - estate 2004. (Antonio Terzo)

17/07/2004

Una rassegna ricca e variegata, quella della stagione concertistica del Brass Group di Palermo, Musiche del nostro tempo 2003/2004, per qualcuno anche troppo, considerato che ha abbracciato dal dixie agli standard, passando per il latin-jazz e giungendo alla musica più moderna e contemporanea.(Antonio Terzo)

24/11/2003

Intervista a Paolo Fresu: "Per me è stato molto facile entrare nel cuore del mondo del jazz...vengo da un paese isolato, da una tradizione familiare assolutamente non di musicisti...a un certo punto mi sono ritrovato a vivere di musica senza neppure averlo deciso.". (Antonio Terzo)

06/09/2003

Archie Shepp: "...Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B..." (Antonio Terzo)

16/06/2003

Paolo Fresu e l'Orchestra Jazz Sicliana: " ...Abbarbicato su di una sedia, con le ginocchia intrecciate, chino a leggere gli spartiti stesi per terra sulla pedana, non si comprende come Fresu riesca ad alimentare di fiato il diaframma per sostenere quelle emissioni così sottili e leggere..." (Antonio Terzo)

01/06/2003

Giovanni Mazzarino Quintet a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...Un jazz tradizionale, combinazione fra l'ortodossia bop e le influenze provenienti dalla musica colta di matrice europea, basato in prevalenza su intense composizioni originali." (AntonioTerzo)

17/05/2003

Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.) per la rassegna "Musiche del nostro tempo" a Palermo. Un concerto molto gradito dal pubblico con escursioni che dal jazz arrivano al pop e persino alla musica classica, il tutto sviluppato grazie ad un consistente interplay tra i tre musicisti svedesi. (Antonio Terzo)

11/05/2003

Patricia Barber a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...la pianista-cantante chicagoana si accomoda al piano e su un languido accordo di minore settima/nona prende a vocalizzare, misurando ancora l'acustica circolare della chiesa dello Spasimo e creando subito atmosfera." (AntonioTerzo)

03/05/2003

La rassegna "Musiche del nostro tempo" organizzata dal Brass Group di Palermo è stata inaugurata dalla suadente voce di Nnena Freelon in un omaggio alle musiche di Stevie Wonder. (Antonio Terzo)





Video:
Dave Douglas Brass Ecstasy: Tiny Desk Concert
A lot of talented artists pass by Bob Boilen's desk. But this was the first time that NPR Music was serenaded by a trumpet, trombone, French h...
inserito il 20/07/2009  da nprmusic - visualizzazioni: 2252
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2497
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2396
Dave Douglas - The View From Blue Mountain
Track 3 from Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/l... .Video by ...
inserito il 12/05/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 2360
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3716
brass trumpestra Mcferrin w Haredzie
MCferrin w piwnicy pod harenda...
inserito il 11/10/2008  da andrzejtrb - visualizzazioni: 2164
Jean Luc Ponty
Jean Luc Ponti Le Ciminiere di Catania per Unsolojazz...
inserito il 02/10/2007  da hornitos75 - visualizzazioni: 2566
Joey Baron - Masada Warsaw 1994
Sweet stuff...
inserito il 04/03/2006  da cozmo - visualizzazioni: 2694


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 22.384 volte
Data pubblicazione: 06/07/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti