Jazzitalia - Live: Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017

XXXV Edizione
30 giugno - 9 luglio 2017

di Vincenzo Fugaldi

Anne Paceo - Sudtirol Jazz Festivao 2017Arve Henriksen - Sudtirol Jazz Festivao 2017Christophe Panzani - Sudtirol Jazz Festivao 2017David Helbock - Sudtirol Jazz Festivao 2017David Helbock Trio - Sudtirol Jazz Festivao 2017Laura Perrudin - Sudtirol Jazz Festivao 2017Laura Perrudin - Sudtirol Jazz Festivao 2017
Leila Martial - Sudtirol Jazz Festivao 2017Nico Roig - Sudtirol Jazz Festivao 2017Manuel Hermia - Valentin Ceccaldi - Sylvian Darrifourcq - Sudtirol Jazz Festivao 2017Mirko Pedrotti - Sudtirol Jazz Festivao 2017Nora Fischer - Sudtirol Jazz Festivao 2017Nora Fischer - Sudtirol Jazz Festivao 2017On Dog - Sudtirol Jazz Festivao 2017 Carate Urio Orchestra - Sudtirol Jazz Festivao 2017Carate Urio Orchestra - Sudtirol Jazz Festivao 2017Circles - Sudtirol Jazz Festivao 2017Collettivo Euregio - Sudtirol Jazz Festivao 2017De Beren Gieren - Sudtirol Jazz Festivao 2017Federico Casagrande - Sudtirol Jazz Festivao 2017
Han Bennink - Sudtirol Jazz Festivao 2017Han Bennink Ensemble - Sudtirol Jazz Festivao 2017Han Bennink - Joachim Badenhorst - Sudtirol Jazz Festivao 2017Joachim Badenhorst - Sudtirol Jazz Festivao 2017Piero Bittolo Bon - Francesco Bigoni - Beppe Scardino - Sudtirol Jazz Festivao 2017Rainer Baas - Sudtirol Jazz Festivao 2017
Rainer Baas - Princess Discombobulatrix - Sudtirol Jazz Festivao 2017Ben Van Gelder - Sudtirol Jazz Festivao 2017Ben Van Gelder - Rainer Baas - Sudtirol Jazz Festivao 2017Bram Van Sambeek - Sudtirol Jazz Festivao 2017Bram Van Sambeek - Van Der Feen - Sudtirol Jazz Festivao 2017Filippo Vignato - Sudtirol Jazz Festivao 2017
Joris Roelofs - Sudtirol Jazz Festivao 2017Pascal Schumacher - Joachim Badenhorst - Rainer Baas - Sudtirol Jazz Festivao 2017Rawfishboys - Sudtirol Jazz Festivao 2017Rope Dance - Sudtirol Jazz Festivao 2017Saslonch Vibes - Sudtirol Jazz Festivao 2017Sweet Alps - Sudtirol Jazz Festivao 2017
Han Bennink - Sudtirol Jazz Festivao 2017Teun Verbruggen - Sudtirol Jazz Festivao 2017Theo Ceccaldi - Sudtirol Jazz Festivao 2017Theo Ceccaldi - Laura Perrudin - Federico Casagrande - Sudtirol Jazz Festivao 2017Three Fall - Sudtirol Jazz Festivao 2017Valentin Ceccaldi - Sudtirol Jazz Festivao 2017Warped D
reamer - Sudtirol Jazz Festivao 2017
click sulle foto per ingrandire

Il festival altoatesino, giunto all'importante traguardo dei trentacinque anni, è un evento che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli di un territorio unanimemente considerato tra i più belli al mondo. La formula individuata dal direttore Klaus Widmann prevede di focalizzare ogni edizione su un paese europeo, e quest'anno la scelta è caduta sul Benelux. Belgio, Olanda e Lussemburgo sono dunque i principali paesi di provenienza dei musicisti che si sono esibiti nel festival, insieme ad altri artisti europei e italiani. I numeri sono eloquenti: dieci giorni, settanta concerti, sessanta diversi spazi per la musica, centottanta musicisti, e dietro una macchina organizzativa precisa e instancabile che ha garantito la perfetta riuscita di ciascun evento.

A Rainer Baas, giovane musicista di Amsterdam, è toccato quest'anno il ruolo di artist in residence, esibendosi in varie formazioni e inaugurando la rassegna con la jazz opera da lui composta nel 2015 per il North Sea Jazz Festival "Rainer Baas vs. Princess Discombobulatrix". L'opera multimediale, con la proiezione di disegni realizzati dall'illustratore Typex, era affidata a un manipolo di validissimi musicisti tra cui spiccavano il contrabbassista Clemens van der Feen, il clarinettista Joris Roelofs e il trombettista Natanael Ramos Garcia, affiancati da tre violoncellisti e dalla presenza scenica della cantante Nora Fischer. Le musiche consistevano in una sorta di third stream articolata e complessa, alleggerita da un senso ironico che trovava espressione anche nei travestimenti della vocalist e dello stesso Baas, che suonava il pianoforte e la chitarra. Come chitarrista Baas ha una cifra stilistica personale, armonicamente ricca ma piuttosto distante sul piano del fraseggio dalla linea portante della chitarra jazz. Baas si è esibito anche in svariati altri contesti: ha presentato la sua composizione che mostrava preziosità di scrittura Music for Brass & Guitar, con quattro fiati (trombone, tromba, tuba e corno francese) tra cui anche i nostri Filippo Vignato e Glauco Benedetti, e un duo con la cantante Nora Fisher, supportato da interventi dei fiati, con un repertorio che andava da Monteverdi a Ravel a Purcell a Messiaen, finemente arrangiato e interpretato con ottima padronanza del repertorio; insieme al collettivo Euregio; in duo con il sassofonista Ben Van Gelder; in trio con il medesimo e il contrabbassista van der Feen; insieme ad Han Bennink; in un gradevole trio sul Renon con Joachim Badenhorst e Pascal Schumacher; durante i Jazz Labs e nella jam finale a Selva Val Gardena.

La filosofia di Friedrich Nietzsche, in particolare la metafora dell'equilibrista in "Così parlò Zarathustra" ha affascinato il clarinettista olandese Roelofs, che con il suo quintetto, nel quale spiccavano il contrabbasso di Clemens van der Feen e il fagotto di Bram van Sambeek, ha presentato la suite "Rope Dance – Light-Footed – Music for All and None", composta l'anno scorso per il NSJF. Qui il leader oltre a brillare come solista, ha mostrato eccezionali doti compositive che evidenziano una solida formazione sia in ambito classico che jazzistico e un gusto notevole, ben supportato da un ottimo quintetto cui il suono del fagotto – strumento arduo da inserire in ambito jazzistico - ha conferito un colore particolare, insieme all'archetto e al pizzicato del contrabbasso suonato magistralmente.

Il ritorno a Bolzano del pianista austriaco David Helbock lo ha visto protagonista di un magnifico concerto in un fienile in prossimità del laghetto di Costalovara in compagnia dei connazionali Raphael Preuschl (ukulele basso) e Reinhold Schmölzer (batteria). Con un cd edito da Act nel 2016 ("Into The Mystic"), il trio è uno dei più interessanti attivi nell'odierna scena europea, e ha dato conferma del proprio felice momento creativo suonando con palpabile entusiasmo il proprio repertorio di composizioni originali gradevolissime che recano talvolta profumi monkiani, con un utilizzo dell'elettronica sobrio e pertinente, eseguendo anche il secondo movimento della Settima Sinfonia di Beethoven e, come bis, il tema di Star Wars in un arrangiamento degno di nota.

Fra i tanti eventi nei rifugi, al Passo delle Erbe un incontro totalmente acustico fra il contrabbasso di Van der Feen e il fagotto di Van Sambeek. I due hanno incrociato i propri strumenti in un duo mozartiano scritto per violoncello e fagotto e nella monkiana Ask Me Now, suonando in solo per buona parte del set, fra una intensa "Lonely Woman" ornettiana condotta in buona parte dall'archetto insieme a un gospel dal repertorio di Mahalia Jackson, e un incontro fra Bach e una composizione del bassista dei Metallica per fagotto.

Il collettivo Euregio, formato da musicisti tirolesi, trentini e di altri paesi europei, si è esibito in un luogo incantevole, alle pendici dello Sciliar, presso il maso Pflegerhof, una azienda di produzione agricola biologica di grande qualità, che coltiva centinaia di varietà aromatiche. Composta da validissimi giovani musicisti, con due batteristi, l'orchestra, che suona un jazz contemporaneo, si è distinta per la qualità delle composizioni tutte originali e degli arrangiamenti, oltre che per le notevoli prestazioni solistiche di alcuni componenti. Anche l'ospite Rainer Baas ha contribuito con un suo brano.

Una rappresentanza geografica diversa, tutta francese, era quella del quartetto "Circles" della batterista e vocalist Anne Paceo con la voce di Leila Martial, le tastiere di Tony Paeleman e i sassofoni di Christophe Panzani. I quattro hanno inaugurato la serie di concerti di mezzanotte nei locali sotterranei del Batzen Sudwerk con uno splendido e coinvolgente concerto che valorizzava le distinte personalità dei musicisti con una musica corroborante ed energetica strettamente aderente alla contemporaneità, con l'elettronica al servizio di una comunicatività esaltata dalle non comuni doti improvvisative della Martial, funambolica, melismatica e vibrante in una sperimentalità aperta e comunicativa, dall'intenso solismo di Panzani sia al tenore che al soprano (nel disco del gruppo suona Emile Parisien), dai tappeti armonici generati dalle tastiere e dalla carica ritmica garantita dalla leader. Alcune notti dopo, nel medesimo spazio ancora un progetto francese capitanato dalla arpista e cantante Laura Perrudin, con il violino di Theo Ceccaldi e la chitarra di Federico Casagrande, da tempo stabilitosi a Parigi. Una musica acustica, sussurrata, che mescola minimalismo, improvvisazione, canzone, atmosfere sognanti, in un insieme discreto e seducente.

Un incantevole parco privato nel centro di Bolzano, il Palais Toggenburg, ha accolto un concerto mattutino del trio del sassofonista belga Manuel Hermia, con i francesi Valentin Ceccaldi (violoncello) e Sylvain Darrifourcq (batteria). Un trio forte e agguerrito, che sfrutta ampiamente le dinamiche che offre la formazione, poggiando saldamente sulla forte carica ritmico-armonica del violoncello, e spaziando dal pianissimo al fortissimo, in una ricerca di intensità dal sapore attuale, particolarmente riuscita, su composizioni originali dei tre. Raccontano di un universo urbano violento e disperato, con una musica a tratti fortemente ritmata, scura, che segue metriche inusuali e accumula tensione, per poi stemperarsi in momenti introspettivi che non mutavano la prospettiva di fondo.

L'accogliente ed elegantissima cornice dell'Hotel Bad Schörgau in Val Sarentino ha accolto, preceduto da una breve significativa esibizione in solitudine, prima in acustico e poi con ampio utilizzo di elettronica, del giovane ma già affermato trombonista Filippo Vignato, le bacchette e le spazzole di Han Bennink, che si è confrontato con i giovani belgi e olandesi Van Gelder, Baas, Roelofs, Joachim Badenhorst e Onno Govaert. Un frenetico duo con quest'ultimo, anch'egli batterista, ha aperto il pirotecnico set, che ha confermato, se mai ce ne fosse bisogno, il costante eccezionale stato creativo di questo veterano del jazz, che non mostra minimamente la sua età. Il set è proseguito con un duo con il clarinetto basso di Reolofs, cui si è unito il clarinetto di Badenhorst, e con un trio, più strutturato, con Baas e Van Gelder, per poi concludersi con tutti i musicisti sul palco per delle ottime esecuzioni di brani originali e di Monk.

Una produzione originale del festival, realizzata in collaborazione con la Bimhuis, denominata Jazz Labs, ha visto l'alternarsi su tre palchi contigui alla Fiera di Bolzano di numerosi musicisti europei e italiani, organizzati in piccole formazioni con la sola consegna di una improvvisazione assoluta. Ogni performance durava solo sette minuti e mezzo, e veniva interrotta dal suono di un gong, che dava anche il segnale d'inizio alla successiva. Tra le più coinvolgenti, il duo Martial-Baas, il trio Eirikur Orri Olafsson (tromba) - Van Gelder (alto) - Perrudin (arpa), il duo tra il clarinetto basso di Roelofs e il violoncello di Ceccaldi, il sestetto Martial - Badenhorst - Roelofs - Baas - Darrifourcq - Ceccaldi.

Warped Dreamer è il nome di un quartetto belga-norvegese, capitanato dal batterista Teun Verbruggen, con Stian Westerhus (chitarra), Josef Dumoulin (tastiere) e Arve Henriksen (tromba). Con un cd all'attivo registrato nel 2016 per Rat Records («Lomahongva»), questo quartetto si propone sin dall'inizio all'insegna di una libera improvvisazione di matrice free, con un uso massiccio dell'elettronica e del rumore, alternando nel fluire continuo della musica momenti introspettivi e sognanti affidati alla voce di Henriksen, per poi lanciarsi progressivamente in deliri di angosciante contemporaneità, carichi di tensione emotiva.
Il trio tedesco Three Fall ha mostrato la consueta forza ritmica, ma ha eseguito una musica leggermente edulcorata rispetto al passato. Nessun apporto rilevante agli equilibri del trio è stato fornito dalla cantante ospite, la congolese Melane.

Una rivelazione del festival è stata la Carate Urio Orchestra, esibitasi in acustico alle Piramidi di Terra Longomoso al Renon e poi in un regolare concerto nello spazio retrostante il Museion. Gruppo europeo composto da sette elementi (il leader, il belga Joachim Badenhorst, clarinetti, sax tenore e voce; il francese Brice Soniano al contrabbasso; l'islandese Eirikur Orri Olafsson alla tromba; il francese Frantz Loriot alla viola; il catalano Nico Roig alla chitarra; il tedesco Pascal Niggenkemper al contrabbasso e l'irlandese Sean Carpio alla batteria e voce). Gruppo che ha già all'attivo quattro cd, l'ultimo pubblicato dalla benemerita etichetta portoghese Clean Feed, esprime una cifra stilistica peculiare, che combina, in un mix riuscito, impro radicale e melodia, con esiti creativi e spiazzanti, che da un lato ricordano certe sperimentazioni vocali inglesi alla Wyatt, ma intonate a un volume bassissimo che ne accresce il fascino, su semplici e delicati arpeggi di chitarra, per poi confluire in momenti improvvisativi sempre mantenuti su toni non gridati, e in fanfare melodiche e coinvolgenti. Ottimi i solisti, sia il leader che il trombettista, da segnalare le doti vocali del batterista Carpio e mirabile l'intesa tra i musicisti.

Il minuscolo paesino medievale di Glorenza, a soli dieci chilometri dal confine svizzero, ha accolto in sestetto On Dog, codiretto da Francesco Bigoni (tenore e clarinetto) e Mark Solborg (chitarra), insieme a Piero Bittolo Bon (alto e clarinetto basso), Beppe Scardino (baritono e clarinetto basso) e Mark Lohr (batteria ed elettronica). Gruppo che ha già due testimonianze discografiche uscite nel 2013, On Dog poggia sulla solida carica ritmica di batteria e chitarra una front line di fiati potente e agguerrita, con un repertorio di brani originali dei leader dalla sobria cifra stilistica, che passava da brani d'atmosfera a dure scansioni rock, dando grande spazio alle ben note potenzialità di Bigoni, Bittolo Bon e Scardino.

De Beren Gieren è un trio belga costituitosi già da alcuni anni, con quattro cd già pubblicati e uno di prossima uscita e, al pari del trio di Helbock, è uno tra i più interessanti piano trio sulla scena europea. Hanno suonato in uno spazio naturale, fra i boschi di San Genesio, offrendo ai presenti un concerto apprezzabilissimo, giocato su interplay, uso moderato dell'elettronica, in una visione che riesce a rinnovare l'abusata formula del trio grazie a freschezza di idee, competenza compositiva, feeling, trascorrendo da momenti più sperimentali ad altri decisamente leggibili, ma mai scontati.

La Sweet Alps Jazz Orchestra (Andreas Marinello-alto; Enrico Merlin-elettronica; Helga Plankensteiner-baritono; Matthias Schriefl-tromba; Michael Lösch-pianoforte; Nelide Bandello-batteria; Stefano Colpi-contrabbasso; Vince Abbracciante-fisarmonica) ha suonato all'interno del lanificio Moessmer a Brunico, proponendo un suggestivo programma mahleriano dedicato alla vita dei soldati, alla seconda esecuzione. La rielaborazione delle composizioni classiche, dovuta alla penna di Lösch, ne recuperava la drammaticità in un insieme sonoro di grande suggestione, impreziosito da grandi interventi solistici della pirotecnica tromba di Schriefl particolarmente calato nel ruolo, dal contributo dell'altoatesino Marinello, dall'utilizzo dell'elettronica e di basi preregistrate e dalla calda sonorità della fisarmonica. Un progetto di grande qualità, che meriterebbe di circolare di più ed essere registrato.

La chiusura del festival, prima della jam session finale, è stata affidata ai tre vibrafoni "Saslonch Vibes", Pascal Schumacher, Mirko Pedrotti e Matthias Legner, che alle pendici del Sassolungo, in una cornice di bellezza impagabile, hanno proposto musiche minimaliste vicine all'ambient, perfettamente aderenti al paesaggio circostante, chiudendo degnamente questa memorabile edizione del festival altoatesino.

A margine, tra gli eventi collaterali vanno ricordati il convegno "Culture meets economy", che all'Eurac ha ospitato una breve esibizione del pregevole duo Rawfishboys costituito da due dei componenti della Carate Urio Orchestra, Badenhorst e Soniano, e la presentazione in una saletta dell'Hotel Laurin da parte di Enrico Bettinello del recente interessantissimo volume di Lawrence "Butch" Morris The Art of Conduction A Conduction® Workbook curato da Daniela Veronesi per i tipi dell'editore Karma di New York.






Articoli correlati:
08/06/2017

Rimur (Trio Medieval & Arve Henriksen)- Alceste Ayroldi

30/05/2017

Südtirol Jazzfestival Alto Adige: L'edizione numero 35 della rinomata rassegna musicale porterà in scena i migliori artisti del Benelux: farà conoscere tanti giovani talenti emergenti e animerà 60 diverse location sparse su tutto il territorio provinciale.

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2016

Südtirol Jazz Festival Alto Adige 2016 - "New Sounds - Fresh Perspectives": "Il festival altoatesino prosegue nel suo lodevole intento di coinvolgere l'intero territorio della Provincia, dedicando l'edizione principalmente all'incontro fra musicisti della vicina Austria e musicisti italiani." (Vincenzo Fugaldi)

24/07/2016

L'uomo poco distante (Toni Cattano Ottetto)- Gianni Montano

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

26/07/2015

Südtirol Jazz Festival 2015: "Sotto la misteriosa denominazione di G7 Great European Jazz Conference il festival altoatesino ha celato una coraggiosa produzione originale..." (Vincenzo Fugaldi)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

09/08/2014

Brooks (Cristiano Arcelli)- Valeria Loprieno

20/07/2014

Südtirol Jazz Festival 2014: "Dedicato alla Francia, ha consentito di ascoltare una grande quantità di validissimi musicisti d'oltralpe, testimonianza di una scena vivace e artisticamente rilevante." (Vincenzo Fugaldi)

06/07/2014

Fried Generation (MOF)- Monica Mazzitelli

28/05/2014

Don't Take My Head (Sandrine Monlezun)- Simonetta Salinari

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

31/03/2014

Omit Five (Omit Five)- Nicola Barin

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

21/09/2013

Südtirol Jazz Festival 2013: "Doppiata la boa del trentennale, la storica manifestazione altoatesina prosegue nella meritoria iniziativa di portare in provincia di Bolzano i migliori suoni del jazz contemporaneo." (Vincenzo Fugaldi)

25/08/2013

From Time To Time (Emanuele Maniscalco)- Enzo Fugaldi

21/07/2013

Marcel & Solange Trio e Giovanni Falzone Quintet "Around Ornette": Nell'ambito del festival "Una Striscia di Terra Feconda", il Marcel & Solange trio con le loro "atmosfere minimaliste e rarefatte" e il personale omaggio a Ornette Coleman di Giovanni Falzone con suo Quintet. (Valeria Loprieno)

17/06/2013

La Società Delle Maschere (Dinamitri Jazz Folklore)- Gianni Montano

16/06/2013

Young Jazz Festival 13: Artisti italiani della nuova frontiera jazz con una felice incursione norvegese e gran finale con la Liberorchestra, progetto di grande rilevanza sociale. (Vincenzo Fugaldi)

17/03/2013

Quattro chiacchiere con...Francesco Diodati: "Ogni giorno scopro qualcosa di nuovo bellissimo e stimolante, e riscopro vecchie conoscenze." (Alceste Ayroldi)

18/08/2012

Liberetto (Lars Danielsson) - Alceste Ayroldi

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

22/10/2011

Ecce Combo (Alfonso Santimone Laser Pigs) - Andrea Gaggero

29/08/2011

Intollerant (Mr. Rencore + Tim Berne)- Vincenzo Fugaldi

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

02/05/2011

Elegy For The Punk Movement (Orange room)- Gianni B. Montano

20/03/2011

House Of Cards (Fulvio Sigurtà) - Alceste Ayroldi

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

25/07/2010

Six Dances Under (Antonio Borghini & Malebranche)- Vincenzo Fugaldi

03/05/2010

Spirit Of The Mountains (Federico Casagrande)- Andrea Gaggero

26/04/2010

Nesso G (Nesso G)- Gianni B. Montano

18/04/2010

Han Bennink & Daniele D'Agaro per Risonanze 2010 a Venezia: "Non poteva aprirsi in maniera più felice la stagione 2010 di Risonanze...i musicisti hanno dato vita ad un unico set che ha tenuto desta l'attenzione di un pubblico eterogeneo, ipnotizzato dal virtuosismo di entrambi...Improvvisazione pensata e tradotta in suono sull'istante." (Giovanni Greto)

06/03/2010

Pop Gossip (Osmiza) - Luca Labrini

06/02/2010

Purple Bra (Francesco Diodati Neko)- Enzo Fugaldi

06/01/2010

L'Opera va/Carmen (Enrico Rava)- Marco Buttafuoco

05/01/2010

Off-Site Meetings (Giulio Corini Libero Motu) - Enzo Fugaldi

02/01/2010

Exotica Domestica (Daniele D'Agaro Adriatics Orchestra) - Giuseppe Mavilla

12/12/2009

Coming Tomorrow (Gianluca Petrella Cosmic Band) - Alceste Ayroldi

18/10/2009

L'arte della Guerra (Francesco Cusa "Skrunch") - Giuseppe Mavilla

06/06/2009

No leader (Nelide Bandello / Leibniz)

26/04/2009

B.B.G. TRIO al Bollate Jazz Meeting: "Un pianismo diverso dal consueto, molto personale e che non si è mai ascoltato prima fra i vari interpreti monkiani. Borstlap è un pianista davvero interessante, ancora poco conosciuto in Italia, ma dotato di grandi capacità e di una grande sensibilità...I tre musicisti si divertono palesemente, ridono fra di loro, sono piacevolmente stupiti dalle idee che ciascuno di loro propone e dalle quali traggono reciprocamente stimolo." (Rossella Del grande)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

20/08/2008

Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2008: "Nove giorni di festival itinerante in Alto Adige, curati dall'infaticabile Klaus Widmann e da un gruppo di ottimi collaboratori. Musica, spesso ottima; paesaggi e località incantevoli; buona accoglienza, grandi vini e cibi locali. Un insieme delizioso, disturbato solo da alcune fastidiose bizze atmosferiche, che hanno costretto gli organizzatori a spostare alcuni concerti in spazi all'interno." (Enzo Fugaldi)

13/07/2008

Moonstruck (Barbara Buchholz)

06/07/2008

Comeglians (Daniele D'agaro Adriatic Orchestra)

18/05/2008

Bergamo Jazz 2008, Arve Henriksen Trio e Roy Hargrove Quintet: "Giunto alla sua trentesima edizione, il longevo e felice Bergamo Jazz vede esibirsi sul palco, per la serata conclusiva, due fra i più eloquenti trombettisti attualmente in circolazione, in un concerto che sembra voler sondare le potenzialità espressive di questo strumento nei più diversi contesti, tradizionali o sperimentali." (Achille Zoni)

26/01/2008

3 x Supersilent al BLÅ di Oslo: "Supersilent non è una formazione che fa Jazz (se per Jazz si intende BeBop o swing), ma ha nel DNA la filosofia più alta del Jazz, e una capacità e voglia di improvvisare e rischiare uniche nel suo genere...Supersilent è un punto di arrivo, un luogo di ritrovo, un ritorno a casa per tutti i suoi componenti." (Luca Vitali)

17/09/2007

Intervista con Arve Henriksen: "...sono sempre stato molto aperto da quando ho cominciato a suonare la tromba e fare il musicista. Sono stato più interessato a lavorare con diversi tipi di musica, folk, jazz, contemporanea, rock pop. Io trovo davvero interessanti molti stili diversi...in ogni situazione in cui mi trovo, mi sforzo di trovare qualcosa da imparare..." (Luca Vitali)

19/08/2007

Nattjazz 2007 in Norvegia: "...qui si percepisce una cultura musicale molto diversa da quella che c'è nel nostro paese, gli organizzatori rischiano e propongono una miscela di stelle e di giovani totalmente sconosciuti, il pubblico da parte sua si fida del direttore artistico e non è vittima del grande nome. Gli artisti sperimentano e produco dei veri "workshop" spontanei. Il risultato è unico, la cornice straordinaria per cui di giorno c'è davvero la possibilità di trascorrere delle splendide giornate tra i Fiordi in attesa dei concerti serali." (Luca Vitali)

11/05/2007

Strjon (Arve Henriksen)





Video:
Misha Mengelberg & Han Bennink Duo - Improvisation
Misha Mengelberg : piano Han Bennink : drums Live at the Bimhuis, Amsterdam, Netherlands, September 2, 2004....
inserito il 31/10/2007  da anthdb45 - visualizzazioni: 2034


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 377 volte
Data pubblicazione: 23/07/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti