Jazzitalia - Live: Talos Festival 2017
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Talos Festival 2017

Ruvo di Puglia, 3 - 10 settembre 2017
di Vincenzo Fugaldi

Roberto Otaviano - De Leo - Talos Festival 2017Talos FestivalTalos FestivalTalos FestivalCanzoniere Grecanico Salentino - Talos Festival 2017
Eugenio Colombo - Talos Festival 2017Eugenio Colombo - Talos Festival 2017Eugenio Colombo - Pino Minafra - Talos Festival 2017Evan Parker - Talos Festival 2017Evan Parker - Talos Festival 2017Faraualla - Talos Festival 2017
Hernst Rejiseger - Talos Festival 2017Ihab Radwan - Michel Godard - Talos Festival 2017John Surman - Talos Festival 2017Michel Portal - Talos Festival 2017Michel Portal - Talos Festival 2017Michel Portal - Talos Festival 2017
Canzoniere Grecanico Salentino - Talos Festival 2017Hernst Rejiseger - Talos Festival 2017Michel Portal - Vincent Peirani - Talos Festival 2017Orchestra Sinfonica Bari - Talos Festival 2017Peppe Barra - Talos Festival 2017Pino Minafra - Talos Festival 2017
click sulle foto per ingrandire

È tornato, dopo una forzata pausa di un anno, il festival della cittadina in provincia di Bari, per la direzione artistica di Pino Minafra. Diviso in due sezioni, un'anteprima dedicata alla promozione della peculiare tradizione bandistica pugliese e il festival internazionale, il Talos si contraddistingue per ricchezza di idee, varietà di proposte, superamento di steccati fra i generi musicali e fra le arti.

Il coinvolgimento del coreografo Giulio De Leo ha innovato sostanzialmente le proposte pomeridiane sin dal pomeriggio iniziale della sezione internazionale del festival. Dopo un breve concerto in solo in cui ha improvvisato in modo magistrale su tre strumenti (flauto basso, flauto traverso e sax soprano) tra suggestive composizioni istantanee e utilizzi non ortodossi dello strumento, Eugenio Colombo ha interagito con un ensemble di danzatori composto da persone della terza età, impegnate nell'esecuzione di coreografie complesse con la guida di due danzatrici, con risultati sorprendenti, spiazzanti e poetici in piena sintonia con le parole che fanno da cornice al Talos, melodia, ricerca, follia. Il pomeriggio seguente, Dario Cecchini, leader e creatore dei Funk Off, dopo l'esecuzione di alcuni brani jazzistici e pop al sax baritono, e un blues in cui è stato raggiunto dai baritoni di Nicola Pisani e Francesco Caligiuri, ha unito i suoi suoni alle coreografie itineranti dei bambini di Ruvo tra le vie della cittadina. Molto differente il solo di Evan Parker, che ha utilizzato il suo sax soprano come consueto in un lungo brano eseguito con la tecnica della respirazione circolare, per poi passare a suggestioni monkiane, sempre all'insegna di un radicalismo puro e integrale. Roberto Ottaviano ha sposato la sua performance dedicata ai migranti all'improvvisazione dei danzatori della Compagnia Menhir, che hanno interagito con il suono assertivo e pulitissimo del sax soprano che si articolava in brani brevi ed efficacemente comunicativi, con immancabili richiami lacyani, fino al brano finale in cui il coreografo De Leo ha coinvolto il pubblico presente in una danza liberatoria. A conclusione del pomeriggio, il concerto degli allievi della masterclass di Eugenio Colombo e Nicola Pisani (che avevano partecipato il giorno precedente alla coinvolgente performance di danza e musica Arcipelago affidata a giovani fra i 16 e i 26 anni), e il concerto della Big Band del Conservatorio di Bari in un repertorio di standard di Basie, Quincy Jones, Schifrin, con ospite Cecchini.

La prima serata in Piazzetta Le Monache era affidata all'Orchestra Sinfonica Città Metropolitana di Bari diretta da Giovanni Rinaldi, che ha eseguito due brani. Il primo, composto dal percussionista Luigi Morleo, sul palco insieme all'altro percussionista Maurizio Lampugnani e alle percussioni africane dei SudJembé, con ospite Ernst Reijseger, con toni da orchestra hollywoodiana, empatico e coinvolgente grazie ai colori delle percussioni e all'esuberante creatività del violoncello dell'ospite olandese. Il secondo vedeva la rielaborazione di brani delle Faraualla effettuata da Gabriella Schiavone e dallo stesso Morleo.

Dell'atteso duo Michel Portal-Vincent Peirani non si potrebbe dire meglio: non nuovo a duetti di grande successo – si pensi a quello con Bojan Z ma soprattutto, per affinità di strumenti, a quello con Richard Galliano – con Peirani, Portal sembra aver trovato la perfezione, il felice approdo di una ricerca musicale che dura da lunghissimo tempo, spaziando dalla canzone, alla musica classica e contemporanea, al jazz nelle sue più varie coniugazioni. Una marcata differenza generazionale totalmente annullata dalla forza della musica, dall'apertura di entrambi al dialogo e all'interazione, con esiti di affascinante pienezza melodica, che si declinavano in splendide composizioni di entrambi, da Blow Up del clarinettista a Choral e B et H del fisarmonicista.
 
Un concerto in solo di Ernst Reijseger è sempre un evento, e anche il concerto di Ruvo lo è stato, nonostante la scelta – dovuta alle condizioni atmosferiche – di effettuarlo all'interno del Palazzetto dello sport, luogo piuttosto inadatto. Il violoncellista, uno dei maestri assoluti della musica improvvisata europea, ha suonato da par suo, eseguendo anche la nota Raykwela nella quale imbraccia il violoncello come una chitarra, preparando lo strumento con delle mollette che ne trasformavano il suono, percuotendolo e utilizzandolo in modi non ortodossi sempre nuovi e creativi, con un gradevolissimo senso umoristico che lo ha portato anche a girare tra il pubblico con lo strumento, mantenendo costantemente la capacità di comunicare e catturare l'attenzione, anche mediante l'utilizzo del canto e del fischio, ma anche con brani colmi di bachiana classicità.

Accompagnato dal suo quintetto, Peppe Barra ha spaziato con il suo inconfondibile senso dello spettacolo fra brani tradizionali della sua Napoli e altri recenti, con omaggi a Bob Marley, Gaber e altri, recitando con grande arte Giambattista Basile, raccontandosi, mostrando una comicità travolgente, dialogando con un pubblico coinvolto e plaudente.

John Surman è sin dai primi anni della sua notorietà uno specialista della esibizione in solo, che ha portato a rari livelli di perfezione in una lunga serie di dischi registrati per l'etichetta Ecm. Alternandosi fra soprano, clarinetto basso e flauto dolce, con il supporto delle abituali fascinose basi elettroniche, l'artista inglese ha espresso la sua peculiare cifra improvvisativa delicata e coinvolgente, pregna di innumerevoli suggestioni provenienti da varie epoche.

La Notte della Banda, in una Piazzetta Le Monache colma all'inverosimile, ha affiancato l'organico di 43 elementi della Banda di Ruvo, protagonista di importanti attività discografiche e concertistiche, a vari ospiti. Dopo l'inizio affidato alla direzione di Michele Di Puppo e al consueto sorprendente repertorio operistico, La Banda ha mostrato la propria versatilità affidandosi alla direzione di Eugenio Colombo con ospite il sax di Dario Cecchini, che a sua volta l'ha diretta in una sua composizione in stile funky, poi a Livio Minafra con le Faraualla in Dio pazzo, Dio pane, a Ihab Radwan nella suggestiva composizione di Michel Godard Su l'onda d'amore, a Peppe Barra in una coinvolgente ed esilarante versione in musica composta da Livio Minafra della fiaba La vecchia scorticata di Giambattista Basile, e a un plateale scatenatissimo finale con Pino Minafra nella sua Fantozzi.
 
La serata finale ha dapprima visto l'esibizione del duo fra Michel Godard (basso el., tuba, serpentone) e Ihab Radwan (oud). I due hanno recentemente pubblicato il loro «Doux désirs» per l'etichetta salentina Dodicilune, e in concerto hanno confermato l'ottima impressione data dall'ascolto del cd, eseguendo composizioni di struggente melodicità, intrise di delicata nostalgia. Mentre Godard è nome ben noto in Italia, non altrettanto si può dire per l'egiziano Radwan, che ha suonato il suo strumento con perizia e intensità, sposando mirabilmente la poetica del francese.

La chiusura del Talos era affidata al Canzoniere Grecanico Salentino, che grazie all'intuito del direttore artistico veniva affiancato, dopo alcuni brani del suo repertorio eseguiti con la formazione usuale, dagli ottoni del Talos Bass Brass Ensemble (due flicorni tenore, due flicorni baritono, due tromboni e due tube) e ospitava gli interventi solistici di Godard, Pisani e Ottaviano. La sezione bassa della banda incontrava così le frequenze alte del Canzoniere e la direzione di Pisani, Ottaviano e Livio Minafra, aggiungendo un colore inedito ai ritmi del gruppo.

Più che mai si percepisce che questo festival è espressione di un'intera cittadina che vi partecipa con l'entusiasmo e il calore di un nutrito gruppo di giovani volontari, con una foltissima partecipazione ai concerti, con l'intervento degli enti pubblici (Comune e Regione), il partenariato di varie associazioni, la collaborazione delle principali realtà socio-culturali locali e il sostegno di alcune imprese. Un esempio virtuoso di politica culturale – e di politica tout court - che andrebbe preso a modello, senza dimenticare che esso trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico e dei suoi familiari che lo sostengono nella sua capacità di sognare e realizzare i propri sogni per migliorare la propria comunità.






Articoli correlati:
01/11/2017

Doux Désirs (Michel Godard & Ihrab Radwan)- Alceste Ayroldi

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

12/03/2017

Born Free (Livio Minafra & Louis Moholo - Moholo)- Enzo Fugaldi

27/11/2016

Sole Luna (Livio Minafra)- Enzo Fugaldi

11/09/2016

Count Till Zen (Ernst Reijeseger)- Alceste Ayroldi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

22/02/2016

L'astrolabio (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

03/01/2016

Sarah Jane Morris Quintet: "La cantante e i suoi sodali hanno dato prova di quanto la professionalità, la grinta e la motivazione sociale possano andare d'accordo con tutta la musica: quella senza barriere..." (Alceste Ayroldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

23/12/2013

Saltash Bell (John Surman)- Alceste Ayroldi

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

08/06/2013

Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo: "...voglio tornare a salire sul palco in maniera più incisiva per dire: "ci sono anche io"." (Alceste Ayroldi)

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

01/05/2012

Where The West Begins: Voicing Ornette Coleman (Lisa Manosperti)- Gianni Montano

25/03/2012

Intervista con Pino Minafra: "...generosità nel suonare, duttilità, saper leggere, saper sporcare, saper pulire la musica, ma soprattutto avere un sacro fuoco..." (Vincenzo Fugaldi)

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

10/12/2011

Svartisen - Band Epoque (Maurizio Brunod)- Gianni Montano

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

17/10/2010

Tempus Transit (Pierluigi Villani Group)- Vincenzo Fugaldi

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

28/07/2010

Megalitico (Gavino Murgia 5tet) - Alceste Ayroldi

24/04/2010

Current Views (Roberto Magris & The Europlane Orchestra)- Alessandro Carabelli

17/04/2010

Bergamo Jazz 2010: "Tocca sempre a Bergamo il compito di inaugurare la nuova stagione del jazz in Italia, dall'alto di una tradizione di scintillante fattura, impreziosita dalla seconda conduzione artistica di Paolo Fresu, il cui obiettivo quest'anno è stato quello di concentrarsi su alcune delle correnti che attribuiscono al genere nuova linfa." (Vittorio Pio)

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

09/01/2010

It's Time To Make A Change (Maurizio Quintavalle) - Luca Labrini

06/01/2010

L'Opera va/Carmen (Enrico Rava)- Marco Buttafuoco

27/12/2009

Jack DeJohnette & The Ripple Effect all'Auditorium di Roma: "Di una cosa si può esser certi: è praticamente impossibile assistere per due volte allo stesso concerto se questo ha per protagonista Jack DeJohnette, tale è la varietà e la diversità di progetti musicali di cui è l'ispiratore e il leader." (Dario Gentili)

27/12/2009

Selection (Rabih Abou Khalil) - Alceste Ayroldi

25/10/2009

Remembering Weather Report (Miroslav Vitous Group w/Michel Portal) - Dario Gentili

24/09/2009

Brewster's Rooster (John Surman)- Dario Gentili

05/09/2009

My Foolish Harp (Angelo Adamo) - Giuseppe Mavilla

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

12/01/2009

Da qui passano i venti (Diego Morga)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

11/12/2008

Un Dio Clandestino (Roberto Ottaviano & Pinturas )

11/12/2008

Intervista a Roberto Ottaviano: "Io aspiro a fare in modo che nel mio suono, nella musica che produco, ci siano movimento, storie, evocazioni, e quindi mi sembra naturale trovarne un ideale luogo di proliferazione laddove registi, attori, danzatori, scultori, ecc. nutrono le mie stesse ambizioni. Il sax è un veicolo ed il jazz è oggi più che mai un mezzo per contattare altre realtà e comunicare delle cose." (Alceste Ayroldi)

16/11/2008

La Fiamma e il Cristallo (Livio Minafra)

16/11/2008

Intervista a Livio Minafra: "Non c'è niente di più bello che la fantasia. In particolare se non è la fantasia dei sogni nel cassetto ma è quella dei lenti ma profondi cambiamenti. Credo che oggi non esista più la musica, e né le musiche e neppure i generi o gli stili. Oggi esistono le persone e per distinguersi la gente ha bisogno che la musica sia autobiografica. La gente ha bisogna che l'artista sia totale con la sua personalità artistica ed umana." (Fabrizio Ciccarelli)

23/08/2008

Songs (Mastropirro Ermitage Ensemble)

02/04/2008

La Foule - Voyage dans les lieux d'Edith Piaf (Lisa Manosperti)

25/03/2008

Anouar Brahem, John Surman, Dave Holland in "Thimar" all'Auditorium di Roma: "...una politica musicale assolutamente apprezzabile quella dell'Auditorium di Roma di non rincorrere soltanto le nuove uscite discografiche per strappare una data del tour che ne segue, ma di costruire il proprio calendario cercando di riproporre e rilanciare formazioni e progetti, i cui lavori non intercettano propriamente la più stretta attualità e che probabilmente non torneranno in sala di registrazione." (Dario Gentili)

26/01/2008

Jack DeJohnette & The Ripple Effect with John Surman per Aperitivo in Concerto: "In due ore di musica non si conta un solo minuto di carenza di tensione o di feeling. I suoni e le idee coinvolgenti, assieme all'indiscutibile e riconfermato talento di questi grandi musicisti, hanno offerto al pubblico un evento difficilmente dimenticabile." (Achille Zoni)

15/11/2007

Hoarded Dreams (Graham Collier)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

15/09/2007

Rouge! (Pierluigi Balducci Ensemble)

08/07/2007

Fleuve (Pierre Favre Ensemble)

21/06/2007

Reportage dal Druga Godba festival 2007, Ljubljana / Slovenia (Ziga Koritnik)

10/05/2007

Sorgente Sonora (Eugenio Colombo)

30/03/2007

Fòua (Municipale Balcanica)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

13/01/2007

La dolcezza del grido (Livio Minafra)

11/01/2007

L'Arabian Jazz di Rabih Abou Khalil: "Lo stile musicale adottato da Rabih Abou Khalil è rivelatore della tendenza della cultura attuale a rendersi mezzo di comunicazione ed espressione della globalità che diviene così un fertile terreno d'indagine, nuovo e per questo altrettanto stimolante..." (Mario Livraghi)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

21/04/2006

Michel Portal e Bojan-Z duo per Musicus Concentus: "...un duo che coniuga mirabilmente avanguardia e tradizione, impegno e grande comunicatività, palpabile gioia di suonare insieme e grande amore e rispetto per chi ascolta." (Enzo Fugaldi)

01/04/2006

Steve's Mirror (Gianna Montecalvo)

26/03/2006

Michel Portal Quartet feat. Louis Sclavis allo IUC di Roma: "...da un lato l'ascoltatore viene catturato dall'estasi di una poliritmia che rimanda all'Africa e dall'altro è invitato a seguire il corso di melodie suadenti cullanti..." (Daniele Mastrangelo)

13/08/2005

Concerts (Michel Portal – Richard Galliano)

13/04/2004

Michel Portal Trio per Jazz all'Ambra: "Dalla musica classica al jazz più ortodosso all'avanguardia più radicale: la capacità live più sorprendente di Portal è di mescolare tali stili e generi anche in uno stesso brano..." (Dario Gentili)





Video:
Gavino Murgia Sardicity - Su gabilli ? - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Su gabilli ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruffcamera...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2847
Gavino Murgia Sardicity - Non ho tempo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Non ho tempo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2670
Gavino Murgia Sardicity - Chi ha fatto miao - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Chi ha fatto miao ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruf...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2657
Gavino Murgia - Il Dio del Buon Frate - Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Il Dio del Buon Frate - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gr...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2974
Gavino Murgia Momak Dj Gruff Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity Gavino Murgia Momak Dj Gruff Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2773
Gavino Murgia Sardicity - Senza Titolo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Senza Titolo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 2732
Gavino Murgia/Michel Godard/Roswel Rudd/Don Moye.mov
Gavino Murgia "Almost w" quartet Gagliari jazz expo 2008...
inserito il 02/12/2009  da thecloserthebetter - visualizzazioni: 1936
Gavino Murgia Trio -Mamuth Stones- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2498
Gavino Murgia Trio -Adarre- European Jazz Expò 2007
GAVINO MURGIA TRIO Gavino Murgia . sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers Marcello Peghin . chitarra Pietro Iodice . batteria...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2429


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 687 volte
Data pubblicazione: 23/09/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti