Jazzitalia - Live: Tomas Fujiwara Triple Double
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tomas Fujiwara Triple Double
Area Sismica, Ravaldino in Monte (Forlì)
1 dicembre 2019
di Aldo Gianolio

Tomas Fujiwara Triple DoubleTomas Fujiwara Triple DoubleTomas Fujiwara Triple DoubleTomas Fujiwara Triple DoubleTomas Fujiwara Triple DoubleTomas Fujiwara Triple DoubleTomas Fujiwara Triple Double
click sulle foto per ingrandire

Come spesso accade, all'Area Sismica rifulgono i fuochi d'artificio. Domenica primo dicembre alle diciotto e trenta è stata la volta del Triple Double del batterista Tomas Fujiwara. Come da appellativo, il raddoppio di tre strumenti (tromba, chitarra e batteria) vanno a costituire un sestetto "a specchio": da una parte la cornetta di Taylor Ho Bynum, la chitarra acustica elettrificata di Mary Halvorson e la batteria del leader; dall'altra, la tromba di Dave Ballou (che ha preso il posto di Ralph Alessi, presente nella registrazione del disco omonimo del 2017), la chitarra elettrica di Rafiq Bhatia (subentrato a Brandon Seabrook) e la batteria di Gerald Cleaver.

Fra gli svariati significati che può assumere l'espressione "doppio" (in filosofia, scienza, religione, psicologia, arte), nel Triple Double sta per due "insiemi" simili accostati, uno il riflesso speculare dell'altro che diventa autonomo (come nel gemello o nel sosia); tradotto in musica sta come diversificazione dell'approccio al materiale musicale mantenendosi sulla medesima linea d'onda. "Tutti ci sentiamo in qualche modo incompleti, tutti realizziamo una parte di noi stessi e non l'altra", dice Italo Calvino nel suo "Visconte dimezzato"; così, raddoppiando il trio, Fujiwara cerca completamento e sicurezza; è la stessa cosa che accade, in "Il compagno segreto" di Joseph Conrad, al capitano e a Leggatt, il suo "doppio", che, estranei l'uno all'altro, finiscono, proprio grazie al loro essere sosia, di cooperare e perfezionarsi.



Anche nel Double Triple i due trii uguali nella formazione non si comportano allo stesso modo, così si integrano, si consolidano, si danno ragione e man forte trovando maggiore potenza e convincimento in quello che fanno. Soprattutto le due chitarre hanno una diversa funzione: Bhatia, con tanto di ampia pedaliera che consente i più disparati effetti, lavora più sui registri gravi, come a sostituire il basso mancante (acustico o elettrico che fosse), mentre la Halvorson opera più su armonie spesso stridenti e linee melodiche spesso dissonanti. Trombe e batterie invece procedono sulla falsariga di quanto detto sopra (in specie le due batterie agiscono spesso in parallelo creando un imponente volume di suono), attraverso efficaci dialoghi che si completano e rinvigoriscono a vicenda.

Nel suo complesso la musica, in parte scritta con dovizia di particolari, è varia nel presentare diverse situazioni e atmosfere, dalle più diradate e caliginose, alle più vigorose e cacofoniche, con tempi scattanti e spigolosi sostenuti da un potente dinamismo poliritmico e giocati su intersecazioni di complicate linee melodiche, su modulazioni improvvise, su estemporanei riempimenti con tratti guizzanti, fino ad arrivare, talvolta, a riempire lo spazio con secchiate d'inchiostro nero in una specie di action painting rovinosa e cupa; e da questo rimestamento vario (ci sono rimembranze di Henry Threadgill e Frank Zappa) partono e si svolgono articolati e bellissimi assolo dei protagonisti.







Articoli correlati:
23/11/2019

The Young Mothers: "Il concerto non ha dato un minuto di respiro, sempre buttando sul fuoco un ammasso di materiale infiammabile, il più disparato, ma reso coerente per il modo abrasivo in cui è venuto esposto..." (Aldo Gianolio)

26/06/2017

Ida Lupino (Giovanni Guidi, Gianluca Petrella, Louis Sclavis, Gerald Cleaver)- Vincenzo Fugaldi

28/10/2013

New Music For Trio (Ramberto Ciammarughi feat. Miroslav Vitous, Gerald Clever)- Alceste Ayroldi

12/05/2013

Jazz Groove Ia Parte : Lo "stile contrassegnato dal ritmo" di Omar Sosa, il "dissacrante" Marc Ribot Ceramic Dog, il "pianismo percussivo, a tratti free" del New Quintet di Giovanni Guidi. (Giovanni Greto)

15/07/2012

The Path Here (Greg Burk) - Francesco Favano

23/02/2011

The Rub And Spare Change (Michael Formanek)- Enzo Fugaldi

25/10/2009

Remembering Weather Report (Miroslav Vitous Group w/Michel Portal) - Dario Gentili

04/07/2009

Muse (Yaron Herman Trio) - Fabrizio Ciccarelli







Inserisci un commento


© 2000 - 2020 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 429 volte
Data pubblicazione: 12/01/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti