Jazzitalia - Io C'ero: In diretta da Umbria Jazz 2010
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�



In diretta da Umbria Jazz 2010
di Marcello Migliosi

Caldo, Calcio e Crisi, Tre "C" infernali, ma Umbria Jazz va lo stesso
Perugia, 18 luglio 2010

"CCC", sta per caldo, crisi e calcio. Un micidiale trittico che ha messo a dura prova una delle più grandi navi ammiraglie, della cultura "made in Umbria", in Italia e nel Mondo. Umbria Jazz, nonostante la stasi economica le temperature che sono oscillate tra i 35 e i 40 gradi e i Mondiali di calcio, ha tenuto. «Dieci meno tre fa sette», ha detto il direttore artistico della Fondazione, Carlo Pagnotta in conferenza stampa, facendo riferimento alla programmazione. Due date che coincidevano con le partite finali dei mondiali di calcio più l'appuntamento, gratuito, del Progetto Axè di chiusura. La flessione registrata negli incassi - settecentomila euro per circa 30 mila paganti - trova quindi una ragione, matematica, immediata. Per la prima volta, a memoria, durante la conferenza stampa di chiusura, al tavolo erano presenti tutte le massime istituzioni impegnate nel grande progetto della Fonazione Umbria Jazz che, proprio oggi, chiude il suo primo anno di attività. Insieme a Carlo Pagnotta, la presidente della Regione, Catiuscia Marini, il sindaco del Comune di Perugia, Wladimiro Boccali, l'assessore al turismo della Provincia perugina, Roberto Bertini e il vicepresidente della Fondazione stessa, Stefano Mazzoni. Le parole più "intense" sono proprio arrivate dal Primo cittadino dell'Augusta Perusia: "Un festival come UJ - ha detto - rafforza in noi la convinzione che Perugia sia, insieme ad Assisi, la candidata giusta per diventare Capitale della Cultura. Umbria Jazz è uno degli ambasciatori più forti e penetranti quando proponiamo Perugia nel mondo". La Presidente Marini, dal canto suo, ha subito puntato l'indice contro chi, come il Governo nazionale, ha deciso di tagliare i fondi per la cultura: "Tanti festival - ha detto - il prossimo anno saranno destinati a scomparire, Umbria Jazz no. Il Festival, che la Regione quando nacque quarant'anni fa, agevolò nella sua nascita da una felice intuizione di Carlo Pagnotta, non vive di finanziamenti ministeriali, come altri". Il Festival, infatti, vive per ben 1/3 del suo budget, con l'incasso dei biglietti, poi sponsor privati e le Istituzioni, ma non il Ministero. Marini ha anche detto che UJ "è la manifestazione che più si identifica con l'immagine dell'Umbria e che per questo va difesa". "Anzi - ha aggiunto con forza - sarà nostra cura puntare sempre di più affinché, nonostante le gravi difficoltà economiche, la rassegna possa mantenere questa formula vincente e possa continuare ad offrire una proposta artistica di questa levatura". Umbria Jazz, dunque, è la "marca semantica" di una regione che, nel suo complesso, ha un ventaglio di offerte turistiche da offrire di grande qualità. Marini ha concluso il suo intervento tra gli applausi dicendo: "La cultura non va tagliata, ma rafforzata". Roberto Bertini, assessore al turismo della Provincia di Perugia, non si è affatto dimenticato di ricordare che, nel mondo, UJ è diventa anche un elemento di collocazione territoriale per una piccola grande terra al Centro dell'Italia. "Il Festival - ha detto - significa per il territorio 400 500 mila unità turistiche, le ricadute economiche sono inevitabili e concrete". Dal punto di vista artistico, fermo restando i concerti del Santa Giuliana a grande affluenza quali: Mario Biondi, Mark Knopfler, Chick Corea, Pat Metheny e Sonny Rollins, va registrata una forte crescita dell'attenzione e della presenza di quelli che sono i concerti notturni e cosiddetti, di "nicchia". Oratorio Santa Cecilia, Morlacchi...ma anche le varie location ricavate nei luoghi più suggestivi della città. Un incremento che, per Carlo Pagnotta è una sorta di "tocca sana". Si sa, per lui il jazz resta un "fenomeno circoscritto", ma non è più così. Se ad ascoltare ed osannare Sonny Rollins ci sono i ragazzi di vent'anni, sarà proprio il caso che il Cavalier Pagnotta "ammetta" che il tanto agognato ricambio generazionale tra il pubblico è cominciato! E che dire poi del 25ennale delle Clinics, quest'anno tutto esaurito con 240 studenti, più la consegna di tre lauree honoris causa a Bollani, Arbore e Hernandez.

Durante la conferenza stampa, Carlo Pagnotta ha esortato il sindaco a trovare altri spazi per i concerti. Ha chiesto notizie del cinema teatro del Turreno e del Lilli: "Tutti spazi - ha detto - che, interni alla città, potrebbero essere utilizzati non solo da Umbria Jazz, ma anche per altre iniziative". Per la verità la Città è in attesa del restauro definitivo della ex chiesa di San Francesco al Prato, luogo dei grandi concerti degli anni ottanta. Ultima "ciliegina sulla torta", in una conferenza stampa in cui, tra applausi e un po' di robusta autocelebrazione - ma giustificata - è stata quella delle considerazioni di Andrea Romeo, General manager di Festival of festival. "Da trentasette anni - ha detto - siete 'viziati' perché avete un festival che rappresenta un grande livello di eccellenza per la ricaduta e l'immagine che di sé e dell'Umbria fornisce nel mondo. Pur avendo - ha sottolineato - un budget molto inferiore a tanti altri festival più grandi. Siete - ha detto - una delle eccellenze italiane su cui puntare nel futuro". Qualche altro dato in chiusura. Umbria Jazz, quest'anno, ha richiamato 160 tra giornalisti e fotografi accreditati, con presenze anche da Stati Uniti, Giappone, Serbia, Gran Bretagna, Francia, Svizzera, Germania e Turchia. Anche Musica Jazz prestigiosa testata giornalistica, per la prima volta al festival con il suo Daily Jazz Magazine di grandissimo successo, ha contribuito insieme agli altri partner a creare un sistema integrato di comunicazione che ci auguriamo possa diventare per il Festival un importante punto di riferimento Come ormai ogni anno anche il sito conferma l'attenzione per l'evento che solo nei 10 giorni della manifestazione ha registrato più di 100.000 visite e 380.000 pagine visualizzate. Altissima la percentuale di nuovi visitatori (circa il 67%) e cliccatissima la sezione multimediale Video & Foto con gli highlight dei concerti realizzati da Città in Internet, attraverso il suo staff Eventi WebLive. Anche i social network hanno dimostrato forte interesse, dal canale umbriajazz10 di Youtube alla pagina Facebook. Le prossime date sono quelle di Umbria Jazz Winter #18 ad Orvieto dal 29 dicembre 2010 al 2 gennaio 2011 e Umbria Jazz 11 a Perugia dall'8 al 17 luglio 2011.

Sonny Rollins ha suonato per oltre due ore ad Umbria Jazz
Perugia, 17 luglio 2010

Un passo dopo l'altro, qualcuno ha cominciato a camminare...e poi tutti gli altri! Il popolo dell'Arena ha voluto rendere omaggio così al "saxophone colossus", Sonny Rollins. Proprio in chiusura di concerto, dopo oltre due ore, la gente, che non è riuscita a staccarsi da quell'uomo "antico" capace di suonare ore e ore in piena estate senza perdere una goccia di sudore, l'ha raggiunto sotto il grande palco del Santa Giuliana. Theodore Walter Rollins di Harlem è l'ultimo dei grandi miti viventi del jazz, il sette settembre compirà ottant'anni. E' consapevole che il popolo di Umbria Jazz lo ama e lui ha ricambiato con i mezzi che ha: il suo sax tenore, tante note e tanta disponibilità. A Perugia si è presentato con una band quasi tutta rinnovata, a parte Melbourne Robert Cranshaw al basso, "on stage" c'erano Kobie Watkins alla batteria, Peter Bernstein alla chitarra e Sammy Figueroa alle percussioni. Il quintetto ha suonato davanti a circa quattromila persone per l'unica data italiana di Rollins, un "colpo" del Cavalier Pagnotta! Ma le date, in realtà, anche in Europa non sono state tante, solo tre. A Perugia era arrivato da qualche giorno ed è sembrato sereno e rilassato, estremamente disponibile. Ha addirittura partecipato alla consegna delle lauree honoris causa a Bollani, Arbore e Hernandez. Sul palco suona senza sosta gli adorati calypso come la classica "St. Thomas" oppure la più recente "Global Warming", che testimonia il suo credo ecologista, ma anche ballad asciutte e virili, di cui è stato sempre maestro: temi come "In a sentimental mood" di Ellington, oppure "I'm still looking for you". Da oltre cinquant'anni sulla scena del jazz di lui scriveva così Miles Davis: « Sonny era una leggenda, quasi un Dio per i musicisti più giovani. Molti pensavano che suonasse al livello di Bird. Quello che posso dire io è che ci andava molto vicino. Era un musicista aggressivo e innovativo con sempre nuove idee. Mi piaceva tantissimo come strumentista ed era anche un grande compositore. Ma penso che più tardi Coltrane lo abbia influenzato e gli abbia fatto cambiare stile. Se avesse continuato quello che stava facendo quando lo conobbi, forse sarebbe oggi un musicista anche più grande di quello che è - ed è un grande musicista». Un'ancia formidabile ancor'oggi, un torrente in piena di note per un'improvvisazione "boppista" che ha ricordato a tutti come lui, il Colosso, sia stato un grande innovatore del jazz moderno, sin dagli anni Cinquanta chiunque suonasse un sax tenore voleva farlo come Sonny Rollins. Eppure a vederlo salire sul palco nessuno crederebbe a tutta quella energia: passo incerto, voce un po' flebile, ma poi dieci minuti ininterrotti di assolo, roba da non credere. Lui con il sax tenore in mano ha la magia di fermare il tempo, ha il jazz dentro fino alla più piccola cellula del suo corpo. Rollins è dotato di un bagaglio unico di sicurezza, velocità, swing e spontaneità inventiva. A Perugia, ieri sera, è stato ancora così. Il vecchio leone ora si accinge a partecipare ai grandi festeggiamenti che si annunciano a New York, la sua città, per l'ottantesimo compleanno: concerti, libri, conferenze. Intanto l'America gli ha tributato un grande onore iscrivendolo nella lista esclusiva dei membri dell'American Academy of Arts and Science. Quando lo ha saputo, Sonny ha detto che lo considerava un onore tributato al jazz nel suo insieme.

Pat Metheny: il Suono dell'infinito
Perugia, 16 luglio 2010

Le note del pioniere della Synclavier Guitar, Pat Metheny e del suo "songbook", questo è il nome del tour del grande musicista del Missouri, sono risuonate: era il cielo della notte sopra il Santa Giuliana. Umbria Jazz è stata il palcoscenico scelto dal PMG per raccontare gli oltre trent'anni di storia artistica del suo leader Pat. I brani suonati a Perugia, ma cambiano ad ogni concerto, recano rigorosamente la firma di Metheny. Da "Phase Dance" ad "Have you heard", da "The bat" a "James". Tutto per il suono dell'infinito. Sul palco anche – e scusate se è poco – Lyle Mays alle tastiere, membro fondatore del gruppo originario, Steve Rodby al contrabbasso e, ultimo arrivato, il messicano Antonio Sanchez alla batteria.

Il Pat Metheny Group di ieri sera è stato praticamente praticamente perfetto. New age, rock, world music, colorati da suggestioni multietniche e aromi latini. Tutto questo con un Metheny che tiene la scena utilizzando un arsenale di chitarre su cui svetta - ed è sempre una magia ascoltarla - la "Picasso guitar" con le sue 42 corde. Questione di gusti, direte voi, ma le autocelebrazioni sono pur sempre autocelebrazioni e riascoltare un repertorio conosciuto può sapere di stantio. Non è così! L'acme la si tocca, non solo con la 42 corde, ma anche nei momenti in cui Pat imbraccia la sua Ovation. Ogni singola nota – un po' soffice e un po' percossa – rappresenta la perfezione.

"Travels", "Proof" e poi "Jaco", i brani "scivolano" via uno sull'altro, e si susseguono come i fotogrammi della storia di Patrick Bruce Metheny. Anche se in formazione ridotta, quello che si ascolta è il suono del Pat Metheny Group e di nessun altro. Il gruppo ha sviluppato negli anni uno stile decisamente riconoscibile, fatto di dense orchestrazioni spesso unite al contrappunto classico e molto ibridato dalla world music, in special modo quella sudamericana.

La serata all'Arena era però cominciata in modo assolutamente singolare. Renzo Arbore, Stefano Bollani e Horacio "el negro" Hernandez, in occasione del 25ennale dei seminari estivi del Berklee College Of Music di Perugia hanno ricevuto tre lauree ad honorem, tutto questo alla presenza del "Colosso" del sassofono, Sonny Rollins.

 

Il grande Jazz: Chick Corea e la Freedom Band
Perugia, 15 luglio 2010

Be bop, hard bop e swing, con formule di improvvisazione a volte contrappuntistiche con un effetto ad "interplay" davvero formidabile, il tutto - a volte - condito con lunghe frasi all'unisono tanto care ad Armando "Chick" Corea. Il pianista di Chelsea ha suonato ieri sera con un quartetto di "all star", prendendo per mano il pubblico di Umbria Jazz e guidandolo - finalmente - nel cuore pulsante della musica nera. La sua Freedom band, è composta dal batterista Roy Haynes - l'unico musicista al mondo ancora vivente che ha suonato con Charlie "the bird" Parker - dal contrabbasista Christian Mcbride e dall'alto saxophone, Kenny Garrett. Un'ora di grande jazz spaziando tra i grandi brandi di Thelonius Monk, tipo "Monk's dream", e classici come "A Nightingale sang in Berkeley square". Proprio Garett ha dato al gruppo quella venatura free con frequenti passaggi dodecafonici o a matrice, per lo meno, harboppista, forte dell'indubbia influenza che ha avuto su di lui Miles Davis con il quale ha suonato per tanti anni.  Corea ha dimostrato grande lirismo anche nei brani firmati da Bud Powell, come ad esempio "Bouncing with Bud". Prima della Freedom Band, sul palco, ha suonato Julian Lage con il suo gruppo. "Enfant prodige", giovanissimo con la chitarra duettava con Carlos Santana, ci è però apparso ancora molto acerbo. Quando tredici anni fa il giovane chitarrista originario di San Francisco muoveva i primi passi nel mondo musicale si parlava di lui come un prodigio, e in breve iniziarono ad arrivare oltre al successo anche le offerte di contratto di numerose case discografiche. Lage rifiuta, e decide di lavorare come side man con Gary Burton e collaborare con il pianista contemporaneo Taylor Eigsti. Il suo è uno stile unico che mixa blues, musica classica, folk e jazz ed è, forse, proprio questa indecisione su quale stile scegliere che ancora non lo rendono adatto a platee come quelle dell'Arena Santa Giuliana. Godibili, in ogni caso, brani come "Margaret" e "Cocoon", ma anche "Odeto Elin" e "Butter eggs". Intanto, oggi, il sindaco di Perugia, Wladimiro Boccali ha ricevuto a Palazzo dei Priori il preside del Berklee College of music di Boston, Roger Brown, che era accompagnato dal direttore artistico, nonché presidente dell'Associazione Umbria Jazz Clinics, Carlo Pagnotta. Brown è il terzo presidente del college americano, fondato nel 1945. Si trova a Perugia perché quest'anno viene celebrato il venticinquesimo anniversario dei seminari che la prestigiosa istituzione di Boston tiene in concomitanza con il festival. L'anniversario sarà solennizzato questa sera con il conferimento di una laurea ad honorem a Renzo Arbore, presidente della Fondazione Umbria Jazz.

Umbria Jazz con The Manhattan Transfer, Randy Crawford e la piccola "Grande" Yanofsky
Perugia, 13 luglio 2010

La voce umana resta il migliore tra gli strumenti musicali! Ha un suo filo diretto con l'anima più profonda dell'artista, capace di raccontare emozioni, sogni e silenzi della vita di un cantante. Ad Umbria Jazz il programma di ieri sera ha offerto proprio questo. I Manhattan Transfer gigante tra i gruppi vocali bianchi della storia del jazz, ha riservato anche una piacevolissima sorpresa. In chiusura una jam session con Chick Corea che con il celebre quartetto ha suonato "Free samba". Non è una novità diranno i più esperti visto che l'ultimo cd dei TMT è proprio dedicato ai brani del grande pianista. Ma sentirli insieme è un evento ed anche questo è Umbria Jazz. Vocalità' di classe con i quattro MT ed un programma che ricicla per il canto un repertorio che dire eclettico è poco passando da Count Basie a Miles Davis (un rifacimento di Tutu) dal r&b alla fusion degli Spyro Gyra e naturalmente ai brani identitari del gruppo come Brazil o Birdland. La sorpresa positiva è stata una Randy Crawford strepitosa, accompagnata impeccabilmente dal trio di Joe Sample. Performance asciutta, rigorosa ma emotivamente coinvolgente la sua, onorata da una voce che ha pochi eguali e che talvolta in passato è stata messa a rischio da problemi ed eccessi. Ha cantato Street life, tormentone tv sotto forma di spot di un aperitivo, ma anche una versione splendida di Everybody's talking. Probabilmente ad una prestazione così limpida non è estranea la saggia mano di Sample. Ma evento tra gli eventi la rivelazione del jazz. Una ragazzina di 16 anni Nikki Yanofsky. Lei studia alla scuola St. George di Montreal e canta jazz. Il mondo l'ha vista in tv perché ha partecipato alle cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi invernali di Vancouver. Il più ridotto microcosmo del jazz si è accorto di lei per la partecipazione ad un disco celebrativo di Ella Fitzgerald. Nikki aveva 13 anni ed è quindi detentrice del primato della più giovane jazz singer fatta incidere dalla Verve. A 16 anni si può amare il jazz dei tempi andati e Nikki è senza dubbio una vocalist assolutamente tradizionale sia per il repertorio che per il modo di cantare. Il suo riferimento è la storia che però ripercorre con la freschezza dei 16 anni. Sul palco ha l'aspetto da teenager alla festa del liceo ed una voce argentina che denuncia l'età.

Il "Bass Popping" del maestro Marcus Miller, in un tributo a Miles Davis con "Tutu Revisited", ma c'è dell'altro
Perugia, 12 luglio 2010

I mondiali di calcio, oltre non portare fortuna all'Italia, si sono messi di traverso anche rispetto al programma di Umbria Jazz. Gli organizzatori, però, hanno saputo reagire d'astuzia. Un maxi schermo e, nel cambio palco tra i concerti dell'East Park reggae Collective e del bassista statunitense, Marcus Miller, chi ha voluto ha potuto persino seguire la parte finale dei campionati del mondo. Il bassista newyorkese ha dedicato il suo "Tutu revisited, the music of Miles Davis", al grande e indimenticato trombettista di Alton. L'album fu dedicato allora, da Miles, all'arcivescovo di Pretoria, Desmond Tutu. Alla realizzazione di quello che viene considerato una sorta di manifesto del techno-jazz, Miller partecipò anche nelle vesti di compositore e produttore, offrendo un contributo sostanziale alla riuscita dell'album. Oggi, a distanza di oltre vent'anni, il musicista di Brooklyn ha riproposto all'Arena Santa Giuliana, in chiave personale, alcuni brani di quell'ormai storico disco, a cominciare dalla "title track" e proseguendo con altri gioielli come "Portia" e "Splatch". Ad accompagnare Marcus Miller c'erano; Sean Jones alla tromba, Alex Han al sax, Federico Gonzalez Pena alle tastiere e Louis Cato alla batteria. Miller va annoverato tra i grandissimi del basso elettrico, insieme a Stanley Clarke e Jaco Pastorius. Vincitore di numerosi Grammy Award é considerato uno dei maestri del funk, per il suo stile personale di suonare il basso, soprannominato con l'appellativo di 'the superman of soul'. Miller confezionò (nel 1986) un prodotto da Grammy (infatti lo vinse l'anno seguente). Il remake presenta la stessa cura, ma naturalmente bisogna superare il disagio di sentire un altro trombettista "nel ruolo" di Miles Davis. Il suono di Sean Jones, in particolare con la sordina, è il suono di uno che Davis lo ha studiato bene. Quello che proprio Jones non può fare è la maestosa gestione dei silenzi che nelle frasi di Miles erano pura musica. Il resto funziona, e quando Miller si concede un assolo di basso si capisce perchè viene considerato un caposcuola del genere ed un innovatore dello strumento.

Umbria Jazz, oltre che su Marcus Miller, ha acceso i riflettori su un altro personaggio importante del jazz moderno: Manfred Eicher. Eicher è il guru della ECM, etichetta discografica tedesca diventata oggetto di culto. Questa mattina durante una sua conversazione con il critico americano Gary Giddings, in attesa di dare il via al ciclo di sei concerti che Umbria Jazz gli ha dedicato, Eicher ha parlato della sua visione della musica, perfettamente tradotta nel "fenomeno Ecm", per il quale fu coniato il suggestivo slogan "il più bel suono dopo il silenzio". Registrazioni allo stato dell'arte, copertine degne di una sontuosa mostra fotografica, ma soprattutto alcuni dei nomi e degli episodi fondamentali nel jazz degli ultimi 40 anni, da Keith Jarrett a Bill Frisell, da John Surman a Jan Garbarek, da Chick Corea a Pat Metheny. Una lunga storia, quella di Eicher: musicista classico a Berlino con Von Karajan, la passione per il jazz dopo aver ascoltato Paul Chambers, la decisione di realizzare un lp di Mal Waldron (a proposito, la ECM è tornata a produrre vinili), il primo di oltre mille. Una carriera suggellata da una infinita serie di riconoscimenti. Più volte Eicher è stato eletto produttore dell'anno dal referendum dei critici della prestigiosa rivista americana Down Beat.

Ad Umbria Jazz il tributo a Django Reinhardt, il principe gitano della chitarra
Perugia, 11 luglio 2010

Cento anni dalla nascita del chitarrista Django David Reinhardt ed Umbria Jazz non poteva non ricordare il leggendario principe gitano della chitarra. Era nato in una roulotte il 23 gennaio di cento anni fa, una fredda notte invernale di Liberchies, in Belgio. Era lì che, pochi giorni prima, un gruppo di gitani avevano fermato la sua carovana. Ma anche quando divenne una star del jazz, all'apice della sua gloria, il genio zigano Django Reinhardt continuò a snobbare i confort e a rientrare tutte le sere nella sua roulotte. Nel cartellone di Umbria Jazz c'è un ciclo di concerti dedicato alla sua memoria, a Perugia c'è David Reinhardt, nipote di Django e figlio di Babik, anche lui chitarrista. Il mondo del jazz ricorda in questi giorni il centenario della nascita di colui che fu il padre del gipsy jazz, il primo ad avere l'idea di accostare gli accordi del jazz con i ritmi della tradizione gitana. Il solo europeo che seppe affermarsi tra tanti americani, Miles Davis, Duke Ellington, Count Basie o ancora il grande Louis Armstrong. Ma per i francesi in particolare fu il padre del "french jazz". Perché è oltralpe che Django creò il suo swing originale, allegro, fatto di improvvisazione e ritmiche dolci per una carriera assolutamente folgorante. Sono passati 100 anni da allora ma oggi il jazz di Django torna terribilmente di moda e in Francia sta alimentando una nuova generazione di giovani musicisti. I festival moltiplicano gli omaggi. Il ciclo, ad Umbria Jazz 2010, continuerà con il violinista Florin Niculescu, e gli altri chitarristi Christian Escoude' e Bireli Lagrene, per terminare con il trio dei cugini Rosenberg, forse oggi i principali rappresentanti del genere. In questo caso, il dna conta. David, di scena domenica pomeriggio, con replica lunedì, guida un trio con una seconda chitarra, Richard Manetti, ed un contrabbasso, Joan Eche-Puig. E' una formula essenziale e classica che concede grande libertà al solista e lo sostiene con una pulsione ritmica semplice ma solida. La musica è ormai cristallizzata in un cliche' che non consente tante divagazioni, però conserva un suo indubbio fascino perchè affascinante è questa cultura nomade ma ben radicata lungo tutto l'asse trasversale che attraversa la mitteleuropa dai Balcani alla Spagna. David suona la musica inventata dal nonno come se fosse, appunto, uno di famiglia, e del resto aveva sei anni quando si esibiva già con suo padre Babik. C'era anche lui quando a Babik fu assegnato il Django d'Or, il premio più ambito dagli epigoni di Reinhardt. Un genere tutto suo, quello del Chitarrista gitano, dove qualche volta fanno incursione anche temi di Bach, Debussy o Ravel. Django morì il 16 maggio 1953. Quel giorno, Jean Cocteau disse di lui: "Django morto è come una di quelle dolci fiere che muoiono in gabbia. Visse come sogniamo tutti di vivere: in una roulotte". E mentre il mondo del jazz celebra il chitarrista con una serie di omaggi, Parigi gli dedica addirittura una piazza. La piazza, inaugurata dal sindaco di Parigi Bertrand Delanoë, si trova nel nord della capitale, proprio a due passi da dove si tiene ogni settimana il più celebre mercato delle pulci della città, quello della Porta di Clignancourt (XVIII/ème arrondissement), e a poche centinaia di metri da dove, molti anni fa, la famiglia dello stesso Django era solita parcheggiare la sua roulotte.

Incognito, una esplosione di funky. Convince meno Mario Biondi
Perugia, 10 luglio 2010

"Talkin' soul" ha funzionato"! Gli Incognito - gruppo funky a radice multietnica ma britannico di residenza - e Mario Biondi insieme hanno funzionato, eccome! Già da subito si era capito che la band UK non era più quello "scialbo" gruppo di acid jazz ascoltato alla fine degli anni '90 a Perugia, al cinema teatro del Turreno, per l'esattezza. Dal palco del Santa Giuliana - per il concerto serale di apertura - una "valanga" di note e di ritmo. Era quasi impossibile stare sotto lo "stage" giallo nero, tanta era la potenza e la dinamica degli Incognito. Compatti nella sezione ritmica, raffinati in quella dei fiati, ma il gruppo del leader storico, Jean Paul Maunick (chitarrista), si è avvalso di due straordinarie vocalist: Vanessa Haynes e Joy Rose. Molto "elettrica" la prima, a regime "soul gospel" la seconda. Di Maunick i primi tre brani: "Colibri", "Where do we go from here", "Roots" e "Morning sun".

La platea dell'Arena, per altro stracolma, è andata letteralmente in delirio quanto gli Incognito hanno eseguito un brano di Stevie Wonder. Un altro paio di brani - "Get in to my groove" di Maunick e "Low down" di Boz Scages - e poi sul palco è salito Mario Biondi. Il cantante siciliano e il leader del gruppo hanno firmato il primo brano suonato: "Can't get enough". Biondi, ieri sera più che mai, sperimentando la formula del "Talkin' soul" ha tirato fuori la sua anima elettrica. Certo la voce non è quella delle due vocalist del gruppo, ma l'esperimento è decisamente riuscito. Bene anche "Talkin' loud" - acid jazz saggiamente rimaneggiato - come pure "I hear your name" in cui le vecchie radici degli Incognito sono riemerse. In chiusura del Talkin' Biondi ha cantato "No more trouble"...appena ha pronunciato le prime parole del brano, i suoi fan sono andati letteralmente in delirio. Per quanto ci riguarda, invece, abbiamo cominciato a sentire i primi prodromi di quella che, poi, sarebbe stata una delusione in piena regola. Finito l'esperimento con gli Incognito, dopo una mezz'ora per il "cambio palco", l'attacco ha lasciato tutti un po' perplessi, almeno chi è abituato ad ascoltare Biondi. Le vocalist che erano sul palco hanno "camminato" sulle note - storiche - di "Birdland" di Joe Zawinul. Poi avanti con "Donna Lee" di Charlie Parker, "Spain" di Chick Corea, "Nature boy" di Cole, "Serenity" di Herb Geller, ma anche "Rio de Janeiro Blues" di Haeny John. Tutto bene fin qui, almeno in apparenza, solo qualche sparuto gruppo di "delusi" che si è alzato, ma capite bene che in un parterre come quello del Santa Giuliana, uno nemmeno se ne accorge. Mario Biondi dal palco intona il brano che il mitico Burth Bacharach ha scritto per lui: "Something that was beautiful". Delizioso, come ogni creazione del grande compositore. Poi, qualche cosa si inceppa nella magia che tiene insieme pubblico e artista. La gente comincia a defluire via, lamentandosi: troppo Berry White, Isaac Hayes e Lou Rawls. "Quelli sono il passato", commentavano amari. Eppure Biondi - oramai avvezzo a grandi platee - ha dato il massimo di sé, ma non è bastato. Il pubblico è andato via a partire dalle note di "Be lonely" di Cocote Ranno, affatto attratto dagli altri sette otto brani che il cantante siciliano ha proposto. Insomma, nel parterre dell'Arena erano rimasti gli irriducibili. Chi voleva sentire il funky degli Incognito e chissà quale altra alchimia di Mario Biondi, ha lasciato mestamente il Santa Giuliana.

Per il resto, comunque, partenza in grande "spolvero" all'ex stadio di Perugia. Con un Carlo Pagnotta ancora tra il commosso e il 'musicalmente' entusiasta, invece, per aver organizzato l'ultimo saluto dato ad Alfio Galigani, grande polistrumentista perugino, che se n'è andato proprio nei giorni della inaugurazione del festival. Pagnotta ha fatto arrivare tanti musicisti per suonare l'ultima volta per il Maestro di tutti. Di lui ha scritto questo il presidente del risorto Jazz Club Perugia, Nicola Miriano: "Alfio Galigani è stato una delle mie radici Jazz. Ottimo clarino e sax (soprattutto tenore e baritono). Era uno dei pochi, se non l'unico, fra i Jazzisti perugini ad essersi diplomato al Conservatorio locale. Facendo finta di trasportare gli spartiti, l'ho accompagnato tante volte durante le esibizioni del suo complessino da ballo Hot Gatto Nero (se mal non ricordo: Dell'Aira al contrabbasso, Sandro Poccioli alla batteria, Pierucci al clarino. Gastone Galigani - fratello - alla cornetta, Mimmi Lucantoni al piano) durante qualcuna delle quali, a titolo di mancia ?, mi regalavano uno standard swing, ma soprattutto bebop. Il godimento maggiore era tuttavia durante le prove (qualche volta ottenevano un'ora di ospitalità presso il Circolo del Partito Repubblicano, a Perugia, in Via del Verzaro, dietro al Teatro Morlacchi), quando, ogni tanto, ci scappava una mezza jam session. Dischi Jazz non ne potevo acquistare (ero studente liceale e poi universitario), come invece faceva Carlo Pagnotta che li portava da Bologna dove studiava (si fa per dire?) e quindi, tranne qualche radio estera (in particolare una francese a cura dell'Hot Club de France che trasmetteva molto Django Reinhardt e Stephan Grappelli; ed un'altra proveniente dalle truppe americane in Germania con il programma "For the boys of America" la cui sigla era "Take The A Train", brano eseguito dall'orchestra di Duke Ellington, Alfio ed i suoi amici erano quelli dai quali potevo acquistare elementare conoscenza dell'alfabeto jazz?."

Il funerale di Alfio si è tenuto a suon di Marching band "Coolbone brass band" e della "Perugia Jazz Orchestra", un po' alla maniera di New Orleans, forse proprio come lui avrebbe voluto essere ricordato, tra le note di "When the saints go marching in".

Talkin' Soul, a special night with Mario Biondi & Incognito: al via Umbria Jazz 2010
Perugia, 8 luglio 2010

Umbria Jazz al nastro di partenza. Prende il via domani 9 luglio, con una produzione esclusiva italo-inglese l'edizione 2010 del Festival di musica afroamericana, in programma a Perugia fino al 18 luglio. Sul palco dell'arena Santa Giuliana saliranno Mario Biondi e gli Incognito per un progetto che si intitola Talkin' Soul e andrà in scena solo nel nel capoluogo umbro. La band inglese festeggia 25 anni di carriera e tornano a Perugia dopo l'ultima loro esibizione del 1993. Nel cd in uscita per l'occasione è presente come special guest il vocalist siciliano. Il resto del cartellone dell'arena è riservato, tranne la parentesi di Mark Knopfler, icona della chitarra rock degli anni Ottanta con i Dire Straits, ad una programmazione squisitamente jazz: Sonny Rollins (all'ottantesimo compleanno), Pat Metheny, Herbie Hancock con il suo progetto Imagine, Chick Corea con un quartetto di all stars, Manhattan Transfer, Tony Bennett, Randy Crawford con Joe Sample, Nikki Yanofsky, la giovane jazz singer che aprì le olimpiadi invernali canadesi. Ancora jazz nei teatri, dove si segnalano il ciclo di sei concerti dell'etichetta tedesca ECM (tra gli altri, Bobo Stenson e Louis Sclavis), introdotti da una conversazione con il suo fondatore e proprietario, Manfred Eicher, ed una serie di omaggi all'arte di Django Reinhardt, per il centenario della nascita del grande chitarrista gyspy: jazz gitano a profusione con il trio Rosenberg, Christian Escoudé, Bireli Lagrene, Florin Niculescu, il nipote dello stesso Django.

Il personaggio più atteso è forse la bionda Melody Gardot, da molti considerata la più bella voce emersa negli ultimi anni, ma attenzione anche al quartetto Cedar Walton-Bobby Hutcherson, al trio Ron Carter-Mulgrew Miller-Russell Malone, al quintetto di Roy Hargrove, al duo Tom Harrell-Dado Moroni, al vocalist José James.

Gli italiani costituiscono come al solito una numerosa rappresentanza. Oltre a Enrico Rava e Stefano Bollani, che fanno parte del ciclo ECM, ci saranno Apogeo di Giovanni Tommaso, Rosario Giuliani, Pietro Tonolo, Giovanni Guidi, Gabriele Mirabassi (in duo con il brasiliano André Mehmari), Maria Pia De Vito, Rosario Bonaccorso con Fabrizio Bosso, Renato Sellani, i Funk Off. Una delle proposte più atipiche di Umbria Jazz quest'anno è il Progetto Axé, che mette su un palco 20 ragazzi di Bahia, tra danzatori, musicisti e interpreti di capoeira. A loro è riservato il concerto finale all'arena, gratuito, con una testimonial di eccezione del Progetto in Italia, Fiorella Mannoia, e altri musicisti brasiliani.

La formula del festival prevede altri concerti gratuiti in piazza e nei giardini Carducci, la consueta marching band di New Orleans, musica in tre ristoranti, e le clinics della Berklee di Boston, che festeggiano il venticinquesimo anno di attività a Umbria Jazz con lauree ad honorem, due delle quali a Stefano Bollani e a Renzo Arbore, presidente del festival. Lo stesso Arbore presenterà in anteprima il suo documentario "Da Palermo a New Orleans", sul contributo alla nascita del jazz da parte dei primi musicisti siciliani emigrati in America. Il leader della Original Dixieland Jazz Band, che incise il primo disco jazz in assoluto, era il trombettista Nick La Rocca: suo padre veniva da Salaparuta.






Articoli correlati:
26/11/2017

EFG London Jazz Festival: "Grandi atmosfere per i venticinque anni del prestigioso festival britannico, con ben 350 eventi sviluppati su oltre 60 location..."(Vittorio Pio)

17/11/2017

Roma Jazz Festival: I prossimi concerti della XLI Edizione del Roma Jazz Festival che, con il sottotitolo "Jazz is my religion" omaggia i grandi della storia del Jazz.

04/11/2017

Al via la terza edizione di Giordano in Jazz: Chick Corea Inaugura lunedì 6 novembre poi Carla Bley, Dave Douglas, Steve Swallow, Matthew Withaker e molti altri

03/09/2017

Chick Corea e Bela Fleck: "...una fusione della tradizione folk e classica con il jazz ma la loro è una scelta chiara, quella di esplorare l'inesplorato, un dialogo musicale senza tempo o diversità musicali." (Viviana Falcioni)

20/08/2017

Around Jazz: intervista a Papa Dj: "...la musica è la protagonista principale della nostra comunicazione, riesce ad abbattere barriere politiche, sociali e religiose, un pezzo bello diventa collante tra popoli e culture, questa è la potenza della musica." (Alceste Ayroldi)

23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

09/07/2017

Sì della Camera alla "Legge Umbria Jazz": Il Festival avrà un contributo annuo di 1 milione di euro. La nota del Vice Presidente della Fondazione UJ, Stefano Mazzoni

08/07/2017

LEZIONI (chitarra): Pat Metheny Chromatic System (Jazz Fusion System)

26/06/2017

45esima Edizione del Pescara Jazz: Cresce il numero di date, sale la presenza di big italiani e di giovani. Tra le star Bollani e i Manhattan Transfer.

24/06/2017

Sant'elpidio Jazz Festival,: Per la XVIII Edizione di Sant'elpidio Jazz Festival, Chick Corea & Bela Fleck Duo, Scott Henderson Trio, Greta Panettieri, Musica Nuda e Toquinho

20/06/2017

Annunciati i vincitori del NEA Jazz Master 2018: Todd Barkan, Pat Metheny, Diane Reeves e Joanne Brackeen riceveranno il prestigioso National Endowment For The Arts 2018 Jazz Masters

11/05/2017

Blue Note Jazz Festival 2017 di New York: Pat Metheny, Dr. John, Robert Glasper Experiment, The Isley Brothers, Laura Mvula e molti altri per 100 eventi in 10 differenti teatri e club

24/04/2017

Intervista a Pino Jodice: "...le orchestre sono la massima espressione artistica musicale, umana e sociale; con l'orchestra si crea bellezza, civiltà e cultura, si coltiva l'intelligenza." (Marco Losavio)

05/02/2017

Quegli anomali discepoli di Thelonious : "Monk non solo era consapevole che quello stava facendo era giusto ma anche di altissimo livello artistico..." (Claudio Angeleri)

07/01/2017

Pat Metheny cita Pasquale Grasso come "il più significativo nuovo chitarrista che abbia ascoltato in molti, molti anni... "

26/12/2016

Tracce sfumate - Non imito Django Reinhardt (Roberto G. Colombo)- Marco Losavio

19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

23/08/2015

Stefano Bollani 4et in Sheik Yer Zappa: "In una delle serate più afose di quest'estate 2015 si è conclusa la tournèe di Bollani con il suo progetto "Sheik yer Zappa" nell'ambito di Veneto Jazz." (di Gabriele Prevato)

14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

26/02/2015

LEZIONI (Trascrizioni): Out of Nowhere - Charlie Parker. Seduta del 4 novembre 1947 insieme a Miles Davis, Max Roach, Duke Jordan e Tommy Potter (Paolo Mannelli)

11/01/2015

Intervista a Paolo Fazioli: "Pezzi unici, accurata scelta dei materiali, tanta ricerca e esperimenti: Paolo Fazioli, a Roma per l'inaugurazione della Ciampi Luxury Piano Gallery, ci racconta la sua esperienza." (Nina Molica Franco)

21/09/2014

Umbria Jazz 2014: "In quest'edizione non c'è stato spazio solo per il jazz, ma ogni serata è stata dedicata ad un genere diverso: Funk & Soul Night, Jazz & Brasil Night, Hip hop & Soul Night, New Orleans Night, Piano Night, Ladies night e persino una serata solo per la dance music." (Giusy Casanova)

21/09/2014

Franco Cerri meets Umbria Jazz Clinics 2014: "Il racconto del chitarrista italiano ha incantato gli studenti per la semplicità di comunicazione da lui utilizzata, nonostante la sua grandezza artistica, ma soprattutto perchè ambientato in un periodo lontano da noi, pre e post seconda guerra mondiale..." (Giusy Casanova)

31/08/2014

Stefano Bollani e Hamilton De Holanda: "Due grandi talenti quindi per un concerto che ha immerso il pubblico in un mondo di leggerezza, di romanticismo e di espressività pervaso comunque dal grande virtuosismo dei due artisti." (Nina Molica Franco)

17/08/2014

Herbie Hancock e Wayne Shorter: "Un concerto costruito su un doppio binario in cui Hancock è riuscito a fare qualcosa di interessante grazie alla sua immensa tecnica, mentre Shorter dal canto suo è apparso non particolarmente in forma." (Nina Molica Franco)

20/07/2014

Il jazz frontiera - orizzonte: "Quali sono le frontiere del jazz oggi? Io mi sono sempre chiesto se il jazz non sia, piuttosto che una frontiera, un orizzonte: non qualcosa che chiude, ma qualcosa che apre..." (Filippo Bianchi)

20/07/2014

Südtirol Jazz Festival 2014: "Dedicato alla Francia, ha consentito di ascoltare una grande quantità di validissimi musicisti d'oltralpe, testimonianza di una scena vivace e artisticamente rilevante." (Vincenzo Fugaldi)

22/06/2014

Pat Metheny Unity Group: "...un modo nuovo per Pat Metheny di forzare qualunque confine esistente nell'universo musicale e creare, insieme allo Unity Group, qualcosa di inedito e che toglie il fiato e obbliga i sensi ad abbandonarsi al piacere." (Nina Molica Franco)

19/05/2014

Blue. Chi ha ucciso il jazz? (Eric Nisenson)- Marco Losavio

07/01/2014

The Framers (Phil Mer, Andrea Lombardini)- Enzo Fugaldi

07/01/2014

Miles on Miles – Incontri con Miles Davis (Paul Maher Jr., Michael K. Dorr)- Marco Losavio

28/12/2013

Evviva l'Italia del Jazz (o Jass che dir si voglia): "Il jazz in televisione e, particolarmente alla RAI, ha subìto una flessione drammatica per anni e anni, sopraffatto da talent e porcherie simili, fino a quando, nel 2011, siamo stati improvvisamente svegliati dal nostro torpore culturale da un barlume..." (Marco Losavio)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

17/11/2013

Newport Jazz Festival - 59ma Edizione: 59ma Edizione di un festival caratterizzato dagli 80 anni di Wayne Shorter e che ha visto sul palco artisti come Chick Corea, Herbie Hancock, Marcus Miller, Esperanza Spalding, Terence Blanchard...(Cristiana Corrado)

27/10/2013

Umbria Jazz Clinics 2013: 16 anni, partecipare con emozione alle Clinics di Umbria Jazz e portarsi dentro qualcosa che costituirà un ricordo tangibile nel tempo. Racconto di un'esperienza attraverso gli occhi dell'allieva Alessandra Caradonio.

27/10/2013

Intervista a Gianluca Pellerito: "...con la batteria cerco di esprimere me stesso. Il suono è l'espressione dell'esecutore. Deve emergere questo. Quando suono rido, guardo i musicisti, ci incitiamo a vicenda, tiriamo fuori un drumming funky - fusion che fa paura, spingiamo tantissimo!" (Daniela Floris)

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

08/09/2013

Chick Corea, Saverio Tasca trio Mediterre: Un Chick Corea a "cordo di idee" che fa anche cantare il pubblico e l'interessante nuovo progetto Mediterre di Saverio Tasca. (Giovanni Greto)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

14/07/2013

Il jazzista suona la sua vita: "...una bella storia è irresistibile e, con un po' di fortuna, sempre più persone vorranno ascoltarla." (Filippo Bianchi)

02/06/2013

Open Jazz Festival d'Ivrea e Canavese 2013 : "...un festival che ha una lunga storia e vuol proseguire e crescere con opzioni ogni volta coraggiose e intriganti." (Gianni Montano)

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

25/04/2013

Scenografie (Jesper Bodilsen)- Alceste Ayroldi

10/02/2013

Irene Grandi, Stefano Bollani: "Il fraseggio di Bollani è ispirato, fluido e intenso, la voce della Grandi crea subito uno stacco, curioso e molto personale." (Valeria Loprieno)

12/01/2013

Bologna Jazz Festival 2012: La 4° dimensione di John Mclaughlin, il ricordo di Massimo Mutti da parte del Chick Corea Trio...(Eugenio Sibona)

02/12/2012

Intervista a Pete LaRoca Sims: Per ricordarlo a pochi giorni dalla sua scomparsa, e mostrare quanto siano attuali le riflessioni di questo grandioso batterista, che ha segnato la storia del jazz. (Antonio Terzo)

01/12/2012

Irene Grandi & Stefano Bollani: "...un'opportunità per suonare con un amico di talento...una sperimentazione per cercare di offrire un'anima diversa." (Gaetano Petronio)

09/09/2012

Chick Corea Stefano Bollani Piano Duo: Concerto di alta qualità musicale e di grande spettacolarità...(Andrea Gaggero)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

01/07/2012

L'"International Jazz Day" proclamato dall'Unesco: "Per la prima volta il jazz ha avuto un riconoscimento planetario: l'Italia aderisce allo spirito di quel lodevole consesso internazionale?" (Filippo Bianchi)

24/06/2012

Marcus Miller - Renaissance, all'Auditorium Parco della Musica. Il celebre bassista di Brooklyn, nel segno di Miles, si contorna di giovani straordinarie menti creative inserendo così una nuova linfa propulsiva alla musica e alle composizioni. (Daniele Camerlengo)

08/04/2012

Roy-Alty (Roy Haynes) - Alceste Ayroldi

18/03/2012

LEZIONI (Trascrizioni): "Blues for Pat", solo di Joshua Redman nel "Live in San Francisco" (Gaetano Cristofaro)

10/03/2012

un vero e proprio debutto quasi trionfale per ue personaggi così diversi per carattere e storia personale, in grado di "funzionare" come coppia anomala e per questo intrigante. (Gianni Montano)

28/01/2012

LEZIONI (Articoli): Il ruolo del walking bass nel Jazz modale - Paul Chambers in "So what". (Giuseppe Canale)

16/01/2012

Orvieto (Chick Corea / Stefano Bollani) - Alceste Ayroldi

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

26/12/2011

Una speciale guida di New York City seguendo la carriera di Sonny Rollins: da un articolo del New York Post, Sonny "Colossus" Rollins delinea un percorso di mete nella Grande Mela che rappresentano punti salienti della sua carriera e, di conseguenza, della Storia del Jazz.

18/12/2011

Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)

29/10/2011

Stefano Bollani Piano Solo: "Musicista dal talento smisurato e dalla curiosità intellettuale ampia, nello spazio di due ore di concerto ci accompagna, novello Virgilio travestito da Arlecchino, in un viaggio tra le musiche del mondo lette attraverso la propria caleidoscopica lente interpretativa." (Andrea Gaggero)

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

10/09/2011

IX Edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Apertura con Angiuli-Di Turi-Angiuli, Attolini J.E.P. Quartet e la Municipale Balcanica, poi Stefano Di Battista "Woman's Land", Pino Mazzarano - Gianni Lenoci, la giovane Orchestra del Saint Louis e Stefano Bollani con i suoi Visionari: "...un festival dove la qualità della musica, unita ad una oramai altissima e collaudata cura organizzativa, lo portano ad essere una delle rassegne maggiormente rappresentative della regione Puglia." (Marco Losavio)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

18/08/2011

Miles Davis. Il sound del futuro (Guido Michelone)- Franco Bergoglio

04/07/2011

Young Jazz 2011: "Young Jazz si conferma una delle realtà più interessanti del panorama dei festival jazz italiani, grazie non solo alle felici scelte della direzione artistica affidata anche quest'anno a Gianluca Petrella, ma anche al profondo radicamento nel territorio, che coinvolge oltre alla città di Foligno altre vicine incantevoli località offrendo visite guidate a musei e monumenti di eccezionale bellezza, e da quest'anno una sezione speciale denominata Jazz Community, dedicata ai bambini, agli anziani e ai disabili." (di Vincenzo Fugaldi)

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

08/05/2011

Bergamo Jazz - March'In Jazz - XXXIII Edizione: Bollani, Pieranunzi, Corea, Burton, Landgren, Klee, Gil, Albora Trio: "Il meglio del jazz parte sempre da Bergamo che manda agli archivi l'ultima edizione firmata artisticamente da Paolo Fresu con un ottimo riscontro in termine di gradimento e partecipazione. La prossima edizione vedrà la direzione artistica di Enrico Rava" (di Vittorio Pio)

26/02/2011

Intervista a Marcus Miller durante l'ultima tappa del tour "Tutu Rivisited", omaggio a Miles Davis, al Blue Note di Milano (Eva Simontacchi)

06/02/2011

Sempre tutto esaurito al Blue Note di Tokyo per i trii di Vincent Gallo e del settantenne Chick Corea (Giovanni Greto)

01/01/2011

L'Orchestra Sinfonica Siciliana diretta da Donato Renzetti con Stefano Bollani esegue brani di Gershwin: "Una performance brillante, un'esibizione molto attesa, come confermato dal "tutto esaurito" registrato non soltanto per i due appuntamenti programmati, ma pure dalla prova aperta del mattino." (Antonio Terzo)

19/12/2010

Bitches Brew 40th Anniversary Deluxe Edition Box (Miles Davis)- Vittorio Pio

20/11/2010

Intervista con Jean Paul "Bluey" Maunick - Incognito: "Le influenze sono ovunque, ma una cosa che differenzia chi scrive canzoni da altre forme di scrittura è che noi abbiamo questa particolarità per cui la canzone diventa la colonna sonora delle vite di altre persone. Dunque ciò che metti attorno alle parole, le stesse parole creano un collegamento con qualcuno, ma quando ascoltano la melodia, il suono, già alla prima nota la canzone è riconoscibile..." (Eva Simontacchi)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

10/10/2010

Chick Corea, Miroslav Vitous, Roy Haynes in "Now He Sings, Now He Sobs" al Festival Internazionale del Jazz della Spezia: "Magnifico interplay, a distanza di anni il trio ha confermato tutta la freschezza che si poteva apprezzare nel disco d'esordio. Il concerto è stato uno splendido crescendo...Incredibile il senso melodico che Corea riesce a dare ogni volta ai suoi assoli e la tranquillità con cui li esegue, con un perfetto timing." (Massimiliano Farinetti)

04/10/2010

Djangologists (The Rosenberg Trio feat. Birelì Lagrene) - Gianluca Caruso

18/09/2010

Bollani, Gershwin e Chailly: il trio delle meraviglie! Intervista esclusiva a Stefano Bollani in occasione dell'uscita dell'album per la Decca, "Rhapsody in Blue", inciso insieme al Maestro Riccardo Chailly alla direzione della Gewandhaus Orchestra di Lipsia: "Io e Riccardo ci siamo visti molte volte prima di incontrarci a Lipsia. Giunti in studio abbiamo lavorato per una settimana intera con dei ritmi che non conoscevo. Dopo due o tre giorni sono entrato nel loro mood, lavorando duramente senza distrazioni sette ore al giorno..." (Gianmichele Taormina)

28/08/2010

Venezia Jazz Festival 2010: In alcuni degli scenari più suggestivi al mondo, come Piazza san Marco, si sono alternati l'acclamatissimo Pat Metheny Group, la dolce e accattivante melodiosità di Norah Jones, le impeccabili dinamiche del Duck Baker trio, la tecnica strepitosa di Yamandù Costa, la sorprendente padronanza di Esperanza Spalding, l'intenso e spettacolare Paco De Lucia, la musica e la poetica di Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura nell'omaggio a Hugo Pratt sulle immagini di Pino Ninfa. (Giovanni Greto)

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

22/08/2010

Il Birèli Lagrène Gipsy trio ad Jazz Ascona 2010: "Di straordinaria bravura, rievoca nei suoni e nella poderosa tecnica l'anima di Django, lo rende moderno adottandone lo stile sia negli standards che nei brani pop, alternando frasi a ritmiche tipicamente jazz; tutto ciò, unito a notevole duttilità e senso del ritmo, rende la sua musica particolarmente fruibile, intuitiva ed attraente." (Franco Donaggio)

01/08/2010

Pat Metheny Group "The Songbook Tour" nella calda Cavea dell'Auditorium Parco della Musica a Roma: "Il quartetto parte in sordina, fatta eccezione per Lyle Mays e Antonio Sanchez in grande spolvero fin dalle prime battute. Si avverte una sensibile mancanza di interplay, di empatia...non convince la proposta apparsa piuttosto raffazzonata e palesemente "estiva", più voluta dagli astuti manager che dallo stesso quartetto." (Alceste Ayroldi)

25/07/2010

Due week end ad Umbria Jazz: viaggio per parole ed immagini. Daniela Crevena e Daniela Floris, "l'una fotografando l'altra prendendo spasmodicamente appunti durante ore e ore di musica dal vivo", raccontano due week end ad Umbria Jazz: "Sono stati due week end in cui abbiamo viaggiato tra grandi nomi all'Arena Santa Giuliana, incredibili batteristi, pianisti, sassofonisti, trombettisti, straordinarie voci femminili e personaggi leggendari come Sonny Rollins e Ron Carter, che sono il jazz e che hanno talmente emozionato con la loro musica da farci uscire anche qualche lacrima..." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

25/07/2010

A Night in Montecarlo (Marcus Miller)- Roberto Biasco

26/06/2010

Gipsy Trio (Biréli Lagrène)- Giovanni Greto

06/06/2010

Non Sono io (Musiche di Luigi Tenco) (Tiziana Ghiglioni)- Gianni B. Montano

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

26/04/2010

Live At Music City 1955 & More (Clifford Brown) - Alceste Ayroldi

25/04/2010

Bireli Lagrene per Veneto Jazz Winter: "...si sperava che il concerto prendesse lentamente, ma gradualmente piede. Invece, fermo restando la sua indubbia bravura e la capacità di suonare in souplesse a qualunque metronomo, la scintilla non scoccava." (Giovanni Greto)

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

10/04/2010

Portrait in Blue (Stefano Bollani)- Enzo Fugaldi

27/03/2010

Pat Metheny "Orchestrion". L'Alchimista dei suoni - Il magico mondo di Metheny. "Sorride, felice come un bambino. Guadagna il palco con piede veloce, come chi non vede l'ora di incominciare a giocare. Pat Metheny è in ottima forma fisica, con il volto radioso come da qualche tempo non s'avvertiva...non una sperimentazione, ma soprattutto un divertissement che ha voluto condividere con il suo pubblico". (Alceste Ayroldi)

27/03/2010

L'Orchestrion Project di Pat Metheny ovvero "la necessità di esplorare nuovi linguaggi, nuove grammatiche elettroniche in armonia con il suo antico desiderio di rivisitare quella particolarissima tradizione musicale, avendone intuito le potenzialità espressive futuribili, avendone scoperto aree cromatiche differenti, sicuramente contestualizzabili nella verve futuristica che in modo così intenso anima il suo sentire." (Fabrizio Ciccarelli)

25/03/2010

Hal McKusick si racconta. Il jazz degli anni '40-'50 visti da un protagonista forse non così noto, ma presente e determinante come pochi. "Pochi altosassofonisti viventi hanno vissuto e suonato tanto jazz quanto Hal Mckusick. Il suo primo impiego retribuito risale al 1939 all'età di 15 anni. Poi, a partire dal 1943, ha suonato in diverse tra le più interessanti orchestre dell'epoca: Les Brown, Woody Herman, Boyd Reaburn, Claude Thornill e Elliot Lawrence. Ha suonato praticamente con tutti i grandi jazzisti tra i quali Art Farmer, Al Cohn, Bill Evans, Eddie Costa, Paul Chambers, Connie Kay, Barry Galbraith e John Coltrane." (Marc Myers)

13/02/2010

Tokyo Day Trip (Pat Metheny) - Fabrizio Ciccarelli

23/01/2010

Happy Birthday Django! 23 gennaio 2010: centenario della nascita di Django Reinhardt, il più grande e innovativo chitarrista jazz di tutti i tempi: "Il jazz è americano, ma la musica non ha patria. E il jazz è musica. Noi suoniamo un tipo di jazz che è in stretti rapporti con la cultura europea, ma è sempre jazz. Perchè il jazz ha regole espressive da cui non si può derogare - Django" (M. Losavio).

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

06/01/2010

Bitches brew. Genesi del capolavoro di Miles Davis (Merlin Enrico - Rizzardi Veniero)- Franco Bergoglio

02/01/2010

Falando De Amor (Stefano Bollani Trio) - Alceste Ayroldi

20/12/2009

European Jazz Expo. International Talent Showcase. "L'imperdibile appuntamento cagliaritano, in un novembre piacevolmente scaldato dal sole, presentava come ormai ogni anno dal 2004 i suoi numeri da sogno, con 9 sale, oltre 200 artisti coinvolti per più di 50 concerti, con il consueto grande e meritato successo di pubblico." (Enzo Fugaldi)

13/12/2009

The Complete Columbia Album Collection (Miles Davis)- Vittorio Pio

14/11/2009

Sonny Rollins all'Auditorium di Roma: "...annuncia i propri ingressi con un senso della struttura formalmente perfetto, vigoroso, smarrito nel calore e nell'immediatezza dell'istante, in un pathos che non conosce né fraseggi declamatori né saccenti passi virtuosistici, ma solo passione e senso del divertissement." (Fabrizio Ciccarelli)

05/11/2009

Chick Corea, Roy Haynes e George Benson al Pescara Jazz Festival 2009: "Il festival pescarese compie quaranta anni tra mille affanni con un cartellone di tutto rispetto che lo rende festival "principe" dell'area centro sud, in buona compagnia con la lunga kermesse umbra, dalla quale attinge con soddisfazione. Un sodalizio empatico che vede anche dividere la presenza della band pop Simply Red, qui chiamata ad offrire una sorta di anteprima del festival abruzzese, il cui cartellone "audiotattile" si è snodato serratamente a distanza di pochi giorni."

01/11/2009

Stone in The Water (Stefano Bollani) - Alceste Ayroldi

25/10/2009

50 eventi in 15 comuni. E' il 10° anniversario di Ubi Jazz in cui sono tornati sul palco alcuni dei musicisti che hanno fatto la storia della rassegna come Stefano Bollani, Brian Auger, Hamid Drake oltre ad un duo "rumoroso" come il "Traveling through time" di Giovanni Hidalgo & Horacio "El Negro" Hernandez. (Giovanni Greto)

25/10/2009

Herbie Hancock e Lang Lang a Verona Jazz 2009: "Quando un concerto viene propagandato come un evento imperdibile, in grado di regalare sorprese e colpi di scena, se si cede alle lusinghe di ciò che si legge e si decide di assistere allo spettacolo, spesso si rimane delusi...è mancata l'imprevedibilità, che incuriosisce e può creare un legame forte tra chi esegue e chi ascolta." (Giovanni Greto)

12/09/2009

La Touche Manouche (Salvatore Russo feat. Stochelo Rosenberg) - Marco Losavio

25/08/2009

Italian Lessons (Mirko Guerrini) - Dario Gentili

20/08/2009

Miles live e in studio (Richard Cook)- Franco Bergoglio

17/08/2009

Fireworks for Stefano Bollani & Chick Corea. Gran pubblico per l'evento jazz dell'estate con due giganti del pianoforte contemporaneo incontratisi sul palcoscenico del Ravello Festival. (Olga Chieffi)

09/08/2009

Mario Biondi and Duke Ensemble, nella Cavea dell'Auditorium di Roma, per Save the Children, ha mostrato come nelle sue corde ci sia qualcosa di...inaspettatamente Jazz... (Fabrizio Ciccarelli)

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

20/07/2009

Dall'8 al 30 maggio si è tenuta a Cagliari la 12a edizione della Rassegna "Forma e Poesia nel Jazz". Jazz: come dalla forma può scaturire la poesia. Chiacchierata con Nicola Spiga sulla rassegna jazz di primavera. (di Viviana Maxia)

11/04/2009

Intervista a Stefano Bollani: "...il jazz nasce all'origine come contaminazione, quindi perché scandalizzarsi tanto delle varie collaborazioni e incroci che nascono. Sinceramente non capisco i puristi nel jazz. Cos'è il jazz puro se non una contraddizione in termini?" (di Viviana Maxia)

28/03/2009

La Five Peace Band di Chick Corea, John McLaughlin, Chris McBride, Vinnie Colaiuta e Kenny Garrett al Teatro Manzoni per Aperitivo in Concerto: "Questi cinque mostri sacri del jazz non hanno prodotto un risultato pari alla somma delle loro rispettive abilità, pur strabiliando, individualmente, per le innegabili ed indiscutibili capacità di ciascuno...." (Rossella De Grande)

14/03/2009

New York Days (Enrico Rava)

08/03/2009

Intervista a Piero Bassini: "Ci sono tutti i presupposti perché il jazz sia ancora una musica di protesta; e questo perché il mondo non è migliorato...Da un lato il jazz ha avuto il riconoscimento culturale che gli spettava, ma dall'altro continua ad essere una musica fondamentalmente libera, una musica che ha in sé, fin dalla sua nascita, la rivendicazione di un diritto di resistenza, anche oggi. Al di là della vicenda storica degli afro-americani, a cui il jazz è comunque legato, questa attitudine alla protesta sopravvive, nonostante tutti i riconoscimenti culturali e accademici che ha ricevuto." (Giuseppe Rubinetti)

25/01/2009

Intervista a Mirko Guerrini: "Negli anni ho dovuto imparare ad analizzare gli errori e le debolezze che inevitabilmente ti porti anche sul palco. Anche perché, man mano che cresce l'esperienza, capisci che devi convivere con l'insoddisfazione. Certo è che suonare con chi è più bravo di te è solo un vantaggio, a condizione di saperne raccogliere i frutti." (Elide Di Duca)

25/01/2009

Herbie Hancock Sextet al Roma Jazz Festival: "La formazione si è mossa abilmente tra esecuzioni acustiche ed elettriche, tra strumenti acustici ed elettrici, a partire dallo stesso Hancock, che si è alternato al pianoforte e al sintetizzatore. Tutti musicisti di altissimo livello internazionale..." (Dario Gentili)

05/01/2009

i 376 scatti di Francesco Truono a Umbria Jazz Winter 2008 - 2009.

03/01/2009

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis su "It could happen to you" da "Relaxin' with the Miles Davis Quintet" (Andrea Sorgini)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)

14/12/2008

Nick The Nightfly e la Montecarlo Nights Orchestra con special guests Sarah Jane Morris, Michael Rosen, Mario Biondi al Blue note di Milano per presentare il cd "The Devil": "Nick the Nightfly ha presentato ogni brano, dialogando con il pubblico e raccontando anche divertenti aneddoti. Una serata molto piacevole e di effetto." (Eva Simontacchi)

10/11/2008

Intervista ad Antonio Calogero: "L'altro significato che, secondo me, si potrebbe dare al termine world music è quella di una musica che, filtrata attraverso la sensibilità del compositore, ingloba influenze che vengono, non dico da ogni parte del mondo, ma da tutte quelle che il musicista ha in qualche modo assimilato in trenta anni di studio." (Giuseppe Mavilla)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

22/09/2008

Godot e altre Storie di Teatro (Ares Tavolazzi)

16/09/2008

Herbie Hancock ad Aosta: "Hancock è un artista che ha sempre affrontato le nuove esperienze musicali con entusiasmo, con gioia e freschezza quasi infantili, caratterizzate da quel suo sorriso realmente divertito mentre suona, quel sorriso di quando aveva poco più di 30 anni, come lo si vedeva anche nel celeberrimo film di Tavernier, Round Midnight. Lo stesso identico sorriso che ha ancora oggi, a 68 anni..." (Rossella Del Grande)

20/08/2008

Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2008: "Nove giorni di festival itinerante in Alto Adige, curati dall'infaticabile Klaus Widmann e da un gruppo di ottimi collaboratori. Musica, spesso ottima; paesaggi e località incantevoli; buona accoglienza, grandi vini e cibi locali. Un insieme delizioso, disturbato solo da alcune fastidiose bizze atmosferiche, che hanno costretto gli organizzatori a spostare alcuni concerti in spazi all'interno." (Enzo Fugaldi)

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

30/07/2008

Bollani "Carioca" e Caetano Veloso: maravilhosa poesia. "Corpo e cuore nel concerto che ha incantato il pubblico dell'Arena Santa Giuliana di Perugia. Stefano Bollani e i componenti del progetto "Carioca" hanno letteralmente elettrizzato i numerosi spettatori mentre Caetano Veloso ha affascinato mettendo insieme poesia e musica." (Enrico Bianchi)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

03/05/2008

Birdland 1951 (Miles Davis)

01/05/2008

Un ricordo di Gene Puerling, uno dei più grandi arrangiatori vcali: "Gene Puerling, leader degli Hi-Lo's e dei Singers Unlimited, grande arrangiatore vocale e innovatore del moderno canto pop e jazz a cappella, è deceduto a 78 anni lo scorso 25 marzo in California. A lui si deve la famosa versione di "A Nightingale Sang In Berkeley Square" incisa dai Manhattan Transfer nell'LP Mecca For Moderns, premiata con il Grammy nel 1982 quale migliore arrangiamento per voci." (Giuppi Paone)

16/04/2008

Chick Corea & Gary Burton all'Auditorium di Roma: "...ciò che colpisce non sono tanto gli assoli, tutto sommato pochi e mai straripanti, bensì il feeling musicale tra i due...pianoforte e vibrafono confluiscono nel tema e si scambiano costantemente i ruoli, a tal punto che la musica scorre fluida, senza soluzione di continuità, come se fosse uno soltanto a suonare." (Dario Gentili)

24/02/2008

Tenco's Jazz, l'anima Jazz della musica di Luigi Tenco: "Il Jazz in fondo ci faceva sentire un po' più nobili. Era uno dei pochi universi in cui ci si potesse riconoscere. Ci serviva per oltrepassare una musica leggera deteriore, impraticabile. Dovevamo per forza individuare un filone nuovo, che in pratica emerse da un miscuglio di jazz e altro..." (Roberto Arcuri)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

29/01/2008

Enrico Rava - Stefano Bollani allo Sheraton Hotel di Bari: "...due artisti che insieme ne creano un terzo, forse proprio quel "terzo uomo" da cui l'album prende nome e connotazione: quel velo musicale che prende sembianze umane e che insieme a Rava e Bollani incanta e stupisce con la forza di una creazione musicale nuova e sincera." (Angelo Ruggiero)

11/01/2008

Stefano Bollani a Stia: "...con Bollani si ha infatti l'impressione di un'inesauribile capacità di sperimentare le infinite possibilità foniche del pianoforte...rispetto al quale la missione dell'esecutore sia quella di attingere ogni nota possibile e immaginabile..." (Alessandro Tempi)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

24/12/2007

Intervista a Nick The Nightfly: ""...bisognerebbe educare la gente a dare più valore alla musica, capire il valore artistico, comprendere che non è un prodotto che puoi prendere gratis...per creare musica ci vuole talento, capacità, ricerca, ci sono molti sogni dietro le canzoni e non è giusto che diventino un qualcosa da poter avere gratis, che la gente si scambia, senza alcun valore..." (M. Losavio, A. Ayroldi)

30/11/2007

Django oltre il mito - la vita non americana al Jazz (Roberto G. Colombo)

10/11/2007

Jazz Club Perugia: Oltre 1200 spettatori nel primo fine settimana al "Jazz d'inverno"...(Marcello Migliosi)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

27/10/2007

Maremma (Raffaello Pareti)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

15/09/2007

Stefano Bollani e Mirko Guerrini a Cagliari: "Superfluo dire che il duo è affiatatissimo, sia nell'esecuzione dei brani che negli sketch, nel teatro si alternano fragorose risa ad attenti silenzi del pubblico intento a seguire le mille note degli 88 tasti mischiarsi col suono sempre caldo del sax. " (Enzo Saba)

04/09/2007

Intervista a Luciano Cantone, fondatore della Schema Records: "Manca la cultura di acquistare la musica, perché la consideriamo oggi secondaria, di contorno e talaltro una parte è anche gratis in internet. Ci siamo trovati di fronte un "gap" generazionale, dove è mancata l'evoluzione paritetica e proporzionale di chi fa musica, la esegue e ne conosce tutti gli aspetti, con chi fa andare le apparecchiature, i softwares e conosce a fondo le nuove tecnologie..." (Alceste Ayroldi)

26/08/2007

Multiculturita Summer Jazz 2007, i concerti di Balducci Ensamble, Funk Off, Rava Quintet, Gino Paoli e il quartetto di Pat Metheny e Brad Mehldau, l'intervista a Pat Metheny: "Capurso capitale pugliese del jazz nell'estate 2007. Non si tratta di un messaggio promozionale volto a promuovere un evento, ma un giusto riconoscimento per chi ha consentito a questo paese, sito nell'hinterland barese, di divenire in così pochi anni uno dei punti di riferimento regionali dal punto di vista musicale..." (Alberto Francavilla - Marco Losavio)

01/08/2007

Intervista a Raffaello Pareti: "La realtà che viviamo è complessa e difficile da capire, per non perdere il contatto con la parte più profonda della mia identità quando la sento in pericolo, cerco di mettermi in una prospettiva che mi allontani dal fuori per poter meglio ascoltare il dentro. Questa sorta di profilassi dell'io provoca delle risonanze ancestrali, in questo senso lo sguardo alle cose lontane mi aiuta a recuperare senso quando non lo trovo nel presente." (M. Losavio - G. Mavilla)

02/07/2007

Diretta da Umbria Jazz. In tempo reale tutti i resoconti e le foto degli eventi della prestigiosa manifestazione. (Marcello Migliosi)

01/07/2007

Stefano Bollani con l’Orchestra Sinfonica della Magna Grecia in "7 motivi per amare Mozart" al Teatro Socrate di Castellana Grotte: "...genio artistico di chi sa conciliare Mozart e jazz, vecchio e nuovo, Europa e America, spartiti ed istinti." (Angelo Ruggiero)

23/06/2007

Mario Biondi 'Handful of Soul', insieme agli High Five Quintet, all'Auditorium di Roma: "Il pubblico romano, come sempre prodigo di applausi, si è lasciato trasportare da un'esibizione trascinante ed estremamente curata sotto il profilo dell'esecuzione." (Luigi Milani)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

23/04/2007

Handuful Of Soul (Mario Biondi)

12/04/2007

"Corpi Liberi in Concerto, teatro e danza su ritmi jazz". In un'anteprima tenutasi per la stampa, un progetto in cui la musica di Bollani, Jarrett, Marcotulli, Mehldau e Petrucciani anima una "inusuale piece di teatro e danza". (Alceste Ayroldi)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

03/03/2007

Stringology (Roberto G. Colombo)

17/02/2007

Lionel Hampton, con tutta la sua energia, insieme alla All Star Big Band e con la partecipazione straordinaria di Dizzy Gillespie, galvanizza il cielo di Perugia nell'edizione 1978 di Umbria Jazz. (Paolo La Farina)

11/02/2007

Intervista a Eddie Gomez: "Tutto ciò che io ho studiato, tutto ciò a cui mi sono interessato, non è stato premeditato. Il mio interesse si è sviluppato col tempo. A 21 anni forse potevo dire di aver appreso qualcosa di questa storia, e di quella e di quell'altra ... Poi, nei miei anni succesivi con Bill Evans, ho appreso ancora di più della tradizione ... e sto ancora imparando..." (Adriana Augenti)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

14/01/2007

Cronaca e riflessioni sul concerto di Herbie Hancock al Jazzfest di Berlino: "...Le dita fluiscono in modo impercettibile e aereo, giocoso e rigoroso al tempo stesso. Questa è magia pura: questa, amici miei, è Musica Musica..." (C. Pustol - G. Aula)

14/01/2007

Possibilities (Herbie Hancock)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

04/01/2007

Un esclusivo reportage attraverso i festival piemontesi: "E' possibile percorrere centinaia di chilometri e ascoltare note di jazz senza uscire da una sola regione del nostro paese: Il Piemonte. Attraverso piccole città, paesi che sono ricordati solo per essere parte di una periferia, paesi che fanno parte di province troppo vaste per essere nominati singolarmente, si può vivere un viaggio a tappe, piacevolmente forzate, per rispondere ad un urgenza: il jazz." (Alessandro Armando)

04/01/2007

Jazz! Brugge jazz festival 2006: "A mezzogiorno in punto alla sala 9 del Groeningemuseum, immersi nella bellezza immortale di opere firmate da René Magritte, Hiëronymus Bosch e Jan van Eyck, tutto è pronto per la terza edizione della biennale del jazz che nella splendida cittadina belga ospita dal 2002 le migliori espressioni della musica europea di origine colta contemporanea." (Gainmichele Taormina)

14/12/2006

Intervista a Rita Marcotulli: "Credo però anche che sia molto importante trovare una propria voce, raccontare la propria storia, non quella di qualcun altro, altrimenti si diventa solo dei grandi interpreti, come gli esecutori di musica classica. Non è poco, perchè non è facile interpretare qualcun altro. Però il jazz non è musica scritta come la musica classica: vale la pena dipingere il quadro di un altro pittore?" (Antonio Terzo)

05/11/2006

A Torino, per Settembre Musica 2006, hanno suonato Richard Galliano, Ralph Towner e, soprattutto, Stefano Bollani che si è esibito per 5 ore di fila insieme a suoi fedelissimi partner oltre ad aver presentato il suo libro "La Sindrome di Brontolo" e il nuovo disco "Piano SOlo" per la ECM... (Alessandro Armando)

05/11/2006

Piano Solo (Stefano Bollani)

29/10/2006

Intervista a Claudio Filippini: "Sono un grande amante del repertorio contemporaneo, quello che va da fine ‘800 in poi, come ad esempio Ravel e Debussy. Poi ovviamente tutta la storia del jazz ha fatto il resto, ma non vorrei tralasciare che sono un fanatico del rock inglese!" (Alberto Francavilla)

24/10/2006

Stefano Bollani, Rita Marcotulli, Andy Sheppard, Bobo Stenson tra i protagonisti del Brugge Jazz 2006 (Thomas Van Der Aa e Nadia Guida)

08/10/2006

Stefano Bollani a Berchidda in un concerto per Quintetto e Caterina: "Bollani pone la qualità narrativa dei suoi brani al servizio del racconto, ma non sfugge mai alla tentazione di improvvisare qualcosa di astruso ... " (Roberto Botta)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

04/09/2006

Un grande concerto alla Carnegie Hall in onore di Toots Thielemans con Herbie Hancock, Oscar Castro-Neves, Eliane Elias, Ivan Lins, Joe Lovano, Paquito D'Rivera...(Roberta E. Zlokower)

02/09/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Last Train Home", il solo di Pat Metheny (Enzo Orefice)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

27/08/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il film 'Round Midnight di Bernard Tavernier ... (Cinzia Villari)

21/08/2006

Chick Corea a Palermo con 'In the Spirit of Mozart tour': "...Corea dimostra molta umiltà e al contempo grande personalità, mettendo al servizio di questa sua nuova visione musicale tutta la sua esperienza di pianista e jazzista." (Antonio Terzo)

16/08/2006

Intervista ad Edmar Castaneda: "Sicuramente non è stato facile emergere, vincere lo scetticismo iniziale anche di molti colleghi, ma alla fine ce l'ho fatta. Per me è stato molto importante, inoltre, suonare in un ambiente stimolante come quello jazzistico, e contemporaneamente poter recuperare le mie origini." (Alberto Francavilla)

13/08/2006

LEZIONI (chitarra): Continua l'analisi dello stile del grande Charlie Christian con un solo su Honeysuckle Rose tratto da una registrazione del 1939 (Pietro Nicosia)

11/08/2006

I visionari (Stefano Bollani (Quintet))

01/08/2006

Live (Biba Band)

23/07/2006

Umbria Jazz 2006: le foto e i concerti del più grande festival internazionale (Marcello Migliosi)

15/07/2006

" La Gente del Jazz" , direttamente da Umbria Jazz 2006, una inconsueta gallery. (Francesco Truono)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

25/06/2006

Musica Nuda 2 (Petra Magoni e Ferruccio Spinetti)

18/06/2006

Sonny Rollins all'Auditorium Parco della Musica: "Sonny Rollins è forse uno di quei pochi che non hanno più rimpianti né speranze e per questo può ancora cantare la gioia." (Daniele Mastrangelo)

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

17/04/2006

Nuova gallery con le foto di Barbara Rigon

16/04/2006

Piano, Piano (Anne Ducros)

09/04/2006

Ottetto di Gianluigi Trovesi + Stefano Bollani al Piacenza Jazz fest: "Il semplice simbolo matematico ha trasformato un dimenticabile lunedì sera in un qualcosa che si deve tentare di raccontare..." (Alessandro Armando)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

11/03/2006

Cafiso, Soweto, Locke...altra gallery di Umbria Jazz Winter (Giorgio Alto)

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

04/03/2006

Musica e politica, oggi?! A colloquio con l'etnomusicologo e sassofonista Jerome Camal, assistente alla Washington University di Saint Louis (Franco Bergoglio)

26/02/2006

Nuova Gallery con le foro di Giuseppe Arcamone

25/02/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Elisa Caldana)

14/02/2006

Eventi Jazz 2005 a Busto Arsizio: "...un plauso all'amministrazione comunale, al direttore artistico, responsabile del jazz club "Art Blakey" e a tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione e al successo di questa bella rassegna itinerante nei cinque teatri cittadini." (Bruno Gianquintieri)

08/02/2006

Le foto di Orvieto Jazz Winter 2005 (Daniela Crevena)

07/02/2006

Una "Italian Jazz Musicians Gallery" a cura di Jos L. Knaepen

28/01/2006

Ira Gitler intervista Sonny Rollins durante l'Annual Conference della IAJE: "Sin da giovane ho creduto ad una forza naturale che ci guida, ho uno spirito religioso, faccio yoga, ciò mi ha aiutato a vivere e a non farmi sopraffare dal materialismo..." (Patrizia Scascitelli)

15/01/2006

Gallery di Edmar Castenada Trio ad Orvieto Winter (Francesco Truono)

03/01/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis sul brano Half Nelson dell'album "The Prince of Darkness" (Marcello Zappatore)

16/12/2005

Nuova gallery con i quadri di Manlio Noto

01/11/2005

La performance del pesarese Odd Times Quintet ha introdotto il concerto di piano solo di Stefano Bollani che, tra scatti ironici e virtuosismo tecnico, ha saputo intrattenere il pubblico rivisitando il grande patrimonio jazz e presentando brani di propria creazione. (Michela Sbaffo)

28/10/2005

Enrico Rava e Pat Metheny Live ad Alghero nella gallery a cura di Fabio Doro.

10/10/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Una grande interpretazione di Joshua Redman sul noto "Tears in Heaven" di Eric Clapton. (Orazio Maugeri)

09/10/2005

Due grandi per Jazz a Juan 2005, Keith Jarrett: "...fluidità, miriadi di delicatissimi accenti ricercati nel più profondo della propria anima, fraseggi vertiginosi che accompagnano e si incanalano verso armonie vibranti..." e Sonny Rollins: "...Magiche sonorità, piene, potenti, tutte di un fiato...esecuzioni magnifiche all'altezza del personaggio, protagonista indiscusso del jazz moderno..." (P. & B. Gianquintieri)

02/10/2005

Marcus Miller, Richard Bona e Dario Deidda: ben tre bassisti si sono alternati sul palco dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005 di Monteroduni, giunto alla sua edizione numero quindici e quest'anno diretto da Gegè Telesforo.(Antonio Terzo)

01/10/2005

Stefano Bollani a Stresa: "...come sua consuetudine, gioca e diverte il suo pubblico al quale si rivolge con battute simpatiche che creano clima e partecipazione. Il pubblico apprezza e ricambia con calorosi applausi..." (Bruno Gianquintieri)

27/09/2005

I concerti dei Chitarristi dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005: Biréli Lagrène, John Abercrombie e Eivind Aarset

21/09/2005

Tornano insieme i Doctor 3 al Morlacchi in occasione di Umbria Jazz 2005: "...delle loro esibizioni dal vivo s'era davvero sentita la mancanza, l'unico commento che sembra opportuno esprimere è un semplicissimo e benaugurante: bentornati!" (Antonio Terzo)

18/09/2005

Il Pat Metheyny Group a Bari: "...Il gruppo, ma soprattutto Pat non si risparmia. Quasi tre ore senza sosta. Tre ore che hanno infiammato e soavemente defatigato il suo pubblico pugliese..." (Alceste Ayroldi)

18/09/2005

"Dall'alto dell'Anfiteatro Romano i due pianoforti, uno di fronte all'altro, sembravano scrutarsi prima di un duello. E sono stati sottili ma violenti, i colpi che Stefano Bollani e Martial Solal si sono scambiati nel concerto-duo che ha chiuso il Vivere Jazz Festival..." (Agnese Fedeli)

16/09/2005

Intervista a Marcus Miller: "...Mi piace ascoltare una grande varietà di generi e stili diversi, e magari prendere un po' qui e un po' là, prendere un po' di tutto per vedere se posso contaminarlo con il jazz..." (Eva Simontacchi)

16/09/2005

Intervista a Francesco Cafiso, l'enfant prodige che vuole crescere: "...Fino ad adesso è stato tutto naturale, senza alcuna forzatura, sia musicalmente che per quanto riguarda la partecipazione ai festival: spero che proceda così..." (Antonio Terzo)

15/09/2005

Silver Rain (Marcus Miller)

09/09/2005

I Mostri Sacri: Oscar Peterson, Jim Hall e Roy Haynes infiammano l'edizione 2005 di Umbria Jazz...(Antonio Terzo)

01/09/2005

Cassandra Wilson e Terence Blanchard a Umbria Jazz 2005: "Fra i concerti più attesi dell'intera rassegna perugina, è stato anche quello più provato dal maltempo ..." (Antonio Terzo)

28/08/2005

"Ciò che la guerra ha distrutto la musica cerca di ricostruire, passando per il linguaggio, universale della musica...della musica nera! Umbria Jazz, balcanic windows against racism ha preso ufficialmente il via a Belgrado" (Marcello Migliosi)

27/08/2005

Tutta dedicata alle voci la giornata dell'11 luglio a Umbria Jazz '05, con un fitto carnet di orari e teatri. Da Lizz Wright a Madeleine Peyroux, da Al Jarreau a George Benson per finire con Peter Cincotti. (Antonio Terzo)

09/08/2005

Il Berklee College Of Music festeggiava quest'anno il suo ventennale di attività all'interno di Umbria Jazz dove dal momento del suo insediamento ha sempre avuto una sua importante funzione.

20/07/2005

Brad Mehldau a Umbria Jazz 2005: "Ormai non nuovo alle soirées perugine, Brad Mehldau riesce comunque ad incantare il pubblico dell'Umbria Jazz, in qualunque combinazione si presenti, in gruppo o da solo..." (Antonio Terzo)

08/07/2005

The best of Blue Note at Umbria Jazz. Con un doppio CD, Umbria Jazz salda la collaborazione con l'etichetta discografica di New York (Marcello Migliosi)

03/07/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Il grande solo di Chick Corea su Spain. (Marcello Zappatore)

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

19/06/2005

Master Class di Marcus Miller al Blue Note: "...il 10 aprile 2005 si è tenuto presso il Blue Note di Milano il Master Class di un'icona del basso elettrico Marcus Miller. Il pomeriggio ha visto riunirsi intorno a questa grande occasione numerosissimi ragazzi e ragazze, la maggior parte con basso alla mano, ansiosi di vedere il nostro musicista all'opera accompagnato dalla propria sezione ritmica..." (Michelangelo Flammia)

03/06/2005

Riedizioni 2005 (Miles Davis)

15/04/2005

Umbria Jazz Winter: "...è il pianoforte a dominare la manifestazione, come può testimoniare anche l'evento jazzistico più significativo del Festival: i Duets di solo piano del 2 gennaio al teatro Mancinelli, con protagonisti Brad Mehldau e Danilo Rea prima e Martial Solal e Stefano Bollani poi..." (Dario Gentili)

09/04/2005

The Way Up (Pat Metheny Group)

23/02/2005

Reverie de Django (Marco Parodi & Les Swing Manouche)

19/01/2005

Intervista a Stefano Bollani: "...è il mondo che è surreale. E qualcuno cerca sempre di farcelo diventare sempre molto reale, molto palpabile. Soprattutto oggi che ci sembra tutto facilmente raggiungibile con la comunicazione..." (Alceste Ayroldi)

29/11/2004

Intervista a Rosa Passos: "...Volevo fare anche io quello che sentivo da Joao. Il caso unito alla mia forza di volontà hanno deciso sul mio futuro di artista e con molta umiltà e ammirazione Joao ha continuato ad ispirarmi..." (Vittorio Pio)

02/11/2004

Umbria Jazz 2004: "Il cartellone firmato per "edizione 2004" dall'immarcescibile direttore artistico Carlo Pagnotta è risultato quindi in perfetta coerenza con il nuovo corso generalista, dettato dalla necessità di riempire anche uno spazio molto grande come quello dell'Arena di Santa Giuliana." (Vittorio Pio)

28/10/2004

Intervista a Anna Maria Jopek. Cantante-Musicista polacca venuta alla ribalta attraverso un interessante lavoro creato insieme a Pat Metheny in cui la Jopek interpreta brani del chitarrista: "...Suonare effettivamente con lui, ascoltarlo interpretare la nostra musica, condividere con lui il palco è stata un'esperienza senza eguali..." (Marco Losavio)

17/10/2004

Enrico Pieranunzi String Project, propone il suo progetto Les Amants inciso per l'Egea nell'ambito di Umbria Jazz 2004: "...Pieranunzi dà tuttavia ancora una volta testimonianza della sua capacità di rendere una raffinata e coinvolgente sintesi fra jazz, senso lirico e coloriture mediterranee con approccio melodico-cameristico che contraddistinguono ormai il suo stile pacato ed intenso al tempo stesso..." (Antonio Terzo)

12/09/2004

Herbie Hancock, Wayne Shorter, Dave Holland, Brian Blade, il super gruppo più atteso dell'estate. Noi lo abbiamo seguito in tre differenti festival proponendo un reportage di quanto visto ed ascoltato. Una band che ha sfoderato una musica innovativa frutto di un'elaborazione ritmico-armonica che potrà probabilmente fare da precursore per il futuro.

04/09/2004

Umbria Jazz 2004, una giornata tipo nella famosa kermesse perugina: "...l'impatto è di quelli che non si dimenticano e l'atmosfera trasuda musica da ogni singola pietra, mattone e sanpietrino del capoluogo umbro..." (Antonio Terzo)

24/07/2004

Live Jazz a Vienne (Bireli Lagrene)

04/04/2004

Enrico Rava Quintet a Busto Arsizio: "...uno dei musicisti italiani più rappresentativi ed apprezzati a livello internazionale...accompagnato da un affiatato e fantasioso quartetto composto da musicisti dotati di originalità e classe..." (Franco Donaggio)

21/03/2004

Kind of Blue - Io & MIles Davis (Quincy Troupe - Ashley Khan)

09/02/2004

Intervista a Stefano Bollani: "...Il primo amore per me è stato Oscar Peterson ... poi mi sono appassionato ad Art Tatum ... e finalmente intorno ai 15 anni mi sono innamorato di Bill Evans..." (Ada Rovatti)

11/01/2004

Stefano Bollania La Palma: "...con l'entusiasmo autentico di un bambino che ti porta per mano a vedere i giocattoli che più ama, Bollani ci accompagna tra le sue grandi passioni in musica, attraversando generi diversi..." (Francesco Lombardo)

19/09/2003

Rendezvous in New York (Chick Corea)

06/09/2003

Pat Metheny con Massimo Manzi e Paolino Dalla Porta: "...il teatro era strapieno e l'idea di sentire il grande chitarrista con due colossi del jazz italiano mi faceva già apprezzare la musica che di lì a poco sarebbe passata attraverso le nostre anime..." (Roberto Rugiolo)

29/08/2003

I concerti di Pat Metheny a Ravenna 2003: "...per Metheny gli stimoli sono stati diversi, e non è escluso che qualcuno dei musicisti incontrati in giro per l'Europa possa fare presto parte di uno dei suoi prossimi progetti." (Vittorio Pio)

29/08/2003

Nove musicisti per Pat Metheny a Ravenna 2003: "...Le sue grandi capacità e le sue doti umane da 'grande' della musica gli hanno permesso di tenere il giogo delle varie situazioni createsi con gli altri musicisti." (Dino Plasmati)

28/08/2003

I seminari di Pat Metheny a Ravenna 2003: "...bisogna riuscire a 'giocare' con il tempo fino ad avere la padronanza giusta per suonare in maniera precisa sul beat, leggermente in anticipo o leggermente indietro." (Ernesto Losavio)

18/08/2003

Bilancio da record per Umbria Jazz 2003, che ha festeggiato i suoi trent'anni con un risultato complessivo di circa centomila presenze e un incasso che è andato ben al di là del milione di euro. (Vittorio Pio)

08/03/2003

LEZIONI (chitarra): IIa parte dell'arrangiamento in fingerstyle di James di Pat Metheny. (Andrea Bonardi)

25/01/2003

LEZIONI (chitarra): Attivata una nuova sezione dedicata al fingerstyle a cura di Andrea Bonardi il quale ci presenta un suo arrangiamento di James di Pat Metheny.

16/09/2002

La 17a edizione di Sant'Anna Arresi, incentra il suo polo attrattivo sull'arte eclettica e mirabolante di un personaggio come Mal Waldron...(Gianmichele Taormina)

22/04/2002

Intervista ad Armando Marçal, uno dei più importanti percussionisti brasiliani, per 10 anni al fianco di Pat Metheny. (Stefano Rossini)

21/08/2001

Nearness of You. Il nuovo CD di Michael Brecker con P. Metheny, J. De Johnette, H. Hancock, C. Haden e J. Taylor.

07/08/2001

John Pizzarelli Trio. Perugia, 20 luglio 2001. L'incontro col chitarrista, le foto, il concerto...

01/08/2001

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 20 luglio 2001

14/10/2000

Waltz For Ruth. Il solo di Path Metheny (chitarra 3)

16/08/2000

Articoli: Schegge di Umbria Jazz 2000

19/07/2000

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 15 luglio 2000

01/07/2000

Io c'ero: Pat Metheny a Bari

29/06/2000

Io c'ero: Pat Metheny a Milano





Video:
Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza - "Sunny" (Eddie Lang Jazz Festival 2013)
"Sunny" performed by Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza during a jam session at Eddie Lang Jazz Festival, XXIII edition 2013...
inserito il 02/11/2013  da HandEye Family - visualizzazioni: 4394
Fragile - Pat Metheny and Friends
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 30/04/2012  da osvaldo manzanero - visualizzazioni: 3373
Esbjörn Svensson Trio - Leverkusener Jazztage (2002, 2005)
Leverkusener Jazztage 2002, , 1. Serenade For The Renegade, 2. Behind The Yashmak, 3. Car Crash, , Leverkusener Jazztage 2005, , 4. When God Created T...
inserito il 14/01/2012  da KizCat - visualizzazioni: 2599
The Miles Davis Story (Sub Ita)
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 18/09/2011  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 3921
Walter Ricci - "I've Got The World In A String" (HD Music Video 21:9 super widescreen)
Walter Ricci live in Isernia (Italy) at Eddie Lang International Jazz Festival 2011http://www.eddielang.org/Walter Ricci, vocalsMichele Di Martino, pi...
inserito il 06/09/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3632
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3645
Frank Vignola Duo & Joscho Stephan Quartet - "Minor Swing" - Eddie Lang Jazz Festival 2011
Minor Swing played by Joscho Stephan quartet w/Frank Vignola & Vinny Raniolo @ Eddie Lang Jazz Festival.http://www.eddielang.org/ Gardens of Pigna...
inserito il 10/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3624
MULTICULTURITA SJF: 14 LUGLIO - STEFANO BOLLANI E I VISIONARI
http://www.capursomap.it/new/15/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-14-luglio-......
inserito il 24/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2916
Miles Davis and Friends in Paris 1991, Title: Jean-Pierre
Miles Davis Band, "La Grande Halle De La Villette", Paris, France, July 10, 1991 ,Miles Davis (tp) Bill Evans (ss) Kenny Garrett, Jackie McL...
inserito il 17/06/2011  da flink2009 - visualizzazioni: 2838
Miles Davis Human Nature (solo Kenny Garrett)
Miles Davis-trumpetKenny Garrett-saxophoneFoley-guitarRicky Wellman-drumsRichard Patterson-bass1991...
inserito il 25/05/2011  da kmpp16 - visualizzazioni: 2913

Jazz Baltica Salzau 2003, the Improvisations about the Svensson-title "Impressions". Absolut fantastic playing from Esbjörn and Pat wit...
inserito il 22/04/2011  da joeblanke - visualizzazioni: 2869
Sonny Rollins Digs Groucho Marx
A conversation with Theodore Walter Rollins, aka Sonny, from December 23, 2010. http://www.sonnyrollins.com...
inserito il 26/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3739
Stepping on stars - Joe Locke Rosario Giuliani Dado Moroni (Egea Records-Umbria Jazz)
Spot nuova uscita discografica 2011 "STEPPING ON STARS" J.LOCKE-R.GIULIANI-D.MORONI(EGEA RECORDS-UMBRIAJAZZ) www.egeamusic.comRegistarto dur...
inserito il 24/12/2010  da EgeaRecordsMusic - visualizzazioni: 4287
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (1 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3058
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (2 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2858
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (3 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 06/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3424
Corea, Berg, Gomez, Gadd - Sicily
1992 Lugano...
inserito il 04/12/2010  da darominu - visualizzazioni: 2444
Rosenberg Trio feat. Birèli Lagréne - "Double Jeu" Live @ Pescara Jazz 2010 (HD video)
The Rosenberg Trio with Birèli Lagréne @ Pescara Jazz 2010 celebrating the 100th anniversary of Django Reinhardt's birth....
inserito il 01/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3747
Rosenberg Trio feat. Birèli Lagréne - "Flamingo" Live @ Pescara Jazz 2010 (HD video)
The Rosenberg Trio with Birèli Lagréne @ Pescara Jazz 2010 celebrating the 100th anniversary of Django Reinhardt's birth....
inserito il 30/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2832
Rosenberg Trio feat. Birèli Lagréne - "Artillerie Lourde" Live @ Pescara Jazz 2010 (HD video)
The Rosenberg Trio with Birèli Lagréne @ Pescara Jazz 2010 celebrating the 100th anniversary of Django Reinhardt's birth....
inserito il 30/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3375
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 2810
Miles Davis Time After Time Montreux 1988 - Google Chrome.flv
Miles......
inserito il 05/11/2010  da BlackMax58 - visualizzazioni: 2952
Paolo Angeli plays "Desired Constellation" song by BJORK
Paolo Angeli (Prepared Sardinian Guitar - live, no over dub, no loop) plays "Desired Constellation" song by BJORK.Check it on Paolo Angeli-N...
inserito il 11/08/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 3066
Paolo Angeli - Ritagli di Tempo
Paolo Angeli (Prepared Sardinian Guitar - live, no over dub, no loops) plays "Ritagli di Tempo" Order Paolo Angeli-Nanni Angeli "TIBI&q...
inserito il 11/08/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 3061
The Rosenberg Trio - Nuages-Hungaria
...
inserito il 03/08/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2629
Stochelo Rosenberg & Salvatore Russo Trio "Djangology" Fiuggi International Guitar Festival
...
inserito il 29/07/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2499
Samois 2010. The Rosenberg Trio with Bireli Lagrene - Double Jeu
...
inserito il 07/07/2010  da Tollundmand - visualizzazioni: 2246
Rosenberg Trio, Didier Lockwood : Sweet Georgia Brown
...
inserito il 05/07/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2341
Rosenberg Trio, Bréli, James Carter : SPAIN
...
inserito il 29/06/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 3112
Rosenberg Trio, Biréli Double Jeu
...
inserito il 28/06/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2592
The Rosenberg Trio "Umbria Jazz Winter 2009-2010"
...
inserito il 10/05/2010  da MrCalpont - visualizzazioni: 2447
Herbie Hancock solo piano
Herbie Hancock solo piano...
inserito il 02/05/2010  da solosolos2010 - visualizzazioni: 2772
Rosenberg Trio : Saint Louis BLues
...
inserito il 12/04/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2718
TIBI (Trailer)
Lines, wooden bodies, miniatures on the wheel, artisans. Tibi isthe soundtrack (played live without over-dub by Paolo Angeli andsurrounded in 5.1) of ...
inserito il 24/03/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 2725
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 2899
Tommy Emmanuel - Nuages
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2680
Frank Vignola - Tears
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2884
ROSENBERG TRIO "Melodie au Crepuscule" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 14/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2887
ROSENBERG TRIO "Flamingo - Daphne - Babik" (medley) Umbria Jazz Winter #17 Orvieto 2010
...
inserito il 10/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2710
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - Story Behind The Album
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2111
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 01. Tenderly
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1962
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 02. Clouds
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2051
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 03. How High The Moon
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2110
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 04 & 05 I've Got A - Young At...
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1885
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 06. Swing 39/Swing42
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2142
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 07. Sweet Dreams
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1975
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 08. Papermoon
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2027
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 09. Django's Castle
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2003
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 10. Swing 09
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2111
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 11. NatureBoy
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1958
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - Tommy About Frank Vignola
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2260
ROSENBERG TRIO "Viper's Dream" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 04/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2141
ROSENBERG TRIO "Strange Eyes" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 03/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2459
The Rosenberg Trio (100 anni dalla nascita di Django Reinhardt) @ Umbria Jazz Winter #17
...
inserito il 02/01/2010  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2591
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3595
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 2977
Rosenberg Trio - Double Jeu
...
inserito il 06/11/2009  da GuitarMasters1 - visualizzazioni: 2044
Tears, by Stochelo Rosenberg-Florin Nicolescu & Kristiansand Symphonic Orchestra ! (HD)
...
inserito il 31/10/2009  da chelojavier - visualizzazioni: 2406
Stochelo Rosenberg Gypsy Jazz Guitar Lesson DVD Excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2823
Rosenberg Trio - " For Sephora " Jazz Manouche Chord Voicing lesson DVD excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2595
Gypsy Waltzes Featuring Stochelo Rosenberg DVD preview
...
inserito il 22/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2184
Lester Young Centennial Celebration
This collection celebrates the mature Lester Young of the 1950s, a reminder of a time when he would blow into town for a week performing with a local ...
inserito il 03/10/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3052
Rosenberg Trio plays Double Jeu in Hungary
...
inserito il 29/09/2009  da Djangodr0m - visualizzazioni: 2577
McCoy Tyner Trio a Umbria Jazz 09
special guest Bill Frisell Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 19/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2365
Dave Douglas "Brass Ecstasy" a Umbria Jazz 09
Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 19/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2437
Ahamad Jamal a Umbria Jazz 09
Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 18/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2278
Fabrizio Bosso Live a B Side: "The Funk Phenomena" (Van Helden)
Archangel - Burial: http://www.deejay.it/dj/multimedia/dettaglio/type-V/idMedia-2684/-Archangel--...Rock It - Herbie Hancock: http://www.deejay.it/dj/...
inserito il 03/07/2009  da radiodeejay - visualizzazioni: 3018
Miles Davis - Heavy Metal
Miles Davis - Live in Germany (1988)Miles Davis - trumpet, keyboardsKenny Garrett - saxophone, fluteBobby Irving - keyboardsAdam Holzman - keyboardsBe...
inserito il 03/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 3175
Fabrizio Bosso Live a B Side: "Brown Paper Bag" (Roni Size)
Fabrizio Bosso improvvisa su "Brown Paper Bag" di Roni Size durante la diretta di B Side con Alessio Bertallot. Guarda tutti i live di Frabr...
inserito il 01/07/2009  da radiodeejay - visualizzazioni: 3158
Pat Metheny & Toninho Horta!! - At Pat Metheny's apartment in Rio de Janeiro!
Perdon por la baja calidad del video.Este es un video muy raro. Disfrutenlo!Una Pequeña introducción con la mejor musica y los mejores paisa...
inserito il 11/06/2009  da SynclavierMPDR - visualizzazioni: 3452
Joe Pass in Montreaux, 1975: Nuages
Il grande Joe Pass esegue "Nuages" di Django Reinhardt durante lo storico concerto del 1975 al Montreaux Jazz Festival....
inserito il 22/03/2009  da Wellesz - visualizzazioni: 2139
Larry Grenadier Stefano Bollani ed Enrico Rava New York Days Poggibonsi IGT 2009
Larry Grenadier e il suo contrabbasso capace di farmi pensare a Steve Harris parecchie volte e di riempire ogni singolo vuoto del fluire della musica...
inserito il 06/02/2009  da burde73 - visualizzazioni: 4204
Stefano Bollani ed Enrico Rava inizio concerto Poggibonsi 5 Febbraio 2009
Iil trombettista torinese presentare le musiche del suo ultimo progetto musicale Enrico Rava New York Days, il Cd inciso per la prestigiosa etichetta ...
inserito il 05/02/2009  da burde73 - visualizzazioni: 3774
Enrico Rava Live in Poggibonsi 5 Febbraio 2009
Enrico Rava è il musicista italiano che più di ogni altro ha vissuto da protagonista alcuni dei momenti fondamentali della storia del jazz; ...
inserito il 05/02/2009  da burde73 - visualizzazioni: 3707
Rosenberg Trio and friends - DFNW Finale
...
inserito il 02/02/2009  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2156
Romane-Stochelo Rosenberg - Gypsy Guitar Masters - Double Jeu
...
inserito il 14/01/2009  da ifharmony - visualizzazioni: 1959
Straight no chaser (Bireli Lagrene - Elvin Jones - joey DeFrancesco)
tema de Thelonious Monk...
inserito il 04/01/2009  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 2551
Stefano Bollani & Enrico Rava @ Umbria Jazz Winter 2008
Stefano Bollani & Enrico Rava @ Umbria Jazz Winter 2008...
inserito il 03/01/2009  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2386
Joe Locke Quartet @ Umbria Jazz Winter 2008
Joe Locke Quartet @ Umbria Jazz Winter 2008...
inserito il 02/01/2009  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2209
ARETHA AND GUESTS "ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ"
ARETHA AND GUESTS ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ....FEATURING HERBIE HANCOCK, RON CARTER, CLARK TERRY, ROY HAYNES, JAMES CARTER AND RUSSEL MAL...
inserito il 27/10/2008  da oneloveatatime - visualizzazioni: 3758
Sonny Rollins in Vienne
http://www.jazzvideoguy.tv presents a preview of the first DVD by the saxophone colossus, Sonny Rollins., , To buy this DVD:, http://www.amazon.com/gp...
inserito il 23/10/2008  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2882
Miles Davis in Concert ( Kenny Garrett solo )
Warsaw 1988...
inserito il 10/10/2008  da darominu - visualizzazioni: 3422
Miles Davis - In A Silent Way, New Blues LIVE STUTTGART ´88 [HQ]
Inicio del concierto Miles en Stuttgart '88....
inserito il 08/10/2008  da juandirecto - visualizzazioni: 3294
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 3054
Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River Live on Abbey Road
Download the mp3 of this performance: http://www.eezy.weebly.com, , Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River live on Abbey Road featuring Wayne S...
inserito il 10/08/2008  da eezlewax2 - visualizzazioni: 2951
Umbria Jazz Festival, Perugia, Italy: sound check w/ Baptiste Trotignon, Greg Hutchinson and Fabrizio Bosso
Perugia Italy, Umbria Jazz: sound check for Stefano Di Battista w/ B. Trotignon, G. Hutchinson & F. Bosso:Perugia, Italy July 2008...
inserito il 22/07/2008  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 3209
Intervista a Enrico Rava a Umbriajazz 2008
Intervista a Enrico Rava a Umbriajazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2241
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2997
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 2908
Heat Of The Day - Pat Metheny
Imaginary Day....
inserito il 06/07/2008  da lalobaqtas - visualizzazioni: 2963
Marcus Miller - So What (Live)
Marcus Miller performs live playing a Miles Davis classic, So What....
inserito il 28/06/2008  da tonchi2a - visualizzazioni: 3028
Stochelo Rosenberg finds a 1947 Selmer Guitar
...
inserito il 31/05/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 1921
Groovinators Umbria jazz 2006
Mother Tongue (Telesforo-Sidran-Peterson) Teatro Pavone di Perugia 13 luglio 2006, Gegè Telesforo vocal, Dario Deidda bass, Alfonso Deidda sax-ke...
inserito il 14/05/2008  da masaboba - visualizzazioni: 2683
Jazz istruzioni per l'uso paolo fresu
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 3734
Elvin Jones Trio - Night in Tunisia
Elvin Jones - drums Bireli Lagrene - Guitar Joey Defrancesco - Hammond organ Marciac Sweet 1999....
inserito il 02/05/2008  da ALEXEY0678 - visualizzazioni: 2972
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part B
1988 Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 30/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 3354
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part A
1988 Munchen Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 28/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 3414
1989 - Stan Getz & Manhattan Transfer
Stan Getz se joint au groupe Manhattan Transfer (Cheryl Bentyne, Janis Siegel, Allan Paul, Tim Hauser), sur Joy Spring (de Clifford Brown), , enregist...
inserito il 25/04/2008  da savelonp - visualizzazioni: 1982
Rosenberg Trio - Rose Room
...
inserito il 09/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2225
Enrico Rava
Enrico Rava torna a Umbria Jazz con un nuovo progetto che è anche un omaggio ad uno dei jazzmen più amati quanto sfortunati: Chet Baker, di ...
inserito il 08/04/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2386
Stochelo Rosenberg - Limehouse blues
...
inserito il 04/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2578
stochelo rosenberg
...
inserito il 17/03/2008  da harklu - visualizzazioni: 1854
Rosenberg Trio - Caravan (D. Elington)
...
inserito il 02/03/2008  da gutajazzsmederevo - visualizzazioni: 2435
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 2963
The Rosenberg Trio - "Les Yeux noirs"
...
inserito il 20/02/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2129
Django Reinhardt Clip 1945
Django plays his guitar....
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 1863
Stochelo Rosenberg - Improvisation
...
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 1845
Stochelo Rosenberg - For Sephora
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2005
Stochelo Rosenberg - J'attendrai
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2010
Trio Rosenberg - Nuages
...
inserito il 03/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2346
Herbie Hancock Quartet - Oleo (live)
Herbie Hancock Quartet Is:, Herbie Hancock - Piano, Branford Marsalis - Tenor Sax, Ron Carter - Bass, Tony Williams - Drums...
inserito il 25/01/2008  da LightningTrident - visualizzazioni: 3157
Bireli lagrene - donna lee - ( charlie parker)
bireli tocando en en jazz vienne festival, el tema de charlie parker donna lee, con gipsy project....
inserito il 16/01/2008  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 3152
Fee Fi Fo Fum - Wayne Shorter
...
inserito il 13/01/2008  da Lot2learn - visualizzazioni: 2627
Rosenberg Trio - Caravan
...
inserito il 12/01/2008  da guitarro5 - visualizzazioni: 2279
Bill Evans - "I Loves You Porgy" Solo - NYC 1969
...
inserito il 19/11/2007  da svsugvcarter - visualizzazioni: 3032
Fast Focus - Herbie Hancock 'River:The Joni Letters'
Herbie Hancock is one of the most influential American jazz pianists and composers of our time, a true icon of modern music. A musical visionary who c...
inserito il 29/10/2007  da fastfocustv - visualizzazioni: 2639
Stefano Bollani, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti a Genova
Mercoledì 24 ottobre il pianista Stefano Bollani si è esibito al Teatro Carlo Felice di Genova insieme al duo Petra Magoni (voce) e Ferrucci...
inserito il 25/10/2007  da mentelocale - visualizzazioni: 3267
Pat Metheny & Michael Brecker- Extradition
special quartet.jazz a vienne 2000...
inserito il 11/10/2007  da klaurent13 - visualizzazioni: 3018
ENRICO RAVA quartet al DALTROCANTO
Concerto dell' Enrico Rava Quartet con Stefano Bollani al pianofort, Ares Tavolazzi al basso e Mirco Mariani alla batteria. Sala Consiiglio Comunale S...
inserito il 15/09/2007  da pensatojo - visualizzazioni: 3252
What Makes Sonny Rollins Happy?
Playing the tenor saxophone. For all things Sonny, www.sonnyrollins.com...
inserito il 14/09/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2080
Herbie Hancock and VSOP Reunion - Eye of The Hurricane 1986
This video was up here a while back but seems to be gone now so here it is again. This seems like some kind of V.S.O.P. reunion with Joe Hen on sax in...
inserito il 26/08/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 3178
Rosenberg Trio, Bireli Lagrene, Escoude - Summertime
...
inserito il 14/08/2007  da Blhite - visualizzazioni: 2368
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 1
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3334
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 2
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3392
summerTime by stochelo Rosenberg
...
inserito il 28/07/2007  da syr14 - visualizzazioni: 2029
Joe Henderson & Herbie Hancock - Lush Life
June 18, 1993. From the 40th anniversary of the Newport Jazz Festival, held in a tent on the lawn of the White House....
inserito il 22/07/2007  da leoshephard - visualizzazioni: 3004
Ornette Coleman - Lonely Woman, at Umbria Jazz 07
Ornette Coleman performing Lonely Woman at the Umbria Jazz Festival in Perugia 2007...
inserito il 18/07/2007  da Rachelmillar0610 - visualizzazioni: 2781
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da Rachelmillar0610 - visualizzazioni: 3254
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 3191
chick corea jeff ballard avishai cohen live in spain
...
inserito il 05/07/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2544
dark eyes
...
inserito il 10/06/2007  da gypsymood - visualizzazioni: 2191
Rosenberg Trio Rio Ancho
...
inserito il 15/04/2007  da Helios2007 - visualizzazioni: 2086
Herbie Hancock - Chameleon
Herbie Hancock, Bill Evans (II), Darryl Jones - [1988] - Chameleon [Live in Montreux]...
inserito il 14/04/2007  da palanzana - visualizzazioni: 3260
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 3021
Marcus Miller - Scoop
Just a great video i got with Marcus Miller playing the tune Scoop. The great thing about it is that he playing it by himself, with no band. I love th...
inserito il 02/03/2007  da Messsiah25 - visualizzazioni: 2359
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3201
Sonny Rollins and Jim Hall (part 3)
Sonny Rollins and Jim Hall www.nuralema.splinder.com...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2564
Sonny Rollins and Jim Hall (part 1)
http://nuralema.splinder.com Sonny Rollins Tenor Jim Hall guitar Bob Cranshaw bass Ben Riley deums...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2774
Michael Brecker 1996 Interview - Practicing
Michael Brecker was interviewed by Bret Primack in 1996 about his then new release, Tales from the Hudson....
inserito il 27/01/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2805
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 2968
Sonny Rollins - Tenor Madness
Solo transcription for Tenor Madness and other great Rollins solos: http://www.sonnyrollins.com , , This performance from the Antibes Jazz Festival, 2...
inserito il 30/12/2006  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2550
[Swing 42] - THE ROSENBERG TRIO
...
inserito il 24/12/2006  da amazingbo - visualizzazioni: 2013
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 3139
Al di Meola Larry Coryell - Spain
Live Under The Sky 1986...
inserito il 20/12/2006  da 32emo42 - visualizzazioni: 2536
Herbie Hancock jams with his Fairlight CMI
Herbie shows off while Quincy Jones looks on. Taken from VHS recording of 1984 documentary "I love Quincy" http://ftvdb.bfi.org.uk/sift/titl...
inserito il 07/12/2006  da froady - visualizzazioni: 2696
Django Reinhardt in Den Haag
Jazz Concours 1937...
inserito il 06/12/2006  da Fouilly - visualizzazioni: 1885
Stan Getz - On Green Dolphin Street (1989)
...
inserito il 06/11/2006  da weirdcollector - visualizzazioni: 2908
Rosenberg, Lagrene, Escoude - Spain
Stochelo Rosenberg, Bireli Lagrene, and Christian Escoude playing Chick Corea's Spain....
inserito il 01/11/2006  da adrianzaga - visualizzazioni: 2260
Rosenberg Trio - For Sephora
...
inserito il 01/11/2006  da adrianzaga - visualizzazioni: 1943
Freddie Hubbard & Joe Henderson - Maiden Voyage
This is from the Mt. Fuji jazz fest - August, 1986... Also with Herbie Hancock, Ron Carter, and Tony Williams. Sorry it cuts off at 10 minutes, but th...
inserito il 15/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2575
Freddie Hubbard - Straight Life
This is from the 1975 Downbeat Awards... Chick Corea, keys; Stanley Clarke, bass; Lenny White, drums; Airto, percussion... Hot clip!...
inserito il 09/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2231
miles davis electric 73
calypso frelimo at newport...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 2917
herbie hancock cameleon live 1975
headhunters original 1975 soundstage san fransisco...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 2160
Rosenberg Trio - Rythme Futur
...
inserito il 08/10/2006  da adrianzaga - visualizzazioni: 1967
Stochelo Rosenberg Home in his trailer
...
inserito il 22/08/2006  da dirkthai - visualizzazioni: 1737
Miles Davis Quintet - 1967 - Footprints
The video is actually from a concert done on October 31, 1967 in Sweden. Miles and the band were in Europe, playing in a concert package dubbed "...
inserito il 18/08/2006  da edmarxxx - visualizzazioni: 2929
Frank Gambale Playing the song High 5.
...
inserito il 06/08/2006  da sweepfast - visualizzazioni: 2605
Herbie Hancock - Jazz Fusion Cantelope Island
An amazing rendition of canteloupe island....
inserito il 01/08/2006  da jesuschristopher - visualizzazioni: 2405
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 3029
BURN : Miles davis w/santana & Robben ford
Miles Davis Octet with Carlos SantanaAmnesty International's 25th Anniversary Benefit ConcertGiants Stadium, East Rutherford, NJJune 15, 1986...
inserito il 04/07/2006  da ricosantana - visualizzazioni: 2643
Rythme futur Stochelo Rosenberg
...
inserito il 27/06/2006  da zogluck - visualizzazioni: 1722
Miles davis et John Coltrane - So what
http://deepsound.net - Miles Davis and John Coltrane play one of the best renditions of SO WHAT ever captured on film-Live in 1958. Edit : in fact, wa...
inserito il 14/05/2006  da Deepsound - visualizzazioni: 3012
George Benson blues miles davis tribute
George Benson & mIles Davis...
inserito il 09/03/2006  da Bendrobert2005 - visualizzazioni: 3209
Stochelo Rosenberg & Biel Ballester Trio - Swing 48
...
inserito il 07/03/2006  da Graci - visualizzazioni: 2096
Billy Cobham, Herbie Hancock, and Ron Carter
Jazz performance. Billy Cobham - drums; Herbie Hancock - piano; Ron Carter - double bass...
inserito il 22/02/2006  da McYaballow - visualizzazioni: 2767
Cantelope Island
One Night With Blue Note - DVD...
inserito il 08/01/2006  da drummer123 - visualizzazioni: 3168


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 7.368 volte
Data pubblicazione: 09/07/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti