Jazzitalia - Live: Circus Jazz Quartet - Jazz Club Alessandria
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Circus Jazz Quartet
Jazz Club Alessandria

Hotel Ristorante Alli Due Buoi Rossi (Al)
giovedì 21 gennaio 2016 ore 21:00

Circus Jazz QuartetCircus Jazz QuartetCircus Jazz QuartetCircus Jazz QuartetCircus Jazz Quartet
click sulle foto per ingrandire

Massimo Tempia - hammond
Fabio Buonarota - tromba, flicorno
Walter Calafiore - sassofono contralto e soprano
Tommaso Bradascio - batteria

Riparte, dopo la pausa festiva, la seconda stagione di Red Note, rassegna concertistica organizzata dal Jazz Club di Alessandria insieme allo storico Hotel-Ristorante Alli Due Buoi Rossi. La prima data del 2016 è per il Circus Jazz Quartet, formazione di recente costituzione che allinea quattro solidi musicisti di diversa età ed esperienza: tutti di estrazione jazzistica con una front line (tromba-contralto) più giovane e una sezione ritmica hammond-batteria formata da due musicisti di solida esperienza.

Fin dal primo brano le coordinate musicali e i riferimenti storici del quartetto sono evidenti e scopertamente dichiarate: il jazz che ascolteremo sarà saldamente radicato (e grandemente debitore) della tradizione nera sviluppatasi tra gli anni '50 e ‘60. Il primo brano ostenta un classico tema hard-bop con forti inflessioni blues, un semplice tema riff, e lo scarto dinamico tra chorus e bridge. Altro tema-riff, semplice e piano con un solo all'hammond pertinente e sentito ricco di swing e blues feeling. Seguono soli spettacolari con fours in chiusa. Sephora è la delicata ballad a firma Lee Morgan resa con giusta soupless e concentrazione da Buonarota, qui al flicorno. Il bellissimo, forse ineseguibile, tema di Joy Spring, dovuto alla felicissima penna di Clifford Brown, è reso in maniera piuttosto letterale dai fiati; la pulsazione ritmica sottostante è invece totalmente ripensata con un ritmo funk-rock scandito alternato ad un raddoppio del 4/4 sui piatti così da far apparire il tema a tempo dimezzato. La rielaborazione, seppur arguta e divertente, nulla aggiunge alla bellezza del tema, anzi; ma quello che qui appare improbo è il confronto tra la tromba di Bonora e l'assolo storico di Brown. Forse anche schiacciato dal peso di tale modello, Bonora pare qui meno concentrato che altrove e si produce in un assolo dimenticabile. Bradascio, ricordandosi invece della lezione di Max Roach, ci regala un solo "anti-spettacolare" e di grande attenzione ai colori e alle dinamiche dei singoli elementi del drum-set. Ancora un tema hard-boppistico, swingante e a tempo rapido; un killer-diller che permette a Calafiore di confermare e le sue doti di solista consequenziale e coerente, dotato di un solido swing e con un bel suono, pastoso e rotondo all'alto. A suo totale agio anche Bonora e una menzione speciale all'hammond di Tempia che compensa pienamente l'assenza del contrabbasso, vero motore di un combo jazz, per prodursi poi in un bell'assolo swingante, divertito e divertente. Prima della chiusa i fiati rimangono soli a duettare, al rientro della ritmica la musica esplode dinamicamente con un effetto assai riuscito. A variare sapientemente il clima un'altra ballad per il flicorno di Bonora, ancora soul jazz e poi una versione dell'ellingtoniano Perdido giocata sull'alternanza tra una scansione del tempo con feel da rock e il classico 4/4 swing. Il pubblico, plaudente e divertio, richiede il classico Stardust prontamente eseguito dall'alto di Calafiore. Poi sugli accordi del gershwiniano I Got Rhythm, giro armonico conosciutissimo e particolarmente apprezzato tanto da essere abusato, Calafiore si produce in un solo swingante, infarcito di citazioni da altri brani secondo una prassi tipicamente boppistica. Ulteriore brano, questa volta un originale di Max Tempia, a chiudere una serata assai apprezzata dal pubblico presente.






Articoli correlati:
27/12/2015

Claudio Angeleri Quintet - Ellingtones: "Si sono apprezzate una notevole abilità di scrittura del leader, autore di temi estremamente variati e armonicamente ricchi..." (Andrea Gaggero)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 565 volte
Data pubblicazione: 21/02/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti