Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

George Cables Trio & Piero Odorici
Fiemme Ski Jazz
sabato 19 marzo 2005 - Cavalese, Palazzo dei Congressi
di Vito Mancino


George Cables - pianoforte
Piero Odorici - sax
Essiet Okon Essiet - contrabbasso
Victor Lewis - batteria

Il concerto del quartetto del pianista George Cables ha di fatto chiuso la bella edizione del Fiemme Ski Jazz 2005.

La formazione è composta dal trio di Cables (affiancato da Essiet Okon Essiet al basso e Victor Lewis alla batteria) più lo special guest Piero Odorici, soprano e tenor-sassofonista emiliano che meriterebbe, a mio parere, una maggiore considerazione all'interno del panorama jazzistico italiano.

Il quartetto inizia con Looking for the Light, dall'omonimo album del leader uscito per la Muse FX records.

Odorici e Essiet entrano subito nello spirito giusto offrendo al pubblico due solo di grande espressività mentre è sul brano a seguire che, metaforicamente, il leader fa il suo ingresso ufficiale nella serata sfoderando un solo prezioso supportato a dovere dalla sezione ritmica.

Su Ellin's Song, bella composizione dai sapori vagamente latin, tutti i solisti, Odorici in primis, si dilettano a rivisitare di tanto in tanto il tema all'interno del solo ottenendo un effetto di grande omogeneità sonora e coinvolgendo particolarmente il pubblico, ormai già conquistato.

Baggie Pants invece è un blues, in cui la coppia Essiet-Lewis mostra la solidità e la fluidità di una sezione ritmica che sa a memoria dove e quando andarci: il piano sguazza sulla ritmica e Odorici mostra i muscoli in un solo sanguigno.

Cables si fa apprezzare ulteriormente nella ballad a seguire, eseguita in trio, senza l'apporto del sax. La delicatezza del trio e soprattutto dell'espertissimo fraseggio del leader fa infatti da contraltare alla grande energia sprigionata nel blues prcedente.

A seguire Señorita de Aranjuez, un bellissimo brano dai sapori tangheggianti suonato con una sapiente attenzione alle dinamiche.

Il basso corposo articola un pattern in loop, la batteria lo supporta discretamente mentre il piano si occupa magistralmente d'impiantare l'armonia per lasciare a Odorici il compito di esporre il tema. Il quartetto cresce, il piano parte in un bellissimo solo in cui i due compagni non lo perdono mai per un istante…poi lo spazio va a Odorici che stupisce sempre più col suo soprano. Da un'apparente calma iniziale il pezzo è ormai già entrato in camera di combustione. Odorici è ispiratissimo e regala melodie memorabili per poi gradualmente riatterrare, dopo la tempesta, sul tema ritmicamente ordinato e scandito dai compagni.

Ma Odorici non si ferma. Sul brano successivo, Secret Love, suonato velocissimo e swingatissimo, il sassofonista naviga, è il caso di dirlo, sul tempo con grande disinvoltura costruendo frasi squisitamente articolate. Coinvolti dalla grande energia del tenore, Essiet e Lewis si esibiscono in una performance che trasuda adrenalina.

Poi la tensione cala e il palco viene lasciato al leader: Nostalgia In Times Square, un omaggio a Bill Evans e poi, chiamato a gran voce, il pianista si rivolge a Monk con 'Round Midnight seguito da In Walked Bud.

È stato un concerto molto bello, il pubblico ha chiesto in modo sostenuto i due bis (un po' tiranneggiati dal leader che ha lasciato gli altri componenti dietro le quinte).

Superlativa la prova di Odorici, bel talento made in Italy.







Articoli correlati:
07/04/2013

Cedar Walton presents Piero Odorici (Piero Odorici with Cedar Walton Trio)- Gianni Montano

07/04/2013

Believe (The Cookers)- Roberto Biasco

27/01/2013

Mattia Cigalini in duo con Andrea Pozza e il "Pepper Legacy" di Gaspare Pasini: La "musica verace e libera da schemi" del duo Cigalini-Pozza e i "fraseggi coloriti e sanguigni" nel triputo ad Art Pepper del sassofonista Gaspare Pasini. (Francesco Favano)

01/12/2012

Intervista a Gaspare Pasini: In occasione del debutto del progetto Pepper Legacy, dedicato alla musica di Art Pepper: "...fa conoscere pezzi di cuore stomaco e cervello sparsi senza riserve sul grande pentagramma che sta nel cielo di ognuno di noi." (Marco Losavio)

11/09/2011

Nevertheless (Valerio della Fonte)- Enzo Fugaldi

31/07/2011

George Cables e Massimo Faraò "Two pianos" plus guest ad Isola Jazz 2011: "E' un vero piacere in luglio constatare come il jazz riesca a movimentare un piccolo comune come Isola del Cantone, ai margini della provincia di Genova e ai confini con Alessandria, che per una settimana si trasforma in un "village" per studenti, operatori e docenti..." (Gianni Montano)

24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

31/05/2009

Intervista a Ray Mantilla: "In America abbiamo davvero un grosso problema con l'economia. E per chi suona jazz è anche peggio. Per il tipico musicista di jazz le cose vanno male oggi...Ce ne sono tantissimi che non trovano lavoro e ingaggi in America. E gli americani sono spaventati. Ma ora, grazie a Dio! E' arrivato Obama. Ora che Obama è presidente le cose andranno sicuramente meglio. La gente poi lo ama davvero, almeno tanto quanto ultimamente odiava Bush." (Franco Bergoglio)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

17/07/2007

Fiemme Ski Jazz Festival 2007: "I diversi appuntamenti sanno diversificarsi profondamente creando così un programma che accoglie realtà molto diverse, legate però da uno stile e da una capacità organizzativa notevole, precisa, ordinata e profondamente bella..." (Alessandro Armando)

26/01/2007

Bravo Jazz 2006, Dedicato ad Alberto Alberti: "Quella di Alberto Alberti è stata una delle presenze più significative per la musica afroamericana in Italia; egli ha saputo promuovere e diffondere l'amore per il Jazz in tutto il paese, creando momenti di incontro per gli artisti e ideando manifestazioni un po' ovunque e Umbria Jazz ne è uno splendido esempio..." (Pierluigi Vicini)

29/10/2006

Intervista a Claudio Filippini: "Sono un grande amante del repertorio contemporaneo, quello che va da fine ‘800 in poi, come ad esempio Ravel e Debussy. Poi ovviamente tutta la storia del jazz ha fatto il resto, ma non vorrei tralasciare che sono un fanatico del rock inglese!" (Alberto Francavilla)

14/05/2006

George Cables Trio: "Ancora una volta Cables ha sorpreso tutti con il suo pianismo delicato, brani melodici quasi cantabili, fatto di piccole sfumature..." (Bruno Gianquintieri)

03/09/2005

Parkeriana: Tre sax alto, sezione ritmica di gran pregio: l'Associazione Bollate Jazz Meeting ha organizzato un concerto in omaggio alla musica di Charlie Parker (Patrizio Gianquintieri).

11/08/2005

George Cables a Bollate: "...E' quel genere di persona che sprigiona magnetismo dal quale non si riesce a divincolarsi: devi stare lì e basta!" (P. Gianquintieri)

14/05/2005

Lewis Nash Quartet al Fiemme Ski 2005: "...grande maestria di Nash, sempre capace di una "formula" d'accompagnamento vincente: mai invadente, sempre in simbiotico ascolto del solista..." (Vito Mancino)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 5.595 volte
Data pubblicazione: 14/05/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti