Jazzitalia - Live: Rumori Mediterranei - XL Edizione
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rumori Mediterranei
XL Edizione
Roccella Ionica -  21-30 agosto 2020
di Vincenzo Fugaldi

Roccella Ionica - Giovanni Tommaso GroupRoccella Ionica - Giovanni TommasoRoccella Ionica - Giovanni MaierRoccella Ionica - Giancarlo SchiaffiniRoccella Ionica - Giancarlo SchiaffiniRoccella Ionica - Gabriele Coen
Roccella Ionica - Franco ArminioRoccella Ionica - Francesco Cafiso - Mauro Schiavone - Pino NinfaRoccella Ionica - Francesco CafisoRoccella Ionica - Francesco CafisoRoccella Ionica - Flavio BoltroRoccella Ionica - Famoudou Don MoyeRoccella Ionica - Dudù Kouate
Roccella Ionica - Don Moye - Dudù KouateRoccella Ionica - Donato ZoppoRoccella Ionica - Claudio CojanizRoccella Ionica - Claudio CojanizRoccella Ionica - Claudio CojanizRoccella Ionica - Cinzia TedescoRoccella Ionica - Carmelo Graceffa
Roccella Ionica - Boltro QuartettoRoccella Ionica - Antonio FaraòRoccella Ionica - Ameen SaleemRoccella Ionica - Abel SelaocoeRoccella Ionica - Abel SelaocoeRoccella Ionica - Tony Esposito GroupRoccella Ionica - Tony Esposito
Roccella Ionica - Stefano AmatoRoccella Ionica - Simon SiegerRoccella Ionica - Sephardic TingeRoccella Ionica - Seamus Blake QuartetRoccella Ionica - Seamus BlakeRoccella Ionica - Pietro Tonolo
Roccella Ionica - Odyssey % 26 Legacy QuintetRoccella Ionica - Odyssey % 26 Legacy QuintetRoccella Ionica - Mirko OnofrioRoccella Ionica - Max IonataRoccella Ionica - Luigi Di NunzioRoccella Ionica - Luca Aquino
click sulle foto per ingrandire

Con un gioco di parole che ruotava intorno alla coincidenza tra "XL" e "extralarge", il Direttore Artistico Vincenzo Staiano ha voluto marcare l'edizione 2020 del festival calabrese, distinta dal motto "Back to life – Back to live". La disponibilità di ampi spazi all'aperto per spettacoli, a cominciare dal tradizionale Teatro al Castello di Roccella Ionica, per proseguire con la Corte del Palazzo Munipale di Locri, gli Scavi dell'antica Kaulon a Monasterace e il Teatro greco-romano di Marina di Gioiosa Ionica, ha garantito la possibilità di tenere eventi per una grande quantità di spettatori, debitamente distanziati per ragioni di sicurezza.

Questo resoconto riguarda solo i principali eventi del lungo festival, in particolare quelli che hanno avuto una rilevanza di carattere jazzistico.

Il concerto che ha maggiormente valorizzato l'edizione è stato quello del gruppo Odyssey & Legacy Quintet di Famoudou Don Moye. Il mitico componente dell'Art Ensemble of Chicago era per la terza volta a Roccella, come lui stesso ha ricordato in un buon italiano (ha vissuto in Italia per alcuni anni). Una formazione nuova e inedita: Dudù Kouate (flauto, percussioni), Simon Sieger (pianoforte, tastiere, trombone), Darryl Hall (basso elettrico e contrabbasso), Abel Selaocoe (voce e violoncello). il trentaduenne marsigliese polistrumentista Sieger riveste un ruolo importante, di primo piano, nel gruppo, sia al pianoforte che al trombone. Preceduto da quattro prologhi percussionistici, il concerto ha presentato un'immagine dell'Africa filtrata attraverso quella peculiare sensibilità afroamericana che i chicagoani hanno rappresentato sin dai tardi anni Sessanta del Novecento. Un quintetto di recentissima costituzione, che probabilmente inciderà a breve e che ha mostrato come Don Moye sia anche uno scopritore di talenti: oltre a Sieger il ventottenne vocalist e violoncellista sudafricano Selaocoe è infatti tra le più interessanti figure musicali apparse negli ultimi anni, e vanta un timbro vocale e un approccio strumentale travolgenti. Insieme al forte sostegno di Hall, alla ben nota fantasia percussiva di Kouate e alle percussioni e alla batteria del leader, i diversi brani si sono succeduti con una varietà sorprendente, tra atmosfere in stile Art Ensemble, grande spazio alle percussioni, momenti di swing traboccante, l'utilizzo delle voci, con un entusiasmo e una passione potenti e contagiosi. La conclusione dell'indimenticabile concerto è stata affidata alle note del canto corale finale, un gospel antico, ancestrale.

Il sassofonista romano Gabriele Coen è tornato al festival con una proposta inedita denominata "Sephardic Tinge". Oltre al leader al tenore, soprano e clarinetto, Gianluca Massetti al pianoforte, Marco Loddo al contrabbasso, Arnaldo Vacca alle percussioni e ospite all'oud e alla voce Ziad Trabelsi, noto componente dell'Orchestra di Piazza Vittorio. L'ensemble ha ripercorso il viaggio degli ebrei sefarditi, riproponendo grazie alla presenza dell'oud l'originale commistione tra le musiche ebraico-spagnole e quelle arabe della tradizione andalusa. Una musica popolare nel senso più vero e nobile della parola, melodicamente ricca e pregnante, eseguita come meglio non si potrebbe. Un itinerario musicale avvincente che partiva dalla Spagna per approdare a Sarajevo, passando dalle cantigas de novia, dalla Turchia, Salonicco, Venezia, in un continuo confronto e scambio con le musiche dei paesi via via attraversati dai sefarditi cacciati dalla Spagna dai re cattolici. Il gruppo ha suonato anche due belle composizioni originali, Al-Andalus di Coen, e una cantata di Trabelsi, Nadhra.



La collaborazione tra il pianista Claudio Cojaniz e il trombonista Giancarlo Schiaffini risale a vari decenni addietro. Al Teatro greco-romano di Marina di Gioiosa hanno suonato insieme a Giovanni Maier al contrabbasso e Carmelo Graceffa alla batteria. Il tema era "War Orphans – ‘Round Ornette", e risale a un disco in duo pubblicato dall'etichetta Caligola Records, dedicato alle musiche di Ornette Coleman. Sono stati eseguiti quattro brani di Coleman, in un'atmosfera partecipata e suggestiva. Un intenso assolo di contrabbasso ha introdotto al meglio le dolenti atmosfere di Lonely Woman, condotte dal quartetto con creativa immedesimazione, con il sostegno di un Maier opportunamente hadeniano, mentre Cojaniz, pur non agevolato dalla mancanza di un pianoforte sostituito da una tastiera, si è immerso nel clima del brano da par suo. Ma dal secondo brano, introdotto dalla vivace batteria di Graceffa, Latin Genetics (dal disco «In All Languages») il quartetto, dopo l'esposizione del festoso tema, ha via via condotto la musica verso territori vicini alla musica africana, una delle grandi passioni del leader. Su tutto svettava un magistrale blues feeling, alimentato dai puntuali interventi di Schiaffini, con e senza le sordine. Un ritorno ad atmosfere intense e dolenti con il pacato, bellissimo War Orphans, (inciso dalla Liberation Music Orchestra sul suo primo disco), introdotto dai suoni multifonici del trombone, e la conclusione del concerto con il trascinante blues Jump Street, dal disco «Of Human Feelings» della Prime Time Band.

Dopo diversi decenni Tony Esposito è tornato a Roccella con una produzione originale in prima assoluta che lo ha visto insieme al fido tastierista Lino Pariota e a una formazione jazzistica (Ameen Saleem, basso elettrico e contrabbasso; Luigi Di Nunzio, sax alto e soprano; Antonio Faraò, pianoforte). Esposito ha all'attivo una lunga sequenza di collaborazioni con i principali cantautori italiani, ma anche con grandi musicisti e jazzisti internazionali. L'incontro con Antonio Faraò, uno dei pianisti jazz italiani più noti all'estero, a Roccella ormai di casa (il direttore artistico Staiano ha giustamente ricordato il suo splendido concerto dell'anno passato con Dave Liebman, Bruce Ditmas, Saleem e il cinese Guo Gan) è riuscito perfettamente, non limitandosi al recupero di vecchie composizioni del leader, ma anche alla proposta di brani dello stesso Faraò e al classico Footprints di Wayne Shorter, con Saleem al contrabbasso, e all'omaggio all'amico Pino Daniele, del quale hanno eseguito A me me piace ‘o blues e Napule è affidati alla voce di Pariota. La presenza del pianista, protagonista di formidabili assolo, ha aggiunto un grande valore jazzistico al progetto, ma bisogna assolutamente citare anche l'ottimo apporto del giovane sassofonista napoletano Luigi Di Nunzio che, pur ancora giovane essendo nato nel 1991, ha già alle spalle anni di pregevole attività, avendo iniziato a calcare le scene sin da bambino, e ha dato ampia prova del suo talento.
 
Uno dei principali momenti in cui l'Europa ha reso omaggio al rock si è realizzato nell'isola inglese di Wight, che ospitò dal 1968 al 1970 un festival che ha segnato la storia delle controculture giovanili Novecento. L'ultima edizione è stata immortalata nel documentario «Message to Love», e proprio questo titolo è stato prescelto dal giornalista Donato Zoppo per una produzione originale che ha visto la luce per la prima volta a Roccella. Un quintetto rock denominato Working Band, la voce narrante di Zoppo, e l'entusiasmo dell'ospite Luca Aquino alla tromba, aggancio jazzistico del progetto, hanno ricordato, con il commento di immagini proiettate, l'evento determinante che vide il passaggio dal rock sanguigno degli anni Sessanta a quello dei Settanta, che avrebbe contenuto nuovi fermenti grazie anche all'avvento del progressive. Un rock agguerrito e determinato, condotto con determinazione dalla band, che ha lasciato ampio spazio a un Aquino tecnicamente travolgente, spaziando da brani hendrixiani ai Doors, Moody Blues, Miles Davis, Sly & The Family Stone.

All'interno dell'ampia Corte del Palazzo Municipale di Locri, gremita di pubblico per quanto possibile garantendo il distanziamento, "Verdi e Mister Puccini in Jazz", con il sestetto di Cinzia Tedesco. Protagonista di due dischi dedicati ai maestri dell'opera lirica («Verdi's Mood» e «Mister Puccini in Jazz», entrambi per Sony), era accompagnata da Pino Jodice alle tastiere, Luca Pirozzi al contrabbasso, Max Ionata al sassofono, Giovanna Famulari al violoncello e Pietro Jodice alla batteria. Swingante e comunicativa, la cantante si è mossa sulle arie arrangiate in jazz con piena sicurezza. Da segnalare la presenza dei sassofoni tenore e soprano di Ionata, con assolo misurati e ben centrati.

Nel sito archeologico di Monasterace, il trombettista Flavio Boltro, accompagnato dagli ottimi Daniele Gorgone al piano elettrico, Paolo Benedettini al contrabbasso e Elio Coppola alla batteria. Un modern mainstream suonato con competenza e convinzione, con il torrenziale fraseggio del leader ben sostenuto dal trio, nel quale spiccava il ruolo del pianista. Tra belle composizioni di Boltro e di Joe Henderson, Herbie Hancock, ballad e tempi velocissimi, la serata ha riscosso tanti meritatissimi applausi. Bis sul trascinante tema del cartoon The Flinstones.

Prima del concerto di Don Moye, l'incontro, ottimamente riuscito, fra il trio del batterista napoletano Elio Coppola, con Andrea Rea al pianoforte e Daniele Sorrentino al contrabbasso, e il sax tenore Seamus Blake. Quasi cinquant'anni ben portati, nato in Inghilterra ma stabilitosi in Canada, Blake, una delle più belle voci di sax in circolazione, è sulla scena sin dal 1994, ed è notissimo in Italia per aver suonato in tour in molte occasioni. Un set concentrato, fatto di standard ellingtoniani e monkiani e di composizioni originali di Blake e dei componenti del trio eseguiti con stile ed eleganza, un hardbop classico in cui ciascun componente del gruppo ha mostrato le proprie doti, convincendo l'uditorio, tra brani mossi e delicate ballad.

E un incontro tra jazz e fotografia: Pino Ninfa, uno dei più noti e competenti fotografi italiani, per anni in passato fotografo ufficiale del festival, ha selezionato e suddiviso in capitoli raggruppati tematicamente alcuni dei suoi famosi scatti che in parte ripercorrono, in uno splendido bianco e nero, la gloriosa storia di Roccella Jazz, ricordando la miriade di artisti importanti che vi hanno suonato nel corso del tempo. Insieme alle foto legate al mondo del jazz anche altri capitoli, uno sulle bande, altri su un paese abbandonato della Calabria, sulla Settimana Santa in Sardegna e in Sicilia. A fornire il commento musicale alla proiezione, il duo tra il sassofonista Francesco Cafiso e il pianista Mauro Schiavone, formazione ben collaudata che ha suonato il proprio repertorio di brani originali, molti dei quali ben noti, con la consueta freschezza e comunicatività.
 
Giovanni Tommaso, tornato dopo tre anni, ha guidato un'orchestra di nove elementi (Enrico Zanisi, pianoforte; Luca Bulgarelli, contrabbasso; Enrico Morello, batteria; Andrea Molinari, chitarra; Claudio Corvini, tromba; Mario Corvini, trombone; Ricardo Nebbiosi, sax baritono; Paolo Recchia, sax alto; Pietro Tonolo, sax tenore e soprano) in un repertorio che univa a brani originali dello stesso Tommaso (My Strada, Giro-vagando), di Tonolo (il complesso Arnold likes the blues, Midnight), alcuni altri di Monk, Horace Silver e Ornette Coleman (Bemsha Swing, Nica's Dream, Chronology), il classico Yesterdays, con ottimi e curatissimi arrangiamenti dello stesso Tommaso, Tonolo e di Mario Corvini. Orchestra in gran spolvero, con spazi per begli assolo di tutti, tra i quali non si possono non citare almeno quelli di Zanisi e di Tonolo.







Articoli correlati:
10/10/2020

Torino Jazz Festival - Ottava Edizione: "...abbiamo costruito un cartellone indirizzato principalmente al jazz mainstream con qualche puntata borderline verso musiche "altre", o comunque fortemente ibridate." (Aldo Gianolio)

26/04/2020

Mister Puccini in Jazz (Cinzia Tedesco)- Gianni Montano

12/04/2020

As Time It Is (Vincenzo Cipriani)- Alceste Ayroldi

19/10/2019

Rumori mediterranei - XXXIV Edizione: "Il festival calabrese ha concluso quest'anno il suo terzo decennio con un nutrito programma con Uno sguardo rivolto verso l'Est e quello remoto, la Cina. Molte prime nazionali e produzioni originali del festival hanno caratterizzato l'edizione." (Vincenzo Fugaldi)

27/04/2019

Eklektik (Antonio Faraò)- Gianni Montano

23/09/2018

Orchestra Senza Confini (Orkester Brez Meja)- Gianni Montano

21/09/2017

Rumori Mediterranei XXXVII Edizione: "Lo storico festival del meridione italiano è arrivato alla XXXVII edizione, dopo alcuni anni di incertezze e di svolte, inaugurando un nuovo corso organizzativo." (Vincenzo Fugaldi)

18/07/2017

Verdi's Mood (Cinzia Tedesco)- Gianni Montano

12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

21/02/2016

Roccella Jazz Festival - II Edizione Jazzy Christmas: L'evento più importante del festival calabrese è stato il concerto del trio di Ches Smith con Mat Maneri e Craig Taborn...composizioni di intensa bellezza, complesse e articolate, che nelle mani di questo trio danno risultati eccelsi..." (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

09/02/2015

Inexistent (Luigi Di Nunzio)- Alceste Ayroldi

12/01/2015

Conversation With My Soul (Giovanni Tommaso Consonanti Quartet)- Alceste Ayroldi

28/09/2014

Hypermodern (Massimo De Mattia Quartet)- Gianni Montano

07/09/2014

Roccella Jazz Festival 2014 - 'El Yaz Y Paco': Dave Holland, Sofia Rei, l'Elvin Jones project di Chico Freeman, Iberjazz 4et e la Sun Ra Arkestra per un'edizione ridottissima e la prospettiva di una ripresa invernale. (Vincenzo Fugaldi)

24/08/2014

Anything your little heart says (Triosonic (Rabbia, Maier, Battaglia))- Alceste Ayroldi

15/04/2014

Two For Joyce (Keith Tippett - Giovanni Maier)- Gianni Montano

02/03/2014

Evan (Antonio Faraò American 4tet)- Alceste Ayroldi

13/01/2014

Antonio Faraò American Quartet: "Faraò è l'artefice di invenzioni armoniche e melodiche di pregevole eleganza, i suoi brani, caratterizzati da uno swing permeante, lasciano arguire una ricerca volta al contemporaneo senza mai perdere di vista una personalità e coerenza ben definita." (Viviana Falcioni)

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

31/03/2013

Zarja-tay (Saadet Turkoz - Giovanni Maier - Zlatko Kaucic)- Gianni Montano

17/03/2013

Remebering Butch Morris... : "Si adirava avendone motivo, su una nota fuori posto, su di un passaggio forse irregolare che nessuno, nemmeno i loro interpreti, riuscivano ad individuare concretamente, cercando di comprenderne il perchè." (Giammichele Taormina)

29/12/2012

I Separatisti Bassi (Mauro Ottolini)- Roberto Biasco

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

26/05/2012

IIIa Edizione di "Suoni Ritmi, Parole dal Mondo" e concerto di Riccardo Arrighini con la Filarmonica Sestrese (Gianni Montano e Andrea Gaggero)

01/05/2012

Where The West Begins: Voicing Ornette Coleman (Lisa Manosperti)- Gianni Montano

24/12/2011

Isis (Odwalla)- Gianni Montano

27/11/2011

Code Talkers (Massimo Barbiero & Giovanni Maier)- Gianni Montano

12/11/2011

Serravalle Jazz 20011: "...una kermesse ricca e gratuita. Nel numero consistente di appuntamenti organizzati non tutti sono stati all'altezza delle aspettative, ma la rassegna ha fornito un quadro abbastanza diversificato su quanto "gira" attualmente nel jazz o nei suoi dintorni." (G. Montano, A. Gaggero)

18/08/2011

Spettacolo!!! (Scie Chimiche)- Gianni Montano

05/12/2010

Paolo Fresu e Bojan Z: "La loro tavolozza di colori è essenziale...sono ben addentro all'arte del duo, una pratica che in campo jazzistico ha dato frutti innumerevoli e preziosi." (Vincenzo Fugaldi)

27/11/2010

Codice 5 (Giovanni Tommaso Apogeo) - Alceste Ayroldi

24/11/2010

30th Anniversary Concerts (Zlatko Kaucic) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

18/11/2010

Like a Bob Dylan (Cinzia Tedesco) - Fabrizio Ciccarelli

17/10/2010

I grandi pianisti Jazz: Un mini festival per celebrare il jazz pianistico. Di sicuro si è sentita bella musica, molto varia, essendosi avvicendati sul palco due nuovi giovanissimi talenti (Vincenzo Danise ed Enrico Zanisi) e due solidi jazzisti (Dave Kikoski e Antonio Farao'). Prima della musica un'ardita introduzione del critico d'arte Vittorio Sgarbi con un parallelismo tra il jazz e una certa arte figurativa contemporanea passando dal cubismo per arrivare alla "action painting". (Daniela Floris)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

05/09/2010

Intervista a Paolo Damiani direttore artistico del festival di Roccella Jonica: "Oggi è necessario immaginare nuovi sviluppi di linguaggi, che non si accontentino di celebrare la maestria tecnica ma piuttosto cerchino di inventare inedite ipotesi narrative. Musiche future capaci di rischiare e commuovere." (Vittorio Pio)

15/08/2010

Canzoni Preludi Notturni (Intra – Tommaso - Gatto) - Alceste Ayroldi

31/05/2010

Intervista a Jean-Luc Ponty: "Negli Stati Uniti, durante gli anni '70, è stato davvero entusiasmante, perchè c'era molta sperimentazione: era lo spirito del tempo. Avveniva nella società, con i movimenti per cambiarla, ed era lo stesso nell'arte e nella musica. Erano gli artisti a tracciare la strada, mentre oggi sono gli uomini d'affari a decidere ogni cosa. Tutti, nei programmi radio, i dj, le case discografiche, specialmente in America, erano veri appassionati di musica, molto spesso musicisti loro stessi, così noi eravamo totalmente liberi di esplorare, di sperimentare, e infatti le novità erano molto apprezzate..." (di Vincenzo Fugaldi)

22/11/2009

Woman's Perfume (Antonio Faraò)- Roberto Biasco

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

15/03/2009

Live at JazzBo 90 (Rava, Urbani, D'Andrea, Tommaso, Romano)

08/03/2009

Intervista a Piero Bassini: "Ci sono tutti i presupposti perché il jazz sia ancora una musica di protesta; e questo perché il mondo non è migliorato...Da un lato il jazz ha avuto il riconoscimento culturale che gli spettava, ma dall'altro continua ad essere una musica fondamentalmente libera, una musica che ha in sé, fin dalla sua nascita, la rivendicazione di un diritto di resistenza, anche oggi. Al di là della vicenda storica degli afro-americani, a cui il jazz è comunque legato, questa attitudine alla protesta sopravvive, nonostante tutti i riconoscimenti culturali e accademici che ha ricevuto." (Giuseppe Rubinetti)

15/02/2009

Suite 24 (Giacomo Mongelli)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "La formula sperimentata da alcuni anni è quella della full immersion di tre giorni in una vetrina delle ultime tendenze che vedono il jazz legarsi ed intrecciarsi in un meltin' pot tra tutti i generi musicali, con il risultato della creazione di importanti "fusioni", spesso estemporanee: un laboratorio continuo di contaminazioni, collaborazioni e jam session tra le più diverse componenti del jazz e della world music." (Viviana Maxia)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

30/10/2008

Panta Rei (Roberto Spadoni Nine )

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

18/08/2008

Stefano Di Battista - Fabrizio Bosso All Stars Jazz Band a Roma in occasione del concerto del 1° maggio 2008: "Contesto inusuale, circostanza imprevedibile, piazza insolita. Un tempo forse...perché per la prima volta nella storia del "concertone" del Primo Maggio 2008 di piazza San Giovanni, a esibirsi di fronte a centinaia di migliaia di presenti, è una All Stars Jazz Band da brivido..." (Nicola Guida per MMS)

22/06/2008

Downtown (Roberto Cecchetto)

08/01/2008

Giovanni Tommaso Apogeo Quintet al Jazz Club di Perugia: "Non ce ne vorrà Giovanni Tommaso se il "Giovanni Tommaso Apogeo Quintet", dal concerto della stagione del "Jazz d'inverno" di Perugia, lo chiameremo: "Apogeo"...semplicemente! Una magica alchimia musicale che ha saputo offrire una performance di rara forza ritmica e di ricercata raffinatezza espressiva." (Marcello Migliosi)

27/05/2007

Sguardo d'insieme ad alcune produzioni del catalogo di El Gallo Rojo Records

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

16/11/2006

Jazzsett 2006, Gianni Lenoci Duo, Antonio Faraò Trio, Mirko Signorile & Gaetano Partipilo Telepathy Duo: tre concerti con tre espressioni pianistiche differenti, l'improvvisazione totale di Lenoci, l'intenso "soulfull" di Faraò, la simbiosi "telepatica" di Signorile e Partipilo... (Lorenzo Carbonara)

23/04/2006

Intervista ad Antonio Faraò: "...è sempre importante conoscere e rispettare. Si può anche iniziare ad ascoltare e scoprire un pianista moderno, ma alla fine è fondamentale sapere quello che c'è stato prima..." (Rossella Del Grande)

21/01/2006

Intervista a John Patitucci: "...Secondo me, Jaco Pastorius ha dato un grosso contribuito come compositore. Era "normalmente grande" come musicista, ma ritengo che il suo modo di comporre fosse bello, la sua musica mi toccava, profondamente..." (Antonio Terzo)

25/10/2005

Pietro Tonolo al festival di Roccella Ionica. Le avverse condizioni meteorologiche non hanno compromesso la qualità della performance del quartetto anche se costretto in una location di fortuna. (Antonio Terzo)

23/10/2005

Venticinquesima edizione di "Rumori Mediterranei", il festival diretto da Paolo Damiani a Roccella Jonica che si caratterizza sempre più per riuscire a coniugare le musiche, le arti di popoli e culture diversi. (Enzo Fugaldi)

18/12/2004

Intervista a Cinzia Tedesco: "...Faccio jazz a tempo pieno da una decina d'anni, ma i primi tempi sono stati anni di studio, di confronto e di crescita con molti musicisti..." (M. Lombardi)

24/10/2004

Roccella Ionica 2004, XXIV Edizione di Romori Mediterranei. "Intitolata "Monsters" e dedicata a Steve Lacy. I mostri evocati dal festival calabrese erano tali nel senso dell'unicità, della stranezza, della prodigiosità, e hanno fatto la propria comparsa tra le pieghe dei ben 18 concerti tenutisi nei sette giorni di durata della manifestazione." (Enzo Fugaldi).

18/01/2004

Rite Time (Cinzia Tedesco Voice Project)

21/09/2003

XXIII Edizione di Rumori Mediterranei a Roccella Ionica: "...Perennemente in movimento, come in cerca di nuove identità, il Festival calabrese, alla sua 23a edizione, ha scelto di ampliare ulteriormente il dialogo fra il jazz, le altre musiche e le altre arti..." (Enzo Fugaldi)





Video:
Cinzia Tedesco - Intervista a Rainews 24
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 03/10/2012  da iodix - visualizzazioni: 2999
Cinzia Tedesco in Like Bob Dylan - Lay Lady Lay
Jazz Project dedicated to Bob Dylan. Produced by Giampiero Turco Family Force. On stage with Cinzia (voice & project art director): Stefano Sabati...
inserito il 29/03/2009  da CinziaTedesco - visualizzazioni: 3480
ROSCOE MITCHELL 4
Extrait N°4 concert Paris 2001.Art Ensemble of Chicago...
inserito il 30/04/2008  da Lautarogang - visualizzazioni: 2366


Inserisci un commento


© 2000 - 2020 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 520 volte
Data pubblicazione: 10/10/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti